MAGICO PARMA: “LA LETTERA DI ACCREDITAMENTO DEL SINDACO E’ L’UNICO DOCUMENTO CHE NON ABBIAMO POTUTO PRESENTARE”. LA CHIOSA DI MAJO

image(Comunicato Stampa) – Magico Parma  vuole precisare la notizia errata, e probabilmente frutto di un malinteso, contenuta nel titolo dell’articolo di Gabriele Majo pubblicato oggi, secondo cui “Tavecchio non ha ancora deciso chi sarà l’erede dell’estinto Parma FC perché Magico Parma non ha accompagnato la richiesta di ammissione con l’assegno di 300.000 Euro”. 

FullSizeRender (9)Prendiamo atto dell’ennesimo tentativo di portare discredito a Magico Parma per giustificare un’eventuale (ricordiamo che il termine ultimo stabilito dalla FIGC è il 24 luglio) allungamento dei tempi di decisione da parte della FIGC.

Se questa fosse la situazione reale, la decisione da parte della Federazione sarebbe già stata presa a vantaggio di Parma 1913.

La realtà è diversa.

Primo: La Federazione Italiana Giuoco Calcio prende decisioni solo in base ai contenuti e alla validità del progetto.

Secondo: Il 6 luglio scorso la nostra Società ha presentato alla Lega Nazionale Dilettanti tutta la documentazione richiesta, ma la Lega – sulla base della lettera che la FIGC aveva inviato il 3 luglio al Sindaco di Parma – ha richiesto il deposito contemporaneo anche della “lettera motivata del Sindaco di Parma di accreditamento della Società, con la quale l’Amministrazione comunale manifesta il gradimento al progetto e ne conferma la serietà”. Come è noto, Magico Parma non ha la lettera di accreditamento (e non di preferenza) del Sindaco ed è questo l’unico documento che Magico Parma non ha potuto presentare.

Forse, invece, sarebbe stato più opportuno chiedersi quali potrebbero essere le reali ragioni per le quali la Federazione non ha ancora espresso un giudizio. Certo, queste non debbono essere ricercate o attribuite a Magico Parma.

Battere Magico Parma non è una cosa semplice, ma screditare il lavoro fatto non è la strada migliore.

LA CHIOSA DI GABRIELE MAJO DIRETTORE RESPONSABILE DI STADIOTARDINI.IT

(gmajo) – Nella loro magica nota i Corrado’s definiscono errata e frutto di un malinteso la notizia a mia firma, pubblicata stanotte su StadioTardini.it a proposito dei 300.000 euro che non sarebbero stati da loro versati alla federazione a corredo della domanda di iscrizione che dunque è incompleta: a me non resta che ribadire che è stato proprio Giovanni Corrado ieri sera a, nel rispondere a una mia precisa domanda, a dirmi non aver  (ancora) accompagnato la richiesta di ammissione alla serie D con il previsto assegno circolare di 300.000 euro non trasferibile intestato alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, a titolo di contributo ex art.52, comma 10 delle Noif, essendoci tempo per farlo fino alle ore 12 del 24.07.2015.
Né mi pare che siano state pubblicate prove inequivocabili, uno straccio di ricevuta, ad esempio, che testimonino che il versamento è stato da loro effettuato, se l’unico documento mancante, a loro dire, è l’endorsement del Sindaco.
Respingo fermamente, infine, la calunniosa accusa di “ennesimo tentativo di portare discredito a Magico Parma per giustificare un’eventuale (ricordiamo che il termine ultimo stabilito dalla FIGC è il 24 luglio) allungamento dei tempi di decisione da parte della FIGC”. Non è mia abitudine, infatti, discreditare qualcuno, men che meno Magico Parma, nel pieno rispetto della deontologia professionale giornalistica; e per quanto mi riguarda ho sempre avuto presente il termine ultimo del 24 luglio e l’ho ben esposto ai miei lettori, incluso nell’articolo contestato, al di là di aspettative alimentare dal presidente federale il quale aveva indicato altre date (venerdì 17 o lunedì 20 luglio) alla Gazzetta di Parma.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

TAVECCHIO NON HA ANCORA DECISO CHI SARA’ L’EREDE DELL’ESTINTO PARMA F.C. PERCHE’ MAGICO PARMA NON HA ACCOMPAGNATO LA RICHIESTA DI AMMISSIONE CON L’ASSEGNO DI 300.000 EURO

IL CONSIGLIO FEDERALE DI VENERDI’ 17 E’ TERMINATO, MA NON RISULTA PRESA ALCUNA DECISIONE SULLA EREDITA’ SPORTIVA DEL PARMA FC. PERCHE’ ?

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

67 pensieri riguardo “MAGICO PARMA: “LA LETTERA DI ACCREDITAMENTO DEL SINDACO E’ L’UNICO DOCUMENTO CHE NON ABBIAMO POTUTO PRESENTARE”. LA CHIOSA DI MAJO

  • 18 Luglio 2015 in 20:49
    Permalink

    Majo sappiamo tutti che se non ci fossi stato tu di Magico Parma non si sarebbe nemmeno parlato.
    E’ chiaro che Parma Calcio 1913 è l’unica proposta seria, hai visto problemi finora? E i nomi? Qui come la fanno la squadra?

  • 18 Luglio 2015 in 20:56
    Permalink

    Ma annatevene tutti…….. Alberto Sordi song

  • 18 Luglio 2015 in 20:57
    Permalink

    Questi sono come,se non peggio,GhiroLeo…….da me si dice MA A CAGHER ME VALA?!?!?

  • 18 Luglio 2015 in 20:59
    Permalink

    Majo, ti prendoni in giro sti qua…lasciali stare, non ti meritano!

  • 18 Luglio 2015 in 21:05
    Permalink

    Dobbiamo chiarire una cosa. Secondo voi i Corrado’s non hanno versato i 300.000 euro perché s’erano dimenticati o perché non lo sapevano? SE PENSATE QUESTO ALLORA SIETE DEI FRESCONI.Loro l’hanno fatto solo per perdere tempo perché sapevano che così facendo avrebbero prolungato l’agonia del Parma e della cordata PARMA CALCIO 1913 CHE LORO DETESTANO e ogni giorno che passa è UN PUNTO IN MENO CHE AVREMO IN CLASSIFICA perchè ogni giorno che passa sarà un Parma sempre meno forte e questo di boicottarci è la soluzione ai tanti comportamenti equivoci che i Corrado’s hanno tenuto in questa telenovela. Quando si sono accorti che non ci potevano avere, hanno cambiato strategia e hanno deciso che se il Parma non potevano averlo loro, non dovevano averlo nemmeno gli altri a o al massimo la dovevano avere deturpato e sempre meno competitivo nel campionato che verrà e come del resto sta succedendo. MAJO SCHIERATI UNA BUONA VOLTA.

    • 18 Luglio 2015 in 21:06
      Permalink

      Velenoso. Per l’ultima volta. Io non sono un partigiano. Io sono un giornalista professionista che ama e rispetta la sua professione.

      • 18 Luglio 2015 in 22:33
        Permalink

        Nessuno le dice che lei è un partigiano lei non lo vuole essere e nessuno le dice di esserlo ma diamine come fa ad essere neutrale in questa situazione in cui sono palesi gli scopi delle due cordate. Non sono d’accordo con lei, il vero giornalista non tiene i piedi in una scarpa. Si schiera.I più grandi giornalisti si sono sempre schierati, non sono mai stati neutrali e pavidi.Vuole che le faccia i nomi?

  • 18 Luglio 2015 in 21:16
    Permalink

    Dai Corrado, ora basta. Stai facendo di tutto per rallentare l’iscrizione alla D.

  • 18 Luglio 2015 in 21:16
    Permalink

    I Corrado come aprono bocca si tirano delle martellate da soli.

  • 18 Luglio 2015 in 21:20
    Permalink

    Però nel comunicato non specificano che l’assegno è stato mandato chi sa perché?direttore sappiamo tutti che lei balle non le dice mandi un comunicato a tutte le testate di Parma tutti devono sapere che Giovanni stesso vi ha confermato che non ha mandato un euro..

  • 18 Luglio 2015 in 21:32
    Permalink

    Direttore, io sono d’accordo con quanto afferma l’utente Guido in un commento poco sopra. Non è mio costume o abitudine esprimere giudizi netti e sommari, ma qui veramente mi sembra che siamo di fronte a personaggi di uno squallore unico. Giudico i Corrado dei bugiardi matricolati, spocchiosi e ignoranti come capre, il cui unico scopo è chiaramente e inequivocabilmente quello di far casino, di far perdere tempo alla gente che deve fare la squadra. Mi chiedo quale minima credibilità possa ancora vantare questa gentaglia. E mi chiedo, gentile direttore, se anche lei non è stufo di essere additato e messo alla gogna da questi quì in modo assurdo e pretestuoso.
    Saluti.

    • 18 Luglio 2015 in 23:46
      Permalink

      Concordo. Aggiungo che sono pericolosi

  • 18 Luglio 2015 in 21:58
    Permalink

    Corrado vai a comprare il Marzolara

  • 18 Luglio 2015 in 22:01
    Permalink

    speriamo di tornare presto a parlare di calcio giocato perchè di questi teatrini squallidi non se ne puo’ veramente piu!

  • 18 Luglio 2015 in 22:09
    Permalink

    MOMENTO ISPIRATORIO (…fermo lì Majo, lasci stare il cestino, e legghi).

    Nonostante i 36 gradi di oggi, come sono solito fare quando devo scaricare il server della testa intasato da troppo brain storming, sono andato a farmi la mia solita corsetta, che poi corsetta…giretto..camminatina dai..insomma trascinamento. Che però dà i suoi frutti e avevo letto stamattina tutta sta storia di sto temporeggiamento di Tavecchio, Magico non Magico, cause e scuse…ho lasciato perdere, però da lì si è inceppato un germe nella mia testa che durante la giornata è cresciuto e poi ha dato flusso corrente alla mia ispirazione. Riflettevo sulle ragioni delle azioni di ciascuno, sul motore.
    Più che il programma, qual’è il motore di Parma Calcio 1913 e qual’è il motore di Magico Parma? Da dove parte il tutto? Non è una domanda retorica, è bene capirlo perché da questa risposta dipende la durata e l’efficacia dell’intenzione. Cosa spinge l’uno e cosa spinge l’altro? Interesse pubblicitario, nomea cittadina…interesse economico..AMORE.
    Già, l’Amore. Parola abusata come “Progetto”.
    Chi ama di più tra coloro che hanno creato Parma Calcio 1913 e Magico Parma?

    Tornando dalla mia pseudo-centrifuga/corsetta e salendo in macchina non aveva voglia d’altro che arrivare a casa, prendere in braccio il mio gatto che ha la sindrome del rottweiler e tappezzarmi dei suoi peli prima di farmi la doccia..però dopo aver trangugiato un litro d’acqua e polverizzato una briochina alla marmellata di albicocca, mi sono fermato alla Casetta dell’acqua a riempire una sportina di bottiglie di minerale….vedo che alla casetta non c’è nessuno e dico: “Ma varda che ben…”, mi fermo, parcheggio, tiro fuori la tessera e mentre mi giravo verso il finestrino ho soffocato un esile urlo dallo spavento, giacchè tutto il finestrino era occupata dalla faccia di uno che abita nei dintorni e che mi aveva visto una volta in un supermercato..e…io non avevo proprio voglia…perché dal caldo avevo tirato su le braghe della tuta fin sotto le mutande mentre guidavo, ero tutto pieno di crema solare fattore 30…colata…smoky eyes tipo panda e capelli raccolti stile girasole/medusa pescata con la corrente…insomma ero messa male….e questo poverino mi fa, mentre tra me e me mi chiedevo da dove cavolo era saltato fuori:” Ma quand’è che posso offrirti un caffé…” e io: “Non lo so…adesso sono di corsa e…” e lui: “Che bella che sei..” e io: ” Ma che ci trovi in me? Ho ancora un pezzo di brioche in mezzo a denti, son tutta sudata dai…faccio cagare…” e lui:” Che bella che sei, da quella volta ti ho pensata tutto il tempo, sei bellissima….”sicchè non sapevo più cosa fare, e ho detto: ” Beh io adesso…dovrei andare…”, ingrano grattando la marcia e sgommo via..e mentre salivo i colli trevigiani andando a casa con la luce del tramonto, un pò mi dispiaceva per lui…perché ho pensato: “Cazzo quello è proprio amore, se gli vado bene anche messa così..”. Però io intanto sono scappata.
    Già l’amore. L’amore forte fa anche paura.

    L’amore di chi ha fondato Parma Calcio 1913, l’amore(?) di chi ha fondato Magico Parma.
    Tutto ruota intorno a questo. Più forte è il sentimento, più forti sono le intenzioni e la durata e la concretezza delle azioni.
    E mentre parcheggiavo a casa e mi riempivo volentieri di peli del mio gatto/mastino pensavo: “Cavolo, non mi manca quasi niente, a Stadiotardini mi vogliono bene perché non me le danno mai, sono sempre clementi nonostante non sia una cima calcisticamente parlando però magari sono capace di divertire le persone, Majo mi adora anche se non lo ammetterà mai, e dove la trova un’altra così..neanche caduta…inciampata giù dal cielo come me? Un tipo un pò matto ma che quando parla tutti ascoltano. Già al liceo parlavo io e tutti stavano zitti, tutti e 33.
    Eppure…già tutto ruota intorno all’amore, quella spina che non ti fa godere appieno di ciò che hai perché NON è ABBASTANZA E SOLO certe persone e certi obbiettivi possono riempirtela.

    Quindi tu A. che stai leggendo, sì proprio tu…tu cazzo.
    Facciamo pace? Senza di te sono un topo senza gatto, un cane senza osso. Sei l’unico osso che voglio.

    Grazie Majo, ora aspettiamo sto 24 luglio e vediamo come finisce sta telenovela di mezza estate.

  • 18 Luglio 2015 in 22:38
    Permalink

    Direttore ma non capta nell’aria e NEL FORUM qualcosa di diverso rispetto a ieri? Il forum è in fermento.Non sopporta più i Corrado’s.

  • 18 Luglio 2015 in 22:46
    Permalink

    Sig Corrado,
    Parole vostre : ” Se diamo fastidio pronti a farci da parte”
    E bene rispondetevi da soli….
    Tra centinaia di persone che conosco tifosi del Parma neanche uno vorrebbe il Parma nelle mani della vostra cordata,
    Se avete buon senso e siete persone serie come credo che siate ,
    È il momento di pensare al bene del Parma e della sua gente!
    Grazie di averci provato ma ora basta!
    Il Parma deve ripartire!

  • 18 Luglio 2015 in 22:50
    Permalink

    Ma questa “lettera” del sindaco è obbligatoria?
    Se lo è bene..se non lo è la sua argometazione cade da sola
    C’è modo di saperlo?
    Poi che faccia vedere la ricevua dei 300.000 versati!!!! così finiscono le illazioni
    Dobbiamo come sempre crederli sulla parola?

    E poi eccoci di nuovo al passato..come con ghirardi!
    Vittime di un complotto..
    ma soprattutto vittime di ….Majo.
    dopo il cavallo di troia…anche questa..
    Direttore sei una piaga biblica per i corrado..

    • 18 Luglio 2015 in 23:09
      Permalink

      Ok…la lettera che si può dire di garanzia da parte del sindaco è una richiesta della lega fatta attraverso la lettera inviata al sindaco da parte della figc…ma non è per questo che il sindaco aveva sollecitato i corrado di mandargli il progetto completo e che loro non “vogliono” far vedere …?
      insomma non se ne esce se è così..
      che casino..

    • 19 Luglio 2015 in 01:02
      Permalink

      di solito chi mi tocca muore…

      Cmq, ad onta del lodo petrucci, la lettera di endorsement del sindaco è esplicitamente richiesta nella missiva inviata da figc alla municipalità…

      Ma stasera non dovevi essere alla festa del CCPC? Non ti ho vista…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 19 Luglio 2015 in 01:09
        Permalink

        Mo no…
        son rimasta a “piedi”…
        Sarà per quando festeggeremo l’inizio dell’avventura col nuovo parma..

        Ciao

  • 18 Luglio 2015 in 22:50
    Permalink

    “il tempo è galantuomo, e chi ha ragione l’avrà”….

  • 18 Luglio 2015 in 23:23
    Permalink

    I 300.000 euro di fidejussione servono o no? La lettera del sindaco serve o no? Sono entrambi i documenti parte integrante della documentazione necessaria?
    Vorrei sapere questo
    Cordialmente
    Vecchioalle

    P.s. i Corrados, senza apostrofo

    • 19 Luglio 2015 in 00:59
      Permalink

      A me, pur essendo un errore, piace di più scrivere Corrado’s: è una licenza poetica…

      I 300.000 euro di fidejussione sono parte integrante dei requisiti indispensabili: per capirci sono un po’ come i soldi dell’Irpef per la Licenza Uefa

      L’endorsement del sindaco è esplicitamente richiesto nella missiva inviata dalla federazione alla municipalità e da questi al sindaco

      Cordialmente

      Gmajo

      • 19 Luglio 2015 in 07:54
        Permalink

        Insomma non hanno messo i soldi, non hanno messo la lettera del sindaco ma sono lì e tengono duro….a me sembrano l’ennesimo delirio di questo annus horribilis parmigiano. Temo che prima del 24 non ci sarà alcuna decisione. Un atto di coraggio di Tavecchio è probabile come il sole di mezzanotte a Parma

  • 18 Luglio 2015 in 23:28
    Permalink

    Salvo smentite, credo che il Magico non abbia presentato l’assegno. Parlano infatti di “documentazione completa” e l’assegno non costituisce documentazione ma denaro liquido. Per l’assegno, dicono, c’è tempo fino al 24.7. Quindi la linea è chiara e il Parma 1913 è sotto scacco, non è scacco matto ma costringe a perdere tempo. Poi si puó dire ció che si vuole, insultare e minacciare, ma occorre prendere atto che giuridicamente la loro linea mostra una certa tenuta. Quindi pragmaticamente chiedo agli insigni giuristi che frequentano il sito, abbandonando per un attimo vittimismo ed invettive, la pronuncia del sindaco è tra i documenti previsti da presentare o è qualcosa in più, considerata l’abolizione della specifica norma ex lodo Petrucci?

    • 19 Luglio 2015 in 00:47
      Permalink

      Le credenziali del sindaco sono state esplicitamente richieste dalla FIGC all’interno della missiva del 3 luglio, ad onta dell’abrogazione del lodo petrucci

  • 18 Luglio 2015 in 23:36
    Permalink

    Sarebbe molto utile poter visionare il testo integrale della lettera inviata dalla FIGC al Comune di Parma il 3 luglio ( e protocollata il 6 luvgio). Dove si può trovare? È possibile per lei pubblicarne il testo. Grazie per quanto potrà fare.

  • 18 Luglio 2015 in 23:46
    Permalink

    A me Corrado sembra uno di quei bambini che:
    – la fanno grossa
    – le prendono dai genitori perché l’hanno fatta grossa
    – giurano di aver capito la lezione e che non ne faranno più di grosse
    – dopo un giorno ne combinano un’altra più grossa della precedente
    Caro Corrado, il sottoscritto non la giudica dalla sua juventinità, squadra della quale non mi reputo affatto nemico, ma dalla sua goffaggine manageriale. Da quando si è avvicinato al Parma, ne ha combinate di cotte e di crude. L’accusa calunniosa al direttore Majo, reo secondo il suo parere di portare discredito a Magico Parma, non regge. Per due ragioni. La prima: non è tra i costumi del direttore agire nel modo che lei calunniosamente gli attribuisce. Secondo: a gettare discredito su Magico Parma ci ha già abbondantemente pensato lei con le sue condotte assai goffe.
    In sintesi, caro Corrado, chi è causa del suo mal, pianga sé stesso. Di personaggi come lei, noi siamo stanchi. E in questo momento tutto vogliamo, fuorché un altro figuro alla Ghirardi, che la colpa è sempre degli altri e son sempre gli altri a fraintendere.

  • 18 Luglio 2015 in 23:51
    Permalink

    A me era più simpatico Manenti di questi qua…

  • 18 Luglio 2015 in 23:55
    Permalink

    Pagliacci. Mi chiedo solo come fa the Space Cinema a stare in piedi, visto il conduttore. O meglio, la risposta me la do da solo, ti fanno pagare il biglietto del cinema 10 €, son buono anch’io. I due figli poverini vanno bene in via Farini a spendere in mojiti la paghetta del papà (e in multe per parcheggio suv sul marciapiede)

  • 19 Luglio 2015 in 00:11
    Permalink

    Corrado figlio ok, di credibilitá nn ne ha mai avuta, é solo un pagliaccio figlio di papá che nn capisce un c…. …ma il padre??! Stimato manager che si sta sputtanando in modo osceno..ma per cosa? Chi sta dietro a questa messa in scena? Chi tira le redini di questa pagliacciata? Una persona non sputtana una carriera per nulla….che credibilitá potta avere d’ora in poi come manager?
    Luca

  • 19 Luglio 2015 in 00:20
    Permalink

    I Corrados, degni amici di Melli e Levati

  • 19 Luglio 2015 in 00:21
    Permalink

    corrado gobbi di ****** ci avete rotto il cazzo toglietevi dai coglioni una buona volta.

    SEMPRE A PIANGERERE DOVE SONO I PROGRAMMI

    PARMA NON VI VUOLE FUORI DALLE BALLE

  • 19 Luglio 2015 in 00:22
    Permalink

    Voi, di Parma, siete troppo dolci. Lasciatevi mangiare sempre di nuovo. Avete gia fatto più di una volta.

  • 19 Luglio 2015 in 01:53
    Permalink

    ma i corrados sanno gia’ di essere tagliati fuori stanno rompendo le palle a tutti per avere dei favori dopo tipo dal comune ….piangono in modo che poi chiederanno qualcosa in cambo vecchia maniera di fare affari ….che so una nuova licenza ala paruchiera di sua moglie ovvero la mamma di giovanni la parucchiera!!!! ecccc pero’ scusa majo ma ti stanno usando per i loro piagnoculamenti vedi la notizia errata sul sindaco !!!!! adesso sei tu che hai capito male e giu’ contro majo !!!! non hai capito che ti usano ? nessuno li caga piu’ sei l unico che li chiama e interpella e loro ti usano per cassa di risonanza per acere pubblicita’ FA CINEMA CORRADO
    Si sono scordati di dire che al sindaco non hanno ancora mandato il progetto per cui lo capisce anche un bimbo come puo’ il sindaco dargli la lettera alla figc ‘? non capisci che e’ tutto studiato il povero sindaco li sollecita’ perche’ sa gia’ che dopo pinageranno diranno che e’ colpa del sindaco che non gli ha faftto lallettera. al loro progetto per la figc ..ma come fa il sindaco a dire che il programma o progetto e’ valido se questi non lo mostrano e non gli danno udienza ? QUESTI SONO DEI ………NON LO CAPISCI LASCIA PERDERE DI PARLARCI LASCIALI FARE PUBBLICITA DALLA PARUCCHIERA DI SUA MOGLIE

  • 19 Luglio 2015 in 01:56
    Permalink

    O GIOVANNI CORRADO TANTA MERDA MA SEI FIGLIO DI PARUCCHIERA sempre meglio di buona …… e’ vero

  • 19 Luglio 2015 in 01:59
    Permalink

    certo che sei un amante del sado ti piace farti scudiscaiare piu ti scudiciano e piu li cerchi ma lasciali perdere non hai ancora capito ? peggio di manneti sono…..e tu continui e che cazzo su majo non sarai come dice velenoso un 4,93 gr

  • 19 Luglio 2015 in 09:50
    Permalink

    mi piacerebbe avere un opinione di Ceresini su questo tema.

    che qui di gente che ama il parma c’e’ pieno, fortunatamente non mi pregio di certe amicizie altrimenti un bel “ve nani mo co sit dre fer ” glielo avrei chiesto,e se per caso volesse dirci anche che cosa gli e’ stato risposto.
    tanto poi a sbaraiare in curva per l parma siamo sempre i soliti 4 noti da 40 anni a sta parte, quelli cha amano il parma

  • 19 Luglio 2015 in 10:42
    Permalink

    La lettera di endorsement è una sola..evidentemente..
    2 si annullano..non servono..
    Non capisco perché mai la mancanza di tale lettera possa essere considerata come non completa documentazione..
    Se il sindaco appoggia entrambe tanto vale chiedere il suo endorsement . ..a cosa gli serve alla figc?
    Endorsement significa appunto appoggio, adesione..
    La figc ben conosce i soggetti in campo.. a cosa gli serve quel che dice il sindaco su entrambe le cordate?..intendo dire che ha senso se questo appoggio è verso una parte sola..
    (non so se sono riuscita a spiegarmi..)

    Quindi?
    Qualcosa non torna..o mi sfugge ancora qualcosa ?

    • 19 Luglio 2015 in 13:35
      Permalink

      Sono di coccio chiedo scusa :)….sono partita da un presupposto errato

  • 19 Luglio 2015 in 12:16
    Permalink

    Io non sono con i Corrado’s, non lo sono mai stato ed i miei post precedenti lo confermano, ma non mi riconosco in certi anti-Corrado’s che se la prendono con la mamma/moglie perchè fa la parrucchiera. Cazzo c’entra? Ma le vostre mamme/compagne/nonne sono professoresse universitarie, chirurghi o top manager? Vili.

    • 19 Luglio 2015 in 12:36
      Permalink

      Bravo. Anche a me pare che non sia proprio questo il più grande difetto dei corrados

    • 19 Luglio 2015 in 12:54
      Permalink

      Hai ragione Pencroff, “figlio di parrucchiera” è una cosa molto antipatica. Io vado dalla solita parrucchiera da anni ogni due mesi e si fa pagare 11,50 per una piega e al massimo 26,5 per un colore.
      Lavora nel vecchio negozio di sua mamma e io adoro andare da lei anche se ci vanno le vecchiette a fare la permanente e l’aria condizionata va a colpi. Invece ci sono “stylist” o “coiffeur” dove abito che si fanno pagare 50 euro per una piega, e io non ci vado. Quindi “figlio di parrucchiera”….con quello che si fanno pagare è un complimento. Non mi piacciono le battute che riguardano il lavoro, mio papà è in pensione eppure si fa ancora il mazzo a campi potando le viti o vendemmiando quando è ora per tenersi impegnato, quindi chi fa questo tipo di battute è più snob di quanto crede.

      • 19 Luglio 2015 in 14:30
        Permalink

        la mamma di marotta ‘ polifemo invece vi garba ?

        fatevi curare chiedete referenze ad alfredo

  • 19 Luglio 2015 in 12:41
    Permalink

    Ma se endorsement significa semplicemente appoggio, perchè non usate semplicemente “appoggio”? Co vriv fer, i fè?

  • 20 Luglio 2015 in 10:02
    Permalink

    Dalla GDP
    SEMBRA che Giovanni Corrado oggi potrà rendere pubblica la documentazione (come già fatto da Parma calcio 1913) inviata alla Figc. .non poteva farlo prima perchè era a Milano dall’avvocato.. (ma lui o la documentazione? )..

    Ma esistono le email no? Cmq
    siccome io personalmente non ho letto questo
    e quindi è un sentito dire..
    chiedo se ne sa qualcosa?

    • 20 Luglio 2015 in 11:34
      Permalink

      Ciao Paola,

      che Giovanni Corrado intendesse mostrare oggi, lunedì, la documentazione inviata alla FIGC, lo ha scritto la Gazzetta di Parma nella edizione cartacea di ieri, ove è riportata, virgolettata, la spiegazione fornita dal giovin manager (“è nell’ufficio dell’avvocato a Milano e potremo dare solo lunedì”).

      Giovannino, nella giornata di sabato, quando verso le 19 ha postato sul suo profilo Facebook la nota in cui diceva che la mia notizia era errata e frutto di un malinteso, al telefono mi aveva detto di essere in Toscana, appunto quando gli avevo chiesto di mostrarmi la ricevuta della FIGC relativa al versamento dei 300.000 euro…

      Anche perché, malinteso o non malinteso, come spiegato nell’articolo contestato, era stato lui, nel rispondermi, a dirmi che il versamento non era stato ancora effettuato, appunto perché la scadenza era il 24. Infatti io mi sono ben guardato dall’attaccarlo per non aver fatto il versamento entro quella data, dato che era un suo pieno diritto aspettare l’ultimo secondo possibile dell’ultimo giorno (un po’ come faceva Tom Ghirardi con gli stipendi dei tesserati federali, salvo restarci dentro a metà novembre 2014). Poi che quella condotta dimostri uno scarso interesse ad accorciare i tempi è tutto un altro discorso.

      Stamani la Gazzetta di Parma ha cortesemente ospitato una mia replica a Corrado, anche se la titolazione non mi è parsa felice: “Majo precisa: i 300.000 euro mai versati”. Allora, intendiamoci bene: io non ho mai detto che Corrado non abbia mai versato i 300.000 euro. Io ho solo scritto una volta e poi ribadito nella replica, che Corrado stesso, nella serata di venerdì, mi aveva riferito di non aver effettuato il versamento in questione, appunto visto che deve essere fatto entro il 24.

      Prendo atto che manchi anche l’endorsement del sindaco, come da lui scritto nel suo post su FB, ma non mi pare che abbia chiarito o in alcun modo mostrato che il versamento era stato fatto. Ma se lo aveva fatto perché a me aveva detto di no quando glielo avevo chiesto, spiegandomi diffusamente il perché o il percome?

      L’avvocato milanese, a quanto mi consta, era stato in contatto a lungo con GioCorrado per quella replica partorita sabato in serata, ma preannunciatami al mattino.

      Secondo Corrado Jr i motivi per cui Tavecchio non aveva ancora stabilito chi fosse l’erede dell’estinto Parma FC non sarebbero i 300.000 euro. Può darsi: magari lo dirà anche lo stesso Tavecchio. Ma io ho ben chiare le modalità esposte nella lettera federale del 3 luglio in cui è inserito come requisito indispensabile il deposito “sempre nel termine del 24 luglio ore 12,00” “presso la FIGC” di un “assegno circolare non trasferibile, di euro 300.000,00 (trecentomila/00) intestato alla Federazione Italiana Giuoco Calcio a titolo di contributo ex art 52, comma 10 delle NOIF”. Per cui se a me Corrado Jr, peraltro in una telefonata che mi ha fatto lui, mi risponde di non aver ancora provveduto a tale versamento, la trovo come spiegazione concreta piuttosto plausibile del mancato anticipo della decisione di Tavecchio, nei giorni indicati dallo stesso presidente federale nella dichiarazione alla Gazzetta di Parma: venerdì 17 o lunedì 20.
      Già: lunedì 20. Oggi Tavecchio potrebbe venirsene fuori con il prescelto: ma a questo punto a chi giova lo faccia con appena quattro giorni di anticipo rispetto alla scadenza naturale del 24, indicata nella missiva stessa? E’ vero che ogni giorno che passa è prezioso per l’allestimento della squadra, con la società ancora in un limbo in cui non può sottoscrivere contratti, ma visto come sono andate le cose fino ad ora è meglio se non ci sarà alcun anticipo, anche perché potrebbe causare complicanze ulteriori in caso di ricorso.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 20 Luglio 2015 in 10:59
    Permalink

    Buongiorno a tutti, voleva esprimere il mio parere sul tentennamento di Tavecchio nella scelta della cordata.
    io temo che essendo stati i Corrado’s indicati da Tavecchio (Lotito) per salvare il vecchio Parma FC , cosa che comunque avrebbe garantito al presidente il voto in Lega/FIGC , ora lo stesso si trovi di fronte ad una scelta difficile (politicamente difficile) :
    dare l’ok agli amici Corrado’s che comunque un domani saranno legati alla sua corrente politica o dare l’ok a Parma 1913 che sembra essere sicuramente molto più svincolata da certi giochi?
    Direttore, lei cosa ne pensa? è fantacalciopolitica?

    • 20 Luglio 2015 in 12:21
      Permalink

      No, anzi: mi pare un quadro abbastanza verosimile della situazione.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 20 Luglio 2015 in 12:29
      Permalink

      Sì anche io mi sono fatta questa idea e la temo fortemente..dal momento in cui ho sentito la conferenza di parma calcio 1913..ho pensato ahia se siamo gente che non vuole “intrallazzi” …ma chi ci filerà?

  • 20 Luglio 2015 in 11:26
    Permalink

    State tranquilli che corrado non ha versato una benedetta mazza. Ne ho avuto conferma da un amico che lavora nella banca dove sono presenti i CC di parma calcio 1913 e di tragico parma: solo i primi hanno mandato il bonifico da 300k, corrado ancora nada. ci sta solo facendo perdere tempo, CORRADO FUORI DAI COGLIONI

    • 20 Luglio 2015 in 12:18
      Permalink

      Qui non sono in ballo bonifici, ma assegni circolari.

      • 20 Luglio 2015 in 13:00
        Permalink

        vabè, quello che è..cmq il succo del discorso direi che è chiaro.

    • 20 Luglio 2015 in 13:05
      Permalink

      Dai sembra cmq una balla!! 🙂
      l’amico che lavora in banca e che racconta i movimenti dei clienti..
      poi bonifico di che ..? visto che si parla (detto e ridotto in ogni thread) di assegni circolari..

      insomma basta dare notizie fasulle..
      ne abbiamo a sufficienza di quelle vere!!!!

      Se mi sbaglio chiedo venia ovviamente 😉

      • 20 Luglio 2015 in 13:32
        Permalink

        perchè dovrei dire una balla? riporto quello che mi è stato riferito..poi staremo a vedere

        • 20 Luglio 2015 in 13:45
          Permalink

          di miocuggginate, come ci ricorda sovente il buon fabris, c’è pieno il mondo. evitiamo di alimentarne…

          cordialmente

          gmajo

  • 20 Luglio 2015 in 11:44
    Permalink

    Certo..chiarissimo..
    Adesso, intendo oggi, a soli 4 giorni dalla scadenza che c’è ne facciamo di una decisione passibile di ricorsi o cmq ulteriori controversie ?
    Aspettiamo il 24 e amen

    Però… insomma guai che qui UNA cosa UNA vada via liscia..! !!

    ciao per ora e grazie

  • 20 Luglio 2015 in 21:11
    Permalink

    Ciao Gabriele, stavo riflettendo su una cosa che potrà anche essere campata per aria ma provo a buttarla li, anche per sapere cosa ne pensi. Può essere che Tavecchio stia ritardando la scelta anche per “capire” se c’è possibilità di ripescaggio in Lega Pro?nel caso in cui ci fosse questa possibilità la famiglia Corrado sarebbe avvantaggiata, visto che, se non ricordo male, un capitolo del loro dossier riguarda proprio il ripescaggio. Infine mi faccio una domanda e te la giro, conviene essere ripescati?probabilmente non ci sarebbe tempo e possibilità di allestire una squadra per la vittoria in Lega Pro, e quindi dovremmo starci almeno 2 anni(ovviamente sto ipotizzando). Forse conviene partire dalla D, quando torneremo, la festa sarà ancora più bella. Un ultima cosa Direttore, guai a te se chiudi Stadiotardini.it 🙂 Un saluto

    • 21 Luglio 2015 in 03:05
      Permalink

      Ciao GLuigi,

      come avevo risposto ad altri lettori, reputo una corbelleria il cavallo di battaglia dei fans di Corrado’s secondo cui Tavecchio starebbe aspettando per la Lega Pro. E’ piuttosto chiara la missiva della Figc che indica come data limite il 24 luglio per la presentazione delle domande di ammissione alla serie D.L’eventuale ripescaggio è atto successivo. Che i Corrado’s siano avvantaggiati per il paragrafo sul ripescaggio è tutto da verificare (anche perché bisogna vedere come è articolato qualitativamente e quantitativamente detto paragrafo…= . Anche perché se non ti iscrivi alla D non puoi avanzare richieste per la C.
      StadioTardini? Vedremo se riusciremo a tenerlo aperto: ma ho già spiegato le problematiche…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 21 Luglio 2015 in 08:15
    Permalink

    Ma io dico: c’è qualcuno che va dal sindaco e gli chiede esplicitamente perchè i Corrado non hanno la lettera, se gliela fará e quando. Se fa melina, o reputa di non scrivere alcuna lettera, che lo dica subito subito a Tavecchio! Idùe fanno melina, ma è il sindaco che deve dire ” la lettera non la scrivo e mai l’avranno perchè ho giá scelto”….sbaglio???

    • 21 Luglio 2015 in 10:00
      Permalink

      l’unico papocchio non combinato dai comunali e’ l’endorsement concesso a Parma calcio 1913. corbellerie il rimangiarselo o il tentennare a seguito delle vesti stracciate dei Corrado ‘s
      cordialmente
      gmajo

  • 21 Luglio 2015 in 09:57
    Permalink

    Il dubbio dopo il secondo caffè
    Corrado sta contattando giocatori? qualche voce dovrebbe trapelare no? La faccenda dei 300.000 mai chiarita cmq l’attesa SERENA del 24 da parte loro come se nulla fosse..
    Dopo il non obiettivo raggiunto della B hanno annunciato di correre per la D..poi no..non gli davano lo stadio, poi Sì anche senza stadio, poi..hanno avuto lo stadio (mai negato loro del resto) ed hanno continuato fino al ” non completamento della documentazione” di questi giorni..ma sempre per colpa di qualcun altro..
    Ecco credo che il punto sia questo: vogliono andarsene non come NON SCELTI ma come “cacciati”.. da una specie di complotto. Capisco la loro frustrazione dopo aver speso in consulenze ecc. per la B.. penso che davvero pensassero di aver diritto ad una specie di credito di riconoscenza. . ora vogliono uscirne come quelli che non sono stati voluti..non certo per colpa loro…anzi

    È vero posso essere smentita da Tavecchio ..
    cmq qualcosa non torna proprio in quello che stanno facendo..

    ” muoia Sansone e tutti i filistei” sembra ora il loro motto..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI