NON E’ ANCORA SERIE D: PIUTTOSTO CHE TENERE IL FARDELLO INVENDUTO, A FRONTE DI TRE DIVERSE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE, IL GIUDICE ROGATO POTREBBE CONCEDERE LE TRATTATIVE PRIVATE

(gmajo) – Purtroppo c’è già chi sta suonando le campane a morto, ma io voglio essere un inguaribile ottimista (al contrario del mio tradizionale frigido equilibrio) e credere che ancora il Parma non è stato condannato alla serie D, nonostante la giornata odierna si sia conclusa non solo senza la cessione dell’azienda sportiva alla sesta asta, ma neppure senza raggiungere gli anelati tiri dal dischetto di domani (leggesi: l’asta con alzata di mano). In pratica quelle che sono state presentate – ufficialmente ed ufficiosamente – oggi sono state ridotte al rango di “manifestazione d’interesse” e non sono state considerate offerte vere e proprie poiché non conformi al disciplinare di gara. Il gruppo Corrado, attraverso due distinte società congiuntamente, ha presentato, come StadioTardini.it vi aveva anticipato ieri, una offerta vincolante, per l’appunto non considerata conforme a quanto previsto nel manuale di gara. Pertanto ha ottenuto quello che era logico attendersi, cioè il mancato accoglimento della stessa da parte della Curatela una volta che è stata aperta la busta. L’aggravante è che non c’era neppure uno straccio di cauzione: e questo aspetto, oltre ad essere inspiegabile, è pure ingiustificabile, tanto è vero che nel nostro spazio commenti stanno piovendo commenti assai ingenerosi e con paragoni poco edificanti, che probabilmente non merita neppure. Forse non gli ha fatto affatto bene l’illusione creata da un titolo palesemente errato della Gazzetta di Parma sul web che già lo aveva incoronato presidente (proprio loro che fino a ieri manco citavano il suo nome: che gufata!), quando era palese che ci si sarebbe potuti aspettare sorprese proprio per via di una offerta non presentata secondo i crismi richiesti.

A subire improperi dopo mezzogiorno, invece, era stato Mark Piazza, poiché lui non aveva presentato alcuna offerta, pur asserendo (il suo staff, ma la notizia non è stata confermata dalla curatela) di aver versato una cauzione di circa un milione di euro. Anche in questo caso i curatori hanno ritenuto di aver ricevuto una semplice manifestazione di interesse. Stesso discorso, pare, per Adler. Domattina il Comitato dei Creditori ascolterà assieme al Giudice Rogato la relazione dei CuraStars: gli scenari, a questo punto, sono due; se costoro, a fronte, di tre distinte ribadite manifestazioni di interesse, decidono di andare a trattativa privata, il Parma ha ancora qualche chance di mantenere la serie B (ma il giudice dovrà “rimangiarsi” il termine ultimo indicato all’asta odierna, di fatto finita deserta come le cinque precedenti, e soprattutto lo “spergiuro” che giammai si sarebbe andati a discutere privatamente), qualora, invece, pur a fronte di società disposte ad acquistare (ma alle condizioni che vorrebbero loro, una su tutte la sicurezza di non aver sorprese) l’azienda sportiva il giudice restasse sulle sue posizioni si addiverrebbe alla immediata interruzione dell’esercizio provvisorio con annessa subitanea perdita della affiliazione alla FIGC (e il grave colpo ai Giovanissimi di non poter neppure disputare la Final Eight conquistata).

Dopo l’immane – anche se talora discutibile – lavoro dei Curastars, si decidesse di buttare tutto alla ortiche evitando ulteriori trattative con i compratori, sarebbe una sconfitta gravissima per tutti, inclusi gli stessi Anedda & Guiotto che perderebbero d’incanto tutto lo charme conquistato sinora, ma sarebbe forse l’aspetto meno importante, a fronte dell’insuccesso dell’esercizio provvisorio che in questo modo sarebbe servito solo ad accontentare Lega e FIGC per le loro esigenze di chiudere il campionato e non, come solennemente promesso anche dinnanzi al Sindaco, per mantenere il calcio professionistico a Parma. Giacché tutto era predisposto, ora non si vanifichi tutto nel finale: Rogato e il Comitato Creditori concedano le trattative private, così Corrado, Piazza e Adler saranno con le spalle al muro e potranno dimostrare di che pasta sono fatti.

I tre competitor, al momento, non sono, a parere dello scrivente, condannabili, dal momento che le condizioni di acquisto del “carrozzone” erano poco chiare e ad alto rischio. Se riusciranno a ottenere le dovute garanzie (ma attenzione: questo passaggio non sarà semplicissimo…) poi non potranno accampare scuse.

Per la Serie D, come Domodossola c’è ancora tempo: io voglio la serie B, come era stato promesso, e mi attendo per domani dal giudice e dal Comitato dei Creditori un gesto di apertura in questo senso. Buttare tutto a mare significherebbe vanificare tutto quanto fatto fino a ora. E con tre supposti compratori alla porta non sarebbe rispettoso per i tifosi e per gli stessi creditori, di cui la procedura fallimentare deve fare gli interessi. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

256 pensieri riguardo “NON E’ ANCORA SERIE D: PIUTTOSTO CHE TENERE IL FARDELLO INVENDUTO, A FRONTE DI TRE DIVERSE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE, IL GIUDICE ROGATO POTREBBE CONCEDERE LE TRATTATIVE PRIVATE

  • 9 Giugno 2015 in 18:37
    Permalink

    secondo me oggi i curatori sapevano che non sarebbero arrivate offerte, se vogliono davvero vendere ,visto che entrambi i competitor vogliono mettere sul piatto una bella cifra, il giudice farà andare a trattativa privata.

    • 9 Giugno 2015 in 20:38
      Permalink

      direttore ma c ‘è qualcosa che non va nei miei commenti? sono fermi in moderazione da un sacco di tempo, quello a cui sto rispondendo era il primo dell’articolo ma non è passato. dici che è un problema mio?

      • 9 Giugno 2015 in 21:20
        Permalink

        ho già scritto ad altri di portare pazienza ci sono ulteriori 200 messaggi in attesa.
        scusate il disagio

        • 9 Giugno 2015 in 21:40
          Permalink

          tranquillo, non volevo fare polemica. credevo realmente avessi problemi io a postare messaggi.

  • 9 Giugno 2015 in 18:37
    Permalink

    majo domanda..mettiamo che vada per le trattative private..come funziona? ad uno ad uno sonderanno il terreno e sceglieranno chi offre di piu?

  • 9 Giugno 2015 in 18:40
    Permalink

    L’unica vera opnione che va letta è la sua Direttore.
    Speriamo bene!

  • 9 Giugno 2015 in 18:40
    Permalink

    Ma è impossibile dargli le garanzie non ci sono i tempi

  • 9 Giugno 2015 in 18:43
    Permalink

    Grazie della risposta assennata.

  • 9 Giugno 2015 in 18:44
    Permalink

    Sottoscrivo in toto quello che hai scritto direttore! Ancora una giornata di attesa…

      • 10 Giugno 2015 in 12:59
        Permalink

        Da parte dei curatori ci dovrebbe essere l’interesse alla trattativa privata per incassare qualcosa per i creditori. Dall’altra parte i vari Corrado e Piazza non devono chiedere cose impossibili ai curastars (e qui la vedo più problematica).
        Speriamo davvero che arrivi una notizia positiva!

  • 9 Giugno 2015 in 18:46
    Permalink

    L’inguaribile ottimismo è sempre stata una malattia anche per me ma stasera ti assicuro che il morale è sotto i tacchi.
    Di positivo c’è solo che non hanno manifestato ufficialmente interesse gli altri soggetti di cui si vociferava. Vedremo domani, a questo punto è giusto sentire soprattutto il comitato dei creditori. Sui curatori non sono molto d’accordo sulla tua riflessione, hanno lavorato tanto e credo che non gli si potrà obiettare molto neppure se l’azienda rimarrà invenduta. Magari si dimostreranno nuovamente bravi quando promuoveranno le azioni di responsabilità.
    Anche oggi complimenti alla gazzetta di parma per le notizie documentate che hanno diffuso

  • 9 Giugno 2015 in 18:47
    Permalink

    Direttore io pensò che i vari piazza e Corrado abbiano già parlato con rofatot e curatori Per la trattativa privata, se no che senso avrebbe aver mandato quella busta oggi? Perlopiù due ore per aprirl

    • 9 Giugno 2015 in 19:10
      Permalink

      I curatori erano abbastanza giù di pirla. Mi verrebbe da escludere patti strani e particolari…

      • 9 Giugno 2015 in 19:19
        Permalink

        Forse li avevano rassicurati di fare un’offerta valida

  • 9 Giugno 2015 in 18:49
    Permalink

    Quando il gioco si fa duro. Io ci sto, anche perchè Rogato non ha altre alternative pragmatiche (oltre al fallimento e quindi alla perdita di tutto e per tutti). Resta da vedere quando si avvieranno le trattative e per quanto tempo saranno concesse. Assurde le critiche di chi pensa che tutto questo sia illegale, ma in Italia ci sono probabilmente 60 milioni di avvocati e commercialisti oltre che di tecnici sportivi, senza dimenticare che l’unica squadra a far debiti è il Parma mentre tutte le altre navigano nell’oro di presidenti pulitissimi e onestissimi che ottengono il loro guadagno lavorando nei campi. Massa belante.

  • 9 Giugno 2015 in 18:49
    Permalink

    Forza adler!

  • 9 Giugno 2015 in 18:49
    Permalink

    A suo parere, quale di questi 3 competitor sarebbe più solido economicamente e di conseguenza disposto ad un maggiore investimento nel club? Così a sensazione….

    • 9 Giugno 2015 in 19:09
      Permalink

      A me piace Corrado, ma penso che in generale sia meglio piazzato Piazza, anche dopo la manfrina di oggi.

      cordialmente

      Gmajo

  • 9 Giugno 2015 in 18:50
    Permalink

    majo domani si chiude il tutto…rogato porra la parola fine a questo strazio per la felicita’ di boni….

  • 9 Giugno 2015 in 18:50
    Permalink

    Cosa potrebbe succedere in una trattativa privata? Si chiede un ulteriore sconto sul debito sportivo?

    • 9 Giugno 2015 in 19:04
      Permalink

      Più che tagli, garanzie. Vogliono mettersi tutti e tre gli eventuali partecipanti al riparo da sorprese

      • 9 Giugno 2015 in 19:11
        Permalink

        Ma se come è stato detto alcune interpretazioni sono considerate forzature (lo stralcio degli incentivi all’esodo ad esempio) che garanzie può dare il tribunale fallimentare? Fornendo questa garanzie rischierebbero di danneggiare ulteriormente i creditori invece di tutelarli. Io ritengo che stiano cercando (senza successo) di lasciare il cerino in mano al potenziale compratore. Siccome ovviamente non hanno trovato nessuno di così avventato da imbarcarsi in questa situazione domani ne trarranno le conclusioni.

  • 9 Giugno 2015 in 18:50
    Permalink

    Hanno vinto Boni, Bellè, Ceci, Molossi e l’Upi?

    • 9 Giugno 2015 in 19:02
      Permalink

      MA BASTA CON QUESTI STUPIDI MURO CONTRO MURO.

      CAZZO: SIETE AL LIVELLO DI BONI

      LA SCONFITTA SAREBBE DI TUTTI.

      • 9 Giugno 2015 in 19:11
        Permalink

        Esatto! !!!!

      • 9 Giugno 2015 in 19:17
        Permalink

        Guardi che noi non abbiamo fatto alcun muro contro muro, sono loro che hanno sempre tifato apertamente per la D irridendo chi sperava nella B. E non mi venga a dire che costoro vivrebbero la D come una sconfitta, anzi tutti questi soggetti ne sarebbero ben felici, in particolare l’Upi se riuscisse ad acquisire il controllo della società in quarta serie.

        • 9 Giugno 2015 in 19:30
          Permalink

          Intanto per la Quarta Serie c’è già pronto Baraldi col suo Zanetti, senza l’Upi…

          • 9 Giugno 2015 in 20:49
            Permalink

            Majo, è solo una risposta sarcastica o c’è del vero? 😉

  • 9 Giugno 2015 in 18:51
    Permalink

    Mi scusi, ma quale serietà dimostrerebbe la giustizia italiana a furia di rimangiarsi le proprie parole.. Ricordiamo che il giudice deve essere un garante della regolarità ddelle operazioni..

    • 9 Giugno 2015 in 19:18
      Permalink

      se buona notte

      • 9 Giugno 2015 in 19:46
        Permalink

        Ricordiamoci che il Parma Fc è un’azienda, tutti i soldi che arrivano dalla vendita vanno a lavoratori ed aziende che li meritano. Quindi il comitato creditori avrà interesse a proseguire quella che per noi tifosi è un agonia!!

  • 9 Giugno 2015 in 18:52
    Permalink

    Ma Majo, smetta di illudere, la lezione non gli è servita ? Anche se ci fosse trattativa privata tutto andrebbe a puttana lo stesso. Siamo in D, SE LO CUCCHI NELLA MENTE, possibile che un giornalista con esperienza come lei non abbia ancora capito che i giochi sono finiti, che siamo stati presi in giro da tutti dai curatori, da corrodo, da piazza e chi più ne ha, più ne metta. Anche i tempi tecnici sono al limite. Con le trattative private si sfora questo tempo per cui la smetta di fare il DON CHISCIOTTE contro i mulini a vento. Glielo dicevo che i dissidenti non avrebbero preso un euro. Volevano troppo e non hanno preso niente e pubblichi i miei post che oggi pomeriggio le ho mandato, accetti la sconfitta, anche se la verità le farò male. Anche lei purtroppo ne esce da questa vicenda sconfitto e bastonato.Corrado l’ha usata, quando capirà questo, saremo a cavallo. NON DOVEVA ILLUDERE I TIFOSI. HA DETTO PERFINO CHE ERA SICURO DI CORRADO AL 99%. iO INVECE LE DICEVO CHE LE PROBABILITÀ’ DI VENDERE IL Parma ERANO DELLO 0,1% PERCHE’ NON MI HA ASCOLTATO?Qualche giorno fa glie l’avevo detto che I giochi sono finiti. Il Parma oggi è morto a 101 anni, se lo metta in testa. Anche il giudice Rogato preferisce il fallimento a una trattativa privata. Il giudice pretende troppo, la curatela lo stesso(MAMMA MIA CHE DELUSIONE) e tra il prendere poco e il non prendere niente, TUTTI HANNO PREFERITO NON PRENDERE NIENTE. REQUIEM.

  • 9 Giugno 2015 in 18:52
    Permalink

    si aspetta che si presenta qualcuno domani,specialmente chi non c’ha messo un euro di caparra ,il manager con la m maiuscola e la gobba minuscola

  • 9 Giugno 2015 in 18:59
    Permalink

    Direttore è stata già concessa una proroga mi meraviglierei ne venisse concessa un’altra. Evidentemente non ci sono le condizioni giuridiche economiche affinchè qualcuno sia realmente interessato al Parma e domani il giudice ne prenderà atto chiudendo bottega

    • 9 Giugno 2015 in 23:07
      Permalink

      Che ci provino……………

      • 10 Giugno 2015 in 07:00
        Permalink

        10 decimi e 10 piani di Morbidezza

        Buttati Sacco di Bullahahahah !!!!

  • 9 Giugno 2015 in 19:02
    Permalink

    serie D senza se e senza ma:CAMPIONATO FALSATO andavate esclusi immediatamente.
    ….o vogliamo ASSOLUTAMENTE tenere il Parma in B a prescindere da tutto e tutti,regolamento compreso
    AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAHAH

    • 9 Giugno 2015 in 23:08
      Permalink

      Tu pensa a salvaguardare i pochi neuroni che hai…se perdi pure quelli è notte. ……

    • 10 Giugno 2015 in 00:54
      Permalink

      CHIUQUE TU SIA, SPERO, CHE PER OGNI LETTERA CHE HAI DIGITATO NEL TUO “intelligentissimo” POST TI POSSANO VENIRE 1.000.000 DI KANKERI… TI BASTA???

  • 9 Giugno 2015 in 19:02
    Permalink

    Quindi Majo con trattativa privata potrebbero risparmiare i 4 milioni e mezzo del titolo sportivo? O il prezzo era quello e quello rimane?

    • 9 Giugno 2015 in 21:45
      Permalink

      il prezzo sarà li attorno. ma mica quello è il problema

  • 9 Giugno 2015 in 19:04
    Permalink

    Personalmente sono schifata da tutto e tutti…curatori che abbassano il debito ma nn danno certezze a chi compra…compratori che fanno proclami e non comprano. ..pseudo giornali che fanno titoli assurdi dopo essersi dimostrati incapaci e in malafede x tutta la durata dei lavori in corso x la cessione del parma… l’ennesima delusione. ……

  • 9 Giugno 2015 in 19:06
    Permalink

    ma vi pare che questi personaggi acquistino una societa senza essere sicuri che non ci siano ulteriori soldoni da sborsare dietro l’angolo…rendiamoci conto nessuno regala nulla…e 22 milioni di euro sono 22 milioni mica bruscolini…..

    • 9 Giugno 2015 in 23:12
      Permalink

      Ma la metà del milan pagata 500mln fa pensare che il parma sarebbe un affare a sto prezzo anche se ci fosse qualche problemino da risolvere con qualche esodato scontento…..e con la pila si può costruire una squadra da far paura alle big. …
      Forse manca la volontà. ..allora non sono i soldi il problema ma la non voglia di mettersi in gioco in questa avventura

  • 9 Giugno 2015 in 19:08
    Permalink

    perche’ noi tifosi del parma siamo destinati a subire e farci prendere in giro??
    Danno le scadenze…e poi non ci dicono o SI O NO!!
    siamo stanchi!!ORA BASTA!!
    CHE DOMANI si decida..o b o D basta che non ci stressano piu’!!
    Nikke da Poggibonsi(siena)
    TOSCANA CROCIATA

    • 9 Giugno 2015 in 23:13
      Permalink

      Tu dalla toscana..un altro dalle marche… è bello sapere che anche voi tifate parma nonostante non siate di parma… grazie xché ci strappate un sorriso in questa ennesima giornata difficile

  • 9 Giugno 2015 in 19:08
    Permalink

    Direttore che tempistiche avrebbero le eventuali trattative private?

  • 9 Giugno 2015 in 19:10
    Permalink

    MEGLIO ACCENDERE UNA PICCOLA CANDELA CHE MALEDIRE
    L’OSCURITA’ ( Confucio)

  • 9 Giugno 2015 in 19:10
    Permalink

    DOTT.MAJO NON MI AVEVA DETTO IN TEMPI NON SOSPETTI CHE SE UNO NON OFFENDEVA MA ESPRIMEVA SOLO LA SUA IDEA NON VENIVA CENSURATO? E’ TUTTO IL POMERIGGIO CHE MI HA CENSURATO, RILEGGENDO I POST HO DETTO SOLO IL MIO PUNTO DI VISTA CHE A LEI DA FASTIDIO OVVIAMENTE perchè ho attaccato anche lei per aver illuso un po tutti. Diciamo che come democrazia cominciamo a fare acqua da tutte le parti.

    • 9 Giugno 2015 in 21:24
      Permalink

      ho già spiegato che ci sono oltre 200 commenti in moderazione. scusate ma non sono nembokid
      sto pian pianino vedendoli
      scusate il disagio

      • 9 Giugno 2015 in 23:16
        Permalink

        Direi che è velenoso a doversi scusare x le sue accuse insensate…

  • 9 Giugno 2015 in 19:11
    Permalink

    Bisogna fare di tutto per salvare il parma se c’è ancora una possibilità perché non concedere la trattativa privata visto che ci sono 3 manifestazioni di interesse.
    Altrimenti uscirebbero sconfitti la citta i suoi tifosi i dipendenti i curatori i giocatori dopo tutti i sacrifici fatti non sarebbe una bella immagine quindi confido nel giudice Rogato

  • 9 Giugno 2015 in 19:11
    Permalink

    DOTT.MAJO NON MI AVEVA DETTO IN TEMPI NON SOSPETTI CHE SE UNO NON OFFENDEVA MA ESPRIMEVA SOLO LA SUA IDEA NON VENIVA CENSURATO? E’ TUTTO IL POMERIGGIO CHE MI HA CENSURATO, RILEGGENDO I POST HO DETTO SOLO IL MIO PUNTO DI VISTA CHE A LEI DA FASTIDIO OVVIAMENTE perchè ho attaccato anche lei per aver illuso un po tutti. Diciamo che come democrazia cominciamo a fare acqua da tutte le parti. SPERO DI SBAGLIARMI.

    • 9 Giugno 2015 in 20:11
      Permalink

      Non sei l’unico al mondo. Ho oltre 200 commenti in attesa. Quindi calma & gesso, perché non sono nembokid, pian pianino li evado, ma debbo fare anche il mio lavoro di giornalista e cercare di documentarmi per non scrivere/dire stronzate

      Cordialmente

      Gmajo

      • 9 Giugno 2015 in 21:14
        Permalink

        Volevo dottor Majo scusarmi con lei, l’ho addirittura offesa ma oggi dopo il voltafaccia di Corrado, ERO TALMENTE IMBUFALITO che non sapevo con chi prendermela e me la sono presa con lei. Dimentichi quello che le ho detto. ero straincazzato con altri, non certamente con lei. Speriamo che il giudice Rogato faccia quello che i tifosi la città e il buon senso gli suggeriscono altrimenti anche lui ha fallito e con Anedda Guidotto e Rogato, saranno considerati negli anni quelli che oltre a Ghirardi e Leonardi hanno fatto precipitare il Parma in serie D perchè ora come ora hanno fallito e perso credibilità a Parma Speriamo che se c’è trattativa privata i dissidenti accettino quel poci che gli viene offerto altrimenti non prendono niente di niente. Mi scusi ancora, a domani.

        • 9 Giugno 2015 in 23:17
          Permalink

          Ah ecco ti sei scusato…bravo. …

  • 9 Giugno 2015 in 19:13
    Permalink

    Secondo lei cosa succederà?

      • 9 Giugno 2015 in 20:17
        Permalink

        A questo punto non sarebbe stato meglio andare a trattativa diretta (termine più appropriato) subito dopo la 5 asta?

  • 9 Giugno 2015 in 19:14
    Permalink

    Quindi bene che ci vada il nuovo acquirente del Parma sarà a discrezione del giudice… Speriamo in una scelta più felice di chi prima di lui qualche anno fa ha avuto lo stesso compito!

    • 9 Giugno 2015 in 19:39
      Permalink

      Quella di Bondi si è rivelata una scelta infelice col senno di poi di sette anni dopo…

      • 9 Giugno 2015 in 19:46
        Permalink

        Direi già col senno di poi di un solo anno dopo…

      • 9 Giugno 2015 in 20:18
        Permalink

        La scelta infelice l’hanno fatta i genitori di ghirardi.

  • 9 Giugno 2015 in 19:15
    Permalink

    Ho notizie certe (fonte a prova di bomba) che Piazza ha versato 1M su un conto verificabile e nella disponibilità dei curatori.

    Corrado invece non ha versato nemmeno la cauzione (20% base d’asta). Ciò non depone a suo favore.
    Se dovessi fare delle previsioni direi:

    60% serie D
    30% Piazza
    10% Corrado

    • 9 Giugno 2015 in 19:21
      Permalink

      Sul fatto che Corrado non abbia versato la cauzione sono molto deluso anch’io.

      La Curatela, tuttavia, non ha confermato ufficialmente il versamento della cauzione degli yankee.

      E in gioco ci sarebbe sempre pure Adler.

      Ma il punto, per sperare, resta uno: che Rogato, d’accordo col Comitato dei Creditori, faccia proseguire il gioco, o attraverso trattative private o eventuali ulteriori aste (che arrivati a sto punto eviterei).

      Cordialmente

      Gmajo

      • 9 Giugno 2015 in 19:27
        Permalink

        Majo la messa e’ finita,non e’ che un giudice si puo’ rimangiare quello che ha detto,e poi con chi la fa la trattativa ,cosa fa va in via san leonardo col martelletto ?

        • 9 Giugno 2015 in 20:33
          Permalink

          Il giudice non lo ha detto. Lo han riferito i curastars, peraltro in conferenza e verba volant

          • 9 Giugno 2015 in 22:52
            Permalink

            figura da cioccolatino manent

      • 9 Giugno 2015 in 19:28
        Permalink

        che piazza ha versato 1M glielo confermo io, per quello che può valere.
        Il fatto è che ha versato su un conto verificabile, dimostrando così che un minimo di disponibiltà economica, ma non sottoponendosi ai vincoli e al rischio di escussione della cauzione.

        Corrado, invece, purtroppo non ha dato prova nemmeno di avere 1 M cash per il momento. Brutto segno

        • 9 Giugno 2015 in 20:32
          Permalink

          Non pensate che, al di là di alice nel paese delle meraviglie, certe condotte potessero già esser conosciute prima agli attori?

          Cordialmente

          Gmajo

          • 9 Giugno 2015 in 20:42
            Permalink

            Io credo che i curastars puntassero su corrado e siano rimasti spiazzati pure loro quando hanno aperto la busta. Tenga presente che se riuscissero a piazzare la società (anche a meno dei 4M) si porterebbero a casa circa 1M a testa di cagnotta secondo i miei conti.
            Se esiste solo la vaga possibilità di cedere la società senza rischiare il penale lo faranno

          • 9 Giugno 2015 in 21:08
            Permalink

            i curastars mi sembrano molto più sensibili allo yankee che corrado

  • 9 Giugno 2015 in 19:18
    Permalink

    Corrado grande delusione, alla prova dei fatti non ha sganciato neanche un euro di caparra. alla fine almeno Piazza qualche rischio se lo è preso.

    • 9 Giugno 2015 in 19:29
      Permalink

      Non nascondo che sono deluso anch’io per la mancata cauzione: quella avrebbe dovuto metterla. Però, prima di formulare giudizi cerco di documentarmi e capire.

      Che Piazza abbia fatto quella mossa, mi verrebbe da pensare quasi quasi fosse stata studiata a tavolino, se non predisposta o concordata.

      Del resto è da ieri che parlo di partite a scacchi su più fronti…

      Ma io eviterei di giudicare in base a questo.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 9 Giugno 2015 in 19:49
        Permalink

        Direttore perché Rogato e compagnia domani NON dovrebbero concedere ulteriori possibilità?
        In caso positivo, comunque, stiamo seminando gravi precedenti uno dietro l’altro…

      • 9 Giugno 2015 in 22:02
        Permalink

        Caro Majo per me Corrado ha illuso i tifosi e poi ce l’ha messo nel cu..Sa che le dico? Tra Taci e Corrado preferisco Taci, almeno lui un euro almeno l’ha tirato fuori acquistando la società. Corrado non ha sborsato neanche un centesimo. CAPPERI dalla padella alle brace. Ha notato poi che dopo la comparsata dal notaio, con quella busta contenente aria fritta, il figlio di Corrado che ha portato la busta all’uscita ridacchiava come uno scemo? Meglio Taci tra i due mi creda, molto meglio.

        • 9 Giugno 2015 in 22:13
          Permalink

          creda quello che vuole. io la penso in modo diametralmente opposto.
          taci fora dal bali

      • 10 Giugno 2015 in 01:13
        Permalink

        Direttore, magari un senso ad un comportamento del genere lo si troverá… Tuttavia lavorare dietro le quinte per settimane, parlare nelle segrete stanze con mezza Parma per poi (quando era chiaro che era una condizione vincolante….) non associare ad una “proposta” (peraltro giá di per sè invalida) nemmeno un euro di cauzione mi sembra veramente INCOMPRENSIBILE… Bah!

        • 10 Giugno 2015 in 01:36
          Permalink

          se gli era stato fatto capire che era superfluo farlo…

  • 9 Giugno 2015 in 19:19
    Permalink

    Aggiungo: siamo sicuri che ci sia Adler o è solo una supposizione?

    • 9 Giugno 2015 in 19:23
      Permalink

      Ne siamo abbastanza sicuri. Ma non ne abbiamo le prove provate

  • 9 Giugno 2015 in 19:20
    Permalink

    Ennesima fiducia non costa nulla. Ormai ci hanno preso per i fondelli continuiamo pure ! Aspettiamo domani giovedi venerdi ma poi basta! A tutto ce un limite. Pietra e macigni e si volta pagina. Noi tifosi non meritiamo tutto questo,soffriamo ogni volta. Spero ormai che domani decidino il da farsi nel bene e nel male ! Comunque un grazie particolare agli industriali di Parma e alla gdp veramente . Avete mangiato e goduto del Parma ad alti livelli ora godetevi questi prossimi momenti bui ! Parma si merita purtroppo aimè la serie D!

      • 9 Giugno 2015 in 19:44
        Permalink

        C’è una parte della cxittà che la merita, anzi la vuole…

        • 9 Giugno 2015 in 20:29
          Permalink

          Concordo e sarebbe bello un giorno fare i nomi.

        • 9 Giugno 2015 in 20:38
          Permalink

          tipo via fleming via solari ?

          diciamo che all’ottanta per cento dei parmensi non gliene frega molto

          cosi’ a spanne ma magari mi sbaglio,
          che alla famosa marcia saremo stati in 1000,lo sapevo che da dietro le finestre gufavano

          • 9 Giugno 2015 in 23:22
            Permalink

            X me esageri…almeno lo spero. Magari uno non fa marce ma tifa lo stesso

  • 9 Giugno 2015 in 19:29
    Permalink

    Ecco altre Sorprese del nostro bel Paese

    Fidarsi è Bene NON Fidarsi è Meglio

    Da una Vita ci Dicono Domani domani

    Poi qualcuno gli Batte anke le Mani

    Tgnèmmos Vìsst Bognèrba !!!!

  • 9 Giugno 2015 in 19:29
    Permalink

    Direttore, con la trattativa privata in caso di successo Corrado avrà garanzie e tutele maggiori sull’ammontare del debito rispetto alla procedura di asta pubblica?
    Oppure l’unica cosa su cui si potrà trattare in sede privata è
    il solo valore d’acquisto?

    Grazie.

    F.

  • 9 Giugno 2015 in 19:31
    Permalink

    Come tifosi no ma le grandi istituzioni si ! La potevano gestire meglio Parma parlo del calcio ma poi ci casca dentro tutto a ruota! Mi dispiace per quelli che lavorano onestamente come voi ma il resto è fuffa

  • 9 Giugno 2015 in 19:33
    Permalink

    Se è vero Piazza ha pagato 1 milione di cauzione è l’unico interlocutore con il quale mi interfaccerei d’ora in poi fossi nei curatori

    • 9 Giugno 2015 in 19:50
      Permalink

      Dipende da quelle che sono le manovre in corso. Non è un milioncino che fa la differenza, siamo seri…

      • 9 Giugno 2015 in 20:16
        Permalink

        Appunto… un milioncino .. previsto dalla procedura se non versi nemmeno quello?

        • 9 Giugno 2015 in 20:21
          Permalink

          Partiamo da un presupposto: quella formulata da Corrado non è stata ritenuta una offerta valida: se già non la si poteva considerare valida per le richieste di garanzie, tanto valeva, evidentemente, non rispettare il disciplinare anche in quel punto…

          Anche perché la partita a scacchi è complessa.

          Per altro se l’offerta di Piazza prevedeva la restituzione del milioncino alla fine dei giochi in caso di insuccesso, non è che ci sia poi tutta questa differenza.

          Aspettiamo per giudicare. Perché cosa ci sia dietro davvero lo sanno solo loro. Sempre ammesso lo sappiano…

      • 9 Giugno 2015 in 23:27
        Permalink

        Però, se fosse vero, sarebbe il primo da mesi e mesi che almeno versa una cifra importante. Se la versi vuol dire che l interesse è cmq reale e che un po’di soldi li hai..a differenza dei vari taci e manenti che i soldi speravano d farseli col parma

  • 9 Giugno 2015 in 19:33
    Permalink

    Grazie Gabriele. Dopo lo scoramento iniziale, un pó di fiducia. Una domanda: domani sapremo solo se rogato concede la trattativa privata o anche già il nome del nuovo proprietario? E in ogni caso, entro quando deve finire questa storia? Entro il 15? Ma ci stiamo per iscriverci alla B? Grazie:

    • 9 Giugno 2015 in 20:06
      Permalink

      Penso entro il 15.
      Domani mi pare presto.

      Semmai, domani, ci diranno di no, Ma per un nuovo presidente temo che sia ancora lunga…

  • 9 Giugno 2015 in 19:36
    Permalink

    ottima analisi majo, condivido e anch’io spero che domani sia un giorno buono

  • 9 Giugno 2015 in 19:38
    Permalink

    Verso che ora è domani l incontro?

  • 9 Giugno 2015 in 19:41
    Permalink

    Speriamo che il giudice rogato si rimangi la storia dell’ultima asta se no è finita

    • 9 Giugno 2015 in 22:19
      Permalink

      Ma anche Rogato è finito se non concede la trattativa privata Sarebbe per i tifosi l’UOMO PIU’ ODIATO DI PARMA addirittura più odiato di Ghirardi e Leonardi ed è tutto dire. Tanti causa sua COCCIUTAGGINE perderebbero il posto di lavoro e i tifosi la squadra. Fossi in lui cambierei non città ma NAZIONE, andrei a vivere in America, fuggirei. Anche Anedda e Guidotto dopo tutto il lavoro svolto si troverebbero con un pugno di mosche in mano e con la consapevolezza dei parmigiani di non essere stati all’altezza di fare i curatori fallimentari avendo creato incertezze su incertezze su chi voleva acquistare. UNA DEBACLE per loro epocale.

  • 9 Giugno 2015 in 19:43
    Permalink

    Stasera chi si sente boni?

  • 9 Giugno 2015 in 19:49
    Permalink

    Concordo su tutto direttore, ora indipendentemente dalla cauzione versata o meno, un buon imprenditore non si lancia da un aereo senza la garanzia di avere un bel paracadute di scorta. Il partire senza garanzie potrebbe minare il loro progetto e con non pochi problemi , quanti debiti nascosti ci sono?? i giocatori rimangono ?? e se possono andarsene senza poter far nulla quanto mi costa fare una rosa competitiva ?? Cmq io spero ancora, anche per i creditori e dipendenti, perché il sedersi e trattare è la loro ultima chance di poter percepire un po di soldi arretrati e per qualcuno di mantenere il posto di lavoro…. al contrario sarebbero costretti ad aspettare una quindicina d’anni..

  • 9 Giugno 2015 in 19:52
    Permalink

    UPI però oggi ha rifinanziato l’aeroporto! Bravi…Bene così… Non potevano far fallire entrambe le realtà.
    Oggi per me L UPI ha ripreso punti mentre ne ha persi assai Corrado.

    • 9 Giugno 2015 in 19:58
      Permalink

      Corrado adesso appare così: poi, più avanti sarà tutto più chiaro…

      • 9 Giugno 2015 in 20:34
        Permalink

        Lo so Direttore, lo spero anche…noi tifosi in questa fase siamo la formica che considera il mondo grande 1mq, mentre investitori e curastars hanno una visione più sensata di tutte le manovre e le dimensioni del gioco…
        Però che botta oggi!

    • 9 Giugno 2015 in 23:29
      Permalink

      Evidentemente gli serviva x i loro viaggi più di quanto non gli serva il parma

  • 9 Giugno 2015 in 19:54
    Permalink

    Sembrava che le cose andassero su binari diversi….

  • 9 Giugno 2015 in 19:55
    Permalink

    Bella botta quella di oggi, io mi stavo chiedendo, ammesso (sperando) che il giudice ammetta le trattative private, come sarà possibile intavolarle con 3 (forse 2) soggetti distinti entro il 15? di fatto i giorni utili sono il pomeriggio di domani, giovedi e forse venerdi…c’è da correre..
    Sono inspiegabilmente fiducioso su Piazza…E’ l’unico ad aver fatto una mossa tattica nella giornata di oggi..

  • 9 Giugno 2015 in 19:57
    Permalink

    Ho paura che tutto quello che si sta verificando sia solo un tentativo prolungate un agonia i inutilmente nel senso che ormai mi sembra di aver capito che non c è nessuno di questi personaggi seriamente interessato ad acquistare il Parma. Corrado l ha spinto il tav x fare vedere che è stato di parola e al dunque si è tirato indietro, purché questo è quello che ha fatto. Piazza sembrava lanciatissimo e poi anche lui posso indietro puntando su una trattativa privata quando sa benissimo che l hanno esclusa a priori. Adler è un incognita, ma non fanno altro che smentite, quindi… La mia sensazione è che domani finirà tutta questa messa in scena, con la vittoria del partito che vuole far sparire il Parma dal calcio che conta… Con buona pace di lega e figc che hanno ottenuto quello che volevano.sono schifato da tutto

    • 9 Giugno 2015 in 20:16
      Permalink

      Corrado non ha solo dietro il tav (sempre ammesso ce lo abbia): fatevi un controllino sulle due società menzionate e guardate il capitale sociale…

      Forse non sarebbe meglio riflettere su quanto sia in effetti appetibile il Parma al di là della cura dei curastar

      Cordialmente

      Gmajo

      • 9 Giugno 2015 in 20:31
        Permalink

        Che capitale sociale hanno?

      • 9 Giugno 2015 in 23:37
        Permalink

        Che si comprassero il milan o l inter se il parma gli fa schifo…ma mi pare che x quelle squadre abbiano i soldi solo gli orientali. …Interroghiamoci anche su questo e su quante parole al vento sono state sparate da tanti soggetti che non hanno un euro da investire nel calcio (tipo l impresario di pulizie laziale che si è fatto un po’ di pubblicità a sbafo sfruttando il nome della squadra ….e ne ho citato solo uno a caso)

  • 9 Giugno 2015 in 20:01
    Permalink

    Direttore le sue sensazioni?

  • 9 Giugno 2015 in 20:07
    Permalink

    Ma che pagliacciata è mettere una insignificante manifestazione di interessu nella busta per l’offerta d’acquisto? Super pagliacci in cerca di visibilità

    • 9 Giugno 2015 in 20:28
      Permalink

      Poi cosa abbiano scritto davvero lo sa chi ha scritto e chi ha letto…

  • 9 Giugno 2015 in 20:08
    Permalink

    Non so.. io sono dubbioso.. Quali garanzie vuole Corrado? E poi il Giudice puo’ dargliele ? Mi sembra tutto estremamente complicato e da risolvere in poco tempo. Il Giudice ha già concesso un sacco di aste, allungato i termini…

  • 9 Giugno 2015 in 20:14
    Permalink

    Ammettiamo che si vada a trattativa privata.Per rientrare nei tempi tecnici per la B, ENTRO QUANDO QUESTA AGGHIANCIANTE TELENOVELA FINIRA’ IN MODO DEFINITIVO. IN PAROLE POVERE il termine ultimo per aver un presidente qual’é? Ma i dissidenti volendo potrebbero ancora rientrare in gioco accettando quel poco in cambio di niente?

  • 9 Giugno 2015 in 20:15
    Permalink

    Buongiorno direttore, auspicando, sperando e immaginando che il comitato di creditori e il giudice delegato Rogato optino per proseguire con trattative private, penso che i tre soggetti interessati ragioneranno solo e unicamente con la logica del soldo : in questo senso ha una sua ratio la mancanza della caparra nell’offerta di Corrado (del genere : perchè devo buttare soldi se non sono sicuro che le trattative private ci saranno?), idem Piazza ha detto di aver mandato la caparra, ma dalla curatela non arrivano conferme.

      • 9 Giugno 2015 in 23:39
        Permalink

        Però se li ha versati potrebbe nn rivederli più. ..è un rischio…magari con qualche excamotage possono essere considerati caparra

  • 9 Giugno 2015 in 20:23
    Permalink

    Una domanda: i curatori sono in grado di dare quelle garanzie che Piazza e Corrado chiedono?

    • 9 Giugno 2015 in 20:37
      Permalink

      Questa e’ bella parecchio…
      Perdona ma…Il signor Piazza ( in sto’ momento a Miami sulla ocena road con un mito in mano immagino accompagnato da avvenente fanciulla con mammelle siliconate) e il suo compare Corrado le garanzie devono fornirle…devono offrirne un sacco…ma un sacco…
      Non chiederne…..

      • 10 Giugno 2015 in 01:25
        Permalink

        FOTTITI GHIRARDELLO. FOTTITI.
        SEI L’UTENTE PIÙ ODIATO (E INUTILE) DEL SITO. MA SEI QUI A ROMPERE IL CAZZO ANCHE LA SERA DELLA FINALE PLAYOFF DEL BOLOGNA-STRA-MERDA.???

  • 9 Giugno 2015 in 20:29
    Permalink

    Quindi game over.. Basta illudersi

  • 9 Giugno 2015 in 20:31
    Permalink

    Direttore io la stimo e la seguo..io ero per la B..ma dopo oggi dico..basta…spiace..piange il cuore ma é ora di staccare la spina …Alla fine ognuno dei 3 giustamente pensa ai propri affarei e a tutelare se stesso..non ha amore per il Parma …da tifoso di un presidente cosi me ne faccio zero

    • 10 Giugno 2015 in 01:19
      Permalink

      Se aspettiamo uno con amore x il parma possiamo chiudere qui davvero. Dopo Ceresini non ne abbiamo più avuti d proprietari cosi…e nessuno mi citi tanzi come ex proprietario innamorato del parma sennò mi incazzo

  • 9 Giugno 2015 in 20:34
    Permalink

    Ma un’eventuale trattativa privata coinvolgerebbe solo i soggetti che hanno presentato ufficialmente una manifestazione d’interesse ,oppure potrebbe essere estesa anche ad altri eventuali soggetti ?

  • 9 Giugno 2015 in 20:40
    Permalink

    Caro Direttore,
    Due domande:
    I curatori non avevano formalmente escluso il ricorso alle trattative private?
    In ipotesi di serie B,il mancato pagamento di debiti nei confronti di società’ estere non comporterebbe l’applicazione di ulteriori punti di penalizzazione su sollecito della UEFA,con conseguente impossibilità’ di immediata risalita in serie A,unica condizione per Ipotizzare un investimento fruttuoso nella societa’ costituenda?

    • 9 Giugno 2015 in 21:10
      Permalink

      per debito estero è inteso non dovuto
      trattative escluse ma non formalmente,

      • 9 Giugno 2015 in 23:20
        Permalink

        Mi scusi,non ho capito la risposta alla seconda domanda(possibilità’ di ulteriori sanzioni a livello sportivo).

        • 10 Giugno 2015 in 00:31
          Permalink

          Che secondo i Curastars il debito verso l’estero non è dovuto

  • 9 Giugno 2015 in 20:52
    Permalink

    Mi scusi direttore, so che è una giornata campale: ma la mia domanda è un semplice flash…come farebbero mai il giudice, i curatori, o qualunque altro soggetto, a fornire garanzie relative alle ben note criticità spesso elencate? Una pluralità di soggetti esterni, una giurisprudenza non univoca, un intreccio di norme sportive e non…troppa confusione…chi si prenderebbe mai la responsabilità di fornire simili garanzie e certezze? C’è altro che bolle in pentola secondo me…non so cosa ma è evidente. a volte ho a che fare con pignoramenti immobiliari e non…tutto è più semplice e cristallino…regole certe…ben inteso, altri valori in campo. Credo che chiunque rileverà il Parma lo fará ripartendo dalle sue ceneri e non riparandone le ammaccature…anche se con tutto il cuore mi auguro l’esatto contrario.
    Buon lavoro e grazie per tutto ciò che fa.

  • 9 Giugno 2015 in 20:52
    Permalink

    E’ saltato fuori che pare sia di Meli la terza manifestazione di interesse…spiegherebbe il tweet di stamani…e Boni chi lo sente stasera?

  • 9 Giugno 2015 in 20:53
    Permalink

    2 considerazioni:
    1) è chiaro che un giudice che indice un’asta escluda a priori una trattativa privata, altrimenti che senso avrebbe fare l’asta? Ciò non toglie che come estrema ratio la trattativa privata possa essere ammessa lo stesso. Anzi direi che dovrebbe essere ammessa, non per far godere a noi tifosi la serie B (cosa che non è compito del tribunale fallimentare) ma per cercare di salvare il salvabile per i creditori (cosa che è esattamente il compito del tribunale fallimentare).
    2) capisco le garanzie che vuole chi compra e chi investa 30 milioni deve avere delle certezze, ma allo stesso modo mi chiedo come possano quelle garanzie venire dal trubunale fallimentare: ok per eventuali controversie circa i tagli dei curatori, ma su paracadute, i 5 milioni della lega e il ridiscutere i contratti in essere non credo che la curatela abbia voce in capitolo.

    Mi sbaglio direttore?

    • 9 Giugno 2015 in 21:40
      Permalink

      E infatti i 5 milioni e paracadute sono garanzie che deve dare Carlo Tavecchio e se domani riusciamo ad andare ai supplementari, vedrete che salteranno fuori (ma non per tutti i contendenti………)

    • 10 Giugno 2015 in 01:32
      Permalink

      Condivido al 100%. Temo che per i curatori sia impossibile fornore garanzie sul futuro, anche perché (eventualmente) verrebbero intentate cause il cui esito non puó per definizione essere certo…

  • 9 Giugno 2015 in 21:32
    Permalink

    Uffa come al solito non riesco a vedere teleducato in streaming

  • 9 Giugno 2015 in 21:32
    Permalink

    Il siro web di teleducato non va lo streaming non va

  • 9 Giugno 2015 in 21:34
    Permalink

    Io penso che domani debbano essere i curatori a dettare le moralità di apertura alle trattatove private e non stare a sentire quello che i soggetti privati vogliono..vendono loro! Che diano credibilità e serietà..poi chi vuole scorciatoie e i furbetti stiano fuori i

    • 9 Giugno 2015 in 21:55
      Permalink

      Non sono solo i suoi. abbiamo oltre 200 commenti in attesa di moderazione

  • 9 Giugno 2015 in 21:51
    Permalink

    Ho capito a cosa ti riferisci majo ma loro sono i curatori e x il giudice la parte venditrice sono loro..

  • 9 Giugno 2015 in 22:01
    Permalink

    È come hai detto in trasmissione..solo il giudice ad accettare le proposte dei soggetti..non possono i curatori farsi mettere con le spalle al muro..

  • 9 Giugno 2015 in 22:21
    Permalink

    Nessuno che dica niente a Boni. Ma dove crede di essere? In osteria?

  • 9 Giugno 2015 in 22:26
    Permalink

    ———————————-GAME——————————————————————————————————–OVER————————————————————————–RIEN NE VA PLUS—————————————————-

  • 9 Giugno 2015 in 22:27
    Permalink

    L’unica cosa che a mio parere non andava fatta era presentare una busta senza nessuna cifra dentro. Mi pare un autogol clamoroso. Confermo che Piazza ha bonificato 1M pari al 20% dell offerta che doveva fare. Lo stop è avvenuto nella prima mattina da parte di JP Morgan in quanto non ha avuto garanzie di quanto ci fosse ancora da spendere. E qui sta l errore dei curatori, non avere ancora puntualmente e precisamente quantificato quello che uno dovrà spendere. Per gli americani è una questione fondamentale. Speriamo che in trattativa privata Piazza riesca a chiudere altrimenti….. Amen.

    • 9 Giugno 2015 in 23:26
      Permalink

      le cifre precise le ha messe anche Corrado e sul fatto che nn avessero messo la cauzione chissà Dio chissà che consigli avranno ricevuto…

  • 9 Giugno 2015 in 22:34
    Permalink

    Corrado piocion! La causion la va pagheda piocion

  • 9 Giugno 2015 in 22:40
    Permalink

    Rogato non è una persona che dice cose a caso. Se ha detto che trattativa privata non si fa, non si fa. Mi ricordo una persona di un certo tipo, quindi dubito che tu Gabriele possa avere ragione. Ripartiremo dalla D, e adesso bisogna fare di tutto per ripetere il miracolo Carpi. Pulizia e programmazione, e che i colpevoli di questo scempio vengano puniti!

    • 9 Giugno 2015 in 23:17
      Permalink

      Nn mi pare di aver traccia di dichiarazioni di Rogato in questo senso, ma solo dei curastars che avevano palesi interessi a tener alte le carte per l’asta.

      • 9 Giugno 2015 in 23:27
        Permalink

        DIRETTORE SI POTREBBE FARE VIVO GIORDANO LUI ERA INTERESSATO SOLO A TRATTATIVA PRIVATA, O SI ESCLUSO DAL GIOCO……

        • 9 Giugno 2015 in 23:30
          Permalink

          penso che di candidati ce ne siano già tanti. meglio nn aggiungerne ulteriori

        • 10 Giugno 2015 in 01:26
          Permalink

          Fa rabbia che alla fine o trattativa privata come voleva (o faceva credere di volere) giordano o D……….

    • 9 Giugno 2015 in 23:43
      Permalink

      Concordo con te Mario.
      Iniziamo a punire i colpevoli.

      • 9 Giugno 2015 in 23:47
        Permalink

        a quello ci penserà la magistratura. o preferite linciaggi e giustizia sommaria?

  • 9 Giugno 2015 in 22:58
    Permalink

    Direttore ma in 4 giorni si riuscirebbe a fare andare in porto una trattativa privata con uno dei 3 soggetti interessati?la mia speranza è che chiunque prenda il parma rescinda i contratti dei 130 bidoni che la volpe di Monterotondo ha imbarcato nella sua avventura parmigiana,sono quei 130 contratti la nostra zavorra!per quanto riguarda le pretese dei vari zaccardo e co,i nostri curastars non potrebbero dire a questi signori:”avendo cambiato squadra il vostro contratto con il Parma e terminato e quindi non vi dobbiamo nulla”?

  • 9 Giugno 2015 in 23:08
    Permalink

    Manca passione, questi sono solo affaristi!! Il presidente dovrebbe essere il primo tifoso della propria squadra (e non lo è quasi più nessuno nel calcio di oggi) quindi se c’è da fare qualche sacrificio o da prendersi qualche rischio non lo faranno perchè fondamentalmente che sia il Parma o un’altra squadra non gli importa assolutamente. E vista la gravità della situazione dubito che le circostanze diventeranno completamente favorevoli per loro. Sia che si tratti di Corrado, Piazza, Meli o Adler. Sono molto pessimista sull’incontro di domani, apprezzo chi ci crede ancora ma il mio cuore di tifoso è mesi che si illude per poi prendersi delusioni subito dopo, non ci credo più. Dispiace tanto,speriamo di rialzarci presto.

    • 10 Giugno 2015 in 08:58
      Permalink

      Mi risulta che CORRADO sia super tifoso del Parma.

      • 10 Giugno 2015 in 09:00
        Permalink

        A me non risulta così, ma è l’ultimo dei problemi

    • 10 Giugno 2015 in 10:04
      Permalink

      ci voleva tanto a mollare la merda eh ?,be l’importante e’ che ti sei scantato,rialzarci presto ? mo ghe mel piu’ in basso di quest’anno e’ impossibile

  • 9 Giugno 2015 in 23:28
    Permalink

    Ma tutto questo è Squallido.
    Un giudice deve essere imparziale.Non può dare alto tempo e cambiare le regole del gioco.
    Le aste Son state fatte.Nessuno ha voluto rischiare più di tanto.
    Che garanzie vogliono.?Che la Lega e F.i.g.c.il prossimo anno gli garantiscano la serie A?
    Che Vergogne tutte Italiane.
    Che popolo di pellegrini siamo.
    Ognuno a pascolare per il suo giardino ed il paese va allo sbando.Poi ci lamentiamo dei Ghirardi Di mafia capitale dei Bondi parmalat e truffe varie.
    Andè ciapè di rat

    • 10 Giugno 2015 in 09:05
      Permalink

      Un giudice deve garantire il più possibile i creditori. E se c’è la possibilità di portare al fallimento 26.700.O00,00ML. A trattativa privata con l’alternativa se no di incassare 0, credo ci penserà .

  • 9 Giugno 2015 in 23:31
    Permalink

    Ma siete ancora in onda? Azz! Superpuntatona!

      • 9 Giugno 2015 in 23:55
        Permalink

        Non siete partiti alle 21?

        • 10 Giugno 2015 in 00:13
          Permalink

          Che errore! Quella ora in onda su Teleducato è la replica. Chiedo venia 🙂

        • 10 Giugno 2015 in 00:28
          Permalink

          Sì 21-22.30.

          E anche stasera (cioè mercoledì, visto che da mezzora siamo nel nuovo giorno) saremo in onda sempre dalle 21 alle 22.30

          Cordialmente

          Gmajo

  • 9 Giugno 2015 in 23:38
    Permalink

    Tempo addietro Essere Italiano Era un Vanto.
    Oggi essere italiano è una Vergogna.

    • 10 Giugno 2015 in 08:28
      Permalink

      Concordo Roberto ma non soltanto per questioni calcistiche ma per tuto quello che succede in Italia, nazione ridicola ormai!

  • 9 Giugno 2015 in 23:43
    Permalink

    Il problema non è se concederà la trattativa privata, il problema è che non ci sono le basi per la trattativa non possono essere date nessuna garanzia

    • 10 Giugno 2015 in 00:29
      Permalink

      Si tratta di essere concavi e convessi: molli un po’ tu, mollo un po’ io. E nel bene di tutti si fa…

  • 9 Giugno 2015 in 23:50
    Permalink

    Vorrei solo sapere cosa ha tintognato Corrado per mesi per arrivare poi oggi senza manco offerta e senza nemmeno versare la cauzione. I numeri lì conosceva anche la settimana scorsa non capisco sta sceneggiata.

    • 9 Giugno 2015 in 23:59
      Permalink

      L’offerta l’ha fatta, ma sui generis, e non poteva esser accolta. Sul giallo della mancata offerta ci sarà a suo tempo da riparlarne. E comunque non cambia una virgola il discorso, anche se la cosa mi ha infastidito.

      Ma apposta se si lavora (e tutto era apparecchiato) da mesi, che non può esser buttato nel capirone, anche se è palese che tra i due coniugi si è rotto l’amore dopo che si è insinuato l’amante

      Cordialmente

      Gmajo

      • 10 Giugno 2015 in 01:32
        Permalink

        Quelli sono sposati in matrimonio indissolubile solo con i soldi…… ..
        Con o senza Piazza il risultato sarebbe stato lo stesso…anzi la busta penso sia stata consegnata da Corrado x la paura che Piazza gli passasse in qualche modo davanti nella eventuale trattativa privata…si è parato il culo senza rischiare un euro

  • 9 Giugno 2015 in 23:56
    Permalink

    Sembra ormai evidente che le promesse di tavecchio e le attenzioni mediatiche di questi mesi, hanno avuto come unico scopo quello di far giocare il Parma fino al termine del torneo.
    Passato il santo, finita la festa.
    Giocatori, tifosi e sportivi sono stati presi in giro per 9 mesi.

    La gestione del più grande scandalo sportivo italiano dai tempi di Moggi, ha prodotto soltanto l’ennesimo pastrocchio all’italiana.
    La matassa lasciata da Ghirardi (a proposito, ma dove diavolo sta? Nessuno che lo vada a cercare questo qui?) e’ talmente ingarbugliata che c’è solo un modo per sbrogliarla.
    Fare altro schifo!
    Ed ecco che la trattativa privata, con un soggetto prescelto dalla mafia del calcio italiano, potrebbe essere l’unico modo per risolvere, a fari spenti, questo enorme casino.

    Ma il giudice Rogato si presterà anche lui a recitare la parte del buffone in questo circo di squallidi teatranti?
    E soprattutto, siamo davvero sicuri come tifosi, di essere ancora interessati ad assistere ad un simile volgare spettacolo?

    • 10 Giugno 2015 in 00:27
      Permalink

      Mi sembra un po’ eccessivo il ragionamento, cmq il giudice Rogato, come tanti altri attori insospettabili (la procura, ad esempio) si è mosso in concerto per “pilotare” il fallimento del Parma concedendo ad esempio l’esercizio provvisorio d’ufficio prima ancora che lo richiedessero i curatori, nominati dopo. E il sindaco si è mosso per garantire la chiusura della stagione, sbilanciandosi con la B.

      Gli imprenditori che sono dietro a Corrado non sono affatto mafiosi, e le società italiane di riferimento sono molto potenti. Piazza si è aggiunto dopo, ma è un campione famoso, facoltoso, con l’ambizione di fare il presidente.

      Io sostengo che la prosecuzione a trattativa privata sia doverosa per chiudere il cerchio. se no, come dicevo a suo tempo, il banco andava fatto saltare subito, rifiutando l’elemosina-prestito della Lega.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 10 Giugno 2015 in 01:06
        Permalink

        Direttore, ammetto che questa sera la delusione e l’amarezza la fanno da padroni nei miei pensieri.
        Nonostante tutto, la vedo piuttosto fiducioso nel buon esito delle trattative.
        Mi aggrappo anche io alla sua speranza.

        Resta il fatto che le garanzie richieste dagli interessati sono più che lecite, ed è sorprendente come ad oggi sia ancora fluttuante il valore del debito sportivo, la consistenza del paracadute, la restituzione del prestito della lega, le soluzioni adottabili per gestire un costo futuro di gestione sportiva di circa 30 mln annui (stando all’analisi della GdP) solo di stipendi calciatori, a fronte di un valore di mercato dei rispettivi cartellini probabilmente inferiore.

        Insomma sembra quasi si sia arrivati impreparati al giorno dell’esame e adesso si cerchi di studiare il programma per l’esame di riparazione.

        Ma francamente faccio fatica a capire da qui al 15 cosa possa cambiare.
        Si potrebbe annullare il costo della base d’asta magari, ma per il resto direi che se non si è trovata una soluzione certa in 3 mesi con il lavoro di curatori, FIGC, AIC, procuratori, etc. cosa si potranno mai raccontare di nuovo in sede di trattativa privata entro il 15 giugno!?

        • 10 Giugno 2015 in 01:10
          Permalink

          A Corrado, con un po’ di buona volontà, mancherebbe relativamente poco. Per esempio, se i curastars hanno tagliato (ritenendoli oggetto di di negozi non regolari) decine e decine di incentivi all’esodo e premi valorizzazione, parimenti si aspetterebbe che tagliassero con gli stessi poteri, e per la stessa motivazione (negozi illeciti) i contratti che vincolano per il futuro.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 10 Giugno 2015 in 10:26
            Permalink

            Questa è una chiave di lettura che sposterebbe (e di molto) e carte in tavola in favore di un qualsiasi nuovo acquirente.

            Chiaro che per arrivare ad un tale accordo, occorrerebbe consultare la FIGC e la AIC, oltre che il parco procuratori dei giocatori.

            Mi chiedo perchè non si sia arrivati alla data del 9, con queste pendenze già sanate?

            a) Perché sono insanabili? – in questo caso non credo si arriverà ad una soluzione nei prosismi giorni.

            b) perché si voleva appositamente arrivare a trattativa privata? – in questo caso tutte le componenti dovrebbero fare quadrato dietro ad un unico acquirente, individuato come il Cavaliere bianco.

            Quello che è certo, è che ad oggi l’intero lavoro della curatela appare incompleto e inadeguato alla vendita del parma nei tempi necessari alla sua iscrizione in serie B. E questo dovrebbe essere motivo di indignazione da parte della opinione pubblica parmigiana e nazionale. Mi chiedo dove sia finito Caressa con il suo “Alza la testa” adesso.

            Comunque vada a finire, caro majo, ci sarà da scrivere libri inchiesta su tutta vicenda che potrebbero far invidia a Gomez-Travaglio.

            Saluti

          • 10 Giugno 2015 in 11:01
            Permalink

            Eh, ma scrivere libri non è nelle mie corde…

  • 10 Giugno 2015 in 00:06
    Permalink

    Direttore là figura grama l’ha fatta lui. Prima strombazza che fa offerta parla coi giocatori da un mese e mezzo tanto che loro stessi si sbilanciano poi al dunque va in bianco…
    E non versa nemmeno un euro…cmq sia non ne esce bene.
    Se aveva dei dubbi gli sono venuti stanotte? Sono atteggiamenti del cazzo che purtroppo ricordano le promesse e tintognate di squallidi personaggi. Anche perché la scena della busta con dentro una roba xhe non c’entra una fava poteva evitarla.

    • 10 Giugno 2015 in 00:21
      Permalink

      La storia bisogna conoscerla tutta fino in fondo: voi siete sempre avvezzi ai giudizi sommari e superficiali.

      E appunto perché ci lavora da due/tre mesi che non butta tutto al vento se non per motivi gravi. Ad esempio sarebbe bello sapere perché il debito sportivo dichiarato è di 22.2, quando poi saltano fuori altri 4 ml circa imprevisti…

      Io capisco che la gente di Parma ne abbia le palle piene, ma vi costruite luoghi comuni e li autoalimentate come quello della busta che non c’entra una fava. Fino a prova contraria l’unico ad avere scritto una offerta completa di cifra è stato Corrado. Piazza ha mandato una lettera di intenti privata e il milione lo aveva messo come caparra da restituire, come da lettera. E tralascio Meli perché non so. Non c’è stata nessuna squallida scena della busta: lui ha recapitato la sua offerta come da dichiarazioni della vigilia.

      Saluti

      Gmajo

    • 10 Giugno 2015 in 01:39
      Permalink

      Se ancora dai retta a quel che dicono e pensano i calciatori sei molto ingenuo…..il loro miglior amico era ghirardi…ciò ti dice tutto

  • 10 Giugno 2015 in 00:43
    Permalink

    Majo le faccio una domanda un po “scomoda ”
    Secondo lei ci sono buone probabilità che si chiuda sta storia in maniera positiva o no??
    Il cuore mi dice che ci salveranno la ragione no

    • 10 Giugno 2015 in 00:50
      Permalink

      Non avrebbe avuto senso tutto quello che, nel bene o nel male, è stato fatto: io penso che sia doveroso che Rogato conceda le trattative private. E sono convinto che lo richiederà lo stesso comitato dei creditori

  • 10 Giugno 2015 in 00:54
    Permalink

    I 4 mica lo hanno detto i curatori che esistono. Si è letto sul giornale. A meno che Grossi non abbia chiamato Corrado x dire xhe c’è l’uomo nero tra i conti….
    A casa mia quello xhe scrive un organo del tribunale fino a prova contraria vale. E mi sa che dopo aver fatto scena sabato da grande uomo sto Corrado resta col cerino in mano e la cosa che mi sta sul cazzo è pensare a dallara che se la ride pensando alla sua D. E nella busta mi dicono che non c’è solo una richiesta di garanzia sul debito ma anche una richiesta di acquistare solo una parte dei giocatori. Cosa che il buon Corrado non aveva detto nelle interviste…cosa per altro impossibile e lui lo sa bene a meno di fate come il Pescara e sappiamo xhe non si può. Ergo chiede una cosa sapendo di non poterla ottenere x levarsi di culto e dire la frase sentita pochi mesi fa:i conti non erano quelli che ci avevano detto…
    Saluti

    • 10 Giugno 2015 in 01:16
      Permalink

      I 4 ml di differenza ci sono. Non è una invenzione.

      Che chieda di tagliare i contratti futuri lo avevo scritto già ieri e detto in tv, pur manifestando i miei legittimi dubbi al riguardo che sono glis tessi che ha lei. Però c’è anche da dire che il programma ventilato all’inizio parlava di un pacchetto completo di 28 giocatori che sarebbe stato dato al nuovo venditore. 28 giocatori, non 130. Pur avendo lavorato parecchio, evidentemente i curastars non avevano fatto tutto per rendere appetibile l’acquisto della azienda sportiva

      Cordialmente

      Gmajo

  • 10 Giugno 2015 in 01:08
    Permalink

    Non capisco dottor Majo perchè continua a difendere la sceneggiata di oggi di Corrado che si è SPUTTANATO nei confronti della città. Fino a ieri sembrava serio affidabile, da oggi non gli darei in mano un centesimo.DI LUI NON MI FIDO PIU’.Mamma mia, questo Corado assomiglia come comportamento SEMPRE PIU’ a….TACI. Avete visto il figlio all’uscita dal notaio? Rideva come dire “ve l’ho messa in culo” Taci uguale Corrado. DUE GOCCE D’ACQUA. MI DICA DIRETTORE, UNA COSA CHE NON CAPISCO. QUESTO CORRADO HA AVUTO A DISPOSIZIONE MESI PER CONTROLLARE CONTABILITA’ E QUANTO ALTRO.MI DICA DIRETTORE, SECONDO LEI PERCHè SI E’ SPUTTANATO così SENZA GUADAGNARCI DENARO MA GUADAGNAND SOLO UNA visibilità NEGATIVA. ME LO SPIEGHI LEI PER FAVORE, COSA NE PENSA?

    • 10 Giugno 2015 in 01:13
      Permalink

      Per me non si è sputtanato. Ha semplicemente messo in atto una strategia per spuntare migliori condizioni di acquisto: se poi andrà a buon fine bene, se no amen. del resto anche il campionissimo Piazza non mi pare abbia fatto di più. E stamattina quello sputtanato sembrava lui.

      Aspettiamo gli eventi e poi giudicheremo. Ora è prematuro: specie non sapendo le cose.

      Saluti

      Gmajo

    • 10 Giugno 2015 in 05:48
      Permalink

      Anche per me Corrado manager da 4 soldi!!

  • 10 Giugno 2015 in 01:16
    Permalink

    Quindi Adler Group non è più la terza forza in corsa?

  • 10 Giugno 2015 in 01:36
    Permalink

    Ma che sputtanato e sputtanato! Ma come ci piace giudicare senza avere tutte le info giuste eh? Stiamo disquisendo su un comunicato dei curatori che fra l’altro contraddicono il loro stesso comunicato di mezzodi in cui si parlava di offerta che nel pomeriggio si e’ trasformata in proposta di acquisto…non vi viene il dubbio che forse i vincoli contenuti abbiano cambiato le carte in tavola? Anche se mi stupisce che i curatori si stupiscano di cio’ dopo che x giorni si e’ parlato di offerte con vincoli, qualcosa non mi torna …

  • 10 Giugno 2015 in 01:49
    Permalink

    Intanto il Bologna degli americani è di nuovo in A…chissà cosa ha di meglio da offrire rispetto al parma da essere stato acquistato l anno scorso mentre noi ancora non sappiamo che fine faremo! E pensare che un tempo non troppo lontano ridevamo x averli spediti in B….. Ora ridono loro e noi rischiamo d sparire da mondo del calcio

    • 10 Giugno 2015 in 05:46
      Permalink

      Taopina consiglia a Piazza l’acquisto del Parma, speriamo li dia retta!!

    • 10 Giugno 2015 in 07:50
      Permalink

      …gia’ cara Cibbi…gia’….
      …”chissa’ cosa avra’ di meglio da offrire”…gia’….

      • 10 Giugno 2015 in 10:12
        Permalink

        Facile tornare in A dopo aver rubato per un’intera stagione grazie ai soldini della mafia italoamericana

        • 10 Giugno 2015 in 11:06
          Permalink

          Questi ragionamenti del cazzo non provati scrivili su forum di tifosi decerebrati e non qua. Queste inutili schermaglie fan solo che perdere tempo e non arricchiscono il dibattito. Prossima volta cestino e ban e anche per coloro che contenderanno reiterare

  • 10 Giugno 2015 in 05:45
    Permalink

    Io ero ottimista quando il debito era 74 mln ma oggi non lo sono piu’, Corrado per me si e’ dimostrato un manager con la m miniscola. Ieri ha fatto una pagliacciata! Ci credo pochissimo mase si va all trattativa private mi auguro che la spunti Piazza, almeno il suoavvocato ieri e’ stato chiaro prima dell’asta!

    • 10 Giugno 2015 in 08:21
      Permalink

      io non trovo alcuna differenza tra la non-offerta di corrado e la non offerta di piazza. E all’atto pratico anche la curatela.
      Circa la tipologia di offerta (vincolata) di Corrado io, ma non solo io, avevo scritto in anticipo spiegando bene di cosa si trattasse, semmai è stato l’avvocato di Piazza a fargli cambiare le carte in tavola l’altra notte. Quindi io ci andrei piano a definire pagliacciata quella di Corrado. E in ogni caso siamo al cospetto di strategie tattiche dei vari attori. Curatela inclusa.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 10 Giugno 2015 in 08:33
        Permalink

        Direttore lei dice strategie ma, se il giudice dice nessuna trattativa e chiude tutto? MI sembra una strategia un po troppo pericolosa. Ripeto deluso da Corrado. Piazza tutta la vita per me!

        • 10 Giugno 2015 in 08:45
          Permalink

          La pensi un po’ come vuole. Io li metto sullo stesso piano perché entrambi han fatto la stessa cosa e glielo ho anche mostrato. Poi se lei non lo capisce resti pure della sua.
          Strategie pericolose? Si, entrambe però. E se ieri c’è stato uno che si è tirato indietro quello è Piazza, semmai, che pur sapendo da ore che Corrado avrebbe fatto una offerta che non sarebbe stata accettata poiché contenente vincoli, non ha voluto comprare il Parma nonostante la strada spianata davanti sgombra da competitor

          • 10 Giugno 2015 in 09:37
            Permalink

            Un’ultima cosa direttore per oggi, in un post precedente se non erro ha scritto che le aziende dietro a Corro fatturano 3 mega , questa mega sta per miliardi o ho capito male ?

  • 10 Giugno 2015 in 07:44
    Permalink

    Non sono informato a sufficienza per poter giudicare questo flop di Corrado, certo che costui poteva quantomeno risparmiarci il pistollotto moral-finanziar-sentimental contro gli industriali di Parma,,,,

  • 10 Giugno 2015 in 08:25
    Permalink

    I curatori hanno fatto un ottimo lavoro andando anche a fare cose nei limiti di una legge non chiara (strano che in italia le leggi non siano chiare)..la squadra fuori dal campo (perché sul campo dovrebbe vergognarsi) ha fatto il suo dovere….SE NONOSTANTE TUTTO QUESTO e nonostante 6 ASTE nessuno ha “staccato” un assegno per comprare 100 ANNI DI STORIA DI CUI 25 ANNI DI SERIE A….BE ALLORA OGGI ALLE 13,30 IL GIUDICE ROGATO DEVE STACCARE LA SPINA…e’ dura PER ME SCRIVERE QUESTO MI PIANGE IL CUORE DA TIFOSO GIALLOBLU..ma dopo i Sanz, i Valenza, i Ghirardi, i Taci , i Manenti …DICO BASTA…..FATECI MORIRE IN PACE…..!!!!!!…. … E anche lei direttore abbia il coraggio (e’ dura lo so) di alzare bandiera bianca…chi ama il parma doveva comprarlo..questi sono solo speculatori ..e lo dica chiaramente…come già detto Mr B..ha messo 500 milioni per non avere la maggioranza nel milan..questI HANNO PAURA DI 50 MILIONI..e’ vero sono soldi loro e ognuno faccia quello che vuole con i suoi soldi….MA ALMENO NON CI PRENDANO IN GIRO…chi scrive e uno che fino a ieri era per la serie B…che sperava nel bonifico di Manenti…ma ora dopo ieri e l’ennesima presa in giro..dico basta!!!…

    • 10 Giugno 2015 in 08:37
      Permalink

      Io no. Non alzo bandiera bianca. E continuo a credere nella b. E sarebbe altamente disdicevole se rigato non concedesse trattative dirette a fronte di due decisi competitor.
      Peraltro se non si fosse inserito Piazza la curatela, senza tante balle avrebbe già ceduto a Corrado.
      Io non mi arrendo e voglio la b che mi era stata promessa e per la quale aveva lavorato anche Rogato.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 10 Giugno 2015 in 09:03
        Permalink

        promesso e da chi? da quel furbacchione di Tavecchio…lei ha sempre parlato (facendo un ottimo lavoro) di tavolo apparecchiato..e il giorno del pranzo Corrado si scorda la carta di credito a casa..dai la a sto signore (a me piaciuto meno da quando ha tirato fuori il figlio che lavora in uan finanziaria..mamma mia!!!) non frega niente del parma..se interessava tirava fuori e pagava..punto..non ha nessun progetto su di noi..ne lui ne quello yenkee di Piazza…..spero E LO DICO A MALINCUORE PERCHE’ IO COME LEI ERO al tardini quando giocavamo con Macina e in panchina c’er GP Vitli…ma per rispetto chiedo al giudice lo stacco della spina….da qua al 15 sarebbe un ulteriore agonia..con tanta polvere…come in questi 4 mesi..

        • 10 Giugno 2015 in 09:16
          Permalink

          Non sono d’accordo. Il tentativo va esperito fino in fondo

  • 10 Giugno 2015 in 08:45
    Permalink

    Anonimo l’altra sera ha detto giusto riguardo Piazza. E interessato al centro di Collecchio e non alla serie B.
    Corrado non penso si spinga molto più in la.
    Se proprio riuscirà a ottenere il Parma alle sue condizioni farà l’affare altrimenti no.

  • 10 Giugno 2015 in 09:26
    Permalink

    Il problema di fondo di tutta questa vicenda sono le garanzie che i futuri acquirenti chiedono e che nessuno può dare né i curatori, né il giudice, né la FIGC, perchè il debito sportivo è si determinato dalla FIGC per farti iscrivere al campionato ma se poi chi viene escluso fa causa, vedi Verona per Gilardino o Djetou, non si può escludere a priori che possano vincerla e qui iniziano i problemi di chi deve onorare l’eventuale debito.
    L’unico leggero appunto che mi sento di fare riguarda i curatori che a fine marzo sapevano benissimo quanti erano i soggetti da incontrare e si sono attivati con decisione sono nell’ultimo mese, con tutte le giustificazioni che si possono concedere a mio parere potevano agire anche un pò prima.
    La faccia dei curatori ieri non prometteva nulla di buono anche perchè oggi dovranno spiegare al giudice molte cose.
    A questo punto qualsiasi sia la categoria per quel poco che conosco preferisco il progetto Piazza.

    • 10 Giugno 2015 in 10:42
      Permalink

      Io non conosco né il progetto corrado né quello piazza. Beato te se li conosci al punto da nutrire preferenze

  • 10 Giugno 2015 in 09:42
    Permalink

    Mi dica Direttore se ho capito bene. Corrado sarebbe disposto a pagare i 22.2 ML del debito sportivo e i 4.5ML o qualcosa in più per il titolo sportivo e sono circa 27 ML poi però chiede di non avere grane future riguardo a quanto tagliato dai curatori e che vengano rivisti i contratti in essere dei 104 calciatori che dalla tabella del giornale costano circa 27ML all’anno per svariati anni.Se è così credo sia il minimo di garanzie che chi investe pronti via 27ml al giorno d’oggi in una società di calcio di seria B possa pretendere . Credo sia un comportamento serio e trasparente che dimostra la volontà di garantire negli anni un futuro finanziariamente sostenibile per la società ,che con il fardello di calciatori a libro paga grazie all’ottimo lavoro del famoso duo, abbiamo visto che sostenibile non lo era.Grazie

    • 10 Giugno 2015 in 10:35
      Permalink

      Si ha capito bene, anche se parte delle sue richieste non possono evidentemente essere soddisfatte.
      Quindi è palese che un tot di rischi se li deve assumere, ma è anche sacrosanto che determinate rassicurazioni siano garantite con tutti i crismi.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Giugno 2015 in 09:44
    Permalink

    Io non reputo una pagliacciata la mossa di Corrado. Egli, secondo me, è realmente interessato all’acquisizione della società altrimenti non si sarebbe esposto ufficialmente come fatto ieri ben sapendo che sarebbero piovute critiche.
    Il tema è che qua si è tutti bravi a fare affari col portafoglio degli altri. Corrado, come gli altri, ci vogliono vedere chiaro! Nessuno, a parte la criminalità organizzata, che ha altri scopi, investe soldi alla cieca senza tenere conto di un ‘business plan’. Io imprenditore devo sapere a cosa vado incontro ed i punti di incertezza non possono essere così grandi da rischiare di far fallire l’impresa in breve tempo.
    Quindi non diamo del pagliaccio o barbone a nessuno ma pensate cosa fareste voi con i vostri soldi..
    Io sono pessimista perché, secondo me, i curatori non hanno gli strumenti x poter dare certe risposte.

    • 10 Giugno 2015 in 10:26
      Permalink

      Però i partner dei curastars figc e lega si. Se no era stato confezionato il paccotto…

  • 10 Giugno 2015 in 09:44
    Permalink

    MANCANO 5 GIORNI E IN 5 GIORNI PENSO PER UNA TRATTATIVA PRIVATA NON C’E’ PIU’ NEMMENO TEMPO. Le faccio Majo alcune domade 1).Se il Parma non si venderà il suo sito che fine farà? Non mi dica non lo sa dai….2) Se PIAZZA E CORRADO non ACQUISTERANNO IL PARMA, si saranno comportti come TACI anzi PEGGIO perchè Corrado ci ha illuso mentre Tacisi sapeva che era un bòuff. Corrado ha avuto tanto tempo per visionare conti etc etc per cui poteva fare come Piazza,non presentare nessuna busta ma dimenticavo voleva farsi pubblicità, negativa ma sempre pubblicità era. 3) Se non voleva farsi pubblicità perchè questo comportamento imbarazzante? Ovvio che dopo il 15 se non avrà acquistato il Parma,perderà molta credibilità, non sarà più quella persomna integerrima che si pensava fosse ma molti diranno che è UN PIOCCION, UN VERO pioccion E UN inaffidabile.

    • 10 Giugno 2015 in 10:25
      Permalink

      Avevo già fissato al 30 06 la dead line di stadiotardini. Da qui ad allora deciderò ora è ancora lunga e gli scenari troppo variabili.
      Circa Corrado mi sono già abbondantemente spiegato e non mi va di reiterare gli stessi concetti. Preciso solo che paragonarlo a taci è da querela. E non ha proprio illuso nessuno

  • 10 Giugno 2015 in 09:46
    Permalink

    Riporto pezzo dell’articolo della gazzetta dello sport che spiega cosa sta succedendo.

    Secondo i curatori fallimentari, al lavoro dal 19 marzo, la somma sarebbe di 22,2 milioni di euro e dovrebbe essere valutata dal giudice delegato Pietro Rogato nell’udienza del 19 giugno. Secondo Corrado, invece, potrebbe essere superiore perché non sono stati considerati i soldi che il club emiliano deve versare a società straniere che si sono già rivolte all’Uefa e a società italiane che aspettano il denaro entro il 2 luglio. Il rischio, considerando anche che alcune operazioni dei curatori fallimentari vengono considerate al limite (ad esempio non riconoscere l’incentivo all’esodo a quei giocatori di proprietà del Parma ma che non hanno mai disputato una partita con i gialloblù), è quello di trovarsi, una volta acquistata la società, di fronte a una serie di azioni giudiziarie cui dover rispondere.

    Se i tempi e i problemi sono questi si può anche non aspettare le 13.30

    • 10 Giugno 2015 in 10:17
      Permalink

      Da buon democristiano credo nella concertazione. Concavo e convesso. Molli un po’ tu, mollo un po’ io. Sempre ammesso che Rogato non abbia le balle girate per sto teatrino. Ma è nell’interesse di tutti, incluso il suo, disfarsi del fardello e non aver fatto un esercizio provvisorio a solo uso e consumo di lega e figc.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Giugno 2015 in 10:12
    Permalink

    Facciamo una semplice premessa: siamo certi che i curatori siano riusciti a circoscrivere in modo inattaccabile il debito sportivo? se la risposta è SI non avrebbe avuto senso presentare una manifestazione di interesse e non meriterebbero alcuna considerazione da parte di curatori e Giudice Delegato neppure a trattativa privata. Se la risposta è NO condivido in pieno l’operato di Corrado e Piazza perchè rischierebbero di trovarsi “tegole” inattese ed allora a quel punto si potrebbe provare, con una trattativa privata, a prendere il tempo necessario a cristallizzare il debito.
    Colgo l’occasione per farle i complimenti Direttore.
    Sempre puntuale e preciso, un pochino ottimista, ma assolutamente professionale.

  • 10 Giugno 2015 in 10:41
    Permalink

    confermo una cosa ora ora più che mai NON SI MOLLA!!!
    AVANTI TUTTA!!!!

    PS con il mollo Malesani abbiamo vinto 3 coppe in 100gg nulla ci può spaventare

    • 10 Giugno 2015 in 11:37
      Permalink

      Alla luce di quel che accade, forse era davvero meglio far saltare il banco, ritirare la squadra subito e goderci l’implosione del sistema calcio in Italia.

      Io sono uno di quelli che sperano nella B, ma tutto sommato accetterebbero la D (che, spiace dirlo, un po’ ci meritiamo, quantomeno per aver già sfidato la fortuna ai tempi del crac Parmalat….).

      Vorrei la B perchè ovviamente significherebbe calcio professionistico – e la B tra l’altro non è male come campionato, anche divertente – ; ma con la prospettiva (potenziale) di enormi casini societari, visto lo spaventoso numero di giocatori sotto contratto.

      Mi andrebbe bene la D perchè sinceramente c’è voglia di ricominciare da capo, ed è anche vero che potresti rimanerci impantanato per anni, ma è vero pure il contrario (quante società sono fallite e poi risalite…).

      Ero al Tardini quando c’erano i tubi innocenti, quando cambiavamo curva da un tempo all’altro, ho visto la grandeur, ho visto la rovina. Ma per me sarà sempre Parma, non me ne frega una mazza della serie in cui giocherà.

      BOLLY

      • 10 Giugno 2015 in 13:39
        Permalink

        Caro Bolly perche’ ti sei messo a scrivere solo adesso…perche ‘hai lasciato campo libero a ben altri personaggi con ben altre argomentazioni.
        Intervento da incorniciare.
        Complimenti.

  • 10 Giugno 2015 in 10:54
    Permalink

    Io penso che l’unica via percorribile, L’UNICA sottolineo, l’unica via percorribile, sia quella di sentirel’associazione calciatori e fargli capire che sei calciatori sotto contratto non si ccontentano di poco, fallendo il Parma non prenerebbero più niente. Tommasi dovrebbe fare questo anche per tutelarli altrimenti Tommasi e co. si trovernno presto con un pugno di mosche in mno e zero euro operchè anche nel caso chei 12,5 milioni del paracadute vengono distribuiti a chi ha lavorato nel Parma, questi callciatori che hannoincentivi all’esodo non prenderanno niente

    • 10 Giugno 2015 in 11:49
      Permalink

      Che quel paracadute venga ridistribuito io non ho certezza alcuna

  • 10 Giugno 2015 in 11:00
    Permalink

    Buongiorno Direttore…..Innanzitutto le volevo fare i miei più sinceri complimenti per la sua rubrica!Sempre molto completa e senza ragionamenti campati per aria
    Lei è diventato il collante tra tifoseria e vicende societarie.Mi piace tantissimo il suo modo di fare giornalismo perché anche nei casi più critici Lei ragiona per supposizioni o su informazioni reali di cui dispone
    Anche io come Lei sono un eterno ottimista e fino all’ultimo crederò alla Serie B…..speriamo che oggi ci siamo notizie confortanti dal Giudice!
    Di nuovo i miei più sinceri complimenti…

  • 10 Giugno 2015 in 13:44
    Permalink

    MAJO, VADA COME VADA MA LEI NON PUÒ’ CHIUDERE QUESTO SITO ma capisco che senza DENARO non si va da nessuna parte. MALEDETTO GHIRARDI E LEONARDI detto faccia di bronzo. BONI nella sua limitatezza intellettuale, non capisce che se andiamo tra i MILLEPIEDI, il suo sito, calcio & calcio, bar sport e altro, SPARIRÀ’? CI HA PENSATO A QUESTO IL BUON BONI? iN QUANTO AL PARACADUTE, SE CI SALVIAMO, MOLTO PROBABILMENTE CI VERRÀ’ DATO e nella peggiore delle ipotesi da quei 12,5 milioni, verranno defalcati 5 milioni ma se falliamo penso che Tavecchio per il paracadute non verserà nemmeno un euro. Ecco perchè TOMMASI deve fare gl’interessi dei giocaytori dissidenti dicendogli “RAGAZZI O NE PRENDIAMO POCHI O NON PRENDIAMO PIU’ NIENTE. POCHI, MALEDETTI MA SUBITO” Se poi qualcuno non accetta, allora consiglio vivamente per questi soggetti un T.S.O.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI