CALCIO & CALCIO / Il video della 2^ puntata del talk show di Teleducato con la telefonata di Apolloni – web registrazione a cura di Alex Bocelli

CALCIO & CALCIO / Il video della 2^ puntata del talk show di Teleducato con la telefonata di Apolloni – web registrazione a cura di Alex Bocelli

image

CLICCA QUI PER LEGGERE LE DICHIARAZIONI DI APOLLONI A CALCIO & CALCIO

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

APOLLONI AL TELEFONO A CALCIO & CALCIO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

40 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / Il video della 2^ puntata del talk show di Teleducato con la telefonata di Apolloni – web registrazione a cura di Alex Bocelli

  • 15 Settembre 2015 in 10:32
    Permalink

    Ho guardato la puntata cinque minuti e x colpa di boni ho dirottato su bar sport. Ormai il reggiano ha reso inguardabile la trasmissione. Deve sempre sparlare contro il Parma x partito preso. Non l avrei mai detto, ma ora preferisco bar sport

  • 15 Settembre 2015 in 11:52
    Permalink

    Buongiorno,
    volevo sapere perchè NESSUN organo di stampa ha ad oggi denunciato la presa per il culo ed il comportamento indegno del sig. LUGARESI e del suo compare FOSCHI. Questi squallidi soggetti hanno dichiarato di aver donato 50.000 euro ai dipendenti mentre da bravi avvoltoi senza scrupoli si avventavano sulla carogna del Parma Calcio per i loro sporchi interessi relativi a Defrel. Il Sig. LUGARESI, dopo aver sbraitato mesi augurandosi il fallimento del Parma per un bieco e micragonoso tornaconto personale, non pago della squallida gabella guadagnata a spese dei creditori del Parma calcio, ha anche sfruttato la cosa per farsi bello dichiarando di aver donato 50.000 euro ai dipendenti. Al di là della esiguità della somma rispetto al guadagno grondante il sudore dei creditori, la cosa è pure FALSA. Nessun euro è MAI donato ai dipendenti.
    LUGARESI VERGOGNA. FOSCHI VERGOGNA. Avvoltoi della peggiore specie.Ma vergogna anche agli organi di stampa sempre più lontani dalle vicende del Parma, dopo aver sfruttato il potenziale audience di una morte in diretta per mesi che non hanno mai indagato su questa cosa, ma presa per buona a prescindere.

    • 15 Settembre 2015 in 12:14
      Permalink

      concordo con Alessandro,
      squallidi..
      sia i 2 Cesenati che gli organi di stampa ad ignorare i fatti.
      a quanto hanno venduto Defrel ?
      metà di quei soldi sarebbero stati del Parma…

      Direttore,
      notizie sull’asta dei beni / trofei e marchio del defunto Parma?

      • 15 Settembre 2015 in 12:50
        Permalink

        Datemi retta: meno parliamo dell’asta e meglio è. Aspettiamo il momento opportuno

        • 15 Settembre 2015 in 12:57
          Permalink

          dell’asta non me ne frega…mi piacerebbe sapere se la storia di Lugaresi sia vera o meno…

          • 15 Settembre 2015 in 13:00
            Permalink

            in realtà il cesena, per quel che avevo appreso, temporibus illis, nelle buste scrisse 50.000 euro col suggerimento di devolverli ai dipendenti.

            Ma stiamo parlando di un Parma che poi sarebbe fallito del tutto, una volta terminato esercizio provvisorio, con svincolo di tutti

          • 15 Settembre 2015 in 14:47
            Permalink

            DEFREL dal Cesena al Palermo per 6,5 milioni di euro più l’intero cartellino di Claudio Terzi (difficile da quantificare)..

            almeno 3.250.000 euro andavano al Parma, ma sono arrivati (forse) solo i 50.000 per i dipendenti, che i 2 Cesenati si vergognino!!!

          • 15 Settembre 2015 in 14:56
            Permalink

            io voglio sapere se quei 50.000€ sono arrivati ai dipendenti del Parma oppure no?!?

          • 15 Settembre 2015 in 19:02
            Permalink

            Non mi risulta. Anche perché tecnicamente impossibile per i motivi prima illustrati

          • 15 Settembre 2015 in 19:55
            Permalink

            Majo quel uomo di m. di Lugaresi dopo essersi intascato 6,5 milioni se voleva veniva a Parma e portava un assegnò da 50.000€ ai dipendenti del Parma! Invece di andare a sventolarlk in giro è proprio vero che signori si nasce e lui non lo è nato!

  • 15 Settembre 2015 in 12:57
    Permalink

    Vergognoso farsi belli a spese dei dipendenti dopo aver bivaccato sulla carcassa. E vergognoso che NESSUNO sia sia preso la briga di verificare se la cosa è stata realmente fatta o no e lo abbia denunciato. Comoda fare i salotti il lunedì sera. Ma d’altra parte la stampa della nostra città è troppo impegnata a incensare la serie D e a leccare il culo all’attuale gestione per occuparsi di queste cosucce.

  • 15 Settembre 2015 in 13:07
    Permalink

    Se avessimo avuto 0 punti dopo 2 gare Boni avrebbe detto che siamo poco cinici. Troll.

  • 15 Settembre 2015 in 15:39
    Permalink

    Dopo il 17 non si possono fare più acquisti?

  • 15 Settembre 2015 in 16:11
    Permalink

    È che aspettiamo? Servono acquisti

    • 15 Settembre 2015 in 16:15
      Permalink

      Come direttore sportivo, direttore generale, ad. etc. abbiamo già il plenipotenziario michele. Ti ci metti pure tu a dar consigli?

      • 15 Settembre 2015 in 16:49
        Permalink

        Purtroppo per te non sono l’unico ad essersi accorto che la squadra è incompleta, non per Ammazzare il campionato(se ta ben rosina), ma anche solo per vincerlo…siamo alla terza giornata e non abbiamo una prima punta da far giocare domani…in compenso abbiamo 10 nani tra seconde punte,mezze punte,trequartisti,pistapoci e non sappiamo di cosa farcene.
        Stesso discorso a centrocampo, abbiamo un solo cc di quantità che è miglietta e le mes infortune…

        • 15 Settembre 2015 in 17:57
          Permalink

          Ok…secondo te non vinciamo il campionato se non compriamo dei giocatori … (almeno alti !!!! visto che a quanto dici abbiamo solo dei nani)..io che non conosco la categoria ti chiedo per favore di fare un mini elenco con nomi dei giocatori che dovremmo prendere, sempre che esistano e che vengano..grazie

          • 15 Settembre 2015 in 18:04
            Permalink

            Mi viene in mente uno alto alto ma gioca in francia e anche uno basso che gioca in Spagna. . 🙂 :)…lol

          • 15 Settembre 2015 in 20:00
            Permalink

            Paolucci

          • 15 Settembre 2015 in 22:55
            Permalink

            Michele mi dici Paolucci, gli altri 4 chi sarebbero? Paolucci quello che ha giocato nel latina con 5 goals?
            Grazie..

            PS: Quello basso che gioca in Spagna era Messi..ma andrebbe bene anche CR7…Davide dai.. ovvio che scherzavo…non volevo essere polemica..uno che mi dice che abbiamo dei nani e li vogliamo alti mi ha suggerito una “battuta”..solo questo.. 😉

          • 16 Settembre 2015 in 00:33
            Permalink

            Altri 4?!?!? Io ho detto che a questa squadra manca una punta centrale e un cc di quantità… Non ho detto che servono 5 giocatori…

  • 15 Settembre 2015 in 18:12
    Permalink

    La piocioneria non si smentisce mai caro Michele..il lupo perde il pelo ma mai il vizio. Per la prima punta aspetta che con la coltivazione biologica senza pesticidi uno dei nani cresca.

    • 15 Settembre 2015 in 18:15
      Permalink

      Sei peso. E non fai ridere nessuno. E sta storia della piocioneria ha un po rotto le scatole. Mo basta.

    • 15 Settembre 2015 in 18:24
      Permalink

      Io so per certo che altri avevano un vizio .. quello di fare il passo più lungo della gamba e guarda dove siamo finiti..

      • 15 Settembre 2015 in 19:59
        Permalink

        Paola solo gli sponsor che abbiamo sulla maglia sono il budget di una squadra di D che vuole salire…anche se prendiamo una punta in più o un cc da serie D fidati che non finiamo con il culo all’aria…piuttosto se per risparmiare i soldi per un giocatore non dovessimo salire in c ecco che allora tutto il budget destinato quest’anno in D sarebbe stato sprecato.

        • 15 Settembre 2015 in 20:14
          Permalink

          Che due palle con la storia del risparmiare. Questi luoghi comuni non fanno onore a chi li divulga. E sono offensivi per chi ha lavorato attorno all’allestimento della squadra e di chi ne fa parte.

  • 15 Settembre 2015 in 18:59
    Permalink

    Cara Paola quello è un rischio che non si corre. Però a fare il passo troppo corto a volte si finisce nel fosso. Sarò peso ma in serie di e sottolineo D non mi risulta che sia stato fatto un mercato all’altezza dei gradi nomi dei nostri mecenati. E ripeto il urto rapportato alla D in cui nessuno pretende Ibra o Ronaldo.

    • 15 Settembre 2015 in 22:39
      Permalink

      Mah…confesso che non conosco nessun giocatore ma a naso so che siamo in D e i grandi nomi (per così dire) di categoria superiore forse non smaniano per scendere in D…poi grandi nomi .. qui ne sento citati da voi tanti, guai che ce ne siano due uguali… cmq sono pur sempre dei dilettanti e magari noi troviamo l’amalgama vincente..ricordo quanto ridevano di brolin i media nazionali quando arrivò.. ma questo chi è? sorridendo..insomma credo ed è provato anche in grandi squadre che il nome da solo non basta. Io voglio avere fiducia perchè anche leggendo un po tutti voi oltre che lamentele generiche non trovo che abbiate idee comuni nell’identificare i giocatori che ritenete la soluzione assoluta. Lo sapete siamo un paese di tecnici ed allenatori, il calcio è anche questo. Non so se hanno il braccio corto i dirigenti, lo dite voi, io non lo so..Ma dopo un mese il blog brulica di espertissimi di serie D ..

      • 16 Settembre 2015 in 00:19
        Permalink

        Paola io il calcio dilettantistico l’ho sempre seguito e da serie DD,eccellenza,promozione cambiapoco a parte il livello dei calciatori.
        Il calcio in D è un calcio molto fisico dove risulta difficile il cercar di giocare a calcio.Possiamo provare a farlo in casa ma quando giochiamo in trasferta sarà molto difficile.Ah per la cronaca, il campo l’Arzignano non sarà il peggiore che troveremo quest’anno,vedrete quando arriverà l’inverno con campi pesantissimi invasi da pioggia e neve( pensate che il campo l’Arzignano lo rifacciano o mettano i tappeti d’erba?se il campo è così a iniziò stagione quest’universo sarà una palude).
        La squadra è composta da 25 giocatori ma è assortita male…perche ci ritroviamo con soli 3 cc (Corapi,Giorgino,miglietta che è l’unico di quantità) poi c’è Simonetti ma essendo un 96 giocherà pochissimo (se giochiamo a 2 un giovane non gioca mai in mezzo al campo), 1 prima punta ( Longobardi) e una banda di seconde punte,trequartist, pista poco(Melandri,Lauria,baraye,sereni,musetti,traykov,vignali)…ora…non ci vuole sacchi per capire che la squadra non è allestita in modo omogeneo no?!?!

        • 16 Settembre 2015 in 09:43
          Permalink

          Grazie Michele. Anch’io ho visto partite di serie D.. conosco i campi.. per questo ho sempre detto usando un termine preso a prestito dal direttore calma e gesso, e soprattutto ho insistito perchè l’entusiasmo di questi ultimi periodi rimanga inalterato soprattutto in caso di difficoltà, impresa difficilissima ancor più che già ora con solo 2 partite e 2 vittorie non va bene nulla o quasi. Io capisco quello che dici, ma penso anche che i dirigenti non siano degli incompetenti o no? Insomma a volte quello che dici è quasi offensivo verso lo staff dei tecnici e anche verso i giocatori.Sai l’erba del vicino è sempre più verde. Infatti guarda caso manca sempre quello che non c’è.. Non lo so chi avrà ragione, ma so che chi dirige il Parma ha a cuore il progetto e certo non anela a restare in D..so che stanno facendo il loro meglio per cui… cmq grazie ancora, buona giornata

          • 16 Settembre 2015 in 11:00
            Permalink

            O Paola ci sei o ci fai? La capisci che non è una questione di tempo ma di amalgama che non tiene? Puoi continuare a mescolare come vuoi ma se non hai gli ingredienti giusti soffrirai fino alla fine senza avere la certezza di vincere il campionato… un campionato che con i mezzi che abbiamo avremmo potuto dominare. Capito mi hai?

          • 16 Settembre 2015 in 13:44
            Permalink

            Mak l’amalgama non tiene?.. ma bravo tu lo sai dopo 2 partite. Complimenti e cmq ci sei o ci fai dillo a tua sorella.. io invece pensa sono già contenta che ci sei tu che CAPISCI E SAI TUTTO.

        • 16 Settembre 2015 in 11:27
          Permalink

          Non ci vuole sacchi.. e chi lo vuole.. ?abbiamo scala!!!

          Dai concedimi questa battuta tanto per tornare con un bel sorriso in attesa della partita di oggi..

  • 15 Settembre 2015 in 23:22
    Permalink

    Scala, Minotti, Galassi, Apolloni…
    beh…
    IO di questi quattro mi fido.

    per quel poco che di tecnico possa capire:
    – Longobardi messo dentro domenica non ha sbagliato..
    – Micio Melandri per la D è un lusso.
    – Miglietta facciamo integrare poi dirà la sua.
    – Yves Baraye ha dei bei colpi..
    – Musetti, Lauria, Corapi, Giorgino mi stanno conquistando giorno dopo giorno.
    – Cacioli è già una garanzia.
    – Zommers & Cotticelli saranno pur portieri giovani ma danno sicurezza..
    – altro giovane (giovanissimo) il parmigiano Adorni che sta crescendo partita dopo partita..
    – infine (me ne dimentico alcuni), c’è un certo Walter Rodriguez, e per quel poco che ho visto a Collecchio promette molto (ma molto) bene..

    considerando budget e tempi ristretti, questo è un bel mercato, a mio avviso!

    poi.. ok, una punta di peso in più farebbe comodo, ma uno adatto al modulo e che si amalgami facilmente nel gruppo in pochi giorni non è facile trovarlo.. non dobbiamo prenderne uno tanto per far numero.. poi.. attaccante per attaccante, sinceramente lo Sforzini visto a Parma non mi ha fatto impazzire..

    • 15 Settembre 2015 in 23:31
      Permalink

      Ristretti saranno stati i tempi. Il budget no

      • 16 Settembre 2015 in 00:08
        Permalink

        giusto Direttore,
        diciamo budget importante ed ottimizzato..

        però non parliamo di budget illimitato..
        altrimenti un certo Manuel Pera avrebbe aspettato qualche giorno in più per il Parma Calcio 1913, non crede?
        🙂

        • 16 Settembre 2015 in 00:09
          Permalink

          Come ebbe modo di spiegare lui stesso, temporibus illis c’era un po’ di magica confusione…

          • 16 Settembre 2015 in 11:38
            Permalink

            Mo Sì, cavolo neanche fosse CR7… UFFA..
            vedremo anche questo Pera che fenomeno sarà… il calcio è un gioco di squadra!!!!
            ma ve lo ricordate o no il primo Parma di Scala? Quei nomi tanto amati poi sono diventati famosi in una squadra che giocava come in paradiso.. (parole di Scala dopo un Milan Parma che fecero storcere il naso a molti..ma così giocammo !,!)

  • 16 Settembre 2015 in 01:08
    Permalink

    Se c’è qualcuno che deve andare sul mercato, questo qualcuno è certamente Angella, CalcioeCalcio sta peggiorando sempre di più col passare delle puntate! E la colpa non è certamente di Boni, il saltimbanco è sempre lo stesso con urli, grida e convinzioni più o meno condivisibili. Alla trasmissione manca un soggetto che “contrasti” Boni e per “contrasti” intendo qualcuno che gli sappia rispondere, senza urlare, con idee e ragionamenti. Trupo nella puntata di lunedì non è stato in grado, Boni diceva qualcosa e lui lo denigrava, senza affrontare il tema, con argomentazioni per me ridicole. In particolar modo non mi è per niente piaciuto come ha affrontato il discorso dei portieri e dei parmigiani in rosa.
    Per i portieri sono d’accordo che cambiare ora non avrebbe senso e potrebbe essere nocivo per gli equilibri all’interno dello spogliatoio, ma con questa proposta Enrico ha tirato fuori due temi interessanti: il primo è quello di valorizzare prima di tutto i giocatori italiani e il secondo è quello della rotazione dei portieri. Sono stati poi approfonditi? No erano più attenti a dire che Boni non va mai a vedere gli allenamenti e che in questi si valutano i portieri (per me non è vero, la partita è l’unico vero banco di prova, perché durante l’allenamento non c’è la stessa pressione che c’è in partita).
    Per quanto riguarda i parmigiani in rosa, il modo di rispondere del vicepresidente l’ho apprezzato molto (gli ex del vivaio hanno preferito una giovanile a una prima squadra) perché oltre a dire ciò che pensa, ha anche esposto una tematica che sarebbe stata interessante approfondire per capir meglio la D, mentre una risposta del tipo “non si è mica obbligati a schierare i parmigiani” la trovo inutile al dibattito.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI