I METEORismi di Lorenzo Fava (EDIZIONE DILETTANTI) / “GEOMETRA” LUNARDINI, PREZIOSO SCUDIERO DI GUIDOLIN NEL 2009, POI SCARICATO DAL PARMA IN SERIE A

image(Lorenzo Fava) – Gennaio 2009. In Serie B, il Parma – che, dopo una falsa partenza, ha salutato Gigi Cagni, affidando la panchina a Francesco Guidolin – ha intenzione di investire qualche ghinea sul mercato di riparazione, in modo accaparrarsi alcuni elementi utili al fine di raggiungere la promozione diretta in Serie A. Nella lista della spesa dell’ex tecnico di Vicenza, Bologna e Palermo ci sono due precisi punti fermi: un bomber e un centrocampista di qualità.

Nel ruolo di attaccante l’identikit cercato ha già un nome e un cognome: Daniele Vantaggiato, che nel Rimini ha realizzato 13 gol in 21 presenze. È lui l’obiettivo numero uno dei crociati. Serve, comunque, un regista – visto che fino a quel punto le prestazioni di Alessandro Budel e, soprattutto, Francesco Parravicini hanno lasciato parecchie perplessità. Ma il mercato cadetto offre poco in materia di “architetti” del gioco della mediana. Il tecnico veneto si convince che non sia necessario un eccelso palleggiatore, piuttosto occorre qualcuno che si limiti a fare ciò che viene dettato dalla panchina durate le partite del sabato pomeriggio: e così, Guidolin suggerisce agli uomini mercato del club di far inserire nella trattativa per Vantaggiato anche un apparente sconosciuto centrocampista del Rimini, Francesco Lunardini (classe 1984). Un onesto mestierante del centrocampo, un giocatore low profile, umile e al servizio della squadra, ma ancora non troppo noto agli appassionati di Serie B. Infatti quella del 2008/2009 era appena la sua seconda esperienza nel campionato cadetto: i bianco-rossi di Romagna – club in cui aveva mosso i primi passi ed esordito in C1 all’età di 18 anni nel campionato 2002/2003 (giocando 7 partite) – avevano deciso di puntare su di lui soltanto nell’estate 2007, dopo l’esperienza in prestito alla Val di Sangro (25 presenze ed una rete nella Serie D 2003/2004) e quella di durata triennale al Pavia (dove, dal 2004 al 2007 appunto, aveva calcato i campi della terza serie più importante d’Italia per 83 volte). Già in questo articolo de La Provincia Pavese del 22 febbraio 2007 si capivano quali potessero essere i punti di forza di questo ragazzo dall’estrema semplicità: allenarsi seriamente e non voler strafare in campo. Al Rimini, nella stagione 2007/2008, gli affidano le chiavi del centrocampo: le sue prestazioni non sono mai sopra le righe, ma gli valgono quasi sempre la sufficienza in pagella. Francesco Guidolin inizia a farlo visionare; e nel mercato di gennaio – quello dei disperati – lo pretende, forse anche più del compagno Vantaggiato. Entrambi saranno acquistati in comproprietà grazie allo scambio che porterà lungo la riviera romagnola i due attaccanti Paponi e Matteini, che nel Parma fino a quel punto erano rimasti ai margini del progetto tecnico.

Arrivato in punta di piedi – «Le mie caratteristiche principali sono il gioco semplice (…). Cerco di fare le cose semplici, giocando sempre la palla, senza buttarla via, nel limite del possibile» disse, come riporta il forum Orgoglio Crociato, il 21 gennaio 2009, giorno della sua presentazione –, il nuovo numero 8 crociato riusciva a imporsi partita dopo partita all’attenzione generale, diventando una pedina preziosa per la promozione finale del team in Serie A. Al termine del campionato le sue apparizioni in maglia parmigiana saranno 19, condite anche dal primo gol segnato tra i professionisti: la prima esultanza in maglia gialloblù per una rete messa a segno coincide in quel Parma-Vicenza della penultima giornata, divenuta famosa per la morte di Bortolon, il tifoso vicentino precipitato dalle gradinate dello spicchio laterale della Curva Sud. In quel contesto surreale, le rete (nel video al minuto 0:57, nda) di Lunardini parve quasi involontaria: il cross dalla sinistra di Leon pesca a centro area l’ex mediano Rimini, che sfruttando lo spazio concesso dai difensori ospiti, con un lungo stop di piatto destro beffa il portiere avversario Frison. Nonostante alcuni rumors agostani di mercato lo volessero già con le valigie pronte, il “geometra” Lunardini viene inserito nella rosa del Parma 2009/2010, che si appresta di nuovo a calcare i prestigiosi palcoscenici della Serie A.

Mister Guidolin ha piena fiducia del suo scudiero, tant’è che lo fa esordire nel massimo campionato di calcio il 30 agosto nell’esordio vittorioso di un Parma-Catania 2-1, disputatosi al Tardini. Spesso preferito al regista puro Nicolas Cordova (che con il tecnico di Castelfranco Veneto non strinse un solido feeling, nda), Lunardini si ritaglia un piccolo angolo di cielo anche in A, fino a quando nel mese di gennaio non viene prelevato in prestito dal West Ham l’ex Inter Luis Jimenez. Al termine di quel campionato, in cui il Parma terminò in 8^ posizione da neopromosso, le partite disputate da Lunardini saranno 18. Nell’estate 2010 il Parma ne riscatta interamente il cartellino, per poi mandarlo in prestito in Serie B in modo da consentirgli di giocare con maggiore continuità: il futuro per lui si chiama Triestina, ripescata in cadetteria per il campionato ’10/’11. Il “geometra” inizia bene la sua avventura e segna pure 2 gol in 13 presenze. Resteranno le uniche. La stagione degli alabardati, purtroppo, si concluderà con un’amara retrocessione in Lega Pro. Il destino del centrocampista di proprietà del Parma è ancora in Serie B: i crociati lo girano alla società satellite del Gubbio, promossa per la prima, storica volta in cadetteria. Quella degli eugubini sarà solo un’esperienza da mordi e fuggi: per il giocatore romagnolo (che in quella stagione gioca 21 match e segna pure una rete) si materializza l’incubo della seconda retrocessione consecutiva.

Nonostante sulla panchina del Parma, nel frattempo, si siano succeduti nell’ordine Pasquale Marino, Franco Colomba e Roberto Donadoni, al centrocampista non viene data nessuna chance e viene presto scaricato dal club emiliano che per la stagione 2012/2013 decide di mandarlo (per il terzo anno di fila) in prestito, stavolta facendolo scendere di categoria: lo accoglie il San Marino, compagine di quella Lega Pro Prima Divisione che il centrocampista si era guadagnato (si fa per dire) sul campo, “grazie” agli insuccessi con triestina e Gubbio. L’annata in parte lo riscatta: il club sanmarinese si piazza al 9^ posto finale e ha in Lunardini (che gioca 29 partite) uno dei punti fermi.

Sebbene si possa pensare che la carriera del “nostro” sia pronta finalmente per ripartire, dalla categoria superiore non arrivano chiamate e, terminato il contratto col Parma (che gli aveva fatto girare in lungo e in largo il centro-nord della penisola), Lunardini decide di ripartire dalla Serie D. L’ex pupillo di Guidolin, nell’estate 2013, si accorda con l’Alma Juventus Fano, compagine fresca di retrocessione dalla Lega Pro Seconda Divisione. Il primo anno tra i dilettanti scorre via più tra bassi che tra alti: gli ambiziosi romagnoli terminano soltanto 12^ nel girone F, mentre Lunardini gioca 26 gare e va in rete una sola volta. Nella stagione da poco terminata, le cose per Lunardini (protagonista con 29 apparizioni) e per i granata sono andate decisamente meglio: secondo posto finale. Che grazie a un ripescaggio – e non è una cosa improbabile, dopo numerosi di fallimenti che, inesorabili, in queste settimane, hanno compromesso il destino sportivo di decine di club di Lega Pro, nda – potrebbe riportare il Fano e Lunardini nel calcio professionistico. Altrimenti, le strade dell’ex numero 8 crociato e quelle del Parma potrebbero re-incrociarsi ancora, ma stavolta da avversari. E in Serie D. Lorenzo Fava

LE PRECEDENTI PUNTATE DE “I METEORISMI di Lorenzo Fava” – Edizione Dilettanti

1. STEFANO CRISCI: DUE GOL COL PARMA, MA IN AMICHEVOLE (12.07.2015)

2. ANDREA GASPARRI, IL TERZO PORTIERE SENZA GLORIA NELLA STAGIONE 2008/2009. OGGI FA LA PROMOZIONE (19.07.2015)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “I METEORismi di Lorenzo Fava (EDIZIONE DILETTANTI) / “GEOMETRA” LUNARDINI, PREZIOSO SCUDIERO DI GUIDOLIN NEL 2009, POI SCARICATO DAL PARMA IN SERIE A

  • 26 Luglio 2015 in 11:17
    Permalink

    Mi piaceva proprio per l’ordine e la pulizia. Un acquisto davvero azzeccato a quel tempo.

  • 27 Luglio 2015 in 11:15
    Permalink

    lunardini gran giocatore (ho scritto un commento anch’io così arriviamo a 2: un articolo così poco commentato non era mai successo, neanche Giuli e Giovanni Corrado hanno scritto qualcosa)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI