CALCIO & CALCIO / PERSISTE IL MAL DI PANCIA DI BONI, CHE ANCHE IERI SERA HA MARCATO VISITA. MALVISI: “I CAMPI PESANTI POTREBBERO FRENARE IL PARMA”. LIPEROTI: “GUAZZO NON SERVE”"

image(Evaristo Cipriani) – NO SALTIMBANCO NO PARTY –  Enrico Boni ancora assente ieri sera nella terza puntata stagionale di Calcio & Calcio su Teleducato (clicca qui per vedere la web registrazione a cura di Alex Bocelli). Seconda assenza consecutiva dopo il forfait di giovedì scorso a Calcio & Calcio Più. “Il mal di pancia  è in via di guarigione, speriamo di potere recuperare al più presto il nostro opinionista”, ha fatto sapere, il troppo ottimista conduttore Michele Angella, supportato ai social network da Lorenzo Fava: il medico curante del Saltimbanco, infatti, conferendo oggi con StadioTardini.it, non ha inteso sciogliere la prognosi. Fuori di metafora: come rivelato venerdì scorso proprio dal nostro quotidiano on line, il malessere della popolare “macchietta” non sarebbe di natura fisica, ma riconducibile a ragioni economiche e alla rottura delle trattative con i vertici dell’emittente per la quantificazione di un suo compenso mensile. Un’assenza pesante quella del mattatore di Sant’Ilario, personaggio senza peli sulla lingua, irriverente, anticonformista e capace di rendere sempre vive tutte le puntate con le proprie provocazioni, le gags e le improvvisazioni a tutto campo. Lo ha sottolineato anche il telespettatore Carlo, tifoso crociato intervenuto al telefono da Roma mentre seguiva la trasmissione in streaming su internet: “Spero che Boni torni presto perché la sua presenza è fondamentale, dice le cose come stanno e spesso ci prende”. In attesa di capire se lo strappo tra  i “piani alti” dell’emittente di via Barilli e Boni sia ricucibile o meno, in studio, comunque, Angella ieri sera ha potuto contare sulla capacità IMG_1174dialettica e la competenza calcistica dell’avvocato Paolo Malvisi (autore di una recente pubblicazione sulla giustizia sportiva), dell’allenatore ed ex calciatore professionista Giuseppe Liperoti (oggi sulla panchina della Castelnovese, in passato in campo con la Primavera del Milan per poi vestire, tra le altre, le divise di Novara, Taranto e Sanremese) e del giovane Andrea Concari, ideatore e curatore della rubrica online “Moontalk – Jurassic Parm” visibile su youtube e offerta anche da StadioTardini.it.

IMG_1178OCCHIO AI CAMPI PESANTI – L’avvocato Malvisi ha cercato in apertura di smorzare un po’ le sicurezze di chi, come Angella, ritiene che il primato del Parma sia già in banca: “Attenzione all’inverno e ai campi pesanti – ha ammonito il noto legale membro dell’AIASla nostra è una squadra impostata per giocare palla a terra e nel mezzo è un po’ leggera, per cui non escluso qualche difficoltà con i campi pesanti, teniamo infatti presente che non troveremo sempre dei manti erbosi della qualità del Tardini, anzi…”.

IMG_1179GUAZZO? NO GRAZIE. SPUNTA NATALI – Mister Giuseppe Liperoti ha sostanzialmente bocciato il possibile arrivo di Mattia Guazzo, attaccante 33enne in uscita dall’Entella: “Viene da una stagione in cui ha giocato poco o niente, inoltre il suo innesto potrebbe creare qualche squilibrio all’interno del gruppo, per me non serve”. IMG_1182Secondo Lorenzo Fava potrebbe essere molto più utile un difensore, anche in considerazione dello stop di Benassi che dovrà stare fermo un mese buono a causa di un problema ad un polpaccio. Il web-boy ha suggerito il nome dell’esperto Cesare Natali (il biondo ex Bologna, Torino e Fiorentina) come alternativa a Cacioli e Lucarelli.

ORIZZONTE B – Nella parte finale della puntata sono state commentate le affermazioni espresse nei giorni scorsi dal vicepresidente del Parma Calcio 1913 Marco Ferrari in occasione di un dibattito organizzato dal PD di Parma (peraltro è stato dato molto risalto al “proclama” sportivo, che almeno si spera faccia cessare lo stucchevole luogo comune sulle presunte piocioneria e  mancanza di ambizioni della società, quando ad essere decisamente più interessanti erano i passaggi relativi al Parma Calcio 1913 quale modello di rinascita da replicare per esempio sul Teatro Regio. Clicca qui per vedere l’intervento di Ferrari filmato da RossoParma.com, da cui abbiamo tratto anche le foto). “Il sogno è la B in tre anni” aveva detto l’imprenditore. “Ferrari non vende fumo ed è una persona seria, però la B in tre anni più che un sogno è una sorta di dovere” ha detto Angella. L’avvocato Malvisi ha rivolto un plauso al dirigente: “Penso che Ferrari sia una persona di buon senso, il nostro modello deve essere una società come l’Empoli, che punta a IMG_1185valorizzare i giovani, che ha i conti in ordine e che riesce a stare in A oppure ai vertici della B, per quanto riguarda la tenuta dell’azionato diffuso sarà solo il tempo a darci una risposta, però il progetto è molto interessante”. Secondo Concari due anni per passare dalla Lega Pro alla B sono troppi: “Bisogna vincere la D e fare la squadra per vincere subito la Lega Pro, poi in B bisogna chiedersi cosa vogliamo fare da grandi”. Liperoti ha citato come esempio per il Parma anche quello del Chievo. Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE LA 3^ PUNTATA DI CALCIO & CALCIO, web registrazione a cura di Alex Bocelli

image

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CALCIO & CALCIO PIU’ / L’ACUTO “MAL DI PANCIA” DI BONI: VERO O METAFORICO?

Stadio Tardini

Stadio Tardini

24 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / PERSISTE IL MAL DI PANCIA DI BONI, CHE ANCHE IERI SERA HA MARCATO VISITA. MALVISI: “I CAMPI PESANTI POTREBBERO FRENARE IL PARMA”. LIPEROTI: “GUAZZO NON SERVE”"

  • 22 Settembre 2015 in 14:28
    Permalink

    Sicuramente non è un malanno fisico, anche se è un periodo di mal di pancia…
    Senza Boni la trasmissione è soporifera, ha sempre qualche spunto personale. Sono fortunati che anche alla concorrenza sono talmente vivaci da far invidia a Morfeo Dio del Sonno.

    • 22 Settembre 2015 in 16:11
      Permalink

      La trasmissione è stata gradevole, finalmente i commenti non sono stati interrotti, e si è capito tutto quello che veniva detto.A me la gente che urla non piace ancor più alla TV, questione di gusti certamente.

      • 22 Settembre 2015 in 15:02
        Permalink

        poco ma sicuro…

        • 22 Settembre 2015 in 16:14
          Permalink

          Sì nota ancor di più l’essenza di quello che dice attraverso un testo scritto.

  • 22 Settembre 2015 in 14:56
    Permalink

    Il Carpi è arrivato in A in 5 anni. Per noi l’obiettivo dev’essere questo.

  • 22 Settembre 2015 in 15:11
    Permalink

    Ma davvero Malvisi pensa ai campi pesanti ? Ma che arguzia. Non è che legge Stadio Tardini, no ?

  • 22 Settembre 2015 in 15:56
    Permalink

    Sui campi pesanti perchè non dovrebbero andar meglio i più “leggeri” e più tecnici? Se i ” grossolani” diciamo così degli altri non vanno bene su un BEL campo chissà cosa faranno mai su un campo pesante… mah..mi sembrano tutte leggende..come l’ultima che sentii prima dell’inizio del campionato: in D corrono come dei matti… boh dopo la partita del Parma domenica scorsa ho visto Inter Milan e andavano il triplo… insomma qualcuno mi vuole spiegare?.. sono io sicuramente che non capisco niente..

    • 22 Settembre 2015 in 18:33
      Permalink

      È’ la differenza tra A e D. Più’ sali più’ il gioco e’ rapido e più’ devi giocare e pensare veloce. È’ questo che fa la differenza innanzitutto tra un giocatore di A e uno di D. Chiedi ti come mai ad esempio Corapi che ha un piede molto educato abbia sfangato la carriera solo in C

      • 22 Settembre 2015 in 18:55
        Permalink

        Infatti, quello che intendevo.ma chissà perchè per tutto il tempo Pre campionato gli esperti almeno su questo blog hanno continuato a ripetere …in D si corre moltissimo, i giocatori devono essere di d perchè bisogna correre, intendo dire che di opinioni ne ho sentite di tutti i tipi… molte sono leggende metropolitane. Vedremo.

        • 22 Settembre 2015 in 19:37
          Permalink

          Se ben ricordo, più che altro si sottolineava da più parti il rischio di comprare giocatori che in A ci sono stati (vedi Iaquinta, Reginaldo o altri) ma che ormai non avevano più niente da dire, confidando nell’equazione giocatori al tramonto in A = campioni in D, calcolo rischioso perché appunto in D il gap tecnico è spesso compensato dalla “corsa” e dalla fame dei giocatori, tanto più se sono under. Poi è chiaro che se, ipoteticamente, prendi una squadra di A, anche la peggiore, e le fai fare la D, campi o mica campi il campionato te lo stravince, ma questo è un altro discorso. Io credo che alla fine al Parma siano riusciti a fare una squadra che è un bel compromesso tra corsa, grinta e tecnica.

  • 22 Settembre 2015 in 16:21
    Permalink

    Per quanto riguarda il discorso dei campi pesanti, ( melma e fango..tanto x capirci )…hanno ragione i lettori di cui sopra
    i giocatori tecnici e brevilinei sono penalizzati, la palla non gira come sull’erba, si ferma, rallenta ….e le trame di gioco tecnico, in velocità, perdono di efficacia…
    al contrario…i giocatori ..di peso…con un passo + compassato…ed una stazza superiore….rendono di +, fanno legna ….sono avvantaggiati proprio x il fatto che la palla gira con molta meno velocità….
    frenando le iniziative dei giocatori + tecnici….
    … chi si deve difendere solamente è avvantaggiato..chi deve costruire ..un pò meno…
    ..visto che la metà delle gare è in casa…
    se non ricordo male tra cesena, ravenna san marino e qualcun altra gioca su campi altamente idonei….non restano poi molte le partite su pessimi terreni …( vedi arzignano ) ….13 / 14 …????
    Noi siamo Parma…we are parma …
    saluti…
    mauro morosky

    • 22 Settembre 2015 in 16:28
      Permalink

      Vedremo.

      • 22 Settembre 2015 in 16:30
        Permalink

        Un giocatore tecnico secondo me fa la differenza, se sa fare uno stop lo sa fare e basta, cmq siete così tutti esperti che ripeto, vedremo…

        • 22 Settembre 2015 in 16:37
          Permalink

          Non è che i campi pesanti penalizzano tutti ? Io partite di D ne ho viste.. gli “scarponi” sembravano ancora peggio su un campo pesante, dopo è chiaro che non potremo giocare lezioni o spumeggianti ecc.. ma chi è superiore per tecnica lo resta..ma io non me ne intendo.. quindi..vedremo..vado a prendere un caffè.. grazie Moroni per la risposta gentile

    • 22 Settembre 2015 in 17:03
      Permalink

      Per i campi fangosi, come giustamente specificato, la disamina è perfetta!

  • 22 Settembre 2015 in 17:52
    Permalink

    Macchè campi pesanti questo campionato non lo perdiamo neanche se giochiamo in delle risaie da qua alla fine!!!!

    abbiam già 8 punti sul Rovigo (in 4 giornate), quando ci riprendono!!!!!!!!

    Io sono più preoccupato per gli investimenti futuri, invece di pensare a prendere un altra punta, Minotti e Galassi devono mettersi avanti a cercare giocatori per vincere la Lega Pro l’anno prox…

    non avremo più il vincolo dell’under quindi il mercato sarà tutto diverso!!!!

    • 22 Settembre 2015 in 18:57
      Permalink

      Sei ottimista..bene. Penso però che stare sul pezzo, cioè sul presente sia la cosa più sensata. 🙂

  • 22 Settembre 2015 in 20:44
    Permalink

    Veh Simone, adesa pensemà a vensor in D, non portare sfiga. Notte prima degli esami: non si ammette mai di pensare al prossimo come se quello di domani fosse già superato, lo si fa, lo si deve fare perchè si deve aver ben preciso il quadro complessivo del cammino verso la laurea, ma per scaramanzia che colpisce tutti, dagli studenti ai piloti di formula uno, non se ne parla. Superstizione? Mah, direi di no, sono modelli mentali che hanno una loro logica razionale: predispongono al meglio di sè. Fiiiiiiiii, am son stufè ed scrivor, figuremé vuetor ed lesor, vacocá…

  • 22 Settembre 2015 in 23:10
    Permalink

    Ma che mal di pancia dai…….

  • 23 Settembre 2015 in 05:21
    Permalink

    BRAVO ANGELLA COME CONDUTTORE CHE RIESCE AD IMBASTIRE SEMPRE UNA CUCINA INTERESSANTE COI FICHI SECCHI,L ASSENZA DI MAJO SI FA SENTIRE ,MA COMUNQUE IL TUTTO REGGE

  • 23 Settembre 2015 in 07:01
    Permalink

    Boni forever, vero e proprio mattatore , senza di lui anche il bravissimo Angella stenta. Speriamo ci ripensino, sarebbe proprio …… rimanendo nel calcio, un bel autogol !!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI