FALLIMENTO PARMA FC, LA FIGC SOSPENDE PER UN MESE GHIRARDI E LEONARDI: “PARTICOLARE DISVALORE DELLE LORO CONDOTTE”

(da figc.it) – COMUNICATO UFFICIALE N. 4/TFN – Sezione Disciplinare
(2015/2016)
Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare, costituito dall’Avv. Gianfranco Tobia – Presidente f.f., dall’Avv. Arturo Perugini e dall’Avv. Giuseppe Febbo – componenti
– vista la nota del 7 luglio 2015 trasmessa dalla Procura Federale FIGC con la quale
si chiede che sia disposta la sospensione cautelare dei Sigg.ri Tommaso Ghirardi e
Pietro Leonardi da ogni attività in seno alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, ai
sensi di quanto disposto dall’art. 20 del C.G.S.;
– preso atto che l’istanza chiarisce, con riferimento al procedimento aperto per il
fallimento del Parma F.C. S.p.A. ed alle violazioni disciplinari dei suoi
amministratori, che i Sigg.ri Tommaso Ghirardi e Pietro Leonardi avrebbero causato
con il loro comportamento il dissesto della Società;
– preso atto, altresì, che la Procura Federale segnala il particolare disvalore delle condotte dei Sigg.ri Tommaso Ghirardi e Pietro Leonardi in ambito sportivo e il
grave pericolo che possano reiterare le stesse nelle more dello svolgimento delle
attività connesse al procedimento disciplinare;
– ritenuto che la gravità dei fatti e comportamenti rappresentati e attribuiti con
riferimento al fallimento della società Parma F.C. S.p.A., pur se non ancora
sottoposti al vaglio del giudizio disciplinare, spingono questo Tribunale ad
accogliere l’istanza proposta;
– valutata la sussistenza del fumus boni iuris e del periculum in mora e dei requisiti
posti dall’art. 20 C.G.S.
sospende
i Sigg.ri Tommaso Ghirardi e Pietro Leonardi da ogni attività in seno alla Federazione
Italiana Giuoco Calcio per il periodo di 30 (trenta) giorni a decorrere dalla pubblicazione
sul Comunicato Ufficiale.
Si avvisano gli interessati che, ai sensi dell’art. 20, comma 3 del C.G.S., decorso tale termine, il provvedimento di sospensione diverrà inefficace, salvo eventuali proroghe.
Avverso il presente provvedimento, potrà essere proposto reclamo a questo stesso
Tribunale Federale, ai sensi di quanto previsto dall’art. 38 C.G.S.
Il Presidente del TFN – Sez. Disciplinare f.f.
Avv. Gianfranco Tobia

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

58 pensieri riguardo “FALLIMENTO PARMA FC, LA FIGC SOSPENDE PER UN MESE GHIRARDI E LEONARDI: “PARTICOLARE DISVALORE DELLE LORO CONDOTTE”

  • 8 Luglio 2015 in 18:19
    Permalink

    GIUSTIZIA è FATTA! ADDIRITTURA UN MESE!

  • 8 Luglio 2015 in 18:23
    Permalink

    pff… Leonardi farà mercato come lo faceva Preziosi quando era inibito, cioè non metterà lui le firme ma farà il resto.. su Ghirardi.. bè non credo rientrerà più nel calcio…

  • 8 Luglio 2015 in 18:30
    Permalink

    Majo ma Matteom ,adesso scrive sul forum del latina calcio?

    • 8 Luglio 2015 in 18:40
      Permalink

      Era matteob…
      È un po’ che non si vede…
      Non so che fine abbia fatto…

      • 8 Luglio 2015 in 20:40
        Permalink

        E ma sai lui era un tifoso appassionato da tanti anni al Parma che andava in curva con il cappellino rosso…poi casualmente scomparso Leonardi è scomparso anche lui…sarà un caso dai…

  • 8 Luglio 2015 in 18:33
    Permalink

    Mi son letto velocemente la norma (art. 20), se non sbaglio non ci sono parametri temporali sul periodo di sospensione, che è comunque una misura cautelare.
    A livello di giustizia civile e penale non mi permetto di dir nulla e aspetto gli eventi ma in ambito sportivo non ho alcuna remora nel dire che quando arriverà la sanzione vera e propria sarà uno scandalo se sarà qualsiasi cosa di diverso dalla radiazione

    • 8 Luglio 2015 in 18:48
      Permalink

      In italia non si danno 20 anni neanche a chi uccide a sangue freddo, pensi che daranno la radiazione (=ergastolo) a questi due? Dai, siamo seri, cosa ne aveva presi Moggi di inibizione? Ecco, questi dal punto di vista sportivo han fatto molte meno cazzate. Dal punto di vista della giustizia ordinaria poi é un’altra storia, che vadano pure in giro tranquilli che in prigione c’é giá troppo casino e poi il gosino mangia troppo ed é un costo mantenerlo (e io pago…). Vorrei solo che li lasciasero in mutande per coprire i debiti fino all’ultimo centesimo… o all’ultima mutanda!

      • 8 Luglio 2015 in 18:57
        Permalink

        Ok, Moggi é stato radiato, ho detto una minchiata, ma questo non sposta di un filo il mio discorso. 😛

      • 9 Luglio 2015 in 15:12
        Permalink

        De Paolini girava libero…quindi…
        A Pancio Villa Ghiraradi al massimo gli impediranno lo spritz alla sera

  • 8 Luglio 2015 in 18:33
    Permalink

    Continuiamo con queste buffonate delle sospensioni mensili.

  • 8 Luglio 2015 in 18:53
    Permalink

    Mo daiiii…. :-]

  • 8 Luglio 2015 in 18:54
    Permalink

    per quelo il calcio italiano e finito perce non ce giustisia

  • 8 Luglio 2015 in 18:54
    Permalink

    Merde di pari livello.

  • 8 Luglio 2015 in 18:57
    Permalink

    Un mese? Non sarà troppo? Ridicolo…

      • 8 Luglio 2015 in 20:16
        Permalink

        Capisco

  • 8 Luglio 2015 in 19:23
    Permalink

    Misura cautelare…. mi fa sperare in qualcosa che si sta muovendo…..?
    troppo ottimista ??
    sicuramente Lol

  • 8 Luglio 2015 in 19:34
    Permalink

    Trovo questo del tutto scandaloso, Direttore dovrebbe fare un articolo per questa sospensione ma soprattutto per comensta’ andando il calcio. Premesso che possa essere giusta o no la sospensione cautelare trovo assurdo che vengano sospesi due persone ancora indagate e non con un RINVIO A GIUDIZIO attraverso una procura ordinaria, come per esempio il caso Cremona con 104 tesserati RINVIATI A GIUDIZIO tra esse, Antonio Conte, Stefano Colantuono, Stefano Mauri (appena letta notizia sul televideo che Palazzi ha richkesto i fascicoli), o come il caso o Procura di Catania, 170 tesserari RINVIATI A GIUDIZIO, o come il caso Procura di Catanzaro 74 Tesserati RINVIATI A GIUDIZIO o con il Sig. Lotito RINVIATO A GIUDIZIO PER estorsione nei confronti del dg dell’ischia calcio, esiste una notevole differenza tra gli indagati e i RINVIATI A GIUDIZIO, i primi stanno ancora svolgendo delle indagini se sono colpevoli o non colpevoli, i secondi sono con prove di colpevolezza e quindi rinviati a giudizio anche se poi bisognera’ attendere i tre giudizi, pero’ la differenza e’ notevole. Adesso mi, anzi ci aspettiamo serieta’ dalla Procura Federale e dal pinocchio Tavecchio e quindi aspettiamo che vengano SOSPESI anche tutti i procedimenti di RINVIO A GIUDIZIO emessi dalle varie Procure sopra da me menzionate. Direttore lei cosa dice di tutto questo ?? Perche’ sospendono die persone sotto indagini e non sono stati sospesi gli attuali RINVIATI A GIUDIZIO precedentemte quando erano in fase di indagine ??? Aspetto se possibile un suo commento o meglio un suo articolo.
    Cordialmente

    • 8 Luglio 2015 in 20:23
      Permalink

      Se è per quello trovo abbastanza ridicolo che non siano stati sospesi i vertici federali e/o covisoc…

  • 8 Luglio 2015 in 20:27
    Permalink

    io dico una cosa lega italiana figlia di puttana

    • 8 Luglio 2015 in 20:29
      Permalink

      a parte che il turpiloquio non è che lo goda molto, pur avendo una bassa stima della Lega che cavolo c’entra con la federazione?

      • 8 Luglio 2015 in 20:44
        Permalink

        fanno delle leggi del cavolo mettono tessere a destra e manca e poi c sono leggi applicate male fanno iscrivere alla serie a con montagne di debiti e non mi riferisco al parma ma alle milanesi alle romane che se applicassero le norme manco a formello giocano

  • 8 Luglio 2015 in 20:43
    Permalink

    Majo ma il caso Melli com’è andato?!?! La proprietà gli ha offerto un contratto più basso e lui l’ha rifiutato oppure non glielo hanno offerto affatto?

    • 8 Luglio 2015 in 20:58
      Permalink

      Caso melli? E’ scoppiato un caso Melli?

      Per quello che io ne potevo sapere l’idea iniziale era di proporgli un accordo, sia pure a cifre ridotte, ma poi non so se han cambiato idea evitando di offrirgli l’opportunità

      Il ruolo, comunque, in D non mi pare indispensabile.

      Ma c’è anche un caso Levati?

      • 8 Luglio 2015 in 21:43
        Permalink

        No c’è un caso Melli perché molti tifosi hanno saputo che non farà parte di Parma 1913 e su FB è incominciata la protesta…

          • 9 Luglio 2015 in 00:46
            Permalink

            Io sono solo che FELICE!!!!

  • 8 Luglio 2015 in 20:50
    Permalink

    Infatti direttore, partirei dalla covisoc che non ha controllato o addirittura ha certificato, per poi magari passare ad altri scandali come esempio il presidente della lega lnd dimesso per insulti al calcio femminile (da osservare anche che il buon Tavecchio ha insultato extracomunitari ma risulta ancora in carica), poi per passare al presidente di lega pro, dimesso per lo scandalo delle fidejussioni e in fine per arrivare al Sig. Tavecchio che solo per le bigie e prese per il cul o che ci ha fatto a Parma si dovrebbe non solo dimettere ma dovrebbe essere messo in pensione…con la minima sindacale quindi euro 536.00 al mese. Aveva detto che era intervenuto lui a salvare il Parma concedendo euro 5 milioni per l’esercizio provvisorio e che esisteva un fondo americano, qualcuno all’interno di questo sito aveva fatto notare che: quella di Tavecchio era una bufola, perche il suo scopo era solo arrivare alla chiusura del campionato ed evitare richieste di danni da parte di sky se il Parma non scendeva piu’ in campo, quel qualcuno aveva anche annunciato che il Tavecchio d’accordo con il Sindaco stavano solo prendendo in giro la cittadinanza e che poi comunque il Parma sarebbe andato fallito….tanto avevano gia’ l’alibi e i colpevoli e cosi il parma sarebbe andato in mano ad imprenditori molto legati all’unione indistriali, quindi quella persona o piu’ persone sospettavano quello che poi dopo 2 mesi e’ stranamente accaduto. Chiudo per il buon Tavecchio che in giorno si e l’altro no parla…ma quando parla non si ricorda mai che e’ a capo di una Istituzione e visto e considerato che lui ha preso Conte come allenatore della Nazionale….vantandosi, ricordo a Tavecchi che due giorni fa’ alla notizia che conte e’ RINVIATO A GIUDIZIO (dove mi corregga se sbaglio direttore, ma Conte non era stato squalificato 6 mesi attraverso parteggiamento ???) Ora nuovamente RINVIATO A GIUDIZIO da altra Pretura e “casualmente” per lo stesso reato il Sig. Tavecchio dichiarava in una intervista che in Italia ci sono 3 gradi di giudizio e che per lui il Sig. Conte allo stato attuale se pur essendo con un rinvio a giudizio non e’ condannato….quinfi rimane al suo posto. Allora per rispetto, dovrebbe adesso, prima cosa sospendere Antonio Conte e seconda cosa, dimettersi da presidente della federazione per aver fatto un contratto ad una persona gia’ condannata per lo stesso reato e per la quale ha scontato attraverso un patteggiamento 6 mesi. Tutto qui, ma siamo in Italia…..due pesi e due misure e dovrebbero sempre ricordarsi, e vale per la legge ordinaria e per quella sportiva….che sopra la testa del giudice c’e’ scritto….LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI. p.s. che poi Tavecchio non sapeva nulla del caso Parma….andasse a raccontarlo in Pretura, vosto che a me risulta che dal Maggio del 2014 e’ stato sollecitato piu’ volte del problema. Certo ci vorrebbe del coraggio per denunciare tutto cio’ ma in Italia ci si butta sempre dalla parte del piu’ potente….non trova Direttore ?

    • 8 Luglio 2015 in 20:54
      Permalink

      Eh adesso sono anch’io dalla parte dei potenti :p

      • 8 Luglio 2015 in 21:14
        Permalink

        PERO’ DIRETTORE LO AMMETTA, GHIRARDI LE E’ SIMPATICO, nonostante quello che ha fatto al Parma e a lei, L’HA SEMPRE DIFESO, mascherando questa sua difesa con i soliti luoghi comuni, che lei è educato, che non si abbassa e minchiate varie. Sentendo quello che le ha detto in quella famosa conferenza stampa non riesco a capire come ha potuto dimenticare quelle offese che erano peggio di 10 coltellate al cuore Secondo me, darebbe la vita per lui.NON HO MAI POTUTO CHIAMARLO ***** ALTRIMENTI MI CESTINAVA, ANCHE L’ALTRO GIORNO QUANDO LE HO FATTO IL GIOCO DELLA TORRE E LE HO DETTO CHI TRA CORRADO E GHIRARDI SE AVESSE POTUTO, CHI AVREBBE BUTTATO GIU’ DALLA TORRE, LEI HA GLISSATO. ( lei è maestro in questo )OVVIO CHE NON POTEVA DIRE CORRADO ALTRIMENTI salvando Ghirardi, VENIVA CROCIFISSO SUL FORUM DIRETTORE….DIRETTORE. Vuole sapere io come mi sarei comportato se mi fossi trovato sulla torre e avessi dovuto buttare giù uno dei due?? IO senza pensarci un attimo NEMMENO UN NANO SECONDO avrei buttato giù’ GHIRARDI addirittura col …..FORCONE. Quando un bell’articolo dicenso su Ghirardi non delle balle per non incorrere in denunce ma DIRE LE COSE COME STANNO, LEI è un giornalista DI GRANDE SPESSORE che dice di essere libero e che non deve rispondere a nessuno? lo dimostri attaccando l’assassino o gli assassini del Parma.

        • 8 Luglio 2015 in 21:19
          Permalink

          Caro Velenoso, a me di essere crocifisso sul forum importa sega. Di Ghirardi dopo i cinque anni di servizio tra stadiotardini.com/it non ho altro da aggiungere perché non mi piace sparare su un uomo morto, né mi piace stravincere

        • 8 Luglio 2015 in 23:04
          Permalink

          Egregio dottor Velenoso,
          mi consenta di esprimerLe tutta la mia più sincera ammirazione e stima.
          Lei ha uno stile originale ed entusiasmante, mai noioso e, nel leggerla, ci si diverte imparando. Mi ha proprio colpito. Sa, in un marasma mediatico fatto di innumerevoli proposte on line, è facile dire sempre le stesse cose trite e ritrite, usare le stesse espressioni dette e ridette, ed anche le testate più seguite, a ben guardare, sono quello dove il lavoro di approfondimento lascia spesso il tempo che trova, a vantaggio di un cumulo di informazioni trangugiate e mal presentate. Lei va invece con coraggio in un’altra direzione, e questo sentiero alternativo cattura, anche per la delicatezza, con il quale viene tracciato. Quindi lei, assieme ad altri quattro autori di altri siti, è stato scelto dalla nostra redazione per avviare dei colloqui conoscitivi e per aprire un dialogo con varie iniziative che valuteranno loro se possono essere interessanti per loro e per la loro crescita professionale. Noi siamo dell’idea che chi scrive bene su internet possa provare a farlo anche su supporti cartacei. Lei ha meno di 40 anni? Perchè preferiremmo agire con persone dai 25 ai 35 anni. Noi chiediamo ai direttori dei siti presi in esame da noi, la cortesia di iniziare a contattare gli autori scelti. Poi successivamente, dopo aver lasciato un pochino di tempo ai diretti interessati, li contatteremo noi stessi.
          E’ questa un’iniziativa che oltre a valorizzare uno dei suoi autori, farebbe oltremodo crescere la conoscenza del suo prodotto, giudicato di qualità dal nostro team. Noi, per ora non abbiamo ancora un nostro sito, è in fase di studio, perchè in questi mesi abbiamo preferito farci prima una cultura sui siti che interessavano al nostro progetto e trarre così delle conclusioni su chi è, per noi, meritevole di provare a contribuire alle nostre consegne autoriali. Attendo un riscontro del dottor Majo in merito,
          ossequi
          Anna

          • 9 Luglio 2015 in 11:04
            Permalink

            Gentilissima Anna Fanerani, sono shoccato e gratificato per quello che ha scritto di me anche perchè su questo sito quasi sempre vengo attaccato, oserei dire quasi in modo industriale e quindi lei rappresenta una mosca bianca in questo panorama.La ringrazio di nuovo veramente. Al suo progetto però purtroppo non sono interessato anche perchè ho qualche anno in più rispetto a quello che voi cercate. Se però le garba come scrivo, voglio farle un regalo. Io ho scritto un libro “DESTINI MALEDETTI” un romanzo di ben 425 pagine R4 che mi ha dato tante soddisfazioni morali. Modestia a parte, penso di aver scritto qualcosa di veramente interessante ed anche se il romanzo è lungo, mi creda, la noia non esiste. Guardi la coincidenza, ho iniziato questo romanzo il 18.02.12 e l’ho finito l’altro ieri il 7 luglio e il giorno dopo ha scritto lei. Destino? Forse si. Ovviamente il libro lo avevo finito da circa un anno ma l’ho modificato,sminuzzato, tagliato e reso come volevo io RENDENDOLO ORA DEFINITIVO. In versione provvisoria l’avevo fatto leggere anche ad amici che erano già allora rimasti incantati. Non l’ho scritto per fini di lucro ma solo per fare qualcosa di diverso anche perchè conoscendomi bene, sapevo che se iniziavo qualcosa di nuovo il prodotto finale doveva essere all’altezza, dovevo in parole povere superare le mie più rosee previsioni e penso di esserci riuscito Volevo mettere questo romanzo su internet ma non ho voluto, mi sarebbe sembrato di gettare un diamante su un tavolo di cineserie varie A lei però mi piacerebbe farglielo leggere anche se non saprei come farglielo avere se non via e-mail, capitolo per capitolo Io al dottor Majo do il permesso affinchè se da lei richiesto voglia avere la mia e-mail e se poi lei mi manderà la sua potrò inviarle anche se a rate tutti i 44 capitoli.La ringrazio vivamente ancora per le belle parole che non merito ma che ho VERAMENTE apprezzato e che mai dimenticherò. Grazie.

  • 8 Luglio 2015 in 20:52
    Permalink

    ————–PENSIERO DELLA SERA alla “BONI”—————————————————————————————————————————————————–Se rubi poco vai in galera, se rubi molto, fai carriera———————————————————————————————————————

  • 8 Luglio 2015 in 20:56
    Permalink

    …………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………ANDAVANO RADIATI

  • 8 Luglio 2015 in 21:02
    Permalink

    Assolutamente no direttore, era solo un modo di dire per sapere il suo pensiero su cio’ che avevo scritto….io se fossi stato lei nella conferenza dei Corrado, avrei risposto con un phon e un pettine per far capire loro che forse era il caso di tornare nel negozio della Mammina anziche’ vantarsi ad attaccare forse il solo che a Parma ha detto sempre cio’ che pensava e anche ultimamente medagliato dal Sig. Leonardi riconoscendogli la sua onesta’ intellettuale.

  • 8 Luglio 2015 in 21:25
    Permalink

    MI SCUSO CON LEI MAJO SE MI SONO FATTO PRENDERE dall’ incazzamento per la sospensione ridicola inflitta a Ghirardi e me la sono presa con lei. Mi scuso di nuovo.

  • 8 Luglio 2015 in 22:59
    Permalink

    SARO’LAPIDARIO,Grande Majp si può riscattare. Torre, Ghirardi e Corrado chi butterebbe Giu’?

  • 8 Luglio 2015 in 23:49
    Permalink

    Ho letto che Minotti prenderà…diciamo così il posto di tm di Melli
    Vero o falso?

  • 9 Luglio 2015 in 00:16
    Permalink

    Società nuova gente nuova
    Giusto così

  • 9 Luglio 2015 in 00:51
    Permalink

    Gentile Majo,le chiedo due delucidazioni la prima inerente Tavecchio che stando alle ultime dichiarazioni sulla scelta di Parma 1913 stia scaricando un po il barile sul sindaco non le sembra? E si è scoperto il Reale motivo perchè I Corrado vogliono il Parma e perchè Ricci dovrebbe essere interessato ad investire nel Parma?

    • 9 Luglio 2015 in 01:02
      Permalink

      Intanto chiamiamo la nuova società correttamente e cioè Parma calcio 1913. Tavecchio, indubbiamente, sembra fare il Ponzio Pilato decentrando ad altri il peso delle decisioni. No, il motivo per cui i Corrado vogliono il Parma e perché Ricci dovrebbe eessere interessato a investire nel Parma in B mi sfuggono.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 9 Luglio 2015 in 01:05
    Permalink

    Quindi direttore è una grande c……. La notizia della gazzetta di Parma (Minotti per Melli)?

    • 9 Luglio 2015 in 01:10
      Permalink

      sì. o meglio: credo di sì.

      Fino all’altro giorno era sfumata la possibilità in un modo che pareva definitivo. Poi, però, sapete come vanno ‘ste cose. Magari ci ha ripensato, ma inizialmente il Mino risultava non aver gradito la proposta presentatagli, specie in termini temporali.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 9 Luglio 2015 in 01:28
    Permalink

    Direttore qui l unico morto è il Parma.. Ghirardi fino ad.ora è vivo e vegeto in tutti i sensi… Purtroppo

    • 9 Luglio 2015 in 01:30
      Permalink

      Io, in scarsa compagnia, quel che dovevo dire su Ghirardi l’ho detto per sei o sette anni, pressoché inascoltato. Dopo aver fatto il solista ora non ho voglia di entrare nel coro

  • 9 Luglio 2015 in 16:25
    Permalink

    Direttore lei ha ulteriori notizie riguardo ai due personaggi citati nell’articolo? E Taci che fine ha fatto? Manenti se ne sta sempre in galera? Sarebbe interessante un articolo sulle ultime vicessitudini di questi dirigenti/proprietari del defunto Parma F.C., soprattutto per quanto riguarda eventuali sviluppi delle inchieste a loro carico.

    GC

    • 9 Luglio 2015 in 17:06
      Permalink

      Non ho alcuna novità di rilievo su questi personaggi, che immagino sia meglio dimenticare più che ricordare.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 9 Luglio 2015 in 18:13
        Permalink

        Ha ragione lei sul dimenticare. La mia domanda era solo mossa da cuiosità sulla vicenda, siccome c’è un’indagine per banarotta fraudolenta volevo sapere se ci fossero novità.

        GC

        • 9 Luglio 2015 in 19:00
          Permalink

          E’ ancora prestino, ci vuole pazienza: i tempi della giustizia sono lunghetti

    • 9 Luglio 2015 in 17:47
      Permalink

      Faccenda che avevo sollevato pure io…mi rendo conto pero’ che sconfineremmo nel giornalismo d’inchiesta o nella docu-fiction…non possiamo chiedere a Majo di spingersi fin la…
      In ogni caso da altre fonti pare che il Manenti sia ai domiciliari nell’appartamento di mamma’, il Ghiro in vacanza in Sardegna (in attesa di procedimenti giudiziari imminenti che a lungo forse gli impediranno una simile operazione…) il Leonardi pareva doversi accasare al Latina…poi forse avranno letto stadiotardini..(o piu’ banalmente ragionato semplicemente..), inoltre ora ci si e’ messa questa ridicola faccenda della squalifica per un mese a entrambi….ma roba da matti….Taci invece pare essersi volatilizzato ,ma continua a conservare comunque il l raro privilegio di essere fanculato dal direttore ad ogni pie’ sospinto, contrariamente a tutti gli altri tristi figuri protagonisti di questa kafkiana vicenda…
      Cosi’ stanno le cose…

  • 9 Luglio 2015 in 21:11
    Permalink

    La “gente” è strana, prima del pur ridicolo mese di inibizione cautelare pochi parlavano della squalifica (che non era stata comminata), ora tutti a dire veementi che è scandalosa. Ma dove eravamo? Siamo marionette in mano ai media, come sostenevano Marshall Mc Luhan e Karles Popper. Oppure, concetto espresso in modo più popolare da Jannacci, la televisiun la rimbambisà c’me un cujun (coglione in italiano)

  • 9 Luglio 2015 in 21:55
    Permalink

    Karl Popper, non Karles, P.P., ho fatto un mix tra inglese e tedesco, aho, so troppe lingue, faccio casino

  • 10 Luglio 2015 in 08:43
    Permalink

    Mahhh…caro Pencroff…
    Prova ad immaginare….se invece di un mese di inibizione, avessero beccato 6 anni…
    Sarebbero stati del medesimo tono i commenti,sarebbe cambiato qualcosa nell’analisi…
    E ti rispondi da solo….
    E’ l’esiguita’ della pena (rispetto a cio’ di cui si sono resi protqgonisti) che fa ridere i polli…e’ il sistema che fatica enormemente ad autoregolarsi,a dare a se stesso le medicine per curare i propri mali, perche’ non sa riconoscere la malattia…
    Di fatto Leonardi te lo puoi trovare al lavoro da qualche altra parte fra 3 settimane…ed e’ questo che non va bene…non si rforma nulla in questo modo…
    altri stanno pensando in questo momento che quel che hanno combinato loro si puo’ fare…tanto sportivamente almeno al massimo si sta’ fuori dall’ufficio qualche week end…
    Quindi cosa vuoi mai che sia “strana” la gente…sono “strani” gli organi federali di disciplina e giudizio…quelli si che sono strani…altroche’….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI