UFFICIALE: ALLE 14 DI LUNEDI’ 22 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE VALIDE PER L’ACQUISTO DELL’AZIENDA SPORTIVA PARMA FC

image(COMUNICATO STAMPA) – I curatori fallimentari del Parma FC S.p.A., dott. Angelo Anedda e dott. Alberto Guiotto comunicano che il termine ultimo per la presentazione di offerte valide all’acquisto dell’azienda sportiva è fissato per le ore 14.00 di lunedì 22 giugno p.v.. Nel pomeriggio della stessa giornata i curatori si incontreranno con il Comitato dei Creditori e con il Giudice Delegato dott. Pietro Rogato al fine di prendere ogni opportuna decisione in merito al futuro della squadra crociata.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

117 pensieri riguardo “UFFICIALE: ALLE 14 DI LUNEDI’ 22 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE VALIDE PER L’ACQUISTO DELL’AZIENDA SPORTIVA PARMA FC

  • 20 Giugno 2015 in 16:56
    Permalink

    Tutto qua?….gia’ lo si sapeva da mo’….

    • 20 Giugno 2015 in 18:56
      Permalink

      E allora che cazzo lo leggi a fare sfigato?

  • 20 Giugno 2015 in 17:01
    Permalink

    Arriveranno le offerte?

  • 20 Giugno 2015 in 17:04
    Permalink

    Direttore, se nessuno dei due contendenti presentasse un’offerta “valida”, prevede si chiudano definitivamente i giochi oppure potrebbe essere concessa una ulteriore proroga di qualche giorno?… Anche solo, magari, per avere qualche riscontro di supporto dalla Federazione il cui silenzio di questi giorni mi sembra assordante!

    • 20 Giugno 2015 in 17:08
      Permalink

      La federazione non può aggiungere altro,. e credo che ai contendenti debba bastare quanto già fatto dai curastars e da rogato. Quindi poniamo fine alla fola dell’oca, che come diceva mia nonna lè bela se l’è poca…

      Fuori di metafora: big ben ha detto stop.

      Come ipotizzavo anche prima, però, potrebbe esserci una prosecuzione tecnica dell’esercizio provvisorio per consentire di salvare la comproprietà di Defrel.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 20 Giugno 2015 in 17:18
        Permalink

        O almeno dar fastidio a Lugaresi 🙂

      • 20 Giugno 2015 in 17:31
        Permalink

        Credo che Corrado e Piazza non potessero sperare di più conoscendo la situazione da tempo. Quindi se non presentassero l’offerta ora mi chiederei cosa sono venuti a fare e mi sorprenderebbe molto. Vedremo. Mi unisco a vigilare su Lugaresi. Grazie e complimenti i continui aggiornamenti, gli unici attendibili insieme a parmafanzine.

  • 20 Giugno 2015 in 17:14
    Permalink

    Sulla gazzetta dello sport ho letto un certo pessimismo sul salvataggio della società lei che elementi ha per dir il contrario

    • 20 Giugno 2015 in 17:51
      Permalink

      Io non dico il contrario perché sono stato il primo, assieme al mercatologo, a palesare certe criticità, ma le notozie e i commenti, specie su un giornale così qualificato, dovrebbero essere esposte con la dovuta attenzione, precisione, cura, onestà etc etc
      Cordialmente
      Gmajo

    • 20 Giugno 2015 in 19:55
      Permalink

      Se l’articolo e’ dettato da Schianchi….beh finora ha detto tutto e il contrario di tutto.
      Al di la’ della vicenda Parma se trovi un articolo a sua firma…soprassiedi e’ meglio

    • 20 Giugno 2015 in 22:23
      Permalink

      Aveva anche visto le fatture pagate ai fornitori

  • 20 Giugno 2015 in 17:16
    Permalink

    Direttore..penso.anche io.che più si.così..tavecchio.ha detto tt..quello è il.debito noi chi siamo x.dire altro?.. A questo.punto se veramente vogliono.il parma cacciano.i soldi.oppure si levano.dai.coglioni…per.i.contratti.in.essere..penso.sua un falso.problema..appena hai la.squadra.inizia a manovrare..cosa ne pensa?

    • 20 Giugno 2015 in 17:19
      Permalink

      Che per noi è tutto semplice ma per chi deve cacciare i soldi è un po’ più complicato, checché ne pensi davide per cui tutti sono piocioni, ma che si è ben guardato dall’offrire un biadino per la prosecuzione di stadiotardini.it

  • 20 Giugno 2015 in 17:17
    Permalink

    Direttore ma senza dichiarazione scritta da parte di tavecchio..le 2 cordate non presenteranno offerte..giusto?saluti

    • 20 Giugno 2015 in 17:58
      Permalink

      Diciamo che ci han provato. Ora i giochi son fatti e bando ai tatticismi, le condizioni di acquisto ora sono chiare inclusi i rischi. Per cui poche balle…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 20 Giugno 2015 in 17:20
    Permalink

    Eh sì, sono d’accordo con lei Direttore, sarebbe davvero opportuno far proseguire l’esercizio provvisorio per almeno salvare le comproprietà, soprattutto quella di Defrel!
    Ma, dalla definizione delle comproprietà, si riuscirà a racimolare un po’ di quattrini?
    Grazie della cortese risposta che vorrà darmi.

  • 20 Giugno 2015 in 17:26
    Permalink

    Solo un pazzo può tirare fuori tutti quei soldi per una squadra di B. Siamo realisti! Chi lo farebbe?

    • 20 Giugno 2015 in 18:59
      Permalink

      Appunto quindi circolare, qui non c’è più niente da scrivere per i menagrami, circolare, circolare.

  • 20 Giugno 2015 in 17:31
    Permalink

    Davide le tant furob che co i so sold al se fa fer la tersa categoria,andema a san prospor dal barber…(col ed guiotto)

  • 20 Giugno 2015 in 17:39
    Permalink

    Buongiorno direttore,
    a mio modo di vedere le cose lunedi non arriverà nessuna offerta e i giochi saranno chiusi. La nostra gloriosa società è stata fatta morire dalla vecchia gestione..per usare una metafora botanica il nostro parma è una pianta secca, marcia..alla quale adesso si tenta di potarla dai rami secchi ma resta comunque marcia..la pianta andava innaffiata e curata a suo tempo adesso ormai è tardi. quale imprenditore che si rispetti puo’ acquisire una situazione del genere dove gran parte dei creditori impugneranno la legge e si rivolgeranno alla Fifa ove ne ritengano opportuno?? pioveranno cause su cause e diventeremo sempre di piu’ antipatici al sistema. la nostra fine naturale è ripartire dalla D..azzerare tutto e ricostruire..dispiace solo per i dipendenti che non solo hanno dovuto firmare delle rinunce per cercare di salvare la nostra squadra ma adesso non prenderanno piu’ nemmeno un euro e saranno tutti in mezzo a una strada. Io la penso cosi. Cordiali saluti. Marco

    • 20 Giugno 2015 in 17:51
      Permalink

      no ma io la pretendo la B (cit)

      la pretendo in nome dell’amore che ho (cit raf)

      you take myself you take myself control

  • 20 Giugno 2015 in 17:47
    Permalink

    Io invece credo che tutto questo non sia stato fatto per niente.Lunedi vedremo.Saluti direttore.

  • 20 Giugno 2015 in 17:51
    Permalink

    Direttore rimane sul 50/50???

  • 20 Giugno 2015 in 17:58
    Permalink

    LUNEDI arirvera se sono veramente interessati un offerta
    non superiore ai 900.000,00 , quelli della cauzione.
    Non sono dei piti……..
    Del resto i curatori accetterebbero , meglio che 0 euro……
    CHE NE PENSA DIRETTORE?

    • 20 Giugno 2015 in 18:00
      Permalink

      Non credo che il problema verta sul costo dell’azienda sportiva

    • 20 Giugno 2015 in 18:11
      Permalink

      Cosi’ stando le cose codesti signori si rimetterebbero in men che non si dica i loro 900k in tasca, saluti strette di mano e auguri a tutti.
      Fine della storia.

  • 20 Giugno 2015 in 17:59
    Permalink

    Calma prima della tempesta?

    • 20 Giugno 2015 in 18:34
      Permalink

      Calma e basta…

  • 20 Giugno 2015 in 18:02
    Permalink

    Qui Nelson pessimismo generale si sta dimenticando che Corrado even Piazza ben conoscevano la situazione sin dall inizio perche nella data room hanno potuto esaminare il tutto. Certo si stanno riducendo all ultimo ma per evitare una gara al rialzo questa strategia e dobbligo. Poi non so se avete seguito calcio e calcio quando Colonna ha spiegato che l affare parma non e poi tanto male considerato il paracadute e la cessione dei giocatori di
    Valore. L acquisto sarebbe a zero tra una cosa e laltra poi un altro discorso sono Le spese future ma esistono le cessioni.

    • 20 Giugno 2015 in 18:05
      Permalink

      Con tutto il rispetto per loredano un affare è un’altra cosa e circa gli aggiornamenti in data room diciamo che non sono stati proprio minuto per minuto…

  • 20 Giugno 2015 in 18:10
    Permalink

    c’era la fila…eran cinquemila…e ti gridavano che…

  • 20 Giugno 2015 in 18:14
    Permalink

    Ma io mi chiedo…debiti con società estere per giocatori come bojinov o belfodil…ok..ghirardi non saldò…ma la stessa azienda..in realtà…non vanterebbe per esempio sugli stessi dei crediti?

    Mi spiego più in generale…ho abbastanza la convinzione che il metodo dei pagherò (mai) non fosse usato solo da ghirardi…ma anche nei confronti dello stesso…di conseguenza la mia domanda è..perché eventuali debiti dovrebbero cadere sulla nuova proprietà ma gli eventuali crediti no? Forse ho detto una cavolata…ma di quel credito con l’Inter?

    • 20 Giugno 2015 in 18:57
      Permalink

      mi stavo facendo la stessa domanda…

    • 20 Giugno 2015 in 19:59
      Permalink

      Un esperto sui pagherò’ Esteri e’ Preziosi…bisognerebbe chiedere a lui

      • 20 Giugno 2015 in 20:47
        Permalink

        Chissà perché sta vendendo pure le panchine..ad ogni modo più furbo e lecito del ciccio bello…

        • 20 Giugno 2015 in 22:28
          Permalink

          Lecito mica tanto, è l unico che s è fatto beccare con la valigetta dei soldi

  • 20 Giugno 2015 in 18:15
    Permalink

    comincio a pensare che il parma valesse davvero un euro

    Manenti guarda televideo ! ah no non ci siamo piu’

  • 20 Giugno 2015 in 18:17
    Permalink

    SE NESSUNO FA OFFERTE COSA SUCCEDE

    • 20 Giugno 2015 in 19:11
      Permalink

      prorogano l’esercizio provvisorio provvisoriamente,l’incenso serve a coprire la puzza di cadavere in decomposizione

  • 20 Giugno 2015 in 18:21
    Permalink

    Il prezzo x l’offerta è libero o si parte dall ultima base d asta?

  • 20 Giugno 2015 in 18:23
    Permalink

    Ghirardello fa le ….. ia ia o, le fa bene ne fa molte ia ia o, ghirardello…. dello ghi-rar-dello fa le ….. ….. fa le ……

    • 20 Giugno 2015 in 18:55
      Permalink

      cosa hanno fatto oggi i giovani a chianciano ?

      chianciano guarda caso ci si cura il fidog

      • 20 Giugno 2015 in 19:00
        Permalink

        All’intervallo 0~0 coi pagliuca ghirardello boys

        • 20 Giugno 2015 in 19:06
          Permalink

          bravo ti voglio cosi’ preciso e puntuale anche quando radiocronecheremo da Lentigione

          che e’ come andare al guaran in ciao

          ciao

      • 20 Giugno 2015 in 19:49
        Permalink

        Vinto 2 a 0

        • 20 Giugno 2015 in 20:36
          Permalink

          cardone gilardino

          • 20 Giugno 2015 in 20:41
            Permalink

            Pagluica era appoggiato al palo e piangeva ?

  • 20 Giugno 2015 in 18:33
    Permalink

    Allora, ormai siamo agli sgoccioli, per fortuna non si sentono quasi più (quasi) i piagnistei di chi dice che “non ci comprano” (“ci” a chi?) o “non vogliono bene al Parma”. Subentra la consapevolezza che i soldi non sono quelli del monopoli e che non esiste il volontariato calcistico. Tutto è mirato ad un interesse (cit. Max Weber), anche i comportamenti nella vita di tutti noi lettori, ben attenti a sconti, offerte, riduzioni, tassi d’interesse. Le cordate, se acquisteranno, tenendo conto dello stato del Parma, lo faranno solo per pagare il gioco meno di quanto potrebbe valere, come facciamo noi cittadini comuni alle aste giudiziarie. Il loro guadagno sta lì, se c’è, se lo intravedono. Sarebbe una disgrazia dal significato sinistro se per queste cordate fosse indifferente spendere 5 milioni (diconsi 5) in più o in meno, altro che piocioneria. Il mondo va così, è sempre andato così, Peter Pan é una favola. Non so se il Parma ci salterà fuori, in ogni caso si sono esperiti tutti i tentativi senza fare i piccoli ragionieri, pavidi e indifferenti. I giudice e curatori, ne sono sicuro, non lasceranno nulla di intentato per perseguire le responsabilità di questa dissennata gestione che ha portato la squadra e tutto il sistema calcio parmigiano al default. Ed é inutile dire che la cittá non merita questa fine, che la societá è storica e gloriosa, non serve a nulla, a zero.

    • 20 Giugno 2015 in 18:58
      Permalink

      Hai ragione su quello che hai scritto. Però secondo me non potevano realisticamente pensare che intervenissero anche sui debiti futuri. Credo che vista la situazione disastrosa le migliori condizioni ottenibili siano queste. Io almeno la penso così.

    • 20 Giugno 2015 in 19:27
      Permalink

      Applausi per te, soltanto per aver citato Max Weber

    • 20 Giugno 2015 in 20:01
      Permalink

      Veramente per decenni i presidenti hanno comprato le squadre sapendo benissimo che ci avrebbero perso. Diciamo che sono cambiati i tempi, non che è stato sempre così.

  • 20 Giugno 2015 in 18:44
    Permalink

    Mi sa’ tanto che hanno staccato la spina….
    ma i vari giocatori…..tutti in vacanza..?.

      • 20 Giugno 2015 in 18:56
        Permalink

        Si, ma magari in questo momento…con la ditta messa a sta’ maniera un altro tipo di atteggiamento,di vicinanza sarebbe risultato gradito non credi?….
        A questi gli fotte solamente trovar qualcosa di buono da fare(altrove…) fra un mese…e basta…
        Altroche’…

        • 20 Giugno 2015 in 19:09
          Permalink

          @Ghirardello: ma oltre ad aver giocato praticamente gratis, avrebbero dovuto anche saltar le ferie? Ma dai là, siate seri su!

        • 20 Giugno 2015 in 19:11
          Permalink

          Sei più ridicolo di Balanzone….secondo te dopo che hai rinunciato all’80% dei tuoi corrispettivi annuali,giocato un situazioni a dir poco ridicole hai voglia di stare a Parma ad aspettare il salvatore!?!?! Dai su non scherziamo…hanno fatto bene, era meglio che da novembre a marzo ci mettessero un po’ di “Garra” (carattere) questo glielo si può rinfacciare.

        • 20 Giugno 2015 in 19:50
          Permalink

          Invece i giocatori del Bologna sono attaccati alla maglia.

        • 20 Giugno 2015 in 20:19
          Permalink

          spero che se ne vadano al bologna

          venite giu’ come un piombo

  • 20 Giugno 2015 in 19:04
    Permalink

    Figa che dò bali at fe gnir col to moralisom da du bor (perbacco come stanchi col tuo moralismo demagogico da due euro )

  • 20 Giugno 2015 in 19:04
    Permalink

    Direttori provi ad indagare, sembrerebbe che dalla parti di Piazza stiano arrivando buone novelle, alla faccia dei gufacci.

    • 20 Giugno 2015 in 20:29
      Permalink

      Non mi pare che ci siano segnali confortanti…

      • 20 Giugno 2015 in 20:38
        Permalink

        Nemmeno dalla parte di Corrado???

      • 20 Giugno 2015 in 20:43
        Permalink

        Lunedì si stacca la spina?

      • 20 Giugno 2015 in 20:45
        Permalink

        Mi pare di capire che la conference call fra Piazza e collaboratori non abbia portato buone notizie per quello che è riuscito a captare, o mi sbaglio ( e spero di si) ?

  • 20 Giugno 2015 in 19:25
    Permalink

    Ti vuoi rendere conto, o Ghirastar, che la societá è stratificata secondo fortuna? Che farebbero i giocatori tra i piedi mentre si sta (spero) trattando il futuro della societá? Ti immagini se tutti i cento o più giocatori stazionassero davanti allo studio di Guiotto? Te ne devi fare una ragione, i giocatori hanno delle auto che noi comuni mortali (almeno io) sogniamo e sono in vacanza con delle fighe da capottare. Se io e te avessimo avuto i piedi di Pirlo -ad esempio- saremmo nelle stesse loro condizioni. I tifosi mica vanno a vedere (o pagano Sky ) uno che salda o che distribuisce la posta. Panem et circensis, da sempre. Meglio che sia un calciatore a godere (almeno ci dà lo spettacolo) piuttosto che centinaia di ex deputati o funzionari di stato del tutto inutili, senza nessuna dote, senza dare niente. Così ho demagocitato un po’ anch’io.

  • 20 Giugno 2015 in 19:37
    Permalink

    Non credo proprio che in regime di fallimento qualcuno possa presentare una busta per le compr.perche’ in caso di offerta piu’alta del Parma nessuno può garantire a chi perde il rimboro.Una eventuale futura cessione (Defrel) e’ pur sempre aleatoria sicuramente mai certa(rifiuto del giocatore,infortuni,possibilità di svincolo ecc.)

  • 20 Giugno 2015 in 19:52
    Permalink

    Direttore orsù, nessun contatto? Nessuna indiscrezione? Non ha sentito nessuno in questo due giorni? In rete non c è altri che terrorismo psicologico contro il Parma..

    • 20 Giugno 2015 in 20:25
      Permalink

      Io sto raccogliendo elementi, ma al momento non ho molto da dire

  • 20 Giugno 2015 in 19:55
    Permalink

    Disponibile a pagare per poter scrivere nel forum e x far proseguire stadio tardini.
    Mi a sum mia Dallara!

  • 20 Giugno 2015 in 19:57
    Permalink

    I servizi si pagano e questo è un grande servizio. 8

  • 20 Giugno 2015 in 19:58
    Permalink

    Ok in D, ma con chi? Ag vol di sold anca a fer la D!

  • 20 Giugno 2015 in 19:58
    Permalink

    E spero che si possa trovare il modo di proseguire.

  • 20 Giugno 2015 in 19:59
    Permalink

    Non mi dica che uno squillino a baraldi non l ha fatto perché non ci credo…

  • 20 Giugno 2015 in 20:01
    Permalink

    Perché la figc non ha certificato il debito del parma?
    Tavecchio boia

    • 20 Giugno 2015 in 20:22
      Permalink

      Perché era palese che non lo facesse o che non lo potesse fare…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 20 Giugno 2015 in 20:02
    Permalink

    Majo sentito Baraldi? News?

    • 20 Giugno 2015 in 20:17
      Permalink

      Sto facendo vari riscontri in molteplici direzioni

  • 20 Giugno 2015 in 20:02
    Permalink

    Bisognerebbe che gli amici talloni di Her Direktor si infiltreremo nelle cantine di Baraldi per origliare qualche mezza parola

    • 20 Giugno 2015 in 20:20
      Permalink

      Baraldi oggi era in giro in bici… Se anche fossero stati lì i miei talpèoni facevano solo fatica arrampicandosi con lui sugli irti colli…

      Oggi erano di scena Gerali e gli avvocati in conference call con lo yankee. E lì qualche talpone ce l’avevo…

      • 20 Giugno 2015 in 20:23
        Permalink

        Ottimo attendiamo notizie con la sua solita discrezione

  • 20 Giugno 2015 in 20:04
    Permalink

    Intanto i giovanissimi a Chianciano han piantatato due meloni nel deretano ghirardelliani.
    Ole’

  • 20 Giugno 2015 in 20:07
    Permalink

    Notizia a: avviso di garanzia della Procura della Repubblica di Forlì a Lugaresi che si era, guardamo’, scordato di pagare l’Iva della precedente gestione (2012).
    Mi ridono persino le natiche

    • 20 Giugno 2015 in 20:20
      Permalink

      e’ vecchia,comunque a me le chiappe ridevano stamattina 🙂

  • 20 Giugno 2015 in 20:10
    Permalink

    …direttore in questi mesi ho apprezzato il suo lavoro e seguito le vicende in silenzio….
    a sto’ giro mi tocca dare ragione a Ghirardello

  • 20 Giugno 2015 in 20:20
    Permalink

    Parliamoci chiaro senza prenderci in giro. Piazza e Corrado sapevano di questa situazione e secondo il mio punto di vista mai avrebbero sperato di avere queste condizioni favorevoli.Se a loro non va bene NON DOVEVA ANDAR BENE NEMMENO PRIMA. Non possono pretendere che una vecchietta di ottant’anni pur facendole un ritocco dietro l’altro con i migliori ritrovati della scienza ne esca invece di un’ottantenne una donna bella come la Rosy. Per il Parma era evidente che se uno lo voleva acquistare a un euro, non doveva neanche entrare in questa trattativa. Ci saremmo meno illusi ma dimenticavo………….bisognava farsi pubblicità.

  • 20 Giugno 2015 in 20:22
    Permalink

    Majo ma secondo lei sè una o delle due cordate dovesse rinunciare non farebbero un comunicato ufficiale entri lunedì? Oppure è possibile che nuovamente facciano si l offerta ma chiedendo ulteriori garanzie?

  • 20 Giugno 2015 in 20:26
    Permalink

    Salve Direttore, se il Parma dovesse essere rilevato dalla cordata Piazza che ruolo avrebbero Gerali, Franzone e Baraldi? Le decisioni tecniche le prenderebbe Baraldi o Franzone? Grazie

    • 20 Giugno 2015 in 20:30
      Permalink

      Una cosa per volta…

      Anche perché non è detto che l’organigramma sarà questo…

  • 20 Giugno 2015 in 20:32
    Permalink

    Anche io sono disposto a pagare x scrivere in questo sito. L unico sito in cui pagherei per scrivere perché è l unico serio capitanato da un giornalista con la g maiuscola ingiustamente bistrattato dai colleghi ladri di articoli.. Majo però se oggi aveva talponi ben piazzati ci anticipi qualcosa..qui si frigge! Ps: i complimenti di prima non erano un tensione di corruzione, ci tengo a precisarlo 🙂

  • 20 Giugno 2015 in 20:36
    Permalink

    Ok ma volevo sapere che ruolo ha baraldi perchè da miei rumors sonda dei ds da giorni e ld è un ruolo che dovrebbe competere a Franzone credo..Lei ne sa di più?

    • 20 Giugno 2015 in 22:11
      Permalink

      baraldi ha offerto la propria opera su richiesta personale di gerali.

      Ribadisco: per il futuro ci vuole calma e gesso. I ruoli verranno definiti se e quando piazza metterà le mani sul fardello. cmq i ruoli di franzone e baraldi sono ben dievrsi

  • 20 Giugno 2015 in 20:43
    Permalink

    è finita Direttore ??? 🙁 🙁

  • 20 Giugno 2015 in 20:45
    Permalink

    Direttore se il parma finirà in D 20min in mezzo alle tette della Rosy per ogni tifoso gialloblu’ come premio di consolazione e se sarà salvezza alzeremo l’asticella!!! Ahuahua

  • 20 Giugno 2015 in 20:56
    Permalink

    Una volta finiro il giro dell oca qualche giornalista ci fará la cortesia di farci sapere come ai possa aver farto un vuco di oktre 200 ml ?

  • 20 Giugno 2015 in 20:59
    Permalink

    Apolloni le ande’………..bel segnale

  • 20 Giugno 2015 in 21:03
    Permalink

    La sola cosa che non capisco è questa: chi è mesi che sta dietro all’affare cosa pensava di ottenere più di così? Realisticamente era impossibile anzi secondo me si è andate ben oltre. Quindi non capisco il tintognamento. Corrado sa vot anca la pensio ad Belle?

  • 20 Giugno 2015 in 21:06
    Permalink

    Majo in un commento ha scritto che dai suoi talponi oggi non sono arrivati segnali confortanti da piazza..ovvero? Sono fuori? Della cordata Corrado nessuno spiffero?

  • 20 Giugno 2015 in 21:13
    Permalink

    @direttore mayo: ci illumina sulle info contraddittorie dalla conference call?

  • 20 Giugno 2015 in 21:35
    Permalink

    Direttore se a meno di 36 ore dalla fine dei giochi i segnali non sono confortanti possiamo ancora crederci? Io temo di no…

    • 20 Giugno 2015 in 21:54
      Permalink

      Salve: siccome abbiamo altri Davide cerchi di aggiungere una iniziale dopo il suo nick.

      Io penso che la speranza sia sempre l’ultima a morire. Anche a 36 ore…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 20 Giugno 2015 in 22:18
    Permalink

    Direttore io non ho capito una cosa ma adesso i debiti fururi sono quelli conosciuti o nel corso degli anni aumentano puo darmi delucidazioni grazie e auguri in ritardo per i suoi 40 anni giornalismo

    • 20 Giugno 2015 in 22:32
      Permalink

      io la penso così:

      il debito sportivo sancito dal giudice delegato del tribunale di parma resterà di 22.6 milioni di euro.

      La Figc avallerà (come da accordi pregressi e non potendo oggettivamente mettersi contro una decisione del tribunale) la cifra per cui, per quanto riguarda l’iscrizione alla serie B non si metteranno di traverso

      Ma la FIGC è figlia di Uefa e Fifa, per cui ad essa deve soggiacere

      Dalla stagione 2015-16 per iscriversi alla serie A non bisogna avere debiti e/o contenziosi vs estero, per cui in caso di promozione (auspicabile non solo per motivi di carattere sportivo, ma soprattutto per un discorso di sostenibilità economica tra costi/ricavi) il Parma potrebbe avere problemi futuri, sicché andrà risolto prima il problema, ma ci sono 12 mesi davanti.

      Quando l’avvocato Del Vecchio parla di azienda zoppa un po’ fa terrorismo, un po’ ha ragione, anche se volendo il problema potrebbe essere di non difficile risoluzione mettendo mano al portafoglio, ma va da sé che, ancora una volta, spaiano i conti del budget preventivo.

      Ancor peggio la situazione per quanto concerne gli incentivati all’esodo che non a caso stanno facendo ostruzionismo. Molti la fanno facile dicendo che un buon direttore sportivo potrebbe risolvere il problema, ma il centinaio di calciatori sotto contratto non favorisce certo esercizi virtuosi.

      Il rischio di cause, infine, a mio avviso – trattandosi di debito sportivo – potrebbe andare a coinvolgere non solo la curatela, ma anche la newco. Per esempio gli stessi curatori hanno respinto le istanze per mancanza di data certa, senza però negare si trattasse di debito sportivo.

      Grazie per aver ricordato la mia longeva carriera giornalistica…

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI