IL CONSIGLIO FEDERALE DI VENERDI’ 17 E’ TERMINATO, MA NON RISULTA PRESA ALCUNA DECISIONE SULLA EREDITA’ SPORTIVA DEL PARMA FC. PERCHE’ ?

(gmajo) – Come temevo anche l’odierno consiglio federale di venerdì 17 luglio, con inizio alle ore 13, si è rivelato interlocutorio per il destino della complessa eredità sportiva dell’estinto Parma FC, dal momento che della controversa vicenda che sta tenendo con il fiato sospeso una intera città e la sua tifoseria non appare la minima traccia nella nota, sotto copia incollata, con il verbale dei lavori. Lo scrivente aveva già precisato, nelle scorse ore, che in realtà la decisione non necessiterebbe di un passaggio in consiglio, essendo di totale pertinenza di Carlo Tavecchio, che a questo puntonon si capisce bene perché avesse indicato alla Gazzetta di Parma quella odierna (o al limite lunedì 20) quale data decisiva. Che non si parlasse del caso Parma era forse normale, dal momento che l’argomento, come vi avevo imageanticipato stanotte, non figurava all’ordine del giorno. Già: ma se non figurava all’ordine del giorno perché Tavecchio, al telefono con il quotidiano locale, aveva assicurato che entro oggi (o al limite il 20) sarebbe arrivata la definizione? Dobbiamo attenderci un verdetto extra consiglio federale (come sarebbe naturale che fosse, giacché è lui che deve decidersi?). Tra i rumors raccolti già alla vigilia in ambiente federale sembrerebbe che non sarebbe sopraggiunta la documentazione totale di entrambe le cordate che si imagestanno contendendo il Parma, cosa che, se dovesse ressere confermata si confermerebbe da sola. A chi giova fare aspettare sino al giorno 24, termine davvero, quello sì, ultimo per la questione? Intanto, però, il danno per chi si sta attrezzando e cerca di dare una ripartenza al calcio in questa città è enorme, non potendo sottoscrivere i contratti, col tremendo rischio di perdere gli elementi di categoria fondamentali per un campionato di vertice.

 

CONSIGLIO FEDERALE: DECISE LE AMMISSIONI AI CAMPIONATI PROFESSIONISTICI

(comunicato stampa da www.figc.it)

Il Presidente federale ha aperto i lavori alle ore 13.00. Presenti: Beretta e Pozzo per la Lega Nazionale Professionisti – Serie A; Abodi per la Lega Nazionale Professionisti – Serie B; Pitrolo e Gravina per la Lega Pro; Cosentino, Caridi, Colonna e Tonelli per la Lega Nazionale Dilettanti; Tommasi, Calcagno e Perrotta per l’Associazione Calciatori; Ulivierie Perdomi per l’Associazione Allenatori; il Presidente del Settore Giovanile e Scolastico Tisci, il Presidente del Settore Tecnico Rivera; il Presidente Aia Nicchi; il Direttore generale della FIGC Uva; il Segretario federale Di Sebastiano.

Nelle sue comunicazioni iniziali, il Presidente federale ha presentato ai consiglieri il Commissario Straordinario della Lega Pro Dr. Tommaso Miele, invitato a partecipare ai lavori del Consiglio. Tavecchio, inoltre, ha chiesto un caloroso applauso per festeggiare la vittoria della Nazionale alle Universiadi 2015 e così ringraziare tutti i calciatori che coltivano studio e pratica calcistica con la stessa dedizione e passione. Completando il suo intervento, il Presidente ha informato il Consiglio che l’Istituto per il Credito Sportivo ha confermato la disponibilità circa le richieste presentate in ordine al perfezionamento delle garanzie avanzate dalla Lega Pro come richiesto dal sistema delle Licenze Nazionali.

Nella sua informativa, il Direttore Generale Michele Uva ha relazionato il Consiglio sullo stato di avanzamento del tavolo di lavoro con il Ministero dell’Interno in merito alla stesura del Protocollo d’Intesa per la stagione 2015/2016 che contenga misure di intervento per il contrasto agli episodi di illegalità nel calcio e alla violenza negli stadi. L’obiettivo è quello di arrivare alla firma entro la fine del mese di luglio.

Ricorsi avverso la non concessione delle Licenze Nazionali per l’ammissione ai Campionati Professionistici 2015/2016 Analizzando il punto all’ordine del giorno, il Consiglio ha rivolto in via preliminare un ringraziamento corale alla COVISOC per il lavoro svolto con dedizione e puntualità. Nell’analisi della situazione, non sono state rilevate criticità in merito alle iscrizioni in Serie A e in Serie B mentre, per quanto riguarda la Lega Pro, ha esaminato i pareri della COVISOC circa i ricorsi presentati dalle Società Benevento Calcio, Ischia Isolaverde, Lupa Castelli Romani, Martina Franca, Paganese e Savona ed ha preso atto che non hanno presentato ricorso le Società Reggina Calcio, Varese 1910, FBC Unione Venezia e Real Vicenza.

Il Consiglio ha accolto all’unanimità i ricorsi delle Società Benevento Calcio, Ischia Isolaverde, Lupa Castelli Romani, Martina Franca e Savona, e votato a maggioranza per il non accoglimento del ricorso della Paganese. Nomine di competenza Il Consiglio federale ha provveduto all’elezione di Antonio Cosentino, Vice Presidente Vicario della Lega Nazionale Dilettanti, quale membro del Comitato di Presidenza.

Modifiche regolamentari Il Consiglio, su proposta dell’Aia, ha approvato all’unanimità la modifica del Regolamento in merito al sistema elettivo del Presidente dell’Aia e dei Presidenti di Sezione dopo il secondo mandato, con maggioranza non inferiore al 55%.

Attività agonistica ufficiale nella stagione sportiva 2015/2016
Serie A Tim: inizio 23 agosto 2015, termine 15 maggio 2016;
Tim Cup: entro il 15 maggio 2016;
Serie B: inizio 6 settembre 2015, termine 20 maggio 2016;
Lega Pro: inizio 6 settembre 2015;
Serie D: inizio 6 settembre 2015, termine 15 maggio 2016;
Serie A Calcio a 5: inizio 19 settembre 2015, termine 16 aprile 2016;
Serie A 2 Calcio a 5: inizio 3 ottobre 2015, termine 2 aprile 2016;
Serie B Calcio a 5: inizio 3 ottobre 2015, 2 aprile 2016;
Serie A Elite Calcio a 5 femminile: inizio 4 ottobre;
Serie A Calcio a 5 femminile: inizio 4 ottobre.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

72 pensieri riguardo “IL CONSIGLIO FEDERALE DI VENERDI’ 17 E’ TERMINATO, MA NON RISULTA PRESA ALCUNA DECISIONE SULLA EREDITA’ SPORTIVA DEL PARMA FC. PERCHE’ ?

  • 17 Luglio 2015 in 18:01
    Permalink

    Buonasera signor Majo
    Come le dicevo ne oggi ne Lunedi
    Alcune fonti parlano del 3 altre forse del 24 ma non si sa ancora…

      • 17 Luglio 2015 in 19:01
        Permalink

        Rispondo io per LucaB, visto che avevo letto il suo commento di qualche ora fa.
        Lui parlava del 3 settembre: ma io credo possa essere una cosa ai limiti del surreale. Il campionato inizierà il 6…

        • 17 Luglio 2015 in 19:27
          Permalink

          Surreale, ma non troppo. Il Napoli, dopo essere fallito e poi rinato, aderì al lodo Petrucci fuori tempo massimo (alla faccia del rispetto delle regole di cui poi si son vantati negli anni a venire) e gli fu permesso di iniziare in ritardo il campionato, non avendo potuto allestire in tempo utile la squadra e farle fare un’adeguata preparazione. Spero non sia il caso del Parma, ma se qualcuno continua a traccheggiare, mi sa che dovremmo aspettarci qualcosa del genere. In tal caso, prima di avere una squadra realmente competitiva, ci toccherebbe aspettare il mercato di gennaio. Incrociamo le dita.

    • 17 Luglio 2015 in 18:54
      Permalink

      at si propria un siochett mo dabo’

    • 17 Luglio 2015 in 22:24
      Permalink

      intervengo in merito alla questione Magico Parma e Parma 1913…esattamente un’anno fa durante una delle tante passeggiate estive per il centro di Parma ho avuto il piacere di conoscere un signore molto distinto un pó su con l’etá (come poi mi ha rivelato in seguito anche se non dimostrava affatto quegli anni), era un’ex presidente del Parma, Ermes Foglia, dalla piacevole chiacchierata ricca di aneddoti ricordo bene un passaggio dove disse che lui e qualcun altro imprenditore (che non ricordo il nome) ebbero a cuore di dare un pó di entusiasmo a Parma con il calcio negli anni 70 (per distrarre i giovani dal pericolo della droga che in quegli anni la faceva un pó da padrone). Quella sera, non avremmo mai pensato cosa sarebbe poi successo al Parma di Ghirardi (al mio Parma, da tifoso)…memore di quella chiacchierata con l’ex presidente e memore delle dichiarazioni sulla Gazzetta di Parma dell’ingegnere Gian Paolo Dallara dove dice che alla fine la nostra cittá ha avuto tanto ed é stato un puro caso avere avuto cosí tanto successo (ma lo posso capire perché effettivamente poteva succedere anche in una realtá come Brescia, Bergamo, Bologna ecc… ) proseguo, memore (da come mi dicono) che il figlio (nipote?) di Barilla ha giocato fino a ieri nei Giovanissimi nazionali del Parma….vado a leggere la formazione: Adorni, Adorante, Mattioli, Romeo, Gyabuaa, Marchini, Schiaretti, Mayingi, Somian, Minari, Corvi Ghion, BARILLA, Calendari, Guehi, Delle Donne, Mora, Crescenzi, Russo, Castelluzzo.
      Pare che il papá si sia preso a cuore la situazione quando il figlio (credo) ha fatto notare che non c’era piú il servizio lavanderia per le magliette eccetera…
      Vado al punto che mi tormenta….Queste persone al cui solo interessamento va fatto un monumento intendono programmare un ritorno in A (o almeno in B) o dare a Parma il Calcio e basta come distrazione per giovani e tifosi?

      P.S. gradirei un pensiero da parte di tutti e del direttore G. Majo e E. Boni

      • 18 Luglio 2015 in 00:12
        Permalink

        per quanto ne possa sapere io il programma è di tornare, in breve, ai livelli che ci competono

        • 18 Luglio 2015 in 05:22
          Permalink

          Grazie

  • 17 Luglio 2015 in 18:47
    Permalink

    la cordata che non ha consegnato tutti i documenti deve esser sputtananta pubblicamente.ci sta facendo perder tempo prezioso. secondo me è corrado che lo fa per ripacca.lei che ne pensa direttore?

    • 18 Luglio 2015 in 00:18
      Permalink

      che ci vogliono delle prove per sostenere delle accuse, ma quando si hanno…

  • 17 Luglio 2015 in 18:51
    Permalink

    Sono vergognosi questi romani!

  • 17 Luglio 2015 in 18:54
    Permalink

    Vorrei lanciare una provocazione : Siamo così sicuri che quei “signori” della FIGC daranno l’ok per l’iscrizione di una squadra in d a Parma ? Il fumo negli occhi lanciato da Tavecchio mi fa fare cupi pensieri…

    • 17 Luglio 2015 in 20:25
      Permalink

      Catastrofista

  • 17 Luglio 2015 in 18:55
    Permalink

    Interessante il fatto che la LegaPro é l’unica ad avere una data di inizio ma non una fine, come se realmente fosse aperta la questione del numero delle partecipanti.

  • 17 Luglio 2015 in 18:57
    Permalink

    e meno male che c’e’ uva …maledet lu e cla fat

  • 17 Luglio 2015 in 18:59
    Permalink

    Tavecchio m

  • 17 Luglio 2015 in 19:07
    Permalink

    Che Tavecchio non voglia farci ripescare in Lega Pro, allungando il piu` possibile il brodo?

    • 17 Luglio 2015 in 20:19
      Permalink

      Tavecchio pagherebbe perché la società del Parma volesse iscriversi in lega pro…fidati…

      • 17 Luglio 2015 in 21:58
        Permalink

        Mah…a me pare il classico politico truffaldino che allunga il brodo per poi dirti “Eh, mi dispiace! Tempo scaduto!”.

  • 17 Luglio 2015 in 19:10
    Permalink

    Tavecchio appena si è accorto con chi stava parlando al telefono si è inventato la prima balla che gli è venuta in mente.

    • 17 Luglio 2015 in 20:34
      Permalink

      Tanto Balestrazzi si sarebbe bevuto anche la data del 20 gennaio, Tavecchio meglio che rispondi a Majo o Fabris va! O forse non risponde proprio per paura delle domande…
      Redazione sportiva Gdp, siete dei nadari!

  • 17 Luglio 2015 in 19:16
    Permalink

    L’aspetto preoccupante è legato al fatto della presunta documentazione incompleta .. Speriamo bene .. Ho paura dei Magheggi del tavecchio

  • 17 Luglio 2015 in 19:31
    Permalink

    La verità è palese. TAVECCHIO vuole affiliate i sera23’S. Del Parma calcio 1913 SE NE FREGA

  • 17 Luglio 2015 in 19:31
    Permalink

    Quello che piu’ dà fastidio è che sembra non ci siano regole. Decide Tavecchio, quando gli pare, dove gli pare e come gli pare. E’ mai possibile ? Siamo davvero la repubblica delle banane …

  • 17 Luglio 2015 in 19:31
    Permalink

    Se qualcuno non ha presentato tutti i documenti necessari per l iscrizione in D allora è una buffonata!!!! manenti docet!!!! Che do bali!!!!

  • 17 Luglio 2015 in 19:36
    Permalink

    Majo non hai messo delle cimici nella sede della figc..

  • 17 Luglio 2015 in 19:54
    Permalink

    Basta Tavecchio …che intervenga il sindaco

  • 17 Luglio 2015 in 19:57
    Permalink

    Io direttore non sarei eccessivamente preoccupato. In fondo, se ricorda bene, anche lo scorso anno Siena e Padova si sono iscritte alla serie D gli ultimi giorni di luglio. E i loro campionati sono stati assolutamente all’altezza delle aspettative.
    Un saluto,
    Nicolò.

  • 17 Luglio 2015 in 20:38
    Permalink

    Quello che stanno facendo al Parma è sconvolgente.. Dopo quello che abbiamo subito tutto l anno oggi 17 luglio non abbiamo ancora una società e nemmeno sappiamo o in che categoria giocheremo. È veramente allucinante… Zero rispetto

  • 17 Luglio 2015 in 20:54
    Permalink

    Direttore,
    Non è che, per caso, il nostro amatissimo Presidente è in attesa di garanzie dall’unica cordata realmente in corsa (quella con le carte in regola) di una richiesta di ripescaggio in Lega Pro? Questo avrebbe due vantaggi per il volpone: il primo politico, potendo vantare una nobile come il Parma in un campionato professionistico (che andrebbe tra l’altro a tappare almeno un buco nel groviera Lega Pro), il secondo di tipo economico: è vero che 500.000 euro non sono 5 milioni, però intanto fa cassa. Che ne pensi?
    Con affetto

    • 18 Luglio 2015 in 00:19
      Permalink

      Cosa frulli nella zucca tavecchiana non so. Però è sempre qualcosa che fa a pugni col mio modo di essere e di pensare

      Un abbraccio

      Gmajo

  • 17 Luglio 2015 in 21:00
    Permalink

    Stravekkio stravekkio NON ci indurre in Tentazioni !!!!

    Spajòt dai là breghì bojùdì !!!! FORZA PARMA !!!!

  • 17 Luglio 2015 in 21:04
    Permalink

    ogni commento postato in risposta a questo articolo fa PENA…EVIDENTEMENTE COME CHI LI HA SCRITTI…invito Majo a sollecitare un pó di intelletto, quel poco che rimane…

  • 17 Luglio 2015 in 21:05
    Permalink

    intendo chi li ha scritti, le risposte…non majo

    • 18 Luglio 2015 in 00:14
      Permalink

      Potevi farti vedere. O avevi paura di pagarmi da bere?

  • 17 Luglio 2015 in 21:18
    Permalink

    hanno capito qualcosa che noi ignoriamo forse….che non è tutto oro quello che luccica…..può essere

  • 17 Luglio 2015 in 21:19
    Permalink

    Tavecchio ce la vuole far pagare xche lo costrinsero a dare i 5 ml andati a fondo per……non ha senso che mentre gli altri gia si allenano noi non sappiamo ancora se potremo fare la d hanno fatto cosi con padova e siena?

    • 18 Luglio 2015 in 00:14
      Permalink

      Veramente i soldi li diede lui e non glieli chiese nessuno. Noi saremmo anche morti in pace…

      La situazione di padov a e Siena era diversa, poiché venne individuato immediatamente un unico interlocutore riconosciuto come tale dalla municipalità (senza tanti ripensamenti)

      Cordialmente

      Gmajo

  • 17 Luglio 2015 in 21:22
    Permalink

    Sembra che Bonazzoli abbia firmato per il Siena, quindi ormai Plasmati ha già la crociata addosso, senza squadra the next season!!!!!!!

  • 17 Luglio 2015 in 21:28
    Permalink

    Vedremo lunedì, i documenti mancanti sarebbero un ulteriore appendice tragicomica.

  • 17 Luglio 2015 in 22:08
    Permalink

    Tavecchio merda umana vuole danneggiare il parma che nascerà è così evidente comunque se non decide entro lunedi andiamo a roma intanto i giovani crociati si accasano altrove altro che mafia capitale merde

  • 17 Luglio 2015 in 22:26
    Permalink

    Dai sei seduto a 4 metri da VELENOSO…… in linea d’sris

    • 18 Luglio 2015 in 00:11
      Permalink

      non ti sei fatto riconoscere… Avevi paura di offrirmi da bere?

      • 18 Luglio 2015 in 01:11
        Permalink

        Mi volevo presentare ma stranamente IO CHE NON LO SONO al suo cospetto mi sono sentito timido e piccolo.Non so, avevo paura anche se desideravo tanto offrirle un buon prosecco ma
        .ero bloccato come um imbecille.

        • 18 Luglio 2015 in 01:13
          Permalink

          se se… volevi mantenere l’anonimato… Poi avevi paura che mostrassi la tua foto alla paola…

          magari ti ho anche fotografato inconsapevolmente…

          • 18 Luglio 2015 in 01:28
            Permalink

            Sono io quella paola lì? ;)..
            domani cmq forse ci sono anch’io… potremo svelarci.. eh eh eh..

          • 18 Luglio 2015 in 01:49
            Permalink

            Certo che sei tu… Cmq ti conviene svelarti a me più che a velenoso…

  • 17 Luglio 2015 in 22:31
    Permalink

    Ma è vero che Tavecchio ha detto che si pronuncerà lunedì ?

  • 17 Luglio 2015 in 22:36
    Permalink

    Arrivo tardi..scusate
    cmq volevo capire di cosa si tratterebbe ” come documentazione non completa per ENTRAMBE le richiedenti..”
    Qualche news in più, qualche ipotesi?

  • 17 Luglio 2015 in 22:59
    Permalink

    Sinceramente non intravedo il problema…ovvero il “problema” può essere solo se la nascente compagine societaria (“Parma 1913”) possa aspirare – giocando sulle disgrazie altrui – ad un “ripescaggio” in una categoria un po’ più decente che la “categorica” serie D .. (Almerindo Frezzani)

  • 17 Luglio 2015 in 23:19
    Permalink

    Buonasera Majo,
    Si allungano i tempi e si accorciano le possibilità di formare una squadra competitiva ed allenata nei giusti tempi per essere da subito vincente.
    È auspicabile una decisione in seduta dedicata in tempi brevi?

  • 17 Luglio 2015 in 23:40
    Permalink

    1) Michele, fantastico quello che hai scritto in italianoski
    2) troppo buoni, siamo troppo buoni. Oggi ci saremmo dovuti radunare sotto la FIGC, altro che a carpenendolo!!
    3) tavecchio e’ amico di Leonardi e ghiro….. Per cui mi aspetto un comportamento alla pari
    4) il giornalista fa il giornalista e non la bandiera

  • 17 Luglio 2015 in 23:56
    Permalink

    leggendo i vari siti sto notando un esodo d massa dei giovani del parma io vorrei proporre una provocazione che ne dice se i giovani venissero comprati e con quei soldi si pagassero i fornitori che non ricevono un euro e questo vale per tutte le societa’ fallite almeno per tutelari i dipendenti

  • 18 Luglio 2015 in 00:10
    Permalink

    il parma in d sara’ MAGICO PARMA…uscira’ decisone lunedi’…ma ritenuto il progetto economicamente piu’ importante….in queste ore verra’ comunicato alle 2 parti interessaate

    • 18 Luglio 2015 in 00:16
      Permalink

      eviti di diffondere notizie false e tendeziose. La suscettibilità è già piuttosto alta…

  • 18 Luglio 2015 in 00:16
    Permalink

    C’era qualche membro di parma calcio 1913 alla festa dei tifosi?

    • 18 Luglio 2015 in 00:37
      Permalink

      No. Ferrari era a Punta Ala da Apolloni. Scala a Lozzo Atestino. Carra a un incontro di newco2 (ma è atteso domani a Sala Baganza). Minotti via.

      Unico assimilabile: il massaggiatore Giorgio Balotta

  • 18 Luglio 2015 in 00:27
    Permalink

    stra maldèt ti e la reggiana

    • 18 Luglio 2015 in 00:42
      Permalink

      cosa centra la reggiana?? cucciolo? prenditela con quel ***** di ghirardi e quel ***** di leonardi noi non centriamo un cazzo e piu di una volta ho preso le vostre difese riamrcando che il sistema calcio e una merda

      • 18 Luglio 2015 in 08:17
        Permalink

        La reggiana centra lo dice anche la matematica che non è un opinionista !

        Leonardi : Ghirardi = reggio : Merda

        • 18 Luglio 2015 in 09:41
          Permalink

          pensiamo alle nostre cose, che è meglio. E iniziamo a ragionare sul tifo pro e non quello contro

          • 18 Luglio 2015 in 10:26
            Permalink

            zambro ma te non capisci una mazza io ho detto se sai leggere , perchè penso di scuole ne hai fatte poche , se no capiresti , ho detto e qua possono essere testimoni che il patrimonio giovanile andava protetto ma te nn capici una sega

  • 18 Luglio 2015 in 02:25
    Permalink

    tavecchio fa il furbo cerca di danneggiarci il piu’ possibile atro che ripescaggio in lega pro n…….l ambiente lega figc e’ sempre lo stesso altro che cambiato dopo il caso catania…….quelli se potessero il parma non gli darebbero manco la serie D d altronde e’ gia’ nel dopo tanzi che eravamo invisi a molte tifoserie e societa’ ……non aspettavono altro saranno li a fare i cavillosi sulle carte mentre altri magari non li controllano neppure le fidejussioni ( ci furono casi di fidejussioni false )
    Certo se poi le due cordate non hanno ancora prodotto le carte allora siamo al ridicolo …per fortuna che il 24 e’ lultimo giorno utile non se ne puo’ piu’ della tenovela di tavecchio e grazie ai corrados che gli hanno fornito un alibi perch’ se c era una solo cordata( non e’ che lavorino sporco per tavecchio ? ) …….era costretto adesso balla nel manico fino all ultimo giorno cosi blocca la campagna aquisti e i migliori si sono gia accasati

  • 18 Luglio 2015 in 08:38
    Permalink

    E’ evidente l’intento di Corrado di mettere i bastoni tra le ruote agli altri. Non gli è bastato perdere un mese con una pseudo trattativa mai conclusa? Ora per favore si faccia da parte e lasci fare.

    • 18 Luglio 2015 in 09:40
      Permalink

      Per la B i mesi persi sono stati più di tre…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI