VIAGGIO IN PROVINCIA, di Luca Savarese / I FUSI ORARI, OGGI TANTO UTILI, FURONO PENSATI NELL’800 DA QUIRICO FILOPANTI, CITTADINO DI BUDRIO

(Luca Savarese) – Don Primo Mazzolari, fondò, nel 1949 il quindicinale l’Adesso. Adesso, nel 2015, il Parma è primo in classifica ed oggi sarà ospite del Mezzolara, la più popolosa frazione del comune di Budrio, in provincia di Bologna. Mezzolara, non centra nulla con Mazzolari, ma con il nome, fa assonanza. Chi invece centra eccome è Giuseppe Barilli, in arte Quirico Filopanti, politico, astronomo e matematico, che nella sua opera Miranda! (non centra niente con il centrale brasiliano dell’Inter) nel 1858, cento anni prima del mondiale svedese, il primo andato alle mani ai cuori ed ai piedi brasileri, propose, per la prima volta, i fusi orari. Il nostro era nato a Budrio, il 20 aprile del 1812, esattamente cento anni prima della nascita del Guerin Sportivo, ma questa è un’altra storia, Filopanti diede il là ai fusi orari, mica ai secoli. La sua ipotesi era questa: perché non suddividere idealmente la terra in corrispondenza dei meridiani in 24 zone, dette fusi, ad ognuna delle quali avrebbe poi dovuto corrispondere un orario. Ogni fuso avrebbe dovuto differire dal successivo di un’ora, mentre avrebbero coinciso i minuti e i secondi. Il primo fuso avrebbe dovuto essere centrato sul meridiano di Roma. Questa suddivisione in fusi avrebbe sancito il tempo locale, identificato con la lettera “L”. Lo studio di Filopanti, prevedeva anche la determinazione di un tempo universale “U”, che si sarebbe dovuto utilizzare come riferimento unico nell’astronomia e nelle comunicazioni telegrafiche. Giuseppe, pardon Quirico, ci credeva un sacco alla sua trovata. “Quando un orologio ben regolato a tempo medio, universale o locale, batterà un’ora qualunque, tutti gli orologi del mondo suoneranno in quel medesimo istante, e indicheranno o quella stessa ora, od una qualunque altra ora intera”. Idea molto pratica la sua, sostenuta da un’ispirazione etico-religiosa. Anticipò e spiazzò un po’ tutti. Nel 1859, del resto, solo la Gran Bretagna era dotata di un’ora nazionale, mentre la maggior parte degli altri stati era ancora regolata dalle ore locali. Giocò d’anticipo, arrivo prima di altri, ma non ebbe forse il successo che meritava. Certo, meglio un’ora prima che un minuto dopo, ma il riscontro più grande i fusi orari lo ebbero più tardi, negli anni 70 dell’800 quando in America, ogni compagnia ferroviaria, date le dimensioni in senso longitudinale della nazione, aveva sviluppato un proprio orario. All’inizio del 1870 infatti se ne contavano circa 50 ed ogni città aveva un proprio tempo locale e tanti tempi ferroviari quante erano le linee che la servivano. Come nella stazione di Pittsburgh, dove c’erano ben cinque orologi che indicavano i diversi tempi delle ferrovie ed il tempo locale. Le grandi strutture economiche però non avevano il tempo per sostenere le sue proposte, che fieramente egli, tra i primissimi, elaborò. Era molto fantasioso, gli piaceva spaziare tra una materia e l’altra e non soffriva affatto di jet lag. Scrisse anche dei saggi quali Dio esiste, Dio liberale e voleva riunire le nazioni in un’unica famiglia, tutte pensate che gli vennero anche grazie alla scuola di latinità budriese che Filopanti, da bambino, frequentò gratuitamente grazie all’arciprete Don Gaetano Maria Baldini. Ah, in principio si voleva parlare di Mezzolara, ma Filopanti ci ha preso in… contro tempo. Tranquilli, oggi nessun fuso orario, Mezzolara-Parma si giocherà alle 15. Ora locale ed orario nazionale. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI VIAGGIO IN PROVINCIA, di Luca Savarese

1^ puntata: Arzignano (06.09.2015)

2^ puntata: Villafranca (13.09.2015)

3^ puntata: Borgo San Lorenzo (16.09.2015)

4^ puntata: Valdagno (20.09.2015)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “VIAGGIO IN PROVINCIA, di Luca Savarese / I FUSI ORARI, OGGI TANTO UTILI, FURONO PENSATI NELL’800 DA QUIRICO FILOPANTI, CITTADINO DI BUDRIO

  • 27 Settembre 2015 in 02:13
    Permalink

    Hai capito filopanti!

  • 27 Settembre 2015 in 06:56
    Permalink

    Speriamo che i nostri non siano fusi ahah! 😀

  • 27 Settembre 2015 in 09:37
    Permalink

    Volevo sapere se abbiamo superato la quota dei 10.000 abbonati.Grazie

  • 27 Settembre 2015 in 11:14
    Permalink

    Trovati 2 biglietti!

  • 27 Settembre 2015 in 13:37
    Permalink

    Direttore su che canali sky si vede oggi il parma?

I commenti sono chiusi.