MEZZOLARA–PARMA CALCIO 1913 0-0 (finale) – La cronaca di Alessandro Dondi e il video emozionale con il saluto dei giocatori ai tifosi

MEZZOLARA–PARMA CALCIO 1913 0-0 (finale) – La cronaca di Alessandro Dondi e il video emozionale con il saluto dei giocatori ai tifosi

CRONACA DEL SECONDO TEMPO

Squadre di nuovo in campo per il secondo tempo: nessun cambio nelle due formazioni

E’ il Mezzolara a battere il calcio d’inizio.

A bordo campo si scaldano Guazzo, Lauria, Miglietta, Sowe e Vignali

4’ Giorgino allarga per Sereni: la conclusione di quest’ultimo finisce fuori

7’ Fiammata di Baraye: Busato di pugno mette in angolo. Sugli sviluppi dell’angolo botta dalla distanza di Corapi ma Busato è di nuovo attento

8’ Sereni prova a sfondare e guadagna un angolo, sui cui sviluppi Busato esce smanacciando

15’ Giallo per Evangelisti: fallo su Melandri. Sugli sviluppi della punizione, Corapi mette in mezzo e Baraye prova di testa la deviazione.

16’ Primo cambio nel Parma: esce Baraye ed entra Lauria

18’ Sereni di controbalzo prova dal limite dell’area: palla fuori

21’ Ammonito Sereni

22’ Primo cambio anche per il Mezzolara: fuori Cicerchia, dentro Ponce

Parma da qualche minuti in dieci uomini: fuori Lucarelli a causa di un colpo al naso, il capitano perde ancora sangue

Il capitano rientra in campo al 24’

26’ Sereni prova la deviazione di testa: non trova la porta

26’ Altro cambio per i crociati: esce Longobardi, entra il neo acquisto Guazzo

28’ Nel Mezzolara esce Macagno ed entra Martelli

31’ Occasionissima per Lauria che da pochi passi manca il tap-in in scivolata: bellissimo cross teso dalla destra di Melandri, a sua volta ottimamente servito da Guazzo

32’ Terzo cambio per Apolloni: fuori Corapi e dentro Miglietta

34’ Sponda di Guazzo per Sereni: destro strozzato per l’esterno

40’ Ricci cerca il guizzo in mezzo a due: angolo per il Parma

Cinque minuti di recupero

46’ Sereni a tu per tu con Busato, si mangia il goal del vantaggio

 

CRONACA DEL PRIMO TEMPO

Pronti a partire: Parma che veste la storica maglia crociata, Mezzolara in maglia blu con inserti celesti sulle spalle

2’ Buona palla in verticale per Baraye a cui non riesce l’aggancio

3’ Palla lunga per Longobardi che va a staccare al limite dell’area, scontrandosi con Busato che era andato in uscita alta: fallo e punizione per il Mezzolara

Forcing del Parma in questo inizio di gara.

7’ Corner per il Mezzolara: la palla finisce fuori

9’ Cicerchia recupera palla e prova a servire in avanti le proprie punte: la palla termina oltre la linea di fondo

11’ Botta di Cicerchia dal limite: la palla sbatte contro Cacioli e finisce in angolo

15’ Guizzo di Baraye sulla destra: entra in area, tenta il dribbling ma sul contrasto avversario si porta la palla oltre il fondo

17’ Primo corner per i crociati: Corapi si incarica della battuta. Il suo cross teso è respinto dalla difesa avversaria

20’ Pasticcio difensivo tra Lucarelli e Zommers: Iarusso non ne approfitta e conclude con un tiro sbilenco che termina fuori

23’ Buon cross di Messina: Sereni è anticipato al momento dello stacco in area piccola

24’ Ancora Baraye che si invola verso l’area: complicata la giocata del numero 10 crociato, che viene fermato dalla difesa avversaria

26’ Buona girata nel breve di Longobardi: para Busato

27’ Fallo di Lucarelli a metà campo: il capitano tenta l’anticipo su un avversario ed involontariamente, scivolando, colpisce duro un avversario. Vibranti proteste da parte di Bazzani ma l’arbitro non estrae il cartellino

30’ Parma sorpreso in verticale: esce male Zommers, per fortuna Visani non centra la porta

33’ Corapi lancia lungo per Longobardi: il centravanti crociato manca di poco l’aggancio

34’ Buco di Cacioli: Macagno prova la conclusione, Zommers blocca

39’ Tiro di destro di Sereni dal vertice dell’area: esterno della rete

Tre minuti di recupero

image

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

44 pensieri riguardo “MEZZOLARA–PARMA CALCIO 1913 0-0 (finale) – La cronaca di Alessandro Dondi e il video emozionale con il saluto dei giocatori ai tifosi

  • 27 Settembre 2015 in 15:06
    Permalink

    Melandri fuoriclasse.

  • 27 Settembre 2015 in 15:13
    Permalink

    cacioli decisivo nella respinta baluardo insuperabile il nostro tony adams

  • 27 Settembre 2015 in 15:49
    Permalink

    Troppa sufficienza. Cacioli da incubo.

  • 27 Settembre 2015 in 16:40
    Permalink

    nn si passa! ..neanche a piangere! Campo stretto cavolo!

  • 27 Settembre 2015 in 16:59
    Permalink

    ma apolloni il nostro n11 lo vede??????????? no sa neanche giocare. CHE SFIGATO

  • 27 Settembre 2015 in 17:01
    Permalink

    Il Padova lo scorso anno le prime 10 le ha vinte tutte!!! E non avevano il calcio biologico….

  • 27 Settembre 2015 in 17:04
    Permalink

    Rischiato di perdere contro una squadra penosa!!! Siamo tornati sulla terra, vero apolloni???

    • 27 Settembre 2015 in 20:03
      Permalink

      Per dire la verità erano certi tifosi ad essere andati sulla luna da subito, non Apolloni.. quindi…

  • 27 Settembre 2015 in 17:08
    Permalink

    iL SALTIMBANCO BONI a calcio e calcio aveva detto che a metà ottobre il Campionato del Parma era già vinto…. ma toglietemi una curiosità, SI DROGA ?

      • 27 Settembre 2015 in 18:52
        Permalink

        Se fossi lui, mi sarei già sparato da tempo.

  • 27 Settembre 2015 in 17:11
    Permalink

    Benvenuti in D. Ci saranno altre partite del genere da qui a fine stagione, contro avversari scarsi ma volenterosi.

  • 27 Settembre 2015 in 17:16
    Permalink

    Intanto già oggi non siamo più potenzialmente primi…

    • 27 Settembre 2015 in 19:44
      Permalink

      Come se il Forlì avesse già vinto i recuperi, vero?

  • 27 Settembre 2015 in 17:17
    Permalink

    non ci possiamo giocare un under cosi’ inutile come sereni,non vorrei ci fossimo giocati anche lauria co sta mania di mettere in campo baraye a tutti i costi.
    per il resto certe partite se proprio non riesci a vincerle e’ buono pareggiarle (catalano)

  • 27 Settembre 2015 in 17:27
    Permalink

    Se qualcuno si era illuso questo é un segnale di allerta. La squadra con cui abbiamo pareggiato fará fatica a mantenere la categoria, quindi testa bassa e pedalare! Il campionato nn sará sepolto a metá Ottobre come qlc sosteneva…

  • 27 Settembre 2015 in 17:40
    Permalink

    Se ha le palle stasera apolloni si dimette!!

      • 27 Settembre 2015 in 18:06
        Permalink

        Hai visto Gabriele?!? Questi sono i mostri creati da boni con le sue stronzate di vincere il campionato a Ottobre…. Preparatevi perché ce ne saranno altre di partite così,dove gli avversari daranno tutto come se fosse una finale di Champions…oggi ho capito ancora di più quanto sarà dura, quando ho visto a fine partita gli altri esultare!

        • 27 Settembre 2015 in 20:05
          Permalink

          Ma davvero qualcuno ha tenuto conto delle sparate di Boni? Non ci posso credere… dai

        • 27 Settembre 2015 in 23:43
          Permalink

          Ma il saltimbanco è un circense, non va preso sul serio è un giullare.

    • 27 Settembre 2015 in 18:13
      Permalink

      Dimettersi direi di no…però pensare ad una alternativa a Sereni si.
      Oggi Baraye ha fatto il “pesta pocce”!

  • 27 Settembre 2015 in 18:04
    Permalink

    nel corso di un campionato ci stanno i pareggi e le sconfitte. Conta alla fine vincere e questo si vedrà fra 33 partite. Questa squadra presenta un under che potrebbe giocare in eccellenza ma non in serie D. Spero che arrivi Jankovic nel suo ruolo e mi auguro che non ci sia un accordo col Sassuolo per cui lui debba giocare un certo numero di partite. In ogni caso insistere su Sereni rischia di divenire autolesionista. L’allenatore insiste anche a schierare un trequartista nella posizione di seconda punta ( la squadra presenta un 4-2-4 in effetti), che finisce per snaturare le sue caratteristiche. Che si tratti Baraye o di Lauria poco cambia. Non va bene la collocazione in campo. Tra l’altro Melandri è molto sacrificato sulla fascia visto che perde la sua migliore qualità, ovvero lo spunto negli ultimi venti metri. Infine non consdiera mai Vignali che nell’uno contro uno è molto forte. Si vede già dalle prime partite ( anche alcune di quelle vinte) che l’allenatore del Parma ha notevoli limiti tecnici ( era finito al Lentigione in D , fuori dal calcio professionistico a 48 anni) e poca capacità di gestire lo spogliatoio. Ogni volta propone gli stessi cambi : Lauria, Miglietta e da adesso Guazzo / Longobardi. Sono cambi precostituiti a tavolino e non fatti in base alle reali necessità che pone la partita. C’è tempo per riflettere e fare correzioni.

  • 27 Settembre 2015 in 18:14
    Permalink

    Direttore era una frase forte, però visto che lei è’ nell’ambiente faccia capire che qualcosa stiamo sbagliando, se ci vendono miglietta come colui che farà la differenza il prossimo anno a mezzolara ci torniamo….. E poi anche apolloni un po’ di palle deve tirarle fuori… Siamo sinceri direttore il pareggio sarebbe potuto arrivare anche alla prima giornata o alla seconda in casa ma la dea bendata ci aveva aiutato, ma se continuiamo in questa maniera……

  • 27 Settembre 2015 in 18:50
    Permalink

    Ma come, fino alla partita precedente il Parma era giá da Legapro, le asfaltava tutte…ed ora, per un pareggio, già disperazione, dimissioni di Apolloni e via piagnucolando?! Ve l’avevo detto di stare calmi altrimenti tirate anche la sfiga. Non c’è intesa e non ci sarà mai tra me, appassionato di calcio e profondamente parmigiano, ed i “veri” tifosi se questi sono masse viziate che si esaltano come se fossero loro in squadra ed improvvisamente si abbattono e dimenticano di essere stati in squadra. Mo andì là va’ ragas, div ‘na regoleda

  • 27 Settembre 2015 in 18:56
    Permalink

    Se non vinceremo il campionato a metà ottobre le vinceremo a metà novembre….al Tardini faremo 57 punti / 57 punti.

    Esonero di Apolloni???? ma siete fulminati??? Gli under Ricci a parte son tutti sullo stesso livello…
    Forse l’unica cosa potrebbe metterne 3 in difesa + il portiere…tanto non penso che Cacioli sia così superiore a Saporetti

    • 27 Settembre 2015 in 18:59
      Permalink

      Cerchiamo di non portare sfiga con questo ottimismo esagerato

      • 27 Settembre 2015 in 19:24
        Permalink

        Dai Gabriele,
        Da quanti anni guardiamo partite di calcio???
        Non dovremo mica preoccuparci per un pareggio esterno????
        L’importante è che in 5 partite non abbiamo preso neanche un gol su azione….
        Domenica ne diamo 4 alla Correggese e siamo ancora primi!!!!!
        Poi se il campionato non fosse scontato sarebbe ancora più gratificante vincerlo!!!!!

        • 27 Settembre 2015 in 19:27
          Permalink

          A me ne basterebbe darne uno alla Correggese, come oggi mi sarebbe bastato darne uno al Mezzolara. Non facciamo i presuntuosi.

          • 27 Settembre 2015 in 19:37
            Permalink

            Non è questione di essere presuntuosi, lo ha detto anche Bazzani che un qualche centinaio di partite in serie A le ha fatte…
            Il parma può tenere in panchina gente come Lauria, miglietta e guazzo…
            Io sono tranquillissimo sulla vittoria finale !!

        • 27 Settembre 2015 in 19:47
          Permalink

          Simone te l’ho già detto l’altro giorno…tu..come Boni…non avete una minima idea di cosa sia la serie D…

          • 27 Settembre 2015 in 21:05
            Permalink

            C’è l’hai te….
            Vediamo domenica!!!
            Abbiamo una squadra da Lega Pro…adesso mettiamo in tiro Guazzo e poi a gne pu par nison…

  • 27 Settembre 2015 in 19:49
    Permalink

    io ve lho detto da agosto..il campionato di serie d e dura…e non sarà facile vincerlo…oggi l’hanno interpretata male…amen..capita..abbiamo preso un punto…dovevamo prenderlo ad arzignano l’abbiamo preso oggi..bene cosi..il ns obiettivo essere primi a gennaio…se saremo primi con un discreto vantaggio le altre società smobiliteranno e il gap aumenterà..la preparazione é ok…alla fine i ns correvano i loro erano ancora una volta sulle gambe come nelle precedenti partite..secondo me a livello fisico manca ancora un 20%…..unica cosa che mi preoccupa in minima parte e che in questi campi le palle andrebbero sparate lunghe e giocate sulle seconde palle…cose che oggi non abbiamo mai fatto e anche il mister dovrebbe qualche volta cambiare modulo..io oggi per esempio la coppia longobardi guazzo alla fine l’avrei provata…ma da fuori e facile criticare….

  • 27 Settembre 2015 in 19:54
    Permalink

    Lo dicevo che al primo passetto falso si scatenavano gli illusi..insomma stiamo a vedere no? Abbiamo pareggiato, abbiamo sbagliato alcune cose..ci correggeremo, no?
    La palla è rotonda…Siamo il Parma ma con giocatori di D, in massima parte, quindi ci sta. Non cadiamo dal pero come se fossimo il Parma di serie A che gioca per caso in D.
    calma e gesso.

  • 27 Settembre 2015 in 20:11
    Permalink

    guardando gli altri gironi direi che il problema e’ che nel nostro ce ne sono almeno 4 che se la giocheranno fino alla fine.
    e sticazzi che non c’e’ il piacenza

    • 27 Settembre 2015 in 21:09
      Permalink

      Io parlo con Assio perché è l’unico che capisce di calcio qua.
      Allora Assio concordi con me che quel campionato qua lo potrebbe perdere solo Osso????
      Quanda va in forma il bomberone a sema a post…
      Però Occhio alle commesse di Parma, siamo davanti ad un Crippa bis😂😂

      • 28 Settembre 2015 in 10:57
        Permalink

        quando sentiro’ apolloni dire :siamo quelli dello scorso anno meno parolo comincero’ ad avere dei dubbi

        • 28 Settembre 2015 in 11:59
          Permalink

          Non ho capito questo che hai detto.. scusami

          • 28 Settembre 2015 in 12:08
            Permalink

            Si sta ancora chiedendo perchè la Fiorentina ha scelto Paulo Sosa e non lui!!!!

            poovra italia

          • 28 Settembre 2015 in 13:29
            Permalink

            fattelo spiegare da Majo …lui sa

          • 28 Settembre 2015 in 13:32
            Permalink

            Lo scorso campionato, in una conferenza di inizio stagione, Donadoni asserì che la rosa a sua disposizione era la stessa dell’anno precedente meno Parolo…

  • 27 Settembre 2015 in 20:54
    Permalink

    Non bisogna emettere giudizi affrettati dopo solo 5 partite. Il campo strettissimo e la mancanza di cattiveria negli ultimi metri ci hanno portato questo pareggio . Il post del mercatologo e’ molto duro ma lo condivido dove dice che il modulo attualmente utilizzato non permette di sfruttare al massimo le caratteristiche dei giocatori in rosa

  • 28 Settembre 2015 in 00:34
    Permalink

    dovevamo vincere con 114 punti, vinceremo con 112 e se vinceremo con meno il risultato sarà lo stesso!
    Vinceremo!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI