UFFICIALE: ROGATO HA SANCITO CHE IL DEBITO SPORTIVO AMMONTA A 17,6 MILIONI DI EURO PIU’ 5 DI TASSE E CONTRIBUTI

image(COMUNICATO STAMPA) – Da pochi minuti, a seguito dell’ odierna udienza di verifica e a scioglimento della propria riserva, il Giudice Delegato dott. Pietro Rogato ha dichiarato esecutivo lo stato passivo relativo al debito sportivo rilevante ai fini dell’art. 52 delle Norme Organizzative Interne della FIGC (NOIF). L’importo complessivo dei crediti ammessi allo stato passivo ammonta ad euro 17,6 milioni, di cui 10,1 milioni privilegiati e 7,5 milioni chirografari. A tale importo andranno aggiunti ulteriori debiti per ritenute IRPEF non versate e contributi INPS per circa 5 milioni di euro, non insinuati allo stato passivo ma calcolati dai curatori fallimentari. Complessivamente, il debito rilevante ai fini dell’art. 52 NOIF è determinato, in base allo stato passivo reso esecutivo dal Giudice Delegato sulla base degli accertamenti dei curatori, in euro 22,6 milioni

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

315 pensieri riguardo “UFFICIALE: ROGATO HA SANCITO CHE IL DEBITO SPORTIVO AMMONTA A 17,6 MILIONI DI EURO PIU’ 5 DI TASSE E CONTRIBUTI

  • 19 Giugno 2015 in 17:50
    Permalink

    Come avevo previsto. Altro che “chi glielo fa fare a Rogato di mettere il timbro sulla cifra dei curatori?”, come diceva lei.

    • 19 Giugno 2015 in 17:58
      Permalink

      Bene, se ne sarà assunto ogni responsabilità a termini di legge. E resto dell’idea: chi glielo ha fatto fare… Comunque lui avrà senza dubbio il quadro preciso della situazione. Per me restano interpretazioni molto molto audaci.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 19 Giugno 2015 in 18:02
        Permalink

        E adesso di pure che se la prendano con il tribunale gli esclusi dal debito.
        mi vien da ridacchiare.
        Ad ogni modo direi che se Corrado e Piazza volevano garanzie scritte adesso le hanno dal tribunale.
        sta a loro comprare o meno ma non possono più dire che l’esborso è incerto

        • 19 Giugno 2015 in 18:04
          Permalink

          Ferma il tram. Adesso aspettiamo le modifiche noif…

      • 19 Giugno 2015 in 18:02
        Permalink

        dai Majo dagh un taj…. Non pensavo fossi esperto di diritto fallimentare, civile, economia, filosofia e tuttologia.
        Davide

      • 19 Giugno 2015 in 18:12
        Permalink

        Non capisco…per me era praticamente scontato che firmasse ma non sono esperta..e cmq non vuol dire che tutto sia finito qui…però mi chiedo cosa doveva fare rogato? proprio là dove lei dice chi glielo ha fatto fare?

        • 19 Giugno 2015 in 18:38
          Permalink

          Tra l’altro l’articolo dell’avvocato di ieri sosteneva proprio che Rogato non aveva discrezionalità

          • 19 Giugno 2015 in 19:48
            Permalink

            Non mi pare sia stato particolarmente discrezionale, in effetti, avendo ritoccato di 0.4

      • 19 Giugno 2015 in 20:12
        Permalink

        Bhe infatti non e laureato in legge ne avvocato ci sta che per lei siano decisioni audaci ma rogato forse ne sa un pelino piu di lei

        • 19 Giugno 2015 in 20:55
          Permalink

          Indubbiamente, ma restano comunque audaci. E parecchio.

  • 19 Giugno 2015 in 17:52
    Permalink

    Le ultime tre righe del comunicato dovrebbero chiarire una volta e per tutte che il nuovo proprietario correrà pochi rischi in futuro, se la mia interpretazione è corretta.

      • 19 Giugno 2015 in 18:04
        Permalink

        da buon Ponzio Pilato la FIGC si allineerà alle decisioni del tribunale.
        Scoometto una cena

  • 19 Giugno 2015 in 17:53
    Permalink

    A questo punto Direttore come Siamo messi?
    Quali sono secondo lei le possibilità di lieto fine?
    Grazie ancora per il prezioso lavoro di divulgazione
    Saluti

      • 19 Giugno 2015 in 18:13
        Permalink

        ecco qua i problemi si fanno seri con la figc… ma lasciami dire una cosa senza arrabbiarti… hai visto come si è fatto intimorire Rogato da quei principi del foro? 🙂

      • 19 Giugno 2015 in 18:39
        Permalink

        Ipoteticamente fino a quando dovremo aspettare la FIGC?

          • 19 Giugno 2015 in 20:03
            Permalink

            io ho paura proprio di questo…anzi ho la sensazione che finirà proprio così…la FIGC non si pronuncia…e allora?

  • 19 Giugno 2015 in 17:54
    Permalink

    Quindi i cura-stars hanno svolto bene il loro lavoro. Ora sotto a chi tocca.

  • 19 Giugno 2015 in 17:57
    Permalink

    Come anticipato nell’altro post.
    Direi una buona nuova

  • 19 Giugno 2015 in 17:59
    Permalink

    Lugaresi e Sagramola e avvocato di Napoli andiv a torla in tal c…

  • 19 Giugno 2015 in 18:00
    Permalink

    Si sa già per quando è prevista la verifica della covisoc del debito sportivo?

  • 19 Giugno 2015 in 18:03
    Permalink

    Definire il debito sportivo in parte chirografaro che cosa significa ? è solo un tecnicismo? da quando è cominciata la curatela avevo capito che tutto il debito sportivo fosse privilegiato

    • 19 Giugno 2015 in 18:34
      Permalink

      La domanda è pertinente. Approfondiremo. Grazie

  • 19 Giugno 2015 in 18:05
    Permalink

    Molto buono…Ma la figc riuscirà ad avvallare (non dico blindare) questo debito per tempo?

    comunque (sempre non scordando mai il vero artefice della situazione) trovo scandaloso che il futuro di una società verta su un piccolo appunto nelle noif
    “3) di essersi accollata e di avere assolto tutti i debiti sportivi della società cui è stata revocata
    l’affiliazione ovvero di averne garantito il pagamento mediante rilascio di fideiussione bancaria a
    prima richiesta;”
    E’ una spaventosa falla nel sistema non aver definito cosa sia il debito sportivo. Che cos’è? dove sta scritto? Lo si deve cercare nello Zingarelli?

  • 19 Giugno 2015 in 18:05
    Permalink

    Buonasera
    Quindi entro quando le due cordate devono fare le proprie offerte ??
    Luca s

  • 19 Giugno 2015 in 18:06
    Permalink

    Dopo Rogato che si è dimostrato giudice integerrimo e leale, ora TAVECCHIO DEVE TOGLIERE LA MASCHERA.Finalmente sapremo se e uomo di parola o UOMO DI FOGNA.Finalmente tutta l’Italia saprà di che pasta è fatto.Ora LA RESA DEI CONTI.

  • 19 Giugno 2015 in 18:07
    Permalink

    ma la figc puo decidere anche in questo weekend ?

  • 19 Giugno 2015 in 18:08
    Permalink

    Insomma Majo, la soddisfa o no il verdetto? Più di così
    ..

    • 19 Giugno 2015 in 18:17
      Permalink

      Il verdetto non deve soddisfare me quanto i candidati acquirenti. Cmq complimenti ai curastars i cui audaci tagli sono stati avallati dai giudici. Ora vedremo se tavecchio rispetterà le
      promesse e se tutto ciò basterà a piazza o a Corrado per cacciare la pila.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 19 Giugno 2015 in 20:22
        Permalink

        Infatti adesso è’ li il problema.
        Le cordate cacceranno la pila?
        Non lo facessero beh anche per loro bella figura di folla

      • 20 Giugno 2015 in 10:09
        Permalink

        Hai colto nel segno! !! Incrociamo le dita che in un modo o nell’altro si concretizzi la vendita del ns parma

  • 19 Giugno 2015 in 18:08
    Permalink

    tanto prorogano l’esercizio provvisorio…..c’e tutta l’estate

  • 19 Giugno 2015 in 18:09
    Permalink

    Buonasera direttore,

    Quando si esprimerà la FIGC? Anche perché tra lunedì e martedì se non compra nessuno diventa dura. Venerdì prossimo c’è la risoluzione delle comproprietà e dovranno arrivarci preparati, giusto?

    • 19 Giugno 2015 in 18:12
      Permalink

      Dovranno acquistare il 22 poiché 24 ci sono risoluzione comproprietà

      • 19 Giugno 2015 in 18:19
        Permalink

        ma secondo te in caso di acquisto a prescindere dalla cordata a trattare le comproprietà chi ci va? Albertini ? Preiti? oppure hanno già il loro direttore sportivo pronto all’uso?

        • 19 Giugno 2015 in 18:31
          Permalink

          Nel caso di Piazza c’è franzone (e magari baraldi) nel caso di corrado non mi è chiaro

  • 19 Giugno 2015 in 18:12
    Permalink

    Quoto Davide in toto

  • 19 Giugno 2015 in 18:15
    Permalink

    Ora se Tavecchio dovesse MANTENERE LA PAROLA DATA, Corrado e Piazza non avrebbero più alibi.Se si defilassero sarebbero per me.paragonati a a altri balordi presidenti che il Parma ha avuto negli ultimi mesi.NON AVREBBERO PIÙ SCUSE.Avrebbero fatto lavorare avvocati giudici e curatela per niente e saroebbero 5 peggio di Taci e perfino di Manenti.

  • 19 Giugno 2015 in 18:16
    Permalink

    Quindi entro lunedì alle 24 o si acquista il Parma o ciao ninetta! Giusto? Presumo che tavecchio allora entro domenica dovrà dire naturalmente qualcosa!

      • 19 Giugno 2015 in 19:02
        Permalink

        Scusi ma la Figc nel comunicare se sarà d’accordo o meno con la decisione presa oggi non deve rispettare dei termini? Non c’è insomma una data entro la quale la Figc deve esprimersi?

  • 19 Giugno 2015 in 18:19
    Permalink

    Dopo la firma di Rogato.le probabilità per lei Majo sono rimaste 50% o sono variate? Uu ultima domanda TAVECCHIO secondo lei sarà persona leale o persona di fogna?

    • 19 Giugno 2015 in 18:29
      Permalink

      Resto al 50 perché non sono umorale. Tavecchio secondo me è propenso a rispettare la parola data, ma il tutto dovrebbe passare da un consiglio federale. E lì le cose potrebbero complicarsi…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 19 Giugno 2015 in 18:20
    Permalink

    Se tavecchio mantiene la pistola data i due acquirenti sono costretti a comprare… Se così non fosse sarebbe il più grande bluff della storia a questo punto

  • 19 Giugno 2015 in 18:23
    Permalink

    Se non acquistano ien du piocion anca lor!

  • 19 Giugno 2015 in 18:23
    Permalink

    Visto che hai la mail fai x favore i complimenti al genio dello scoop, quello che Rogato trasforma i 22 in 60. Grazie

  • 19 Giugno 2015 in 18:28
    Permalink

    Prima salita,superata in scioltezza. La. Seconda ,la FIGC ,ritengo che non andrà contro il tribunale, e sarà pure questa superata senza troppe difficoltà , a quel punto il treno per la volata avrà terminato il proprio lavoro e ai due corridori non rimarrà che lo sprint finale senza se è senza ma.

    • 19 Giugno 2015 in 19:50
      Permalink

      Già. Senza se e senza ma. E soprattutto senza ballare nel manico…

      • 20 Giugno 2015 in 10:15
        Permalink

        Si e, dopo le vicissitudini degli ultimi mesi,è bene stare fino all ultimo a “dent alvè”…

  • 19 Giugno 2015 in 18:28
    Permalink

    Considerazione personale che nulla a che vedere col mondo giuridico, ma è assurdo che dei debiti pregressi debbano ricadere su una nuova società e non sulla persona fisica che li ha contratti.

    • 19 Giugno 2015 in 19:20
      Permalink

      Bravo Segio hai proprio ragione!!! Nessuno CAGA piu’ quei 2 d…. di Ghirardi e Leonardi. Comunque vada a finire gli u ICI colpevoli sono loro!!!!

  • 19 Giugno 2015 in 18:35
    Permalink

    Credo fosse impensabile che il dott. Rogato non aderisse al progetto di stato passivo redatto dai curatori.. Ora – chi intedesse contestarlo – potrà proporre opposizione allo stato passivo dinnanzi il Tribunale di Parma che – pur in persona di un giudice diverso – difficilmente si discosterà dall’orientamento adottato dal suo giudice fallimentare. Sentenza che potrà poi essere ulteriormente appellata fino a giungere in Cassazione. Ma da qui a là, se ne riparla tra dieci anni…
    Non sono poi così sicuro che gli effetti di un’eventuale sentenza sfavorevole alla curatela potranno riverberarsi sulla nuova proprietà del parma calcio poiché quest’ultima rimarrà estranea al contenzioso di opposizione allo stato passivo. Contenzioso che riguarderà il creditore opponente e la curatela fallimentare. Potrei anche sbagliare ma se così non fosse, si lederebbe l’art. 2909 c.c., ove è scritto che la sentenza fa stato ad ogni effetto tra le parti, i loro eredi e aventi causa.
    Aspettiamo comunque la FIGC…
    Ciao!!

  • 19 Giugno 2015 in 18:39
    Permalink

    diretore non cancelli i commenti scomodi che dicono le cose come stanno

    • 19 Giugno 2015 in 19:37
      Permalink

      Non cancello i commenti scomodi ma quelli che aizzano diatribe tifoidee che mi infastidisce occupino dello spazio su un sito di cui sono il proprietario.
      Se lei da brescia vuol attacare briga coi tifosi del Parma vada su altri forum. Perché ogni commento, anche postato da tifosi tifosi crociati, su queste beghe li caccio nel cestino.
      Saluti
      Gmajo

  • 19 Giugno 2015 in 18:44
    Permalink

    Sarò pessimista ma ormai credo solamente nella serie D

    • 19 Giugno 2015 in 19:34
      Permalink

      Speriamo di no

      Ma se le piace tanto vada con boni a Correggio…

      • 19 Giugno 2015 in 19:54
        Permalink

        Quello no

  • 19 Giugno 2015 in 19:05
    Permalink

    Il problema è che deve essere d’accordo la FIGC. Di più… ci vuole pure che tutto sia messo nero su bianco. Dura.
    PS l’avvocato del MC che si indigna per la proposta del pagamento del 10% del debito dove vive? Io ho visto decine di fallimenti e le proposte (che è inutile rifiutare) che ci sono arrivate dai curatori non erano mai superiori al 10%

  • 19 Giugno 2015 in 19:13
    Permalink

    Reazioni dalle cordate nessuna?

  • 19 Giugno 2015 in 19:17
    Permalink

    Quindi direttore, se la FGIC dovesse confermare le stime del giudice delegato e se alla fine la società venisse acquistata, tutti quei soldi che squadre tipo Man City o Wolfsburg avanzano dal Parma non gli spetterebbero più?
    Nicoló.

    • 19 Giugno 2015 in 19:33
      Permalink

      Loro faranno opposizione come preannunciato. Poi se sarà o meno debito sportivo imputabile ai nuovi o meno dipenderà da cosa sancirà la figc.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 19 Giugno 2015 in 19:18
    Permalink

    Direi che viste le premesse le cose non stanno andando male. Pensavo di peggio.

  • 19 Giugno 2015 in 19:22
    Permalink

    Majo ora intervista a Baraldi o gerali? ?

  • 19 Giugno 2015 in 19:53
    Permalink

    ma esattamente la procedura come funziona ora? i curatori con la firma di Rogato (presumo) mandano le carte a Tavecchio (o chi per lui) e poi ? quando si riuniscono per decidere? faccio fatica a credere che lo facciano domani o peggio ancora domenica… quindi tutto è rimandato a lunedì? e se così fosse come fanno gli eventuali compratori a formulare la richiesta di acquisto il giorno stesso? lo faranno il 23?
    grazie

    • 19 Giugno 2015 in 20:57
      Permalink

      Quante domande… Godiamoci il venerdì sera… Anche perché chissà se Tavecchio firma qualcosa…

  • 19 Giugno 2015 in 20:08
    Permalink

    Tutto dipende dalla FIGC, come sempre. E noi lì, ad aspettare ‘sta FIGC. Spesso vanamente….

  • 19 Giugno 2015 in 20:15
    Permalink

    Direttore,

    cosa può dire riguardo al commento dell’Avv. Del Vecchio del Man. City sul fatto che chi acquisterà il Parma avrà comprato un titolo “azzoppato” a causa delle sanzioni che imporra’ la FIFA per non aver pagato i crediti sportivi alle squadre estere? Secondo lui non potremo iscriverci alla Serie A in caso di promozione e non potremo partecipare a nessuna Coppa Europea. Grazie.

    • 19 Giugno 2015 in 20:55
      Permalink

      Iscriverci alla serie A no, anche perché saremo in B; però è vero che per iscriversi in A non bisogna avere debiti esteri da quest’anno. Comunque ha anche fatto capire molto bene che se i compratori saranno generosi nell’offrire qualcosa in più del 10%, forse forse si evitano strascichi…

  • 19 Giugno 2015 in 20:22
    Permalink

    A questo punto caro il mio Tavecchio io la serie B la voglio! Se avrai delle beghe da qualcuno in lega le devi risolvere perchè i giocatori hanno giocato per fare un favore a voi non di sicuro ai propri tifosi che sapevano già con largo anticipo che il Parma sarebbe retrocesso. Sei a un bivio: o uomo o pagliaccio! Vedi te! Poi toccherà ai 2 pretendenti

    • 20 Giugno 2015 in 10:23
      Permalink

      Esatto…se Tavecchio ci facesso lo sgambetto adesso sarebbe una vigliaccata! Cmq purtroppo tutto può succedere

  • 19 Giugno 2015 in 20:27
    Permalink

    Il problema non e la Figic non avete capito che curatori rogato e figic hanno fatto tutto assieme…….rogato a chiesto a figic delucidazioni su cosa e debito sportivo tramite i curatori x questo firma ilproblema sono le cordate che non hanno i soldi e cercano appigli per scappare

  • 19 Giugno 2015 in 20:31
    Permalink

    “Chirografo” significa senza nessun privilegio, l’ultimo ad essere pagato se rimane qualcosa. Generalmente non rimane un bel nulla. I creditori vengono segmentati in tanti mucchietti: privilegiati con vari gradi e poi, da ultimi sfigati. I chirografari, che chirografano senza ottenere ‘na sega, sono gli ultimi. Bé, saranno i primi in Paradiso, prima i chirografi e poi, a debita distanza, i vari gradi di privilegiati

  • 19 Giugno 2015 in 20:37
    Permalink

    MAJO IO NON CAPISCO UNA COSA E LA PREGO DI SPIEGARMELA. LUNEDì SCADE L’ESERCIZIO PROVVISORIO, LUNEDì L’ARBITRO FISCHIERA’ LA FINE DEI SUPPLEMENTARI e su questo non ci piove.
    Tavecchio deve ancora esprimersi, poi dopo Tavecchio, deve riunirsi la FIGC ma farà di tutto per mandare a puttana il tutto mandando sul lastrico tante famiglie che oltre a perdere quel poco di denaro che dovrebbero prendere, perderanno anche il posto di lavoro. La FIGC addirittura non si sa nemmeno quando si riunirà, naturalmente non il sabato che è un prefestivo, naturalmente non alla domenica. Scommettiamo che si riunirà ad esercizio provvisorio chiuso? Ricapitolando oggi è venerdì sera, domani è sabato e poi c’è la domenica, Primo giorno lavorativo, si deve esprimere Tavecchio, poi la FIGC che si deve riunire non si sa quando POI CORRADO E PIAZZA DOVRANNO PENSARE IL DA FARSI E POI FARE L’ATTO. TUTTO ENTRO LUNEDÌ? A me pare siamo diventati tutti matti,. Ma la FIGC non sa che se non avvalleranno quello scritto dal tribunale, i compratori scapperanno e di quei 22,6 milioni nessuno prenderà più niente? L’ERRORE PRIMARIO IN TUTTA QUESTA STORIA INVEROSIMILE E PAZZESCA E’ CHE SI E’ PERSO TROPPO TEMPO PER LE ASTE QUANDO SI SAPEVA CHE SE UNO VOLEVA ACQUISTARE IL PARMA L’AVREBBE PRESO SOLO NELL’ULTIMA ASTA. LA FIGC PER ME NON HA ALTERNATIVE, O ACCETTA QUELLO DECISO DAI CURATORI E DAL GIUDICE O COLORO CHE DOVREBBERO PRENDERE QUALCOSA DI QUESTO DEBITO SPORTIVO, NON PRENDONO NULLA. —Euro 0,0.

    • 19 Giugno 2015 in 20:48
      Permalink

      Comunque, secondo me, si è enfatizzato parecchio l’intervento di Tavecchio o della FIGC. Che secondo me aveva anche detto, se non ricordo male: prima che ci sia un compratore e poi stabiliamo il debito sportivo. Tolto che è evidente che ratificheranno quello sigillato da Rogato, ora mi sa che debbano non tintognare più i compratori, malgrado il palese ostruzionismo di certi calciatori. Ma se una cosa la si vuole, la si vuole… Comunque anche l’eventuale letterina di Tavecchio non garantirà nessuno (salvo cambiamento noif, ma servirebbe un consiglio federale) dei compratori dal rischio delle cause di chi si opporrà. E trattandosi di debito sportivo, ne risponde anche chi compra. Se ovviamente il tribunale di parma prima e la cassazione dopo dovesse dare ragione agli “oppositori”.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Giugno 2015 in 20:44
    Permalink

    Stranamnte stassera non c’é puzza di cadavere e stranamente ghirardello é scomparso. Poveraccio , che sfiga di vita che gli é capitata

    • 20 Giugno 2015 in 08:07
      Permalink

      No caro Mak (ti ringrazio comunque per l’attenzione che mi dedichi, se sempre molto premuroso), ho anch’io una vita (non di sfiga come credi) e degli impegni e non riesco ad essere sempre presente nonostante l’attenzione…potrei dirti che ero in attesa che l’amico Gustavo(che calorosamente saluto) mi infilasse in un orrifizio la sua amata lista di proscrizione, ma il buon Majo e’ ragionevolmente intervenuto prima che questo scempio si compiesse.
      No caro Mak, per me ieri sera impegno musicale qua:
      http://www.localfest.it/edizione-2015/venerdi-19-giugno/
      tra l’altro interrotto proprio a meta’ sul piu’ bello causa pioggia…haime’…
      In quanto alla notizia del giorno, poco da dire….
      Tutta questa enfasi e questo moltiplicarsi di commenti rende la comprensione meno facile, ma davvero non riesco a capire l’euforia…
      Mi pare una notizia “neutra”, un atto del tribunale che si attendeva e infatti e’ arrivato.
      Nulla ha modificato delle cifre che si conoscevano se non appunto (come ha rilevato Majo) di uno 0,4 milione di euro….in sostanza tutto come sapevamo.
      Ne e’ arrivata la certificazione.
      I commenti degli interessati (vedi l’avvocato del City) li abbiamo sentiti…e non sono granche’ buoni…questi hanno tutta l’intenzione (come molti altri credo..) di andare avanti e quindi….
      Non saprei..anche la giornata di ieri mi pare piuttosto interlocutoria nonostante questa enfasi fuori luogo….nulla aggiunge e nulla toglie…
      Ora si attende come il messia il consiglio FIGC…..attesa che trovo fuori luogo pure questa….potra’ dire cio’ che vuole…in ogni caso abbiamo sentito che chi deve aere quattrini andra’ comunque(giustamente…se fossero i vostri che fareste?…lascereste perdere perche’ Guiotto ha detto cosi?….ma va la’…) avanti.
      In sostanza ci vuole in ogni caso la montagna di quattrini che sapevamo gia’ da prima, coi rischi che sapevamo gia’ da prima….
      O ce li hanno e hanno tutte le intenzioni di procedere.
      Oppure no.
      Tutto qua.
      Grazie per le attenzioni che mi dedichi, se vuoi ti terro’ informato sui miei impegni e spostamenti.

      • 20 Giugno 2015 in 10:21
        Permalink

        Sei proprio uno sfigato se alle 8 del mattino di sabato sei già sul blog di Majo a segarti e a scrivere pistolotti inutili e sempre uguali. Momama!

      • 20 Giugno 2015 in 10:28
        Permalink

        Certo che con sto pessimismo cosmico -reiterato ogni giorno piu’ volte sempre con le stesse motivazioni- hai rotto oltremodo le scatole…

  • 19 Giugno 2015 in 20:59
    Permalink

    Quegli incentivi all’esodo, se li paghi Ghirardi, è lui che li ha fatti. Per fare degli incentivi all’esodo a dei giocatori bisogna essere dei “”MICANORMALI” Ma qualunque giudice darà ragione a chi acquisterà il Parma altrimenti è la fine del calcio.

  • 19 Giugno 2015 in 20:59
    Permalink

    Che SFIGC!

  • 19 Giugno 2015 in 20:59
    Permalink

    Se Rogato ha avvallato il tutto per me chi acquista può stare tranquillo.

  • 19 Giugno 2015 in 21:01
    Permalink

    Un giornalista della gazzetta dello sport ha detto che Tavecchio bloccherà tutto

    • 19 Giugno 2015 in 21:03
      Permalink

      Se lo dice lui…

      Secondo me se ne starà fermo. E non so se basterà… Ma che blocchi tutto ne dubito. Ma Binda chi è ? Il profeta Isaia?

      • 19 Giugno 2015 in 22:11
        Permalink

        No, ma da chi è stato imboccato si capisce dall’affermazione che si creerebbe un precedente pericoloso….

  • 19 Giugno 2015 in 21:04
    Permalink

    Vero… oggi un’ottima notizia e Ghirardello è sparito. Comunque ho pronta una bella lista di fenomeni che in queste settimane hanno dimostrato di non voler affatto bene al Parma, compresi non pochi parmigiani.

    • 20 Giugno 2015 in 01:06
      Permalink

      Quella lista se la infili nel primo orifizio che trova libero, ricordando come le liste di proscrizione fossero prerogativa di altri regimi, incluso quello ghiro-leonardiano. E non vuole bene al Parma solo chi illude la gente. E se fossi in quella lista ne sarei onorato.

      Vada a confessarsi che è meglio

  • 19 Giugno 2015 in 21:12
    Permalink

    Ma i debiti a venire perche’ dovrebbero essere bocciati dalla figc non ho capito

  • 19 Giugno 2015 in 21:14
    Permalink

    Binda è un povero **********… Ciò non toglie che secondo me se i vari piazza e corrado vogliono veramente rilevare il club ora lo devono dimostrare. E secondo me quella gran voglia non c’è l hanno

    • 20 Giugno 2015 in 10:31
      Permalink

      Che non abbiano una gran motivazione x arrivarci in fondo è anche la mia preoccupazione

  • 19 Giugno 2015 in 21:23
    Permalink

    Io non credo che la Figc si metta contro arrivati a questo punto ma Gabriele c’è da dire che se ci salviamo anche da questo fallimento e una botta di culo esagerata

  • 19 Giugno 2015 in 21:25
    Permalink

    Direttore dalle sue parole intuisco , ma forse sbaglio e me ne scuso, che il problema che vede all’orizzonte non e’ la figc ma che le 2 cordate stanno tentennando e non procedano all’ acquisto…giusto

    • 20 Giugno 2015 in 00:56
      Permalink

      La Figc resta un problema, ma è palese che le due cordate debbano compiere i propri passi. Ma è come dire l’uovo e la gallina. Io credo che più di così non si possa umanamente fare…

  • 19 Giugno 2015 in 21:33
    Permalink

    se la FIGC non dovesse certificare il debito sportivo .o addirittura opporsi alla decisione del tribunale ,il comitato dei creditori e i curatori possono intraprendere un’azione risarcitoria nei confronti della stessa FIGC ?

    • 19 Giugno 2015 in 21:41
      Permalink

      Non credo proprio. Ma se gli avvocati malvisi. Germi o il mercatologo sono all’ascolto potranno esser più precisi

      • 19 Giugno 2015 in 22:39
        Permalink

        Non c’è nessun titolo per un’azione risarcitorio.

      • 19 Giugno 2015 in 22:41
        Permalink

        Si tratterebbe al massimo di capire chi doveva verificare la sussistenza delle condizioni per iscrivere il Parma in serie A e se ci sono omissioni valutare possibili responsabilità risarcitorie. Ma sono fatti che non conosco

  • 19 Giugno 2015 in 21:47
    Permalink

    Direttore ma ha sentito nessuno delle due cordate? Tutto tace?

    • 19 Giugno 2015 in 22:13
      Permalink

      Sono all’astra… È venerdi sera per me e per tutti…
      Per la cronaca stava per scatenarsi un fortunale e ci hanno appena trasferito dall’arena estiva all’interno…
      Gerali starà allenando, piazza a miami con le tette siliconate, come predica ghirardello, i corrados jr alla movida… Insomma respiriamo un po’… Una cosa per volta…

  • 19 Giugno 2015 in 21:53
    Permalink

    Per la serie A occorre sanare i debiti con le società estere previa la non iscrizione.Per la serie B i tempi sono più dilazionati.La Uefa e Fifa se non sei in regola con società estere ti bloccano il mercato.

  • 19 Giugno 2015 in 21:53
    Permalink

    I curastar, come li chiama le in maniera simpatica, han fatto un lavoro straordinario ed oggi ne abbiamo avuto conferma, questo è innegabile.

    • 19 Giugno 2015 in 22:09
      Permalink

      Indubbiamente. Se no che curastakanovstars sarebbero stati? Ma lo stesso aspettiamo la conclusione dell’iter…

      • 19 Giugno 2015 in 22:49
        Permalink

        Indubbiamente, finché non leggerò che siamo tati ufficialmente comprati non sarò sereno.

    • 20 Giugno 2015 in 09:21
      Permalink

      Hanno fatto dei gran tagli quello si. Il lavoro eccezionale l ha fatto il giudice ammettendo questi tagli. Bella responsabilità la sua, ma si sa in Italia i giudici possono fare ciò che vogliono. Meglio approfittarne in questo caso.

  • 19 Giugno 2015 in 22:11
    Permalink

    Bravi complimenti

  • 19 Giugno 2015 in 22:30
    Permalink

    La FIGC non puo’ assolutamente contestare quanto stabilito dal Giudice. Non ne ha competenza e rischia pure una diffida in quanto organo non giuridico, che tra l’altro se ritenuto interessato ai fatti dovra’ costituirsi in giudizio come parte lesa dalla decisione.
    Il massimo che possono fare e’ confermare la sentenza ed e’ cmq irrilevante. Rileva solo per i compratori che vogliono che la FIGC si esprima, tutto qua.

    Se davvero vogliono comprare ora comprano, magari offrendo ZERO e coprono solo il debito ma l’offerta la devono fare, non hanno NESSUNA SCUSA.

  • 19 Giugno 2015 in 22:43
    Permalink

    Non vorrei sbagliarmi ma se sono stati rigettati 60mln di € è perche questi emolumenti sono stati ritenuti legalmente in difetto quindi non dovuti.si può fare causa (ma passano almeno 10 anni) e pertanto non vi è alcuna carenza o problema con Fifa ecc

    • 20 Giugno 2015 in 00:52
      Permalink

      Io non ne sarei così convinto, anche se capisco bene che imbarcarsi in battaglie legali contro una sentenza del tribunale fallimentare adendo lo stesso tribunale fallimentare, sia pure senza che nel collegio giudicante ci sia lo stesso giudice delegato…

  • 19 Giugno 2015 in 22:43
    Permalink

    Direttore,
    mi tolga una curiosità ,
    ma come è riuscito prquotidiano a dare la notizia che rogato aveva sancito il debito Sportivo un paio d’ ore prima di tutti?

    Grazie mille per la risposta

    • 20 Giugno 2015 in 00:51
      Permalink

      Perché l’editore di Parma Quotidiano, o meglio l’AD, è il noto commercialista Pedretti (già ospite di alcune puntate di calcio e calcio) che a propria volta spesso è curatore fallimentare. Immagino che di conseguenza abbia buoni talponi in Tribunale, i quali credo gli abbian riferito gli atti che Rogato stava preparando. Pur senza influenzare la redazione (se no questi si incazzano, e pretendono che io mi scusi, giacché loro sono totalmente indipendenti dal proprio editore) avrà sicuramente trovato il modo di farle sapere cosa stava maturando e così sono usciti con lo scoop. Io potrei farne un altro, di scoop, riferendo della solenne incazzatura del Giudice Delegato, il quale chissà Dio se in futuro vorrà ancora avvalersi di detto professionista per fallimenti importanti… Inoltre la violazione di certi segreti d’ufficio potrebbe comportare rischi di altro genere. A parte che un conto sarebbe stato riferire di indiscrezioni, un conto far cadere nel tranello molti altri colleghi superficiali (io e Nicolò Fabris di Parma Fanzine abbiamo atteso, come era giusto che fosse, l’ufficialità senza rilanciare l’indiscrezione) riferendo di decisione già presa. Per esser precisi, poi, lo scoop era sbagliato di circa 100.000 euro.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 20 Giugno 2015 in 09:21
        Permalink

        grazie mille.

  • 19 Giugno 2015 in 22:44
    Permalink

    Io dormo lo stesso ma anche oggi mi lascia perplesso il fatto che la vicenda Parma trovi poco spazio a livello nazionale. Comunque la si voglia vedere rischia di scomparire dai professionisti una squadra che negli ultimi 20 anni ha fatto praticamente sempre la serie a, senza contare che ci sono oggettivamente molti spunti di analisi. Fosse capitato a un altra squadra sarei comunque curioso di capire la faccenda e le questioni più o meno regolamentari

    • 20 Giugno 2015 in 00:38
      Permalink

      se ci salviamo o meno non dipende se la gazzetta dello sport ci concede 10 righe o 15…

  • 19 Giugno 2015 in 23:21
    Permalink

    direttore cm mai tarda ad arrivare la risposta di tavecchio? vuole fare l’indiano nn ho capito…

    • 20 Giugno 2015 in 00:36
      Permalink

      Leggi la risposta che ho dato a Simone.

      Ciao Grazie

      Gmajo

  • 19 Giugno 2015 in 23:23
    Permalink

    Caro Majo, qui la voglio. Ammettiamo che fili tutto liscio o quasi con Tavecchio e la FIGC. in parole povere diremmo ” E’ andata bene. “A questo punto chi non si presenta e non fa un’offerta me lo lasci dire direttore anche se per strane alchimie lei non approverà ma CHI FUGGIRÀ’ caro il mio Gabriele, si sarà comportato peggio di Taci e SOTTOLINEO PEGGIO per una ragione semplice. Ha fatto lavorare curatori, avvocati, giudici giornalisti seminando speranze di qua e di la per poi alla fine dire o meglio facendo capire il suo pensiero ” scusate ho scherzato, il Parma non mi interessa anzi non mi è mai interessato” E si perché a questo punto a chi scappa dopo aver avuto le garanzie che si possono dare,( E QUI I CURATORI E IL GIUDICE ROGATO HANNO FATTO I MIRACOLI e a loro va un mio sentito grazie e LA MIA RICONIOSCENZA) questo lo sapevano da mesi. Sarebbe una presa per il culo senza precedenti. verrebbe da pensare che volessero il club gratis. Cosa ne pensa Majo che se così fosse, sarebbe una guerra tra poveri ma Taci vincerebbe??

    • 20 Giugno 2015 in 00:43
      Permalink

      A parte che mi sembrava che questo stesso commento lo avesse postato qualche ora fa (cerchiamo di metterne uno, senza reiterare le stesse cose, grazie… Specie nei giorni di massimo affollamento), vorrei evitare di ripetere a mia volta le stesse cose. Nessuno dei due candidati compratori sta pigliando per il culo qualcuno, perché appunto nessuno sputtana dei soldi o nei impegna degli altri per il gusto di prendere per il culo i tifosi, i quali sarebbe ora che la piantassero con questi stupidi piagnistei. E poi eviti di parlarmi di Taci perché mi provoca l’orticaria. Se io fossi in Corrado o Piazza la querelerei per il paragone fatto. E manco le spiego il perché, perché non ne vale la pena, visto che non serve un cazzo, avendoglielo spiegato migliaia di volte. Ma se si diverte tanto ad insistere…

      E comunque non esprimo giudizio sui compratori sino al termine della partita.

      Saluti

      Gmajo

      • 20 Giugno 2015 in 09:18
        Permalink

        Soldi hanno tirato fuori “solo un milione”che verrà lororestituito per cui per me è come se avessero tirato fuori niente,nemmeno un euro.Lei crede in loro,io no.Ci sentiremo tra qualche giorno paisa’ a bocce ferme quando giocoforza sarà costretto a pensarla come me.

  • 19 Giugno 2015 in 23:31
    Permalink

    iO LA D LA DETESTO, talmente tanto che se dovesssi passare per DOMODOSSOLA, farei un itinerario più lungo ma eviterei di passare di li.

  • 19 Giugno 2015 in 23:48
    Permalink

    Mah..spariamo che domani qualcosa accada. Sarebbe il colmo che la figc prendesse tempo e facesse salare tutto..Non ci voglio neanche pensare

    • 20 Giugno 2015 in 00:33
      Permalink

      ma penso che quello delle rassicurazioni possa essere un falso problema, visto che non ne possono dare…

      Chiaro che il debito sportivo col sigillo del tribunale è già un’ottima garanzia che però non mette al riparo dal rischio di cause future. Ma che qualcuno, leggi Tavecchio, possa mettere per iscritto la cosa non so quanto possa esser possibile, al di là delle rassicurazioni orali…

      Tavecchio, se la memoria non mi tradisce, disse datemi il compratore che poi decidiamo noi il debito sportivo: ora, secondo me, il giochino è quello di dire, che il tribunale così ha deciso e loro non ci possono fare niente e dunque adeguarsi cercando di placare così la rabbia di aic e altre squadre oltre la lega, dicendo che non è colpa loro, ma appunto del tribunale. In passato è capitato che la Figc, attraverso la Covisoc, ratificasse ALL’ATTO DELL’ISCRIZIONE, O MEGLIO DOPO il debito sportivo sancito da un tribunale, sicché ho forti dubbi che possa essere ratificato prima come vorrebbero entrambi i compratori per opportuna garanzia. E’ chiaro che il rischio è alto, per cui esigono tutela, ma quella non gliela può dare nessuno, men che meno Tavecchio, poiché se società estere ed esodati tagliati vorranno fare opposizione nessuno glielo può vietare. Quindi servirebbe – ma il passaggio può essere ratificato solo dal consiglio federale e non certo dal presidente padrone della figc – qualche moderna modifica delle noif…
      Insomma, il passaggio di oggi è l’ennesimo passo avanti, però di qui a considerare tutto fatto ce ne passa, anche perché ci vorrà un tot di coraggio dei compratori e un po’ meno ostruzionismo dei calciatori che restano a guardare pensando che sia arrivato lo zio d’america o d’italia col grano… E il rischio è sempre il solito: per il voler troppo di qualcuno rischiano di perderci tutti.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 20 Giugno 2015 in 00:16
    Permalink

    L unica soluzione è chiamarla bomodossola, così la mettiamo in culo a tutti

  • 20 Giugno 2015 in 07:39
    Permalink

    La curatela ha fatto di tutto per confezionare un prodotto ‘vendibile’ anche facendo uso, come si sa, di soluzioni ardite. Il Tribunale ha avallato, ora la palla passa ai pretendenti.
    Buttarsi in questo affare significa fare un atto di coraggio e di fede poiché, se è vero che l’esborso dei 22ML più costi di gestione forse (ma forse) potrebbe essere coperto da un ‘business plan’ comunque sul filo della sostenibilità, è anche vero che questi signori si andrebbero ad accollare delle belle spade di damocle sulla testa che esulano dal rischio imprenditoriale.
    Insomma, se uno dei due compra, speriamo abbiano dei buoni avvocati ed in alto i calici . Viceversa, se si tirano indietro, non c’è da biasimarli.

    • 20 Giugno 2015 in 14:07
      Permalink

      Ma gli acquirenti potenziali sapevano benissimo da mesi i metodi che sarebbero stati usati x calare il debito e i possibili rischi . Se si tirano indietro ora, non possono pretendere anche un applauso dai tifosi…

  • 20 Giugno 2015 in 09:10
    Permalink

    Qualunque sia la decisione della figc scontentera’ qualcuno e il problema sta nel non aver definito nel dettaglio cosa si intende x debito sportivo.Cosi come definito nel niof si presta ad interpretazioni ed e’ qui che la legge ordinaria puo’ dare chiarezza indirizzando la figc che non puo’ che certificare quello stabilito dal tribunale.

  • 20 Giugno 2015 in 09:13
    Permalink

    Per me,né Corrado e né Piazza hanno intenzioni serie.Qualunque debito dovesse uscire,sarebbe per loro troppo alto e qualunque garanzia per loro sarebbe insufficiente.Loro vogliono spendere per l’acquisto della società UN EURO.,come è stata pagata ultimamente.Scommettiamo che nel momento di tirare fuori la pila, entrambi diranno “Tifosi di Parma abbiamo scherzato.SIETE SU SCHERZI A PARTE”Si accettano scommesse e….cene.

  • 20 Giugno 2015 in 09:31
    Permalink

    A questo punto non rimane che chiudere l’affare. Al di là delle percentuali credo che tirarsi indietro ora sarebbe paradossale. Forza Corrado e Piazza è ora di farsi sentire!!!!

  • 20 Giugno 2015 in 09:37
    Permalink

    Provo a ipotizzare : il giudice delegato ha stabilito che il debito è di 22,6 milioni, escludendo i 5 milioni della Lega e i 4 milioni dovuti a Napoli e alcune squadre di Lega Pro. Ora io penso che le trattative di questo weekend verteranno proprio su queste 2 somme e le trattative (io penso via telefono e mail, così nessuno può gridare all’inciucio evidente) saranno tra Tavecchio e le singole cordate e qui Corrado ha sicuramente un vantaggio…..

  • 20 Giugno 2015 in 09:40
    Permalink

    Io credo che la FIGC non si esprimerà se non dopo l’eventuale vendita, spero di essere smentito ma i tempi tecnici per avere una risposta non consentono di dare per iscritto e per tempo una certificazione del debito sportivo e del fatto che sia l’unico debito di cui chi compra si deve far carico. Per cui temo lunedì saremo in serie D, spero di sbagliarmi ma se il nodo sono garanzie della FIGC per i compratori, queste non arriveranno certamente per iscritto, poichè nessuno può dare certezze su cause future, e non solo non si possono dare, ma forse non si vogliono dare. Tavecchio dirà (magari anche con un comunicato) che il debito da saldare per iscriversi è quello fissato dal Tribunale, ma non aggiungerà nulla. Unica speranza è un giochino del tipo “intanto compra che sui debiti futuri ne discutiamo successivamente”, ma non penso sia la risposta che vorranno sentirsi dire nè Piazza nè Corrado, ed onestamente sarà comprensibile un loro dietrofront. I colpevoii sono Ghirardi e Leonardi, la colpa è solo loro di una nostra eventuale “caduta nell’inferno della D”; per cui se ci trovassimo senza un compratore, abbiamo nomi e cognomi dei responsabili, e speriamo che altri tribunali arrivino a far luce sulle porcate fatte da questi signori.

  • 20 Giugno 2015 in 09:56
    Permalink

    Pedretti magna meno at ma per un gosen.

  • 20 Giugno 2015 in 09:57
    Permalink

    Io non capisco una cosa. Se il Parma fallisce non varrà più nulla e nessuno ci guadagnerà, lugaresi a parte.
    Ma perchè i curatori non cercano di incassare più soldi possibile facendo mercato?

  • 20 Giugno 2015 in 10:08
    Permalink

    Majo, sollevato dallo scampato pericolo di trovarmi un qualche orifizio(uno qualsiasi magari..) occupato dalla temibile lista di proscrizione dell’amico Gustavo (che calorosamente e con simtapia saluto) e di cio’ ti ringrazio, stamane ho letto qualche quotidiano sportivo nazionale.
    Lo stadio in particolare non pare granche’ ottimista.
    Sottolinea come specialmente i club esteri minaccino in ogni caso vertenze e il Lione addirittura vanterebbe una sentenza Tas di faccenda analoga che gli da’ ragione….
    Insomma la faccenda pare ingarbugliata nonostante tutto…
    Che idea ti sei fatto e sopratutto come vedi affrontata dai media nazionali questa vicenda.
    Sulla carta stampata ancora qualcosa si riesce a trovare, ma altrove la faccenda pare uscita dai radar.
    Cordialmente.

    • 20 Giugno 2015 in 11:08
      Permalink

      Ho notato molta superficialità e disinformazione. Indecente binda. Ma è gente impreparata che non sa illustrare compiutamente un quadro evidentemente complesso.
      Anche stadio nn mi ha convinto. Ma il tweet di binda è un disastro e i copiaincollatori che gli fan da cassa di risonanza in modo acritico sono complici. Meglio fabris che gli ha twittato mostrandogli l’abbaglio.
      Cmq, a proposito di copiaincollatori ennesima scorrettezza di chi ieri ha rubato la mia intervista all’avvocato del vecchio, fatta insieme a parmafanzine e gazzetta.it citando solo questi ultimi. cordialmente
      Gmajo

  • 20 Giugno 2015 in 10:10
    Permalink

    Speriamo nella B per avere Lugaresi a Perma. Lugaresi piocion.

  • 20 Giugno 2015 in 10:16
    Permalink

    Oggi è sabato, un prefestivo in cui generalmente si lavora poco, domani è domenica in cui generalmente si sta con la pancia all’aria e dopo domani è lunedì ultimo giorno di esercizio provvisorio CON ANCORA TUTTO IN ALTO MARE.Per me non ci soni i tempi tecnici ormai per fare tutto ma oltre ai tempi tecnici per me, non c’è NEMMENO la volontà dell’acquisto anzi sarò ancora più chiaro, la volontà dell’acquisto, NON C’E’ E NON ‘E’ MAI STATA e sarei l’uomo più felice del mondo se mi sbagliassi ma vedrete non sarà così. PURTROPPO. Qualcuno mi dirà “Scusa ma con che scopo hanno fatto tutto questo?” Semplice rispondo “Volevano solo farsi pubblicità” Qualcuno ribatterà “Ma loro non avevano bisogno di pubblicità, tutti sanno chi sono, Corrado ha una catena di cinema e Piazza è uno dei più grandi giocatori di baseball americano, di tutti i tempi, per cui la pubblicità a loro non interessava” e io rispondo ” Che Corrado fosse proprietario di Space cinema non lo sapevo ma ORA LO SO e che Piazza fosse uno dei più grandi giocatori di baseball americano, di tutti i tempi, io che non seguo il baseball, non lo sapevo ma ORA LO SO e quindi per me si sono fatti ora una pubblicità planetaria con questo fino acquisto” e qualcun altro mi direbbe ” Ma hanno cacciato soldi, hanno scomodato giudici,curatori fallimentari e chi più ne ha, più ne metta” e io risponderei ” E’ vero, hanno tirato fuori cadauno un milione di euro ma non a fondo perduto o per lo meno denaro da detrarre in caso di acquisto ma invece questo denaro gli verrà restituito fino all’ultimo euro, ma che dico, FINO ALL’ULTIMO CENTESIMO e non mi meraviglierei se oltre a questo milione restituito, la curatela fallimentare gli riconoscesse pure gli interessi maturati. e poi curatori, giudici giornalisti e altri, mica erano sul loro libro paga,” Quindi non mi si venga a dire che le intenzioni erano serie. Qualunque cosa deciderà la Figc, la lega o il PADRETERNO per loro non andrà bene. TIRERANNO SEMPRE FUORI LA GABBOLA, IL PELO NELL’UOVO. Loro hanno intenzione di acquistare il Parma come io ho intenzione di acquistare la PILOTTA o il COLOSSEO Lo so che qualcuno leggendo queste mie più che giustificate osservazioni s’incazzerà come un’aquila. A queste persone consiglierei di sentire una vecchia canzone di Caterina Caselli ” Nessuno mi può giudicare” in cui nella canzone stessa echeggia la frase “La verità, ti fa male lo so” Ecco se qualcuno s’incazza, si vede che le menzogne non gli fanno male ma la verità si. Caro Majo, io rispetto tutti, anche il pensiero opposto al mio, ci mancherebbe, siamo in democrazia ma proprio perché siamo in democrazia e in questo post ho espresso solo il mio pensiero che può essere condiviso o no, vorrei che non mi cestinasse per non pensarla come lei .Se poi il mio pensiero sarà travisato dai fatti e ovviamente sarò sputtanato, sarei il più felice di tutti, ci mancherebbe io AMO VERAMENTE IL PARMA In caso contrario avrei detto solo e UNICAMENTE la sacrosanta verità.

    • 20 Giugno 2015 in 10:50
      Permalink

      Caro Majo ahi ahi ahi, la democrazia scricchiola….

        • 20 Giugno 2015 in 11:18
          Permalink

          Forse intendeva quella Cristiana di Democrazia?

          • 20 Giugno 2015 in 12:07
            Permalink

            A Majo manca tanto pure quella quella…

        • 20 Giugno 2015 in 13:51
          Permalink

          Scusa

  • 20 Giugno 2015 in 10:25
    Permalink

    Certo che dopo che i curatori hanno compiuto un vero e proprio miracolo sarebbe Pazzesco che gli acquirenti si ritirassero… Hanno lavorato come detto pazzi ottenendo un risultato inimmaginabile… Ora tocca a piazza e corrado,altrimenti vorrebbe dire che pure loro sono detto pagliacci come ci li ha preceduti.

  • 20 Giugno 2015 in 10:26
    Permalink

    ma…volevo chiedere…sono l’unico ad aver visto un aereo di linea volare a bassa quota scortato da 2 caccia nella tarda serata di giovedi?

  • 20 Giugno 2015 in 10:30
    Permalink

    Perdonatemi, sono un avvocato.
    Non riesco davvero a comprendere quali siano ora i timori delle due cordate. La firma di un magistrato fallimentare su un decreto esecutivo che accerta lo stato passivo fallimentare valevole ai fini della quantificazione del cosiddetto “debito sportivo” è molto più rilevante della firma di Tavecchio.
    Eventuali creditori scontenti non potranno mai rivalersi nei confronti dei nuovi proprietari. L’opposizione a questo decreto infatti può essere rivolta solo contro la curatela, gli altri creditori, il fallito. Mai contro il nuovo acquirente. Se così non fosse, nessuno acquisterebbe mai un immobile all’asta fallimentare presso un tribunale o un notaio a ciò deputato!!!
    Fateci caso: l’avvocato del Manchester non ha mai parlato di opposizione allo stato passivo. Sa che infatti nulla avrebbe a pretendere contro Corrado/Piazza. Al massimo potrebbe rivendicare una “posizione” più vantaggiosa per essere preferito rispetto agli altri creditori. In questo caso però una tale pretesa potrebbe davanti al giudice essere fatta valere esclusivamente sulla somma sborsata dagli acquirenti per comprare il club. Il resto sono solo speculazioni di persone che vogliono il male di questa squadra!
    In conclusione, cosa c’è da temere? Spiegatemelo giuridicamente!
    Grazie

    • 20 Giugno 2015 in 11:27
      Permalink

      Perdona…vallo a spiegare agli avvocati di City e Lione(e a tutti gli altri) ad esempio…dicevano altro mi pare…la stampa nazionale infatti stamane ne da’ ampio risalto.
      Come in tutte ste’ faccende ognono dice la sua verita’ poi si va dal giudice con tutte le carte in mano che se le legge e mette il timbro sulla propria di verita’…
      Come ben saprai….
      Trattantosi tra l’altro di debito sportivo…come abbiamo visto materia fumosa,sgusciante,soggetta ampiamente ad interpretazioni etc.

      • 20 Giugno 2015 in 12:36
        Permalink

        Caro Ghirardello, gli avvocati fanno gli avvocati ma lo stato passivo quello è. E, in caso di cause, campa cavallo. Il giudice ha proprio il compito di definire la fumosa materia di debito sportivo e lo ha fatto da par suo. Si aspetta Tavecchio poi il Parma passerà di mano, e lei brucerà come un falò.

  • 20 Giugno 2015 in 10:38
    Permalink

    SENTO DIRE CHE I BOYS VORREBBERO LA D. Poveri ragazzi, loro non sanno cos’è la D. Molto probabilmente i tifosi ogni domenica, se la squadra lottasse per i vertici, sarebbero circa mille, milleduecento persone non di più e se la squadra dovesse vivacchiare rimarrebbero in duecento o trecento. Ovviamente le spese dello stadio sarebbero ingenti per cui i boys verrebbero dirottati in tribuna anche per non dare l’impressione di uno stadio in cui si gioca quasi a porte chiuse. Non mi meraviglierei se si giocasse a Collecchio.Poi i nostri “campioni”,sarebbero elettricisti, manovali, muratori falegnami e questi lavorando, non avrebbero nemmeno il tempo di allenarsi se non alla sera. Poi avete visto i campi della serie D.? CAMPI DI PATATE Cari boys volere la D è come volere a letto Rosy Bindi invece di Rosy Margiulli…..

  • 20 Giugno 2015 in 10:38
    Permalink

    Per il momento Lugaresi ha incassato un avviso di garanzia, vigileremo tutti affinché non goda di un trattamento di favore

      • 20 Giugno 2015 in 12:13
        Permalink

        A me basta e avanza sfigatelli segarello

  • 20 Giugno 2015 in 11:12
    Permalink

    A questo punto c’è solo da vedere se arrivano l’offerta delle cordate, cioè se hanno cocncreta volontà e disponibilità finanziaria per comprare a suon la pila! Non ci sono altre pugnette poichè il giudice si è pronunciato ed è questo il fatto più discriminante. Ci mancherebbe solo che la FIGC rompesse i coglioni a giochi fatti. Ci sarebbe proprio da andarli a prendere a ceffoni.
    Ora lo scenario è quello ottimale a produrre offerete reali, vediamo cosa fanno Corrado e Piazza.

  • 20 Giugno 2015 in 11:12
    Permalink

    Oggi a noi tifosi del Parma ci fischieranno le orecchie. A Cesena c’è un convegno organizzato da FIGC in collaborazione con Cesena calcio tema primario Responsabilità e equilibrio finanziario.

  • 20 Giugno 2015 in 11:16
    Permalink

    Ora vediamo se i pretendenti sono seri o no! Se non dovessero fare offerte allora significherebbe che, in tutto questi giorni, si sono divertiti a perder tempo e a pagare consulenti per far la figura dei pagliacci, proprio quando i curatori hanno costruito ad hoc le migliori condizioni possibili per gli offerenti.

    • 20 Giugno 2015 in 11:25
      Permalink

      Nessuno si diverte a perdere tempo o a pigliare per il culo i tifosi.
      Se uno non fa l’affare è perché non lo convince.
      Saluti
      Gmajo

  • 20 Giugno 2015 in 11:21
    Permalink

    Secondo me i curatori hanno fatto il massimo per rendere il Parma appetibile, più di così non potevano fare. Forse potevano arrivare al risultato qualche giorno prima ma, quel che conta, è aver creato le condizioni per non dare alibi (derivanti dal loro operato) ai compratori.

  • 20 Giugno 2015 in 11:22
    Permalink

    Direttore senta mancanza di un suo editoriale…

      • 20 Giugno 2015 in 11:34
        Permalink

        direttore nn ha sentito nessuno delle due cordate cm mai tutto questo silenzio? dv mancano due giorni importanti…..

      • 20 Giugno 2015 in 14:53
        Permalink

        E’ovvio, oggi è un prefestivo e in Lega o in FIGC nessuno lavora, domani poi è domenica, immaginatevIi voìi se questa gente ha voglia di lavorare addirittura al sabato e alla domenica. Aspettano ad esprimersi quando ne avranno voglia, ora di voglia, col caldo che c’è, non ne hanno.

  • 20 Giugno 2015 in 11:24
    Permalink

    La FIGC non può permettersi di remare contro e contrapporsi alle decisioni del giudice! Sarebbe vergognoso!

    • 20 Giugno 2015 in 12:17
      Permalink

      Welcome to Italy

  • 20 Giugno 2015 in 11:34
    Permalink

    il terrorismo mediatico messo in atto da gazzetta & co. nei confronti del parma e’ qualcosa di bieco e meschino! oltretutto privo di qualsiasi ufficiale fondamento

    • 20 Giugno 2015 in 12:17
      Permalink

      Riempiono spazi vuoti inventandosi notizie false e tendenziose. Ricordiamoci comunque che la firma di Schianchi vala come il 2 di picche

    • 20 Giugno 2015 in 14:54
      Permalink

      C’è SCHIANCHI il novello BONI che gonfia……..

  • 20 Giugno 2015 in 12:12
    Permalink

    Majo non sarà mica ancora all astra a prendere dell acqua? Nessuna indiscrezione dato due contendenti?

      • 20 Giugno 2015 in 13:24
        Permalink

        Ecco bene…fortunato te…qua minaccia un temporale…
        Ci sara’ anche la Rosy?…son previste foto, videointerviste?…
        E’ un po’ che mancano e per tirar su il morale (quanto ce n’e’ bisogno..) vanno benissimo.

        • 20 Giugno 2015 in 14:24
          Permalink

          Per farti le seghine davanti al blog Sfortunello? Figa oh ma sei messo proprio da cani. Guarda che non è vero che col suicidio si finisce in inferno.

  • 20 Giugno 2015 in 12:21
    Permalink

    Gazzetta dello sport : Fifa e Aic ( associazione italiana calciatori ) spingono contro il Parma per bocciare il giudizio Del debito sportivo.
    É caos.
    Società estere e italiane contro il Parma Ciao ciao Parma la serie D vi sccogliera a braccia aperte dopo un po la corda si spezza. Cordialità e RIP

  • 20 Giugno 2015 in 12:50
    Permalink

    Direttore, ad oggi vedo due strade percorribili, la prima sarebbe avere la certezza che gli eventuali ricorsi siano a carico della curatela e non del compratore; la seconda invece sarebbe un lodo Parma, una sorta di lodo Petrucci rivisitato e rivisto, per esempio stralciare il titolo sportivo dalla società fallita aL netto di debiti e crediti, successivamente venga messo all’asta come un qualsiasi bene (facendolo pagare anche lautamente) infine inserire una norma la quale garantirebbe alle società che hanno portato prestigio alla federazione, tramite la conquista di titoli europei di ricominciare iscrivendosi al campionato di serie B.
    So che sarebbe una porcata dal punto di vista morale però tra le righe al Parma è stata promessa la serie B ed è giusto venga onorata.
    Cosa ne pensa.
    Cordialmente.
    F.

  • 20 Giugno 2015 in 12:50
    Permalink

    “. Le due cordate interessate all’acquisto del Parma sarebbero poi spaventate dagli 82 milioni di debiti(da pagare in 3 anni)verso altri creditori,che sarebbero a carico loro e non come riportato da alcuni portali ducali a carico della curatela fallimentare Scrivila tutta giornalista equidistante ehhhh che non pubblica da bravi stalinista la verità

    • 20 Giugno 2015 in 13:02
      Permalink

      Non dica cazzate. Se c’è qualcuno che onestamente informa con equilibrio ed equidistanza quello è il sottoscritto. E che le cause possano interessare i compratori oltre che la curatela l’ha scritto stadiotardini.it nelle persone del mercatologo e del sottoscritto. Ma lei è troppo partigiano. E quindi non può capire l’equidistanza…

      Cordialmente

      Gmajo

    • 20 Giugno 2015 in 13:19
      Permalink

      Da dove arriva questo? Legge la GdS che scrive tante inesattezze, e confonde capra e cavoli, altri creditori e contratti futuri. Lascia perdere che siamo già abbastanza incasinati di nostro grazie.

  • 20 Giugno 2015 in 12:52
    Permalink

    Scusi il tono ma difendere l indifendibile fa arrabbiare,,,Buon lavoro

    • 20 Giugno 2015 in 14:29
      Permalink

      Esatto Alberotalbali, quindi smettila di difendere il tuo Brescia e il falsario di passaporti che ne fa le veci per INFRONT (altra bella cosa).

  • 20 Giugno 2015 in 12:59
    Permalink

    Credo che nonostante i curatori abbiano fatto un laovro immenso cercando di rendere il più appetibile possibile la società, se Corrado/Piazza dovessero fare dietrofront, nulla da dire.
    Se ci sono zone d’ombra che mettono in serio pericolo il progetto imprenditoriale del nuovo compratore, c’è poco da fare…non si può certo accusarli di questo. Inoltre presumo che stiano spendendo soldi tra avvocati,tecnici,commercialisti ,esperti etc x analizzare tutta la cosa, se volessero farsi solo pubblicità (che sarebbe solo negativa) avrebbero detto 2-3 cazzate e basta come Nucilli ,Meli etc etc…quindi dei soldi li stanno già spendendo in realtà.

    • 20 Giugno 2015 in 15:01
      Permalink

      Andrea g secondo me, credi ancora alla BEFANA. Stai attento tra i tuoi amici perché un credulone come te, cercano di fregarlo tutti.Sei troppo ingenuo.

  • 20 Giugno 2015 in 13:12
    Permalink

    Ho chiesto scusa lei è un ottimo giornalista non seguo tutto ciò che scrive noto ora che avvertiva del pericolo che I curatori avessero come dire abusato del loro potere con un interpretazione molto personale della legge in presenza di fattispecie giuridiche che dicono altro diritti acquisiti e regole noif. Io sono partigiano non vi è dubbio ma sopratutto vorrei una giustizia equa e coerente il che è un sogno da alchimista, attenzione che per la Fifa potrebbe fare giurisprudenza anche il caso Elche visto i recenti scandali dovranno essere inflessibili con le federazioni affiliate. Rinnovo gli auguri di buon lavoro.

  • 20 Giugno 2015 in 13:25
    Permalink

    Ha parlato Tavecchio…

    • 20 Giugno 2015 in 13:33
      Permalink

      Beh, cos’altro avrebbe potuto dire, dai…

      Era a Cesena poi…

  • 20 Giugno 2015 in 13:28
    Permalink

    Sono ore che scrivo commenti e poi me li auto censuro (proverò ad essere gentile con questo nuovo commento ma se sarò eccessivo direttore mi “inibisca” lei censurandomi ) … Siamo preda di un bombardamento mediatico senza precedenti, con personaggi che fingono etica e in realtà puntano solo a sbranare la carcassa del Parma (citazione del buon Donadoni)… e con giornalisti che cavalcano la questione senza saper nulla o informandosi da altri giornalisti che a loro volta si erano informati male, sempre ammesso che si fossero informati.
    Mai come quest’anno ho capito la differenza tra giornalisti sportivi e non. Sono ben pochi quelli che fanno il loro lavoro in maniera corretta e scientifica mossi dalla coerenza e dall’onestà professionale (il nostro direttore ne è un ottimo esempio). Molti semplicemente diffondono voci, creano o gonfiano polemiche per il solo scopo di dar aria alla bocca e continuare a vivere sul malcontento popolare o sulle semplici passioni della gente che li legge. Se nel mondo dello sport tutto questo si può tollerare a malincuore, nel mondo “reale” delle cronache serie tutto ciò è totalmente inammissibile! Quando un professionista scrive qualcosa deve il coraggio di prendersi le sue responsabilità, di citare le fonti e di riportare tutto in maniera onesta, non viziata dalla voglia di fare il titolo o la notizia. Non si possono fare articoli per l’aria che tira, non si sta parlando di calciomercato, materia in cui si scrive tutto e il contrario di tutto perché tanto non ci sono prove, si sta parlando di fatti giuridici seri e concreti. Si è scritto tanto, troppo e male sul Parma, ed è il momento di finirla con questa disinformazione mediatica viziata da simpatie o ascendenti o semplicemente da incapacità di fare il proprio lavoro. Ognuno deve rendersi conto delle proprie responsabilità e dei danni di immagine che può fare scrivendo certe cose. Poi andrà come andrà ma certi articoli fan gridare vendetta!

    • 20 Giugno 2015 in 13:55
      Permalink

      C’è anche molta impreparazione e superficialità. Non solo malafede…

    • 20 Giugno 2015 in 15:22
      Permalink

      Condivido pienamente. Purtroppo è un discorso che va ben oltre il giornalismo sportivo e credo che vada imputato all’impreparazione e alla superficialità di grandissima parte della classe giornalistica, prima ancora che alla malafede…

  • 20 Giugno 2015 in 13:30
    Permalink

    Gabriele ormai ho capito che pisso abbeverarmi solo alka fonte tua e di parmafanzine. Per questo a distanza di poche ore da lunedì, ti chiedo di sbilanciarti…secondo te come va a finire???

  • 20 Giugno 2015 in 13:34
    Permalink

    Buongiorno Majo,

    c’è qualcosa però che non mi torna sui tempi. Per quale motivo il giudice sapendo che avrebbe ufficializzato il debito sportivo il 19 giugno, ha prolungato l’esercizio provvisorio fino solo al 22? Se lo avesse prolungato fino al 23 forse la FIGC avrebbe fatto in tempo a pronunciarsi e di conseguenza le cordate, in caso di conferma della sentenza del giudice, avrebbero avuto modo di fare un’offerta senza paure. Ciò non toglie che un’offerta potrebbero farla comunque (speriamo), ma di certo se non ci sarà nessun comunicato da parte della federazione le probabilità di lieto fine calano. Gli avvocati delle squadre straniere spingono, il Brescia rompe le scatole magari giustamente, perciò le paure delle cordate sono legittime. Io a sto punto spero che lunedì mattina arrivi un comunicato dalla FIGC, altrimenti la vedo dura. Le cordate entro che ora dovranno presentare l’offerta? Entro mezzogiorno per dire, o entro mezzanotte? Anche un paio d’ore possono risultare decisive….

    • 20 Giugno 2015 in 13:53
      Permalink

      La figc non deve pronunciarsi su niente. La figc DOPO che ci sarà stato l’acquisto dirà, come fatto in tutti i casi precedenti, che il debito sportivo è quello sancito dal tribunale.

  • 20 Giugno 2015 in 13:34
    Permalink

    quest’estate ce ne andremo al mare ,con la voglia matta di remare,fare il bagno al largo e vedere da lontano tutti quei coglioni oni oni

  • 20 Giugno 2015 in 13:36
    Permalink

    se magari ci illuminate della parole di tavecchio…questo silenzio e assordante e preoccupante

  • 20 Giugno 2015 in 13:40
    Permalink

    Tavecchio ha appena detto “non ci prendiamo responsabilità che non ci competono”…quindi? In parole povere Majo?

    • 20 Giugno 2015 in 13:52
      Permalink

      Leggi commento con risposta data ad altro lettore su questo tema.

      Consiglio sempre di leggere tutti gli articoli e di non fermarsi ai soliti titoli ad effetto

      Cordialmente

      Gmajo

      (in parole povere. tavecchio non può prendersi responsabilità che non può, ma gli “accordi” li ha portati avanti…=

  • 20 Giugno 2015 in 13:40
    Permalink

    letto ora..a me sembrano parole”tranquilizzante” per lei?

    • 20 Giugno 2015 in 13:50
      Permalink

      “Voglio essere molto chiaro: nei mesi antecedenti la chiusura del campionato, abbiamo parlato con la federcalcio e la lega Serie A nell’interesse del campionato. Tutti o quasi hanno accettato di intervenire a favore del Parma con un contributo: così è stato, poi i calciatori con grande correttezza hanno finito il campionato. Ora nell’economia generale della chiusura di questa piccola tragedia, i 5 milioni di debito sportivo di quell’intervento non sono parte determinante. Il problema è che nella parte contrattuale futura ci sono situazioni che mettono paura ai potenziali acquirenti e che devono essere valutate. La parte consolidata dai curatori è stato fatta con chiarezza, il futuro è l’imprenditore che vuole subentrare se ha i fondi per mantenere quegli impegni. Ma in tutto questo la federazione non ha alcuna facoltà, non è organo giuridico su trattative fallimentari, dà solo regole e comportamenti. Non possiamo prenderci responsabilità che non ci competono”.

      Rispondo a lei per tutti coloro che mi stanno scrivendo su questo tema che non sono pochi evidenziando che la scelta da parte del sito che le ha riportate di titolare sul discorso delle responsabilità che non si assumerebbe è una scelta loro, ma come sempre invito a leggere, sperando sia giusta, tutta la trascrizione, per capirne di più, perché limitarsi ai titoli è limitativo, appunto, e non aiuta a farsi una opinione completa.

      Che Tavecchio non possa assumersi responsabilità ve l’ho scritto molteplici volte anche nelle ultime ore, e non mi stupiscono affatto queste parole pronunziate a Cesena (capito: Cesena…). Ma su cosa non si assume la responsabilità Tavecchio? Come lui stesso ha specificato sul mantenimento dei contratti in essere. In poche parole se i compratori volevano che grazie a Tavecchio fossero annullati tutti i 100 e rotti contratti è ciccia… Ma se parliamo del debito sportivo, Tavecchio ha affermato: “La parte consolidata dai curatori è stato fatta con chiarezza”, che potrebbe essere tradotta (si fa sempre non poca fatica ad interpretare Tav) come una sorta di benedizione del lavoro dei giudici. Ergo: chi acquista se caccia fuori i 22.6 ml non avrà rotture da parte della Figc che si adeguerà al giudice. Ma era ovvio che non potesse andare più in là garantendo salvacondotti per il futuro (le cause, infatti, se ci saranno vedranno il coinvolgimento anche della newco, come è normale che sia; i contratti sottoscritti non possono essere tagliati).

      Insomma: niente di nuovo sotto il sole.

      A questo punto i compratori devono decidere se investire o no, pur consci dei rischi che restano.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 20 Giugno 2015 in 13:40
    Permalink

    Comunque continuo a non capire… Tavecchio se ne è lavato le mani, e questo da una parte è un bene perché a livello nazionale a questo punto secondo me fa fede solo il decreto del giudice… E credo che i curatori possano vendere il ramo d’azienda con accollo scritto nero su bianco previsto solo per il debito sportivo ora accertato….
    Poi non capisco Sagramola e co. …. Mi sembra ovvio che un creditore non ammesso al passivo non è creditore limitatamente a questa verifica e l’altra parte non di conseguenza non è debitrice, dunque non c’è debito (sportivo o no che sia)…. E se queste famose noif non specificano cos’è il debito sportivo e chi e come deve verificarlo, non capisco perché sia l’accertamento del passivo dela procedura Parma (regolata tramite la prassi di ogni fallimento da un giudice italiano competente) ad essere messa in discussione rispetto ai casi precedenti e non viceversa… Della serie, “se i ‘nostri’ curatori hanno fatto un lavorone, cosa volete?”
    Evidentemente hanno solo usato criteri oggettivi e di legge, come quello della data certa dei contratti… E non vedo cosa ci sia di illegittimo in questo.

  • 20 Giugno 2015 in 13:41
    Permalink

    Siam tifosi con trombe e bandiere!!! Accompagnano la squadra del cuore !!! Con un grido: OH PARMA sei Forte !!!! Batteremo le squadre avversarie mai nessuno ci potra fermare.. Sono forti e sanno lottare..fanno gol!! Sempre gol!!! Del campionato son la gloria….Forza Parma Forza Parma questo è il grido di battaglia forza Parma forza Parma fanno gol sempre gol!! Bonci gol

  • 20 Giugno 2015 in 13:42
    Permalink

    Signori, qualunque cosa abbiano sancito sul debito ci sono comunque troppe incertezze (leggere la gazzetta dello sport di oggi). Nessun imprenditore sano di mente, a queste condizioni, potrebbe acquistare una societa’ dal bacino d’utenza del Parma. Capisco le speranze dei tifosi ma occorre essere realisti e guardare le cose da un punto di vista imprenditoriale. Se fosse il Milan l’azzardo sarebbe possibile, in questo caso, come si dice, la veggo buia.

    • 20 Giugno 2015 in 14:17
      Permalink

      La gazzetta dello sport di oggi… Soprassediamo va

      • 20 Giugno 2015 in 14:19
        Permalink

        Ha ragione Direttore. Articolo a dir poco stucchevole.

        • 20 Giugno 2015 in 14:36
          Permalink

          Nessun lettore sano di mente leggerebbe la gazzetta dello sport, in particolare se la firma in basso riporta il nome di Schianchi o Binda

  • 20 Giugno 2015 in 13:47
    Permalink

    Direttore per me non ha detto niente di che tavecchio..alla fine ha solo detto se nn sbaglio..che non possono mettere becco sui contratti futuri. Sbaglio?? Non ha parlato di avvallare il debito..

    • 20 Giugno 2015 in 13:56
      Permalink

      Di fatto il debito lo ha avallato, con una sorta di mini-benedizione…

  • 20 Giugno 2015 in 13:49
    Permalink

    Le parole di tavecchio non mi stupiscono..ed è anche logico che abbia detto sostanzialmente che non può evitare cause future… Sui 5 milioni ha anche ragione. Non credo sia quello il vero problema. Ora però mi aspetto che le cordate escano allo scoperto e dicano cosa vogliono fare!

  • 20 Giugno 2015 in 13:50
    Permalink

    Ma per piacere queste cose si sapevano anche prima!! Ora saltano fuori !!! Chi era interessato poteva pensarci bene prima!!! Invece hanno aspettato fino all’ultimo! Tutto questo è assurdo e ridicolo !! Grazie a tutti e sempre forza Parma!!!

  • 20 Giugno 2015 in 14:02
    Permalink

    Anzi dirò di più.. Secondo me sono anche parole positive queile che ha detto. Praticamente ha lasciato intendere che il debito è quello è quello rimane.. Per il resto sono problemi di chi compra e punto,come giusti che sia

  • 20 Giugno 2015 in 14:03
    Permalink

    Da questo momento la miccia è accesa la carica è piazzata..ogni istante è buono per la risoluzione della trattativa…speriamo che le polveri non siano troppo umide…o qui si fa la fine di pietro micca

  • 20 Giugno 2015 in 14:27
    Permalink

    Staje luntana da stu core,
    a te volo cu ‘o penziero
    niente voglio e niente spero
    ca tenerte sempe affianco a me!
    Si’ sicura ‘e chist’ammore
    comm’je so’ sicuro ‘e te…

    Oje vita, oje vita mia
    oje core ‘e chistu core
    si’ stata ‘o primmo ammore
    e ‘o primmo e ll’urdemo sarraje pe’ me!

    • 20 Giugno 2015 in 14:39
      Permalink

      giusto majo ma delle due cordate inviate sul pianeta profondorosso parma opportunity (piazza) e spirit (corrado) si hanno piu’ notizie ? visto che tavecchio ha parlato or ora da cape canaveral mi aspetto comunicati ufficiali dalla NASA e di nasa lei se ne intende 😉

  • 20 Giugno 2015 in 14:35
    Permalink

    …..”Non possiamo prenderci responsabilità che non ci competono”… significa che il debito sportivo certificato dal Dott.Rogato sarà accettato e certificato anche dalla FIGC e questo credo che sia la garanzia massima possibile per i compratori. Ritengo pertanto che per prendere il Parma,e affrontare i costi della prossima stagione 2015/2016 , con calciatori già di proprietà ,al netto degli introiti del prossimo anno pari a ca. 22ML., occorra un investimento di ca. 30 ML., conprensivi diun reale rischio di impresa legato a contratti calciatori stimabile in 6/7 ML.ripeto compreso i costi della prossima stagione di serie B. Ora dare segnali concreti .Grazie.

  • 20 Giugno 2015 in 14:37
    Permalink

    E la Gigiasa in tal canel, e la Gigiasa in tal canel col gambi pr’aria….

    • 20 Giugno 2015 in 14:49
      Permalink

      ahahaha cazzo mi hai fregato sul tempo

      i ghern a taca in sinc o in sez a la gigiasa !

  • 20 Giugno 2015 in 14:40
    Permalink

    Dalle parole di Taveccho sembra che nn puo dare garanzia solo x i debiti futuri……. giocatori sotto contratto…..
    xcio’ sembra che il debito sportivo sia ok

  • 20 Giugno 2015 in 14:47
    Permalink

    Ciao Gabriele,
    Io penso che in tutta questa storia siano le due cordate a temporeggiare un pò troppo. La curatela ha fatto un lavoro enorme, esponendosi anche troppo, il giudice ha avallato il lavoro, Tavecchio ha indirettamente confermato che la FIGC non si metterà di traverso. Ora, che i creditori esclusi possano rivalersi sulla futura proprietà è da dimostrare, la legge fallimentare non lo prevede, quella sportiva si ma in parte. Se ci aggiungiamo che si potrebbero ridiscutere anche i termini del corrispettivo da dare (e l’avvocato del Man City lo ha fatto capire) e in più molti dei calciatori attualmente in rosa (e non) stanno per trovare sistemazione in altre squadre alleggerendo il fardello degli stipendi futuri, la strada non mi sembra più tanto in salita. Richiedere ulteriori garanzie mi sembra chiedere la luna, se davvero vuoi la squadra e hai i soldi per mantenerla porti a termine la faccenda. Almeno io la penso così
    Un saluto e buon weekend

    • 20 Giugno 2015 in 14:58
      Permalink

      e’ pericoloso tendere le cordate quando hai un cappio intorno al collo (lao tse)

  • 20 Giugno 2015 in 14:55
    Permalink

    Ok…ma le cordate si sa più o meno se stanno “lavorando” o se sono in pausa di riflessione?… almeno qualche indizio…
    Ho i “sgrisor”…..

    • 20 Giugno 2015 in 15:42
      Permalink

      Stanno lavorando ma con mille dubbi e tentennamenti…

  • 20 Giugno 2015 in 14:55
    Permalink

    Ponzio Tavecchio Pilato, come prevedibile ai più’, si è’ sciacquato le manone dando l’avvallo alla sentenza del tribunale.
    Per gli zeloti antiromani (Lugaresi,Sagramola e Co.) la corda al collo (visto che sono educato) e’ stata lanciata.
    Adesso spetta ai nuovi legionari(Corrado,Piazza) decidere il da farsi

  • 20 Giugno 2015 in 14:58
    Permalink

    Ciao direttore secondo te il silenzio degli eventuali compratori ė un segnale positivo o negativo?

      • 20 Giugno 2015 in 16:07
        Permalink

        co fani i botgher ? la cherta susarenna a la bele tireda via tavec, la peseva du grammo

  • 20 Giugno 2015 in 15:01
    Permalink

    Se è vero che Corrado aveva presentato una lista di giocatori da tenere e una lista di quelli da tagliare, penso che Corrado possa defilarsi e anche in fretta. Per quanto il Tavecchio sia criptico nelle sue dichiarazione mi sembra che si possa riassumere facilmente il suo pensiero questa volta. “Se compri il Parma e garantisci i 22,6 mln , io ti iscrivo in B e ti faccio avere pure il paracadute di 12,5 mln (aggiunta mia)”

    “ma se le squadre estere mi fanno causa?” “problemi tuoi”
    “e se i giocatori esclusi dal passivo mi fanno causa?” “problemi tuoi”
    “e se non riesco a liberarmi delle decine di giocatori ancora sotto contratto, alcuni fino al 2018?” “sempre problemi tuoi”

    Se il punto cardine per i compratori è la certezza di essere iscritti alla prossima serie B, non ci dovrebbero essere problemi. Se invece Piazza e Corrado puntavano tutto sulla riduzione dell’organico…beh allora non avranno nessuna garanzia e la forbice di possibilità va dal buon esito di tutte le trattative in uscita al fallimento totale del mercato in uscita. Più ovviamente la possibilità in futuro di dover sostenere spese per transare con i possibili creditori ricorrenti.

    Sta a loro valutare il rischio. La forbice è molto ampia, ma si può restringere e dilazionare lavorandoci su. Direi che il fifty-fifty del direttore ci sta proprio bene.

    • 20 Giugno 2015 in 15:42
      Permalink

      Analisi perfetta e ottimamente esposta. Potrei ingaggiarti come vice direttore… Ovviamente senza compenso alcuno, ma non ti farei pagare lo spazio…

      • 20 Giugno 2015 in 17:07
        Permalink

        Giusta l’analisi di Agostino, ottimo il lavoro delle curatela del giudice e chi più ne ha più ne metta ma tanti di questi giocatori possono avere un mercato e in molti FORSE ci si può anche guadagnare e poi ce ne sono anche altri che per la serie B farebbero comodo.Io penso che tutto andrà a monte e nessuno vedrà più un euro. Ormai il tempo rimasto è poco e nè Piazza nè Corrado non hanno mai avuto serie intenzioni di acquisto perchè quwesti erano problemi che c’erano anche prima e non solo ora E SI SAPEVA CHE NON SAREBBERO STATI RISOLTI. ma cosa vuoi CHI TROPPO VUOLE NULLA STRINGE.

  • 20 Giugno 2015 in 15:05
    Permalink

    mi sa che majo sta guardando una nuvola beve una bibita
    se in fondo all’anima
    sogna l’oceano ….splassssh

    che non gliene frega niente dell’europa lig …guarda che squadra che abbiamo presidente a noi pice cosi’

  • 20 Giugno 2015 in 15:07
    Permalink

    Per non parlare poi delle entrate che ci saranno sicuramente tra paracadute e mercato giocatori… Con un buon ds l esborso potrà diminuire notevolmente.. Ora palla passa altre cordate, c è poco altro da dire. Majo se sei al river almeno fai un paio di foto alla rosy!

    • 20 Giugno 2015 in 15:31
      Permalink

      È qui che sta dormendo perché ha fatto le ore piccole. Non so se poi la intervistero’ per il vs sollazzo…

  • 20 Giugno 2015 in 15:19
    Permalink

    Corrado e Piazza piocioni, fuori i soldi?

  • 20 Giugno 2015 in 15:31
    Permalink

    Signori, può essere che le cordate abbiano perso motivazione, non lo so, tuttavia in OGNI CASO 24 o 48 ore prima dell’acquisto starebbero in silenzio, guardinghi uno dell’altro, mica bla bla bla, mì chi mi lá. Su, non facciamo gli infantili isterici. In altre parole il silenzio non significa nulla, se hanno deciso di acquistare lo faranno oppure se ne andranno a prescindere

    • 20 Giugno 2015 in 20:03
      Permalink

      Ma infatti cosa dovrebbero dire in questo momento? Se ne staranno zitti fino alle 14:00 di Lunedi…..e sarebbe un segnale confortante

  • 20 Giugno 2015 in 15:37
    Permalink

    Molto meglio il direktor in piscina con la Rosy che il sottoscritto in cà dalù stuf mort, brasè al divá bianco. Però a son piè ed biondi anca mì, bira sul tavlè e ‘na vintenna ed Marlboro (anca meno va’)

  • 20 Giugno 2015 in 15:37
    Permalink

    Corrado e Piazza adesso avete tutto. Se non fate nulla siete come Dallara. Du piocion!

    • 20 Giugno 2015 in 17:14
      Permalink

      Cosa c’entra DALLARA. Lui il PARMA LO PRENDEREBBE IN SERIE D con la famosa cordata MILLEPIEDI per vivacchiare nella categoria.. Diciamo che dopo tutto il lavoro fatto dalla curatela, dopo aver illuso, se si ritirano sono dei veri PIUCCION paragonabili solo a Taci.

      • 20 Giugno 2015 in 17:15
        Permalink

        Il prossimo commento contenente la parola taci sarà cestinato.
        E per ogni commento ripetitivo pubblicato ti commino 3gg di squalifica

        • 20 Giugno 2015 in 21:01
          Permalink

          Ma ARBITRO Majo tre giorni di squalifica arriverei …….. dunque, facciamo un po i conti. Vediamo, domenica lunedì e martedì E FANNO 3 GIORNATE 3 Ma Majo alle 14 di lunedì viene tirato l’ultimo rigore e poi tutti a casa o meglio tutti in serie D L’altra giornata di squalifica, la sconto in serie D o mi viene tolta?

  • 20 Giugno 2015 in 15:54
    Permalink

    Secondo Fabris la deadline è fissata per lunedì alle 14. Risulta anche a lei Majo?

    • 20 Giugno 2015 in 16:24
      Permalink

      Se lo dice fabris è come se lo dicesse la curatella, quindi non ne dubito. Ma il passaggio interessante è quello successivo allorché non esclude un allungamento tecnico dell’esercizio provvisorio, ma non per trattative. La traduzione che offro io è la seguente. La curatela, forte di un accordo con uno dei fue, secondo me più corrado che piazza, risolverà il 24 la compartecipazione di defrel con il Cesena di lugaresi che oggi mi è parso meno invasivo del solito, per poi passar di mano il 26, appunto dopo prolungamento tecnico dell’esercizio provvisorio. Così facendo, peraltro, salterebbero fuori i soldi x l’iscrizione o si eviterebbe di perderli…
      Cordialmente
      Gmajo

      Cordialmente

      • 20 Giugno 2015 in 16:36
        Permalink

        Majo che fai….ti risbilanci…i curatori non fanno i direttori sportivi…tutta sta’ bella roba la fara’ (se ci sara’ beninteso) a brevissimo il nuovo acquirente….
        Non ricominciamo…
        Piuttosto parliamo di cose serie….chiedi alla Rosy una video intervista..
        Come fa oggettivamente a negarla, la fanciulla vive di immagine, di apparenza, di fisicita’..i “click” per lei sono fama,notorieta’,ingaggi e serate…se glielo ricordi..(ma non ce n’e’ bisogno..) vedrai che accetta….
        Hai ancora quei bermuda?….Non hai di meglio?…

        • 20 Giugno 2015 in 16:40
          Permalink

          Sempre quelli, ma ora sono un costume. E lei desta ha quegli occhialetti da professoressa che la rendono ancor più intrigante…

        • 21 Giugno 2015 in 00:47
          Permalink

          Meno male che ci sei tu a discernere le cose serie da quelle facete….altrimenti come faremmo?!..
          Cmq potresti pensare di occupare la maggior parte del tuo tempo in qualcosa di diverso dall’attendere sbavante le foto della Maggiulli (impegno n 1) e dal fare illazioni sulle sorti del parma (impegno n 2)…..Sarebbe anche ora. …

          • 21 Giugno 2015 in 08:53
            Permalink

            Secondo me hai capovolto l’ordine di importanza degli impegni…

      • 20 Giugno 2015 in 16:38
        Permalink

        Ecco appunto…Lugaresi oggi sostiene che lunedì la situazione di Defrel sarà più chiara…e noi tifosi del Parma quando sapremo se la situazione su Lugaresi stesso sarà più chiara?!?! Visto l’avviso di garanzia che gli è arrivato ieri!

        • 20 Giugno 2015 in 16:50
          Permalink

          Vigiliamo affinché la GUARDIA DI FINANZIA svolga il suo lavoro senza impedimenti o pressioni. W LA GUARDIA DI FINANZA. Lugaresci aprigli la porta che devono dare un occhiatina ad alcune carte.

      • 20 Giugno 2015 in 17:16
        Permalink

        Sa Majo che ha ragione? Non ci avevo pensato. OGNI TANTO HA COLPI DI GENIO, debbo onestamente ammetterlo.

  • 20 Giugno 2015 in 15:55
    Permalink

    @direttore Mayo: va bene sdrammatizzare questi momenti, ma non Le sembra direttore che potrebbe farci un altro ennesimo regalo se riuscisse a sentire che aria tira dalle parti delle cordate?Siamo tutti in ansia e contenti per Lei che è in compagnia della Rosy, ma mancano 48 h alla possibile fine, un po’ di indiscrezioni ci aiuterebbero, sa non tutti sono al river con la maggiulli

    • 20 Giugno 2015 in 16:29
      Permalink

      Nessuno vi vieta di venire al river a tenerci compagnia… Io la mia parte la sto facendo perché anziché dormire tra i suoi celestiali guanciali, non faccio altro che stare al telefono x raccogliere da chi di dovere info o indiscrezioni e a star qui a tenere il dialogo con voi lettori…

      • 20 Giugno 2015 in 16:54
        Permalink

        bene, grazie director…e come sta andando la raccolta? in serata uscirà con un editoriale?
        ci saluti la rosy dal vivo, lei che può 🙂

        • 20 Giugno 2015 in 17:05
          Permalink

          No, editoriali non ho in mente di farne. La situazione è fluida, meglio star fermi. Tanto vi aggiorno minuto per minuto nello spazio commenti, dandovi a caldo le mie impressioni. Per un articolo ufficiale non ho elementi sufficienti per far qualcosa di certo e approfondito e nessuno mi obbliga a scrivere tanto per scrivere… Preferisco farlo quando ho qualcosa da dire…

          Cordialmente

          Gmajo

          • 20 Giugno 2015 in 17:27
            Permalink

            ok, vorrà dire che seguiremo con attenzione le sue risposte…già che ci sia fluidità credo dia una bella notizia…

          • 20 Giugno 2015 in 17:47
            Permalink

            Ovvio che se stasera puta caso piazza, dopo la conference call coi suoi collaboratori dovesse gettare la spugna ne potrei ricavare un articolo…

    • 20 Giugno 2015 in 16:38
      Permalink

      L’opposizione è evidente che sarà fatta al decreto del tribunale, ma l’eventuale nuovo compratore ne risponderà poiché trattandosi di debito di natura sportiva tocca a lui l’onere di pagarlo. Nel caso di quelli vs estero, come ci ha spiegato ieri del vecchio, la respinta per assenza di data certa è facilmente superabile, e in più i curastars non hanno negato che fossero debiti sportivi.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 20 Giugno 2015 in 16:43
        Permalink

        Gia’….ci mancherebbe pure che pagassero i guaritori…..hahahahahah!!!!
        Ma quando mai?….
        Li abbiamo trasformati noi in divetti di provincia….restano invece grigi e anonimi funzionari di tribunale provinciale che normalmente affogano tra le scartoffie di qualche saltafossi scappato nottetempo con la cassa….questo sono…

        • 20 Giugno 2015 in 17:36
          Permalink

          “Noi” chi? Tu non c’entri con “noi” sfigatello segatello. Stai alla larga da “noi”.

        • 20 Giugno 2015 in 17:45
          Permalink

          Ma che cazzo dici, ma che ne sai, hai l’esofago piagato dall’invidia. Mi spiace perchè spesso sei arguto ma cadi in queste cavolate piagnucolose. Da grande volevi fare il curatore? Un curatore ti ha rubato in passato la ragazza? Colpa tua, mica sono top gun i curatori

  • 20 Giugno 2015 in 16:08
    Permalink

    Direttore non sia egoista!!! Condivida con noi le sue visioni celestiali

    • 20 Giugno 2015 in 16:11
      Permalink

      Eh se si fa intervistare volentieri… Ma vi consiglio di presentarvi dal vivo…

  • 20 Giugno 2015 in 16:20
    Permalink

    Comunicato ufficiale curastars

    • 20 Giugno 2015 in 16:51
      Permalink

      e che ci raccontano?….

  • 20 Giugno 2015 in 16:42
    Permalink

    c’e’ il comunicato majo …..entro le 14 di lunedi’,poi si riuniranno coi creditori,poi daranno la proroga al giorno del mai,poi valuteranno il da farsi per agosto se nadare ai caraibi o alle maldive,poi a settembre andremo a lentigione

  • 20 Giugno 2015 in 16:51
    Permalink

    Piazza piocion! At si ad Perma zona Ponte Caprazzucca mia americano a tal dig me!

  • 20 Giugno 2015 in 16:53
    Permalink

    Ma che menate vi tirate tutti? Il Parma partirà dalla serie D, ormai è un fatto evidentissimo…togliere le fette di salame dagli occhi please

      • 20 Giugno 2015 in 17:15
        Permalink

        …o un realista e basta….

        • 21 Giugno 2015 in 00:55
          Permalink

          Hai rotto, Boni di Bologna!!!!!!!!!!!

      • 20 Giugno 2015 in 17:37
        Permalink

        Ahaia Majo, questa è veramente una grossa offesa! Dare del Boni a qualcuno è peggio che trattarlo da cornutazzo gufaccio.

  • 20 Giugno 2015 in 17:18
    Permalink

    Il debito sportivo, non si può rateizzare? Quei 5 milioni di tasse per lo meno, non si possono rateizzare? Alla Lazio può rateizzarli in 20 anni. Noi no?

  • 20 Giugno 2015 in 17:24
    Permalink

    Lunedì alle 14 il Parma Fc sarà di proprietà del gruppo Corrado con buona pace di tutti i gufi Boni/Schianchi/Belle’ che spero vengano cacciati dalle TV locali!!!!
    Penso anche che vinceremo Defrel alle buste, dopo sicuramente verrà creduto però intanto Luagesi si prenderà un terzo di quanto vorrebbe!!!!

    • 20 Giugno 2015 in 18:28
      Permalink

      e magari torna osso come allenatore ! 😉

      • 20 Giugno 2015 in 19:27
        Permalink

        Lascialo nella sua masseria giù in Puglia a riordinare le idee…sta studiando degli schemi rivoluzionari….vuole giocare con il doppio regista…anche i suoi fedelissimi Gotti/Bortolazzi/Andreinini/Olive gli hanno consigliato uno psichiatra….povar ragas…anche in Svizzera non lo vogliono!!!!!

        • 21 Giugno 2015 in 00:59
          Permalink

          La mia paura è che resti al Parma in caso di B…allora la risalita in un anno ce la sogniamo. Non è mica Guidolin!
          Come dicevo in tempi non sospetti, non ci casca nessuna grande nel tranello di metterlo sulla propria panchina

  • 20 Giugno 2015 in 18:23
    Permalink

    @direttore mayo: stasera ci informerà dell’esito della conference call di piazza?almeno gli spifferi…se è dentro o fuori..

  • 20 Giugno 2015 in 18:37
    Permalink

    chi ha parlato, il Divino Otelma?

  • 20 Giugno 2015 in 19:05
    Permalink

    Lugaresi pensa al ti avviso di garanzia nador!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI