Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

45 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / Il video della 5^ puntata del talk show di Teleducato – web registrazione a cura di Alex Bocelli

  • 6 Ottobre 2015 in 06:53
    Permalink

    spero presto che torni il mal di pancia a boni…incredibile quante assurdità possa dire un uomo in poco tempo….settimana scorsa baraye era uno scarso e doveva giocare lauria…(quando si vedeva negli allenamenti chi era baraye) ora baraye fa la tripletta e il merito e’ suo che lha stimolato (immagino che baraye fosse d’avanti alla tv giovedi scorso ahahah)…e ora lo scarso e longobardi che corre ma non segna…(2 gol su 4 partite giocate)…io capisco essere pagato per fare ridere ma una trasmissione di calcio dovrebbe parlare di calcio non di gossip pallonaro….senza contare tt le altre castroneria che dice spaccisandosi per esperto di calcio…un peccato vista la povertò di trasmissioni serie sul parma in questa stagione …(la concorrewnza spiace dirlo per me ha fatto un passo indietro quest’anno)

    • 6 Ottobre 2015 in 08:27
      Permalink

      vi lamentate come delle fighe di legno, io mi faccio sempre delle gran risate grazie a Boni ed è quello il suo scopo.

      Ma siete così ansiosi di vedere una trasmissione dove Angella e Fabris si leccano a vicenda tutto il tempo? Io no…

      • 6 Ottobre 2015 in 20:06
        Permalink

        Stranamente x muovere una critica bisogna x forza tirare in ballo il genere femminile….. d’altronde è risaputo che voi uomini non abbiate difetti e non vi lamentiate mai…
        Se ci badi Lorenzo si sarà lamentato di Boni e io della tua risposta al suo commento, ma pure tu ti sei lamentato di Lorenzo.. come vedi non è prerogativa femminile o di Lorenzo ma anche tua…

      • 6 Ottobre 2015 in 20:09
        Permalink

        E se Boni vuol far ridere può anche farlo evitando di riempire la testa di tutti con tesi che non stanno in piedi…x me questo esula dal ruolo comico o di intrattenimento e rischia di diventare disinformazione…

      • 7 Ottobre 2015 in 14:56
        Permalink

        Fighe di legno? Ah..che bella espressione!!
        Provare ad esprimersi senza tirare in ballo le
        ” proprie ossessioni” è troppo difficile

        • 7 Ottobre 2015 in 16:57
          Permalink

          Ma dai ragazze era una allegoria tanto per ridere, potevo anche dire vi lamentate come gli anziani o altro ancora.

          Poi mi scuso se vi siete sentite offese ma mi pare una esagerazione, vi assicuro che non ho ossessioni di alcun tipo.

          Comunque cibbi le tue sono osservazioni corrette ma devo dissentire comunque perchè ogni trasmissione ha il suo pagliaccio messo lì per farti ridere tra una perla d’informazione e l’altra. Controcampo aveva Mughini, la Domenica Sportiva Gnocchi, il povero Maurizio Mosca ricopriva lo stesso ruolo e così via.

          Poi concludo dicendo che dovremmo tutti scioglierci un pò… siamo su un sito di calcio e ci stiamo divertendo tutti insieme va.

          Buona serata e un abbraccio a tutti.

          • 8 Ottobre 2015 in 18:08
            Permalink

            Sciogliamoci….allora.! se a Lorenzo sta sul cazzo Boni non lo può dire senza prendersi della figa di legno!? Idem io e Paola…vacca mao che rompi coglioni pure tu!
            Certo…solo Boni può dire quel che vuole… tranquillo che mi sono messa anch’io al tuo livello e hai tanti begli epiteti nuovi a te indirizzati sparsi x lo spazio commenti del sito…e non voglio sentire beo xche siamo qui x divertirci…e in questo momento mi diverte prenderti x il culo e insultarti…ciao…

    • 6 Ottobre 2015 in 08:38
      Permalink

      Calcio e calcio lo devo ancora vedere ma Boni e Angella sono due istrioni.Troppo bravi e poi lo show per tutti è un eccellenza. Ovvio sono d’accordo tra di loro, gli insulti non sono veri, fa parte del copione della trasmissione, del suo target.Gli insulti che si scambiano sono provati e riprovati prima della tasmisione questo è il bello, si rispettano e mai si offendebbro.Hanno troppo rispetto l’uno dell’altro.Sono due signori. Eppure Majo è al corrente di questo.Lui neghera’ Ma va…..

      • 6 Ottobre 2015 in 20:11
        Permalink

        Quando leggo commenti di velenoso ho continui dejavu…….

    • 6 Ottobre 2015 in 11:16
      Permalink

      Lorenzo ma una trasmissione di 90′ sulla serie D che noia sarebbe senza il pepe che ci mette Boni? Io preferisco i suoi teatrini alle boutade tipo Baraye a gennaio va in serie A, che mi sembra una palese forzatura da ‘titolista’.
      Poi c’è già la soporifera del canale 17 dove i calciatori ospiti dicono sempre “Parma è bella” “Lavoro duro ma la panchina non mi pesa” “C’è grande affiatamento nello spogliatoio” e i giornalisti fanno domande proprio per arrivare a quelle frasi.

      • 6 Ottobre 2015 in 20:14
        Permalink

        Ok ma un minimo di equilibrio mai?!

  • 6 Ottobre 2015 in 07:30
    Permalink

    Ieri Boni si è superato in quanto a stupidità. Ha praticamente litigato con tutti.

    • 6 Ottobre 2015 in 13:15
      Permalink

      Luca ma la vuoi capire che le litigate che fanno sono finte, fanno parte dello show?
      Quello di calcio e calcio è un nuovo target che molte trasmissioni televisive il prossimo anno copieranno.
      Anche alla domenica sportiva se non sbaglio, avevano ingaggiato Gene Gnocchi per fare teatrino.
      In quanto a BARAYE, vi faccio una promessa: se BARAYE A GENNAIO O ALLA FINE DEL PROSSIMO CAMIONATO, verrà ceduto, IO MI RITIRERO’ VITA NATURAL DURANTE, IN UN CONVENTO.

      • 7 Ottobre 2015 in 16:59
        Permalink

        dai Velenoso, dillo che sei Enrico Boni… svelati, perfino in trasmissione ti sei autocitato

        • 7 Ottobre 2015 in 18:01
          Permalink

          SONO IL SUO CLONE.

  • 6 Ottobre 2015 in 08:44
    Permalink

    Boni: l’emblema della reggianità.

  • 6 Ottobre 2015 in 10:22
    Permalink

    Boni, oltre ad essere un uomo colto è pure competente in materia calcio.. il suo è un personaggio creato ad arte x fare audience, casino, polverone…e far parlare….altrimenti, senza le sue boutade, cosa sarebbe quella trasmissione ??
    Verrebbe guardata solo mentre sull’altro canale, 17, c’è la pubblicità…
    ..
    è chiaro che, nel mucchio..da vero istrione saltimbanco, narciso ed egocentrico, nel senso positivo delle parole, spara anche ..ca…te, gags surreali ( vedi crocifisso, vedi mise alla Baraye…ecc ecc …)
    ..il bello è proprio questo…
    a me diverte…stuzzica …

    • 7 Ottobre 2015 in 16:59
      Permalink

      Bravo Morosky, la penso come te

  • 6 Ottobre 2015 in 10:29
    Permalink

    non penso che una trasmissione televisiva che voglia parlare di calcio necessiti della presenza del clown Boni.
    A tratti in programma sembrava un revival di Wanna Marchi e stregoni brasiliani al seguito.
    Può piacere sia chiaro………ma andando avanti così non sarà mai più di un rotocalco di gossip chesi vendte a pochi spiccioli in edicola!
    Pietoso!

    • 6 Ottobre 2015 in 12:14
      Permalink

      Boni se non capisce quando fermarsi diventa davvero irritante, non lascia concludere i concetti agli ospiti, esagera, per cui io che mi domandavo se ci è o ci fa ora so che ci è. Oltre alle boutades di Boni vorrei sentire parlare di calcio, il programma si chiama calcio&calcio non Boni&Boni. Tanto vale avere degli ospiti, sempre ad urlare, ad interrompere, ad intromettersi, uno deve capire quando fermarsi. Un pò ci sta, ma poi cambio canale… non resta altro. Peccato. Potrebbe gestirsi meglio.

      • 6 Ottobre 2015 in 13:46
        Permalink

        Come sei grigia Paola….

        • 6 Ottobre 2015 in 15:39
          Permalink

          Non nominarmi fatti i fatti tuoi. Se non ci riesci curati

          • 6 Ottobre 2015 in 20:19
            Permalink

            Brava!
            Anch’io penso che Boni sia proprio cosi di natura e non faccia apposta…di cultura calcistica non vedo ombra nelle sue parole…ma saremo noi che non sappiamo capire tanta abbondanza di simpatia e di sapienza calcistica…

        • 6 Ottobre 2015 in 23:51
          Permalink

          Criticare Boni, significa essere indietro 50 anni. Boni è già proiettato nel futuro,il suo modo di far televisione divide i tifosi o presunti tali in tre categoria. Una categoria, la così detta categoria di grigioni lo detesta ma cosa volete sono generalmente tutti o tutte, “galline da brodo, loro l’ironia, non sanno nemmeno cos’è, sono i famigerati “grammi 4,8,” che è poi il quantitativo di cervello che hanno le galline da brodo.poi passiamo all’altra categoria, alle persone intelligenti che lo apprezzano, che hanno capito tutto o quasi tutto, non solo della sua comicità ma della vita in generale, poi ci sono i “grammi 4.800” che non solo l’apprezzano ma lo considerano un semidio. In questa categoria, già proiettato nel futuro ci sono anch’io e pochi altri. GLI ELETTI.
          Se Boni è d’accordo, si faccia pur dare dal sommo Majo la mia e-mail e potrei collaborare con lui tramite e-mail per regalargli nuove idee visto che la pensiamo allo stesso modo e uniti ,due teste, due “grammi 4.800” possono partorire qualcosa di epocale. Se è interessato io sarei felice di collaborare gratuitamente col mio maestro. Lo ringrazio nuovamente per aver citato in termini lusinghieri, a calcio & calcio il suo devoto discepolo prediletto che poi sarei io

          • 8 Ottobre 2015 in 18:11
            Permalink

            Certo. ..tutto vero. ..si sa che alle persone appartenenti alla tua categoria bisogna dare sempre ragione……

  • 6 Ottobre 2015 in 11:56
    Permalink

    Un buon programma, un solo problema però, Boni ,nn è un ignorante in fatto di calcio ma assolutamente insopportabile urla troppo e a volte fa dei ragionamenti da……lat ai snocc !!!!

  • 6 Ottobre 2015 in 12:28
    Permalink

    ma non potrebbe andare a fare il pagliaccio boni a casa sua coi suoi simili a parlare della sua reggiana che casualmente quest anno è anche in una categoria superiore? si candidi a teletricolore. chissà che audience

  • 6 Ottobre 2015 in 13:27
    Permalink

    Ognuno ha il diritto di criticare, ognuno può pensarla in modo differente, siamo in democrazia e quindi tutti possono esprimere la loro opinione sbagliata o giusta che sia. Io penso che Boni e Angella sono due innovatori. Stanno facendo scuola. Hanno attirato persone che il calcio nemmeno sanno cos’è.
    Ve l’immaginate calcio e calcio senza il duo delle meraviglie BONI e ANGELLA?
    Sarebbe UN MORTORIO e quelli che criticano volendo in trasmissione più calcio, sarebbero i primi se non ci fosse più Boni a boicottare il programma guardare a perché diciamocelo fuori dai denti. SENZA ANGELLA E BONI CALCIO E CALCIO SAREBBE DI UNA NOIOSITA’ PAZZESCA. Un’ultima cosa, ieri Boni e la sua spalla Angella sono stati STREPITOSI ed anche quello che dicono, vendita di Baraye e Cazzate varie sono dette ad arte per provocare.
    Difficile il lavoro da provocatori.
    Purtroppo sulla piazza ci sono molti “grammi 4,8” che non capiscono.
    Il provocatore E’ UNA GENERAZIONE AVANTI RISPETTO ALLE GENERAZIONI ATTUALI ecco perché a volte non viene capita.

    • 6 Ottobre 2015 in 14:01
      Permalink

      Ma infatti ieri mi sono divertito a vedere Calcio&Calcio…ed è bello cosi! Per gli altri c è sempre il programma di tv parma, se riescono a tener gli occhi aperti e non appisolarsi durante la loro,secondo me, “noiosa” e “scontata” trasmissione.

      • 6 Ottobre 2015 in 23:33
        Permalink

        Boni NUMERO 1

      • 6 Ottobre 2015 in 23:55
        Permalink

        Bravo Matteo Allegri, anche tu come il sottoscritto, il sommo Majo, Boni Angella e pochi altri sei un “grammi 4.800”

    • 6 Ottobre 2015 in 20:22
      Permalink

      Una generazione che se non ci fosse andrebbe inventata…ci mancava proprio…..

      • 7 Ottobre 2015 in 00:02
        Permalink

        Cibbi, i “grammi 4.800” sono avanti , non una ma forse di due generazioni rispetto a un tifoso grigio o a una tifosa grigia. Non è poi detto che sotto la giacca di un grammi “4.800” non si nascondono anche le ali. MAI DIRE MAI. E se fossimo extraterrestri?

        • 8 Ottobre 2015 in 18:15
          Permalink

          Woooowwww…….che onore avervi tra noi poveri comuni mortali….ben arrivato…..
          (Majo chiama qualcuno che è ora…)

  • 7 Ottobre 2015 in 13:04
    Permalink

    I “Grigi”sono extraterrestri. Lo sanno tutti. I grigi sono avanti non anni ma milioni di anni. Chi è esperto di paleocontatto lo sa. Chi non lo è parla a vanvera.

    • 7 Ottobre 2015 in 18:15
      Permalink

      PAOLA SONO D’ACCORDO CON TE, I VERI GRIGI ” GRAMMI 6.800″ di materia grigia, appunto sono detti “I GRIGI” per evidenziare la dimensione stellare del loro cervello. LORO SONO AVANTI MILIONI DI ANNI ma i grigi attuali come sei tu, sono indietro solo di duemila anni. E poi i grigi veri hanno grammi 4.800 di materia grigia.
      Scusami m’è venuto un sospetto, ti sei paragonata a loro?
      Mi sembra se non sbaglio sei “un grammi 4,8” e questo è certificato dall’USL o no ?
      Ciao Paola, ti voglio bene.

      • 7 Ottobre 2015 in 19:08
        Permalink

        Vai a czagare , ok?

    • 7 Ottobre 2015 in 13:23
      Permalink

      …e non mi interessa il risultato, meglio che ognuno se lo tenga per sè senza sparare risultati da capogiro, sarà una cosa intima che ognuno potrà condividere col proprio ego nel silenzio della propria cameretta

      • 8 Ottobre 2015 in 18:23
        Permalink

        Personalmente non mi va di buttare 3 euro x un test sviluppato x testare l intelligenza su base scientifica.
        In ogni caso l’importante è l’intelligenza che si dimostra nel proprio campo e nella vita di tutti i giorni

  • 7 Ottobre 2015 in 22:03
    Permalink

    veh Vlinos, a te rot il bali perchè per fare l’istrione occorre carisma, e tu, per quanto ti sforzi, non ne hai. Ti avviso anche che il target non è un format di trasmissione TV ma un obiettivo. Perla c’me at magn va’, stat miga slargher che at ve a cascher, tirontontela

  • 8 Ottobre 2015 in 21:45
    Permalink

    Trattasi di invito eh, non di obbligo, piccolo Boni da marciapiede

  • 8 Ottobre 2015 in 22:34
    Permalink

    Avevo detto, ma il direttore ha censurato forse con ragione, che tu, Velenoso, andassi a prenderlo nel lato B

  • 8 Ottobre 2015 in 22:39
    Permalink

    Era in dialetto ovviamente, unica lingua che parlo con una certa proprietà anche se non so scriverlo. Con l’italiano balbetto, mi scuso con gli eruditi astanti…. I miei dicevano, in presenza di un soggetto non troppo acculturato, c’lera andè a scola da Medardo. Ti risulta Tossicoso?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI