IERI L’UDIENZA DELLO STATO PASSIVO DEL FALLIMENTO PARMA FC: GLI “ALTRI” DEBITI, OLTRE A QUELLI SPORTIVI, AMMONTANO A CIRCA 68 MILIONI DI EURO

(gmajo) – La giornata di ieri, lunedì 20 luglio 2015, nelle aspettative di molti tifosi crociati era quella in cui il presidente federale avrebbe dovuto sciogliere le sue riserve circa l’erede della tradizione sportiva dell’estinto Parma FC: l’attesa. però, è stata vana giacché Tavecchio infine non ha forzato i tempi, benché avesse riferito alla Gazzetta di Parma che avrebbe indicato un nome o venerdì 17 o lunedì 20 luglio. Insomma ci sarà da attendere il giorno 24, quello cioè indicato dal “bando”, anche perché sempre ieri, lunedì 20, alla Gazzetta di Parma avrebbe dovuto pervenire, da parte di Giovanni Corrado che lo aveva promesso a Sandro Piovani, la famosa ricevuta di versamento alla Figc del previsto assegno da 300.000 euro per l’iscrizione al campionato interregionale; scontrino non pervenuto, ergo: con ogni probabilità la documentazione è sempre monca, e non solo per il mancante endorsement del Sindaco. E senza la documentazione di entrambi i competitor è più igienico attendere il 24, onde evitare perniciosi ricorsi. Ma ieri, lunedì 20 luglio, era anche – come ci aveva ricordato il nostro lettore Giacomo – il giorno della udienza dello stato passivo del Parma F.C. extra debito sportivo (che sarà nel frattempo ridiscusso, essendo i precedenti tagli decaduti per il mancato conseguimento dell’obiettivo della vendita dell’azienda sportiva del Parma FC con il mantenimento della serie B, con nuova udienza il prossimo 3 settembre): il 7 luglio scorso vi avevamo riferito che era stato presentato il progetto, con una somma stimata dai Curastars di circa 62 milioni di euro, ma il giudice Rogato, che ha sciolto la sua riserva nel tardo pomeriggio dopo la discussione in udienza la mattina, ne ha inseriti altri, circa 6 milioni in più (circa 5 nella categoria pignoratizi – appannaggio del credito sportivo con prelazione sul marchio Parma F.C. e circa 1 tra i privilegiati), per una somma complessiva di circa 68 milioni di euro. Ecco qualche dettaglio cumulativo:

Richieste dei creditori:
credito privilegiato:   euro  31.722.622,08
credito chirografario: euro  35.359.641,45

Proposte dei curatori:
credito privilegiato:   euro   17.005.595,87
credito chirografario: euro   45.294.451,90 
esclusione:              euro     4.782.215,76

Decisione presa:
credito privilegiato:   euro     22.789.829,66
credito chirografario: euro     45.860.320,01
esclusione:              euro       4.200.002,75

imageIl giudice ha confermato in toto l’esclusione delle richieste degli  ex membri del collegio sindacale e quella della società di revisione dei conti Price Waterhouse, non eccependo nulla sulle motivazioni indicate dai Curastars sul loro operato (leggi qui). I cinque milioni "di Tavecchio", anzi della Lega Serie A, per  finire il campionato di serie A sono stati inseriti tra i chirografari. Rigettato un credito di oltre un milione e mezzo dell’ex socio di minoranza Energy T. I. Group.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

DEBITO SPORTIVO? E’ TUTTO DA RIFARE: IL GIUDICE ROGATO HA FISSATO PER IL 3 SETTEMBRE UN NUOVO ESAME DELLO STATO PASSIVO PER L’INEFFICACIA DELLE TRANSAZIONI SUBORDINATE AL PARMA IN B

IL J’ACCUSE DEI CURASTARS: “GRAVI VIOLAZIONI DEL COLLEGIO SINDACALE: NON RILEVATE IMPORTANTI IRREGOLARITA’ CONTABILI E DI GESTIONE E PLURIMI INADEMPIMENTI”

L’AVVOCATO MALVISI E LE INADEMPIENZE DI MANENTI ALL’ESITO DELL’ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 13 MARZO SCORSO

FALLIMENTO PARMA F.C., MANCA SOLO L’UFFICIALITA’, MA TUTTO E’ PREDISPOSTO PER L’ESERCIZIO PROVVISORIO. RICCOBENE: “DOMENICA, COMUNQUE, SI POTREBBE LO STESSO GIOCARE” video

CALCIO & CALCIO / Il video della 27^ puntata del talk show di Teleducato e la fotogallery amatoriale dal backstage

Guarda “Membro collegio sindacale: rinvio” su YouTube

MAGICO PARMA: “LA LETTERA DI ACCREDITAMENTO DEL SINDACO E’ L’UNICO DOCUMENTO CHE NON ABBIAMO POTUTO PRESENTARE”. LA CHIOSA DI MAJO

TAVECCHIO NON HA ANCORA DECISO CHI SARA’ L’EREDE DELL’ESTINTO PARMA F.C. PERCHE’ MAGICO PARMA NON HA ACCOMPAGNATO LA RICHIESTA DI AMMISSIONE CON L’ASSEGNO DI 300.000 EURO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

131 pensieri riguardo “IERI L’UDIENZA DELLO STATO PASSIVO DEL FALLIMENTO PARMA FC: GLI “ALTRI” DEBITI, OLTRE A QUELLI SPORTIVI, AMMONTANO A CIRCA 68 MILIONI DI EURO

  • 21 Luglio 2015 in 05:26
    Permalink

    Corrado si sta comportando da troll. Lasci stare.

  • 21 Luglio 2015 in 06:20
    Permalink

    E pensare ke stì Esseri si Lamentavano del Pubblico !!!!

    Poki Abbonati Gente ke Fiskia Città Provinciale ecc. !!!!

    Voi invece NON siete neanke il Gatto e la Volpe !!!!

    Ke Dio vi Stramaledica la Facciaccia Vostra !!!!

  • 21 Luglio 2015 in 09:25
    Permalink

    Sarà una mia impressione ma penso che in caso di serie D faremo molti più abbonati che se dovessimo essere ripescati in lega pro. E non è certo una questione di prezzo ma di voglia di ripartire da zero e fare la grande cavalcata. Penso che sia una cosa stimolante per i tifosi. Poi credo ci sia anche tanta voglia di fare tanti abbonamenti per battere i record abbonati serie D. Impressioni mie? Corbellerie? Mah…

    • 21 Luglio 2015 in 09:54
      Permalink

      idealistiche romanticherie.
      peraltro bisognerebbe evitare di considerare i propri pensieri o desideri personali o di qualche amico come se fossero l’espressione di quelli della intera tifoseria.
      perdi la prima partita e vedi la grande voglia di impresa che ti rimane.
      le scelte debbono essere razionali possibilmente non condizionate da talebanate ideologiche ingabbiate in schemi sacchiani.
      cordialmente
      gmajo

      • 21 Luglio 2015 in 11:40
        Permalink

        Quoto in toto Direttore. Se oltre alla prima partita perdiamo anche il campionato e ci ritroviamo a fare 2 stagioni in D il progetto crolla miseramente. Purtroppo un anno senza calcio giocato ci ha fatto dimenticare l’importanza del campo e delle vittorie.
        Infatti sono anche convinto che, se vengono meno i risultati sportivi in D, la trasparenza su ingaggi, conti e progetti verranno rapidamente messi in secondo piano.
        Ricordiamoci che tutti elogiamo la verdura biologica ma poi compriamo quella che piace di più alll’occhio e al portafogli.

    • 21 Luglio 2015 in 14:24
      Permalink

      Magari faremo il record di abbonati, ma si fidi, alla 3° partita casalinga lo stadio sarà vuoto! …
      La serie D sarà anche romantica ma di spettacolo se ne vede veramente poco…ci ho giocato fino a due anni fa e le garantisco che pur essendo del mestiere, una volta finito di giocare, pur essendo appassionato di questa categoria, mai e poi mai mi impegnerei per un intero campionatoio a vedere certi spettacoli (qualche partita si, ma non di più)
      Poi è vero, l’amore per una squadra ci porta a fare sacrifici…ma la serie D no, non si può guardare. Poi qui a parma sappiamo che ci sono “palati fini” che già facevano fatica a seguire un campionato di medio/bassa classifica in A, quindi figuriamoci che seguito potremo avere passata la sbornia iniziale…
      Sicuramente faremo il record di abbonamenti poichè, a certi prezzi, tutti vorranno “fare un’offerta” ma non poniamoci il problema della capienza ridotta del Tardini e tantomeno degli stadi poco capienti delle altre compagini….
      Secondo me l’unica nostra salvezza è il ripescaggio il lega pro.
      Luca

    • 21 Luglio 2015 in 21:03
      Permalink

      Te me accorgerai di quanto sarà difficile la serie D.Non sarà una cavalcata e se sbagli giocatori è probabile che fai un altro anno tra i dilettanti.Quando ci sono molte aspettative e tutti pensano che ognni partita va vinta per 4-0, ci voglipno giocatori tosti con le palle altrimenti la tensione ti fanno rendere la metà.

  • 21 Luglio 2015 in 10:42
    Permalink

    Giusto Gabriele, infatti ho parlato a nome mio non di tutti ( non come Corrado che pensa che tutta parma sta con lui). È solo una mia sensazione…romantica ma puramente personale.

    • 21 Luglio 2015 in 10:50
      Permalink

      ma salire dalla c alla a perche’ sarebbe meno entusiasmante?

      • 21 Luglio 2015 in 11:50
        Permalink

        Un filino di meno!

        • 21 Luglio 2015 in 21:07
          Permalink

          Diego ma forse non ti rendi conto che forse se partiamo dala D, se qualcosa va a puttana rischiamo di rimanere tra i dilettanti per un altro anno.Meglio di gran lunga la LEGA PRO.

          • 22 Luglio 2015 in 07:37
            Permalink

            Carissimo, io amo il rischio e ne sono anche consapevole di ció che hai scritto. Ma visto che ho 40 anni, sono abbonato al parma da 30 e mi abbonerei anche in terza categoria, non mi spaventa un eventuale passo falso in D. Poi, come ho detto prima a Majo, io parlo per me, ma quello che mi fa rimanere tranquillo è la proprietà che con i nomi altisonanti che hanno non penso vogliano fare figure da cioccolatini e rimanere in D a vita. (Sempre sperando che sia Parma calcio 1913)

  • 21 Luglio 2015 in 10:59
    Permalink

    gabriele credo che il parma verra ripescato non tutte potranno permettersi i soldi per iscrizioni e anche nel caso (vengano scelti) parma calcio 1913 e loro non volessero la c credo che la federazione fara di tutto per fargli cambiare idea, avere il parma in lega pro e diverso che avere con tutto il rispetto il pordenone

    • 21 Luglio 2015 in 11:10
      Permalink

      indubbiamente. Ma nella accezione talebano-ideologica con rigidi schemi sacchiani la Lega Pro equivale a scendere a patti con Tavecchio…

  • 21 Luglio 2015 in 11:10
    Permalink

    Vedo anch’io tanto euforia, ma andrei con i piedi di piombo, perché ha ragione mayo se perdi una partita o due all’inizio voglio vedere quanta gente sarebbe ancora d’accordo se era meglio fare la D o la lega pro……!!! Mi scuso per la maleducazione visto che ho scritto senza augurarvi il buongiorno!

    • 21 Luglio 2015 in 11:37
      Permalink

      buongiorno a te, e anzi perdonami se non ti avevo risposto al commento dell’altro giorno dopo la deliziosa serata a sala baganza, ma sono sempre con il muletto di emergenza, visto che il telefono è di nuovo ricoverato…

      Venendo al tema “lega pro-d”: io sono abbastanza contrario alle ideologie tabelane, per cui se il problema, come mi spiegava giusto quella sera un interlocutore, estraneo alla società, ma ben inserito in newco2, è il non accettare piaceri di Tavecchio per non avere poi doveri di riconoscenza, io capovolgerei il problema, nel senso che sono loro ad avere concreto interesse di averci in Lega Pro. E comunque la serie D fa sempre parte della FIGC, non è che sia un campionato csi o uisp, quindi c’è pur sempre da avere a che fare con Tavecchio…

      Poi se è una questione di progettualità se ne può anche prendere atto, ma va dichiarato apertamente e ben spiegato, giacché io non sono affatto convinto che siano poi così tanti a pensarla come diego che d è bello. Insomma, se la si potesse evitare sarebbe meglio…

      Io resto dell’idea che lo staff che è stato creato sia più idoneo al professionismo che non al dilettantismo e che forse sia più semplice trovare giocatori per far euna buona lega pro che non la serie d…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 21 Luglio 2015 in 13:17
        Permalink

        Magari la NewCo 1 potrebbe essere portata a credere che un campionato di Lega Pro possa comportare maggiori e più complesse responsabilità. Salire di categoria dalla Lega Pro (stando a quanto mi dicono amici esperti, io ne so poco o nulla) è compito assai arduo, ed un fallimento al primo tentativo, magari passando attraverso un campionato anonimo, potrebbe mitigare l’entusiasmo dei tifosi cosa che, un’immediata vittoria del campionato di serie D, potrebbe invece accendere ulteriormente. Diciamo che la D potrebbe essere affrontata come una cavalcata trionfale (almeno si spera), iniziando così la nuova avventura con il piede giusto. Personalmente rimango dell’idea che se ci fosse la possibilità di accedere alla Lega Pro andrebbe sfruttata senza nemmeno pensarci.
        Un saluto

        • 21 Luglio 2015 in 13:47
          Permalink

          Hai ragione ma tanto prima o poi il “problema” lega pro si pone..con una cavalcata in d (ammesso ci si riesca) ci sarebbe comunque il rischio di un brutto risveglio, il tutto con un anno in più passato

        • 21 Luglio 2015 in 14:11
          Permalink

          In lega pro ci sono i playoff per un posto in serie b. In D c’è solo chi vince e con il blocco dei ripescaggi dal prossimo anno non sale più nessun altro. La D e’ molto più difficile, se possibile conviene pagare la tassa e salire subito

      • 21 Luglio 2015 in 23:00
        Permalink

        A proposito di cellulare, ho notato alla festa dei boys mentre scattava foto, che ha un cellulare di bassa cineseria, UN VERO ROTTAME, con un display talmente piccolo che ci vorrebbe per vederlo bene, la lente d’ingrandimento. Se ne compri uno nuovo, un giornalista come lei lo merita. Si faccia un regalo o in subordine, se lo faccia regalare dalla Rosy……

  • 21 Luglio 2015 in 11:22
    Permalink

    Basta patti col diavolo mi sembrava assodato!..basta interessi di lega!..basta!

  • 21 Luglio 2015 in 11:30
    Permalink

    Scendere a patti… sempre una cosa che ricorda un’arma a doppio taglio. ..
    abbiamo tutti ben presente che da che la lega ci concesse i 5 milioni (sappiamo bene che fu per loro non per noi !!!!!! 5 milioni di Prestito..non regalo) in ogni trasmissione dalla più piccola alla più grande si levarono voci contro di noi come “troppo aiutati”.. “privilegiati” e così via…
    Questo ci può nel nostro piccolo far diventare anche un pò “masochisti”..che si traduce in un orgoglioso : facciamo da soli.
    Io spero che se c’è ne sarà la possibilità l’occasione di partire dalla Lega Pro venga sfruttata. .

  • 21 Luglio 2015 in 11:40
    Permalink

    SINCERAMENTE NON CAPISCO COSA CI SIA DA ASPETTARE
    PERCHE’ NON DICONO ?
    PERCHE’ TAVECCHIO NON SI MUOVE A DARE LE SUE INDICAZIONI, SE E’ ANCHE NELL’INTERESSE DELLA FIGC AVERE IL PARMA REISCRITTO?
    PERCHE’ LE DUE CORDATE NON FANNO PRESSIONE?
    IO SE VOGLIO UNA COSA SARO’ FATTO MALE MA CONTINUO A SOLLECITARE FINO A SFINIMENTO.

    QUA NON SI SA NIENTE NESSUNO DICE NIENTE

    SALUTI DIRETTORE

    • 21 Luglio 2015 in 12:19
      Permalink

      Caro alessio,

      su stadiotardini.it, come noto, mi prodigo a interpretare gli eventi con una certa razionalità – esercizio peraltro difficile negli ultimi 12 mesi che di razionale hanno avuto ben poco, ma tant’è… – e invito i lettori a fare lo stesso, o per lo meno a non perdere mai di vista punti essenziali.

      Per quanto concerne la decisione su quale squadra raccoglierà l’eredità della tradizione sportiva dell’estinto Parma F.C. esiste una data scritta (sul documento inviato dalla Figc al Sindaco e da questi alle due società interessate) che è quella del 24 luglio. Motivo per cui credo sia concettualmente sbagliato titolare: “La decisione della Figc slitta al 24”. Non è slittato nulla, visto che quella era la data fissata per iscritto.

      Data, quella del 24, che, come ho scritto anche in altre occasioni, era probabilmente collocata un po’ troppo in là, ben sapendo che c’erano già soggetti interessati. Uno in particolare, Parma Calcio 1913, sarebbe stato pronto già ad essere iscritto con tutti i carismi già a inizio luglio, visto che da mesi lavorava sull’obiettivo, conoscendo a menadito ogni risvolto della burocrazia regolamentare. Probabilmente ci fosse stata solo questa SSD Parma avrebbe già la sua squadra di riferimento. Il fatto è che si è inserita Magico Parma, che dopo aver volontariamente rinunciato a fungere da salvatore del Parma in B, nonostante le incredibili facilitazioni avute, ha dirottato il proprio interesse alla serie D, a loro dire spinti dai tifosi, e per dimostrare la serietà delle loro intenzioni per la B. Io credo che abbiano ottenuto proprio l’effetto contrario…

      Orbene: la data, dunque, è il 24. Nell’ambiente, però, si era diffuso un certo ottimismo che potesse arrivare il verdetto ancor prima: sarebbe stato necessario, tuttavia, un gentlemen agreement tra tutti gli attori. Un fair play che palesemente non c’è stato, in virtù del fatto che la richiesta di Magico Parma il giorno 17 risultava incompleta e lo era volontariamente incompleta, visto che al sottoscritto il signor Giovanni Corrado aveva detto che non aveva ancora versato, in attesa del 24, i 300.000 euro di iscrizione ai sensi del comma 10 dell’art 52 Noif . Egli ha successivamente scritto che si trattava di un malinteso: io, però, mi ricordo perfettamente cosa mi disse e se ha traccia registrata della nostra conversazione può comodamente riascoltarla e rinfrescarsi la memoria. Certo, potrebbe anche essersi sbagliato, ma siamo arrivati a martedì, e non c’è alcuna traccia di ricevute di versamento da parte della FIGC, nonostante avesse dichiarato a Piovani che lunedì l’avrebbero pubblicata… Corrado, poi, ha sviato sulla mancanza dell’endorsement del sindaco, che in effetti è richiesto in calce alla lettera federale, anche se i punti essenziali sono altri, tra cui, appunto, la quota di iscrizione… Parma Calcio 1913 ha fatto una richiesta sovrabbondante aggiungendo, ad esempio, una non richiesta dichiarazione di appoggio da parte del Centro di Coordinamento Parma Clubs.
      Ad aggiungere confusione o alimentare aspettative la dichiarazione raccolta dalla Gazzetta di Parma direttamente dal presidente Tavecchio che aveva indicato venerdì 17 o al massimo lunedì 20. E’ chiaro che questo strillo in prima pagina avesse un po’ illuso tutti, ma se la scadenza sul bando è il 24 è giusto aspettare il 24, specie se palesemente non c’è fair play di una parte in gioco.
      Quindi, a mio modo di vedere, adesso non c’è da fare alcuna pressione ma aspettare sereni il giorno 24: perché anticipare sarebbe un ulteriore papocchio.

      Cordialmente
      Gmajo

  • 21 Luglio 2015 in 11:41
    Permalink

    Considerato che alla Figc non importa più una mazza del parma ormai temo che non sapremo nulla neanche il 24..perché quella è la data della scadenza delle richieste e purtroppo non è affatto detto che tavecchio debba pronunciarsi subito! Potrebbe anche prendersi dell’altro tempo per il verdetto…e noi continuiamo a farci prendere per i fondelli!

    • 21 Luglio 2015 in 11:44
      Permalink

      Pare che Tavecchio avesse voluto decidere prima, ma che siano stati gli avvocati a sconsigliarlo per via di certi ricorsi se non si fosse rispettata la data stabilita sul “bando” cioè il 24. Quindi non credo se aveva voglia di decidere prima di tintognare oltre dopo

  • 21 Luglio 2015 in 11:57
    Permalink

    Mi risulta che barilla sia il main sponsor delle squadre nazionali di basket come mai dopo tanti anni di silenzio un ritorno allo sport e anche al parma calcio 1913.
    Maio come interpreti il ritorno allo sport della nostra multinazionale parmigiana?
    Strategia di mercato o volontà di cambiare rotta rispetto al passato?
    Potremmo un giorno vedere lo sponsor barilla sulla nostra gloriosa maglia crociata?

    • 21 Luglio 2015 in 12:36
      Permalink

      Io credo che un marchio (non il, un) della Barilla potrà già campeggiare sulla crociata di ques’anno, ma secondo me si tratta di un intervento minore rispetto a quello di Parmalat, sempre che questi venga confermato.
      Non so quanto sia corretto, al momento, mettere in correlazione la sponsorizzazione aziendale nel basket con l’ingresso a titolo personale nel Parma Calcio 1913, tuttavia confortante questo interesse per un aiuto allo sport che va registrato comunque con favore.
      Io capisco le romanticherie da tifosi, ma penso che più che avere sulla maglia il logo di Barilla, è fondamentale il suo apporto in società.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 21 Luglio 2015 in 12:06
    Permalink

    di solito viaggio sei mesi avani a tutti,se volete vi dico come saremo messi e dove a dicembre

    • 21 Luglio 2015 in 16:27
      Permalink

      Illuminami

  • 21 Luglio 2015 in 12:44
    Permalink

    LA RINGRAZIO DELLA SPIEGAZIONE ESAUSTIVA DIRETTORE
    GRAZIE MILLE MENO MALE CHE C’E’ LEI, NONOSTANTE GLI ATTACCHI IDIOTI CHE LE HAN RISERVATO CERTI CIARLATANI
    GRAZIE E SALUTI

  • 21 Luglio 2015 in 13:57
    Permalink

    Lei direttore per caso sa quali sono i parametri in base ai quali un giudice decide come classificare i crediti? Cioè in base a cosa un creditore si ritrova inserito nell’ambito dei privilegiati o dei chirografari o addirittura, come mi pare di aver capito sia successo ad Energy Ti, vede rigettata la propria richiesta di credito?

  • 21 Luglio 2015 in 14:19
    Permalink

    Gabriele volevo precisare che io sono d’accordo con te non mi piace fare accordi con taleggio ma vorrei ricordarti che il patto con il “diavolo” e stato già fatto con l’iniezione dei 5 ml per far continuare il campionato, perciò anche se si fa adesso non mi meraviglio di niente e ovvio che a me non piace ma credo ripeto che farebbe comodo a tutti citta, federazione e mondo del calcio compresa avere il Parma in c saluti davide

  • 21 Luglio 2015 in 15:52
    Permalink

    Certo che mi chiedo chi abbia suggerito la data del 24 luglio a tavecchio.. Magari è solo per permettere a tutte le formazioni ripescate nei dilettanti di trovare i soldi e completare i documenti necessari, però non mi stupirei se sotto sotto ci fossero anche gli interessi dei club già esistenti, interessi protetti da tavecchio in quanto ex presidente della lnd

  • 21 Luglio 2015 in 15:57
    Permalink

    Cmq la tristezza del momento, al di là delle feste di quei 4 pagliacci del centro di coordinamento (sodali del magico duo fino all’ultimo) i cui vertici sono gli stessi da tempo immemore è esemplificata dalle seguenti cose:
    – il deserto fuori dal tribunale ieri all’udienza di stato passivo (manco un co.co.pro o stagista del foglio dell’Upi, bene o male si parla di un buchetto da 200 milioni direi che un pò di cronoca la meriterebbe), segno che siamo completamente spariti dai media;
    – lo spazio dedicato alle opinioni di tale Marco Osio sempre sul foglio di carta da cesso di provenienza UPI e di rimando sui siti copia/incollatori. Marco Osio le cui opinioni penso non importino a nessuno e Marco Osio di cui nessuno dal 1992 ricorda più nulla, che gli under 35 manco sanno chi è e che si può tranquillamente intervistare al Barino in Via Solferino ogni giorno dalle 13 alle 14.30 senza bisogno di buttare 1 eurino per il foglio di Molossi;
    – il fatto che passata la conferenza stampa si parli più di Barilla per la sponsorizzazione della nazionale di basket (a proposito quei soldi li poteva metterli nel Parma) che dell'”investimento” Parma calcio 1913.

    Spero solo che in Ponte Caprazzucca vedano crollare le vendite e gli introiti dei loro “mezzi di informazione” e si rendano così conto che se ne sono si sbattuti in questi anni di tutti quelli che la stavano prendendo in quel posto aspettando solo il cadavere, ma che adesso con la serie D, il mercato di Pera e le rivalità col Lentigione e le opinioni di Osio di giornali se ne vendono meno….e l’indotto idem.

    • 21 Luglio 2015 in 16:48
      Permalink

      Sulla critica alla Gazza&TvParma sfondi una porta aperta anche perché se siamo qui a parlare é perché evidentemente non ci basta la disinformazione che ci propinano
      Sulla critica a Barilla… beh, coi suoi soldi ci fará poi quel che vuole no? E tu, li hai pagati i 500€ per essere socio invece di andare in ferie quest’anno? E comunque credo che il Guidone ne abbia abbastanza per occuparsi delle due cose senza dover andare in miseria, anzi, io spero sia una apertura ad un altro sport, preludio per la polisportiva che tanto mi farebbe godere! Per concludere su questo argomento la sponsorizzazione al basket é della societá Barilla mente il socio di Parma Calcio 1913 é Guido Barilla, stesso nome ma cose differenti… Te ce lo vedi il faccione di Guido in mezzo alla crociata? AHAHAH

  • 21 Luglio 2015 in 16:14
    Permalink

    L’affiliazione potrebbe anche slittare verso la fine di Luglio o inizio ad agosto (vedi l’anno scorso il Padova e il Siena).
    Tavecchio non ha ancora deciso non come si dice per il rischio di ricorsi da una delle parti (quanto frega a lui) ma di un casino
    vero e proprio in LEGA PRO e in B!
    Non ha la più pallida idea ad oggi quante squadre sono regolarmente
    iscritte o quanto meno si possano salvare in categoria!
    Ed è inutile che Il Parma 1913 (Carra) dica che non è fattile o quanto meno impossibile partire dalla lega pro…si può eccome!!
    Ma se gli 8 big aprire il portafoglio non interessa…
    allora che parlino chiaramente…no soldi “D a vita”!!!!

  • 21 Luglio 2015 in 16:56
    Permalink

    io ho letto che vogliono fare la lega pro a 48 squadre è vero? kmq il calcio non migliora mettendo squadre in meno i problemi ci saranno sempre

  • 21 Luglio 2015 in 17:13
    Permalink

    Io ci ho rimesso 65 mila dal fallimento..e per un’azienda con tre dipendenti che già fatica a stare in piedi e che i 65 mila sono il costo del lavoro di due persone e mezzo di un anno direi che il mio obolo al parma l’ho dato e in proporzione ben più di Barilla e soci mi creda. Al di là dei 500 euro

    • 21 Luglio 2015 in 17:52
      Permalink

      Ovviamente mi dispiace per la tua azienda e per il buco provocato dalla vecchia “gestione virtuosa”, questo peró non toglie che Barilla con i suoi soldi (e quelli della sua azienda) ci possa fare quello che vuole e, mi scuserai, trovo ridicolo che si continui a demonizzare tutto quello che fanno o non fanno i grandi imprenditori locali.

      Ti chiedo scusa perché il tuo commento probabilmente é solo stato la goccia che ha fatto traboccare il mio vaso, ma sentire (o in questo caso leggere) questi continui attacchi gratuiti all’operato di chi si sta muovendo (e non grattando le palle) e sta cacciando soldi (pochi o tanti che siano) per il nostro sollazzo gratuito domenicale mi fa andare in bestia. La squadra é della cittá ed é dei tifosi, ma se non ci fossero quegli 8 “piocioni” la squadra non esisterebbe nemmeno quindi ritengo che allo stato attuale un minimo di rispetto sia dovuto, anche se poco si é visto fino a questo momento.

    • 22 Luglio 2015 in 07:54
      Permalink

      Scusi Giacomo, ci può confermare se nella lista dei creditori figura errea…..???? E se di quanto……????

      Io credo che non ci sia,,, Sai erano culo e camicia con il duo, ed andavano anche a Fare 4 salti
      Insieme dopo il lavoro…..

  • 21 Luglio 2015 in 17:57
    Permalink

    Salve Majo, per quanto riguarda Parmalat e Cariparma, ci sono buone possibilità che facciano parte del Parma, come soci o sponsor? Parmalat potrebbe essere inoltre il nuovo main sponsor? grazie

  • 21 Luglio 2015 in 18:00
    Permalink

    Carissimo Simone Caberti scrivo quello che sta succedendo
    se a te crea malessere non so che farci.
    Vedremo il 24 cosa succederà e vedremo pure che decisione
    prenderà la PARMA BENE!
    Poi saranno cavoli vostri!
    Illusi in stato comatoso!!!

    • 21 Luglio 2015 in 19:03
      Permalink

      No no, tu puoi dire tutto quello che vuoi, che poi ErDirektor si incazza e dice che ledo la libertá di opinione. Io stavo solo cercando di evitare che nascesse un nuovo Velenoso che se la canta e se la ride tutti i giorni da solo e rompe un po le balle (e ora che l’ho nominato son cazzi miei).
      Quanto al resto ti chiedo: io mi aspetto che Parma Calcio 1913 sia una societá seria che faccia del nostro Parma una squadra di calcio esemplare siccome é sostenuta da pilastri notevoli alla base e uomini di calcio alle redini; tu ti aspetti che Magico Parma con i suoi dirigenti “da cine” e il suo fantomatico organigramma ti porti in Europa in 3 anni senza fallire l’anno successivo. Chi é l’illuso tra noi?

  • 21 Luglio 2015 in 18:42
    Permalink

    possibile sapere se nell’elenco dei creditori figura anche ERREA??
    era cosi tanto amiico del duo, che penso non ci abbia rimesso nulla?
    Giusto per dovere di cronaca.
    perche poi non mette sul suo sito l’elenco dei creditori,
    sempre x dovere di cronaca??’
    grazie della risposta

      • 21 Luglio 2015 in 20:00
        Permalink

        Non crede sarebbe interessante vederci dentro???Certo lei con i suoi agganci non avrà difficoltà ad averlo
        Cordiali saluti

  • 21 Luglio 2015 in 20:22
    Permalink

    Non è mica il portale dei fallimenti, figa che lavor chilù oh

  • 21 Luglio 2015 in 20:48
    Permalink

    Percepisco un po’ di ingenuità in taluni messaggi, entrano la Parmalat, la Cassa di Risparmio,oltre a Barilla e Pizzarotti (quello ricco…), e via tutti i nomi che fanno tanto la buona Parma di una volta. Se si potesse si auspicherebbe anche il coinvolgimento della Salvarani… e perchè non i Mutti o i Rodolfi? Allenatore Mary Poppins, musica di Giuseppe Verdi, Maria Luigia nel CdA. Calmatevi, le belle favole non sono realtà. Già ag sarà da tribuler a fer ander d’acordì gli 8 cilindor (c’me coj dal motor americà 8 v). Ricordatevi che la coerenza aziendale e l’univocità della guida sono presupposti essenziali al successo aziendale, su là, sognamo un po’ ma miga trop, che po as desdemà con un pareg col Lentigió e tuti a crider

    • 21 Luglio 2015 in 23:59
      Permalink

      La teoria dell’univocità della guida aziendale, come la ha definita lei, é sorpassata da tempo. Il modello del leader autoritario non ha più tanta presa nel mondo dell’impresa, uno degli ultimi é stato proprio Steve Jobs, del quale si fa un gran parlare da parte di tutti ultimamente. La leadership in azienda viaggia verso una condivisione di gruppo, che non significa annullare le individualità, ma bensì impostare le strategie partendo proprio dal conflitto nella sua accezione positiva. Come disse Alberto Einstein nel 1931, all’indomani del crack del ’29, la crisi é la miglior benedizione, dalla crisi nasce l’inventiva, senza crisi non ci sono sfide, e senza sfide la vita è una lenta agonia. È dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno.

      • 22 Luglio 2015 in 04:52
        Permalink

        Mi Permetta di avere qualke Dubbio

        Su quello ke Lei Asserisce

        Allora aveva Ragione Andreotti

        IL Potere Logora ki NON c’è là !!!!

        • 22 Luglio 2015 in 07:32
          Permalink

          Ma lasciamo perdere Andreotti, che col ragionamento sull’innovativo stile di leadership impostato da Parma Calcio 1913 non c’entra un fico secco, suvvia!

      • 22 Luglio 2015 in 07:51
        Permalink

        Caro Dondi, non hai capito (sono abituato ad usare il tu nei forum) : guida univoca non significa guida di una sola persona! E lascia stare Einstein che, per quanto riguarda le crisi, ha detto una sonora banalità.

  • 21 Luglio 2015 in 21:00
    Permalink

    Grazie a tavecchio e corrado perso anche meloni uno degli attaccanti piu forti delka categoria 60 gol in 3 stagioni certo che rifiutare il parma ci vuole un bel coraggio intanto si sponsorizza il basket.

    • 21 Luglio 2015 in 23:59
      Permalink

      Cosa c entra il basket? È una provocazione che ripetono in tanti ma proprio non capisco, barilla ha messo la sua quota del budget iniziale, non ne ha tolti al Parma. Adesso se cambia la macchina cos è? Un giocatore in meno?

  • 21 Luglio 2015 in 21:01
    Permalink

    Majo ho letto adesso del comunicato della curatela relativa all offerta giunta x Collecchio? Non capisco, ma ci l ha fatta? Ci stanno soffiando il centro sportivo?

  • 21 Luglio 2015 in 21:14
    Permalink

    Se parma calcio 1913 ha fatto un’offerta irrevocabile per la gestione di collecchio vuol dire che ha in mano l’affiliazione…

    • 22 Luglio 2015 in 10:34
      Permalink

      io sono uno dei tifosi che ha acquistato una partecipazione dell’azionariato diffuso.
      A dir la verità a noi è giunta un’email il 9 luglio che ci invitava ad integrare con un bonifico la prima quota di € 200 con almeno gli altri € 300 per un totale di € 500 per ogni quota.

      Credo che lo sappiano da molto tempo che l’affiliazione è cosa loro o meglio nostra.

      • 22 Luglio 2015 in 10:39
        Permalink

        No, caro Roberto G.

        Le certezze non ci sono. E l’integrazione della quota fa parte dei programmi di Newco2, indipendentemente dalla affiliazione.

        • 22 Luglio 2015 in 10:50
          Permalink

          mi perdoni direttore, non ho certezze; ho scritto infatti credo che….

          Però ho voluto condividere con voi un fatto non conosciuto da tutti che obiettivamente mi ha lasciato perplesso.

  • 21 Luglio 2015 in 22:43
    Permalink

    Centro sportivo di collecchio. ..
    chi ha fatto una offerta alla curatela di eventi sportivi?..se ne sa di più?

      • 21 Luglio 2015 in 23:12
        Permalink

        Sì. ..l’ho letto..
        scusa se ti faccio sempre ripetere 🙁
        ma non erano ancora visibili gli altri posts ..

        Può significare qualcosa?
        Corrado rilancerà secondo te?

          • 21 Luglio 2015 in 23:19
            Permalink

            E oh…vuole comprare anche la coppa vinta a wembley … 🙂

  • 21 Luglio 2015 in 23:38
    Permalink

    Hai letto le dichiarazioni di Ghiretti di oggi?

  • 21 Luglio 2015 in 23:46
    Permalink

    Ma potrebbero capitarci un Parma in Lega Pro e uno in serie D?

  • 22 Luglio 2015 in 06:56
    Permalink

    Ciao Direttore,
    Posso chiederti lumi sul centro sportivo di Collecchio? La richiesta pervenuta al curatore fallimentare, se non ho capito male, è una specie di affitto/gestione dell’impianto per due anni. Questa, secondo te, è solo una soluzione transitoria in attesa di quantificare il valore del centro per le relative aste? Anche in questo caso, anche se la proprietà è diversa da quella del defunto Parma FC, i debiti sul l’impianto sono notevoli, visto che grava un mutuo dal credito sportivo; sai più o meno quantificare la cifra? Ultima domanda: pensi che vengano occupati anche gli uffici amministrativi del centro o si ha l’intenzione di riportare la poltrona del comando al Tardini?
    Come sempre grazie mille
    Un abbraccio (che lo so che ti manco)

    • 22 Luglio 2015 in 13:08
      Permalink

      Ciao Jb,

      sì: si tratta di una soluzione transitoria, ma non tanto in attesa di quantificare il valore per le aste (la perizia, comunque, lo aveva già stimato), quanto della effettuazione delle stesse. E’ palese che la Curatela di Eventi sportivi possa avere l’interesse che il bene immobile non deperisca, e al fine che ciò non accada deve proseguire la manutenzione, che però ha un costo. Viceversa, Parma Calcio 1913, nel caso in cui dovesse, finalmente, avere la certezza di essere, come merita, il degno erede dell’estinto Parma F.C., avrebbe la necessità di sfruttare la struttura già per l’inizio della preparazione al prossimo campionato, e dunque potrebbe “vivere” il Centro, mantenendolo vivo e non lasciandolo decadere (è un attimo che una struttura così diventi fatiscente) con annessa perdita di valore. Di qui la geniale idea di offrire un canone d’affitto oltre alla disponibilità di accollarsi ogni onere manutentivo, in attesa della vendita della struttura. Immagino che la lunga data proposta per la scadenza del fallito serva per tutelare la società ove il bene immobile dovesse, alle aste, essere attribuito a un soggetto terzo.
      I debiti sull’impianto non sono notevoli come asserisci: per intervenuto fallimento sono cadute tutte le ipoteche con insinuamento di banche e istituti.
      Io penso che saranno ripristinati sia gli uffici del Tardini che quelli di Collecchio.
      Un abbraccio
      Gmajo

  • 22 Luglio 2015 in 07:59
    Permalink

    La lega Pro come campionato, è più semplice della D. Quelli che ora voglionp la D sperando che per il Parma sarà una passeggiata SI SBAGLIANO DI GROSSO.SARÀ invece UN INFERNO per non dire di peggio.RICORDATEVI TRA QUALCHE MESE DELLE MIE PAROLE. Se facciamo la D la faremo anche il prossimo anno con allenatori e tecnici che conoscono la categoria. Ripeto, NON DATEMI DEL MENAGRAMO,SONO SOLO REALISTA e se c’è la possibilità della Lega Pro andiamoci di corsa. IN PICCHIATA.

  • 22 Luglio 2015 in 08:06
    Permalink

    Se qualcuno è coerente con se stesso e vuole la D perché dice che vuole ripartire da zero, dovrebbe ripartire dalla terza categoria.Allora lo capirei.Dalla D non si parte da zero…….

  • 22 Luglio 2015 in 08:08
    Permalink

    Direttore riguardo il termine ultimo del 24 Luglio che Tavecchio ha per decidere a chi dare affiliazione, ritengo che si andrà oltre, perché il 24 sarebbe il termine ultimo e le pare che Tavecchio scioglierà subito la riserva senza prendersi altro tempo? A meno che , come credo, Magico Parma non presenterà le credenziali a cui ottemperare ( mi riferisco ai 300.000 €) e quindi si chiamerà fuori dai giochi dimostrando, se mai ce ne fosse ancora bisogno, quello che sono e cioè: BUFFONI, SLEALI E IN MALA FEDE, che ne pensa?

    • 22 Luglio 2015 in 10:28
      Permalink

      Io penso che deciderà il 24 alle 13. Sperando tiri giù la saracinesca su sta storia che ormai ha rotto. Circa l’aggettivazione da lei proposta, era meglio se non raccogliessero ulteriori referenze attraverso questa vicenda.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 22 Luglio 2015 in 09:16
    Permalink

    Caro Simone Caberti, so benissimo che giustamente non frega nulla a nessuno di quell’elenco di soggetti che costituiscono lo stato passivo, così come so benissimo che gli 8 “piocioni” non c’entrano nulla col buco fatto alla mia azienda e alle altre da Ghirardi e che coi loro soldi possono ovviamente fare quello che vogliono.

    Mi sono permesso solo di evidenziare:
    1) lo scanadaloso buco informativo che ho notato una volta finita tutta la giostra, mentre credo sarebbe necessario tenere alta l’attenzione anche per stimolare ad agire (buco informativo non solo dai media nazionali ma anche dai media locali e qui è lo scandalo);
    2) il fatto che se quelli che oggi (facendo giustamente coi loro soldi quello che vogliono, etc. etc.etc. come tutti amano ripetere) si sono presentati come gli unti della serietà e della moralità, non si fossero voltati dall’altra parte in questi anni forse l’elenco dei soggetti come me in tribunale sarebbe stato più corto.
    Tutto qui. Poi va bene tutto amdama la marchesa e ringraziamo perchè potremo vedere la D alla domenica.

    • 22 Luglio 2015 in 10:21
      Permalink

      Salve Giacomo,

      sono d’accordo con lei che l’elenco possa essere “educativo” e di monito, per cui vedrò se troverò la maniera di pubblicarlo.

      Non condivido, invece, il suo pensiero circa quelli che lei in modo sprezzante definisce gli unti della serietà e della moralità: lei, infatti, asserisce che se non si fossero voltati dall’altra parte l’elenco sarebbe stato più corto. Io penso che l’Upi abbia delle precise responsabilità essendo che Tommaso era un loro associato, e che loro erano ben addentro alle vicende del Parma se il loro uomo di fiducia De Paolini (sì: il biergastolano mancato) andava a far visita a Leonardi prima di ogni ritiro da anni. Però non è certo colpa loro se il crac c’è stato. Magari Ferrari li aveva anche avvertiti che qualcosa non quagliava, e loro, in effetti, si sono girati dall’altra parte, ma che l’elenco avrebbe potuto esser più corto non capisco come… Non certo addossandosi loro i debiti fatti da altri…
      Comunque un conto è l’Upi, un conto è la compagnia di industriali che ha dato vita al Nuovo Inizio.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 22 Luglio 2015 in 09:49
    Permalink

    Condivido il pensiero di VELENOSO!
    Se c’è una minima possibilità della lega pro sfruttiamola.
    Sempre se I big hanno intenzione di spendere.
    Certo che chiedere l’affitto di Collecchiello fino al 2017
    vuol dire anche che non hanno nessuna intenzione di acquistarlo all’asta!! e in parole povere non aprono il portafoglio.

    • 22 Luglio 2015 in 10:06
      Permalink

      No. Non diciamo cavolate.

      La proposta di affitto è per velocizzare l’ingresso nella struttura attraverso una procedura più semplice senza attendere le aste. Ma è palese che il passo successivo è l’acquisto. Ma visto che le aste non saranno calendarizzate prima di fine anno, è un modo per poter iniziare subito l’attività.

      Saluti

      Gmajo

      • 22 Luglio 2015 in 12:14
        Permalink

        Che senso ha fare le aste?!?! Non è meglio andare a trattativa privata direttamente con loro,visto che saranno gli unici interessati?

        • 22 Luglio 2015 in 12:26
          Permalink

          Caro te, l’interpretazione della legge fallimentare spetta al Curatore, non a Te o a me…

    • 22 Luglio 2015 in 11:15
      Permalink

      che rasa d’un siocarlas,se penso che questi sarebbero tifosi del parma quasi quasi abdico che mischiarmi la domenica con portatori di ebola …

  • 22 Luglio 2015 in 09:58
    Permalink

    Morrone ha deciso di non giocare…

    • 22 Luglio 2015 in 10:04
      Permalink

      strano: la settimana scorsa sembrava avesse deciso il contrario. Boh

      • 22 Luglio 2015 in 12:25
        Permalink

        Io prenderei Mariga al posto di Morrone…

    • 22 Luglio 2015 in 10:44
      Permalink

      QUANTE VECCHIE GLORIE, QUANTI NOMI DI FACCIATA, Morrone l’ha detto non ha stimoli, lasciamolo perdere. Se fai un campionato di serie D senza stimoli sei fregato. Gli altri poi corrono come dei fusi, ve ne accorgerete……

      • 22 Luglio 2015 in 12:57
        Permalink

        Velenoso, Morrone ha appunto detto che farà l’allenatore…

        • 22 Luglio 2015 in 15:26
          Permalink

          Appunto Majo non.ha stimolive l’abbiamo lasciato perdere……………………..come giocatore

  • 22 Luglio 2015 in 10:11
    Permalink

    Ciao…buongiorno!
    Ti sento “a bit tired”
    ..o è una mia sensazione?

      • 22 Luglio 2015 in 10:46
        Permalink

        Sì. .
        Ma è una sensazione..

        • 22 Luglio 2015 in 12:56
          Permalink

          Stanco di cosa? Di questa storia? O stanchezza fisica?
          Beh: tutte e due le cose. Come poi vi racconterò in un articoletto, da ieri sono impegnato, come “figurazione” sul set di “Fai bei sogni”, il film che il regista Marco Bellocchio sta girando a Ozzano Taro: i turni di lavoro sono piuttosto impegnativi, diciamo tra le 17.30 e le 5 del mattino, anche se ci hanno liberato, bontà loro, un po’ prima, ma a nanna ci sono andato appunto dopo le 5. E alle 9 ero già sveglio: chiaro che oggi non è che sia proprio fresco come una rosa, e mi attende un’altra giornata così e giovedì pure… Quindi un po’ di stanchezza fisica c’è. La stanchezza morale per le vicende del nostro caro Parma è pure palese, perché dopo una annatya pessima si sperava che almeno la ripartenza potesse procedere spedita senza intoppi mentre, come ben sappiamo, le cose vanno artatamente a rilento.
          Stamani, poi, al di là della levataccia, ho ricevuto la pessima notizia (per chi come me non produce reddito da anni per le note vicende) dall’avvocato Malvisi che dovevo cacciare fuori 406,50 euro per fare opposizione alla respinta della mia insinuazione nello stato passivo del Parma F.C. per via della causa di lavoro sacrosantemente intentata al Parma di Ghirardi. E quindi l’ennesima beffa a un danno già di per sé ingente per me.
          Comunque tirema innanz…
          Cordialmente
          Gmajo

          • 22 Luglio 2015 in 14:00
            Permalink

            Vedi che non mi sbagliavo…è come una “nebbiolina” che aleggia nei tuoi commenti… (non ridere)

            “fai bei sogni” è tratto dal libro di Gramellini per caso?

            Devi dirci cosa intendi fare con stadioTardini.it in modo che possiamo fare qualcosa anche noi..nel mio piccolo come già ti dissi tempo fa..io ci sarò

          • 22 Luglio 2015 in 15:29
            Permalink

            Vedo che mi stai iniziando a conoscere nel profondo: Velenoso sarà geloso (che fa anche rima…).

            Sì, affermativo (ma immagino avrai già letto l’articolo su questo tema che ho postato più o meno in contemporanea al tuo commento): la pellicola (che poi pellicola non è, giacché, ovviamente, si gira in “digitale”) è tratta dal best seller del vice direttore de La Stampa

            Cordialmente

            Gmajo

  • 22 Luglio 2015 in 10:19
    Permalink

    La cosa sconcertante da quello che senti dire in giro è che il campionato del Parma in serie D, sarà solo una formalità E’ UN CAMPIONATO GIA’ VINTO A MANI BASSE e sentendo questo rabbrividisco. Molti pensano che le vittorie saranno scontate non solo ma con goleade, i pareggi saranno quasi impossibili e se parli di PROBABILI sconfitte ti guardano tutti come fossi un testaquadra o un gobbo. ECCO PERCHE’ PER ME l’inizio sarà terribilmente difficile, tutti avramnno la bava alla bocca per batterci, battere il PARMA sarà PER LORO LA PARTITA DELLA VITA e se prenderemo certe partite alla leggera,saremo noi a prendere SOLENNI GOLEADE. Ve l’immaginate poi NONNO NEVIO essere costretto ad esonerare suo nipote Gigi se la squadra non dovesse ingranare. Nevio non lo farebbe mai. Questo per dirvi che la LEGA PRO è più semplice della serie D e questa DEVE ESSERE CERCATA AD OGNI COSTO ANCHE DALLA CORDATA di Parma Calcio 1913 altrimenti saranno dolori.

    • 22 Luglio 2015 in 10:57
      Permalink

      Ma tu velenoso quanti anni hai?

        • 22 Luglio 2015 in 14:02
          Permalink

          Sono curiosa di sapere da quale generazione esci..solo curiosità… non ti preoccupare. 😉

  • 22 Luglio 2015 in 10:38
    Permalink

    Siete stanchi di vedere mezzi mafiosi senza dignitá alla guida dello sport più amato dagli Italiani?
    Non ne potete più di sentire mille inutili giornalisti decantare le doti di campioncini viziati e sovrappagati?
    Volete mettere in crisi il calcio dei potenti?
    Avete voglia di mandare affanculo il calcio moderno?
    Esiste un gesto che consente di fare tutte queste cose in un colpo solo ed é di gran lunga il metodo più efficace:
    Abbonatevi alle squadre della vostra città di appartenenza!

    Abbonatevi alla Reggiana, abbonatevi al Vicenza, alla Cremonese, ma anche al Modena,al Piacenza, ma pure al Parma, ma non fate quel cazzo di abbonamento al calcio finto.

    Abbonatevi alle squadre dei vostri padri e mollate quelle dei Padrini!

    Non esiste modo migliore per mettere in crisi il sistema di stracciare la tessera delle TV a pagamento e ricominciare a tornare sui gradoni.
    Senza i soldi delle TV tutte le società tornerebbero a dare peso all´unica vera cosa che rende speciale il calcio:
    Il pubblico, gli spettatori, la folla!

  • 22 Luglio 2015 in 10:50
    Permalink

    Il tifoso medio parmigiano non ha ancora assoporato la triste
    realtà! Vivono ancora di tanti ricordi soprattutto belli.
    La Serie D come dicevi tu VELENOSO è assai impegnativa.
    Il Siena ha vinto, nonostante l’affiliazione l’abbia avuto agli
    inizi di Agosto, dal fatto che sono tornati all’ovile alcuni alza bandiera,
    PORTANOVA &C.
    Qui Morrone da quanto leggo si ritira per fare l’allenatore degli allievi
    Lucarelli non ho ancora capito…francamente ho dei seri dubbi.

    • 22 Luglio 2015 in 13:53
      Permalink

      Vivono di Ricordi Belli i Parmigiani !!!!

      Ma tu di Cosa Vivi dai là !!!!

      CON IL PARMA NEL BENE E NEL MALE

  • 22 Luglio 2015 in 10:51
    Permalink

    Il problema sono i giocatori. .
    Come campionato sarà quello che sarà
    Nessuno si illude..chi lo fa sbaglia
    Se capitasse l’opportunità della Lega Pro
    spero la colgano. .I soldi li hanno.. e di giocatori “buoni” forse ne troverebbero di più tra i professionisti seppure di Lega Pro

  • 22 Luglio 2015 in 10:52
    Permalink

    I giovani che acquisti devono essere tecnici, veloci, con le palle, concentrati umili E PER LA LORO ETA’ GIA’ MATURI, veri uomini, non ragazzoitti. Se sbagli la scelta dei giovani non solo non fai il salto di categoria ma veleggi in mezzo alla classifica nell’anonimato più puro. Ecco perchè nella scelta dei giovani sta il segreto. Giovani che debbono correre anche per gli anziani che nella D CREDETEMI CORRONO POCO.TANTO PER INTENDERCI, UN CASSANO IN SERIE D AVREBBE SERIE DIFFICOLTà PERCHE’ IN SERIE A, PUOI GIOCARE ANCHE DA FERMO MA IN D SE NON CORRI SEI FOTTUTO e poi SAPPIATE che chi vuole fare la D A TUTTI I COSTI, non la conosce. E’ una categoria TRANELLO, è una trappola e chi pensa il contrario, si prepari perchè per lui sarà un campionato LACRIME E SANGUE.

  • 22 Luglio 2015 in 10:58
    Permalink

    Non diciamo cazzate per vincrre in d ci vuole una buona squadra un buon allenatore una buona societa.
    Il blasone non conta nulla ci vuole solo molta umilta.
    Se pensiamo di stravincerere solo xche ci chiamiamo Parma abbiamo sbagliato tutto non sara una passeggiata.

  • 22 Luglio 2015 in 11:46
    Permalink

    caro Direttore infatti nessuno tranne Tohir si addossa i debiti fatti da altri. E nessuno ovviamente pretende questo. tanto chi se ne frega dei creditori, come dicevo ieri il Manfro e soci sono già belli contenti a farsi beccate e a programmare le trasferte della serie D, mentre la maggior parte della gente è tornata ad interessarsi alle amate strisciate con buona pace di Molossi e dei suoi articoli sugli svincolati, interviste a Osio e calciomercato col Fiorenzuola (vorrei conoscere il numero di copie del foglio di carta da cesso benedetto da Azzali venduto in questa settimana rispetto all’anno scorso o all’anno prima ancora…). Il mio dicorso sugli unti della serietà è più ampio. Mi da fastidio che questi soggetti, ovviamente neanche sfiorati (sulla ERREA ci sarebbe da fare un ampio ragionamento) dal crack si presentino belli belli facendo anche la morale,come se tutti noi fossimo anche dei coglioni per aver creduto a dei delinquenti (mentre loro IMPRENDITORI di Parma sono il top della serieà e mai si sarebbero fatti fottere). Anche perchè pagare i debiti no..ma se si fossero interessati che so..l’estate scorsa…magari proponendo un concordato..anche non pagando quasi nulla dei debiti non sportivi (i debiti sportivi in estate erano quasi pari a 0), forse gente come me non avrebbe visto un centisimo, ma non avrebbe accumulato altri crediti da agosto in avanti.
    Poi ripeto va bene tutto e grandi i magici 8. Con loro ovviamente i fornitori saranno in una botte di ferro (quelli ancora in piedi).
    A

    • 22 Luglio 2015 in 13:02
      Permalink

      caro giovanni
      sono con te, la penso alla stessa maniera.
      Prima te lo mettono in quel posto, poi passano da
      salvatori della patria e persone serie…
      Una mazza, x quello ti chiedevo se la ERREA e’ nell elenco dei creditori….
      mi piacerebbe scambiiare due parole con te
      email???

      • 22 Luglio 2015 in 13:13
        Permalink

        Lascio anch’io la mia mail per chi volesse usufruirne: anche perché queste insinuazioni su Erreà, senza uno straccio di prove, non è che mi piacciano molto. Ricordo che esiste un reato di calunnia: per cui se qualcuno ha denunce precise da fare che le faccia nelle apposite sedi; lo stesso dicasi per StadioTardini.it che non deve essere inteso come uno spazio per fare pubblica gogna in modo anonimo senza metterci la faccia e prendendosi delle responsabilit
        Saluti
        Gmajo

        Comunque

        • 22 Luglio 2015 in 13:37
          Permalink

          Comunque, ad ogni buon conto, per quanto concerne Erreà, questo è quanto contenuto nello Stato Passivo approvato dal giudice Rogato il 20 luglio scorso:

          Errea’ Sport S.p.a.
          Via G. Di Vittorio 2/1
          43056 S. Polo Di Torrile PR

          Richiesta Creditore: 0,00 (privilegiato), 177.253,55 (chirografari)
          proposta dei Curatori: 0,00 (privilegiato), 177.253,55 (chirografari)
          Decisione presa: ammesso per euro 177.253,55 nella categoria chirografari, come da richiesta.
          “Considerata la proposta dei Curatori e la domanda di insinuazione al passivo presentata dal creditore si ammette per euro 177.253,55 nella categoria chirografari, come da richiesta”.

          Cordialmente

          Gmajo

      • 22 Luglio 2015 in 13:23
        Permalink

        andate a vedere la reggiana sfortunati !

  • 22 Luglio 2015 in 11:49
    Permalink

    Mah… Sarà…. Io credo che in serie D dovranno essere gli altri a preoccuparsi di avere il Parma nel proprio girone e non il contrario! Poi come andrà si vedrá. E poi che la lega pro sia piu semplice è tutto da vedere. Diciamo che con i play off ti puoi permettere anche di non arrivare primo (vedi Como)

    • 22 Luglio 2015 in 12:32
      Permalink

      e in ogni caso un eventuale flop in C sarebbe più tollerabile e/o giustificabile che non in D…

  • 22 Luglio 2015 in 12:55
    Permalink

    In D devi vincere il girone.Non ci sono altre vie di fuga

  • 22 Luglio 2015 in 12:58
    Permalink

    Si, si! poi voglio vedere se perdiamo anche il derby con la Reggiana in quanti giustificherebbero il flop! Non ci voglio neanche pensare!

  • 22 Luglio 2015 in 13:42
    Permalink

    Vorrei che qualcuno mi dicesse per quale motivo preferirebbe la serie D alla Lega Pro perché proprio è una scelta che non capisco. A questi dico ma allora se doveste scegliere tra la serie A e la serir B, optereste per la seie B? Volere la D al posto della Lega Pro, è come preferire Rosy Bindi a Rosy di Majo.NON HA SENSO.

    • 22 Luglio 2015 in 14:20
      Permalink

      figa ma ancora ? poi dici che gli altri hanno il ceRvello da 5 grammi circa,ma che cazzo di ragionamenti fai, porca puttana
      siamo al 22 luglio e mi parli ancora di scelte ? ma che scelte !, dove cazzo le vedi le scelte porca puttana, SCANTOT

      • 22 Luglio 2015 in 15:44
        Permalink

        Parliamoci chiaro.TU SEI UN GRAN VILLANO.Parli come una merda e m’inginocchio di fronte alla merda per averla paragonata a te.Stai tranquillo mon ti paragono come cervello a quello che hanmo le galline da brodo”GRAMMI 4,8″ offenderei anche loro, le galline.Tu come grammi ne hai 0,48 come una mosca, fastidiosa come quelle che ti “stigano” in estate.ECCO trovato il mio nuovo nemico masochista perché tu attaccandomi sei masochista sapendo che vieni sputtanato da me in modo industriale. Si vede ti piace, appunto sei madochista.Ciao mosca.

        • 22 Luglio 2015 in 15:50
          Permalink

          ricordo ad assioma e a velenoso che non metto a disposizione questo spazio affinché si scornino.

          Se volete scornarvi ite altrove

          Saluti

          Gmajo

          • 22 Luglio 2015 in 17:01
            Permalink

            SEMBRANO ALL’ASILO MAH

          • 22 Luglio 2015 in 18:16
            Permalink

            mo va cagher con cimino testa quedra

    • 22 Luglio 2015 in 14:54
      Permalink

      Risponfo a me stesso.”Nessuno ti ha risposto perché…. non hanno risposta”

      • 22 Luglio 2015 in 15:12
        Permalink

        se ciao …..in tribunale ti direbbero “la domanda non e’ pertinente”

        comunque ti ho risposto prima ,ma majo e’ asincrono

        • 22 Luglio 2015 in 16:13
          Permalink

          OK Majo Dalle 15.53 lo scornerò altrove con il moschicida.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI