Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

46 pensieri riguardo “L’ANTI-MERCATOLOGO: “LA FIGC NON POTRA’ DISCONOSCERE LE DETERMINAZIONI DEL TRIBUNALE SUL DEBITO SPORTIVO, MA LA QUESTIONE DEI 5 MILIONI DELLA LEGA RESTA UNA BELLA GATTA DA PELARE”

  • 6 Giugno 2015 in 12:08
    Permalink

    ma quale antimercatologo d’egitto sembra piu’ un associazione a defungere 🙂

  • 6 Giugno 2015 in 12:26
    Permalink

    3. Non è proprio corretto parlare di 71mln ancora pendenti per il fatto che c’è una buona parte di rinunce al credito acquisite. Pendenti sono tutte le posizioni “tagliate” dai Curatori senza accordo con la controparte.

    Infatti mi sembrava strano che i tagli fossero “fantasma”.

    • 6 Giugno 2015 in 12:39
      Permalink

      In effetti eventualmente a rischio, come giustamente chiosato dall’anti-mercatologo, sarebbero le posizioni unilaterali assunte audacemente dai Curastars, e non tutti i 71 ml da loro tagliati.

      Non è mai stato scritto né da me, né da altri autori di StadioTardini.it che ci siano stati dei tagli fantasma, né è intenzione mia quale direttore, e di chiunque compone per questo giornale di approfondimento on line, asserire che suddetti tagli siano illegittimi: indubbiamente, però, per stessa ammissione di chi li ha fatti, si prestano ad azioni legali che, a parere del Mercatologo e mio, ma non dell’anti-mercatologo, potrebbero riguardare anche il compratore e non solo la Curatela. Tutto ruota attorno alla interpretazione dell’articolo 52 delle Noif, che vanno tenute presente assieme alle leggi fallimentari. Anedda & Guiotto sono convinti che incentivi all’esodo, premi, e pendenze con estero non siano dovute (sommariamente nel progetto di debito sportivo si ripete questa motivazione: “Non si ammette l’asserito credito in quanto il relativo titolo non è opponibile alla procedura anche perché privo di causa e di data certa e, comunque, in quanto i negozi sono simulati e/o invalidi e/o in frode alla legge. In ogni caso si rigetta trattandosi di credito non rilevante ai fini della determinazione del “debito sportivo” così come individuato dall’art.52 delle Norme Organizzative Interne della FIGC”), ma con interpretazioni meno audaci, moderne, artistiche, tradizionali, come sempre applicato nel passato, la si può pensare diversamente. Tutto sta nel capire cosa gli faccia affermare con decisione che i negozi fossero simulati e/o invalidi e/o in frode alla legge.. Ovviamente loro e il loro potentissimo studio legale sono sicurissimi del fatto loro: noi comuni mortali, senza i loro strumenti, non possiamo che prenderne atto, pur non potendo evitare di rimarcare le novità rispetto al passato.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 6 Giugno 2015 in 13:16
        Permalink

        Si figuri. Nel mio intervento di ieri la frase sui presunti tagli fantasma era solo una semplice domanda 😉

      • 6 Giugno 2015 in 13:43
        Permalink

        Questa dichiarazione dei Curastars e’ segno che per vecchia proprieta’ e direttore generale ci sara’ da visitare la Procura della Repubblica…

        • 6 Giugno 2015 in 13:52
          Permalink

          Non per fare l’avvocato difensore della vecchia proprietà, che mi reputava un proprio nemico, o del direttore generale (che solo dopo lunghi anni di contese ha riconosciuto la mia onestà intellettuale), ma penso che entrambi si comportassero, magari con maggiore disinvoltura di altri, ma così come abitualmente avviene nel mondo del pallone. Erano part integrante di un sistema, non delle eccezioni.

          E a proposito dei negozi simulati e/o invalidi e/o in frode alla legge ricordo che gli stessi erano liberamente accettati, per non dire beneficati, anche dagli altri contraenti (di qui il pugno duro e i muscoli tesi dei Popeye).

          Scorrendo il progetto di debito sportivo si nota come Ghirardi fosse alquanto generoso (con tariffe ben oltre le normali quote di mercato) con i figli degli amici, con gli amici, etc. etc.

          Gran parte di queste scritture (temo non tutte) erano su carte federali e depositate in Lega…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 6 Giugno 2015 in 12:30
    Permalink

    Fide come sei simpa mortadello!

  • 6 Giugno 2015 in 12:36
    Permalink

    Grazie, mi interessava proprio un parere qualificato sulla questione figc – quantificazione debito sportivo curatori

  • 6 Giugno 2015 in 12:55
    Permalink

    Ghirardello mancano 3 giorni, poi finalmente ti levi dalle palle. Mi dispiace soltanto che l’altro sfortunato continuerà a scrivere ma è più un fenomeno da baraccone che altro quindi glielo concedo

    • 6 Giugno 2015 in 13:19
      Permalink

      Ti ringrazio caro Brunetto della cortese attenzione, ma non ho mai detto che fra 3 giorni mi levo dalle palle (per usare un tuo felice francesismo)…ho sempre parlato di “termine della vicenda”…..vi siete (o vi hanno non so…) messo in testa che fra 3 giorni casca il mondo…guardate che potrebbe proprio non essere cosi’…
      Insomma potrebbero esserci code, strascichi, supplementi che implicherebbero la mia presenza ..tra le palle ovviamente..

    • 6 Giugno 2015 in 13:38
      Permalink

      parlavi ti qualche tuo parente ?

      quello che strappa i biglietti sull’autoscontro

    • 6 Giugno 2015 in 14:09
      Permalink

      non sei nelle condizioni di concedere nulla a nessuno te lo dico io che ci lavoro coi disabili o sfortunati come li chiami tu
      quindi prima di aprire quel buco del culo che hai al posto della bocca usa la carta igienica

  • 6 Giugno 2015 in 13:03
    Permalink

    Io penso che la vendita di Paletta sia da annullare in quanto fatta da soggetti criminali ed anche incentivi all’esodo sono fatte da persone cui pende la spada di Damocle della BANCAROTTA FRAUDOLENTA

      • 6 Giugno 2015 in 13:11
        Permalink

        Certo certo, CRIMINALI quando sarà dimostrato il tutto. ————————E’ come se una volpe viene accusata di avere la coda e la volpe lo nega————————-. Certo, certo CRIMINALI quando sarà dimostrato il tutto.

  • 6 Giugno 2015 in 13:07
    Permalink

    i CURATORI PER ME SONO angeli vendicatori MANDATI DAL CIELO PER METTER UN POCO DI ORDINE IN QUELLO CHE LA COPPIA DEL BUCO GHIRARDI E LEONARDI HANNO FATTO.
    TUTTI QUEGLI INCENTIVI ALL’ESODO PER ME VERRANNO ABOLITI e al limite dovrebbe pagare con IL DENARO la fabbrica della Leonessa chi ha creato queste turbative con prezzi esorbitantI per coprire DISTRAZIONI MILIONARIE.

  • 6 Giugno 2015 in 13:16
    Permalink

    Lasciatelo dire Majo, sei VERAMENTE forte. Nel giornalismo sei un’eccellenza. Rispondi quasi a tutti, sei alla mano, non sei montato, sei sincero, sei competente, metti l’anima nel tuo sito sei veramente un grande giornalista ed anche ……. un grande intenditore di donne ( e sai a cosa alludo)….. Bravo e CHAPEAU.

  • 6 Giugno 2015 in 13:46
    Permalink

    Direttore a parte le apprensioni e i miei pessimismi che non sono reali ma solo fittizi per fare incavolare e per fare un po di teatro sdrammatizzando o attizzando, a secondo dei casi chi mi sta sulle palle, io spero veramente che il Parma possa essere venduto. Al nuovo proprietario però suggerirei di dare una mano in soldoni a questo sito perché lo merita e fa parte ormai IN MODO VISCERALE del Parma ed è un sito questo, nettamente più valido CONOSCIUTO e funzionale del sito ufficiale del Parma. Ecco perché se il Parma verrà venuto mi attiverò e nel mio piccolo cercherò di spronare la nuova proprietà a finanziare questo suo progetto che è ampiamente riuscito e merita di essere potenziato e oliato con un poco di denaro fresco dalla società e da qualche sponsor crociato. Vedrà che campagna farò….

  • 6 Giugno 2015 in 14:04
    Permalink

    ..e dove c’è majo c’è gnocca..apparecchiata!

  • 6 Giugno 2015 in 14:09
    Permalink

    Scusi Majo ma ieri ha parlato di “Istituto Luce” del web. Ci sta dicendo che ci sono dei siti che si occupano del Parma che fanno le veline dei curatori o della società?

    • 6 Giugno 2015 in 14:58
      Permalink

      Diciamo che ci sono alcuni leggermente più inesperti o più entusiasti del sottoscritto secondo cui la parola dei Curastars è vangelo. Io sono sempre stato un eretico che ha messo sempre tutto in discussione…

  • 6 Giugno 2015 in 14:54
    Permalink

    Direttore secondo TV parma Piazza non verrà a Parma ma conferma che ha creato una società per poter presentare un’offerta,è incredibilmente in 48 ore Corrado passa da una frenata ad essere in prima fila

    • 6 Giugno 2015 in 15:21
      Permalink

      Ahhh…quindi il belloccio resta al caldo sole delle spiagge caraibiche?….
      Azz….aveva spergiurato che domani sarebbe stato a Parma…
      Se il buongiorno si vede dal mattino…..

      • 6 Giugno 2015 in 16:01
        Permalink

        Non aveva spergiurato nulla. L’indiscrezione che il 7 avrebbe potuto tornare in italia era filtrata dal suo entourage, non lo aveva detto lui. E magari arriva davvero, ma senza fanfara. Ci sarebbe anche da dire che chi mi aveva accennato al possibile ritorno per il 7 aveva pure accennato a un inquietante se ci saranno i presupposti su cui è meglio glissare…
        Cordialmente
        Gmajo

        • 6 Giugno 2015 in 16:06
          Permalink

          E perche’ glissare Majo…spiega…

          • 6 Giugno 2015 in 16:23
            Permalink

            forse voleva dire glassare lo fa piu’ chef di quel che sia

          • 6 Giugno 2015 in 16:36
            Permalink

            Semplicemente volevo dire che è meglio non pensare al fatto che il mio referente mi aveva riferito che piazza sarebbe tornato il 7 se ci fossero state le condizioni…

    • 6 Giugno 2015 in 15:25
      Permalink

      Ha creato una società di pulizie per fare Piazza pulita di alcuni escrementi presenti nel blog.

    • 6 Giugno 2015 in 15:43
      Permalink

      tral’altro quanto stanno tifando per Piazza Tv Parma e Gazza?

  • 6 Giugno 2015 in 15:37
    Permalink

    direttore salve,non cè il timore che tra frenate ecc alla fine ne piazza ne corrado si facciano avanti?è certo che poi rogato ci spedisca dritti in D ?la ringrazio

    • 6 Giugno 2015 in 15:53
      Permalink

      Infatti resto ancorato a un salomonico 50% che significa che è possibile tutto e il contrario di tutto.
      Io, comunque, non ravviso alcun tipo di grenata. Né gli approfondimenti che sforniamo da ieri hanno la finalità di smontare qualcuno, quanto spronare a una dana consapevolezza. Che per altro non è certo una diminutio del lavoro dei curastars per i quali non sento il bisogno di inculanirmi…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 6 Giugno 2015 in 16:11
    Permalink

    Direttore se Piazza non arriva a Parma è da escludere categoricamente una suo offerta all’asta o potrebbe esserci qualche suo delegato? Anche perché da più parti confermano la creazione di una società per formulare un’offerta,che senso avrebbe?

      • 6 Giugno 2015 in 16:41
        Permalink

        non c’e’ alcun dubbio…ma siamo sempre la…
        Alla vigilia di una acquisizione societaria complessa e importante (robetta da 30 milioni), che puo’ avere causa altri concorrenti intoppi di non poco conto io che faccio?….Mi reco sul posto perfezionando il tutto gia’ due settimane (almeno) prima o mi faccio di nebbia sulle spiaggie caraibiche tra gli happy hour dell’ocean road, i colorati coktail e i turgidi seni siliconati?….
        Costui ha scelo l’ipotesi seconda…
        E messa cosi’ direi che non fatto neanche male…
        Chi sceglierebbe una giornata al tribunale di Parma in compagni di Anedda&Guiotto invece delle spiagge della Florida tra bikini mozzafiato e acqua cristallina…

        • 6 Giugno 2015 in 16:44
          Permalink

          Manco alfredo… Forse assioma… O i culani per i curastars…

          • 6 Giugno 2015 in 19:52
            Permalink

            Mossa astuta invece il non venire a Parma che inoltre lascia intendere che ci saranno due offerenti all’asta. Astuta perchè Piazza ha sicuramente talponi che sanno che ci sarà un probabile concorrente e consiglieri che curano la sua immagine. Venire a Parma e perdere l’asta sarebbe come tornare a casa con la coda tra le gambe e Mike non vuol fare la figura del perdente, sbarcare da vincitore invece vuo dire fare il primetime su tutti i canali USA e Italiani. Per le pratiche basta un iphone mentre sei in spiaggia col cocktail in mano. Ci sono persone che spostano milioni da bordo piscina o acquistano opere di Picasso o Rembrandt alle aste con il telefono.

            Per quanto riguarda i curatori TUTTI CULANISSIMI per il lavoro fatto… oh è uno sport, cercate almeno di sorridere ogni tanto, sembra che vi siate seduti su una scopa.

  • 6 Giugno 2015 in 16:19
    Permalink

    Piazza ha voglia di prendere il Parma come uno scapolo incallito, di prendere moglie. Corrado si è già da tempo raffreddato al di la delle smentite patetiche di Majo. La verità che non solo non ci saranno i rigori, non solo non ci saranno i tempi supplementari ma non c’è mai stata non c’è e non ci sarà mai partita. Il Parma silurerà in serie D tra la gioia di Boni e quella devastante dei MILLEPIEDI che già pregustano come avvoltoi il prelibato e succulento banchetto.A proposito i tranquillanti vanno presi dopo la colazione mattutina del 9 giugno e mi raccomando a stomaco pieno. Io ho già messo tutto in preventivo. L’unico motivo di soddisfazione per me e penso per moltissimi tifosi, sarà quello di sapere che la banda AMAURI non percepirò nemmeno un euro, ma che dico, NEMMENO UN CENTESIMO e la prenderà in quel posto lui e la sua vigliacca ciurma nemica del Parma e questo, pensatela come vorrete ma è una grande soddisfazione.

    • 6 Giugno 2015 in 16:26
      Permalink

      Patetici saranno, semmai, alcuni suoi commenti e non certo le mie smentite del raffreddamento di corrado.
      Corrado è sempre in tiro

      • 6 Giugno 2015 in 18:12
        Permalink

        Intendevo dire patetici e cioè spalmati con il patè e per questo più gustosi specialmente per gli affamati e noi che siamo affamati di serie B una smentita patè tica è ancora più gradita

  • 6 Giugno 2015 in 16:33
    Permalink

    nn vedo l’ora che arrivi il 9 mi stanno girando i maroni ci sn certi commenti di gente stupida che fa venire il voltastomaco sl a leggerle ma basta. dico io aspettate e poi dp tireremo le somme, e quanti gufi mamma mia schiattate mangiatevi il limone .povero direttore che ha una pazienza enorme cm fa a nn sopportarvi……….

  • 6 Giugno 2015 in 23:20
    Permalink

    Direttore , ma quanti crediti ha ancora Velenoso ??? Chilù l’è mja normel !!! Una volta dice una cosa dopo 2 minuti l’esatto contrario. Che uomo inutile. Non è che di nome fa Mirco e L. di cognome ? Solo in quel caso potrei giustificarlo. RINCHIUDETELO !!! Col caldo poi si è aggravato !!!

  • 7 Giugno 2015 in 02:44
    Permalink

    Io resto dell idea del direttore.
    E’possibile che qualcuno compri ma non probabile.
    La serie d (che poi sarà lega pro alla fine) non è alla morte del Parma. Bensì la morte sarà l anno prossimo quando l’ UEFA verrà a bussare per i debiti verso le società estere e quando la lega ci farà pagare sul campo i 5 milioni sborsati. Nel caso di probabile non risalita in a preparate i sarà peggio di questo anno.
    Questa è l’occasione giusta per ripartire.
    Puliti ed onesti che di merda ne abbiamo già raccolta troppa.

    • 7 Giugno 2015 in 02:50
      Permalink

      la pulizia del calcio è a prescindere dalla categoria. Questa catarsi correlata alla serie d mi pare ridicola.

      E comunque non si può dilapidare un patrimonio senza muovere una paglia.

  • 7 Giugno 2015 in 03:08
    Permalink

    questo è anche vero direttore!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI