MARANI: “LA GENESI DEL FALLIMENTO DEL PARMA HA ORIGINI PRECISE E RESPONSABILITA’ CHE SPERO VENGANO INDIVIDUATE CON CHIAREZZA”

Intervento dell’assessore allo sport Giovanni Marani sulla vicenda del Parma Calcio

giovanni  marani(Giovanni Marani) – La vicenda del fallimento Parma Calcio è ufficialmente arrivata al suo epilogo. Con il passare dei mesi si sono susseguiti molti avvenimenti che possono aver indotto a distogliere l’attenzione sulla genesi del fallimento, che ha origini precise e responsabilità che speriamo vengano individuate con chiarezza.

Ciò che è successo dopo è stato effetto collaterale di un sistema in cui si sono rese evidenti alcune falle, che hanno forse permesso si arrivasse a situazioni drammaticamente surreali. Proprio a seguito della vicenda che ha coinvolto la nostra squadra, speriamo si arrivi a riforme che salvaguardino il mondo del calcio affinché un caso Parma non si ripeta più.

Occorre onestamente dare atto del grande impegno profuso da tutti, indistintamente, privati, enti, istituzioni, a cominciare dai curatori fallimentari per arrivare alle due cordate, che hanno investito risorse proprie nel mettere a punto un salvataggio della serie B che purtroppo si è rivelato una montagna troppo alta da scalare.

Il pensiero va soprattutto ai dipendenti della società e alle loro famiglie, ai fornitori, ai creditori, vittime incolpevoli ed esempio di quella dignità che ci ha permesso di vivere questi mesi nel rispetto di tutto il mondo sportivo. Un grande plauso in questo momento particolare va ai tifosi, che hanno dimostrato all’Italia intera di saper interpretare un calcio con valori positivi di cui tutti possiamo andare fieri. Ora si apre una nuova pagina, che dobbiamo tutti impegnarci a scrivere per riportare a Parma un calcio pulito, virtuoso, che sia patrimonio vero di un’intera comunità. Giovanni Marani (*)

(*) assessore allo sport Comune di Parma

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

70 pensieri riguardo “MARANI: “LA GENESI DEL FALLIMENTO DEL PARMA HA ORIGINI PRECISE E RESPONSABILITA’ CHE SPERO VENGANO INDIVIDUATE CON CHIAREZZA”

  • 23 Giugno 2015 in 10:30
    Permalink

    Marani, spiegaci perche’ il tuo sindaco in questo delicato momento e visti i ristretti tempi di costituzione e iscrizione della nuova societa’ per il prossimo campionato invece di stare dove dovrebbe e dare una mano e’ in america a sentir conferenze….
    Spiegacelo ..va la’…

  • 23 Giugno 2015 in 10:59
    Permalink

    Io sono ancora nella fase dell’accettazione….

  • 23 Giugno 2015 in 11:10
    Permalink

    Il Catania ha competato mezza serie B.Non se ne parla di questo?

  • 23 Giugno 2015 in 11:12
    Permalink

    Grande. Qst si ke è un #SaveParma e cmq lo Speedy Pizza ha detto ke il fallimento è un’opportunità. Proprio cm l’inceneritore ke se prendi un tumore hai l’opportunità di curarti. Molto #SaveParma. #SpeedyPizza #SelfiedagliUSA e ci metto dentro anke un #Majoculano ke nn si sa mai.

  • 23 Giugno 2015 in 11:18
    Permalink

    Direttore ma che tempi ci vogliono per fondare una nuova società che rilevi il titolo sportivo e permetta al Parma di ripartire con la sua rinascita? secondo lei la tavola apparecchiata da tempo ci regalerà sorprese?

    • 24 Giugno 2015 in 00:40
      Permalink

      Non ci vuole molto tempo per fare una asd (siamo nei dilettanti). La sorpresa, a me non gradita, è che per la D vogliano concorrere gli stessi che per settimane (chi più, chi meno) han lavorato sulla B partorendo il decesso definitivo del Parma.

  • 23 Giugno 2015 in 11:30
    Permalink

    Complimenti a lei Ass. Marani che è stato inerte e dormiente per due anni…la invito ale dimissioni.

  • 23 Giugno 2015 in 11:33
    Permalink

    dai che con la storia del Catania va a finire che almeno 5 – 6 squadre siano coinvolte e che alla fine ci sia un valzer di retrocessioni e ripescaggi!!!! cosi magari ripartiamo veramente dalla Lega pro.
    Alla fine ci riprenderemo il vero titolo sportivo che ci spetta: A.C

    • 23 Giugno 2015 in 18:30
      Permalink

      senza offesa ma son stronzate,ripescheranno chi esiste dala lega pro in su,piuttosto chi siamo noi per adesso ? niente

      pedalare pedalare come sul mortirolo vero baraldi ?

  • 23 Giugno 2015 in 11:36
    Permalink

    Speriamo che Ghirardi e leonardi paghino , ma più che altro qui si doveva salvare i dipendenti persone che guadagnano 1000 euro al mese , e con tutto il rispetto per quei giocatori che volevano la salvezza del Parma Lucarelli e C , direttore mi permetta di ricriminare su Zaccardo o amauri giocatori che prendevano stipendi da altre squadre che nn hanno rinunciato ai loro crediti rispettando le loro idee ma ora cosa potranno mai avere ?? Nulla quindi da persone intelligenti (i calciatori e procuratori di solito sono stupidì ) potevo pretendere anche il 10 x cento dei loro crediti (come in molti fallimento)invece di insistere io spero che dal fallimento scaturisca la condanna dei ghiro e di Leonardi e sopratutto che vengano pagati i stipendi per i dipendenti e no questi calciatori ottusi ignoranti e arroganti che sinceramente nn sono nemmeno top player… Ps Zaccardo che scrive sui social etc ma vai a cacare

    • 23 Giugno 2015 in 16:31
      Permalink

      Il problema è che si trattava di compensi vecchi plurispalmati

  • 23 Giugno 2015 in 11:47
    Permalink

    Premetto che dai 3 consigli che mi permetto di dare al Sindaco non avrò nessun beneficio in quanto la mia attività non c’entra nulla e nemmeno voglio sponsorizzare parenti, amici o conoscenti.
    Sono solo 3 consigli o desideri che vengono dati da un tifoso.

    1- Ora che la palla è nelle sue mani le chiedo solamente di valutare le proposte delle società che intendono gestire la nuova società calcistica di Parma, non tenendo conto di opportunità politiche e pressioni varie, ma giudichi unicamente il progetto sportivo ed economico della nuova società per non dovere ritrovarsi a breve nelle medesime condizioni e se possibile non marcire a lungo in campionati minori. Dopo che avrà effettuato la sua scelta per criteri di trasparenza vorrei che lo spiegasse pure ai tifosi.

    2- Come Amministrazione Comunale vorrei che si impegnasse per l’acquisto del vecchio marchio Parma AC dal dott. Bondi e dei trofei conquistati dall’attuale fallimento. Per creare un museo della memoria in cui vedere le coppe e le relative partite che hanno portato alla loro vittoria e nel frattempo vendere ogni tipo di gadget ed abbigliamento marchiato Parma AC. Visti i costi di acquisto credo che cedere la gestione del museo e la commercializzazione dei prodotti marchiati possa far rientrare dai costi sostenuti in un periodo breve, per non far ricadere i costi sui cittadini.

    3- Vorrei che il museo fosse creato direttamente al Tardini, aperto al Pubblico in qualsiasi giorno comprendendo ovviamente anche il giorno della partita e qui concludo con il terzo consiglio, la destinazione migliore potrebbe essere al piano terra della nuova Tribuna Est, che considerando i tempi per rientrare tra i professionisti, l’attuale può essere immediatamente demolita per creare una nuova tribuna con i contributi del Credito Sportivo, dove al piano terreno possono essere creati nell’ordine partendo dalla curva sud, bagni pubblici che potrebbero essere utilizzati anche da chi frequenta il parco ferrari rendendo aperto l’accesso al pubblico esterno eliminando quella bruttura di tornelli e spostare il cancello all’interno, se poi i tornelli saranno obbligatori anche nelle serie minori si potrebbero utilizzare quelli mobili, proseguirei poi con il bar/ristorante aperto al pubblico durante tutti i giorni tranne i giorni della partita che verrà aperto a tutti gli spettatori compresi quelli situati in curva nord, con la parete rivolta verso il campo completamente vetrata e la possibilità di usufruire dello spazio antistante aperto, in quanto nella nuova tribuna ovviamente coperta i posti a sedere saranno posti al di sopra del piano terreno, per rendere l’idea non ci sarebbero le prime dodici file attuali. Proseguirei con il museo che dovrebbe coincidere con il centro del campo ovviamente con parete vetrata e trofei esposti verso il campo (visti i tempi che corrono magari antisfondamento), per ricordare a chiunque entri al Tardini, per vedere una partita, quale è stata la storia del calcio a Parma, proseguendo verso nord metterei la sede e gli uffici della nuova società e gli eventuali uffici dei tifosi se avranno creato un azionariato popolare, nella parte antistante agli uffici verso il campo creerei la parte coperta riservata ai disabili che potranno avere un’area finalmente accogliente. Un ultimo desiderio i seggiolini all’interno dello stadio devono essere con la ribalta sono più comodi e garantiscono un più agevole raggiungimento del posto numerato.
    Vorrei chiedere scusa per la lunghezza e a chiunque voglia farsi promotore dei suindicati consigli verso i Sindaco, può anche riportarli come suoi, è ben accetto, il mio unico desiderio è che vengano realizzati, sperando che questa brutta vicenda possa procurare un futuro migliore

    • 23 Giugno 2015 in 18:46
      Permalink

      Sembra la descrizione della costruzione dell’arca di Noè. …la genesi secondo Massari (ovviamente scherzo. …).adesso sono ben altri i problemi. E poi l’ostentazione lasciamola ad altri

    • 23 Giugno 2015 in 23:56
      Permalink

      Ma stai bene?…le coppe? Meglio che le vendano per tirare due soldini e dare il tfr ai dipendenti. In ultimo vorrei aggiungere che il sindaco non ha in mano nulla e di Parma ac fc Spa Magic etc..ne possono fondare altri dodici. Mamma mia. …non hai proprio capito che il calcio è pulito?

  • 23 Giugno 2015 in 12:11
    Permalink

    Ma i tifosi dove sono?
    Adesso è il momento di scendere in piazza e organizzare iniziative civili per manifestare alla città che il Parma è un patrimonio importante per la città e per i parmigiani.

    Mesi fa si era parlato di iniziative di azionariato popolare, che fine hanno fatto?
    Sarebbe a mio avviso molto bello se i tifosi potessero entrare nel nuovo Parma come soci di minoranza, come elemento di garanzia.

    Ritengo che in queste ore drammatiche, il sostegno della piazza può essere determinante, l’indifferenza dei tifosi in questo frangente potrebbe essere veramente letale.

    Cosa ne pensa direttore, la città reagirà con orgoglio allo stupro subito in questi 12 mesi?

    Saluti

    • 23 Giugno 2015 in 16:52
      Permalink

      Inizia tu

      • 23 Giugno 2015 in 20:28
        Permalink

        Mi riferivo al tifo organizzato più che a quello individuale.
        Quanto a me, anche volendo, non vivo a Parma.

    • 23 Giugno 2015 in 18:32
      Permalink

      esatto, ma soprattutto quanti sono ? li sta il problema

  • 23 Giugno 2015 in 12:13
    Permalink

    —————–IDEA RIVOLUZIONARIA PER IL CALCIO—————–Dobbiamo preparare il terreno quando ritorneremo un giorno in serie A…SPERO. Si è notato che verso i tre quarti del campionato, molte squadre già salve o tagliate fuori dalla lotta delle coppe non s’impegnano come dovrebbero, FALSANDO IL CAMPIONATO. Io avrei una proposta. Innanzi tutto porterei il campionato di serie A a 18 SQUADRE. Al termine del campionato avremmo le prime 9 squadre classificate e le restanti 9. La prima classificata vince lo scudetto e l’ultima retrocede. Le restanti 8 squadre dopo la vincitrice dello scudetto dovrebbero fare i play off per decidere Champions ed Europa Legue. Le ultime 9 con l’ultima già retrocessa si giocherebbero i play out per la permanenza nella massima divisione.In questo modo tutto sarebbe vivo fino all’ultima giornata anche perché’ arrivare decimi o quindicesimi sarebbe molto diverso avendo le squadre meglio classificate giustamente più agevolazioni. Si potrebbe fare per esempio la seconda contro la nona con gara secca in casa della squadra meglio classificata. Per la serie B INVECE FAREI 2 gironi di 8 squadre e le prime 4 classificata di ogni girone DOVREBBERO FARE UN NUOCO CAMPIONATO A 8 SQUADRE PER DECIDERE LE TRE CHE ANDRANNO IN SERIE A mentre le rimanenti 4 di ogni girone dovrebbero FARE UN CAMPIONATO ANCHE LORO A 8 SQUADRE PER DECIDERE LE TRE RETROCESSIONI. Sarebbe un’idea. Questo calcio, giunto a un cerro punto della stagione non è più interessante, molti giocano senza nerbo e senza voglia avendo già raggiunto gli obiettivi d’inizio stagione. QUESTO CALCIO VA CAMBIATO ALTRIMENTI E’ DESTINATO A MORIRE.Che ne pensa Majo? Non è ora di riformare questi campionati in cui la noia da un poco di tempo la fa da padrone e poi non sarebbe bene chi si macchia di qualche reato deve essere radiato non squalificato e chi non ha soldi per fare una categoria deve essere allontanato per non creare un altro caso Parma.

  • 23 Giugno 2015 in 12:22
    Permalink

    Ma va a c…r.
    Dov’eri l’estate scorsa?????Nador

  • 23 Giugno 2015 in 12:31
    Permalink

    Direttore, io non dico niente, però la bufera Catania e mezza Lega Pro che sta per fallire potrebbero aprire degli scenari molto interessanti.

    • 23 Giugno 2015 in 18:17
      Permalink

      A meno che non si voglia procedere come carri armati alla riforma dei campionati. Nel caso gli illeciti sportivi e i fallimenti in Lega Pro, sarebbero funzionali alla cura dimagrante dei vari campionati, e non al ripescaggio del Parma.

  • 23 Giugno 2015 in 12:50
    Permalink

    Un.calcio pulito e virtuoso? Ma quando mai in Italia! Visto anche a Catania? Ognuno pensa ai cazzi suoi e cerca di buttarlo in c….agli altri . Io x un po’ almeno stacco

  • 23 Giugno 2015 in 12:55
    Permalink

    Giampietro Fallini dell’amministrazione ha detto: “Sono oltre vent’anni che lavoro al Parma. Ci sono state tante tempeste e ora siamo arrivati alla fine. Il Parma è come una gran bella donna, ma con un caratteraccio: ora abbiamo divorziato, per volere suo. Ma mi mancherà, e già mi manca”.
    Mi sento molto vicina a questa frase, sembra che parlasse di me.

    Fare tabula rasa è dolorosissimo ma iniziare dal nuovo è più controllabile. La parola “Nuovo Inizio” è il pricipio da cui ricominciare.

  • 23 Giugno 2015 in 14:12
    Permalink

    Oggi ho visto Doriano Tosi. Era in bici da corsa come Baraldi.

  • 23 Giugno 2015 in 14:57
    Permalink

    Un intervento ipocrita. E nemmeno corretto, la vicenda del fallimento non è per niente arrivata all’epilogo in quanto proprio loro dovrebbero ora gestire il titolo sportivo (il fallimento c’era già stato a Marzo). E vorrei ricordare che nell’imbarazzante conferenza stampa del grande ritorno di Ghirardi, seduto al suo fianco c’era nientemeno che il sindaco (compiaciuto) anche se dal suddetto Ghirardi non prendeva una lira da un po’…. complimenti per il tempismo!

  • 23 Giugno 2015 in 15:03
    Permalink

    quando una società finisce in D, anche l’amministrazione comunale ha le sue colpe, sicuramente inferiori a quelle di chi ha creato i guai, ma deve prendersele. Altrove ricordo sindaci che avevano costretto la Figc a inventarsi lodi e minchiate varie pur di restare tra i pro’. Qui invece qualcuno aveva anche benedetto Taci. E questa è una macchia indelebile

  • 23 Giugno 2015 in 15:06
    Permalink

    Come …Baraldi..ok
    Non CON Baraldi?

  • 23 Giugno 2015 in 15:29
    Permalink

    Ci risiamo.Eppure ho espresso una mia idea che reputo geniale.Questo calcio puzza di vecchio,non si accettano idee rivoluzionarie, peccato.Col paraocchi di giornalisti e non, il calcio è destinato a morire.Quando un giorno arriveremo nuovamente in serie A,forse la serie A,non esisterà piu. Eppure avevo espresso solo una mia opinione di come vorrei i campionat eppure……zac

  • 23 Giugno 2015 in 15:39
    Permalink

    È vero !!! Dimenticavo della conferenza di Ghirardi col pizza !! E vacco mond!!! Sempor pes col sindic chì !!!!!

  • 23 Giugno 2015 in 16:15
    Permalink

    So che forse sto accelerando troppo, ma l’importanza di fare DI TUTTO per inscriversi in Lega Pro non puo essere sottovalutata.

    Il Ricavo economico di una Lega Pro subito sarebbe importante e aituraebbe la morale. Per non menzionare che si potrebbe lavorare con un settore giovanile e che potremmo anche convincere giocatori della nostra ex primavera a magari fare i titolare in Lega Pro. (Esposito, Broh, Etc.)

    • 23 Giugno 2015 in 17:34
      Permalink

      Dopo questo tsunami la Lega Pro non ha senso.
      Bisogna capire che i cartellini sono persi tutti; che devi riorganizzare dalle fondamenta una nuova societa’; che i tempi sono strettissimi.
      Gia’ sara’ un mezzo miracolo fare una D di livello

      • 23 Giugno 2015 in 18:10
        Permalink

        Finalmente qualcuno a cui e’ passata la sbornia e capisce le cose come stanno….

        • 23 Giugno 2015 in 21:08
          Permalink

          Vabbe però sei deprimente……. Non hai proprio pietà dei tifosi di una squadra appena defunta…..vergogna….

  • 23 Giugno 2015 in 16:20
    Permalink

    Più che dir banalità che pensi a dar lo stadio ad un canone consono alla categoria

  • 23 Giugno 2015 in 16:33
    Permalink

    Sapete perchè il Parma aveva tanti giocatori balordi e pagati a peso d’oro con contratti lunghi come la quaresima? Spremete le meningi e capirete perché tutto è andato a catafascio.Io non ve lo posso dire come è andata altrimenti i soggetti interessati potrebbero querelarmi i quanto non ho prove ma fate uno sforzo. Meningi please.

  • 23 Giugno 2015 in 17:07
    Permalink

    Marani dobbiamo tenercelo buono, perchè è forse l’unico che in assenza del Sindaco puo’ avviare le pratiche e i contatti con i nuovi imprenditori interessati all’iscrizione del Parma in D !
    E devono muoversi in fretta, perchè hanno soltanto un paio di settimane di tempo, mi pare di capire, altrimenti sarà un anno sabbatico senza Calcio.

    Majo, mi scusi se torno un attimo su Boni… ma mi sono inorridito (per non usare termini volgari) guardando il video su youtube dove Boni si è fatto tatuare GHIRARDI e LEONARDI sui pettorali…………. ma stiamo scherzando??? E’ da manicomio.
    Majo, lei che ha documentato il tutto visivamente, quei tatuaggi sono reali e permanenti per davvero o è l’ennesima pagliacciata di Boni?

    • 23 Giugno 2015 in 18:09
      Permalink

      quei tatuaggi, fatti tre o quattro anni fa, non mi ricordo bene, erano ovviamente non permanenti, al di là della funzione scenica. Ma permanenti o no sono un pezzo di storia significativa, del resto come il pellegrinaggio a casa Ghirardi del medesimo.

      sul fatto di tenerci buono marani, ecco, come dire, io sono abbastanza contrario al concetto di “tener buono”, infatti, col mio atteggiamento, tengo tutti cattivi…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 23 Giugno 2015 in 18:12
        Permalink

        Ecco allora di cio’ che pensi (non l’hai ancora fatto e quindi ti sollecito) dell’assenza del sindaco per i motivi che sappiamo (conferenze negli usa) in un momento come questo…
        Son curioso…

        • 23 Giugno 2015 in 21:10
          Permalink

          Puoi immaginarlo…..inutile che tu pretenda da Majo parole da querela…..

  • 23 Giugno 2015 in 17:13
    Permalink

    gabriele ricapitolando tra una settimana scade il termine urile per iscrizione, ma secondo te e possibile farcela in tempo e poi come gli altri tifosi ho sentito che piazza vuole il parma e veritiero e se si come funzionerebbe si va all’asta o decide il sindaco? grazie.

    • 23 Giugno 2015 in 18:07
      Permalink

      Sul discorso di chi decida vi rimando all’articolo del prof. avv. Malvisi

      Sul fatto che c’è da far tutto in una settimana, sì e no, perché le deroghe sono all’ordine del giorno e le regole sono ancor più imprecise che nei campionati professionistici

      Su Piazza (e vale anche per Corrado) io non trovo giusto che intraprendano scorciatoie gli stessi che non sono riusciti a tradurre in realtà il sogno B, pur con tutte le giustificazioni del caso

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Giugno 2015 in 17:28
    Permalink

    Vedo un po’ assente il tifo organizzato..(per quel che puo’ contare..) zero iniziative (a parte quella che considero fuori luogo dell’azionariato popolare targato Ancona…se quello e’ il modello….) zero sostegno a questo o a quello, molto disorientamento e scoramento (ovvio), nessuna intenzione di fare un’approfondita,onesta, per quanto amara, ma doverosa e necessaria analisi e approfondimento sull’accaduto…bohhh…
    Gli ultimi mesi grandi cene con karaoke finale (sul quale e’ meglio pietosamente non pronunciarsi…)e consegna di targhe ricordo a questo o quello…gran voglia di autocelebrarsi….e ora…?….
    Non so…forse mi sbaglio…mahhh….

  • 23 Giugno 2015 in 17:45
    Permalink

    LI STANNO ANDANDO A PRENDERE

    • 23 Giugno 2015 in 18:27
      Permalink

      Tutti e due?

    • 23 Giugno 2015 in 19:14
      Permalink

      Non bufalare dai…siamo gia’ cosi depressi

  • 23 Giugno 2015 in 18:05
    Permalink

    L’amministrazione comunale da questa storia esce malissimo. Ha aspettato anni prima di sollecitare Ghirardi a pagare il dovuto. Il danno erariale è rilevante, magari qualcosa da eccepire la magistratura contabile potrebbe trovarlo. La situazione potrebbe non essere piacevole per chi sta amministrando Parma.

  • 23 Giugno 2015 in 18:12
    Permalink

    Direttore ho bisogno di lei.
    Si sentono tante voci ma le vedo confuse e non certe, da vero giornalista ci Informi correttamente su quanto costa iscriversi alla D, la fideiussione, il contributo alla lega etc.
    Anticipatamente la ringrazio, sempre forza Parma.

    • 23 Giugno 2015 in 18:35
      Permalink

      Per dare risposte concrete vorrei essermi documentato a dovere, ma non ho avuto modo di farlo essendo impegnato su altri fronti. L’importante è che queste cose siano ben presenti a chi deve farle, più che a me e ai tifosi. Vedrò, comunque, se riusciremo a fare una sana opera di divulgazione anche in questo.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 23 Giugno 2015 in 18:39
        Permalink

        Altri fronti? Qui gatta ci cova…non so perché, ma credo che oggi sia un giorno un pelino migliore di ieri…

  • 23 Giugno 2015 in 18:13
    Permalink

    Mortadello eravamo assenti come al dallara nel 2005!..ma non romper suvvia..cosa ne sai tu?..bfc fora di bal!

    • 23 Giugno 2015 in 18:40
      Permalink

      E’ il 23 giugno 2015 ninetto……SVEGLIA !!!!!!

    • 23 Giugno 2015 in 19:26
      Permalink

      Sembrava di giocare in casa.

  • 23 Giugno 2015 in 18:34
    Permalink

    Direttore, tra poco torna il Ministero degli Affari Esteri 😀

  • 23 Giugno 2015 in 18:50
    Permalink

    Ma lasciamo perdere le iniziative di qua e di là! Deve esserci dentro di noi tanta voglia di stare ancora più vicino alla squadra! Facciamo dei fatti!!! In serie D proviamo ad essere almeno in 5 mila abbonati!! Facciamo vedere a noi stessi e agli altri che per noi il Parma non è morto! Che la fede va oltre alla categoria! Queste sono le risposte da dare!

  • 23 Giugno 2015 in 19:08
    Permalink

    Hai ragione mortadello siamo nel 2015..quanto tempo ci avete messo x risalire e quanti presidenti avete cambiato, pure un cantante! ..e i tifosi rossoblu cosa hanno fatto..dove erano?..tu parli parli parli ma non sai quello che dici! Bfc fora di bal!

    • 24 Giugno 2015 in 00:15
      Permalink

      Desolante….e con seri complessi d inferiorità…i soliti tifosi da divano..in trasferta non andavate..al Tardini eravate in dieci…dai forse in d venite a mezzolara per il derby

  • 23 Giugno 2015 in 19:23
    Permalink

    Buonasera..E’ la prima volta che scrivo e credo che non avrei potuto trovare occasione peggiore per farlo.. sono ormai giorni che salti qua e là per avere notizie, cercare barlumi, spiragli che ti dicono che si esce da un incubo (sportivo, naturalmente visto che ci sono sempre guai peggiori)… e pensi a tutte le gioie e le delusioni che hai provato per questa maglia… le partite viste arrampicato sui tubi innocenti della gradinata, la maglia da portiere verde di Boranga (si va indietro…), la sfida della prima Coppa Italia vinta con la juve e ll babbo pure gobbo… Cose che non puoi mai dimenticare anche se cerchi di rimanere un pò distaccato. Ma non si può! Abbiamo vissuto un bellissimo sogno che nonostante quei due esseri (?) non riusciranno a cancellare… Spero solo che qualcuno sia in grado di metterli di fronte alle proprie responsabilità anche se sappiamo come funziona la giustizia.. Volevo fare un saluto a lei Direttore dopo averla anche conosciuta di persona e ringraziarla per il tempo dedicato e gli sforzi fatti per noi tifosi. Sicuro, anzi certo che un giorno saremo ancora li a battagliare con le maledette strisciate e ad arrabbiarci per il solito fuorigioco o rigore dato o no. Grazie.

    • 24 Giugno 2015 in 00:36
      Permalink

      Grazie a lei per la sua testimonianza di sportività

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Giugno 2015 in 20:14
    Permalink

    ho sentito che ormai hanno le ore contate i due balordi

  • 23 Giugno 2015 in 21:27
    Permalink

    Majo che mi combina.Avrvo detto al gestore del centro che se arrivava era tutto pagato ma non è arrivato

  • 24 Giugno 2015 in 00:22
    Permalink

    Allora Majo, l’invincibile girl non so da dove è uscita. Volevo dirle che stasera avevo lasciato una cena pagata per lei al Toscanini, senza ovviamente che il gestore dicesse chi fossi anche su sua insistenza ma purtroppo non s’è fatto vedere,. Capisco che ha tanto lavoro ma ogni tanto staccare la spina, non fa male specialmente in compagnia di favolosi tortelli di erbetta. Ma lei vice d’aria?

    • 24 Giugno 2015 in 00:23
      Permalink

      Ero alla tortellata di Carzeto. Grazie per il buono pasto che sfrutterò in altra occasione (se ancora valido…)

  • 24 Giugno 2015 in 10:27
    Permalink

    Andrea z…nessuno ti ha chiesto un parere..testa quadra reggiano o bolegnese che sei..una faccia una razza..bfc fora di bal!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI