SUL SITO DELLA BBC LA RIPARTENZA DEL PARMA DALLA SERIE D

(Luca Russo) – Il Parma ricomincia dalla D. E la notizia fa il giro non dico del mondo ma almeno dell’Europa; e finisce nella sezione sport del sito della prestigiosa BBC. Cose da matti: mentre in Italia l’attenzione è più o meno giustamente rivolta al calendario della Serie A appena confezionato e alle immancabili (considerato il periodo) bombe di mercato, col destino dei Crociati che a stento riesce a guadagnarsi qualche trafiletto di giornale qua e là, nel Regno Unito c’è chi si ‘preoccupa’ di noi. Di noi in D. E a suo modo si meraviglia della fine che ha fatto uno dei club calcistici più blasonati e titolati dello stivale. Segno che il brand Parma, a dispetto di chi nel corso delle ultime stagioni ne ha rovinato l’immagine a suon di operazioni finanziarie border line, è ancora assai accattivante e soprattutto imageinternazionale. Probabilmente più di quanto riescano ad esserlo o in futuro riusciranno ad esserlo i marchi di quelle squadre che adesso stanno ‘sbattendosi’ per internazionalizzare il proprio look (tanto per fare un esempio, penso alla Roma che al momento di internazionale ha ben poco). Merito dei trionfi europei collezionati sotto la reggenza dei Tanzi, non c’è che dire. Successi che han consentito al Parma di darsi un’aria e farsi una bacheca in qualche modo all’altezza di quelle di tre grandi club italiani conosciuti in tutto il globo: Milan, Inter e Juventus.
Comunque, leggete cosa scrivono al di là della Manica (la traduzione la lascio ai lettori, convinto del fatto che con l’inglese sapranno cavarsela): “The two-time Uefa Cup winners folded in March with more than 200m euros (£143m) debt. Parma Calcio 1913, named after the founding year of the original team, was chosen ahead of another Parma team by the Italian Football Federation. The new club is backed by pasta maker Guido Barilla with ex-coach Nevio Scala as president. Scala, 67, guided Parma to three of their four European successes in the 1990s. In addition to two Uefa Cups, Parma also won the European Super Cup, European Cup Winners’ Cup, three Coppa Italias and an Italian Super Cup between 1992 and 2002. The team were bankrolled in that period by local businessman Calisto Tanzi, founder of the Parmalat food and dairy firm. However, the club has struggled financially since Parmalat collapsed in Europe’s biggest bankruptcy – Tanzi was later given an 18-year jail term for fraud”.
Da notare un paio di cosucce. La prima: il Parma di oggi viene presentato come il Parma di Barilla; il che può essere comprensibile da un punto di vista strettamente mediatico, dato che Guido Barilla è internazionalmente conosciuto, ma va ricordato che nella sostanza questo è il Parma dei Grandi 8 e di newco2. La seconda: nel pezzo in questione non c’è traccia di Ghirardi, Leonardi, Taci e Manenti. Della serie: perfino nella perfida Albione han saputo darci un taglio coi veleni dei nostri ultimi dodici mesi.
Adesso tocca farlo anche noi. C’è una campagna abbonamenti da onorare (con un muro, quello del Siena, da abbattere) ed un campionato da attraversare a testa alta e possibilmente vincere. Il passato, almeno quello brutto, è passato. Non troppo in fretta, purtroppo, ma è passato. Meglio tardi che mai. Da oggi concentriamoci sulla stagione che verrà. Luca Russo

22 pensieri riguardo “SUL SITO DELLA BBC LA RIPARTENZA DEL PARMA DALLA SERIE D

  • 28 Luglio 2015 in 09:29
    Permalink

    Questo dimostra vhe se non vinciamo il campionato dobbiamo andare tutti BIOLOGICAMENTE a nasconderci.

  • 28 Luglio 2015 in 09:56
    Permalink

    Che bello, possiamo ricominciare a parlare solo di calcio!
    Che bello, il Parma ora è guidato da bellissima gente, i migliori imprenditori, le più belle figure della storia calcistica parmigiana (Nevio, Gigi, Lorenzo, Fausto, ecc…) ed il miglior giornalista e vero innamorato del Parma come responsabile ufficio stampa. Con un Parma così l’abbonamento è d’obbligo e non si può che aver fiducia che questi nostri amici ce la metteranno tutta!

  • 28 Luglio 2015 in 10:10
    Permalink

    Condivido appieno la chiosa al tuo “pezzo”

    “Davanti a noi stanno cose migliori di quelle che ci siamo lasciati alle spalle. ”

    Clive Staples Lewis

  • 28 Luglio 2015 in 10:15
    Permalink

    Good Morning Parma 1913 …Lovely article by the Brits.. Nice to see that they got the Titles of Parma correct… If I remember correctly period Malesani Parma had a ranking second in Europe after Manchester United that won the Treble that season.. Have a wonderful day Parma 1913 fans… and best of luck with this marvelous project ” Forza Parma 1913 “

  • 28 Luglio 2015 in 10:33
    Permalink

    Meno male che ci danno adesso un po’ di spazio. Quando andammo a Londra nel 1993 alla finale di Coppa delle Coppe la stampa locale dedicò all’evento, che si svolgeva a Wenbley e con il centro invaso da migliaia di tifosi, non più di 5-6 righe…

  • 28 Luglio 2015 in 10:40
    Permalink

    Peccato, mi sarei aspettato un titolo a 9 colonne con scritto “Il Sindaco di Parma tarocca la corsa al POTERE del Magico Parma”. Sottotitolo: esclusi ingiustamente figure che hanno avuto successi professionali e personali, quali Giovanni e Matilde Corrado.

  • 28 Luglio 2015 in 10:48
    Permalink

    …. non dice che è di Barilla…

  • 28 Luglio 2015 in 10:50
    Permalink

    Come avevo ben documentato io con un paio di articoli su questo sito, all’estero il Parma è ancora venerato e rispettato 😉

  • 28 Luglio 2015 in 10:51
    Permalink

    Come sempre ben scritto Luca. Confermo che anche da questa parte d’europa (Portogallo) il Parma é sempre e solo il grande Parma di Tanzi e che l’epopea di quest’anno é passata fortunatamente in secondo piano.
    Il fatto che Parma Calcio 1913 sia sempre e solo (o almeno quasi sempre) associato a Barilla come dici tu é normale e fisiologico ma inizia ad innervarmi leggermente, niente contro al buon Guido che stimo e apprezzo per quello che posso conoscerlo ma se questo deve essere il Parma dei parmigiani spero che chi di dovere si applichi per far si che questo “Parma di Barilla” diventi veramente il Parma di una comunitá anche agli occhi stranieri che guardano a noi con un po di disinteresse.

    OFF-TOPIC
    “La Lega Calcio ha approvato la proposta presentata da Infront: sarà un gruppo di professionisti indipendenti facenti capo proprio ad Infront a curare inquadrature e replay, per garantire un prodotto super partes, lontano da ogni dietrologia.” A Parma si lavora per un calcio nuovo e differente ma la lega lavora per cristallizzare il calcio marcio attuale… séma mis bé!

  • 28 Luglio 2015 in 11:12
    Permalink

    il muro del Siena… quanti abbonati?

  • 28 Luglio 2015 in 11:44
    Permalink

    Dedicato a tutti quegli imbecilli che dicono che il nostro posto è al massimo la serie B.
    Quale è secondo voi il posto naturale del Parma?
    La serie A… E a legger quest’articolo l’Europa.

  • 28 Luglio 2015 in 13:01
    Permalink

    Ma alla Rai o Mediaset è arrivata la notizia tra un selfie di Wanda Nara e il gol di Mexes replicato almeno 30 volte? Ah no, giusto, altrimenti avrebbero dovuto pagare dei giornalisti invece dei mojito in spiaggia…

  • 28 Luglio 2015 in 14:13
    Permalink

    Ho visto la conferenza stampa di oggi , tutto come si voleva dimostrare…

  • 28 Luglio 2015 in 14:34
    Permalink

    “merito dei trofei europei collezionati sotto la reggenza dei Tanzi”: è dunque vero il detto ” il fine giustifica i mezzi” di machiavellica memoria,ovvero quei trofei possono essere motivo di vero vanto ?

    • 29 Luglio 2015 in 07:52
      Permalink

      Sì, sono motivo di vanto. Perché i trofei vinti, specie quelli del periodo di Scala, sono puliti e nulla c’entrano con il successivo crac della casamadre Parmalat.

      Saluti

      Gmajo

      (A parte che questi discorsi non mi piacciono: ma se si dovessero passare tutti i trofei o gli scudetti di altri club ai raggi x non so quanti supererebbero il limite della “biologicità”…)

      Cordialmente

      Gmajo

      • 29 Luglio 2015 in 08:05
        Permalink

        È’ vera sia la prima parte della risposta,che,parzialmente,la seconda:chiedo venia…
        Diciamo che era una prova per verificare se i Suoi riflessi sono tuttora “pronti” nonostante il “doppio incarico…😀

  • 28 Luglio 2015 in 15:27
    Permalink

    DeglI abbonenti non si sa niente? TUTTO TACE..CHE MORTORIO.IT

  • 28 Luglio 2015 in 16:42
    Permalink

    gabriele ho visto la conferenza ti ho visto nel tuo “nuovo ruolo” sei stato impeccabile bravo poi pure con il vestito gessato hai fatto la tua bella figura continua cosi e solo l’inizio, mi raccomando però mo non fare che ti dimentichi dei tuoi cari lettori scherzo ciao Davide

    • 29 Luglio 2015 in 01:50
      Permalink

      Gessato? Sei sicuro di non avermi confuso per qualcun altro?

      comunque non mi dimentico affatto dei miei lettori,

      Cordialmente

      Gmajo

  • 28 Luglio 2015 in 18:09
    Permalink

    Tuto questo accade perché Parma Calcio, nonostante tutte le traversie passate, rimane un nome importante e stimato nel calcio europeo.
    Facciamo notizia e destiamo interesse, comunque.
    Il palmares non si cancella.
    Cosa che i dirigenti di Cesena, Cagliari, Brescia, Bassano etc. non sopportano.
    Miserabili accattoni.

I commenti sono chiusi.