lunedì, Maggio 20, 2024
In EvidenzaNews

LA NOTA DI PIAZZA UFFICIALIZZA L’ABBANDONO: “NON SOSTENIBILI GLI INVESTIMENTI NECESSARI PER COPRIRE LE PASSIVITA’ ATTUALI E FUTURE”

Questa la nota di Mike Piazza in merito all’abbandono della trattativa
per l’acquisizione del Parma Calcio.

mike piazzaCon grande tristezza e rammarico devo comunicare l’abbandono della trattativa per l’acquisizione del Parma F.C.
Comprendo e condivido l’amarezza dei tifosi del Parma per questa decisione.
Assieme ai co-investitori nel progetto non abbiamo ritenuto sostenibili gli investimenti necessari per coprire le passività attuali e future di una squadra il cui avviamento è stato fortemente pregiudicato.
Desidero ringraziare tutta la città di Parma per il sostegno ricevuto
ed i miei colleghi Maurizio Franzone, Gibo Gerali, and Bill Holmberg :
la loro esperienza ed il loro aiuto in questa vicenda sono stati
inestimabili.
Infine voglio ringraziare i curatori e tutti quanti hanno profuso,
senza risparmio, tempo ed energie per cercare una soluzione positiva
alla crisi del Parma.
Mike Piazza

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

133 pensieri riguardo “LA NOTA DI PIAZZA UFFICIALIZZA L’ABBANDONO: “NON SOSTENIBILI GLI INVESTIMENTI NECESSARI PER COPRIRE LE PASSIVITA’ ATTUALI E FUTURE”

  • Stasera a calcio e calcio se c è l inmominabile distruggo la tv

  • Personalmente ritengo che entrambe le cordate, con lealtà e grande senso di responsabilità, abbiano dimostrato di avere alle spalle delle persone competenti. Non è facile fare un passo indietro dopo essersi esposti così tanto.
    Peccato per questo epilogo. Mi piange il cuore…
    Grazie signor Majo per la professionalità con cui ha raccontato queste vicende. Non penso sia stato facile.
    Per quel che vale, ha tutta la mia stima.

    • Grazie Stefano. Vale moltissimo la stima. Diciamo che in questi anni ho tirato dritto alimentato da questa tipologia di benzina che indubbiamente sarà insufficiente per il futuro, ma comunque vada stadiotardini resterà una esperienza emozionante e appagante

      un abbraccio crociato

      gmajo

      • Gianfranco

        Anch’io voglio rinnovarle la mia stima per il coraggio, la competenza e la professionalità che ha dimostrato nel dirigere questo sito. Mi auguro che non sia la fine di tutto, anche se la mazzata (ironia della sorte subìta da uno dei più grandi battitori della storia del baseball) di questa mattina, è stata tremenda.
        In ogni caso la disponibilità a dare il mio contributo affinché stadiotardini.it continui la sua opera, rimane invariata.
        In bocca al lupo (ne abbiamo tutti bisogno).

        • Grazie. Il fatto è che per definizione senza parma calcio non può esserci stadiotardini.it

          Indubbiamente potrei cercare di proseguire l’esercizio provvisorio seguendo i lavori di ripartenza. Ma se non avevo un ritorno economico che mi garantisse la sostenibilità in serie A, immaginarsi in D. Comunque elaboriamo un lutto per volta. O forse è meglio tutto insieme… Chissà

          Comunque grazie sia per le sue parole che per la promessa di impegno

          Cordialmente

          Gmajo

      • Daniele S.

        No veh Direttore queste parole che trasudano malinconia e voglia di mollare no, non le voglio sentire. Lei deve resistere che sia D o anche partire dai Pulcini! Il dominio del sito glielo pago io le offro consulenza informatica gratis ma tutto il lavoro che ha fatto fino adesso non deve svanire ne rimanere solo un ricordo. An diremà mia dabòn eh?!?!

        stà mia molèr! 😉

        • grazie magari sentiamoci in privato per vedere come fare

          3358400142

          Cordialmente

          Gmajo

          • Daniele S.

            Molto volentieri, se posso essere utile…va bene anche una whatsappata, per non disturbarla in momenti inopportuni?

  • Ghirardello

    Benvenuto sulla terra Mike…si vede che a Miami tira un’altra aria…restaci va la’….
    E’ meglio…

  • pasmadferit

    Direttore ma l’investimento iniziale che Corrado e Piazza avrebbero dovuto sostenere, (togliendoci paracadute, diritti etc), a quanto ammontava? Grazie

    • Ghirardello

      a na’ valanga di quattrini…stai tranquillo….

  • Ma Ghirardello, perchè non ti sotterri sotto due metri di terra?

    • Ghirardello

      Enno’….stavolta non sono d’accordo…
      Direi che sono ben altri che stanno sotto due metri di terra…
      Oggio io sto di parecchio in alto…ma di parecchio…

      • Ghirardello non tirare troppo la corda perché dopo un po si spezza…

        • Ghirardello può fare quello che vuole, questo miserabile pezzente, perché il direttore di questo sito consente a questo provocatore sfortunello e triste di gufare anche in un giorno come questo. Io trovo assurdo e sbagliato lasciarlo intervenire senza censurarlo, oggi che il Parma è morto.

        • Lucido come mastro lindo

          Tanto è un coniglio, si nasconde dietro pseudonimi per venire qui ad insultare, che ci metta la faccia a fare lo spavaldo.

      • Non ti insulto perché ci sei troppo abituato

      • Occhio Ghirardello che in alto ci sono venti forti che ti fanno volar via.

  • Oggi finalmente cessa questa infinita storia di bugie, macchinazioni, farse colossali e teatrini di bassa lega a cui siamo stati costretti, nostro malgrado, ad assistere tutti i giorni per 12 mesi.

    Oggi, il Parma è morto!

    Per tutti noi tifosi è il tempo delle lacrime e degli amarcord di tempi felici, ormai passati. E’ il tempo della consapevolezza che il calcio non avrà più per noi, quel ruolo di innocente passatempo che riempiva (chi più chi meno) le nostre giornate ed i nostri pensieri.
    Da stasera, tutti quanti noi tifosi del Parma, saremo orfani.
    Muore un amico, una intima estensione di noi stessi, delle nostre speranze e delle nostre paure. Stasera muore una parte di noi stessi.

    Molti di noi, me compreso, hanno iniziato a tifare il Parma dagli anni ’90 quando grazie ai successi di Scala, molti ragazzi da tutta Italia e da tutta Europa, hanno imparato a sognare ad occhi aperti, vedendo una squadra senza storia, calcare i palcoscenici di tutto il mondo, sfidare il gotha del calcio che conta, e trionfare!
    Per molti anni il Parma, ha rappresentato il sogno sportivo di Davide che sconfigge Golia.

    In tutti questi anni, il Parma ha fatto la storia del calcio italiano vincendo trofei, sfornando atleti, allenatori e dirigenti di livello altissimo per il calcio italiano ed europeo.
    Oggi, tutto questo svanisce, senza che nessuno sia stato capace di impedirlo.

    Conosciamo bene chi sono i colpevoli ed i responsabili di tutto questo schifo, ma anche quando usciranno davvero i nomi ed i cognomi, anche quando questi venissero assicurati alla giustizia, nessuno, e ribadisco NESSUNO, potrà mai cancellare l’onta di questo fallimento dalla città di Parma.

    Perché oggi, insieme al Parma, è morta la dignità dei parmigiani.
    Ogni uomo o donna di Parma, oggi dovrebbe vergognarsi, di come la sua città si sia resa incapace di monitorare, di controllare, di condannare a tempo debito i colpevoli di questo disastro, e di come nessun parmigiano sia stato capace di risolvere questa matassa nonostante in città vi siano innumerevoli uomini dai mezzi finanziari importanti.

    Oggi finalmente la città di Parma capirà che di indifferenza, si muore, perché al fine, è l’indifferenza della propria città che ha ucciso il calcio a Parma.

    Saluti

    • bellissimo commento.

    • Lucido come mastro lindo

      Secondo me non hai capito che non è morto niente, il calcio ed il mondo sono brutti e cattivi perchè così è la natura umana, il Parma continuerà ad esistere come lo fa dal 1913. La figura di Merda l’ha fatta Ghirardi non noi, se per la prossima proprietà tu vuoi verificare chiedi che facciano le riunioni in Piazza garibaldi e che rendano noto ogni movimento di denaro che fanno con tanto di documentazione.Ha no, erano sempre gli altri che dovevano verificare.

    • “Oggi finalmente la città di Parma capirà che di indifferenza, si muore, perché al fine, è l’indifferenza della propria città che ha ucciso il calcio a Parma”.
      +10000000

  • il vero problema direttore ora non E’ corrado o piazza..ma la d….e non dica he sa che..perché se il parma verrà comprato dall’upi facciamo come il piacrenza…avete mai calcolato il vero costo della D a livello di prima squadra e juniores?..e pensa che in 20 giorni si riesca a fare una società nuova e competitiva!!! prima squadra e juniores….per iscriversi alla d serve una fidejussione di 900.000 euro…per la juniores 15.000 euro se non ricordo male..poi in d c’e’ l’obbligo del giovane di categoria….abbiamo perso tempo per colpa di due pioccioni che volevano solo fare soldi nel calcio (AHAHAHAH)…potevamo partire un mese fa..ora sarà dura fare anche la d!

    • che per la d sarà dura dopo 50 giorni di stop è sacrosanto, ma piantatela di dare dei piocioni alla gente stupidamente e cercate di crescere.

      Quanto ai conti della serva c’è chi li ha fatti da mesi

    • Sei sicuro di quello che dici? a me sembrano un pò troppi 900mila euro di fidejussione, io vivo in campania (tifo parma e me ne vanto anche in serie D) e per iscriversi alla D la squadra del mio paese deve cacciare 80mila di fidejussione, c’è una bella differenza.

      Direttore se può, anche a tempo libero, vada avanti con il giornalismo sul Parma calcio perchè non rimarremo in eterno in serie D, nè in lega pro e neanche in serie B.
      Parma è una città che ha quasi 200mila abitanti, una storia calcistica che nessuna provinciale ha, sono giunte delle squadre negli ultimi anni in serie A che non contano nulla rispetto al Parma e a Parma, quindi fiducia perche dalle ceneri si riemerge sempre.

      • Grazie. Vedremo cosa sarà possibile fare… Ma ormai ho esaurito ogni tipo di risorsa

  • Stasera a calcio & calcio scommettete che tra Majo e Boni ci scappa IL MORTO?

    • velenoso, mo’ basta. Non c’è alcuna voglia di ridere. Ok. Quindi basta

      • Majo è andata,bisogna reagire, inutile piangersi addosso, non bisogna prendersi sul serio. Il calcio è un gioco e poi è tutto corrotto. IL nostro buonismo ci ha penalizzato se anche uno della città Brunelli ci ha affossato definitivamente. Staera a calcio & calcio, con Boni NON LA INVIDIO. Si prenda tranquillanti perchè la farà schiattare. Lei che sa tutto, sa per caso se TOMMASI è già andato a nascondersi in SIBERIA?

  • Buongiorno Gabriele
    In bocca al lupo anche a te spero che questo evento tristissima per noi tifosi non infici anche il tuo proseguio lavorativo
    Un abbraccio
    Luca s

    • Beh, il mio lavoro era già stato fortemente danneggiato il 30 06 2009 allorché decisi di salutare la compagnia. Da allora ad oggi ho fatto il missionario o il volontario. adesso il futuro non so quale potrà essere…

      Comunque grazie mille

      • Senza cambiare squadra vai a vivere a carpi e riciclati se sei un professionista o di a montigelli di andare in pensione o inizia a trovarti un lavoro serio
        Il 25 aprile è nata….. Ahahshaahhhhhhhhh

  • Stasera a calcio & calcio Majo è gradito l’abito scuro per ovvi motivi. Una prece.

  • Non fiori ma opere di bene.

  • Luca Ampollini

    No, l’investimento iniziale,considerando i costi e i ricavi,che sarebbero arrivati, e non proprio in quantita’ esigua, non sarebbe stato insostenibile, il problema non credo sia stato quello. Il problema , probabilmente , sarebbe arrivato da possibile cause future ( ma allora cosa e’ servito abbassare il debito e mettere un sigillo da parte del tribunale se tutto questo non metteva completamente al riparo i compratori???) e poi, i famosi debiti concernenti le spettanze future ai giocatori sotto contratto ,che pero’ potevano essere rinegoziati. E’ chiaro che la situazione era comunque molto delicata, ma chiudo ponendo un quesito: qualcuno mi da un senso alla figura di Albertini???

    • The celebration of the Lizard

      Te lo do io: figura da cioccolataio

  • Buondì direttore , inanzitutto le porgo i complimenti per quanto fatto fino ad ora .
    Sarebbe impossibile in caso di serie d fare un investimento per il centro sportivo di collecchio e magari ricostituire una squadra con gli elementi migliori del settore giovanile ?

    • Purtroppo con la serie D si svincolano tutti. Grandi e piccini. Credo che per la D il direzionale di collecchio sia un investimento sproporzionato

      Cordialmente

      gmajo

  • Sicuramente nel mondo si consumano drammi peggiori ma nonostante tutto piango un delitto verso lo sport! Lo dico anche se tifoso di un’altra squadra, quello che avete patito voi tifosi del Parma e in parte tutti i tifosi di sport, è sconcertante. Escludo ovviamente avvoltoi e frustrati di ogni colore calcistico, la scomparsa del Parma è una sciagura che è figlia di tanti, troppi genitori. A rimetterci sono i più deboli e chi partirà perché senza più uno stipendio, e chi con il tifo sostiene i propri colori. Perché? Tristezza assoluta, non voglio credere che sia finita così. Coraggio , auguro veramente che tra pochi anni possiate vendicarvi sul campo di cotanta ingiustizia. Chiunque possa anche solo pensare per un momento di trarre vantaggio, anche solo per campanilismo, è un pazzo. Ve lo auguro di cuore. Un ringraziamento anche a lei Dott. Majo, spero di poterla seguire sempre e sappia che avrà un sostenitore in più qualsiasi modo intenda usare per tenere in piedi questo sito. Un vecchio tifoso del Toro e dello sport pulito e sincero.

  • Peccato, veramente peccato per questo sito fiore all’occhiello per la Parma sportiva ma se un giorno dovessimo rientrare nel calcio che conta, mi raccomando Majo, lo riapra o per lo meno lo riapra quando ci sarà il processo ai responsabili del crak Parma, potrebbe essere un’idea.. IL SUO “ESERIZIO PROVVISORIO “QUANDO TERMINA? E ora tutti a Carpenedolo. Dobbiamo riscattare la figura fatta l’ultima volta…

  • Il buonismo non paga piu’.

  • Il calcio x me e finito oggi che schifo

  • Davide Strianese

    Gabriele volevo ringraziarti per informazioni sempre date, cercherò in futuro di seguirti, non so se seguirò ancora il Parma mi risulta difficile non essendo di Parma e non vedendo le partite in TV ma cercherò di farlo adesso spero solo nel ripescaggio in lega pro, auguro a te e ai tifosi il meglio adieu parma spero di rivederti e rivedere i tifosi nel calcio che ci merita quello che conta saluti

  • Io avrei un mio amico elettricista di anni 21 che verrebbe volentieri giocare nel Parma E’ un portiere, solo che a differenza di altri che si dovranno allenare di sera perchè di giorno lavorano, lui facendo il portiere di notte in un Albergo a Tabiano, lavorando di notte, dovrebbe allenarsi di giorno ma se è solo come fa?

  • Dopo aver appurato dopo questa farsesca vendita fallita del Parma che IL BUONISMO NON PAGA PIU’, ho capito che nella vita, ci sono cose ben più importanti di una partita di calcio. Una di queste cose è andare a Carpenedolo………

  • The celebration of the Lizard

    Velenoso hai rotto il cazzo

  • ornitorinkostanko

    Herr Direktor,
    grazie di tutto.
    Della competenza, della pazienza, dell’informazione seria e corretta, della professionalità.
    Buona fortuna per il futuro.
    Per il sottoscritto il calcio finisce oggi. Basta e avanza.

    • Grazie mille.

      Però non credo sia giusto abbandonare questa passione, nonostante la delusione

      • Legend of Zorro

        Grazie Gabriele. L’amore per il Parma non muore mai.quanto all’innominabile pseudo commentatore Di calcio e calcio- il clown per intenderci- avrei qualcosa da rivelarle in privato ….il moralizzatore non gli di addice proprio

  • Ridi Ghirardello ridi… tempo 12 mesi anche i tuoi americani si faranno indietro e ci faremo compagnia in serie D (o peggio)

  • Chiuso per lutto.

  • Anche se hai qualificato “molto stupido” un mio intervento che tutt’ora confermo (ci sta In una dialettica intensa ma sincera) ti rinnovo la mia gratitudine per ció che hai fatto per l’informazione, rinnovandone gli schemi ormai polverosi. Continuo a seguire stadiotardini.it

    • Grazie, e scusami per l’espressione un po’ cruda, ma capisci lo stato d’animo

  • hanno ottenuto tutti quello che volevano oggi festeggeranno tutti la morte del parma, dobbiamo ringraziare a quel **** di ghirardi scusi lo sfogo direttore ma nn c”e la faccio proprio ha sopportare questo magone chi sa se saremo anche in D boh il calcio potrebbe anche sparire che schifoooooooo………..

  • Alessandro Dondi

    Buongiorno a tutti,
    Che brutto fine settimana: ieri ricorrevano sei mesi dalla morte di mio padre ed oggi se ne va anche il mio, il nostro Parma. Mio padre non era un appassionato viscerale di calcio oramai da molti anni, con cinico realismo aveva colto da tempo le nefandezze di questo mondo. Ciononostante ogni domenica sera mi chiedeva: il Parma come è andato? Mi dava del matto per le domeniche passate sotto l’acqua, eppure si informava perché era la mia passione e sapeva quanto io ci tenessi. Ora me lo immagino, quasi aspetto che squilli il cellulare per sentirlo dall’altro capo della cornetta chiedermi se sono già pronto per andare in trasferta a Correggio, a Fiorenzuola ecc…pronto a darmi del matto, con amore come lui solo sapeva fare. Beh io sono pronto per la nuova avventura, una lavata dentro e la vecchia Polo è a disposizione come auto ufficiale di Stadiotardini, a disposizione per le trasferte, pronta per qualche improperio del direttore ogni qualvolta la connessione internet cadrà. Ebbene si, sono pronto, arrabbiato ma pronto. Sono arrabbiato e dispiaciuto non per i calciatori, che sono dei privilegiati, nemmeno per il Parma, che sono sicuro saprà risalire la china, a costo di aspettare 20 anni. Sono arrabbiato perché qui ci sono tante persone che perderanno il lavoro, senza stipendio e senza uno straccio di prospettiva, con mutui e bollette da pagare, messi in mezzo a una strada da una gestione scellerata. A Corrado e a Piazza dico grazie, non per avere tentato di mantenere viva la passione dei tifosi, non principalmente per quello, bensì per avere provato fino all’ultimo a tenere vive le speranze di chi, da oggi, si ritrova senza certezze per se e la propria famiglia. La vera sconfitta di oggi è quella di queste persone, a cui vanno il mio affetto e la mia vicinanza, quella di chi si bacia i gomiti ogni mattina sapendo di avere un lavoro, uno stipendio e di dipendere da un azienda onesta. Il mio abbraccio è per loro. E per il nostro Gabriele Majo, che ha combattuto una “guerra” per anni, in modo onesto, troppo spesso venendo sbeffeggiato ed ostracizzato da chi, ora, lancia strali all’indirizzo dei veri colpevoli di questo scempio.

  • Ovvio che calioecalcio con un pazzo che festeggia la morte del parma non lo guardo neanche se mi pagano.
    Ho le lacrime agli occhi..e nel naso l’odore dell’erba del tardini quando insieme a mia mamma e mio babbo che ora non c’è più purtroppo facevamo 40 km per andare a vedere le partite di coppa..insieme..
    anche questo resterà sempre come uno dei miei più bei ricordi..
    È stato davvero bello ESSERCI
    RICORDO come fosse ieri quando siamo arrivati in serie B…. sembrava un sogno… figurarsi il resto che è venuto dopo.
    Dio.. non ci posso credere….

    • Ok…non importa se non è riuscito a moderare i miei commenti.. voglio salutarla e ringraziarla di tutto cmq..

      • Sto cercando di pubblicarli,pian pianino, ce ne sono circa 250 indietro in attesa di moderazione. Mi scuso con tutti per la mancanza di rapidità, ma cerco di fare il possibile

        Cordialmente

        Gmajo

  • Io spero solo che o Piazza o Corrado se un giorno dovessimo per assurdo raggungere la serie B, CI FACCIANO UN PENSIERINO perchè è ovvio che l’imprenditoria locale non se la sentirebbe mai di prendere una squadra di B e portarla in serie A. Lo dimostra Ghirardi che prese il Parma IN SERIE A, senza debiti e e il centro di Collecchio per una zuffolata perchè l’imprenditoria locale non aveva voglia d’investire.

  • E’ un giorno triste lo so. Immagino che il desiderio comune di tutti sia ora di vedere il galera il duo che ha combinato tutto questo. Insieme a loro con minore responsabilità ci vanno dietro la FIGC, la Lega, il Sindaco , Manenti, Taci, e chi più ne ha più ne metta. Innanzitutto vanno ringraziati sia Corrado che Piazza che hanno tenuto in piedi la debole fiammella della speranza e francamente l’operazione era difficile. Ora non dobbiamo piangerci addosso, dobbiamo ripartire. Sarà serie D e vabbè ripartiamo da dove siamo nati, con orgoglio di parmigiani e passione da crociati. Non disperdiamo il patrimonio di cose buone che abbiamo, teniamo unito tutto quello che è stato fatto in questi anni, anche Lei Direttore, con quello che può fare aiuti a far si che questa fiammella ora debole e quasi spenta rinasca e in pochi anni potremo rivedere il Parma dove merita.
    Forza ora!!

  • GRAZIE DIRETTORE…le auguro ogni bene!

  • Il Triangolo

    Ma Direttore, forse mi sono perso qualche pezzo e ne chiedo scusa.
    Ma I Dipendenti ora perderanno il posto giusto, visto che una società di serie D non ha bisogno della struttura che ha in essere il Parma attualmente?

    • Il Parma, caro mio, è fallito il 19 marzo scorso. Da allora ha proseguito la sua esistenza in virtù dell’esercizio provvisorio concesso fino a oggi e che tra una quarantina di minuti sarà interrotto per il ritiro dei candidati compratori.

      Dal momento del fallimento una azienda è morta: per cui se finora si era spostato avanti fino adesso il momento, da oggi in poi, salvo colpi di scena, è la fine davvero con le persone lasciate a casa.

      Qualcuna di loro potrà forse esser ripescata per una società in D, ma ovviamente non tutti.

      Molti di queste persone sono state mie colleghe nel periodo tra il 2004 e il 2009 quando a mia volta facevo parte della struttura del club: a tutti loro un caloroso abbraccio. Tenete duro.

      cordialmente

      Gmajo

  • Solo se vi piace quello che è diventato il calcio, solo se avete come punto di riferimento Boni (o velenoso : due facce della stessa medaglia), solo se non avete altri valori con cui identificarvi nella vostra città, potete disperarvi per questa dolorosissima sconfitta per tutti. Qui signori non ci sono vincitori ma solo ferite da lenire, illusioni, promesse,millantati favori,l’impressine più sgradevole è di essere stati raggirati prima da Ghiarrdi e company poi da Taci, da Manenti e soprattutto da Tavecchio,Tommasi Albertini……Rompete le righe, tifosi par-time con simpatie per le strisciate, tornate alle vostre JuveMilanInter……con la benedizione di SKY e delle agenzie di scommesse continuate ad occuparvi di uno spettacolo mediocre,scomodo da seguire ma soprattutto non chiamatelo più SPORT……….

  • Non troveremo i risultati del parma in D neanche su televideo… ma vi rendete conto.
    Molti hanno vissuto solo il parma in serie A..non sanno cosa significa… ma io sì..
    lo dico per chi festeggierà la morte del parma

  • Immagino che con la D chiuda anche StadioTardini, giusto? Davvero un peccato se fosse veramente così. Le rinnovo la mia stima per essere sempre stato una preziosa fonte di notizie per chi come me viene da fuori.

    • Grazie mille. Sono davvero abbattuto per quello che è successo al Parma. Non è semplice per me mantenere la lucidità e la freddezza in questo momento in cui non mi vergogno di dire che (alla faccia della mia frigidità) sto scrivendo con le lacrime agli occhi come immagino molti di voi.

      Non so cosa potrà riservare per me il futuro. certo mi piacerebbe proseguire questa esperienza: però non credo ci siano i presupposti come direbbero i protagonisti delle trattative sfumate in questi giorni. Non solo quelli economici (io ho tirato avanti dal 30 06 2009 non solo senza guadagnare il becco di un quattrino, ma pagando io stesso per esserci e tenere alta questa piccola bandierina di libera informazione. Non ho mai percepito neppure un euro da Teleducato dove da tre anni andavo per dare ulteriore cassa di risonanza a quanto scrivevo su stadiotardini.it

      In questo momento sono svuotato in tutti i sensi. E’ chiaro che bisognerà, assimilato il lutto, rimboccarsi le maniche e inventarsi qualcosa d’altro. Tirare giù la saracinesca di stadiotardini.it è l’ultima cosa che vorrei fare, ma temo sia inevitabile per le condizioni sopra esposte e per la venuta meno dell’argomento di cui trattare.

      Un abbraccio

      Gmajo

      • Ci faccia sapere se nel caso ha intenzione di portare avanti un qualcosa di nuovo, magari più piccolo ma più gestibile.

        • Vedremo. Ma le cose mi piace farle bene e dando tutto me stesso… Una diminutio non avrebbe senso

      • direttore sentire le sue parole mi hanno fatto emozionare davvero lodevoli, mi dispiace sopratutto per lei e per il parma che la mia vita e di tutti i tifosi oggi sn scioccato e triste……

      • Alessandropr78

        Caro Direttore, anche io sto trattenendo le lacrime a forza. Il Parma è mio padre che mi porta la prima volta al Tardini, e tutto quello che mi lega sportivamente agli abbracci e grida di gioia con lui..ora che siamo entrambi più anziani, veder sparire tutto questo ed accettarlo è dura. E’ dura accettare che per due incapaci e non aggiungo altro, Ghirardi e Leonardi, persone perdano il lavoro. E’ dura accettare di perdere qualcosa che ci emoziona, che ci ha dato gioie e sportive incazzature. E’ dura pensare ad un Tardini, il nostro piccolo “teatro dei sogni”, svuotato, e che difficilmente vivrebbe con una Serie D. Siamo gente per bene con una passione, e gente scriteriata ci ha tolto tutto questo; da oggi perdiamo un pezzo di vita, un pezzo di noi. Abbiamo voluto bene a questa squadra, prima ancora di esserne tifosi, oggi ci troviamo al passo d’addio, e mi creda, fa male. Spero che questo spazio viva, se lo merita lei, e ce lo meritiamo noi tifosi, traditi anche da certa stampa che ha fatto scelte editoriali discutibili, e non ha aiutato il Parma mediaticamente come meritava. Non sarebbe cambiato nulla, ma almeno avremmo dimostrato coesione e compattezza del territorio, cosa che purtroppo non si è verificata.
        Mi auguro di cuore che questo spazio virtuale ma motlo vitale resti vivo, perchè da tifoso ne sento il bisogno, Un caro saluto
        Alessandro

        • Speriamo di poter raccontare la rinascita. Ma anche per StadioTardini.it di quello dovrà trattarsi…

          Grazie per i ricordi che accomunano molti di noi..,

          Cordialmente

          Gmajo

  • Vede, il problema è che si aspirerebbe a tornare a far parte di un sistema che ha permesso che in questi anni succedesse tutto questo. Quindi forse per un tifoso del Parma è meglio che il calcio “italiano” venga considerato morto il 22.6.2015 e non se ne parli più.

  • Caro direttore,

    la bomba di ieri sera e quella di stamattina mi hanno devastato il cuore.
    Mi sento orfano e abbandonato. So che mancherà qualcosa nella mia vita. qualcosa che negli anni è stato molto importante. Fra alti e bassi il Parma era una parte importante importante della mia vita, tanto quanto c’è stato da gioire che quando c’è stato da soffrire e bestemmiare.
    Io non sono di Parma e ho scelto di tifare Parma. E l’ho scelto inconsciamente perchè essere del Parma è qualcosa di intimamente diverso dall’ essere di qualsiasi altra squadra. Io rimango convinto di questo.
    Il Parma è l’allenamento in cittadella, il Parma è il defatigante post-partita anche dopo match europei importantissimi. Il Parma è Prandelli che abbraccia Adriano (passato all’Inter) dopo che proprio un suo goal ci aveva estromesso dalla Champions. Il Parma è il goal definitivo di Crespo e quello di Josè Mauri. Il Parma è quello delle bellissime giocate di Zola e delle capriole di Asprilla. Il Parma sono le sgroppate di Benarrivo e Di Chiara sulle fasce, 1000 volte a partita.
    Proprio mentre muore il Parma, sta per nascere mio figlio. Io sognavo di andare al tardini con lui, di trasmettergli questa mia sana passione. Magari quanto il mio Lorenzino sarà capace di intendere e di volere il Parma sarà già tornato grande, o magari questo non succederà mai.

    Il vuoto dentro è grande, grandissimo. Difficile da comprendere per chi non lo prova.

    Non sono uno di quelli con la bava alla bocca. Non auguro la morte a nessuno. Se ci sono stati dei reati accertati è giusto che ci siano delle pene commisurate ma comunque non trarrei nessuna soddisfazione da questo. E credo che tanti leoni da tastiera dovrebbero a mente lucida rileggere le corbellerie che hanno scritto, e un po’ vergognarsene.

    Perchè il Parma è un’altra cosa.

  • Ribadisco:il tifo parmigiano,che ho imparato a conoscere solo in questi ultimi mesi,costituisce un patrimonio che non può andare disperso,e Lei è l’unico che possa assumere questo gravoso impegno con serietà e trasparenza.
    Dalla lontana Sicilia sono pronto(non solo verbalmente) a sostenere la Sua nuova iniziativa editoriale.
    I migliori Saluti.

    • Grazie mille. Terrò presente, ma sarà necessario vedere gli sviluppi sul Parma. Intanto un abbraccio e grazie di nuovo per la disponibilità

      Cordialmente

      Gmajo

    • Lo ribadisco..anche io nel mio piccolo piccolo ci sarò

  • salve Direttore, sono un tifoso non del Parma (del Toro) che in passato ha avuto modo di interloquire nel suo spazio , e di cui ho sempre apprezzato l’ onestà intellettuale e la voglia di confronto nel rispetto reciproco. Ancora una volta a rimetterci , per la incuria di pochi, sono i tanti tifosi appassionati a cui viene distrutto un sogno. Ogni situazione è diversa ma non posso che augurare a tutti i tifosi del Parma che , così come avvenne da noi, in futuro qualcuno compri il marchio che con oggi va a morire, e possa portare il Parma e la sua gente dove merita di stare.
    Ringrazio per lo spazio. Farina Alessio

  • Manuel Parma

    Leggere le parole di un menagramo come tommasi.. Che alle 12 e 08 afferma..oggi sapremo se il parma farâ la b o la d..mi fa girare il cazzo altamente! Mi sento preso troppo per il c… E mi scusi le volgarità..ma capirâ..se scrivessi alla gdp potrei dire peggio!! Sembra strano a dirsi..ma solo qui e su p.fanzine abbiamo dato speranza a questa agonia. Non siamo uniti da dentro…come saremmo potuti mai esserlo fuori??

  • Un’ultima cosa: come funzionerebbe con la questione stadio?

    • Lo stadio è uno dei problemi che più assillano i leader del progetto fenice, perché occorre avere una nuova concessione per il tardini (loro, giustamente, desiderano continuare a giocare lì). E ci sono date ravvicinate anche per questo. E’ chiaro che i circa due mesi buttati al vento complicano le cose anche per questo…

  • ornitorinkostanko

    Caro Majo,
    non è altro che l’esito di un processo molto lungo.
    Ho giocato a calcio sino a 37 anni (portiere, il ruolo più bello del mondo!) poi gradualmente ho perso interesse, seguivo il calcio giusto perché il Parma comunque è (era) la squadra della mia città, ma tutto quel che è cambiato in peggio nel mondo del calcio rispetto a quando ero un ragazzino, me lo aveva fatto disamorare.
    Questa è la goccia che fa traboccare il vaso.
    Le auguro di cuore di trovare un lavoro degno della sua professionalità, se lo meriterebbe tutto.

  • Direttore è vero che vengono di conseguenza anche cancellati tutti i trofeo vinti?

    • Il Parma è morto. La rifondazione potrà riacquistare dal fallimento

  • Se non ho sbagliato…gironzolando su internet tutte queste società sono fallite, alcune comprate all’asta cambiando nome o usufruendo di vari lodi e leggine (Marzano, Petrucci etc..) sono poi ricomparse con più o meno successo:: avellino, bari, pistoiese,pescara, ascoli, venezia, parma, triestina, treviso, siena, perugia, piacenza, bologna, palermo, arezzo, pisa, sambenedettese, torino, napoli, fiorentina, spal, taranto, foggia, lucchese, salernitana, matera….ed altre.
    Pertanto, vedi Siena che sta già risalendo, forza e coraggio.

    • Ghirardello

      …gia’…..Rvenna,Rimini,Messina,Ancona…..
      a ben guardare pero’ per molte di queste passata magari la sbornia di un primo anno da protagonisti con promozione poi in assenda dei “fondamentali” per un ritorno in certe categorie, direi che ci si e’ e’ adagiati svivachiando…
      A Ravenna 2 domeniche fa hanno festeggiato (mi ricordo le sfide in B nell’anno in cui c’erano Torino e Genoa) la promozione dall’eccellenza alla D tramite i play – off vinti col Ghivizzano…..
      ..Ghivizzano…qualcuno sa dov’e’?….
      2 anni spesi a giocare con ..Lavezzola,Bagnacavallo,Alfonsine,Argentana..etc.etc….prima invece si sfidavano il Genoa e il Toro….
      Magari il prossimo anno e’ nel girone del Parma…sarebbe una bella sfida da vedere…nobiliterebbe il torneo.
      Magari ci vado…chissa’…

  • Il vuoto è grande per tutti ma dobbiamo stare uniti e pensare che un

    giorno , magari non tanto tardi, ci ritorneremo al Tardini!!!!

  • Davide Strianese

    Per me il tifo per il Parma e finito oggi con la serie d, se sarà serie d non riuscirei ad immedesimarsi in quel parma che deve venire, perché per me il Parma e quello che ho tifato pianto e gioito dal 1996 ad oggi quindi finisce un era ,per me il Parma rimane questo http://m.youtube.com/watch?v=JKoTNDwnv6M

    • Capisco lo scoramento, ma come ha scritto giustamente qualcuno nello spazio commenti prima, è nel momento del dolore e del bisogno che si vede chi ha sentimento e amore.

      Facciamoci forza e cerchiamo insieme di rialzarci

      Un abbraccio gialloblù

      Gmajo

      • È bello..belle parole.. a botta fresca sembra persino facile unirci nel dolore per ricominciare…ma il tempo affievolisce il tormento e a poco a poco ci dimenticheremo del parma perchè non tutti sono giovani e forti da fare le scampagnate a correggio..!!!!.il pathos della domenica davanti alla tv scomparso..ripeto in quanti andranno in trasferta? Ma quanti andranno allo stadio (quale poi?) oltre ai parenti e agli amici dei giocatori? se già non riempivamo lo stadio in serie A? Insomma stiamo attenti alla retorica.
        … io temo e spero di sbagliarmi che col tempo tutto si affievolirà.. rimarrà il rimpianto dei ” ma ti ricordi?”

        • Il fatto è che anche in serie A ci siamo ritrovati in trasferta mediamente in 50, persino in posti come san siro…

  • Majo ha tutta la mia solidarietà e stima. Grazie ancora per quello che ha fatto. Le auguro ogni bene, sinceramente.

  • un virtuale abbraccio ai tifosi che soffrono. vi chiedo anche scusa per quei tifosi bresciani che gioiscono sulle vostre disgrazie , che è sempre e comunque cosa da miserabili. un arrivederci a presto.

  • SERIE B SENZA SE E SENZA MA

    Direttore come aveva previsto, la tavola era apparecchiata, adesso i commensali possono accomodarsi al desco.

    L’arrivo di Corrado ha rischiato di sparecchiarla, ma ormai è un pericolo passato.

    Speriamo che in via al Ponte Caprazzucca, in via Mantova, e (in via Minghetti?) non esagerino con lo champagne.

    Quello che mi fa più incazzare è che grazie al mio amore per il Parma e alla mia stupidità, tiferò ancora i crociati anche nella serie D dei nostri sicari (tra i tanti che si sono susseguiti).

    Quindi porgo un benvenuto di cuore al futuro presidente, il glorioso Nevio, e faccio un in bocca al lupo ai nuovi proprietari.

  • Inutile star qui a piangere…ormai il danno è stato fatto…
    proviamo a peensare già al futuro: quando scade l’iscrizione alla d? quanto tempo ci vorrà per avere 1 nuovo proprietario?

  • E con questo epilogo finisce tutto! Tanti sono i ringraziamenti:grazie ghirardi e leonardi-grazie taci-grazie manenti-grazie tavecchio

  • Vedere oggi bianco è dura, visto che è tutto nero, ma da tifoso del calcio, vi auguro e mi auguro, che questo che oggi sembra e lo è una tragedia (in particolare per i dipendenti del Parma quelli che guadagnano un mensile normale) possa invece diventare una grande vittoria, adesso è ora che i Barilla e C si impegnino come era apparso tramite i vari organi di stampa, ne uscirebbe una società con grosse potenzialità che in pochissimi anni potrebbe riportare Parma dove le compete e poi.. diciamolo anche chiaramente in C sta avvenendo di tutto e di più… si farà la conta delle società che per svariati motivi non potranno iscriversi.. quindi.. nulla vieta alla fine che magari le acrobazie si possano fare in modo meno creativo di come è stato fatto in questi mesi… alla fine se Parma potrebbe addirittura ripartire subito dalla C.. be sarebbe una sconfitta che vale cento vittorie! Auguri Parma e auguri al direttore di questo bellissimo spazio, non chiuda tanto rapidamente attenda anche lei gli eventi… senza illudersi ma ..

  • Da oggi scriverò solo su questo fantastico blog..ma non andrò allo stadio e tantomeno parlerò di calcio professionistico..se i professionisti sono questi..non meritano più la ns considerazione. .tavecchio x noi sei un povero fallito e ignorante..vi meritate solo che la juve vinca solo lei in italia..è questo quello che rimane del campionato più bello e incerto del mondo..una volta!

  • i 2 gruppi BRESCIA 1911 E ULTRAS BRESCIA CURVA NORD ….non hanno minimamente mai preso posizione e discusso dei vostri problemi mantenendo un totale distacco dalle vicende che vi riguardavano
    un abbraccio ai tifosi che soffrono
    stefano

  • Forza direttore, oggi piangiamo tutti è vero…ma per noi che non siamo di parma, è stato e vogliamo che sia un punto fermo..
    La nostra passione non possono portarcela via..in qualsiasi modo!
    Un abbraccio
    Nicola

  • Solidarietà da Piacenza. Ci siamo passati. In questi frangenti si vede chi è realmente attaccato alla maglia e chi invece è un tifoso da categoria. In bocca al lupo.

  • Gianluca R.

    Almeno questo spero ce lo passano concedere.. oggi mi piange il cuore e non solo.. ringrazio chi ha cercato fino all’ultimo di salvare questa società anche se le condizioni erano disastrose. Per chi non è di Parma questo epilogo è ancora peggio, pensare di non poter più nemmeno vedere il Parma in tv mi distrugge, cercherò di venire allo stadio il più possibile ma non sarà facile. Non oso immaginare chi come lei, i dipendenti e tanti altri per il Parma hanno dedicato la loro vita e hanno fatto tanti sacrifici. Non riesco nemmeno a scrivere una frase di senso compiuto oggi. Il Parma non morirà, da dove ripartiremo riusciremo a salire e a tornare dove ci spetta, ci volessero decine di anni ma torneremo, non voglio pensare di aver vissuto allo stadio l’ultima vittoria in a contro il palermo, quella sarà solo una delle tante altre vittorie che arriveranno. Ho letto Direttore che con le notizie di oggi difficilmente Stadiotardini.it potrà proseguire, quindi ne approfitto per augurarle ancora il meglio per la sua carriera, qualsiasi scelta farà. Ai tifosi dico di riunirci tutti e stringerci forte perchè dare dei piocioni alla gente non serve a nulla, noi non siamo falliti e torneremo a gridare FORZA PARMA come sempre facciamo, torneremo dove ci spetta, ne sono certo.

  • Solidarietà da Bari…Tornerete in poco tempo ai vostri livelli.

    In bocca al lupo Parma!!!

  • Emanuele Novizio

    Direttore prima di cosa grazie per tutto quello che ha fatto, davvero con il cuore.
    Vorrei farle una domanda che può sembrare Stupida :
    Può esserci Barilla in serie D?

    • Sì, è facile che Barilla ci sia in D. Diciamo che ne ho la certezza se proseguirà il progetto “Fenice”

      Cordialmente

      gmajo

  • Sono distrutto Gabriele, hanno distrutto la mia più grande passione. Oltre ai soldi, agli interessi nel mondo del calcio c’è chi come noi vive per la passione, vive aspettando la domenica per andare al Tardini, la nostra seconda casa, per andare a sostenere i colori gialloblù. Anni passati a gioire, soffrire , vincere e perdere al fianco del Parma. Non ho veramente parole. Mi dispiace immensamente per tutti i dipendenti che si ritroveranno senza lavoro dopo anni passati a lavorare con passione per il bene del nostro amato Parma.
    Voglio spendere due parole anche per questo sito che per anni ci ha tenuto compagnia informandoci, grazie a te, con notizie vere, puntuali e precise. Continua a “metterci il naso” Direttore, alla grande come sempre.

    • Grazie. Per quel che può servire mi stringo a te. Circa il sito bisognerà vedere come andrà al parma dopo di che vedere se ci saranno le condizioni di proseguire
      Cordialmente
      Gmajo

  • 50 anni trascorsi assieme sotto il sole cocente o la pioggia incessante ma sempre col cuore a 100 all’ora.
    Addio mio MITICO Parma; rimarrai sempre nel mio cuore
    RIP

  • Carissimo direttore, come tanti altri… voglio anche io avere la possibilità di salutarLa. Ho scritto una sola volta sul suo sito, ma l’ho sempre seguita in maniera assidua negli ultimi 5 mesi, sia qui che su tele ducato in streaming. Preciso che non sono nè parmigiano, nè tifoso del Parma, ma pugliese e grande tifoso della Juventus. Sono comunque molto legato a Parma e alla squadra, in quanto ho studiato e vissuto in questa città per quattro anni (dal ’92 al ’96), venendo in contatto con questa splendida realtà. Qui ho imparato molto (non solo dal punto di vista universitario), ma anche dal punto di vista umano e sportivo, avendo avuto la possibilità di incontrare gente fantastica ed una tifoseria particolarmente sincera e socievole… (anche se gli idioti son presenti ovunque…). Ho seguito le gesta della squadra da molto vicino grazie ad un collega universitario di Fornovo che riusciva a procurarmi gli ingressi al Tardini… in quegli anni ricordo si andava a vedere il Parma allenarsi in cittadella (Apolloni, Melli, Asprilla, Brolin, Zola… e il mio “compaesano” Benarrivo….) persino partecipando a qualche trasferta… con un club crociato a cui ero iscritto! Ho gioito con tantissimi parmigiani in piazza Garibaldi nella notte di Wembley… un po’ meno per la vittoria contro la mia Juve per la coppa Uefa….ma tant’è che nel calcio si vince e si perde! Così come allo stesso tempo sono rimasto turbato dal crack parmalat e felice per la ripresa successiva! Ho imparato a Parma cosa significa essere un “buon” tifoso di calcio, scevro da isterismi e amante del bel calcio… Ricordo che un giorno di sole dei primi di settembre, uscito prima di facoltà, incrociai per strada Zola, che era giunto da poco in città e che a piedi si nascondeva nel bavero del suo giubottino di pelle marrone per non farsi riconoscere, sotto la statua del Corridoni, col lo sguardo atterrito sul chi va là… per non essere aggredito da chissà quale malintenzionato… ricordo gli dissi: “guarda che qui non ti mangiano mica..”. Mi fece un sorriso… e forse si rese conto anche lui che a Parma il calcio è un’altra cosa!
    Mi spiace per la situazione che si è venuta a creare e nella quale non avete colpa come tifosi…
    IO stesso ho vissuto male la storia di Farsopoli nel 2006 ai danni delle mia squadra (da allora aspetto ancora GIUSTIZIA!!!). So che non è la stessa cosa… ma spero ritornerete presto nel calcio che conta per nuove sfide degne di questo nome.
    Ho imparato a conoscere la Sua sportività e il Suo impegno nel giornalismo libero da ogni costrizione e mi spiacerebbe davvero se Parma perdesse una voce come la Sua! Per tanto La invito a non mollare…
    Un augurio sincero dalla Puglia…

    • Grazie mille. Cercherò di valutare la possibilità di tirare avanti ancora, pur essendo arrivato al lumicino per quanto concerne l’aspetto economico, ma tutto questo affetto che mi state manifestando è benzina per cercare di proseguire.

      Un abbraccio crociato

      Gmajo

  • Scusa majo..ma oggi hai sentito percaso baraldi?

    • Ancora con ‘sto baraldi… E per cosa avrei dovuto sentirlo? Per la prossima D?

  • Gigi Apolloni

    In questo triste momento mi viene in mente Mat, con le sue fantomatiche connessioni petrolifere portoghesi e centro-asiatiche di cui non si poteva non rendersi conto (a sentir lui).
    Aveva una tale sicurezza nello sparare cazzate che avevo una gran voglia di credergli.
    Bravo lei Majo, una volta di più, a non dargli corda.

  • AlexDelPiero

    Buonasera Direttore,

    Mi spiace. Mi spiace sinceramente. E’ una brutta giornata per lo sport, per la città, per il calcio.

    Per chi – nonostante tutto e tutti – ancora crede in certi ideali. Nonostante i colori della sciarpa che indossa.

    25 anni di storia rimarranno per sempre agli annali. Ma gli annali sono fatti per essere aggiornati.

    Roberto

I commenti sono chiusi.