LETTERA APERTA DI “FAMIGLIA CROCIATA”, GRUPPO WHATSAPP DI TIFOSI CROCIATI, A GIOVANNI CORRADO: “NON SE LA PRENDA PER GLI INSULTI SUI SOCIAL E GRAZIE PER QUELLO CHE FA”

Gent. Sig. Giovanni Corrado,

Le scrivo, a nome di “Famiglia Crociata”, il gruppo di supporter crociati che dialogano su WhatsApp, in seguito alle notizie lette ieri riguardanti gli insulti da Lei ricevuti sui social. Innanzitutto La invito a non dare troppa attenzione a questi “tifosi”: la rivalità tra Parma e Juventus è forte e molto sentita, ma ciò che Lei, Suo padre e la Vostra cordata state facendo per la continuità del Parma va infinitesimamente al di là di questo. Qui si tratta di sopravvivenza, di differenza tra esistere o sparire, forse questi soggetti non lo hanno ancora ben capito! Parma e i suoi tifosi sono l’elite del tifo in Italia e forse in Europa, noi prima di contestare cerchiamo il nodo del problema ed è per questo che ci siamo rimasti molto male leggendo tali insulti. Ci auguriamo che non siano veri tifosi parmigiani perché sarebbe per tutti noi un grande dispiacere. E’ anche vero che quando si è in tanti e si arriva da un periodo così frastornante qualcuno può partire per la tangente…

Noi abbiamo il Parma nel cuore e lo difenderemo con ogni nostra forza e Voi state facendo altrettanto e forse anche di più, quindi soltanto una cosa: massima stima.

In fede.

C.M.

(co-admin Famiglia Crociata)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

FAMIGLIA CROCIATA, IL PRIMO RADUNO DEL GRUPPO WHATSAPP DEI TIFOSI DEL PARMA AL TARDINI E AL PETITOT – Le video interviste di Gabriele Majo e la fotogallery amatoriale

MOONTALK / #SAVEPARMA: il primo raduno del gruppo di tifosi del Parma su WhatsApp

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

58 pensieri riguardo “LETTERA APERTA DI “FAMIGLIA CROCIATA”, GRUPPO WHATSAPP DI TIFOSI CROCIATI, A GIOVANNI CORRADO: “NON SE LA PRENDA PER GLI INSULTI SUI SOCIAL E GRAZIE PER QUELLO CHE FA”

  • 16 Giugno 2015 in 05:37
    Permalink

    Sulla rete aveva ragione Eco. E` popolata dal peggio del peggio della razza umana.

  • 16 Giugno 2015 in 07:12
    Permalink

    Pubblicando questa lettera non ha fatto un piacere ai componenti del gruppo… 😉

      • 16 Giugno 2015 in 09:09
        Permalink

        Basta leggerla…come vogliamo definirla? Improvvida può andar bene? 😉

        • 16 Giugno 2015 in 09:28
          Permalink

          Improvvida? Non capisco…

          Comunque ha ragione l’utente che ha scritto che il tuo nickname non è consono o improvvido. E sarebbe meglio lo cambiassi.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 16 Giugno 2015 in 09:52
            Permalink

            Majo, se Corrado si tira dietro per un nick siam messi male…

            Quanto alla lettera (così rispondo anche all’utente MAK), direi che è ora di finirla con questa scemenza che chi dice una parola fuori dal coro è automaticamente nemico del Parma…era lo stesso modo di ragionare di quello che ha causato questo disastro e della sua corte dei miracoli (a proposito…sono vivi? O stanno aspettando che venga fuori il compratore per poi partire con le leccate? Sa, i contratti per la gestione dei bar son scaduti…) e lei ne sa qualcosa, o sbaglio? 😉

            P.S. se sarà Corrado il compratore tanto di guadagnato, ma sia lui che il ramPOLLO sono due gobbi di merda. E questo è un fatto.

    • 16 Giugno 2015 in 08:54
      Permalink

      Il nick che hai scelto é da anti tifoso del Parma. Se ci prende Corrado dovresti solo leccarti i gomiti oppure tifare un altra squadra.

      • 16 Giugno 2015 in 13:11
        Permalink

        Figa oh ma allora sei un duro… “gobbo di merda”, “il figlio di corrado è un gobbo”… “pollo”… Chissà a Ghirardi quante gliene hai suonate vero? te che non lecchi. Ma va cagher in tal bagansa va, lo sai quanti gobbi giocano come giocatori nel Parma? Ripeto, leccati gomiti se non finisce la storia del nostro Parma e cerca di tornare sulla terra per un attimo, il campionato è finito, tieniti gli insulti ai gobbi per il prossimo anno. Piazza o Corrado sono pronti a metterci milioni (miliardi di lire se ti fa piacere te che sei un puro antighirardiano della prima ora) e fai pure il duro schizzinoso.

        • 16 Giugno 2015 in 13:45
          Permalink

          A parte che l’unico che sta facendo il duro sei tu…ma se ti fa star meglio continua pure.

          Ghirardi non l’ho mai osannato, gli ho riconosciuto i meriti quando era giusto farlo e ovviamente ora spero vada in galera, ma riguardo alla sua juventinità l’ho criticato dal giorno 1.
          Quando parli di leccate dovresti guardare a certe componenti del tifo…

          Per il resto non faccio lo schizzinoso, ma il mio pensiero è quello di Stefano: a 25 anni NON puoi fare il presidente, sopratutto se sei abituato ad avere la minestra pronta.
          La juventinità è un’aggravante che gli rinfaccerò anche se dovesse diventare presidente. Se poi tu hai paura che un affare da 30 milioni sull’unghia salti perché si critica la sua fede sportiva…

          Un’ultima cosa: nel caso dovesse diventare presidente non lamentarti se dovesse calare le braghe davanti ad Agnelli alla premiazione di “sport e civiltà”…è tipico dei rampolli gobbi che non hanno mai fatto UN CAZZO in vita loro.

          P.S. spero di non aver esagerato con il testosterone.

  • 16 Giugno 2015 in 07:40
    Permalink

    Bravi

  • 16 Giugno 2015 in 08:51
    Permalink

    Io non credo che siano tutti tifosi del Parma. Molti remano contro la permanenza del Parma nell elite del calcio per gelosia e anti sportività, basta vedere cosa dice e scrive quel reggiano di Boni. Quindi mi associo alle migliaia di parmigiani che gridano Forza Corrado e Forza Parma!

    • 16 Giugno 2015 in 17:40
      Permalink

      BRAVO MAK: COME SEMPRE.

  • 16 Giugno 2015 in 09:05
    Permalink

    Scusate ma si può anche sapere non tanto chi ma almeno cosa è stato scritto? Perchè io l’unica cosa che ho letto è stato un articolo di quattro righe più il titolo scritto da teleducato in cui di offese si parla solo nel titolo…..ho perso per strada probabilmente tutti gli altri pezzi della vicenda anche perchè non credo che si possa arrivare ad insultare dei fantasmi e nemmeno a scrivere una lettera (che ricorda molto quelle scritte a Ghirardi quando tornò al paesello) basandosi solo su un articolo di teleducato…..

    • 16 Giugno 2015 in 09:13
      Permalink

      Sul profilo Facebook di GiovCorrado c’erano insulti per la sua juventinità (peraltro alimentati da precedenti esternazioni non propriamente felici del medesimo), poi, anche dietro il consiglio fatto filtrare da qualcuno con cognizione, il suddetto ha deciso di cancellare il profilo. Anche se probabilmente avrebbe fatto meglio a cancellare quelle espressioni di juventinità prima di tuffarsi in questa operazione, o prima che si scoprisse che c’era lui dietro.

      Circa la letterina, che ti devo dire? Ieri sera sono stato contattato dal firmatario che mi ha chiesto ospitalità e io gliela ho concessa. Poi che si scusino loro che sembrano non aver commesso il fatto è un altro discorso.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 16 Giugno 2015 in 10:20
        Permalink

        Bhe allora facciamo lettere anche verso l’upi e verso la cordata che voleva il Parma in D. Secondo me se tuo padre cerca di comprare il parma e vuole farti fare il presidente e te sei gobbo (quindi avrai gridato parma merda chissà quante volte) o declini oppure perlomeno togli le foto da fb.

          • 16 Giugno 2015 in 10:56
            Permalink

            Si dopo tre mesi…..l’ho visto anch’io il profilo di Corrado e non tre mesi fa. Per non parlare della lettera….va bhe ma comunque non ci sono problemi. Era carente di appeal dopo l’avvento di Piazza? Ecco che si è ripreso un po di popolarità…. Comunque sarebbe bello se le lettere venissero scritte anche verso chi sta facendo di tutto per metterci i bastoni tra le ruote che sono già traballanti di loro (vedi il Brescia….che caso, stessa città di Ghirardi….)

  • 16 Giugno 2015 in 09:15
    Permalink

    Vogliamo parlare degli insulti piovuti addosso ai sig.Dallara end friend’s?…di questi il gruppo watshapp non ha nulla da dire?…
    Il tempo sara’ galantuomo anche per loro….bisognera’ chiedergli scusa…altroche’….

    • 16 Giugno 2015 in 10:05
      Permalink

      Pensa un po’, mi tocca dar ragione a Ghirardello…

      Dallara, che è una persona seria, perbene e che ha lavorato una vita per mettere su un gioellino di azienda, è stato trattato come l’ultimo degli stronzi per degli scivoloni comunicazionali.

      Se però a scivolare è un ragazzo che un giorno fa l’attore e un giorno l’aspirante presidente, sempre e solo grazie al padre, allora va tutto bene e anzi si fanno letterine di scuse non si sa bene per cosa poi.

      Continuiamo a far la figura dei furbi che andremo lontano…

      • 16 Giugno 2015 in 10:53
        Permalink

        Santissime parole caro il figlio di Corrado e’ gobbo.
        Inoltre mica si puo’ vendere la pelle dell’orso prima di averlo abbattuto….
        E se alla fine i due contendenti non ce la fanno?…sara’ gia’ il giorno 22 e bisognera’ fare in frettissima….
        E chi resterebbe in campo?…Uno sbertucciato,insultato,umiliato e offeso Dallara and friend’s al quale bisognera’ chiedere scusandosi in tutta fretta di portare a termine la faccenda scordandosi di tutto quanto…senno’ il rischio di perdere per pochi giorni la possibilita’ di disputare pure la D e’ fortissimo….
        Altroche’ piocioni e tutto il resto che gli e’ piovuto addosso…
        Altroche’…

        • 16 Giugno 2015 in 11:00
          Permalink

          Non preoccuparti…..lunedì se Corrado non ci comprerà sarà colpa di chi lo ha offeso….questa è la mentalità di chi si stramerita Ghirardi a vita

          • 16 Giugno 2015 in 11:20
            Permalink

            Penso che chiunque di buon senso si renderà conto che i problemi sono ben altri

          • 16 Giugno 2015 in 11:36
            Permalink

            No, sara’ colpa dei troppi soldi che occorreranno…
            Ma io mi metto nei panni di Dallara e gli altri…hanno detto gia’ da tempo che sono pronti per un altro progetto con una loro cosa casomai si dovesse verificare l’evenienza….
            Invece di dire “speriamo non ce ne sia bisogno in ogni caso”….giu’ insulti,epiteti,ironie etc. etc….
            Ma voglio dire….e se questi il giorno 20 dicessereo “be’ visto e considerato che la nostra proposta non trova gradimento la ritiriamo”…..che si fa?…..si corre il rischio (con quel fenomeno del sindaco andato a sentir chiacchiere in America…proprio in questo delicato momento..) di ritrovarti davvero col nulla in mano e avere di fronte 4/5 giorni per dover fare tutto quanto…
            Senno’ ti ritrovi in terza categoria….
            E non ridete….andate a chiedere a Livorno (anni fa..lo so bene) in che campi si sono ritrovati a giocare….
            Quindi io critiche e preferenze ne manifesteriei…e questa e’ cosa ovvia e lecita..
            Ma insulti e il dileggio lo eviterei con cura….
            Hai visto mai…..

          • 16 Giugno 2015 in 12:09
            Permalink

            Non credo che Dallara si possa esser offeso se qualcuno gli ha dato del “piociò”. Se così fosse sarebbe inadatto al mondo del calcio dove serve meno sensibilità.

            A parte che, appunto per lo scarso gradimento di chi pensava alla D, quando altri ci illudevano con la B, Dallara mi sa che si fosse un po’ spaventato e tirato indietro, assieme alcuni altri.

            Purtroppo al di là di qualche frase infelice sua, ci sono stati altri tra i cocoon che avrebbero dovuto agire differentemente per evitare quel che è accaduto.

            Ma ribadisco: se uno si offende se prende su del piociò può starsene a occparsi di altro perché nel calcio è il minimo che possa capitare…

            Cordialmente

            Gmajo

      • 16 Giugno 2015 in 12:00
        Permalink

        no ma questi sarebbero i veri parmigiani,pensa ti che testi…..

  • 16 Giugno 2015 in 09:19
    Permalink

    Rischiamo il baratro e certe persone che non chiamo tifosi..si permettono di fare distinzioni, di offendere (da quel che ho capito) e infangare quelli che davvero stanno facendo di tutto per salvare questa cittâ..questa societá!! Sbaglio direttore?? Siamo tutti un po troppo pro Piazza mi sa…

    • 16 Giugno 2015 in 09:25
      Permalink

      Sì, il quale, comunque, al di là del colpo a sorpresa Baraldi ha pur sempre ancora tutto da dimostrare…

      Resto convinto, poi, che la sua discesa in campo abbia complicato le cose più che agevolato: la concorrenza tra due possibili padroni complica il lavoro di convincimento ad abbassarsi il costo futuro della miriade di giocatori a contratto che possono giocare al rialzo con gli uni e con gli altri, forse non consci che se il Parma sarà cancellato quei contratti non varranno nulla.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 16 Giugno 2015 in 09:38
    Permalink

    Approfitto per dire due cose a qualche amico di giovanni corrado che ha preso le difese del compagno di squadra da più parti dicendo che non si può criticare un giovane che cerca d fare imprenditoria. Fare imprenditoria significa buttarci i propri soldi, e correre un rischio aziendale. Giovanni Corrado messo dal papà presidente non è imprenditore. E’ chiaro? Da quello che emerge dalle carte presentate la fam. Corrado non è azionista perchè i giornali hanno riportato due società che non sono di Corrado. Sbaglio?. Il ruolo di Corrado junior presidente non è quello dell’imprenditore, ma si configurerebbe come un manager. Ora, cari amici di Corrado junior, non volere Giovanni Corrado presidente non significa dargli del “stupido, nullafacente”, ma significa che dire che per un ruolo così importante serve gente preparata, competente, credibile (eh si credibile) e con esperienza che con tutto rispetto non può avere uno che è uscito ieri dall’università e non ha alcuna esperienza effettiva nel mondo del lavoro. Uno che esce dall’università non sa niente (ci sono passato anch’io eh). Non stiamo parlando di fare lo stagista dell ufficio amministrativo, ma bensì dle ruolo di presidente. Mi dispiace che qualche amico non sappia cosa significa la parole imprenditore e neppure cosa significhi fare il presidente. Ne deve mangiare di crostini prima di ricoprire certi ruoli il figlio di Giusepep Corrado.
    Il discorso della juventinità (il profilo del padre è molto peggio da questo punto di vista) è un altro discorso.

    Forza Mike.

    • 16 Giugno 2015 in 13:19
      Permalink

      Su buona parte di questo ragionamento mi trovo daccordo. Non bisogna comunque dimenticare che ditero Corrado ci sono imprenditori e cordate di altissimo livello, la figura di presidente del figlio penso sia una figura simbolica di convergenza e sotto tutela. Chi comanda (come in altri settori) sarà chi effettivamente metterà i capitali il resto è solo fuffa un po’ provinciale.

    • 16 Giugno 2015 in 15:28
      Permalink

      per tanti versi, il tuo discorso è condivisibile, ma ti posso garantire che buona parte degli imprenditori che conosco lo sono grazie ai loro padri che li hanno messo ai timoni delle loro aziende e questo non solo a livello locale. Cosa ne pensi di Marina, Barbara e Pier Silvio? Se non sono degli imprenditori come vuoi definirli? Ma al peggio non c’è mai fine se pensi che a Fontevivo è stato eletto un sindaco di 20 anni…………………………….

    • 16 Giugno 2015 in 17:53
      Permalink

      Sarei curioso di sapere da tutti questi signori che riempiono post piu o meno denigratori su Giovanni Corrado ,chi gli ha detto che farà il presidente.

    • 17 Giugno 2015 in 00:58
      Permalink

      Mi fa piacere che ci sia qualcuno che insegna la vita agli altri e che sa’ tutto!evidentemente nel credere di sapere tutto molte volte non ci si accorge di non sapere nulla.
      Punto primo la famiglia Corrado parteciperà’ nel caso attivamente
      Punto secondo nessuno ha detto che nel caso Giovanni farà’ il presidente,cosa che non farà’!
      Punto terzo se la famiglia Corrado ed Enzo ricci si sono avvicinati al parma e’ solo per merito del fancazzista 25 enne che lavora per una finanziaria con i controcoglioni!
      Punto quarto di assicuro che di presidenti e di imprenditoria da queste parti qualcuno ne capisce un minimo!

      Aspettiamo un giorno di capire quanto ne capirà’ un giocatore di baseball

  • 16 Giugno 2015 in 09:44
    Permalink

    Allora Piazza tifa Palermo! Assurdo insultare chi cerca di salvarci e poi non dimentichiamoci che il 90% delle persone dell’eta’ del figlio di Corrado adesso magari tifano Parma e fanno i buoni ma prima sono stati tutti Juventini, Milanisti ecc….

    • 16 Giugno 2015 in 11:45
      Permalink

      ma chi se ne frega se è juvetino. E’ inadeguato a fare il presidente e ricoprire cariche importanti nel Parma. Che si faccia un po’ di esperienza come fanno tutti alla sua età, poi se è bravo avrà ruoli importanti. Al massimo può fare lo stagista nell’area finance del Parma, poi tra cinque o sei anni ne riparliamo. A 25 anni uno non può fare il presidente. Chiaro? Ma non perchè è juventino ma perchè servono qualità che ora lui non ha come è normale che sia.

      • 16 Giugno 2015 in 12:25
        Permalink

        E’ un discorso diverso, una critica costruttiva che non ha nulla a che fare con le offese sul web o in città di cui all’articolo. Fidati che diversi uomini di Neanderthal non ragionano come te e quindi ci sta che altri prendano le distanze e manifestino la propria riconoscenza per i lavori in corso da mesi, che richiedono una spendita di tempo e soldi non indifferente

  • 16 Giugno 2015 in 10:07
    Permalink

    Tanto ci compra piazza.. sempre se qualcuno comperA

  • 16 Giugno 2015 in 10:45
    Permalink

    Le Offese NO ma la Critica SI almeno quella !!!!

    Come anke essere Polemici ci stà !!!!

    Per il Momento NON è Reato !!!!

    Poi un Professionista o Personaggio Pubblico

    Deve dare l’ Esempio e Accettare il Bello o il Brutto !!!!

    Sarebbe Troppo Comodo !!!! Magari mi Sbaglio !!!!

    Per Fortuna ke Siamo Tutti Diversi Però !!!!

    La Colpa Morì Fanciulla Perkè Nessuno la Adottò !!!!

  • 16 Giugno 2015 in 11:13
    Permalink

    Ma di cosa stiamo parlando? vogliamo tutte vergini con l’abbonamento del Parma in tasca?
    Dunque Piazza posa con la maglia del Palermo, Gerali è milanista, Baraldi ha fatto il giro delle 7 chiese e Franzone più che per meriti sportivi è famoso per assegni rubati.
    Poi stiamo a fare le pulci a Corrado Jr….. ma veramente….!!!
    Speriamo che qualcuno ci compri altrochè!

  • 16 Giugno 2015 in 11:45
    Permalink

    Se non sbaglio anche ciccibello da carpenedolo e’un gobbo e abbiamo visto cosa ci ha combinato cio” non toglie che se corrado ci salvasse dovremo fargli un monumento e ringraziarlo a vita.
    Poi pensate quanti giocatori anche del parma e delle giovanili purtoppo tifano rubentus cosa facciamo le abbattiamo?

    SAVE PARMA

    • 16 Giugno 2015 in 12:05
      Permalink

      se è per quello anche ghirardi lo avete ringraziato a vita.

      Non credo che essere servili sia l’atteggiamento migliore. Se no è come seguire la filosofia di vita di Vanni Zagnoli…

  • 16 Giugno 2015 in 11:55
    Permalink

    Credo che con certi commenti (alimentati anche da un vuoto mediatico imbarazzante fatta eccezione per Majo), si sia toccato il fondo …ed ultimamente si stia cominciando a scavare. Fuor di metafora: nell’attuale situazione, delicata più di quanto sia percepito, asteniamoci da giudizi prefabbricati sul tifo calcistico di eventuali acquirenti, qui si tratta di augurarsi che il Parma “cada” in mano a chi ha risorse, ambizioni,capacità imprenditoriali e quel tanto di “bastardaggine” indispensabile per muoversi incolumi in un ambiente (lega, federazione) non certo frequentato da missionari….

  • 16 Giugno 2015 in 11:55
    Permalink

    Come si può fare per entrare in questo gruppo?! Grazie

  • 16 Giugno 2015 in 11:58
    Permalink

    Vi siete scordati il gobbo paolo grossi gazzetta di parma e schianchi interista gazzetta dello sport che come sempre sono molto pessimisti che il parma venga comprato palla in tribuna di ieri tv parma.
    Guardare queste trasmissioni ti assale un angoscia incredibile i gufi a casa.

    • 16 Giugno 2015 in 12:00
      Permalink

      non mi pare che paolo grossi abbia simpatie juventine…

  • 16 Giugno 2015 in 12:01
    Permalink

    FRANCAMENTE DOVER RINGRAZIARE PER ALTRI 50 ANNI
    GLI AMERICANI MI DAREBBE MOLTO FASTIDIO…

  • 16 Giugno 2015 in 12:25
    Permalink

    Te lo assicuro lo conosco personalmemte allora lavoravo in radio e lui era in redazione non credo che con il passare del tempo si sia convertito se vuoi proseguo billy milanista silva interista e io mi incazzavo perche’ nessuno tifava parma come me’.
    Un grande tifoso del parma era aldo curti che anni fa’ aveva anche giocato con i crociati.
    Chiaramente lavorando per una tv locale e’ logico che scrivano le vicende del parma ma da qui a essere tifosi ce ne passa.
    Molti da ragazzini avevano 2 squadre forse anche tu’ direttore poi per me’ il parma e’ diventata l’unica fede ma si sa’ non siamo tutti uguali, per me’ chi tifa 2 squadre non e’ un vero tifoso con questo concludo facendoti un in bocca al lupo per i tuoi 40 di passione di giornalismo e di esperienze radio televisive.
    Io ho iniziato nel 1981 con radio bella e smesso nel 1996 a tvpr

  • 16 Giugno 2015 in 17:04
    Permalink

    IL FATTO CHE ABBIATE AVUTO IL CORAGGIO DI CRITICARE
    IL FIGLIO DI GIUSEPPE CORRADO PERCHE’ E’ GIOVANE E COSE VARIE…MA PAOLA BERLUSCONI QUANTI ANNI HA?? 60?
    MA CON QUALE DIRITTO??
    QUANDO CE’ STATO IL MOMENTO DI CRITICARE CICCIOBELLO E IL ROMANO NON LO AVETE FATTO…ANZI FINO ALL’ULTIMO AD APPLAUDIRLI…
    ALLORA PERMETTETEVI DI DIRVI CHE SIETE SOLO DEI VIGLIACCHI!

    • 16 Giugno 2015 in 18:04
      Permalink

      Abbassa i toni e non offendere (poi dare del vigliacco da dietro un computer è il colmo). Non ti permettere di criticare i tifosi con l’accusa di non avere contestato Ghirardi e Leonardi prima del tempo, cosa avremmo dovuto fare prima di avere la certezza che entrambi stavano facendo il male del Parma? basarsi su voci e sentito dire è da incoscienti, anche se a posteriori si rivelano veritiere. Quando poi sono usciti i fatti i due sopracitati sono stati criticati eccome, bastava recarsi al Tardini almeno una volta quest’anno per accorgersene, fidati di me che di volte all’anno c’è ne vado diciannove. Forza Parma

      • 16 Giugno 2015 in 18:08
        Permalink

        Cmq io gli elementi per capire ve li avevo dati tutti con prove provate, ma foste sordi a non voler sentire e credere ciecamente nei vs miti…
        Cordialmente
        Gmajo

        • 16 Giugno 2015 in 18:47
          Permalink

          Sig. Majo onestamente ho scoperto il suo sito da non molto tempo e quindi consequenzialmente non avevo visto le prove che lei aveva dato allora. Se la critica, che comunque accetto, è estesa più in generale agli assidui frequentatori della Nord come mi sembra di capire, le dico che personalmente non posso rispondere di tutti ma solo di me stesso e comportarmi in modo diverso da come ho fatto mi allora mi sarebbe sembrato illogico.

        • 16 Giugno 2015 in 18:52
          Permalink

          Diro’ di piu’…da fuori e senza tanti elementi in mano gia’ si era fiutata l’aria da un pezzo….
          Ma come nel caso dei mariti cornuti…l’interessato e’ sempre l’ultimo a sapere…

    • 17 Giugno 2015 in 02:33
      Permalink

      a me di paola berlusconi non me ne può fregare dii meno. (ps: mi sembra che mediaset, quindi piersilvio berlusconi, stia andando male, Mondadori ovvero Marina Berlusconi, stia andando ancora peggio). In ogni caso, l’esempio è sbagliato perchè loro sono imprenditori, Corrado non lo è, e nemmeno il figlio. I soldoni li mettono altri. E’ un ruolo da manager il suo e con tutto rispetto da tifoso io mi permetto di dire che un 25 enne è uno sbarbatello senza espereinza. E mi dici “come ti permetti”…. Io non giudico corrado jr che può essere un bravo ragazzo , giudico il suo curriculum che è inadeguato completamente a ricoprire ruoli di responsabilità ora, figuriamoci a fare il presidente.
      Poi sulla qualità della cordata di corrado…. insomma, se si parla del Gruppo Brioschi basta vedere la posizione finanziaria netta…

  • 16 Giugno 2015 in 18:25
    Permalink

    “PRIMA TI IGNORANO,POI TI DERIDONO,POI TI COMBATTONO,
    POI VINCI” (ctz. mahatma gandi)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI