#weareparma / IL VIDEO TUTORIAL PER CONTRIBUIRE ALLA CAMPAGNA PER IL MUSEO DEL PARMA CALCIO AL TARDINI E AVERE IN PREMIO LA NUOVA MAGLIA CROCIATA LIMITATA SENZA SPONSOR

#weareparma / IL VIDEO TUTORIAL PER CONTRIBUIRE ALLA CAMPAGNA PER IL MUSEO DEL PARMA CALCIO AL TARDINI E AVERE IN PREMIO, TRA GLI ALTRI, LA NUOVA MAGLIA CROCIATA LIMITATA SENZA SPONSOR

Video guida a cura di Jonathan Greci, digital-marketing manager del Parma Calcio 1913 e responsabile della campagna #weareparma

GUARDA IL VIDEO EMOZIONALE DI #weareparma

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

#WeAreParma – I TIFOSI DENTRO IL PARMA CALCIO 1913, I TIFOSI SONO IL PARMA CALCIO 1913 – Guarda il video emozionale

ANTEPRIMA – UN VIDEO EMOZIONALE PROMUOVERA’ IL CROWDFUNDING PRO MUSEO DEL PARMA E L’ALLARGAMENTO DELLA BASE SOCIALE DI PARMA PARTECIPAZIONI CALCISTICHE – le foto dal backstage

ARIA CONDIZIONATA di Luca Savarese / PARMA VIRUMQUE CANO: UN LUNEDI’ DI FINE AGOSTO, DAI SEGGIOLINI DI UN TARDINI DESERTO, VAGHEGGIO, RICORDO E SOGNO… #WeAreParma

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “#weareparma / IL VIDEO TUTORIAL PER CONTRIBUIRE ALLA CAMPAGNA PER IL MUSEO DEL PARMA CALCIO AL TARDINI E AVERE IN PREMIO LA NUOVA MAGLIA CROCIATA LIMITATA SENZA SPONSOR

  • 3 Settembre 2015 in 11:09
    Permalink

    Buongiorno Dr. Majo,

    la ricontatto dopo averle scritto una mail (forse ho sbagliato indirizzo) per avere alcune infrormazioni riguardo l’iniziativa WE ARE PARMA – Una giornata con la squadra.

    Premettendo che, a mio parere, è un’iniziativa fantastica e per me sarebbe un sogno che diventa realtà poter partecipare a un allenamento, non solo come spettatore.

    Prima di imbarcarmi in qualcosa più grosso di me..sono a chiederle se lei ha informazioni più precise sullo svolgimento di questa particolare iniziativa ? Nel caso aderissi, scenderei in campo con i ragazzi e farei parte dell’allenamento con loro ? Dovrei avere particolari assicurazioni / certificati medici ?
    Essendo della provincia di Varese, dovrei sapere qualche giorno prima della “convocazione” cosi da potermi giustificare al lavoro e scendere per tempo.

    Ringraziando per l’attenzione, le porgo distinti saluti

    Marco

    • 3 Settembre 2015 in 11:30
      Permalink

      Salve,

      non le avevo risposto, ma avevo girato ai colleghi del progetto #weareparma le sue domande al fine di avere risposte compiute da poterle dare. In realtà, però, le modalità della giornata saranno meglio delineate successivamente, anche in base al numero dei partecipanti (tipo stage di gruppo).

      Al momento, però, pare che non servano certificati.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 3 Settembre 2015 in 12:17
        Permalink

        Grazie mille per l’attenzione e per il continuo supporto !

        A presto, Marco

I commenti sono chiusi.