PARMA QUOTIDIANO PRESENTA: “NUOVA PARMA CALCIO”, LA SOCIETA’ APERTA DA MIKE PIAZZA, CON CAPITALE SOCIALE 10.000 EURO E SEDE A CASA DELL’AMMINISTRATORE UNICO GIBO GERALI

image(gmajo) – Parma Quotidiano rivela stamani i dettaglia della nuova società costituita ad hoc da Mike Piazza il 4 giugno scorso per l’acquisizione dell’azienda sportiva Parma F.C. all’asta di domani, martedì 9 giugno; asta alla quale, a parere dei colleghi, parteciperebbe solo questa cordata “perché al momento non risultano esistere altre società con sede a Parma con caratteristiche tali da poter partecipare all’asta”. Insomma, secondo loro sarebbe fuori gioco Giuseppe Corrado ritenuto (e io continuo tuttora a ritenerlo tale) finora il candidato più autorevole (per lui “fa il tifo”, come ha rivelato sabato a StadioTardini.it anche l’ex presidente crociato Fulvio Ceresini), avendo alle spalle oltre a solidi investitori italiani anche il famoso fondo di Tavecchio. Staremo a vedere… Parma Quotidiano annota che la Nuova Parma Calcio srl ha come oggetto sociale: “L’esercizio di attività sportive, in particolare la preparazione e la gestione di squadre di calcio”, con tutti gli annessi e connesso, dalla vendita di diritti tv alla produzione e commercializzazione di gadget, abbigliamento, pubblicazioni e la gestione e costruzione di impianti sportivi per la squadra. Il giornale on line, però, ammonisce contro la mancanza di trasparenza, proponendo uno scomodo paragone con Mapi Group: “Quello che c’è dietro alla Nuova Parma, però, ancora non è chiaro. I soci sono due avvocati di uno studio internazionale, due nomi che paiono prestati a chi davvero si è impegnato nell’iniziativa. Sono gli avvocati Paolo Brugnera (60% delle quote) e Andrea Baccarin (40%), entrambi dello studio legale Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners di Padova. La società ha un capitale davvero limitato per l’impresa che la aspetta, 10mila euro, dei quali soltanto 2.500 versati. La famigerata Mapi Grup di Giampietro Manenti, che aveva preso il Parma prima del fallimento, di capitale aveva 7.500 euro, tutti versati”. Parma Quotidiano chiarisce che la “Nuova Parma Calcio srl, pur appena fondata, risulta “impresa inattiva”, ma ha un amministratore unico, Gilberto Gerali. La sede della società corrisponde all’abitazione dello stesso Gerali, nel quartiere Picasso” e conclude: “se è stata fondata una società apposta per partecipare all’asta di martedì, è quasi certo che un’offerta la presenterà. Solo dopo si capirà quanto solide sono le sue spalle”.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO DI PARMA QUOTIDIANO

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

ESCLUSIVA STADIOTARDINI.IT / GIUSEPPE CORRADO: “STO AGGREGANDO PERSONE PER SALVARE IL CALCIO PROFESSIONISTICO A PARMA. LA LEGA CONSIDERA I 5 MILIONI DEBITO SPORTIVO? E’ UNA VERGOGNA…”

FULVIO CERESINI ALLA FESTA DEI BOYS: “LA SERIE D SAREBBE LA MORTE DEL CALCIO A PARMA. IO FACCIO IL TIFO PER CORRADO: LE SUE PAROLE A STADIOTARDINI.IT SONO UN GRIDO D’AMORE”

MIKE PIAZZA E’ TORNATO A MIAMI: IL 7 GIUGNO DECIDERA’ SE PARTECIPARE ALL’ASTA DEL 9, MA SI DOVRA’ LIMARE ANCORA IL DEBITO SPORTIVO. CORSA CONTRO IL TEMPO PER GLI ASPETTI BUROCRATICI

SCHIROLI RACCONTA: IO E MIKE PIAZZA…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

126 pensieri riguardo “PARMA QUOTIDIANO PRESENTA: “NUOVA PARMA CALCIO”, LA SOCIETA’ APERTA DA MIKE PIAZZA, CON CAPITALE SOCIALE 10.000 EURO E SEDE A CASA DELL’AMMINISTRATORE UNICO GIBO GERALI

  • 8 Giugno 2015 in 10:24
    Permalink

    Majo da alcuni giorni leggere il sito è praticamente impossibile causa questo messaggio dei cookie che non scompare mai

    • 8 Giugno 2015 in 10:26
      Permalink

      A furia di cliccarlo dovrebbe sparire.

      Come scrivevo anche ad altri sono giorni che litigo col wm ma non posso togliere la barra pena sanzioni. E’ una legge del piffero, ma siamo in Italia…

      Comunque stiamo cercando di trovare correttivi. Portate pazienza. Grazie

      Cordialmente

      Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 11:03
        Permalink

        Majo è una legge (del cazzo) europea. In qualche modo bisogna pur che migliaia di funzionari facciano vedere che lavorano per cui s’inventano delle stronzate come questa cookies law completamente inutile e anacronistica. Tu visiti un sito e devi accettare di visitarlo. Ci prendono per dementi che non sanno cosa fanno o cos’è internet, sono completamente fuori di melone. Leggi qui: http://www.chefuturo.it/2015/06/guida-cookielaw-garante-banner-analytics-cookies/

      • 8 Giugno 2015 in 12:48
        Permalink

        Basta che cercano tra questi e li testano, la scelta non manca….

      • 8 Giugno 2015 in 14:01
        Permalink

        Ho continuato a cliccare ma non va via .QUELLA SCRITTA DEL CAZZO Non mi dirà che….cala le braghe. FUOCO E FIAMME MAJO.Posso capire che uno clicca nell’accettare i cookie E QUESTO SARA’ LEGALE ma se uno accetta e poi la scritta non va via QUESTO E’ABUSO rd è una solenne presa in giro anche nei suoi confronti. Si rivolga ad un avocato e gli faccia causa. Questa gente appena sentono odor di avvocato….gliela sistemano subito. Scmmettiamo?

  • 8 Giugno 2015 in 10:29
    Permalink

    Majo aiutaci a capire…Corradi quindi sarebbe out e in lizza resta solo lo sborone da Miami che ha aperto allo scopo una societa’ di 10mila euro (ma versati 2500) con sede nell’ufficio di uno dei due avvocati che la compone?….
    Cioe’…e’ cosi’?…abbiamo capito bene?…

  • 8 Giugno 2015 in 10:35
    Permalink

    Gabriele, ma cosa significa non risulta altra soceità costituita a Parma? Uno può avere una società costituita a Trapani o a Trento e fare un’offerta domani?

    • 8 Giugno 2015 in 10:39
      Permalink

      Sì, appunto. Infatti mica è una tesi mia quella. Io ho solo riportato cosa scrive Parma Quotidiano. A parte che poteva essere anche una società estera. Interessante, piuttosto, il parallelismo con Mapi (ma potrebbe valere anche con Dastraso), circa i soci che restano occulti…

      • 8 Giugno 2015 in 10:53
        Permalink

        Confermi che Corrado sia out? Credi non presentera’ nemmeno l’offerta?

        • 8 Giugno 2015 in 10:54
          Permalink

          Ti ho appena risposto. CORRADO E’ SEMPRE IN CORSA

          Però cerchiamo di non reiterare le domande…

          • 8 Giugno 2015 in 11:05
            Permalink

            Dai Majo digli che domani non si presenta nessuno cosi’ si toglie dai coglioni sto coglioncello

          • 8 Giugno 2015 in 11:13
            Permalink

            forza pescara comunque.

            Il parallelismo con Mapi group si potrà fare dopo, non ora. E’ normale ed è giustissimo che chi partecipa all’asta voglia coprire i soci per riservatezza. Dopo, invece, in conferenza stampa dobbiamo sapere tutto altrimenti è un’altra buffonata.

          • 8 Giugno 2015 in 12:24
            Permalink

            Majo devi capirlo il povero ghirardello…è giu di testa…è 3 mesi che è qui a gufare perchè noi finiamo in D e adesso che c`è un minimo spiraglio di salvezza è un uomo distrutto…Ghirardello va a cagher ti e Bologna!

          • 8 Giugno 2015 in 13:01
            Permalink

            E di non rompere troppe le balle ai tifosi che in questi giorni si stanno giocando tutto! Ghirardello avvisato, mezzo salvato…

      • 8 Giugno 2015 in 11:40
        Permalink

        La questione della sede è questa: condizione affinchè il titolo sportivo venga riattribuito è che la nuova società abbia sede nello stesso comune della precedente e che dimostri entro 2 gg dal termine di iscrizione al campionato successivo di aver acquisito l’azienda sportiva,affiliazione Figc etc…art 52 Noif

      • 8 Giugno 2015 in 13:12
        Permalink

        Parallelismo un po’ azzardato perché cmq Piazza ha dei soldi mentre Manenti cercava di scaricarli tramite pos da carte di credito clonate.
        Forse anche alcuni soci di Corrado non vogliono comparire se non a giochi fatti.
        Si spera salteranno fuori dopo l’eventuale acquisto della squadra e immagino sarà così sia per Piazza che per Corrado dato che mi sembrano persone serie.
        Altra ipotesi: Piazza acquista ma deve trovare soci danarosi…mi pare plausibile dato che ha la solidità economica x acquistare da solo…naturalmente dei soci gli serviranno perché il calcio è costoso ma nn subito

    • 8 Giugno 2015 in 12:59
      Permalink

      Ma infatti! Che cavolata…cmq è probabile che Piazza sia intenzionato a fare un’offerta sennò non si sarebbe preso la briga di venire fin qui ad informarsi da Miami. E x presentarsi all’asta mi risulta che si debba versare una caparra in proporzione alla offerta quindi molto alta in questo caso… Manenti non c’entra nulla dato che ha comprato il 100% delle quote di eventi sportivi con solo un euro (o forse neanche quello)! Mi sembra un paragone offensivo x piazza ma soprattutto x i lettori

  • 8 Giugno 2015 in 10:48
    Permalink

    majo domanda..mettiamo che domani Piazza offre 4,5 e si aggiudica il Parma!…chi controlla poi che abbia i requisiti per mantenere una società di calcio?

    • 8 Giugno 2015 in 10:57
      Permalink

      Per partecipare all’asta deve avere i requisiti… E garantisce il Tribunale di Parma

      • 8 Giugno 2015 in 11:00
        Permalink

        e siamo alle solite…altroche’ reiterare domande…puo’ una societa’ costituita 72 ore prima con 10mila euro di capitale (versati solo 2milacinquecento) e del tutto inattiva acquistarne un’altra per circa 30 milioni?…
        Fila tutto liscio?

        • 8 Giugno 2015 in 11:00
          Permalink

          Sì. E la spiegazione te la offre James.

          Comunque è previsto che chiunque si aggiudichi il club abbia una società formata ad hoc

          • 8 Giugno 2015 in 14:37
            Permalink

            Ma è ovvio, PIAZZA HA FATTO una società SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER ACQUISTARE IL PARMA dandogli addirittura il nome. E’ ovvio che se la legge non glielo proibisce, PIAZZA può costituire una società anche con mille euro. NESSUNO ha pensato che se c’è l’asta e l’asta Piazza la perde, cosa ci fa con quella società con dentro il nome di Parma?

          • 8 Giugno 2015 in 18:36
            Permalink

            scusa Ghirardello ma a te che cazzo te ne frega se o non può? allora la faccio una domanda direttore ma Ghirardello può rompere i coglioni così tanto? 🙂

        • 8 Giugno 2015 in 11:14
          Permalink

          Ghirardelo, guarda che il Bologna è stato acquistato da un società costituita pochi giorni prima. ……

  • 8 Giugno 2015 in 10:49
    Permalink

    Si in effetti il parallelismo con Mapi è inquietante…Comunque sia sinceramente lei Majo per chi fa il tifo tra Corrado e Piazza?Il suo sesto senso cosa le dice?

    • 8 Giugno 2015 in 10:56
      Permalink

      Io sono un giornalista equidistante che non fa il tifo per nessuno. Dei due candidati mi convince di più Corrado per l’enorme lavoro svolto e perché ha dietro il famoso fondo di Tavecchio, per cui si tratta di raccogliere quanto promesso. E poi, visto che ci sono altri che sia pure in modo subdolo osteggiano Corrado mi verrebbe da fare il tifo per lui…

      • 8 Giugno 2015 in 11:13
        Permalink

        oh se uno e’ gobbo e’ gobbo eh ? mica vado allo stadio a cantare con lui chi non salta e’ parmigiano, io degli ossimori calcistici ne ho piene le biglie

      • 8 Giugno 2015 in 11:44
        Permalink

        Quindi Corrado dovrebbe avere spalle belle “solide”? Il fondo canadese è uno dei due azionisti della Vue Entertainment proprietaria di The Space? Ci può dare qualche indiscrezione anche sugli investitori italiani?

      • 8 Giugno 2015 in 13:27
        Permalink

        Il fatto che dietro ci sia Tavecchio mi fa venire i brividi. ..
        Cmq personalmente non parteggio per nessuno…l’importante è che arrivi almeno una offerta e il progetto sia serio
        (Ps: naturalmente Manenti non c’entra nulla con Corrado però era molto osteggiato e poteva fare simpatia…Vista quella esperienza scottante, io non dispenso più simpatie senza avere prima messo alla prova concretamente la persona/cordata)

      • 8 Giugno 2015 in 14:59
        Permalink

        A me caro Majo non interessa se la società verrà acquistata da Piazza o Corrado.L’importante che qualcuno acquisti il Parma con la grana necessaria E NON FINISCA sotto i denti aguzzi dei MILLEPIEDI.Certo affinché questo acquisto diventi un affare bisogna CENTRARE SUBITO LA PROMOZIONE. Abbiamo un vivaio stellare.un sito, il suo direttore, (cookies a parte) che strega. Io resto sempre dell’idea che PARMA attualmente con quelle cifre e con qualcuno che sappia il fatto suo, SIA UN AFFARE. Dimenticavo, mi gioco la reputazione ma la B non ce la toglie nessuno. Anche il sangue dell’agnello con le feci di maiale e le piume con le penne della civetta non lasciano adito a dubbio PARMA IN B AL 100% E SE LO DICO IO IL VEGGENTE DEL FORUM, POTETE STARE NON TRANQUILLI ma….in cassaforte.Boni mi confidava si sente maledetto. Con quel B come inizio del suo cognome BONI appunto odia il suo cognome perché gli ricorda il Parma acquistato da qualcuno e quindi iN serie B. Vorrebbe farsi chiamare invece di Boni Doni come Domodossola, Il suo sogno, la serie D ma Doni assomiglia troppo a DonaDONI UN ALLENATORE CHE ODIA per cui si trova in un dilemma esistenziale che diventerà devastante martedì o al massimo mercoledì sera quando sarà irriso dal 99,99 dei tifosi del Parma.
        Concludo dicendo Che vi dovete fidare di me. IL PARMA VA IN B. SICURISSIMISSSIMISSIMO

  • 8 Giugno 2015 in 10:56
    Permalink

    Mi permetto un inciso. Fino a qualche giorno fa qualcuno (GDP e altri) sosteneva che Mike Piazza non avrebbe partecipato all’asta in quanto non in possesso di società veicolo in grado di rispettare i protocolli richiesti dal bando (emesso dal Tribunale). La società è stata costituita e ora qualcun altro sostiene tesi strampalate collegando la presenza di due avvocati tra i soci e l’esiguità del capitale alla presenuta debolezza o “inquinamento” della cosa. Chiariamo.
    Sul punto 1) ovvero i due avvocati come soci, proprio per stare nei tempi tecnici ovvero per essere pronti entro stasera penso sarebbe stato impossibile avere soci americani (che ricordo sono extra comunitari), quindi la scelta di due legali di uno dei più importanti (e prestigiosi e costosi) studi italiani era obbligata. E con tutto il rispetto per altri Studi Legali di recente presenti nelle vicende del Parma Origoni, Grippo e Cappelli sono di un altro livello…e non penso si prestino a pagliacciate.
    Sul punto 2) il capitale stesso discorso di sopra. Quello che conta è l’offerta di domani che dovrà essere “saldata” in tempi brevissimi, oltre a fidejussione a copertura del debito sportivo. Quindi direi che ogni timore o insinuazione appare inutile.
    Aggiungo anche che chi vende in questo caso non è l’ex patron ma il Tribunale..e nei disciplinari di gara sono previsti controlli rigidissimi su antiriciclaggio, etc. quindi qualsiasi insinuazione in tal senso è pretestuosa.
    A meno che non si creda che il Tribunale, con un’inchiesta aperta della procura per una vicenda collegata all’oggetto di vendita non si accerti della “bontà” del soggetto offerente e/o aggiudicante o metta in dubbio la serietà dei controlli della curalela e della sezione fallimentare del Tribunale.

    Saluti

    • 8 Giugno 2015 in 11:05
      Permalink

      Quindi questi con circa 4 milioni (per la societa’) e un mare di scartoffie bancarie,garanzie,fidejussioni estere e paghero’ sul restante debito sportivo (22,2milioni) si portano a casa tutto…
      Poi quel che succedera’ davvero col debito sportivo ci pensera’ casomai chi deve riceverlo a farsi avanti….
      Funziona cosi?…stanno cosi’ le cose?…

    • 8 Giugno 2015 in 11:17
      Permalink

      Non ho ancora capito chi sei ma condivido la tua analisi (che prima non avevo fatto in tempo a leggere)

    • 8 Giugno 2015 in 11:33
      Permalink

      meno male che qualcuno usa il cervello

    • 8 Giugno 2015 in 13:16
      Permalink

      Grazie James!!!
      Risposta che mi conforta nelle mie idee.
      Inoltre è un bel modo di zittire Ghirardello con temi concreti

    • 8 Giugno 2015 in 13:51
      Permalink

      direi di si,nell’eventualita’ a fontanellato vado in snoccioni,ma anche al quadrifoglio a vedere il baseball

  • 8 Giugno 2015 in 10:57
    Permalink

    La societa si è appena fondata giusto per partecipare all asta non poteva fare altrimenti secondo le leggi vigenti a quanto mi risulta.
    Non facciamo confronti con la mapi del mitomane che secondo me e stato pagato da qualcuno per rilevare il parma.
    Qui se non sbaglio ci mette la faccia gerali che è una persona nota a parma sono due cose ben diverse dalla dastraso.
    Dal momento dell acquisizione è logico che si conosca il proprietario gli eventuali patner ecc.

    • 8 Giugno 2015 in 10:59
      Permalink

      Augusto, amico mio, lascia perdere gli argomenti che non conosci. Manenti non era stato pagato da nessuno per rilevare il Parma. Era una idea che aveva in testa lui, che avrebbe perseguito attraverso un lucido piano criminale che aveva ben in testa.

      Poi il confronto sta in piedi (ma anche con Dastraso) per via della opacità della società, di cui proprietari risultano essere due avvocati.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 8 Giugno 2015 in 11:10
        Permalink

        “attraverso un lucido piano criminale” mi fa pensare che l’elioterapia del river abbia risvegliato in lei una lucida analisi introspettiva.
        oh la Majo finalmente ….
        vedra’ che domani ne vedremo delle belle che neanche nostradamus

      • 8 Giugno 2015 in 13:30
        Permalink

        Spero ne siano proprietari in virtù di un mandato serio di Piazza

  • 8 Giugno 2015 in 11:01
    Permalink

    Io non faccio il tifo per nessuno voglio solo che il proprietario sia serio abbia programmi precisi e porti in alto il parma come gli compete e sopratutto tenga in considerazione i tifosi che sono parte essensiale di una società di calcio

    • 8 Giugno 2015 in 13:26
      Permalink

      Concordo in toto

  • 8 Giugno 2015 in 11:01
    Permalink

    Non posso sapere se Piazza abbia o meno serie intenzioni ma il paragone con Mapi, visti i soggetti coinvolti, mi pare ridicolo

    • 8 Giugno 2015 in 11:04
      Permalink

      Non ho fatto io il paragone, ma penso di interpretare correttamente il pensiero dell’autore (alias il giornalista di Parma Quotidiano che l’ha fatto): il parallelismo sta nella esiguità del capitale sociale (che come ben spiegato da James, peraltro, non significa nulla) e la mancata trasparenza sugli effettivi proprietari. Io più che con Mapi avrei fatto il paragone con Dastraso. Quindi non c’entrano una benedetta mazza le evoluzioni giudiziarie di Mapi e del suo titolare, né penso che l’articolista facesse riferimento a quelle.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Giugno 2015 in 11:02
    Permalink

    Una differenza c’è, Mapi e dastraso erano di due persone notoriamente poco attendibili, Questa invece si sa che di fatto è di Mike Piazza che si sa che i soldi se li è fatti giocando a Baseball.

  • 8 Giugno 2015 in 11:05
    Permalink

    Si comunque stiamo calmi: è normale che avendo appena costituito una società all’uopo questa abbia un capitale sociale minimo e una sede legale “d’appoggio”.
    Tenete anche presente che se non dovesse aggiudicarsi l’asta questa società costituita morirebbe un minuto dopo.

    Mi sembra d’altra parte incoraggiante che la società sia stata creata: avendo visionato tutti i conti e avendo un quadro abbastanza chiaro della situazione, la costtuzione della società può solo voler dire che l’offerta verrà presentata.

    Detto questo io sin dalle prime volte in cui venne fatto il suo nome ho sempre nutrito una certa simpatia per Corrado. Pur non conoscendolo, il suo forte legame con il territorio mi sembra garanzia si serietà. Nel senso non è uno che può scomparire da un giorno all’altro come ha fatto Taci e come potrebbe fare Piazza. Anche se a difesa di Piazza bisogna anche dire che non credo che un monumento dello sport come lui voglia rovinare la sua immagine con un’impresa estemporanea. Anche se non sarebbe nè il primo nè l’ultimo sportivo a rovinare la propria immagine per avventure di ogni tipo terminata al carriera professionistica…

    Credo che quello che vogliamo tutti dopo l’anno che abbiamo passato sia soprattutto una persona seria e che voglia bene al Parma.

  • 8 Giugno 2015 in 11:09
    Permalink

    Io rimango della mia opinione ci vorrebbe un celebroleso come manenti per comprare una società con 200 mil di euro di debiti ad 1 euro vuoi che non abbia avuto pressioni da qualcuno vedi l ammiraglio?
    Vedremo le indagini della magistratura.
    Per quanto riguarda mike era obbligato a costituire una società per partecipare all asta o sbaglio quello che ti preoccupa sono i 2 avvocati o la poca chiarezza della vicenda?

    • 8 Giugno 2015 in 20:22
      Permalink

      Se mi consenti io quelle vicende ebbi modo di viverle minuto per minuto e ti posso assicurare che non ci fu alcuna pressione dell’ammiraglio, che anzi pisciò per aria (e con lui la sua famiglia) quando seppe di questo scherzetto.

      Se non hai ancora capito che Ghirardi e Leonardi avevano cercato di tutto per evitare il fallimento e non per trovare qualcuno che fallisse al posto loro, sei molto lontano…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Giugno 2015 in 11:16
    Permalink

    Premesso che io come il Direttore non tifo nessuno, ma volevo solo dare un mio chiarimento su questioni meramente operative. Anche perchè siccome è scontato che chi partecipa abbia tutti i requisiti e superato fior di controlli, chi offrirà di più vincerà. Molto semplice. Mi permetto solo di aggiungere che a differenza di DASTRASO, nel caso attuale è obbligatorio dichiarare ovviamente al Tribunale la provenienza dei capitali, etc. Quindi il problema capitali “grigi” non si pone. Così come gli eventualis e maic i fossero “fiducianti”.Ci mancherebbe altro.
    Tifare è stupido e tipico di UPI.Se ci saranno due offerte e una sarà più alta di almeno il 20% questa sarà vincitrice, viceversa via ai supplementari.

    Saluti e complimenti Direttore

  • 8 Giugno 2015 in 11:22
    Permalink

    Credo che sia lo stesso studio di avvocati che si stà occupando della vendita del Milan.
    Direttore è sicuro che il fondo TAV non abbia cambiato fantino in corsa?

  • 8 Giugno 2015 in 11:35
    Permalink

    Capisco chi apre a tutte le possibilità, comprese quella di rivedere società acquirenti in stile Mapi o Destraso. In effetti in Italia c’è da aspettarsi di tutto! Tuttavia, ora il venditore non è più il cicciobombolo di prima! Dal tribunale ci si aspetta un minimo di serietà in più e maggior scrupolo nella scelta del compratore (ammesso che se ne trovi uno)!
    Gli interessati di cui si vocifera sono persone note in città e se le voci ricorrenti fossero fondate, saremmo su un altro piano rispetto a proprietà di tragattini Albanesi o da manicomio!

  • 8 Giugno 2015 in 11:35
    Permalink

    Domani in un modo o nell’altro sarà il giorno della verità quindi fare congetture o parallelismi ora non ha tanto senso. Chi farà sul serio si vedrà domani. Svio invece un attimo il discorso facendo una parentesi sulla Juve di sabato sera visto che la sconfitta è ancora attuale. Non sono uscito quella sera e ho totalmente snobbato la partita, ero in casa tranquillo visto che in giro c’erano megaschermi su tutte le piazze e gente riunita come un’unica patetica anima a fare grigliate in trepidazione. Robe che a me fanno un pò cascare gli attributi. Me ne stavo tranquillo in bagno, quando ho cominciato a sentire le prime macchine passare fuori in strada. Lì ho capito che la partita era finita, ma una cosa ho subito notato: l’assenza di stombazzamenti. E lì ho capito come era finita, e ho provato un certo godimento. Sì, una sensazione gustosa. Ho immaginato tutti riuniti nelle piazze con il pezzo di salsiccia masticata davanti sul piatto di plastica, tutti muti, e ho goduto. Solo per un motivo: personalmente tutti gli juventini che ho conosciuto avevano almeno una di queste caratteristiche: o sono arroganti, o stupidi, o coglioni, o pirla, o sapientoni. Nel peggiore dei casi, queste caratteristiche ce le hanno tutte.
    Quindi verso le 23:30 sono anche uscito a prendermi un mango dal frigo fuori e ho visto in cielo una strana cosa: tre grosse luci arancioni vivide disposte a triangolo. Ho pensato: “Mamma mia, ma che cazzo é?” Visto che non avevo le lenti a contatto, sono entrato a prendere gli occhiali per vedere meglio, visto che a sgobbare sui libri ho perso un pelo di vista, ma quando sono uscito una luce era già sparita, un’altra era scesa e un’altra piano piano si è spenta e ho capito che probabilmente erano lanterne cinesi mandate in aria da qualche interista per festeggiare codesta amara sconfitta. Probabilmente perché i fuochi d’artificio costano troppo, e quindi sono rientrato tranquillo a mangiarmi il mango.
    Adesso vediamo cosa succederà domani. Con un altro nick qui, avevo già scritto, e forse MAK se lo ricorda, che il debito sarebbe sceso a 22 milioni e che con le altre tasse il costo complessivo della società si sarebbe aggirato sui 40 milioni di euro. La mia previsione, che era già ottimistica, si è rivelata nella realtà ancora migliore, quindi domani succederà sicuramente qualcosa di positivo. Come ho già scritto, sarà B.

  • 8 Giugno 2015 in 11:38
    Permalink

    Non vedo tanti parallelismi con Mapi-man. Lui improvviso` alla grande, mentre qui e` tutto ben studiato.

  • 8 Giugno 2015 in 11:39
    Permalink

    Ciao Majo ai curatori e giudice non frega niente del parma se no avrebbero fatto trattativa privata prezzo ribassato e il parma andava sicuro a Corrado invece con l asta guadagnano di piú e il Parma andrà a Piazza che ha piú soldi da metter fuori ma poi se be fregherá del Parma ci metterá il minimo indispensabile e poi fallisce ancora!! L UPI É UNO SCHIFO!!!!

  • 8 Giugno 2015 in 11:44
    Permalink

    ciao Gabriele ho sentito che c’è uno dei beni di lusso con partner mediorientali tu che ne pensi e ha detto che il parma con lui torna in a in 3 anni, a sto punto meglio che non si presenti secondo me.

    • 8 Giugno 2015 in 20:18
      Permalink

      E’ l’ipotesi della meli della quale non ho scelto di parlare, in par condicio con Nuccilli, Scaccia, Proto, etc etc

  • 8 Giugno 2015 in 12:14
    Permalink

    Non può essere un arma a doppio taglio il fatto che dietro a corrado ci sia tavecchio?non è che dopo Ci troviamo ad essere troppo in debito verso la figc?non si se mi sono spiegato..

  • 8 Giugno 2015 in 12:25
    Permalink

    Direttore e della cordata di meli che ne pensa?è riuscito ad avere qualche notizia?centra per caso con la cordata che si era interessata a novembre?

    • 8 Giugno 2015 in 20:08
      Permalink

      No comment. Meli, come scrivevo iersera, per me è alla stregua di Nucilli, Proto, Scaccia, etc etc

  • 8 Giugno 2015 in 13:02
    Permalink

    Ma Pizzarotti è stato invitato negli states per lavoro,dove dovrebbe studiare per migliorare le politiche cittadine, che non ci sia di mezzo anche il Parma calcio???

  • 8 Giugno 2015 in 13:12
    Permalink

    Dato per assodato che capitale sociale esiguo (minimo), capitale versato (minimo) e società inattiva non significano una mazza vi metto a conoscenza del fatto che lo studio legale è lo stesso al quale Mr. Bee ha conferito l’incarico per le trattative col Berlusca per la cessione di una quota del Milan.

  • 8 Giugno 2015 in 13:22
    Permalink

    Più che altro è il Sig. Gerali che deve ricevere garanzie inattaccabili da chi gli ha conferito l’incarico. Lui deve partecipare ad un’asta e impegnare la società per dei pagamenti piuttosto elevati e puntuali. Per quanto riguarda un commento precedente se un americano viene in Italia è sufficiente che si presenti all’agenzia delle entrate e con il passaporto gli danno subito il codice fiscale. Con il codice fiscale va dal notaio e costituisce la società.

  • 8 Giugno 2015 in 13:32
    Permalink

    Direttore, vorrei chiederla cosa ne pensa circa la possibilità che anche domani l’asta andrà deserta? Crede che in questo caso sarebbe davvero finita per il parma in B?

    E se il giorno 10, qualcuno si presentasse in tribunale con una offerta che tenesse conto del debito sportivo, ma a condizioni negoziabili attraverso trattativa privata?

    Verrebbe rigettata decretando il fallimento del titolo sportivo?

    La mia è solamente una ipotesi, e ovviamente mi auguro che tutto si risolva positivamente domani mattina.

    Saluti

    • 8 Giugno 2015 in 20:06
      Permalink

      Stando a quanto sostenuto dai curastars quella di domani è l’ultima fermata. Ma mai dire mai

  • 8 Giugno 2015 in 13:36
    Permalink

    Gabriele una domanda da tifoso,ammettendo che chi giudica abbia più offerte, varrà di più l’offerta al Tribunale o il progetto che sta dietro?
    Ti faccio un’esempio Corrado offre di più, ma Piazza avrebbe potenzialità superiori per voglia d’investire etc…può essere che vince Corrado oppure il giudice valuta solo chi sgancia subito la pila?

  • 8 Giugno 2015 in 13:47
    Permalink

    Bravo strada l’ unico che ragiona Mike piazza e gerali sono persone serie e di sport io faccio il tifo per loro

  • 8 Giugno 2015 in 13:51
    Permalink

    Cercare a tutti i costi parallelismi mi pare una perdita di tempo e di energie …………. Domani vediamo, piuttosto a che ora inizia ?

    • 8 Giugno 2015 in 15:39
      Permalink

      Ore 12
      Sono perdite di energie che è giusto che i giornali on line o stampati spendano…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 8 Giugno 2015 in 14:08
    Permalink

    Direttore Parma Today scrive che la pista corrado si è raffreddata. Non sara che domani ci troviamo come al solito solo i cronisti dallo studio almansi???

    • 8 Giugno 2015 in 14:34
      Permalink

      Io vi dico che Corrado è sempre in tiro. Ancora di più avendo palesemente tutti contro…
      A parte che avere il favore degli stessi che andarono a cena e legittimarono taci… (Per tacere dello spudorato e acritico aiuto a Ghirardi salvo sparargli merda dopo replicando la stessa condotta di dieci anni prima con calisto…)

      • 8 Giugno 2015 in 14:41
        Permalink

        Bella roba l’Upi e Molossi. Se non ci fossero schiere di pensionati rincoglioniti sarebbero già finiti. Mi scuso per il linguaggio ma sono proprio indignato.

      • 8 Giugno 2015 in 15:48
        Permalink

        Potresti pure contattarlo pero’…(scommetto che ci hai gia’ provato..), potresti pure contattare lo sborone in Florida, ma li immagino vi siano problemi di natura tecnica e connessione…
        In ogni caso non mi hai risposto su Gibo Gerali….

        • 8 Giugno 2015 in 16:14
          Permalink

          Nn ho visto la domanda sorry. Scusate ma oggi è una giornata campale quindi nn sono solertissimo nello spazio commenti

          • 8 Giugno 2015 in 18:00
            Permalink

            Giornata campale quella di oggi? Cosa bolle in pentola?

      • 8 Giugno 2015 in 15:49
        Permalink

        speriamo che non si afflosci sul più bello

  • 8 Giugno 2015 in 14:12
    Permalink

    Direttore una domanda (stupida…)

    tecnicamente oggi potrebbero già essere pervenute offerte?

    • 8 Giugno 2015 in 20:16
      Permalink

      sì, saremo in onda sicuramente stasera, domani (martedì) e giovedì sempre alle 21.

      Non escludo una straordinaria mercoledì, sempre alle 21, qualora si andasse ai tiri dal dischetto…

  • 8 Giugno 2015 in 14:45
    Permalink

    Gentile Direttore,
    Altra domanda stupida : i requisiti delle offerte vengono validati e verificati al momento della presentazione delle stesse o successivamente ? In altre parole, è possibile che una eventuale offerta sulla base del quale venisse domani ceduto il Parma ad uno dei soggetti interessati possa in un secondo momento risultare invalida per mancanza di requisiti e/o relativa copertura economica ?

    • 8 Giugno 2015 in 20:04
      Permalink

      Credo che ogni tipo di verifica sui soggetti presentanti e ammessi nella data room virtuale siano già stati fatti

  • 8 Giugno 2015 in 14:53
    Permalink

    mmm questa storia mi puzza.. majo ci metta il naso!

  • 8 Giugno 2015 in 15:10
    Permalink

    secondo me chiunque riesca ad acquistare il Parma dovrebbe ripartire da Francesco Palmieri!!! che ne pensi direttore?

    • 8 Giugno 2015 in 20:03
      Permalink

      Che è decisamente più facile che accada se acquisteranno gli yankee del suo amico Franzone.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Giugno 2015 in 15:10
    Permalink

    Corrado è sempre in tiro?
    Che pastiglie prende Direttore?

      • 9 Giugno 2015 in 00:52
        Permalink

        E LA ROSY COSA DICE ?

  • 8 Giugno 2015 in 15:24
    Permalink

    in che senso?

  • 8 Giugno 2015 in 15:34
    Permalink

    #CorradoForPresident
    Lasciamo la GdP a scrivere dei ladri acrobati e dei migliori tortelli della città. La vera informazione non é li!
    Majo ti voglio addetto stampa del nuovo Parma!

    Ps. Spero che domani il Bologna vada in serie A, perché la serie B è già troppo affollata di squadre che puntano alla promozione…o sbaglio!?!

    • 8 Giugno 2015 in 16:16
      Permalink

      E poi chi fa il cane da guardia e l’opera di divulgazione? Cmq grazie per il pensiero. Anche perché ne avrei bisogno…

      • 8 Giugno 2015 in 18:20
        Permalink

        Majo per la B, visto che Boni ha già il posto prenotato per la D 😉

  • 8 Giugno 2015 in 15:53
    Permalink

    ma il fondo di tavecchio puzza di combine di calcio malato e corroto come blatter non mi fa’ una bella impressione meglio gli americani

    GO MIKE GO

  • 8 Giugno 2015 in 15:57
    Permalink

    YOU’LL NEWER WALK ALONE

    PARMA FC SUPPORTERS

    • 9 Giugno 2015 in 01:01
      Permalink

      Ecco ci vorrebbe questa canzone cantata dai boys con allegata bella coreografia. Io l’ho vista in diretta a Liverpool: da accaponare la pelle

  • 8 Giugno 2015 in 15:58
    Permalink

    SRY NEVER MY BAD ENGLISH

  • 8 Giugno 2015 in 15:59
    Permalink

    MIKE PIAZZA HOME RUN

    SAVE PARMA

  • 8 Giugno 2015 in 16:05
    Permalink

    Se dicessi che qualcuno in Italia assomiglia a una. SCROFA senza fare nomi, me lo può far dire o è uma parola il nome di quell’animale che merda cazzo e figa che anche lei spesso dice sono parole a confronto di SCROFA da educande?. Io ci provo–=————————————————————-In ITALIA c’è qualcuno che assomiglia a una SCROFA.

  • 8 Giugno 2015 in 16:08
    Permalink

    La stessa testata ha pubblicato l’elenco dei creditori che hanno rinunciato e quelli che non sono stati ammessi. Belfodil non aveva rinunciato a tutto? Anche Munari avevo capito che si fosse accordato.. per il resto nessuna grossa sorpresa, a Okaka andrebbero 150 mila pedate nel sedere

  • 8 Giugno 2015 in 16:31
    Permalink

    Direttore nessuna news? Nessuno scoop della vigilia? Che ansia ragas….dai dissidenti nessuna novità?

  • 8 Giugno 2015 in 16:42
    Permalink

    In effetti se lei tornasse a fare l’addetto stampa questo blog diverrebbe un possibile conflitto di interessi… però beh uno stipendio lo merita ben anche lei!

  • 8 Giugno 2015 in 16:44
    Permalink

    Direttore capiamo la giornata campale…ma aggiorni un po’ anche noi…

  • 8 Giugno 2015 in 16:54
    Permalink

    Direttore è rimasto solo Lei a confermare le intenzioni di Corrado, anche parmafanzine parla di grossa frenata, dovuta all’incertezza dei debiti…..

    • 8 Giugno 2015 in 19:58
      Permalink

      Ne ho poi parlato nell’articolo che poi ho pubblicato. Diciamo che pur partendo dalla stessa base di partenza di Fabris, giungo a conclusioni differenti

  • 8 Giugno 2015 in 17:49
    Permalink

    Scrivo dagli Stati Uniti, può verificarlo dal mio ip,
    Sono vicina allo studio legale di Piazza in quanto legata affettivamente ad una persona in quegli uffici.
    E’ brutto per me vedere quante illusioni vi mettono davanti agli occhi allora vi spiego quello che so.
    La società fondata il 4 giugno è destinata alla serie D e non alla serie B.
    Piazza è molto ricco ma per investire tutti quei soldi necessari alla serie B ci vuole un indistriale di altissimo livello,
    La società è stata formata per due possibilità che sono: se l’asta va deserta si chiederà formalmente una trattativa privata per farsi azzerare il debito ed avere il centro sportivo di collecchio ad un milione, in totale Piazza vorrebbe avere il marchio Parma, le sue strutture ed il parco giocatori ad un massimo di 4-5 milioni,
    se questo non sarà possibile si proverà per la serie D ed un investimento di 5-6 milioni in 3 anni per cercare di fare una squadra competitiva per la Lega Pro e poi trovare ulteriori investitori per tentare la scalata in serie B.
    Piazza è rimasto silenzioso e questo ha dato spazio a speculazioni ma se ben guardate le cose Mike Piazza è un grandissimo personaggio ma è paragonabile ad un grandissimo ex giocatore di calcio non ad una persona che ha decine di milioni disponibili o da rischiare facendosi fare prestiti dalle banche.
    Il fatto che si sia dato tanto valore alla società creata il 4 giugno è dannoso per i tifosi che si illudono, Piazza ed altre persone hanno già speso una qualche decina di migliaia di Euro per venire in Italia, fare la due diligence eccetera, aprire quell’azienda è stato fatto per essere pronti in caso ci fossero le due possibilità che ho scritto sopra.
    Comunque io spero per voi che domani si presenti qualcuno a fare un’offerta anche se da quello che ho sentito io tutti gli altri hanno la stessa idea di non presentare l’offerta perchè il valore dell’oggetto d’asta è ritenuto inferiore alla base reale che è di fatto inclusiva di regressi con il fisco e con i tesserati o ex tesserati.

    • 8 Giugno 2015 in 19:56
      Permalink

      Grazie della segnalazione, però personale vicino e dentro la cordata di Piazza non mi ha affatto parlato di ipotesi serie D. Del resto un ex campione internazionale che sta già riaccendo le attenzioni sul club, non avrebbe senso intervenire per la D. Né credo potrà ottenere di ridiscutere più al ribasso di così il debito. Quindi prendo atto della sua segnalazione, ma la colgo con estremo beneficio d’inventario.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 8 Giugno 2015 in 22:00
      Permalink

      Andiamo bene….sempre piu’ figo il Piazza….sempre piu’ figo…

  • 8 Giugno 2015 in 20:11
    Permalink

    Majo..te la devo svelare..domani ci sarà solo corrado! È due settimane cge è tutto apparecchiato e predisposto!

    • 8 Giugno 2015 in 20:25
      Permalink

      Era forse tutto apparecchiato e predisposto: ma il nuovo arrivato Piazza ha sparigliato molte carte…

  • 8 Giugno 2015 in 20:22
    Permalink

    Ne è la conferma del silenzio della lega e altri apparecchiatori vari..in due settimane di silenzio sono tutti sereni xche corrado a sottoscritto le garanzie!..tavecchio verrà rinfrancato e purtroppo ringraziato dalle autorità. .ma attenzione non da noi di parma!

  • 8 Giugno 2015 in 20:35
    Permalink

    Non ha dato le garanzie sulla continuità! Lo hanno accettato inixialmente ..poi l’hanno battezzato come una meteora quindi non conforme! ..corrado darà continuità programmatica nel tempo..e attenzione che è già appatecchiato tutto x donadoni premiato dall’anno trascorso in cui è stata apprezzata la tenacia, serietà e il tenere botta contro tutti!

  • 8 Giugno 2015 in 21:11
    Permalink

    Caro Direttore,
    Pensa si possa entrare in tribunale per apertura buste (se presenti)?
    Cordialmente,
    Davide71

    • 8 Giugno 2015 in 21:15
      Permalink

      No, anche perché apertura buste, a porte chiuse, sarà nello studio del notaio Almansi.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 8 Giugno 2015 in 21:27
    Permalink

    Ma io dico, non è mica poi tanto vero che il capitale sociale di una società conti così poco. Il capitale è la dotazione che i soci assicurano alla società e dovrebbe essere assai importante per la verifica dei famosi requisiti. Io se fossi sul punto di spendere decine di milioni fisserei il capitale in, appunto, qualche milone. Se poi l’operazione non andasse in porto liquiderei la società e mi riportei a casa il vincolo. Cavolo, questi ci mettono 10.000 euro, diconsi diecimla, e ne versano 2.500: etor che pioció chilor! Forse non sanno che da qualche anno si puó costituire una società a respinsabilità limitata con capitale di un solo euro, qualcuno avrebbe dovuto dirglielo, da fer riscer desmila euro!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI