ORGOGLIO CROCIATO / TUTTE LE MAGLIE DEL PARMA FC 2014-15

(Francesco Frignani) – Considerato che in questo momento si parla giustamente di tirar fuori l’orgoglio di tifosi per ripartire dalle nostre tradizioni, dai nostri colori e dalla nostra maglia e vista la mia passione di storico collezionista delle maglie del Parma, mi permetto di inviare le curiosità sulle 22 differenti  maglie usate ufficialmente dal Parma nella stagione 2014/15. Le 4 maglie ufficiali del Parma (bianco crociata, gialla crociata, blu e verde) della stagione 2014/15 hanno avuto nel corso della stagione diversi abbinamenti con sponsor davanti, sul retro, toppa di campionato per l’uso in campionato e toppa Tim Cup per la Coppa Italia. Ciò ha comportato che le 4 maglie in questione, in uso ai giocatori di movimento (quindi portieri esclusi), con tutte le varie varianti sopracitate, si siano trasformate in ben 22 maglie diverse ognuna dall’altra. Senza considerare le maglie dei portieri, e le maglie del precampionato che avevano un font del numero diverso da quello poi in uso nella stagione ufficiale, per gli appassionati collezionisti che vogliano completare la loro collezione della stagione 2014/15, il Parma calcio ha usato ben 22 maglie con particolari diversi tra di loro nelle competizioni ufficiali.

 

Eccone il dettaglio:

  • blu sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e senza sponsor sul retro con numero senza logo del Parma (unica partita usato così 1° di campionato Cesena-Parma)

 

  • bianca crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e senza sponsor sul retro usata nelle partite in casa contro Milan, Roma, Genoa, Sampdoria, Cesena e Chievo ed in trasferta contro Chievo e Roma

 

  • gialla crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e senza sponsor sul retro usata solo nelle partite in trasferta contro Udinese e Milan

 

  • bianca crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro PIAZZA ITALIA usata nelle partite in casa contro Sassuolo, Inter, Empoli e Fiorentina ed in trasferta contro Atalanta e Verona

 

  • gialla crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro PIAZZA ITALIA usate nelle partite in trasferta contro Torino Palermo e Napoli

 

  • verde sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro PIAZZA ITALIA usata solo nella partita in trasferta contro la Juventus

 

  • blu sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e senza sponsor sul retro con TOPPA TIM CUP sulla manica usata nelle partite di Coppa Italia contro Cagliari e Juventus

 

  • bianca crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro BAVA (usata solo nelle partite in casa contro Cagliari e Lazio)

 

  • bianca crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro RISPARMIO CASA (usata solo nella partita in casa contro Atalanta)

 

  • gialla crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro INCHOTELS (usata solo nella partita in trasferta contro il Sassuolo)

 

  • bianca crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro CORONA CARTA (usata solo nella partita in casa contro il Torino)

 

  • gialla crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro BIRRAPARMA (usata solo nella partita in trasferta contro l’Inter)

 

  • bianca crociata sponsor davanti ENERGYTYGROUP e FOLLETTO e sponsor sul retro NORDEST WASH (usata solo nella partita in casa contro l’Udinese)

 

  • bianca crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro DAC A TRA (usata solo nella partita in casa contro la Juventus)

 

  • gialla crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro HOTEL DUE MARI (usata solo nella partita in trasferta contro il Genoa)

 

  • gialla crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro RANIERI (usata solo nella partite in trasferta contro Empoli e Fiorentina)

 

  • bianca crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro CAESAR PALACE (usata solo nella partita in casa contro il Palermo)

 

  • blu sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro con CRAI TIRRENO (usata solo nella partita in trasferta contro la Lazio)

 

  • bianca crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e senza sponsor sul retro usata nelle partite in trasferta contro il Cagliari

 

  • gialla crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro UN POSTO AL SOLE (usata solo nella partita in casa contro il Napoli)

 

  • bianca crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro TWINS CAFE’ (usata solo nella partita in casa contro il Verona)

 

  • bianca crociata sponsor davanti SANTHE SANT’ANNA e FOLLETTO e sponsor sul retro EDIL P3 (usata solo nella partita in trasferta contro la Sampdoria dove molti giocatori hanno usato anche maglie con maniche che erano state preventivamente tagliate e ricucite le dal magazziniere per recuperare le maglie a maniche lunghe vista la scarsità di quelle maniche corte)

Frignani e le maglie crociate 2014-15

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

97 pensieri riguardo “ORGOGLIO CROCIATO / TUTTE LE MAGLIE DEL PARMA FC 2014-15

  • 28 Giugno 2015 in 11:10
    Permalink

    Si sa già qualcosa sulla maglia per la D?

    • 28 Giugno 2015 in 11:12
      Permalink

      Dipende chi vince… Purché non perdiamo tutto…

      La Fenice punta sulla crociata; i Corrado’s non saprei, anche se mi parevano più orientati sul gialloblù

      • 28 Giugno 2015 in 11:17
        Permalink

        Cioè l’ape maia?

        • 28 Giugno 2015 in 11:21
          Permalink

          Non so
          Però vedendo i loghi della sorellina notavo una preferenza di gialloblu

          • 28 Giugno 2015 in 12:27
            Permalink

            Penso che avrebbero giocato con la crociata al di là di questo. E comunque il Parma appartiene alla Fenice ora, i Corrado sono fuori secondo me. Vista la solidità economica dei rappresentati della cordata parmigiana sarebbe bello vedere una crociata senza sponsor (che si adatta malissimo sulla nostra maglia) o almeno che non la rovini, penso al logo di Barilla sulla maglia per esempio, potrebbe rinunciare all’ovale rosso, che starebbe malissimo, e lasciare scritto solo ‘Barilla’ in bianco su sfonfo nero della croce o Parlamat, sempre in bianco, senza l’invadente logo. Almeno in D, sarebbe bello.

          • 28 Giugno 2015 in 16:55
            Permalink

            I loghi li trovavo un tantino banali…giudizio personale…

  • 28 Giugno 2015 in 11:18
    Permalink

    Basta con il cambiamento delle maglie . Bianco con croce nera e seconda gialla con croce blu e basta anche perchè purtroppo siamo in serie D.

  • 28 Giugno 2015 in 11:27
    Permalink

    Ripartiamo con una nuova maglia gialloblu’ con croce piccola magari stilizzata questa per me’ sarebbe la scelta migliore cosi’ accontenta tutti

    • 28 Giugno 2015 in 13:04
      Permalink

      Penso che invece proprio per la caduta nei dilettanti sia oggi più che mai fondamentale rimanere fedeli alla tradizione, quindi prima maglia bianco-crociata e seconda maglia crociata giallo-blu (la seconda maglia più indossata dalla nostra squadra nel corso della sua storia). Mi piace molto però la tua idea, la vedrei bene come maglia away in Serie A, dove la visibilità del campionato richiede qualcosa di più originale.

      • 28 Giugno 2015 in 20:55
        Permalink

        Io quoto la maglia gialla con croce blu…o blu con croce gialla…come ho già detto in passato…il bianconero non ha portato bene…e nel mondo siamo conosciuti come gialloblù…ma è solo una questione scaramantica

        • 28 Giugno 2015 in 21:23
          Permalink

          bianco-crociata, per cortesia, bianconere sono le maglie di Udinese, Siena, Ascoli e Viareggio oltre che colore storico dei detenuti delle prigioni. In riferimento al Padova diciamo bianco-scudati non bianco-rossi, per fare un esempio. Condivisibile la considerazione sulla maglia crociata solo fino ad un certo punto, l’importantissimo spareggio di Bologna lo abbiamo vinto con la bianco-crociata (possiamo dire che quell’anno era stato l’unico in cui la croce era blu scuro e non nera semmai, però dai..). Comunque ormai so che ci sono tifosi del Parma a cui non piace la maglia storica, mi dispiace ma posso capire, specie se si sono appassionati quando il Parma indossava altri tipi di maglie.

          • 28 Giugno 2015 in 22:17
            Permalink

            Evita lezioni di semantica, ho espresso semplicemente un parere cromatico e non ho mai messo in dubbio la croce…è fino a prova contraria ora i colori sono il bianco e il nero. Detto ciò non è che io sia più o meno affezionato a una o all’altra…ho solo fatto una considerazione allegorica.

        • 28 Giugno 2015 in 22:56
          Permalink

          Non te la prendere, non ho risposto a te in quanto a LucaDena, ma ho risposto al concetto che hai espresso. A nessuno qui a Parma piace l’espressione ‘bianconera’, tant’è che davanti all’ingresso della Curva Nord fino a poco fa c’era scritto: é bianco-crociata non bianconera. Quindi ho riportato un pensiero comune a molti su come andrebbe citata la maglia crociata, che per me è altri ha un significato profondo, quindi sentirla descrivere in quel modo non piace. E la considerazione sulle altre maglie non era riferita a te, sennò ti citavo direttamente, ma appunto a tanti che si sono apposionati in un periodo differente in cui si usavano altre maglie.

  • 28 Giugno 2015 in 11:29
    Permalink

    e’ domani che verra’ formata la nuova societa’ fammi sapere grabriele

  • 28 Giugno 2015 in 11:34
    Permalink

    maio per caso errea e dentro a una delle 2 newco?
    Se e’ cosi’ gandolfi continuera’ la collaborazione anche in d?

  • 28 Giugno 2015 in 11:40
    Permalink

    Direttore a lei risulta appuntamento dal notaio domani da parte di parma calcio 1913?se così sarebbe domani si saprà un qualcosa di più certo

  • 28 Giugno 2015 in 12:50
    Permalink

    Io voterei per abbandonare i colori bianco nero che vi stanno malissimo

  • 28 Giugno 2015 in 12:52
    Permalink

    ma e’ certo che sara’ quelle la cordata che prendera’ il parma o no paolo chi e’ che decide

  • 28 Giugno 2015 in 12:56
    Permalink

    Buongiorno direttore, faccio una considerazione:

    Da un lato abbiamo principalmente un azionista di 80 anni e un manager che ha fatto più chiacchiere che fatti in tre mesi, dall’altro un gruppo di industriali che non credo abbia nulla da invidiare sia per potenza economica sia per esperienze manageriali e che fino ad ora hanno lavorato in silenzio, concentrandosi con coerenza sul loro obiettivo! A primo impatto, non potendo conoscere le reali intenzioni di investimento future, dico che non c’è paragone! Che ne pensa?

    Secondo Lei,a questo punto , parma 1913 è favorita?

    • 28 Giugno 2015 in 13:07
      Permalink

      Notoriamente non sono uno in quota all’upi, e non credo di aver mai lesinato le mie critiche. Ma nel caso specifico, a parte che l’upi non c’entra, ritengo che newco1 si sia mossa con serietà.
      Specificato questo desidero non sbilanciarmi oltre, volendo mantenere equidistanza. L’episodio pur grave di ieri e per il quale privatamente si sono scusati (comodo. Lo facessero anche pubblicamente) è già archiviato. Del resto, checché se ne dica, avevo sempre operato senza rancori personali anche in era ghileo. I colpi bassi li lascio ad altri.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 28 Giugno 2015 in 13:34
    Permalink

    Ho visto ora filmato dove è stato attaccato..ma perché perdiamo tempo con questa gente?non abbiamo avuto L esperienza passata con personaggi del genere?diamo fiducia al progetto per la serie d …tanto alternative non mi pare che ne abbiamo tante,poi vediamo gli sviluppi mi raccomando majo continui a vigilare e buon lavoro

    • 28 Giugno 2015 in 13:55
      Permalink

      Grazie, vedremo che fare, anche se i problemi ci sono e non posso continuare a far finta di niente

  • 28 Giugno 2015 in 13:36
    Permalink

    Direttore si sa se la cordata parmigiana sarebbe interessata ad un eventuale ripescaggio in lega Pro?
    Ps sono con lei per quanto purtroppo è accaduto ieri!!!

    • 28 Giugno 2015 in 13:54
      Permalink

      Grazie
      Su argomento ripescaggio al momento non ho intravisto aperture, ma forse perché la priorità è l’iscrizione in d. Infatti dal 22 o forse prima han cercato di recuperare il tempo perduto focalizzando l’attenzione appunto sul tema stadio.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 28 Giugno 2015 in 13:46
    Permalink

    Caro Mayo,
    ieri sei stato preso in giro dai Corrado e dal parmigiani presenti, anche se sei abituato a questo trattamento da parte dei proprietari (o possibili proprietari) del parma fin dai tempi di Ceresini, non mi è sembrato un comportamento corretto nei confronti di un giornalista nel mezzo di una conferenza stampa. Il fatto che questi episodi a tuo sfavore si ripetano non ripone comunque a tuo favore.
    Volevo rimarcare il fatto che Pur essendoci stati da parte tua trattamneti ben peggiori, chi ha tentato la scalata al Parma nei mesi invernali primaverili ha deciso di chiudere entrambi gli occhi per dedicarsi eslcusivamente a quella che si è poi rivelata una missione impossibile. Per la situazione lasciata in eredità dalla vecchia proprietà il parma non era vendibile ed il futuro proprietario avrebbe sicuramente trovato sorprese nel post acquisto.
    Il reset era necessario e visti i nomi che si sono mossi (parma1913) mi sembra altrettanto chiaro che non ci fosse spazio per alternative esterne. Un sincero buona fortuna Gabriele.

  • 28 Giugno 2015 in 14:00
    Permalink

    Bella collezione
    Da collezionista sono “invidioso” di queste meraviglie
    Se ne hai qualche doppia da vendere ….

    • 28 Giugno 2015 in 17:00
      Permalink

      Vai su Ebay…ci sono arenbionlus e talvolta la fondazionepupi (di Xavier Zanetti) che le ricevono in dono direttamente dai giocatori e le mettono all asta x beneficenza con tanto di attestato di garanzia e talvolta con foto dei giocatori con in mano la maglia. Io ne ho prese l anno del centenario e sono stata soddisfatta

  • 28 Giugno 2015 in 14:01
    Permalink

    Caro Direttore ci ha ripensato per il sito? Ha ripensato alle mie parole ? Ci pensi amico mio, lei è il punto di riferimento per tanti tifosi che vedono in lei la persona pulita, onesta e sincera. La considerano uno di loro. Non li tradisca per un pugno di euro. Io son certo che pur di non far morire il sito, la finanzierebbero magari con il denaro che avrebbero impiegato per i loro divertimenti. Si ricordi ha migliaia di ragazzi che la considerano un padre, un amico, uno di loro. Quando deciderà cosa fare non se lo dimentichi. Ho 85 anni e mi creda le do i consigli giusti, li accetti. GRAZIE.

    • 28 Giugno 2015 in 14:17
      Permalink

      Caro lei, dall’alto della sua veneranda età dovrebbe sapere quanto è dura la vita materiale…

      • 28 Giugno 2015 in 15:19
        Permalink

        Ma la vita materiale, non vale nemmeno un unghia della vita spirituale. I soldi arriveranno stia tranquillo, arriveranno per inerzia. Nessuna persona per bene le negherà l’aiuto. Io son certo che come sento, fanno l’azionariato popolare per il Parma, faranno qualcosa anche per lei. Lei è la voce dei tifosi, il cuore dei tifosi, l’anima dei tifosi, la voce pulita, non la voce del padrone ma una voce libera e vuole che lasceranno spegnere il suo sito come un lumino da morto? Certo, deve darsi da fare, mettere un numero del conto corrente e vedrà che avrà gradite sorprese e poi una cordata con tante eccellenze di Parma, non pensa che farà carte false per non farla morire?Se quella che verrà, sarà una cordata seria, il suo sito, sarà una delle cose che cercheranno di confermare, se invece sarà una cordata ipocrita cercheranno di eliminarla perché dicendo la verità, a molti darà fastidio- Io ormai sono giunto al tramonto di questa vita, non ho affetti, mia moglie non c’è più, non ho figli, mi sento solo ma glielo confesso quando leggo il suo sito mi sento come se avessi tanti figli, tanti nipoti e questo è merito suo. Dica la verità, non aveva mai fatto caso a qusto, non sa quante persone rende felici con stadiotardini.it- Non ci lasci, non se ne vada anche lei. Non molli.

        • 28 Giugno 2015 in 16:49
          Permalink

          Gentile Pierre Lille sa che leggendo quello che ha scritto mi ha commosso e mi ha fatto piangere.? Che brava persona deve essere e con che grazia ha parlato a Majo. Sembra il mio amato nonno che ora non ho più. Vedrà, questo sito non morirà e quando a Majo gli verrà la tentazione di farlo,non lo farà perché son certo, si ricorderà delle sue parole.Grazie.

      • 28 Giugno 2015 in 17:05
        Permalink

        Eheh ci mancava poco e ti diceva “padre, maestro ed amico” come don Bosco nel canto di quando andavamo dai salesiani…ti ricordi? 😉

          • 28 Giugno 2015 in 23:01
            Permalink

            Una volta hai detto che hai fatto le medie al Sambe. ..io idem 😉 (Quando ci sono andata io avevano aperto da uno o due anni anche alle ragazze)

          • 28 Giugno 2015 in 23:04
            Permalink

            Ah, ecco… Infatti, ahimé, ai miei tempi le classi erano ancora solo maschili…

  • 28 Giugno 2015 in 14:20
    Permalink

    ciao gabriele ok sulla maglia si sono gia espressi i tifosi ma sai qualcosa sul logo di parma 1913 grazie saluti.

    • 28 Giugno 2015 in 14:22
      Permalink

      Credo assomiglierà parecchio a quello di settore crociato

      • 28 Giugno 2015 in 20:57
        Permalink

        Semplicemente scudo bianco nerocrociato…ci sta…

  • 28 Giugno 2015 in 14:33
    Permalink

    Altrimenti direttore si faccia dare i loghi che aveva preparato il bamboccione!!!! Ah ah ah ah ah ah. Ho ingrandito la foto del telefonino del bamboccione con i loghi e devo dire che chiunque li abbia fatti si deve vergognare. Che pena!!!!! Fora dal bali gobbi del cazzo.2

    • 28 Giugno 2015 in 14:43
      Permalink

      Sono dentro la fotogallery di fava postata dentro il mio commento

  • 28 Giugno 2015 in 14:49
    Permalink

    Ora basta con questo Corrado ! Il Parma vada pure a chi si è interessato prima alla D !! Non vorremmo mica giocarci pure quella! Un vecchio detto dice:?mei n’os che un bastó! Noi siamo tifosi del parma e questo dobbiamo fare non tifosi di questo o quello !! Quei tifosi li meglio che guardino il calcio su sky! Il Parma è il Parma! Speriamo ci sia una fine al più presto a questo teatrino inguardabile e si possa parlare di progetti seri che qui mancano da un po ! Ricordate il “progetto” che ci inculcavano per anni i delinquenti di prima? Ridimensioniamoci tutti e ripartiamo non è andata bene con la B pazienza andiamo in d !! Spero che al più presto ci sia un appello perchè la gente si abboni ! Dobbiamo fare il tardini un fortino ! Ricordo i viola in c2 con il franchi pieno! Forza Ragazzi basta con chiacchiere ora andiamo a giocarci questo campionato e quel che sará sarà ! Ghirardi e Leonardi biiiiiiiiiiiiiiiiiiiiippppppppppppp

    • 28 Giugno 2015 in 14:58
      Permalink

      “La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi”. (Cit.)

      A Parma questo principio, per certi tifosi, sembra che sia più attuale che altrove…

    • 28 Giugno 2015 in 19:28
      Permalink

      Scusa se si esprimono le opinioni, gran tifoso da stadio! Meno male che ci sei te….

      • 28 Giugno 2015 in 19:41
        Permalink

        Un conto è esprimere opinioni, un altro è insultare (per esprimerle).

  • 28 Giugno 2015 in 15:14
    Permalink

    hai fiducia nella cordata ma se va in b la tengono o la vedono paolo

  • 28 Giugno 2015 in 15:17
    Permalink

    ma i disabili dove verrebero messi

    • 28 Giugno 2015 in 15:18
      Permalink

      Non so. Ancora non se n’è parlato, una cosa x volta

  • 28 Giugno 2015 in 15:18
    Permalink

    Direttore temo di aver perso qualche passaggio, ma i Corrado non si erano tirati fuori? Mi sembra di capire che seppur in vantaggio Parma 1913 non è detto che la spuntino loro.

    Volevo inoltre precisare: tanti nemici molto onore!! Ciò che è successo ieri è la dimostrazione dell’eccellenza del suo lavoro e del suo contributo alla causa Parma, al tal punto da suscitare fastidio e invidia da parte di tutti.

  • 28 Giugno 2015 in 15:33
    Permalink

    Buongiorno.
    Per quel che può interessarle l’attenzione di uno “strajè” che la segue dal Friuli voglio esternarle la mia solidarietà, non tanto per il miserevole trattamento ricevuto da papi e figlio Corrado, ma soprattutto per i beceri insulti dei poverini presenti di cui, mi creda, mi sono intimamente vergognato. Se vogliamo essere cattivi potremmo dire che la qualità della platea era ben rappresentata da quel padre (?) che non aveva idea migliore che portare lì il proprio figlioletto anziché da qualche altra parte dove avrebbe sicuramente acquisito ben altri benefici fisici e spirituali.
    Per quanto riguarda la maglia mi permetto far osservare che l’unica e sola originale è quella bianco-scudata. I colori gialloblu che pure furono indossati nell’era più vittoriosa, sono stati introdotti solo nel 1969 quando la Parmense subentrando al fallito (!) Parma introdusse quei colori.
    Forsan et haec olim meminisse iuvabit.
    Con stima

    • 28 Giugno 2015 in 16:13
      Permalink

      Non vorrei sbagliare ma i colori gialloblu credo fossero i primi, con la maglia a scacchi. Comunque anche io sono per la biancocrociata. Anche io ero alla conferenza. Io credo che l uscita di Corrado su Majo oltre ad essere stata di cattivo gusto sia stato anche un autogol per la loro immagine.

  • 28 Giugno 2015 in 15:50
    Permalink

    ti consiglio fai un articolo sulla giornata di domani

  • 28 Giugno 2015 in 16:18
    Permalink

    Anche se si sapeva dallare e ufficialmente dentro anche se probabilmente non aumentarea.la propria quota in.futuro…ma x ora bene.così

    Avanti parma 1913

  • 28 Giugno 2015 in 17:06
    Permalink

    Che mi sta succedendo Majo? Ho letto un post su questo argomento di qualche ora fa, di un certo PIERRE LILLE e mi sono commosso e di brutto e non mi vergogno a dirlo ma ho pianto.Erano anni che non mi succedeva di piangere porca bestia.CHE SCHERZI FA QUESTO SITO.Che mi sta succedendo direttore,mi sto rimbecillendo del tutto?

    • 28 Giugno 2015 in 22:56
      Permalink

      Mamma quanto sei patetico ed autoreferenziale. ….non se ne può più! !!!!!!!

  • 28 Giugno 2015 in 17:47
    Permalink

    Pare che i Corrado chiedano l’affiliazione alla FIGC.
    Sempre piu’ ingarbugliata la situazione

  • 28 Giugno 2015 in 19:01
    Permalink

    speriamo cosi’ l’anno prossimo potro andare ad insultare i gobbi

  • 28 Giugno 2015 in 19:26
    Permalink

    corrado sta veramente rompendo il cosidetto…spero che parma 1913 non si ritiri..qua si rischia di fare una brutta fine…FERMATE STO PAZZO!!!!

  • 28 Giugno 2015 in 19:40
    Permalink

    Parma1913 e’ sul lFreccia Rossa. Non si ritira di certo

  • 28 Giugno 2015 in 19:40
    Permalink

    Oltretutto tra il dire e fare di Corrado….

    • 28 Giugno 2015 in 20:19
      Permalink

      c’e’ di mezzo il mare di merda bianconera

  • 28 Giugno 2015 in 20:18
    Permalink

    ma nn si è ritirato corrado??

      • 28 Giugno 2015 in 20:49
        Permalink

        comunque a me non piace corrado troppo arrogante meglio la cordata locale ma quando decidono definitivamente per la cordata?? mica possono aspettare natale

  • 28 Giugno 2015 in 20:56
    Permalink

    Quale è la probabilità di restare addirittura senza calcio l’anno prossimo, considerando che i due competitor rimasti in corsa se le stanno suonando di santa ragione?

      • 28 Giugno 2015 in 21:18
        Permalink

        guarda io sono reggiano ma non dovete permettere cio fate qualcosa la colpa e di quei due infami comunque gabriele io l’apprezzo tantissimo per il lavoro che ci mette per la sua pacatezza e per la sua serieta’ un vero giornalista

        • 28 Giugno 2015 in 21:29
          Permalink

          grazie mille, quando vengo a reggio ci facciamo un po’ di gnocco fritto…

      • 28 Giugno 2015 in 21:19
        Permalink

        Ma non era Corrado che si lamentava che era solo dopo mesi di lavoro per la b e poi Piazza arriva gli ultimi giorni e si mette in mezzo? Ma se poi fa la stessa cosa rispetto a Parma calcio 1913 di cosa si lamentava a fare? Basta dai, che la smettano di scrivergli su facebook e che si pensi al bene del Parma. Basta con sti dualismi, che si vada avanti per una strada sola

      • 28 Giugno 2015 in 21:31
        Permalink

        Esagerato! Lì si che bisognerebbe andare sotto il Comune, in una direzione o nell’altra la devono sbrigare loro e la Figc. La posizione dei primi è chiara, vedremo quella dei secondi, ma che tutti e due diano forfait non mi sembra irreale, soprattutto che si ritiri quella degli industriali a seguito della presentazione di mercoledì prossimo mi pare assurdo.

        • 28 Giugno 2015 in 21:34
          Permalink

          Correzione: non mi sembra REALE

        • 28 Giugno 2015 in 22:57
          Permalink

          Il punto è che gli uni tirano una corda che stan tirando anche gli altri; intanto il tempo passa, i due concorrenti continuano a tirare…ma se non si fa alla svelta rischiamo sì di ritrovarci con un vincitore, ma senza la possibilità di premiarlo. Fuor di metafora: non vorrei che le due cordate, per suonarsele di santa ragione, finiscano per distrarsi da quello che in una situazione del genere è l’unico traguardo sensibile: iscriversi al campionato di serie D. Siamo a fine giugno, per chi ancora non se ne fosse reso conto…

  • 28 Giugno 2015 in 21:53
    Permalink

    Quando si pensa di aver toccato il fondo e si pensa che da li si possa ripartire …. bang si apre una porta e si ricomincia a precipitare… povero parma….massacrato da mezze tacche che nin sono in grado neanche di mantenere cio’ che hanno detto 24 ore prima complimenti …. ma che razza di manager e’ Corrado se si deve giudicare con le parole che esprime..mo mama!

  • 28 Giugno 2015 in 22:37
    Permalink

    Tornando al tema dell’articolo. Complimenti al collezionista articolista, anch’io sono “malato” per queste cose.. Lo invidio tantissimo. Collezione stupenda.. Io sogno sempre il museo del Parma al Tardini (magari nei distinti al posto di quei tubi innocenti) con tutti questi cimeli e le coppe..
    Per quanto riguarda la maglia da usare in futuro. Siccome la tifoseria è spaccata in due tra crociata bianco e nera e gialloblù a strisce orizzontali non capisco perché non si possano usare entrambe in egual misura. Metà partite con una maglia e metà con l’altra. Troppo semplice vero? Le cose semplici in questo paese non si fanno?!?!
    Personalmente a me la crociata da un punto di vista estetico non fa impazzire, preferisco di gran lunga l’altra. Ma io non voglio cancellare le origini del club e vorrei si usassero entrambe. Perché non è neanche giusto ignorare gli anni più vincenti…

    • 28 Giugno 2015 in 22:56
      Permalink

      Per quanto concerne il Museo, a quanto mi è dato a sapere, è già previsto nel programma di Parma Calcio 1913

      • 28 Giugno 2015 in 23:26
        Permalink

        Ottima cosa…!
        ma io ora sono preoccupata del ritorno in campo di Corrado…non se ne può più! Mi sembra di rivedere Ghirardi quando ha mollato la presidenza del parma strillando per poi tornare e infine ritirarsi di nuovo sbattendo la porta e mettendo in vendita la squadra.
        Forse sta gente non ha capito che la maggior parte dei tifosi è esasperata e non ne può più

        • 28 Giugno 2015 in 23:47
          Permalink

          Magari vaglielo a scrivere direttamente su Facebook… L’indirizzo è nell’articolo…

          • 29 Giugno 2015 in 00:03
            Permalink

            Non ho facebook… Scelta fatta perché sono tendenzialmente una persona riservata ma anche perché le mie idee sono sempre state controcorrente…ragion per cui facebook servirebbe solo x beccare su…e x questo mi basta stadiotardini eheh 😉
            Cmq se non ascoltano (e nemmeno rispettano!) te che x mesi sei stato l’unico a dar loro spazio, me e gli altri eventuali dissidenti li asfalterebbero…tutti nemici del parma naturalmente!

      • 28 Giugno 2015 in 23:34
        Permalink

        Molto bene.. Allora mi schiero a favore di Parma Calcio 1913.. Corrado fòra dal bàli.. Oppure confluisci nel progetto newco1… (So che è impossibile)

  • 28 Giugno 2015 in 23:14
    Permalink

    Quindi anche in un secondo momento acquisteranno il marchio se no che ci mettono nel museo?

  • 28 Giugno 2015 in 23:31
    Permalink

    Inizia a piacermi abbastanza questo parma calcio 1913…direttore ma ipoteticamente potrebbero comprare o parma ac o parma fc?ho sparato la calcolata della serata?

    • 28 Giugno 2015 in 23:37
      Permalink

      Penso che sia corretto se acquistasse da Parma FC, però non sarebbe neppure male, budget a parte, se acquistasse anche Parma AC… (che abbia sparato io la calcolata della sera?)

  • 28 Giugno 2015 in 23:50
    Permalink

    Perché si possono acquistare entrambe?

  • 29 Giugno 2015 in 00:28
    Permalink

    Maglia bianca con croce nera e Parma 1913.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI