LUCARELLI ASSOLVE TAVECCHIO (“HA MANTENUTO QUEL CHE HA PROMESSO”), MA NON LA LEGA. “LEONARDI AL LATINA? MI FA SCHIFO: NON BISOGNEREBBE PERMETTERGLI DI CONTINUARE A LAVORARE”

LUCARELLI ASSOLVE TAVECCHIO (“HA MANTENUTO QUEL CHE HA PROMESSO”), MA NON LA LEGA. “LEONARDI AL LATINA? MI FA SCHIFO: NON BISOGNEREBBE PERMETTERGLI DI CONTINUARE A LAVORARE” (video)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

96 pensieri riguardo “LUCARELLI ASSOLVE TAVECCHIO (“HA MANTENUTO QUEL CHE HA PROMESSO”), MA NON LA LEGA. “LEONARDI AL LATINA? MI FA SCHIFO: NON BISOGNEREBBE PERMETTERGLI DI CONTINUARE A LAVORARE”

  • 22 Giugno 2015 in 17:39
    Permalink

    Io non assolvo nè l’uno nè l’altro, per il semplicem motivo che se siamo qui FIGC e LEGA non sono i colpevoli, ma complici sì..perchè tutto andava fermato l’anno scorso quando la Covisoc aveva già dato tre segnalazioni di “preoccupazione” sullo stato dei conti del Parma, per cui, colpa di Ghirardi e Leonardi, ma anche altri non ne sono esenti. E in più ora sa di beffa aver giocato ed aver stretto patti col diavolo ed essere rimasti senza niente in mano..

    • 22 Giugno 2015 in 22:50
      Permalink

      Esorto tutti i mezzi di informazione di Parma almeno, a NON DIMENTICARE I COLPEVOLI GHIRARDI E LEONARDI (che senza quasi farsi NOTARE va a Latina), dato che di questa vicenda si parlerá per pochi giorni, seguendo tutto il percorso giudiziario in modo quasi ACCANITO, ci rimane questo purtroppo…inoltre dobbiamo tutti noi comunitá di sportivi trovare un modo per RINGRAZIARE LUCARELLI e DONADONI, PERCHÉ NON VA DIMENTICATO LO SFORZO CHE HANNO SOSTENUTO E DOVUTO SOSTENERE IN QUESTO ANNO IMBARAZZANTE PER LORO uomini di SPORT…la D brucia ma siamo prima di tutto riconoscenti con chi si é speso per il Parma e che non sarebbe stato neanche un loro obbligo o dovere…

  • 22 Giugno 2015 in 17:40
    Permalink

    cmq che delusione tutto questo patrimonio giovani talenti parmiggiani e non cresciuti tra le nostre giovanili e gia è iniziato lo scempio di tutti questi sporchi ipocriti che non hanno nulla a che vedere con la sportività che la città di Parma ha sempre mostrato…troppo brutto leggere e vedere come si stanno divertendo tutti questi indefinibili…io però continuo a sperare che qualcosa arrivi e ci porti su come è successo ad altre squadre storiche…di noi non potranno mai cancellare la storia e la grandezza di un club di una città e di un isola felice che ha messo paura a tutte le grandi d europa…DAI TORNEREMO E SBALORDIREMO ANCORA FORZA SEMPRE GRANDE IMMENSO PARMA

  • 22 Giugno 2015 in 17:41
    Permalink

    Se Leonardi continua s lavorare è allucinante.. Non trovo le parole.. Una domanda direttore.. E se non si riuscisse nemmeno ad iscriversi alla d visti i tempi ristretti che succede?

    • 22 Giugno 2015 in 17:53
      Permalink

      ma che domande del piffero fai? e eccelenza o promozione ma nel cervello hai segatura??

    • 22 Giugno 2015 in 19:03
      Permalink

      Simone ti rispondo io.Si farebbe una cosa come natura esige e non una cosa contro natura. IL PARMA è MORTO, SEPOLTO, CREMATO. COME PUO’ ESSERCI IN ALTRO PARMA SE IL PARMA è UNICO? Vorrà dire che ti rimarrà più tempo per fare “passeggiate” SALUTARI A CARPENEDOLO E A LATINA.

  • 22 Giugno 2015 in 17:43
    Permalink

    Ale, spero che tu rimanga anche in D, pero` alla fine alla Lega interessava solo non avere casini con Sky.

    • 22 Giugno 2015 in 18:20
      Permalink

      Quanto a Sky, io questo pomeriggio ho già ufficializzato la mia disdetta…

      • 22 Giugno 2015 in 18:29
        Permalink

        Hai fatto benissimo.

      • 22 Giugno 2015 in 18:40
        Permalink

        siamo in 2

  • 22 Giugno 2015 in 17:46
    Permalink

    concordo con luca guarda io immaginavo sarebbe finita cosi , guarda io penso che mai trattare con la lega mai chinare la testa

  • 22 Giugno 2015 in 17:52
    Permalink

    direttore mi può elencare per piacere i nomi della cordata parmigiana che ripartirebbe dalla serie d….. e poi secondo lei si riuscirà a fare la squadra? grazie

    • 22 Giugno 2015 in 18:14
      Permalink

      I nomi, al momento, no. Li faranno, se lo riterranno opportuno (e il mio consiglio è di farlo) quando saran pronti.

      E’ palese che pur con tutti i ritardi indipendenti dalla loro volontà riusciranno a fare la squadra

      Cordialmente

      Gmajo

  • 22 Giugno 2015 in 17:53
    Permalink

    entro quanto tocca iscriversi

      • 22 Giugno 2015 in 18:35
        Permalink

        In realtà per le squadre che nascono post-fallimento i tempi sono più ampi: per esempio l’anno scorso Padova e Siena si iscrissero verso la fine di luglio. Ovviamente è consigliabile far le cose in anticipo.

      • 22 Giugno 2015 in 18:46
        Permalink

        dovranno fondare la squadra, dovrà essere dato il titolo al sindaco che decide a chi darlo e fare tutte le cose burocratiche per arrivare al 29 ad iscriversi? potranno farlo anche senza una rosa di giocatori?

        • 22 Giugno 2015 in 18:59
          Permalink

          sì. conta prima aver lo stadio, che mi pare la principale preoccupazione

          Cordialmente

          Gmajo

      • 22 Giugno 2015 in 18:54
        Permalink

        15/07

      • 22 Giugno 2015 in 20:00
        Permalink

        Ehm direttore ma il titolo sportivo non dovrebbe andare al sindaco che lo consegna nelle mani della nuova società? E se ce ne fosse più di una? Zanetti per esempio come aveva asserito lei stesso? Mi auguri che stavolta il sindaco azzecchi la scelta

  • 22 Giugno 2015 in 17:56
    Permalink

    Direttore prima di tutto complimenti per l’ottimo lavoro svolto, purtroppo l’ho scoperta solo nell’ultimo periodo e mi dispiace molto se l’avventura di stadiotardini.it dovesse terminare. volevo sapere se riuscirà a tenerci comunque aggiornati sui futuri sviluppi di questa tristissima vicenda …
    Saluti
    Francesco M.

    • 22 Giugno 2015 in 18:10
      Permalink

      Salve Francesco e grazie per le sue parole. A me piacerebbe poter proseguire con stadiotardini.it, ma conditio sine qua non è che ci sia una squadra da seguire… A parte quello, poi, è palese che se già avevo difficoltà di sostentamento in A, immaginarsi in D… Comunque una cosa per volta… Però vorrei uno stadiotardini.it non ridimensionato, ma vivo come adesso. E io non sono più in grado di vivere senza reddito.

      cordialmente

      Gmajo

      • 22 Giugno 2015 in 23:10
        Permalink

        da oggi i tuo mestiere diventa ancora più importante, direttore

        • 22 Giugno 2015 in 23:15
          Permalink

          Eh lo so, ma senza stipendio non si campa e negli ultimi 6 o 7 anni ho esaurito le riserve aurifere….

  • 22 Giugno 2015 in 17:59
    Permalink

    Guardiamo avamti.
    x la D chi c’e’?
    Si sa nulla?
    I tempi stringono e prevedo una D super affollata e nel casi d ripescaggio in LegaPro un campionato tostissimo e senza competenza e soldi si puo pure retrocedere……

    • 22 Giugno 2015 in 18:07
      Permalink

      Io per la D finora penso che la proposta più seria sia quella denominata “Fenice”, che fa capo ad alcuni industriali, i quali erano al lavoro già da qualche mese, salvo aver interrotto la propria operatività una cinquantina di giorni fa, quando si era nel pieno della “sbornia” per la B, poiché alcuni sostenitori della D avevano avuto una crisi di coscienza visto che la B poteva sembrare appetibile. Il collante, all’epoca venuto meno, ha iniziato a intessere le relazioni per cercare di esser pronto per il giorno 29 quando ci sarà da richiedere l’affiliazione.
      Ricordo che sarà il sindaco (andema ben) a decidere a chi attribuire l’eredità sportiva in caso di pluralità di soggetti.
      In più a breve ci sarà da avere la concessione dello stadio perché nella domanda andrà indicato il luogo dove si svolgeranno gli incontri. Obiettivo della cordata suddetta è continuare a disputare gli incontri allo Stadio Ennio Tardini.

      Cordialment

      Gmajo

      • 22 Giugno 2015 in 18:12
        Permalink

        scusa ma xke non potete giocare al tardini?=

      • 22 Giugno 2015 in 18:12
        Permalink

        Ne parlavo proprio ora….pizarot smumiot. …dag adre imbabi’

      • 22 Giugno 2015 in 18:17
        Permalink

        Direttore, ho riletto tutte le sue risposte degli ultimi 5-6 articoli e cercherò di fare un sunto delle sue risposte in riferimento alla D…

        1) era stato fatto un progetto chiamato fenice, per la rinascita

        2) la cordata ha abbandonato l’idea da circa 50 giorni,dato che si parlava di b

        3) è una cordata di 12 industriali, tra cui i più grandi (penso si riferisca a Barilla e Pizzarotti)

        4) non sono pronti per un ripescaggio in lega pro ma solo per la d

        5) Gli stessi stanno riprendendo il da farsi per iscrivere la squadra

        Tutto giusto? Solo un chiarimento:

        -l’affiliazione entro il 29? Se si, è ovvio che si debba rifondare entro questa settimana

        • 22 Giugno 2015 in 18:59
          Permalink

          esatto. Non ricordo bene se 29 o 30 (scusate ma sono molto frastornato) ma siamo lì

          Specifico solo che quando dico che non sono pronti per la Lega Pro, ma solo per la D riferisco una mia impressione personale derivante dalla circostanza che per come li conosco io, so che vogliono fare una cosa graduale adeguando il passo alla gamba (anche se han già programmato di rimetterci 1 ml il primo anno). La prima cosa è che burocraticamente si facciano trovare pronti per la D, che sarebbe già qualcosa dopo tutto il tempo perso prima.

          Cordialmente

          Gmajo

      • 22 Giugno 2015 in 18:29
        Permalink

        Sindaco? Assente!

      • 22 Giugno 2015 in 18:30
        Permalink

        Oh! L’UPI vuole farci giocare al Tardini? Miracolo!

        • 22 Giugno 2015 in 19:53
          Permalink

          L’Upi non c’entra. C’entrano gli associati, magari, ma non l’istituzione propriamente detta

      • 22 Giugno 2015 in 18:55
        Permalink

        Han dormito per anni con l’affitto di ghirardi non faranno mica storie proprio adesso? se l’hanno dato al football..

  • 22 Giugno 2015 in 18:03
    Permalink

    Ho visto il capitano davvero provato e quasi commosso..
    Massimo rispetto quindi.
    Una volta tanto da un calciatore (o ex..non so a sto’ punto) non le solite frasi di circostanza ma finalmente pane al pane (e molto anche) e vino al vino. Non le solite frasi…”aspettiamo martedi’ a giudicare Manenti”….
    Sentirgli dire “schifo” all’idea che Leonardi possa continuare ad operare nel calcio e’ qualcosa di davvero condivisibile e doveroso.

  • 22 Giugno 2015 in 18:09
    Permalink

    Sono curioso di vedere se verrò bannato anche stavolta.
    Ho iniziato a leggervi dalla prima apparizione di Manenti, avvertendovi che un millantatore del genere al mondo non s’era mai visto, mi è stato risposto di farmi i cazzi miei. Ho provato a ragionare con voi sul fatto che aldilà del tifo fino al midollo ciò che traspare da tutta questa vicenda è che 218 milioni di debiti non possono essere cancellati con un colpo di spugna, e sono stato insultato e offeso. Posso capire la delusione e l’amarezza ma credo da troppi anni vi siate abituati a fare il tifo per una squadra che ha vissuto ben al di sopra delle proprie possibilità e il conto purtroppo è ora arrivato. Le tavole apparecchiate, il calma e gesso, il 50% e 50%, lo sa meglio di me che erano più speranze che certezze. Non so cosa succederà al mio Brescia, ma spero di riverdervi presto nel calcio professionistico per rifilarvi 4 belle pere.
    Cordiali saluti (come lei ama scrivere)

    • 22 Giugno 2015 in 18:18
      Permalink

      Mo capirai!!!!…

    • 22 Giugno 2015 in 18:19
      Permalink

      mio caro bresciano tu non verrai ripescato in quanto sei stato penalizzato

      • 22 Giugno 2015 in 18:26
        Permalink

        Mo magaaaariiiii…così la piantano di venire a darci lezioni… e sì che quello che ha combinato tutto questo è un loro figlio…e non fatemi dire che il frutto non cade mi lontano dall’ albero perchè lo so che è una cattiveria gratuita

      • 22 Giugno 2015 in 18:35
        Permalink

        eh no non conta niente,,,,,siamo primi in graduatoria …….spero che ritorniate per incontrarci e rifilarvi 3 pere

        • 22 Giugno 2015 in 20:06
          Permalink

          IO NON TENGO PARMA PER FORTUNA KMQ CARO BRESCIANO PER ME PUOI ESSERE IL PRIMO MA SE SEI STATO PENALIZZATO NON VAI SU GUARDA PISA L’ANNO SCORSO

          • 23 Giugno 2015 in 01:01
            Permalink

            Ma che rottura….”Per fortuna non tifi Parma”….ah sai la Reggiana invece va da dio…. Cmq non scambiarei mai il mio Parma in D con la tua Reggiana (in qualsiasi serie sia o sarà nei prossimi anni )

    • 22 Giugno 2015 in 18:44
      Permalink

      Oh….ma questi messaggi non si possono leggere…
      Questo qua (bresciano come Ghirardi e Manenti) viene qua a scrivere ed a fare pure la vittima…. MA NON TI VERGOGNI?
      Se ti hanno detto “fatti i cazzi tuoi” hanno fatto bene, nessuno ti ha cercato… e che Manenti fosse un millantatore ci eravamo già arrivati da soli anche senza il tuo prezioso contributo…(ti ricordo 0,00001% del Ns.Direttore)
      Se ti abbiamo insultato e/o bannato FACCI CAUSA…. Puoi aggregarti alla “Class action” che si stava preparando in caso di nostra iscrizione alla serie B.
      Se i 218 milioni di euro di debiti (creati dal tuo compaesano) sono stati quasi cancellati da un Tribunale vatti ad incatenare per protesta davanti all’aula…. Poi dovresti farlo con il 95% delle società di calcio serie A, B ecc… tanto più o meno troverti gli stessi importi.
      Addio caro…. e cordiali saluti anche a te.

      • 22 Giugno 2015 in 19:03
        Permalink

        Purtroppo per te Manenti non e’ bresciano.
        Perché non ti incateni tu a carpenedolo? Ti andava bene fino a che c’era da far festa?

        • 22 Giugno 2015 in 20:58
          Permalink

          Antani, complimenti!! Sei un gran Signore, vieni a sghignazzare su di un cadavere? Complimenti veramente, sei un vero uomo, con tanto stile….

      • 22 Giugno 2015 in 21:23
        Permalink

        manenti non e’ bresciano

    • 22 Giugno 2015 in 18:45
      Permalink

      auguro al tuo brescia di avere un presidente come ghirardi e un direttore sportivo come leonardi. ah ma forse ce li avete già. tranquillo che in A ci arriviamo prima di voi

      • 22 Giugno 2015 in 19:49
        Permalink

        stop alle reciproche provocazioni tifoidee grazie

      • 23 Giugno 2015 in 01:05
        Permalink

        Mi chiedo che gusto ci provi nel venire qui a provocare in una giornata come quella che abbiamo appena passato! Ci vuole un bel cinismo e una bella faccia tosta…… Sei talmente fuori luogo che non mi fai ne caldo ne freddo

  • 22 Giugno 2015 in 18:11
    Permalink

    È al corrente delle tempistiche x potersi iscrivere?quanto tempo c è x trovare una proprietà e iscriversi al campionato?

  • 22 Giugno 2015 in 18:16
    Permalink

    direttore senza le sue notizie saremo morti cm il parma, mi dispiace a cuore poco di 2 mesi fa sn entrato a stadiotardini.it e subito mi sn affezionato majo ricoradati che il leone è ferito ma nn è morto…..

  • 22 Giugno 2015 in 18:18
    Permalink

    Grazie a tutti di cuore , compreso i tifosi delle altre squadre che hanno cercato di sfotterci in questo bel sito e che ci sfotteranno ancora in futuro ovunque andremo e parleremo di calcio (ci ricorderano che marcio vi è nel mondo del pallone), grazie a quei giocatori che hanno veramente fatto di tutto per salvarci e ancora di più a chi non ha voluto (ci ricorderanno come si deve essere professionisti), grazie ai curatore ed al giudice (spero che proseguono nelle loro indagini per determinare i colpevoli e cercare di recuperare un po di quatrini soprattuto per i dipendenti) , grazie ai dipendenti (non occorre dire di più hanno veramente sopportato di tutto) , grazie a tutto lo staff delle giovanili ed ai ragazzi delle giovanili che credevano in un sogno (spero che non perdano la speranza) , grazie a noi tutti tifosi del parma soprattutto per la nostra civiltà e per aver accettato tutto ciò con molta pazienza , grazie perfino a Boni che ci fa capire come non essere tifosi , grazie ai 2 gruppi che hanno cercato di fare l’impresa che ci hanno permesso di capire che in fin dei conti come il Parma fosse davvero una bella realtà, grazie anche a Leonardi e Ghirardi che ci permetteranno di avere sempre l’esempio di come non deve essere gestita una squadra di calcio, ed infine ….grazie a te Gabriele , per la prima volta ti do del tu permettimelo in questo triste giorno, per averci spiegato e informato sugli avvenumenti ti auguro di riprendere quanto prima il tuo lavoro di giornalista “pagato” !
    E grazie Parma per i splendini anni che ci hai dato ti auguro di rinascere più bello, più forte di prima e soprattutto con un nuovo modo di vedere lo sport professionistico perchè davvero i tifosi di Parma lo meritano
    ciao a tutti

    • 22 Giugno 2015 in 18:26
      Permalink

      Grazie a te per tutto quello che hai scritto. Ora sono giù anch’io sgonfio come la mia bici qualche giorno fa dinnanzi al notaio Almansi, allorché qualche buontempone tra i colleghi agì sul piriolino per farmela trovare a terra… Però bisognerà rialzarsi, quanto prima, pur nella consapevolezza della difficoltà di tutto. spero che stadiotardini.it possa continuare a essere un punto d’incontro virtuale per persone di buon senso, indipendentemente dal tifo

      Cordialmente

      Gmajo

      • 22 Giugno 2015 in 18:34
        Permalink

        Lo so che sembrò uno svitato ma l’UPI con tutti quegli illetterati boriosi mi sta troppo sui cabasisi per cui spero che Gerali faccia il miracolo

    • 23 Giugno 2015 in 01:10
      Permalink

      Splendido intervento. Grazie e complimenti Andrea

  • 22 Giugno 2015 in 18:24
    Permalink

    Già il fatto che sia il sindaco a dover decidere a chi dare l’onere e l’onore di dar continuità al Parma mi fa agitare, ma se , per il fatto che il Pizza è negli USA e non fa in tempo a tornare, toccase alla Paci o a Vagnozzi la decisione, spero che mettano i bigliettini in una boccia e sorteggino. Figa che anno di merda! (scusa per il punto esclamativo)

    p.s.
    lunga vita a Stadiotardini.it e al suo direttore

  • 22 Giugno 2015 in 18:27
    Permalink

    CARO ANTANI, LE ASSICURO CHE IL 90% DELLE SQUADRE DI CALCIO VIVE AL DI SOPRA DELLE PROPRIE POSSIBILITA’. E FINCHE’ NON CI SARANNO CONTROLLI SERI CHE IMPEDISCANO ALLE SOCIETA’ PIU’ BLASONATE DI PAGARE ACCONTI INVECE DI SALDI DI STIPENDI, SPOSTARE PAGAMENTI SOTTO FORMA DI PREMI ALL’ANNO SUCCESSIVO , COMPRARE GIOCATORI ALL’ESTERO SENZA PAGARE I PREZZI E ALTRE AMENITA’ SOLO PER TUTELARE I GRANDI BACINI SPORTIVI E PERMETTERE ISCRIZIONI FARLOCCHE AI CAMPIONATI NON SI USCIRA’ DA QUESTA SITUAZIONE. IL SUO BRESCIA , COME LEI BEN SA, ERA TECNICAMENTE FALLITO MA HA ANCORA IL RESPIRATORE ATTACCATO GRAZIE AL CAMBIO DI PROPRIETA’. GIOCHERA’ ANCHE L’ANNO PROSSIMO LA SERIE B MA DUBITO CHE L’ATTUALE PROPRIETA’ RIUSCIRA’ A PAGARE TUTTI I DEBITI EFFETTIVI E REALI CHE ANCHE LA SUA SQUADRA DEL CUORE HA. IN OGNI CASO LE AUGURO MIGLIOR FORTUNA DI QUELLA CHE HA AVUTO IL PARMA CON UN SUO CONCITTADINO

  • 22 Giugno 2015 in 18:29
    Permalink

    Direttore come vedrebbe lei e soprattutto la “piazza”, come oggi non escluso da Gibo Gerali, la ri-messa in gioco dello Yankee, per la serie D? Nel caso ci fosse qualcuno che si voglia mettere in gioco è vero quello che si dice in giro che potremmo essere ammessi in Lega Pro?
    La ringrazio per l’ottimo lavoro svolto, sperando di trovarla sempre in opera anche per il futuro… per averci dato modo di essere sempre aggiornati.
    Purtroppo è andata male ma io, e tanti altri miei amici tifosi, il prossimo anno, saremo comunque in curva nord a tifare Parma.
    Non esiste amore di serie A, B, C o D. Esiste l’amore incondizionato…..quindi un appello…..non molliamo.
    Forza Parma e Forza Direttore Majo

    • 22 Giugno 2015 in 20:16
      Permalink

      Grazie mille…

      Per quanto concerne Piazza vale lo stesso ragionamento di Corrado. Io non vedo di buon occhio chi sceglie la scorciatoia della D dopo aver tentato il Mortirolo della B

      Cordialmente

      Gmajo

  • 22 Giugno 2015 in 18:29
    Permalink

    Un mio commento non moderato la indicava come trait d’ union tra noi e il parma qualunque esso sia… il mio grido è sempre lo stesso dove vado a sbattere la testa se non c’e stadiotardini.it?

    • 22 Giugno 2015 in 19:54
      Permalink

      Grazie. Cercherò di esserci, magari, appunto come trait d’union…

  • 22 Giugno 2015 in 18:31
    Permalink

    Ma chissenefrega della D, ripartire dalla terza categoria sarebbe uguale, tanto il calcio d’alto livello non lo vedremo più; se il sindaco avesse le palle (sí buonanotte…) dovrebbe dire alla federazione”sapete dove dovete mettervelo il titolo sportivo?” e NON ISCRIVERE LA SQUADRA A NESSUNA CATEGORIA, dobbiamo diventare la prima cittá che dice NO a questo finto sport che é solo un business per industrialotti per fottere soldi e per giovani mercenari ignoranti!

  • 22 Giugno 2015 in 18:36
    Permalink

    È per stadiotardini.it beh vedrai che si troverà la maniera per farlo continuare.
    Ale’

  • 22 Giugno 2015 in 18:53
    Permalink

    Sagramola fa marcia indietro: “Dispiace veder fallire un club come quello ducale”

    Questo è il calcio italiano…

      • 22 Giugno 2015 in 19:49
        Permalink

        non ha ottenuto un bel niente il brescia nn deve essere ripescato piuttosto ripescano il bassano o matera che loro

    • 23 Giugno 2015 in 01:14
      Permalink

      Lacrime di coccodrillo! Che shifo la falsità

  • 22 Giugno 2015 in 19:03
    Permalink

    Caro Direttore, La volevo ringraziare per il “servizio pubblico” gratuito che ha offerto in questi mesi. Il contraddittorio che di tanto in tanto abbiamo avuto è frutto di passione e amore per la nostra squadra e la nostra città. L’obiettività, la professionalità e un po’ di sana democristianità sono stati gli elementi vincenti della sua conduzione. Le faccio un grande in bocca al lupo per il futuro (ahimè non ci sono solo dipendenti che perdono il lavoro ma anche tanti professionisti). Un caro saluto
    Davide71

  • 22 Giugno 2015 in 20:22
    Permalink

    Sono nato nel 1970, anno di fondazione del Parma A.C. Mio nonno Paride mori’ nel 1968 anno del fallimento del Parma F.C. In quell’anno maledetto mio padre Romano dovette in parte rinunciare al suo mestiere di giornalista per continuare l’attività del padre, un negozio di ferramenta. Si dedicò così solo al calcio, sua grande passione. Mio padre è mancato quest’anno qualche mese fa. Quest’anno fallisce il Parma F.C. 1968-1970-2015, tanti anni ma un’unica passione quella che mi ha visto andare a seguire il Parma con mio padre in giro per i campetti della serie D, poi B, poi C e ancora B, fino a Wembley. Un abbraccio al direttore e a tutti i tifosi del Parma!!!

  • 22 Giugno 2015 in 20:43
    Permalink

    Io non vedrei di cattivo occhio piazza o Corrado.. In fin dei conti se non c erano le condizioni non c erano. Diciamo la verità: troppi rischi e un imprenditore per quanto ben intenzionato non può mettere a rischio se stesso o i suoi soci, siamo seri. Se si volessero mettere in gioco dalla D con un progetto serio non vedo perché dire di no o storcere il naso. Abbiamo anche un patrimonio giovani che potrebbe essere saccheggiato e magari con un progetto serio potrebbero decidere di rimanere, anche se la vedo dura.

  • 22 Giugno 2015 in 21:14
    Permalink

    GRAZIE PIETRO

    lucarelli in d lo vediamo col binocolooo

  • 22 Giugno 2015 in 21:17
    Permalink

    Sul ring si prendono pugni che ti sbattono in terra a guardarti intorno senza capire. Avresti voglia di rimanere lì ma poi cominci a muovere un braccio e questo lentamente risponde, una gamba si piega come tu vorresti, riconosci quelli che ti stanno intorno, punti le braccia, le gambe : ti rialzi e domani sará un altro giorno, ricominci ad allenarti, torni te stesso. Così sará per il Parma, cavolo! Non potrá essere una semplice serie D di sopravvivenza, su dai. Ed in quest’ambito, permettimi direttore, il tuo modo di fare giornalismo sará considerato. Chi torna più indietro ormai con la gasetâ e Bar sport? Mo basta. Non sempre, d’accordo, ma molto spesso il buon lavoro paga prima o poi. Voglio pensarla così e la “sento” così. Qualcosa mi dice (cioé una elaborazione di tanti fattori combinati tra loro, mica sono io il Divino Otelma…) che sará così. Ringrazio i curatori che da sempre godono della mia stima professionale, che confermo in pieno anche ora. Sono andati oltre il possibile ed io ammiro chi prova a farlo con professionalitá e passione. Sì, passione è proprio quel quid in più che ci hanno messo, posso nel mio piccolo assicurarlo.

  • 22 Giugno 2015 in 21:26
    Permalink

    Lo stadio deve divenire un museo. Il Parma va fatto riposare in pace e’ STATO ASSASSINATO. da due compagni di merende. Brunetti poi ci ha dato il colpo di grazia.

  • 22 Giugno 2015 in 22:06
    Permalink

    A cred at ghe la scrivania a fianc!

  • 22 Giugno 2015 in 22:50
    Permalink

    Esorto tutti i mezzi di informazione di Parma almeno, a NON DIMENTICARE I COLPEVOLI GHIRARDI E LEONARDI (che senza quasi farsi NOTARE va a Latina), dato che di questa vicenda si parlerá per pochi giorni, seguendo tutto il percorso giudiziario in modo quasi ACCANITO, ci rimane questo purtroppo…inoltre dobbiamo tutti noi comunitá di sportivi trovare un modo per RINGRAZIARE LUCARELLI e DONADONI, PERCHÉ NON VA DIMENTICATO LO SFORZO CHE HANNO SOSTENUTO E DOVUTO SOSTENERE IN QUESTO ANNO IMBARAZZANTE PER LORO uomini di SPORT…la D brucia ma siamo prima di tutto riconoscenti con chi si é speso per il Parma e che non sarebbe stato neanche un loro obbligo o dovere…

  • 22 Giugno 2015 in 23:11
    Permalink

    Chi è stato a suo tempo a vedere il parma di scala… non c’era ancora Tino Asprilla.. in una partitella precampionato a Lagrimone comune di Tizzano? Altro che ritiri faraonici…. dio che bei tem.pi

    • 23 Giugno 2015 in 01:29
      Permalink

      Il Parma di Scala non ha avuto e non avrà mai eguali…

  • 22 Giugno 2015 in 23:16
    Permalink

    Sono Tifoso del Toro e Mi spiace per il Parma.Ho 46 anni e simpatizzavo Parma negli anni 90 mi piaceva Benarrivo Mussi Melli Osio Appolloni Sensini Crippa Bucci e la mitica canzoncina SIAM CONTENTI SOLO SE,VEDIAMO VINCERE IL PARMA !Alè Alè Alè PARMA PER NOI TE SEI LA PIÙ BELLA. Sbaglierò ma la ricordo così.
    Devo però rammaricarmi perchè avevate la possibilità di fare saltare il banco del calcio corrotto a gennaio.Vi siete sottomessi alla Lega e F.I.G.C. Con la speranza/Promessa di salvarvi.Adesso come adesso avevano ragione i Parmensi che volevano fare saltare il Banco a gennaio e creare il caos nel mondo delle istituzioni.AVETE SBAGLIATO IL CALCIO DI RIGORE PIÙ IMPORTANTE nella storia del calcio Italiano.Imbocca al Lupo per il Futuro.Simpatizzero sempre Parma.

  • 22 Giugno 2015 in 23:32
    Permalink

    PARLIAMOCI CHIARO, ora il Parma e’ un affare E VI SPIEGO IL PERCHÉ’. Punto uno. Si costruisce sulle ceneri di una squadra gloriosa che ha vinto in Europa tantissimo con un grande blasone e si acquista come dicevo, cosa non di poco conto, senza un euro di debito Punto due la tifoseria è da serie A, Parma è ancora un’isola felice. Punto tre C’è la possibilità concreta del ripescaggio in Lega Pro. Molte squadre di Lega Pro non hanno più soldi Punto quattro. Potremo giocare in uno stadio di serie A CON UN PUBBLICO DI SERIE A E CHI VERRÀ’ A PARMA SE LA FARA’ ADDOSSO dalla paura. Ecco perché a differenza di Majo io vedrei molto bene alla guida della società o PIAZZA O CORRADO. Loro possono portarci in alto e in tre anni saremo in A. SCOMMETTIAMO’ CARO MAJO ACCETTO IL SUO OSTRACISMO PER TACI MA NON PER PIAZZA E CORRADO. ULTIMAMENTE NON GLI DAVANO NEMMENO IL PARACADUTE. LEI NON SI SAREBBE RITIRATO? Certo potevano decidersi prima ma la storia del paracadute è uscita solo da due giorni. Loro erano intenzionati per cui……..Se vogliono fare del Parma una nuova società, per me sono i benvenuti. VE L’AVEVO SEMPRE DETTO IN TEMPI NON SOSPETTO CHE LA lega AVREBBE TROVATO MILLE SCUSE PER NON DARCI IL PARACADUTE E AVREBBE FATTO DI TUTTO E DI PIùU’PER AFFOSSARCI. COSA VOLETE,IO PREVEDO LECOSE…..

  • 22 Giugno 2015 in 23:36
    Permalink

    …sentire il nome di scala, magari il nome di Crespo come allenatore e chissà qualche altro personaggio che ha fatto la storia del Parma in questo nuovo Parma secondo me attira l’attenzione Può ridare la passione forse è una sciocchezza, forse è perchè ormai ho molte primavere sulle spalle ma me lo rende più familiare..crea una specie di continuità che altrimenti fatico a trovare….sono solo una stupida…

      • 23 Giugno 2015 in 00:11
        Permalink

        Beh… in effetti era un discorso più
        psicologico se così posso dire.. che di nomi precisi
        Il mio parma è più quello degli anni 1990/96..se mi capisce..anche se poi da lì in poi è stato magnifico
        e rimarrà sempre un bel ricordo
        cmq scusi per queste sciocchezze…

          • 23 Giugno 2015 in 00:30
            Permalink

            Si hai ragione…buona notte e non lasciarci soli..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI