GUAZZO: “DIFFICILE DIRE DIRE DI NO A UNA PIAZZA GLORIOSA COME PARMA: AVER VISTO LA CURVA NORD CON TUTTI QUEGLI ABBONATI MI HA INVOGLIATO A SCENDERE DI DUE CATEGORIE” video

(Aimage.pngndrea Belletti) – Rivedere a Parma un attaccante come Asprilla è il sogno di ogni tifoso crociato. Ma senza  correre un po’ troppo con l’immaginazione, e una volta fatte le debite proporzioni ,potrebbe essere Matteo Guazzo a far rivivere, sebbene in categorie diverse, le prodezze del fuoriclasse colombiano. I presupposti ci sono tutti se lui stesso si definisce un giocatore “matto”.  Certo che a livello di follia la punta di Medellin aveva ben pochi eguali. “Mi ritengo un centravanti atipico, spiega il neo arrivato in casa gialloblù, sono una prima punta estrosa e matta. Ho colpi importanti che cercherò di mettere al servizio della squadra, posso anche giocare al fianco di una prima punta”.  Dopo una brillante carriera tra B lega Pro e D arriva a Parma con lo spirito del professionista che fa sfoggio di umiltà: “ I miei obiettivi sono quelli del gruppo, personalmente vorrei fare i gol che servono al Parma per riportarlo in alto dove merita”. E alla chiamata del Parma non si poteva dire di no. “Arrivo pieno di entusiasmo, prima ero in serie B ed era il mio sogno, ma purtroppo nel calcio le cose cambiano velocemente e quindi sono contento di essere arrivato qui”. La città ducale  è l’ennesima piazza importante che rivede Guazzo protagonista: “Ho giocato in piazze importanti per me è una carica avere tanta gente al seguito. La curva del Parma mi ha invogliato ad accettare l’offerta della società”. Così come i risultati scintillanti ottenuti sin qui dalla truppa di Apolloni. “So di arrivare in un gruppo affiatato, inanellare una serie di risultati positivi aiuta a crescere, ho la fortuna di trovarmi in un ambiente sano”. Che per vincere avrà bisogno dei colpi di prestigio dell’attaccante appena arrivato dall’Entella. “Fisicamente sto bene, mi manca un po’ il ritmo partita. Io sono un giocatore di carattere ma vengo a Parma con la massima umiltà”. Sicuramente il suo arrivo aumenterà la concorrenza tra gli effettivi del reparto offensivo. “Se il Parma vuole vincere il campionato è necessario che ci sia sana concorrenza all’interno del gruppo. La serie D è sempre un campionato difficile da vincere bisogna giocare con la testa giusta”. E con quel pizzico di follia che Guazzo porterà in dote insieme, si spera, alle sue capriole, scusate il lapsus, ai  suoi gol. Andrea Belletti

IL VIDEO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

7 pensieri riguardo “GUAZZO: “DIFFICILE DIRE DIRE DI NO A UNA PIAZZA GLORIOSA COME PARMA: AVER VISTO LA CURVA NORD CON TUTTI QUEGLI ABBONATI MI HA INVOGLIATO A SCENDERE DI DUE CATEGORIE” video

  • 24 Settembre 2015 in 16:34
    Permalink

    giorgio 24 settembre ore 16,27

    Nessuno ricorda un certo Rubagotti centroavanti del Parma in serie D? Un mancino terrificante. questo mi sembra fisicamente uguale. forza magico Parma, e graziei ai tifosi che lo seguono.

    • 24 Settembre 2015 in 16:56
      Permalink

      Non credo che dire magico a questo Parma sia giusto, qui c’è gente concreta, non magica, che lavora sodo…lo puntualizzo perchè magico Parma mi ricorda un periodo che ha visto i tifosi del parma tristemente contrapposti .. e me ne voglio dimenticare… solo una mia opinione

  • 24 Settembre 2015 in 18:18
    Permalink

    Mi raccomando, comportati bene, eh 😉

  • 25 Settembre 2015 in 01:05
    Permalink

    questo guazzo mi piace,ha la faccia da punteros argentino, mi ricorda kempes , magari arruffone,ma efficace

  • 25 Settembre 2015 in 01:08
    Permalink

    ricorda osio con le debite proporzioni

  • 25 Settembre 2015 in 08:41
    Permalink

    E pensare che gli hanno già dedicato un borgo del centro…deve essere davvero forte!

    • 25 Settembre 2015 in 10:44
      Permalink

      Questa mi piace… 😁😃

I commenti sono chiusi.