I METEORismi di Lorenzo Fava (EDIZIONE DILETTANTI) / ANDREA GASPARRI, IL TERZO PORTIERE SENZA GLORIA NELLA STAGIONE 2008/2009. OGGI FA LA PROMOZIONE

227296_1031790405372_9047_n(Lorenzo Fava) – Avrebbe potuto (e, forse, dovuto) rappresentare il futuro portiere del Parma nella seconda decade degli anni Duemila. Invece non ebbe nemmeno un minuto di gloria nell’unica stagione in cui venne inserito in prima squadra. Il nostro focus odierno sulle ex meteore crociate (che – attenzione alla novità di questa edizione – attualmente si ritrovano, proprio come il club ducale, in categorie dilettantistiche, nda) si concentra su un portiere di cui in pochi conservano un ricordo. «È il futuro!», «Scalzerà Pavarini», «Ne sentirete parlare», dicevano di Andrea Gasparri, estremo difensore toscano, classe 1989, arrivato nel Ducato nell’estate 2008 dal Siena (club della sua città natale, in cui muove i primi passi). In quei mesi torridi, che avevano fatto seguito alla prima, storica, triste retrocessione del Parma FC dalla Serie A alla B, gli uomini mercato dell’allora presidente Ghirardi avevano scelto di puntare su un terzo portiere dal profilo giovane e promettente: così dietro al confermato Pavarini e al nuovo acquisto Gianluca Pegolo veniva affiancato un “baby” mestierante come Gasparri.

462293_3279429578478_1527151821_oFisico prestante (89 kg spalmati su 1 metro e 90 d’altezza), spiccata personalità, bravo a comunicare con la difesa (questo il suo biglietto da visita, che mi era balzato all’occhio in un pomeriggio in cui di persona andai ad assistere ad una partita casalinga della Primavera, nda): le premesse sembravano buone. Il ragazzo sapeva che avrebbe dovuto fare la spola tra la prima squadra e la formazione Primavera e che le possibilità di esordire tra i professionisti sarebbero state pressoché pari allo zero; tuttavia, i vertici societari – conti alla mano dopo le ingenti spese fatte per acquisti del calibro di Leon, Troest e vari altri, e per le conferme di alcuni big (dal libro paga pesante) come Cristiano Lucarelli, Stefano Morrone, Vitalj Kutuzov, Damiano Zenoni, Reginaldo, e via dicendo – avevano ritenuto che non ci fosse bisogno di andare a cercare un altro portiere: piena fiducia nel toscanaccio col numero 22, fin da subito aggregato nell’insolito ritiro di Collecchio, studiato ad hoc dalla vecchia volpe Gigi Cagni, il coach prescelto per portare il Parma direttamente nella massima serie.

A un certo momento, l’ascesa di Gasparri sembrava essere arrivata a un punto decisivo: a causa dei diversi guai fisici patiti dal “dodicesimo”  Pegolo (che in prospettiva futura, in caso di promozione in Serie A, avrebbe potuto difendere i pali del Parma da titolare), il diciannovenne senese si trovava spesso convocato in prima squadra, pronto a subentrare, qualora ce ne fosse stato il bisogno, al titolare Pavarini. Ma l’esordio non sarebbe mai arrivato.

Gasparri, dunque, passerà i suoi sabato pomeriggio a guardare i compagni dalla panchina o, al massimo, quando le giornate si rivelavano essere un po’ più fortunate, a giocare insieme ai suoi pari età nei campi del centro sportivo di Collecchio, davanti ad un esiguo numero di spettatori.

423166_3279452979063_984856243_n (2)La situazione si capovolgerà completamente nel mese di gennaio, quando nella finestra di mercato l’allenatore Guidolin (subentrato nel frattempo, per fortuna nostra, a Cagni), preso atto del poco rassicuranti condizioni fisiche di Pegolo, chiese espressamente un altro portiere di fiducia: con l’arrivo di Paolo Ginestra, ex tra le altre di Ternana, Albinoleffe e Vis Pesaro (anche su di lui andrebbe fatto un bel METEORismo), per Andrea Gasparri si erano definitivamente chiuse le speranze di fare una capatina nella serie cadetta.

imagePer la Serie A il Parma ha altre idee tra i pali e Gasparri, nell’estate 2009 – dopo aver preso parte con l’Under 20 ai Giochi del Mediterraneo in Egitto (in cui era il vice di un certo Vincenzo Fiorillo) – viene spedito a farsi le ossa in Lega Pro Prima Divisione: con il Giulianova la parentesi, però, non è delle migliori e così, dopo sole 11 apparizioni (e 16 reti incassate) per il guardiano di proprietà crociata si prospetta una nuova avventura in prestito. La stagione seguente (2010/2011) il Parma prova a farlo crescere nella Giacomense, compagine di Lega Pro Seconda Divisione: anche stavolta la sua presenza non lascia il segno. Gioca appena 2 match ufficiali. Nel frattempo il  Plenipotenziario Leonardi, nuovo braccio destro del boss bresciano, stringe una alleanza d’acciaio con il club laziale del Fondi, all’epoca militante in Lega Pro Seconda Divisione, che ben presto diventa una società satellite in cui spedire a maturare le possibili promesse del vivaio crociato. Il 26 luglio 2011 il portiere passa in comproprietà alla compagine della provincia di Latina (oggi passata di proprietà all’Università Niccolò Cusano, nda), dove riesce finalmente a giocare da titolare: 34 presenze e 43 gol incassati al primo vero anno da protagonista non sono poi così male. La compartecipazione viene risolta a favore dei rossoblù: Gasparri dice per sempre addio a quella maglia crociata che non ha mai avuto l’onore, il piacere, la possibilità di poter indossare e sudare in una gara ufficiale.

La seconda parentesi al Fondi, però, non è felice come quella precedente: nel campionato 2012/2013, il portiere toscano prende i gradi di titolare prima in favore del giovane Victor De Lucia (che sarà anch’egli un futuro acquisto della pesca a strascico del Parma), poi dell’esperto Luca Capecchi (ex Ravenna e Cagliari); alla fine scende in campo solo 13 volte. Il Fondi termina 18^ classificato e, dopo tre anni nella veccia Serie C2, dice addio al professionismo. La stessa sorte capitata al nostro protagonista, che all’età di 24 anni abbandona ogni speranza di sfondare nel calcio che conta.

imageE dopo una non meglio precisata esperienza in Belgio, Gasparri torna in attività nel marzo 2014, quando si accorda con il G.S.D. Staggia (compagine di Promozione toscana): con i neroverdi fa in tempo a disputare 7 partite, di cui l’ultima, quella decisiva, nella gara dal dentro o fuori del play out contro la formazione del San Donato: a causa di una peggiore posizione in classifica, il 2-2 finale condanna la nuova squadra di Gasparri ad un’amara retrocessione in Prima Categoria.

226916_1031790525375_9937_nDopo l’ennesima esperienza negativa, l’ex terzo portiere del Parma nell’ultima annata ha strappato un contratto con il Poggibonsi, club di Serie D: il “Gaspa” parte come titolare, ma l’avventura lascia il segno come fosse sale su una ferita ancora aperta. Dopo 5 partite giocate e 4 gol subiti, viene preferito, come spesso accade in questa categoria, il più giovane vice: tale Francesco Pacini potrà dire di aver fatto indossare per un intero campionato la casacca del dodicesimo ad un ex professionista.

unnamedLe ultime notizie che ci arrivano sul nostro “METEORismo” risalgono ad una quindicina di giorni fa: il 4 luglio Andrea Gasparri ha trovato l’accordo per giocare una stagione nel Gambassi, società toscana neopromossa nel campionato di Promozione, che prenderà avvio al termine dell’estate. Lorenzo Fava

 

LE PRECEDENTI PUNTATE DE “I METEORISMI di Lorenzo Fava” – Edizione Dilettanti

1. STEFANO CRISCI: DUE GOL COL PARMA, MA IN AMICHEVOLE (12.07.2015)

4 pensieri riguardo “I METEORismi di Lorenzo Fava (EDIZIONE DILETTANTI) / ANDREA GASPARRI, IL TERZO PORTIERE SENZA GLORIA NELLA STAGIONE 2008/2009. OGGI FA LA PROMOZIONE

  • 19 Luglio 2015 in 02:56
    Permalink

    Be purtroppo anzi meglio x fortuna i raccomandati fanno poca strada e a parma ne sono passati tanti…soprattutto cn l avvento della nuova societa…formata da leonardi

  • 19 Luglio 2015 in 10:33
    Permalink

    Forse l’avro utilizzato qualche volta a FIFA 😀

  • 19 Luglio 2015 in 17:01
    Permalink

    Mah io me lo ricordo in primavera non era male anche se secondo me a Parma in quei anni c’erano Corradini e Fornari come ’89 fortissimi poi spariti, mentre successivamente si è voluto puntare su degli stranieri inguardabili Petr,Coric,Bajza….mah!

    • 19 Luglio 2015 in 18:24
      Permalink

      Ti correggo solo su una cosa, Federico: Radek Petr era stato il terzo portiere l’annata precedente (estate 2007) all’arrivo di Gasparri (estate 2008), annata che per altro culminò con la retrocessione

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI