IL COLUMNIST / “PER SCHIANCHI I TIFOSI CROCIATI SONO SPECIALISTI AD ACCLAMARE RE CHI NON HA NEMMENO UN QUARTO DI NOBILTA’: LUI, PERO’ HA AVUTO GLI OCCHI FODERATI DI PROSCIUTTO…”

(Luca Russo) – Se si dice che “al peggio non c’è mai fine”, un motivo dovrà pur esserci. Dopo la scomparsa del Parma, un tifoso Crociato pensa di aver toccato il fondo sotto il profilo sportivo. Ed in effetti è così: per un fan non c’è niente di più brutto che veder svanire nel nulla la propria squadra del cuore. Però una volta giunti sul fondo, e cioè al peggio, si può sempre scavare. Ed è esattamente quello che ci sta accadendo in queste ore. Capiamoci: non siamo noi a scavare, c’è qualcun altro che lo sta facendo per ‘conto nostro’ e che ci sta rendendo questo momento ancor più triste e malinconico di quello che è. Di chi parlo? Semplice: di quei supporter avversari che adesso stanno dispensandoci la loro morale sebbene le squadre per cui tifano in passato non abbiano brillato per FullSizeRenderfair play e rispetto delle regole; e di un giornalista de La Gazzetta dello Sport, Andrea Schianchi, che questa mattina dalle colonne del quotidiano roseo ci ha accusati di non aver aperto gli occhi e apostrofati come “specialisti nell’acclamare re anche chi non ha nemmeno un quarto di nobiltà”, dopo che lui stesso, a proposito dell’impossibile caso della società gialloblù, è stato a lungo con gli occhi foderati di prosciutto e specialista delle incoronazioni incondizionate. Per la serie: non solo cornuti, ma pure e addirittura mazziati. E col rischio concreto FullSizeRender (3)di passare dalla parte delle vittime a quella dei carnefici. Calma. Che le condizioni economiche del Parma fossero tali da poter spalancargli innanzitutto le porte del fallimento e poi quelle dei Dilettanti, lo avevamo compreso molto tempo prima che il game over si materializzasse sotto forma di aste finite deserte e trattative dirette andate a farsi benedire, anche se una volta scesi a patti col diavolo (Tavecchio) avremmo dovuto come minimo ricavarne qualcosa in cambio. Che le responsabilità di questo epilogo non vadano addebitate sul conto di Corrado e Piazza, che fino alla fine han provato a metterci una pezza e a regalarci perlomeno un anno di cadetteria, ma di chi li ha preceduti, qualcuno lo ha capito, qualcun altro lo farà. Che si sia chiuso un ciclo durante il quale abbiam fatto indigestione di trofei nazionali e internazionali, a differenza di quanto combinato nello stesso periodo da altre e ben più blasonate società, pure. Ma ci son due cose che proprio non si possono mandar giù. FullSizeRender (5)Le prediche di quelli che fanno il tifo per squadre miracolosamente sopravvissute a Calciopoli (non parlo degli juventini), salite alla ribalta in barba alle regole o non finite in malora solo perché commercialmente e mediaticamente parlando troppo pesanti per uscire dai radar del calcio che conta (come se la legge fosse uguale non per tutti ma solo per gli altri, e FullSizeRender (7)specialmente se gli altri non sono loro). E quella del giornalista che non più tardi di tre anni e qualche mese fa teorizzava l’Ajax della via Emilia, evidentemente supponendo che i conti del Parma fossero sani come quelli dei lancieri, i quali peraltro proprio a cavallo tra il 2012 ed il 2013 chiusero il bilancio con un utile di 18,2 milioni di euro, diversamente da quanto fatto dai professionisti della gestione virtuosa (cit.) e di prospettiva (cit.). Insomma, ci siamo già rassegnati non senza patimenti alla D, ma non possiamo accettare lezioni da chi non ha alcun diritto di impartirne. Perché se al peggio non c’è mai fine, all’indecenza un limite lo si deve porre. Luca Russo

76 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / “PER SCHIANCHI I TIFOSI CROCIATI SONO SPECIALISTI AD ACCLAMARE RE CHI NON HA NEMMENO UN QUARTO DI NOBILTA’: LUI, PERO’ HA AVUTO GLI OCCHI FODERATI DI PROSCIUTTO…”

  • 23 Giugno 2015 in 19:13
    Permalink

    Mi son fatto due risate stamattina, poi era proprio il momento opportuno..
    Continuiamo a invitarlo

  • 23 Giugno 2015 in 19:22
    Permalink

    Schianchi è come il bue che da del cornuto all’asino.

  • 23 Giugno 2015 in 19:27
    Permalink

    Grande giornalista. …premio strega +premio Pulitzer…anche un invito agli Oscar a Los Angeles. …tutti si devono abbeverare alla sua simpatia e lungimiranza

  • 23 Giugno 2015 in 19:30
    Permalink

    Ma non era Schianchi che aveva detto che aveva visto i pagamenti fatti dal Parma e che era tutto sotto controllo.
    è propio un seguace della dottrina che suggerisce:” Fai sempre capire
    che sai molto di piu di quello che realmente sai,specialmente se non
    sai un cazzo.”

  • 23 Giugno 2015 in 19:35
    Permalink

    Schianchi ha fatto un articolo che neanche la gazzetta di Reggio avrebbe potuto. ***** Vergognati!

  • 23 Giugno 2015 in 20:05
    Permalink

    Schianchi si è rivelato in questi mesi un personaggio veramente insulso, nefasto, inconcludente. Un poveretto senza spina dorsale e solo con tanta supponenza. Evito ormai accuratamente di leggere ciò che scrive, ma purtroppo non posso non segnalare l’articolo di sabato scorso. Se a poche ore da una decisione delle due cordate esce sul più autorevole quotidiano sportivo nazionale un articolo nel quale si affossa ogni residua possibilità di acquisto, beh sicuramente gli acquirenti ci avranno pensato un pò di più. Non voglio dire che abbiano decisop in base a questo articolo, ma ciò che si scrive contribuisce a formare un ambiente favorevole o non favorevole. Vorrei inoltre ricordare che il nostro fenomeno, circa a metà gennaio, ha dedicato un paginone elegiaco al signor Taci che aveva denigrato fino a poche ore prima e che denigrerà di nuovo successivamente…

  • 23 Giugno 2015 in 20:14
    Permalink

    Si spera che con la D spariscano anche questi pseudogiornalisti.

  • 23 Giugno 2015 in 20:44
    Permalink

    Ben detto, Luca Russo! Di parmigiani boriosi e maestrini mancati come Schianchi ne faremmo volentieri a meno …

  • 23 Giugno 2015 in 21:45
    Permalink

    Schianchi simbolo del giornalismo Italiano. Continuate a comprare la rosa….

  • 23 Giugno 2015 in 21:47
    Permalink

    Se fallisce come giornalista avrà senz’altro grandi possibilità come politicante!
    Inascoltabile

  • 23 Giugno 2015 in 22:22
    Permalink

    Schianchi peggio di un giornalista della gazzetta di Reggio !

  • 23 Giugno 2015 in 22:48
    Permalink

    Caro majo ti stai ingozzando di tortelli! ..sotto l’acqua? Che la rozada ad san zvan porti un po di fortuna al parma!

  • 23 Giugno 2015 in 23:33
    Permalink

    Direttore ha letto l’intervista di Corrado?

    • 23 Giugno 2015 in 23:34
      Permalink

      Sì. E ho già detto che non mi incanta. Poi voi fatevi pure incantare, se vi fa piacere.

      • 23 Giugno 2015 in 23:45
        Permalink

        Io sono incantato e spero che Corrado si convinca a prenderci, tu invece ti sei fatto incantare dal grande progetto Fenice e speri che magari fra qualche anno ci porti in C (non subito perchè metter daccordo 12 teste ci vuole un po’ di tempo per carità), fa ti’.

        • 23 Giugno 2015 in 23:53
          Permalink

          Io non mi sono fatto incantare da niente, anche perché non è mia abitudine farmi incantare: limiti ed errori sono stati commessi anche dagli industriali (tra cui quello imperdonabile di farsi rappresentare da Orlandini). Ciò non toglie che a me diano fastidio le furbizie e le astuzie. Oltre alla fughe immotivate. Essendomi costruito un film (che magari non sarà neanche vero, ma mi sembra molto simile, per cui lo reputo la mia verità putativa, espressa con onestà) lo sviluppo dei fatti, inclusa questa candidatura, mi ha fatto capire tante cose. E di robe così se ne può fare volentieri a meno. Ricordo che già un articolo di Paolo Grossi sulla GdP di qualche giorno fa, prima del ritiro ufficiale, aveva anticipato l’imminente discesa in campo di Corrado anche per la D. Quindi, per quanto mi concerne, il mio gradimento non lo esprimo.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 24 Giugno 2015 in 00:01
            Permalink

            Majo alla fine si possono fare tutti i ragionamenti e le filosofie demitiane che si vogliono, ma ti trovi davanti due porte. Tra le due, da parte mia, la scelta è fatta, ossia quella che porta a Corrado o Piazza, al resto, se permetti, ci pensero’ dopo, adesso non voglio aprire la porta che conduce nella mani di 12 persone senza voglia o ambizione.

          • 24 Giugno 2015 in 00:33
            Permalink

            Che siano senza voglia o ambizione non hai elementi per poterlo sostenere, dal momento che non hai alcun programma davanti per poter giudicare. Mentre i signori Corrado e Piazza che si sono contesi il Parma in B senza prenderlo adesso vengono a farci perdere tempo anche per la D?

          • 24 Giugno 2015 in 00:21
            Permalink

            Una cordata che mette insieme nello stesso progetto piu personaggi importanti (invece di un solo rappresentante conosciuto, alias corrado o piazza) potrebbe dare maggiore garanzia di non cadere nelle mani d un ipotetico novello ghirardi….Questa è la mia maggiore preoccupazione! #GhirardiMAIpiu’!!!!!

          • 24 Giugno 2015 in 02:11
            Permalink

            Fughe immotivate: parliamone. Situazione debitoria certificata non corrispondente alla realtà, debiti con società estere stralciati ma con cause che erano pronte lì per essere fatte dagli avvocati di club e giocatori.. insomma immotivata non mi sembra affatto.

          • 24 Giugno 2015 in 07:51
            Permalink

            @Majo
            non era lei neutrale come la svizzera?
            Ora mi sembra schierato
            non era lei che apprezzava il ragionamento di Corrado?
            Proviamo a salvare il malato (B) e se muore solo allora gli facciamo il funerale il piu’ bello possibile (D)
            Non era lei che ha sempre detto che l’impresa Piazza o Corrado era veramente ardua e piena di insidie?
            percio il fatto che sia andata cosi era prevedibile.
            Allora x quale motivo uno nn puo’ prendere il parma in D?
            e’ forse un demerito aver provaro a salvarlo

            Non soni pro o contro a nessuo voglio solo il bene del parma ma partire col dire no al ripescaggio , nn facciamo il passo piu’ lungo della gamba e’ veramente una brutta partenza

            Il ripescaggio e’ un opportunita da la possibilita di ripartire subito con le giovanili di ambientarsi il LegaPro e tentare la B al secondo anno

          • 24 Giugno 2015 in 07:59
            Permalink

            Bene prendo atto delle sue argomentazioni. Io resto delle mie. E come ho già detto non intendo polemizzare oltre su questo argomento.
            Io ho sempre detto che sono neutrale come la svizzera. Però quando ho voglia di schierarmi lo faccio dichiarandolo.
            Cordialmente
            Gmajo

          • 24 Giugno 2015 in 11:25
            Permalink

            Se Lei Majo si è fatto questa idea probabilmente ha le sue ragioni, che sono molto attendibili in quanto lei è sicuramente più informato di tutti noi. Sicuramente sa cose che non può/vuole dire rispetto a come si è andata a concludere la tentata vendita e la sparizione del Parma. Quindi anche se non le esterna io mi fido di lei e credo che abbia ragione, visto che ha sempre usato la logica e l’intelligenza nei suoi ragionamenti. Corrado è scappato (e forse anche Piazza) capendo che poteva fare un affare a prendere il Parma in D, non è stato coerente con le sue parole date, ci ha fatto perdere tanto tempo e ci ha illuso per poi deluderci. Detto questo però, se ci fosse la possibilità che a lui venga affidata la nuova società io resterei comunque fiducioso, sicuramente peggio del gognino figlio di mamma non può essere. A me personalmente intriga più Piazza come potenziale proprietario per via del blasone che ha in America, e comunque anche nel mondo del Baseball, e dello sport in generale. Potrebbe non avere tutti quei soldi ma sarebbe comunque una grande pubblicità all’esterno, che non fa mai male

  • 23 Giugno 2015 in 23:39
    Permalink

    Probabilmente molti tifosi come me si sentono persi e provano ad attaccarsi a qualsiasi cosa….la pagina Facebook di Corrado con sullo sfondo la Juve che festeggia lo scudetto ha spento ogni mio entusiasmo sul nascere…vedremo,,,,

    • 24 Giugno 2015 in 00:04
      Permalink

      Filippo allora vai su quello di Mike Piazza https://www.facebook.com/mikepiazzaofficial?fref=ts oppure, se veramente ne fai una questione di profilo facebook, chiedi ai super12 quanti di loro tifano per qualche strisciata, cosi’ magari poi ti metti pure a piangere

    • 24 Giugno 2015 in 00:23
      Permalink

      Fi…chi, se è furbo…che comunicatore! Cerchi di pigliare il parma e hai una simile faccia tosta!? Ottima strategia la foto della juve! E corrado sarebbe uno che ama il parma? Mo lasema ster!!!

      • 24 Giugno 2015 in 01:09
        Permalink

        Si certo perchè secondo te l’armata dei 12 hanno tutti l’abbonamento del Parma. Ma sei sicuro di conoscere questi signori? Lo sai per chi tifano? Vai a San Siro in tribuna la domenica se vuoi incontrarne la metà.

        • 24 Giugno 2015 in 01:13
          Permalink

          Mentre i Corrado hanno appena vinto il premio fedeltà crociato erogato da Manfredini… Dailà…

      • 24 Giugno 2015 in 08:03
        Permalink

        Basta con queste cazzate
        ci sono molti presidenti proprietari che prima di prendere una societa’ di calcio tifavano e tifano ancora x un altra
        es. Sassuolo verona chievo vicenza spezia bologna sampdoria ecc
        lo stesso Piazza simpatizza x il Palermo

        E tutti i giocatori?????

        Non fatevi accecare da queste cose

        Guardiamo al Parma e a cosa sia meglio
        Qualcuno che investa che ha tante disponibilita’ che ha passione che ha un progetto ben strutturato e tanta ambizione( che nn cuol dire vencere tutto ma fare bene x quello xhe e’ possib8le fare senza porsi limiti)
        E poco importa x chi fa il tifo sicuramente quando prendi una squadra quella diventa la tua prima fede
        fidati

          • 24 Giugno 2015 in 08:58
            Permalink

            Io nn ho detto questo nn so quali siano le disponibilita di uno o dell altro .

        • 24 Giugno 2015 in 11:14
          Permalink

          Rispondo sia a te che a Mak: ho detto che se vuoi prendere il parma (che è appena morto), eviti di avere la foto della juve su facebook…questione di comunicazione ma soprattutto di rispetto,che non ha avuto…poteva metterne qualsiasi altra ma non quella! Se ami una squadra appena defunta non ti viene neanche in mente una roba cosi,anche x riguardo nei confronti dei tifosi. Nessuno gli vieta o li addita se tifano juve ma c’è modo e modo di palesarlo! E questo non è il modo né ik tempo! !!
          Daila’ Corrado non ha ancora preso il parma e non ha ancora dimostrato nulla e già vi ci attaccate amorevolmente come con ghirardi a suo tempo!
          E se x caso alla fine decidesse di non prendere il parma?addosso tutti a Corrado naturalmente…gobbo schifoso ecc!

  • 23 Giugno 2015 in 23:56
    Permalink

    Direttore, ma secondo lei per la D si va a uno scontro a due tra Buongiorno/pizzarotti/barilla vs Corrado&C.?

      • 24 Giugno 2015 in 00:12
        Permalink

        Dal momento che attorno ai Crociati pare stia per scatenarsi un interesse senza precedenti (segno che la nostra è una squadra che tira ancora molto) Il rischio di ritrovarsi con due (o più) Parma distinti in D, uno per cordata, è da prendere in considerazione?

        • 24 Giugno 2015 in 00:27
          Permalink

          Non penso. Più facile nessuna, a furia di farsi guerre e tiri incrociati

      • 24 Giugno 2015 in 09:56
        Permalink

        Bravo… Il volpone di cui parlava Boni e’ un gran giocatore

  • 24 Giugno 2015 in 00:05
    Permalink

    E Zanetti…..

  • 24 Giugno 2015 in 00:09
    Permalink

    Sig. Giuseppe Corrado da Stadio Tardini del 30.05.2015….. Meditate gente meditate e soprattutto svegliatevi:

    Non ci può dire neppure se c’è qualche industriale del territorio, magari qualcuno di quelli che erano stati coinvolti nel progetto per la rinascita dalla serie D?
    “Se c’erano degli industriali interessati alla serie D, direi che apparentemente non amano troppo il Parma! Un industriale con la I maiuscola non può essere interessato alla serie D, ma alla serie A, semmai. Non so chi fossero questi industriali che pensavano alla serie D come Domodossola, ma non si può essere interessati alla serie D, ma semmai costretti alla serie D, Non farebbe onore a un industriale di Parma, che vive e che opera a Parma, pensare alla serie D: un conto se ci si è costretti se non ci sono altre soluzioni, ma per me un industriale di Parma non può che essere interessato al Parma al più alto livello possibile, che adesso è la serie B come Bologna! Se no è solo una speculazione e gente che non ama il Parma e vuole approfittare di questa situazione”.

    • 24 Giugno 2015 in 01:12
      Permalink

      “ma semmai costretti alla serie D,”
      “un conto se ci si è costretti se non ci sono altre soluzioni”

      Tu pensi che gli industriali di Parma abbiano cercato altre soluzioni (e potevano cercarle con 4 mesi di anticipo rispetto a Corrado)? NO! NO! NO! Corrado invece SI! SI! SI! la capisci la differenza?

      • 24 Giugno 2015 in 08:16
        Permalink

        Giusto!

    • 24 Giugno 2015 in 07:48
      Permalink

      ipse dixit ,ma che se ne vada affanzum lui e i manager con la m minuscola,fenomeno !

      • 24 Giugno 2015 in 08:18
        Permalink

        @Assioma
        tu 6 forte che propini?
        Un discorso ligico mai?

        • 24 Giugno 2015 in 08:25
          Permalink

          difficile da capire eh ?

          siochett va a to pral cul to sorela

          • 24 Giugno 2015 in 08:59
            Permalink

            Uomo maturo che sa sostenere un confronto…..

          • 24 Giugno 2015 in 13:21
            Permalink

            vero,se mi dici che cazzo dovrei proporre io che e’ sei mesi che dico di smummiarsi …che la serie D mica ce la fanno fare per gloria acquisita che noi siamo il perma ve.
            poi se permetti a sentir parlare amcora col gobas ed merda li a conter di caneli ..lasema perdor se no a vag in galera

  • 24 Giugno 2015 in 00:33
    Permalink

    Ma Schianchi di calcio ne sa come mio zio trombetta. E vi meravigliate delle minchiate che scrive? LA COSA CHE MI FA RABBIA è COME MAI DUE TRASMISSIONI SPORTIVE COME BAR SPORT E CALCIO E CALCIO ABBIANO ASSUNTO PERSONE che di calcio ne sanno come mio nonne trombone. A calcio e calcio mettono un reggiano e a bar sport un nemico giurato del Parma , una civetta con la C maiuscola che DICE MINCHIATE IN MODO INDUSTRIALE Che differenza Majo tra lei e Schianchi. C’è la stessa differenza che c’è tra Rosy Bindi ( Schianchi) e Rosy Margiulli ( Majo )SCHIANCHI sarebbe bene che andasse in esilio per un paio d’anni in Siberia almeno si spera di la’, non romperebbe più le palle.

  • 24 Giugno 2015 in 00:40
    Permalink

    Ad ogni modo ora dico la mia. Prendere il Parma con quelle cause pendenti dei giocatori gallina e senza paracadute era follia pura ma ora azzerati i debiti, vista la storia, visto lo stadio di serie A che abbiamo,visto il bacino d’utenza e vista la correttezza dei tifosi e vista anche la possibilità di poter prendereil centro di Collecchio fiore all’occhiello dei vecchio Parma, ora PRENDERE IL PARMA E’ UN AFFARE anche perchè potremmo essere ripescati in Lega Pro e con un progetto serio si può arrivare alla serie A MOLTO PIù FACILMENTE DI QUELLO CHE SI CREDE MA CI VOGLIONO SOLDI DA “SEMINARE” PER POI AL MOMENTO BUONO FARE UN OTTIMO RACCOLTO. Piazza o Corrado pensateci, siete i benvenuti ma….fate presto. Di tempo ne avete già perso abbastanza e se non riusciamo nemmeno a iscriverci alla D, CON IL TEMPO CHE CI AVETE FATTO PERDERE e’ colpa vostra.

  • 24 Giugno 2015 in 02:36
    Permalink

    Bel pezzo Luca… Spesso in passato non ho condiviso i tuoi pensieri, ma stavolta concordo al 100%.
    Schianchi (oltre ad arrivare sistematicamente giorni dopo….) quando scrive sembra una bandierina in preda a un ciclone…
    E NON AGGIUNGO ALTRO!

  • 24 Giugno 2015 in 08:16
    Permalink

    Direttore ma chi è che decide chi prende il Parma?
    Credo ci dovrebbe essere una regia superiore se no si rischia che i vari soggetti si fanno “la guerra” uno con l’altro e alla fine non ci prende nessuno.

      • 24 Giugno 2015 in 08:27
        Permalink

        Aggiungo un commento, riprendendo un suo concetto esposto alcune righe sopra….oggi la GdP riporta in prima pagina che c’è una cordata TUTTA parmigiana pronta a ripartire dalla D con Pizzi allenatore e Scala presidente, senza che nessun rappresentante della cordata si sia mostrato ufficialmente, e non da risalto a Corrado, che a torto o ragione si è esposto in prima persona.
        MI vien da dire che siamo allo solite e che da Ghirardi non abbiamo imparato nulla

    • 24 Giugno 2015 in 09:00
      Permalink

      il sindaco in america in questo frangente che minchia ci sta a fare …..robe da chiodi….

  • 24 Giugno 2015 in 08:34
    Permalink

    Ho letto e spero che sia la solita c…..ta , che cè giá un progetto con Scala presidente e Pizzi allenatore. Ecco bene fino qui ci siamo, poi leggo : Sarà difficile che si giochi al Tardini per i costi insonsetenibili! Cosa!!!!! Cioè il Parma non gioca nel suo stadio !!! No ragazzi qui cè da scendere subito in piazza se succede una cosa del genere!!! Bisogna fare 5000 abbonamenti!!! Poi voglio vedere se ci mandano a Colorno!!!! Ma stiamo scherzando spero??? Pure questa non ci voleva!!! Direttore lei cosa pensa?

    • 24 Giugno 2015 in 09:10
      Permalink

      Che chi l’ha scritto ha composto una corbelleria terroristica.
      La cordata fenice ha come unico stadio l’ennio tardini di Parma.
      Cordiali saluti
      Gmajo

    • 24 Giugno 2015 in 10:12
      Permalink

      Basti pensare allo “stadio” di colorno per capire che quell articolo fosse quantomeno poco attendibile… Certo da parte della nuova società , sempre ammesso che faccia in tempo ad iscriversi, tenere aperto il nostro caro stadio sarà un atto di amore, fatto un rapido calcolo di costi approssimativi considerando il precedente affitto dello stadio e il costo per aprirlo, il noleggio annuale in serie a era ben oltre il milione di euro … Ora probabilmente ci sará una riduzione ma comunque sarà una bella voce nei costi a mio parere .

      • 24 Giugno 2015 in 12:07
        Permalink

        Continuando tengo a dire che sia un sacrificio doveroso da fare, il mio ragionamento invece è sull’effettiva resa del pubblico… Temo l’effetto stadio post apocalittico… Sarebbe meglio uno stadio più ridotto per spingere la squadra con gli effettivi tifosi presenti, pensiamo a quello che ha fatto lo juventus stadium per la juve ad esempio. Ma in ogni caso per il parma parliamo sempre di stadi da 5 10 mila posti, non certamente quello del colorno! Al massimo il 25 aprile di moletolo. Si potrebbe invece pensare in maniera molto più assennata (e qui è l’architetto che parla) a un provvisorio restyling del Tardini coprendo le tribune non utilizzate con materiali leggeri economici e facilmente removibili allo scopo di evitare la percezione dello stadio desertico che mette una tristezza infinita a tifosi e a giocatori.

  • 24 Giugno 2015 in 09:13
    Permalink

    Buongiorno direttore,

    sulla Gazzetta c’è scritto che il nuovo Parma giocherà a Colorno!

    Dopo giorni di lacrime non potevo che ridere……..( x non piangere di

    nuovo)………

    Saluti.

    • 24 Giugno 2015 in 12:47
      Permalink

      Non so con i Corrados, ma per le info dirette in mio possesso la Fenice ha compiuto tutti gli atti formali propedeutici all’ utilizzo dello stadio tardini di parma, unico impianto valutato.
      Colorno? Non ho idea da dove venga fuori questa balzana ipotesi. E non credo sia perché ne fa parte Gandolfi di errea
      Cordialmente
      Gmajo

  • 24 Giugno 2015 in 09:22
    Permalink

    Se aspettiamo i MILLEPIEDI siamo fregati.24 gambe non sono poche da sincronizzare e poi 12 teste da mettere d’accordo specialmente se queste teste sono vecchie, sono tante.Piazza o Corrado se volevate veramente acquistare il Parma in serie B accollandovi una montagna di debiti ora in serie D ma molto piu probabilmente in Lega Pro il Parma è un affare ma bisogna fare in fretta e non con la lentezza dei MILLEPIEDI che debbono prima fare la processionaria.Sveglia lumache

  • 24 Giugno 2015 in 10:31
    Permalink

    Ok… stamattina mi sono svegliata con la sensazione che avere diciamo la fenice..con scala, il tardini, Barilla (chi diceva noi non abbiamo delaurentis?!) mi dà un senso di familiarità, di continuità col mio parma.. e mi ha confortato.

  • 24 Giugno 2015 in 10:35
    Permalink

    Su Schianchi velo pietoso..facile atteggiarsi ora come quello che sapeva tutto ed i parmigiani tutti pirla perchè facevano il loro mestiere di tifosi..atteggiamenti che non tollero nemmeno tra gli amici, poichè col senno di poi son tutti bravi a parlare.

    Questione cordate D..io dico intanto che qualcuno intervenga, Corrado, Piazza, UPI o Batman che sia, che intervengano e poi vedremo come andranno le cose, se no sono cavoli. Schierarsi oggi è legittimo, ma facciamo quadrato perchè facciano ripartire il Parma..francamente per come siamo messi sputare su un piatto prima ancora di averci mangiato non mi sembra proprio costruttivo. Per cui, forza Parma e che ci prenda qualcuno serio innanzitutto nei progetti e nella moralità. Tutto quanto in più sarà grasso che cola, anche se con i ciccioni abbiamo già dato…

  • 24 Giugno 2015 in 10:43
    Permalink

    Il Parma gioca solo allo Stadio Ennio Tardini

    • 24 Giugno 2015 in 11:12
      Permalink

      Infatti. E fenice ha già fatto tutto per giocare li. Il resto sono balle

  • 24 Giugno 2015 in 11:45
    Permalink

    Direttore davvero non capisco perché lei non vuole assolutamente una candidatura di Corrado. Lei stesso ha sempre predicato equilibrio e provo a mantenerlo anch’io. Prendere il Parma in B con tutti quei punti di domanda era un rischio troppo grande per un imprenditore che fa a capo ad una serie di altre persone che avrebbero messo soldi. Corrado avrebbe probabilmente rischiato anche la propria credibilità se nei conti qualcosa fosse andato storto. Sostanzialmente mi ha dato l impressione di uno che ci ha provato ma che non abbia voluto fare il passo più lungo della gamba. Noi non stavamo cercando questo?

    • 24 Giugno 2015 in 12:03
      Permalink

      Io non sono per le scorciatoie. Magari mi sbaglio. Ma voglio esser libero di sbagliare nell’esprimere la mia opinione. Tanto mica decido io…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 24 Giugno 2015 in 12:15
    Permalink

    Corrado non lo considero poiche’ e’ un manager con la m maiuscola che gestisce soldi di societa’ con la s maiuscola
    infatti a parma non lo cerca nessuno.
    pensa un po che coi soldi della caparra faremmo una squadra che vince il campionato a mani basse secondo l’acuto articolista del quotidiano d’informazione fondato nel 1735

  • 24 Giugno 2015 in 14:48
    Permalink

    La fenice ha la possibilita di portarci in serie a in 5 o 6 anni?
    O molla tutto quanndo siamo in lega pro qui ci vogliono progetti seri gente preparata e onesta e tanti soldi da investire se mancano questi presupposti meglio corrado o piazza secondo me
    Il parma per ripartire deve giocare al tardini e tornarr in possesso del centro sportivo questi spno 2 presupposti importsmtissimi per ripartire e tornare grandi

    SEMPRE FORZA PARMA

    • 24 Giugno 2015 in 15:57
      Permalink

      Sul tardini non ci sono dubbi, sul direzionale di collecchio al momento è prematuro. Il progetto è di ampio respiro anche se nessuno può garantire la a in cinque anni.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 24 Giugno 2015 in 21:16
    Permalink

    La società non è ancora formata e già hanno contattato x lo stadio? Com è possibile?

    • 25 Giugno 2015 in 00:00
      Permalink

      Perché i rappresentanti non stanno con le mani in mano o non perdono tempo con farneticanti uscite

  • 24 Giugno 2015 in 22:12
    Permalink

    Andrea Scianchi

  • 25 Giugno 2015 in 00:07
    Permalink

    Schianchi è un gobbo di merda ricordo che anni fa alla presentazione di Stoickov lui disse in mezzo a tutti “tanto il campionato lo vince la juve”….affermazione che gli costò un cazzotto nel muso e… un paio di occhiali rotti….NADOR!

    • 25 Giugno 2015 in 00:09
      Permalink

      Schianchi è interista. E i cazzotti sul muso o gli occhiali rotti sono da incivili

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI