Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

43 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / Il video della 1^ puntata del talk show di Teleducato – web registrazione a cura di Alex Bocelli

  • 8 Settembre 2015 in 07:39
    Permalink

    Gentile Direttore,
    Mi è giunta una voce del buon e vecchio Corrado che stia vagliando i conti del grifone le risulta?

    • 8 Settembre 2015 in 08:55
      Permalink

      Sinceramente è la prima volta che la sento. Comunque anche senza vagliare i conti del grifone ritengo che se alla fine, nonostante i magici tagli del debito sportivo da parte dei curastars timbrati dal giudice rogato, non riuscì ad acquistare l’azienda sportiva del parma fc, difficilmente potrà rilevare il Genoa, operazione per la quale credo serva un budget ancor più elevato.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 8 Settembre 2015 in 10:35
        Permalink

        L’obiettivo di Corrado è rilevare una squadra di medio livello a zero e se veramente il Grifone è messo peggio del “vecchio” Parma FC allora non hanno speranze…

    • 8 Settembre 2015 in 10:28
      Permalink

      E’ molto probabile che il Genoa interessa anche a Manenti! 😀

      • 8 Settembre 2015 in 11:16
        Permalink

        Ovviamente nella trattativa si inserirà anche Pietro Doka a gamba tesa! 🙂

    • 8 Settembre 2015 in 12:35
      Permalink

      Il genoa lo prendono i Quatarioti…

      • 8 Settembre 2015 in 13:13
        Permalink

        Spiritoso.

        Quella trattativa ci fu.

        Comunque, vista la tua simpatia, preparazione, etc. etc, ti raccomanderò a Lancella per affiancarti a Boni…

        • 8 Settembre 2015 in 13:22
          Permalink

          È andrei molto d’accordo con Enrico…forse resisto 20 minuti di fianco a lui…

  • 8 Settembre 2015 in 10:23
    Permalink

    Direttore quando pubblicherà l articolo di cui aveva parlato alcuni giorni fa in cui preannunciava aggiornamenti sui colpevoli del crack..non li voglio nemmeno nominare..

    • 8 Settembre 2015 in 10:42
      Permalink

      Forse ci eravamo capiti male. Io non avevo preannunziato articoli circa aggiornamenti sui colpevoli del crack: avevo solo risposto a un lettore che richiedeva una maggiore attenzione sui temi del fallimento, annunciando un mio servizio giornalistico al riguardo. Poi sono stato battuto sul tempo dalla Curatela che ha emesso un comunicato che sanciva l’ammontare dello stato passivo. Vedrò, quindi, tempo permettendo se approfondire la tematica che avevo in mente o meno. Ma non aveva niente a che vedere con possibili conseguenze per gli autori del dissesto.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Settembre 2015 in 10:43
    Permalink

    Ciao Gabriele visto che sei sempre vicino ad Angella, puoi chiedergli se può cambiare quello sfondo a pallini indecente dietro di lui?

    E’ brutto, sbiadito e rotto… Non è meglio qualcosa in tinta unica con il logo di calcio e calcio? Non costerebbe molto e darebbe una immagine professionale alla trasmissione.

    Consiglio scherzoso ma un pò serio eh, grazie 😉

    • 8 Settembre 2015 in 11:03
      Permalink

      Caro te, lì contano i contenuti, non la forma… (se no non avrebbero boni…)

  • 8 Settembre 2015 in 10:43
    Permalink

    si vede che a corrado piacciono le societa sane :–)

  • 8 Settembre 2015 in 11:17
    Permalink

    Ah ok… Allora avevo capito male, pardon.. Comunque parlo a titolo personale, sarebbe interessante un articolo dedicato alla triste vicenda magari con qualche aggiornamento,qualora ce ne fosse ovviamente. Così, per non dimenticare questi due personaggi… Non vorrei mai che l euforia del momento assopisca la rabbia verso i due disgraziati!

    • 8 Settembre 2015 in 11:20
      Permalink

      Mettiti l’anima in pace perché sono cose che vanno molto per le lunghe

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Settembre 2015 in 11:26
    Permalink

    secondo me è vergognoso che il Sig Boni affermi che il Parma avrebbe dovuto sbagliare il rigore apposta per il famoso calcio biologico…neanche il peggior nemico del parma avrebbe potuto dire una cosa del genere!! Una volta che ci danno un rigore “dubbio”…..tutti che si lamentano!! Per me è assurdo! Abbiamo subito ingiustizie arbitrali per anni!! E non è neanche un rigore scandaloso perché dal vivo a tutti sembrava rigore netto! E sereni ha detto di essere stato toccato…magari l’arbitro ha visto proprio quel tocco!! Comunque cose del genere in una trasmissione davanti a centinaia di tifosi parmigiani non si può sentire!

    • 8 Settembre 2015 in 11:34
      Permalink

      Le “istruzioni per l’uso” circa Boni – da me anni addietro ribattezzato un “male necessario” (per la spettacoloarità e l’audience della trasmissione) – è che non dovrebbe esser preso sul serio. Sono iperboli che non stanno né in cielo né in terra, e quel furbacchione lo sa bene. Ma intanto cresce la fama del suo personaggio. Ma come potete dargli credito quando spara una corbelleria del genere? Non ci crede neppure lui…

      • 8 Settembre 2015 in 12:25
        Permalink

        Ricordiamo anche che l’arbitro di Arzignano Parma ha 24 anni, non significa che è uno scemo ma credo che in D essendoci arbitri molto giovani vedremo anche più errori dettati dall’inesperienza e meno personalità rispetto agli anni passati, spero che questo sia compreso e tenuto in considerazione piuttosto che vederci sempre dei complotti dietro.

        • 8 Settembre 2015 in 13:34
          Permalink

          Ricordo che di errori arbitrali in A se ne sono visti e se ne vedono a bizzeffe anche se gli arbitri sono più adulti. ..

  • 8 Settembre 2015 in 11:33
    Permalink

    Direttore ieri sera ho fatto zapping tra le 2 trasmissioni e devo constatare che sul canale 17 è ripartita la trasmissione buonista e parziale che proprio non mi piace. A parte i ritmi soporiferi e le frasi scontate manca proprio il contraddittorio che invece è l’anima delle discussioni da Bar davanti a pane e salame! Chiesa mi è sembrato recitare una parte non sua quando interpellato su arbitro, squadra ed entusiasmo tifo.

    Di conseguenza bravi Angella&Co. che non hanno cambiato la pasta di Calcio&Calcio nonostante tutta Parma (me incluso) sia ora innamorata della nuova società!

    Mi chiedo a quale pubblico possa interessare una trasmissione fatta solo di sorrisi, elogi e sviolinate..mah…

    • 8 Settembre 2015 in 13:29
      Permalink

      Concordo pienamente con queste considerazioni. Bar Sport in più ha solo i contributi filmati e una valletta molto gnocca, per il resto la formula “Piovani oste” che si auto prende in giro continuamente sul peso ha rotto un po’ le balle…

      • 8 Settembre 2015 in 13:49
        Permalink

        Ai bei tempi anche Calcio&Calcio poteva contare su co-conduttrici di un certo fascino. Io ho ricordi abbastanza nitidi di Alice Passera, un po’ meno della ragazza che l’ha preceduta (o seguita?) e che pure io personalmente preferivo, anche se adesso non me ne ricordo il nome (qualcuno può aiutarmi?).

        Per tacere della Goni, che mi piacerebbe sapere quale fine abbia fatto. Ora che il nostro corso è biologico, ce lo vedrei bene un suo ritorno in grande stile sul piccolo schermo.

  • 8 Settembre 2015 in 11:34
    Permalink

    Abbiamo giocato male? Si. Abbiamo rubato? Si. Abbiamo una rosa mancante in qualche elemento? Si. Bene, analizziamo queste cose, però non restiamo ore e ore a piangerci addosso. E che diamine!

  • 8 Settembre 2015 in 12:13
    Permalink

    giuro io non capisco..allora siamo in serie D..se nn c’era sky il gol non gol manco c’era il dubbio…secondo me vi fate tutti troppe pippe mentali…sul gol non gol chi era al campo come me ha notato fin dal primo secondo che il guardalinee e rimasto fermo sulla sua posizione dando il non gol…ha sbagliato..minchia..e quanti errori fanno gli arbitri dai la…se dopo n anni solo quest’anno e solo in a hanno messo l’occhio di falco …fatevi delle domande….non abbiamo rubato (complimenti al sito dell’arzignano)…diciamo che abbiamo avuti episodi a nostro favore..capita…forse non c’eravamo abituati (?)…la rosa al 5 agosto era di 11 elementi..ve lo siete scordati?..quest societa fino al 29/7 non esisteva…abbiamo fatto 3 punti…il cammino e’ lungo..se qualcuno di voi pensava ad una passeggiata..bene non lo sarà…uniti noi citta squadra…

  • 8 Settembre 2015 in 12:45
    Permalink

    Bravo Lorenzo

  • 8 Settembre 2015 in 12:53
    Permalink

    Direttore, per caso mi saprebbe dire se le partite che ci saranno di Mercoledì (esempio il prossimo 16 Settembre) saranno al pomeriggio o di sera? Con la Fortis Juventus mi piacerebbe esserci ma se è di pomeriggio sarà bella duuura…

    Grazie mille per l’eventuale risposta.

    Simone

      • 8 Settembre 2015 in 13:16
        Permalink

        Grazie mille anche per la celerità della risposta, così posso vedere se riesco ad organizzarmi al lavoro.

        Simone

  • 8 Settembre 2015 in 12:59
    Permalink

    Piccolo aneddoto a proposito del sito dell’Arzignano.
    Durante la cronaca della aprtita hanno chiamato il nostro portiere invece che Zommers, Kipstac…mitici 🙂 ho ancora i goccioloni agli occhi!

  • 8 Settembre 2015 in 13:34
    Permalink

    Alle 15? Che calzata ragas… Stadi vuoti e anche ascolti TV praticamente nulli… Grande decisione

    • 8 Settembre 2015 in 19:43
      Permalink

      Non è una decisione. In D ci sono impianti senza illuminazione, ragion per cui si gioca d’inverno alle 14.30.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Settembre 2015 in 14:17
    Permalink

    Bhe ragazzi che dire ?
    Questa nuova società è solida, forte come struttura ed “immanicata”:
    dalla sua ha la Gazzetta di Parma e, of course Tv Parma, ..
    sono d’accordo sul gol non gol ( c’era tutto ) , sul rigore dubbio e sul campo pessimo…..
    ..
    altre volte siamo stati penalizzati noi…succede un pò a tutte le squadre di subire torti…ad alcune meno ( e non le citiamo )
    ..teniamoci gli errori ( sviste della terna ) e non piangiamo lamentevoli quando e se dovesse capitare nella nostra area ….e, comunque, a ns. sfavore…
    nessun complotto ragazzi….Musetti ha sbagliato un gol che lo avrebbe fatto anche il nonno di Cassano ( ex calciatore Bari Vecchia )..
    probabilmente ha sbagliato pure l’arbitro…
    la velocità dell’azione e il drappello di giocatori intorno a Sereni probabilmente lo hanno fatto propendere x il rigore..( c’è quando arbitro fischia )..
    il gol non gol …o sei sula linea, nei pressi, altrimenti, a velocità di esecuzione …a 25 mt non lo vedi… lo vede solo chi è in area vicino alla porta…oppure nel comodo replay….

    pensate che Buffon non sapesse che il pallone di Muntari..( qualche anno fa ) era dentro di mezzo metro ???
    ognuno di noi tira l’acqua al proprio mulino….e il fair play lo facciamo quando ci fa comodo ( magari sul 4-0 ..) ..
    ..
    tiremm innanz ….vediamo domenica la prossima squadra veneta, senza due dei migliori e su un campo di calcio ……non nella risaia…
    pure dopo aver subito 5 gol in casa propria…

    weareparma ….forza ragazzi…( boys tifosi e giocatori )

    Mauro

  • 8 Settembre 2015 in 14:20
    Permalink

    Boni è spettacolare, è una grande attrazione! Infatti qualcuno lo ha definito un saltimbanco … e che saltimbanco … uno di quelli che ti lasciano sbalorditi per le peripezie delle quali sono capaci! 😀 😀 😀

  • 8 Settembre 2015 in 15:30
    Permalink

    si vede che no hai ascoltato la radiocronaca d’altri tempi su radio bruno,per dieci minuti ho creduto che il parma perdesse

    • 8 Settembre 2015 in 16:03
      Permalink

      Assio, riesci a chiamarmi che volevo farti una proposta? 335.8400142

  • 8 Settembre 2015 in 18:01
    Permalink

    a che ora domani la conferenza stampa con sky fammi sapere
    grazie

  • 8 Settembre 2015 in 18:40
    Permalink

    Ma quel buffone di Piazza ed il suo circo di ex portieri,allenatori di baseball dati al calcio,ex diggi di squadre di calcio in dissesto, presunti bankieri di Miami ha poi concluso l’acquisto del piccolo Como? Li se non ho letto male con 5 milioncini si chiudeva la partita e senza i rischi legati al tremendo Sagramola che tanto ha tuo paura da perderci il sonno, alle ire di Lugaresi, alle cause del principe del foro di Cava dei Tirreni assoldato dal City per il discorso Bovinof (come lo chiamava lui). Un riccone con 50 milioni da spendere con dietro le banche americane porterà il Como in Europa.

  • 8 Settembre 2015 in 18:40
    Permalink

    I concetti di Boni sono oro per il dibattito ma vengono trasformati in bigiotteria dai suoi modi.

  • 8 Settembre 2015 in 21:08
    Permalink

    Davide Piazza mai esistito….credimi…

  • 9 Settembre 2015 in 00:01
    Permalink

    Qualunquismo eticamente irreasponsabile quello di chi afferma che siccome abbiamo avuto in passato arbitraggi sfavorevoli ora vanno beno quelli favorevoli, besta vincere. È la mentalità dell’Italietta furbetta ed immorale che sta andando in sfacelo. Mi auguro fo leggere tanta serenità quando avremo epeodi sfavoreli , con arbitti giovanissmi come quelli della D ce lpossiamo aspettare.

  • 13 Settembre 2015 in 00:29
    Permalink

    complimenti per la trasmissione , mi sono divertito molto , e questo anche a Enrico Boni , ho ascoltato la radiocronaca a radio bruno e avevo i lucciconi agli occhi dal ridere !!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI