IL COLUMNIST / MA IL NOSTRO PARMA NON MORIRA’ MAI

(Luca Russo) – Dall’Europa League alla scomparsa nel giro di un anno. Il calcio, talvolta, sa essere molto crudele: poco più di dodici mesi fa stavamo festeggiando un incredibile e inatteso ritorno in Europa; dodici mesi dopo siam qui a piangere per il decesso del Parma. Chi l’avrebbe mai detto o immaginato la sera del match contro il Livorno, che aveva riportato i Crociati nel calcio che conta. Ora come ora, se ne avessi la possibilità, mi scaglierei verbalmente contro gli individui che ci hanno fatto affondare e coloro che han dato il peggio di loro stessi affinché il malandato vascello gialloblù, tornato a galla a seguito del provvidenziale intervento dei comandanti Anedda e Guiotto, non arrivasse in porto. Ma sarebbe uno spreco di tempo e di rabbia, e specialmente al cospetto di gente che non merita né la mia rabbia né il mio tempo. E allora è meglio passare direttamente ai ringraziamenti.

Grazie a Corrado e in egual misura anche a Piazza, che fino alla fine han provato a tenerci in vita, checché ne dicano quelli che adesso, dopo il non felice esito delle trattative dirette, li considerano nemici. O, peggio ancora, pagliacci, perché, cito testualmente, “ci hanno illuso pur sapendo fin dall’inizio come stavano le cose”. Roba da mettersi le mani nei capelli. Che senso ha dare del pagliaccio a chi fino a qualche ora fa ha cercato di rimediare ai danni e di accollarsi i debiti generati da altri? Nessuno, è chiaro. Perché se il 22 giugno 2015 il Parma ha abbandonato, si spera solo temporaneamente, il calcio d’élite, la colpa è dei seguenti figuri: Ghirardi, Leonardi, Taci e Manenti, che il passivo lo hanno creato (i primi due) e poi lasciato crescere a dismisura (gli ultimi due); e di coloro che, non ottemperando ai loro doveri e non esercitando integralmente le proprie funzioni, o esercitandole con un certo lassismo, han permesso ai quattro ‘fenomeni’ di cui sopra di far del Parma esattamente quel che volevano. Di certo non di Corrado o Piazza che solo per un pelo non hanno ritenuto opportuno ed economicamente sostenibile montare in sella ad un cavallo impazzito e completamente fuori controllo (e, ripeto, allevato da altri). E questo concetto dovrebbero ficcarselo nella testa quelli che ancora adesso son convinti che i due mancati compratori abbiano speso il loro tempo, le loro risorse e i loro professionisti solo con lo scopo di prenderci per i fondelli (a che pro poi?). Allo stesso modo sarebbe utile che si capisse una volta e per tutte che mentre taluni facevano danni di proporzioni enormi, chi aveva il potere per porvi rimedio non ha mosso un solo dito, fosse anche solamente per denunciare certe anomalie. Insomma, se chi ci ha amministrato fino al fallimento ha scherzato col fuoco, scatenando un incendio di vaste dimensioni, i controllori non solo han fatto poco per estinguerlo o quantomeno per arginarlo, ma nemmeno si sono sforzati di chiamare i pompieri. Oggi si è chiuso un ciclo. Oggi siamo usciti sconfitti da una battaglia e pure dalla guerra. Oggi abbiamo perso il Parma. Pardon, questo Parma. Per la gioia di chi ha voluto farci terminare il campionato solo per evitare guai peggiori con Sky, Mediaset e via dicendo; di quelli che “son fallite squadre ben più blasonate del Parma, perché la società gialloblù non deve far la stessa fine?”; e di coloro che – Brescia e Cesena i primi due nomi che mi vengono in mente – han remato contro le scialuppe che avrebbero potuto offrirci un appiglio e regalarci una ciambella di salvataggio. Oggi è morto il Parma, e lo ripeto perché non mi sembra vero. È morto questo Parma, non il nostro Parma, che non morirà mai. Perché 101 anni di storia e i tanti trofei che abbiamo donato al calcio italiano non si cancellano con una mano di vernice. Se ne facciano un ragione i nostri invidiosi detrattori. Ripartiremo dalla D oppure dalla Lega Pro. Al momento non ci è dato saperlo. Ma lo faremo con la pancia piena, lusso che in Italia non possono permettersi nemmeno club molto più mediatici e ‘commerciali’ del nostro. Coppa UEFA, Coppa delle Coppe, Coppa Italia, Supercoppa italiana ed europea. Ci son mancati solo scudetto e Champions League. Forse dire pancia piena significa tenersi addirittura strettini, perché abbiam fatto indigestione di trionfi nazionali ed internazionali! Restano il rammarico per esser scesi a patti col diavolo (Tavecchio) senza averne ricavato nulla in cambio; la consapevolezza di aver sciupato la possibilità di far saltare il banco, per la verità già pericolante, della massima serie; e una certezza: chi oggi sta esultando alla scomparsa del Parma, dalla quale con ogni probabilità scaturirà un ripescaggio dopo l’altro, domani potrebbe ritrovarsi nelle medesime condizioni che han determinato la dipartita del Parma. E fare la stessa fine del Parma. A questi elementi dico solo un paio di cose: in caso di difficoltà, non venite a chiederci aiuto: non lo riceverete; e non venite a cercare sconti: non ve ne offriremo. Perché? Perché chi di Parma ferisce, di Parma perisce. Ritorneremo da dove ci hanno cacciati. Non subito, ma ritorneremo. E lo faremo più agguerriti di prima. Del resto, ciò che non ammazza, fortifica. Luca Russo

16 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / MA IL NOSTRO PARMA NON MORIRA’ MAI

  • 22 Giugno 2015 in 19:39
    Permalink

    NO UPI. Piazza o Corrado tutta la vita.

  • 22 Giugno 2015 in 19:49
    Permalink

    Spero che il trauma non sia mortale ed è’ evidente che adesso mi travesto da cinese e aspetto con un randello tutti coloro che passeranno annaspando lungo il fiume

  • 22 Giugno 2015 in 19:56
    Permalink

    concordo su tutto tranne su corrado e piazza…che personalmente dovevano abbandonare subito dop ola 5 asta e in quel momento lavorare fin da subito per la d..perché oggi la d sembra strano é difficile….il resto noi siamo IL PARMA….

  • 22 Giugno 2015 in 20:11
    Permalink

    Non riesco a trattenere le lacrime.. Vorrei che domani iniziasse il campionato.. Ma adesso siamo senza società, senza giocatori e senza un futuro.. Mi riesce difficile farmi un idea do quel che sarà..

  • 22 Giugno 2015 in 20:17
    Permalink

    Giusto tutto quello che dici e ancora grazie x averci provaro a Corrado e Piazza

  • 22 Giugno 2015 in 20:23
    Permalink

    va be che sei del sud e tifoso del parma,ma a me questa retorica nostalgica mi scorre addosso come la pioggia su un impermeabile,e che cavolo nel 68 eravamo in D nel 72 in B cosa sono 4 anni in confronto all’eternita’ del nostro amore ? (beccate sta retorica)

  • 22 Giugno 2015 in 20:32
    Permalink

    Il prossimo anno il Brescia fara` la nostra fine e io ridero` di gusto festeggiando una promozione.

    • 22 Giugno 2015 in 21:43
      Permalink

      Mi dispiace davvero per voi e sono triste a vedere ancora problemi tra le nostre tifoserie, anche noi a Brescia abbiamo pianto per la squadra del nostro cuore, da giugno 2014 a febbraio 2015 abbiamo convissuto ad un passo dai dilettanti.
      Comunque se ti può interessare il Brescia ha ora una società solidissima dopo 25 anni di dittatura famigliare.
      Spero le tifoserie si possano riavvicinare.
      Viva il calcio del campo, non dei tribunali

  • 22 Giugno 2015 in 21:01
    Permalink

    D’accordo su Piazza e Corrado. Io vorrei vedere uno dei detrattori se non avesse fatto come loro. Certo, il nostro Parma non morirà mai, sarà sempre nei nostri cuori un po come la nostra mamma che morta rimarrà sempre viva e presente in noi ma NON PIU’ FISICAMENTE purtroppo ma moralmente Ecco vorrei soffermarmi su questo, il nostro Parma è un cadavere. Non cerchiamo di farlo risorgere come fu fatto per Frankenstein. Il Tardini potremmo adibirlo a museo dove verrebbero esposti tutti i trofei vinti e poi in una sala verrebbero proiettati i trionfi italiani ed europei. Il campo potrebbe essere adibito a concerti un poco come l’Arena di Verona. Che senso ha far giocare elettricisti, falegnami e droghieri che oltre tutto dovrebbero allenarsi di sera perché durante la giornata lavorano.Ora vogliamo giustizia e vogliamo che paghino i colpevoli. Chiediamo troppo a questo cazzo di paese?

  • 22 Giugno 2015 in 21:26
    Permalink

    Velenoso, dovrebbero sequestrarti la tastiera. Per quante ne scrivi anche per sbaglio una sensata dovrebbe venirti fuori, e invece niente! Un pozzo inesauribile di cazzate senza senso!

    • 22 Giugno 2015 in 23:13
      Permalink

      Schiatta pure DECA, GUARDA CHE LA MIA è UNA PROVOCAZIONE od ‘è una provocazione il mio fantomatico comitato ma tu non ci sei arrivato, non è colpa tua. OVVIO che anch’io voglio che il Parma faccia la D MA POI SCOMMETTIAMO CHE INVECE DELLA D faremo la C PERCHÉ’ IN LEGA PRO ci sono ben 8 squadre che proprio non hanno soldi E LA LEGA DOPO IL CASO PARMA SI GUARDERÀ’ BENE DI FARE IL MEDESIMO ERRORE e d’iscrivere queste squadre al Campionato. Noi se andiamo in D E VENIAMO RIPESCATI IN SERIE C nel giro massimo di 3 anni siamo ancora in A CON UN PRESIDENTE CHE SON CERTO SARA’ L’OPPOSTO DI GHIRARDI, IL PEGGIOR PRESIDENTE MAI AVUTO PENSO NON SOLO NEL PARMA MA IN OGNI SQUADRA D’EUROPA E FORSE…………..DEL MONDO.

  • 22 Giugno 2015 in 21:27
    Permalink

    Per me il Parma è morto per sempre e non ne voglio altri. Mi basteranno i ricordi

  • 22 Giugno 2015 in 21:43
    Permalink

    grazie pietro

  • 22 Giugno 2015 in 23:49
    Permalink

    Il parma non è morto e non morirà mai

    Sempre forza parma

  • 23 Giugno 2015 in 15:47
    Permalink

    101 anni di storia?
    Quindi la parmense e il parma erano la stessa squadra?
    Che strano,e io che pensavo fossero due squadre diverse…..

    • 23 Giugno 2015 in 17:15
      Permalink

      Ma infatti. 101 anni di storia giusto nella fantasia.
      Poi oh, uno può inventarsi quello che gli pare, ma il Parma è stato sostituito da un’altra realtà calcistica nel ’68 – peraltro già fallita e rifondata 2 volte.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI