Gabriele Majo

Gabriele Majo, 59 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

22 pensieri riguardo “BENASSI: “SONO UNA PERSONA SERENA E TRANQUILLA: ANCHE SE HO SOLO 25 ANNI SONO GIA’ SPOSATO DA 5 E HO FAMIGLIA. FACCIO IL MIO LAVORO CON SERIETA’ E MASSIMA DISPONIBILITA’”

  • 2 Settembre 2015 in 16:27
    Permalink

    Ridicolo e aberrante il comunicato sui prezzi dei biglietti. L’esatta dimostrazione di come la società sia totalmente fuori dalla realtà dei dilettanti.
    Se fossi in chi lo ha postato, mi prenderei 5 minuti per chiedere scusa alla società ospitante.

    • 2 Settembre 2015 in 19:51
      Permalink

      eh si stavolta at ghe ragio’ dabo’ checche’ se ne dica,la figura da cioccolatini l’han fatta ance certi tifosi sul profili fb dell’arzignano tanto per non farci mancare niente

    • 2 Settembre 2015 in 21:56
      Permalink

      Aberrante, ovvero che si allontana da ciò che è considerato normale. Quindi, sorge spontaneo un quesito, lei Marco “normalmente” cosa avrebbe comunicato circa il prezzo dei biglietti?
      Personalmente sulla questione non prendo posizione perchè notoriamente non sono una cima in fatto di marketing, unica considerazione che faccio: 15.00 € è il prezzo della curva nord di Parma per match non di cartello in serie A. Non so se abbia una logica o meno fare un paragone, personalmente però non sarei così drastico nei giudizi. La società, Majo compreso, sta lavorando alacremente, forse pecca di inesperienza per la categoria, forse – non ho elementi per giudicarlo- in ogni caso non penso abbia offeso nessuno e pertanto il dialogo con l’Arzignano ritengo non abbia bisogno di scuse, o sbaglio? ci riferiamo allo stesso comunicato? oggi al lavoro ho avuto una giornata pesante, magari mi sono perso qualche passaggio.
      cordialmente

  • 2 Settembre 2015 in 16:39
    Permalink

    Direttore a ritirare gli abbonamenti oggi c’è molta gente?

      • 2 Settembre 2015 in 19:52
        Permalink

        la prossima volta invece di EPPALA usate OPPALA !

    • 2 Settembre 2015 in 19:40
      Permalink

      Lascia perdere guarda…Majo ero in fila…hai preso tanti di quei nomi se sapessi…tra l’altro mi spieghi cosa sono dovuto andare la a fare?!?! A comunicare i dati che li avevo già comunicati tramitea piattaforma… Mah…

      • 2 Settembre 2015 in 20:07
        Permalink

        Io ho preso dei nomi? Capisco che il tiro al piccione Majo è sempre tra gli sport preferiti, ma penso che sia fuori luogo dar dei nomi a me…

        Comunque ho le spalle belle larghe (idealmente), quindi datemi pure tutti i nomi che volete…

        • 2 Settembre 2015 in 20:39
          Permalink

          ma tu fai da parafulmine alla fantozzi,
          o se vogliamo prendi dei nomi a prescindere, se sei fuori sei nemico del parma se sei dentro sei nemico dei tifosi che brutta vita majo, tena dur

  • 2 Settembre 2015 in 18:26
    Permalink

    Bravo! Testa sulle spalle e pedalare.

  • 2 Settembre 2015 in 18:58
    Permalink

    Caro Majo, visto che per evidenti ragioni di opportunità ha ignorato la querelle sui biglietti (è un bel conflitto di interessi questo blog con la sua nuova funzione, cosa che vale anche per settore crociato), mi perdonerà se le faccio qualche domanda in questo spazio che parla di tutt’altro.

    Innanzitutto, pensa davvero che 15 euro siano un prezzo fuori dal mondo?

    Di chi è stata l’idea di chiedere uno sconto all’Arzignano?

    Avete ricevuto pressioni (per esempio del ccpc) per chiedere lo sconto? E se si, da chi?

    Sarei sorpreso se aveste preso questa decisione sulla base di pochi post su Facebook, quando bastava guardare su piattaforme ben più affollate di tifosi per capire che si trattava di una posizione ampiamente osteggiata.

    Mi scuso per la forma “da interrogatorio”, ma gradirei delle risposte circostanziate a domande precise. Quella di oggi è stata una grandissima figura di m. di tutta la tifoseria del Parma, ampiamente alimentata dal vostro comunicato. Potevate quantomeno lasciare nel loro brodo 4 tifosi piocioni (loro si) e molto maleducati.

    • 3 Settembre 2015 in 01:20
      Permalink

      Salve.

      La questione del “conflitto d’interesse” non riguarda né StadioTardini.it, né Settore Crociato, dal momento che è palese che il sottoscritto e Giuseppe Squarcia lavoriamo (personalmente con un accordo di libera professione cioè di consulenza) – in modo evidente, indossando una divisa, e senza sotterfugi – per il Parma Calcio. Non c’è nulla di nascosto, né di limaccioso.

      Ho ignorato, su stadiotardini.it la “querelle biglietti” per la semplice ragione che, tranne lei, nessun altro (a parte un solo altro lettore) ha sollevato il tema. E io, da direttore, rispondo solo nello spazio commenti, limitando il più possibile articoli a mia firma.

      A proposito del post apparso oggi su FB, direi che non si può tecnicamente parlare di comunicato perché non è stato mandato ad alcun organo di stampa, né tanto meno l’ho ripreso io su StadioTardini.it. Si è trattato solo un semplice informale riassunto di una attività diplomatica svolta da funzionari del club a beneficio della tifoseria che ci aveva manifestato disagio per il prezzo indicato dalla società ospitante. Probabilmente, però, a molti era sfuggito l’aspetto determinante che tale tipologia di prezzo si riferisce non già alla curva, bensì alla tribuna, peraltro stesso prezzo riservato ai propri tifosi.

      Va da sé che il Parma Calcio 1913 non si permette di giudicare la politica dei prezzi di un altro club, ovviamente liberissimo di applicare quelli che preferisce, ma è anche proprio diritto e lecito (checché se ne dica) farsi educatamente portavoce delle istanze della propria tifoseria.

      E’ chiaro che solo chi non fa non sbaglia: se ora ci siamo beccati su dei filo-ultrà (a parte che non mi pare fossero i Boys a contestare i 15 euro), cosa ci avrebbero detto se fossimo rimasti insensibili alle lamentele dei nostri tifosi.

      Il lavoro da Richelieu dei nostri diplomatici ha fatto sì che alcuni di loro addivenissero a più miti consigli, accettando di prestarsi per il servizio di prevendita evitando, così, di mettere in ginocchio l’organizzazione del club veneto con una presenza in massa di tifosi da accontentare last minute.

      Personalmente non ritengo 15 euro un prezzo da fuori del mondo, in virtù del fatto che noi stessi, magari, in tribuna ne potremo chiedere di più.

      Infine, per come la penso io, non bisognerebbe essere eccessivamente accondiscendenti con le pretese (perché spesso si tratta di velleitarie pretese) dei tifosi, che cercherei di fare ragionare.

      Per quanto mi riguarda, poi, giudico poco positiva e per nulla biologica la scelta che taluni volevano effettuare di andare in massa nel paesino veneto, senza biglietto preventivamente fatto in prevendita, solo per far sentire il proprio dissenso sui prezzi alti praticati.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 2 Settembre 2015 in 19:38
    Permalink

    Majo ma gli sponsor quando li presentate domani?

    • 2 Settembre 2015 in 20:08
      Permalink

      Presenteremo il main sponsor della prima squadra venerdì

      • 2 Settembre 2015 in 20:40
        Permalink

        lo ha gia’ presentato boni ,vigliac d’un vigliac al ga ciape’ anca stavolta

  • 2 Settembre 2015 in 20:12
    Permalink

    Se può rispondere dir.Majo ad un quesito, avendo acquistato l’abbonamento online,fra l’altro nei primi giorni della campagna abbonamenti, non ho ancora ricevuto email con form di richiesta dei dati nominativi.Ma avevo fornito tutti i dati personali,nome cognome indirizzo,codice fiscale,telefono sul sito di eppella al momento della sottoscrizione.Ho ricontrollato e accedendo al profilo da noisiamoparma sono riepilogati tutti i dati.Devo aspettare email comunque o con fotocopie delle email ricevute e dei dati nel sito posso andare a ritirare l’abbonamento?ringrazio anticipatamente

    • 3 Settembre 2015 in 00:10
      Permalink

      Direi che può presentarsi direttamente, portando seco documenti e ricevuta: augurandoci che la sua richiesta sia già stata “lavorata” ed in tal caso potrà tornare a casa con la tessera; qualora, invece, per qualche ragione l’abbonamento non fosse stato ancora preparato, gli operatori provvederanno a raccogliere di nuovo i dati, con il disagio, per il quale ci scusiamo, di dover tornare un’altra volta.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 2 Settembre 2015 in 22:37
      Permalink

      Si, sicuramente su radio bruno, come tra poco leggerai e forse anche su radio parma, dal momento che i diritti non sono esclusivi e trattati collettivamente dalla lnd

I commenti sono chiusi.