Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

50 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / Il video della 7^ puntata del talk show di Teleducato – web registrazione a cura di Alex Bocelli

  • 20 Ottobre 2015 in 04:59
    Permalink

    Che onore essere intervenuti in trasmissione! 😀

    • 20 Ottobre 2015 in 13:34
      Permalink

      pensa te che boni ti ha anche mandato dei bacini,della serie ho due palle cosi’

  • 20 Ottobre 2015 in 09:47
    Permalink

    ma quando boni la pianta di dire c…te?…ionon so che bottiglie siano volate in campo..ma quello che posso dire e che di solito in curva si vendono birra hainken in bottiglia DI PLASTICA VERDE..molto simile alla vista a quella di vetro….

    • 20 Ottobre 2015 in 10:03
      Permalink

      Al di là delle corbellerie del velenoso Saltimbanco, che secondo me divorando come fa di solito lo spazio commenti di stadiotardini.it si è fatto condizionare da cibbi, resto dell’idea che di plastica o di vetro, IL LANCIO DI BOTTIGLIETTE NON S’ERA DA FARE. Né è una esimente o di alleggerimento la plastica rispetto al vetro. E secondo me dovrebbe essere la stessa curva a ribellarsi a gesti di questo tipo isolando le mele marce. Cose che predico invano su questo sito dal 2010, prendendo su io di quello che parla male dei Boys, quando la fama gliela rovinano proprio gli autori di tali malefatte. Pertanto secondo me dovrebbero essere loro stessi i primi a tutelare il proprio buon nome isolando costoro senza proteggerli o offendersi come hanno fatto in passato quando predicavo le stesse cose…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 20 Ottobre 2015 in 10:51
        Permalink

        erano bottiglie hainken di plastica verde, leggerissime.. (se non piene).
        ma erano tutte vuote.
        🙂

        comunque, da curvaiolo, concordo che non si devo lanciare oggetti in campo, perchè si rischia e di grosso, così come scavalcare ed entrare in campo, se lo facciamo tutti ?!?
        per fortuna è tutto limitato ad alcuni individui, che vanno ammoniti dai propri amici affinchè non si ripetano questi episodi che non portano a nulla di buono. se vogliamo uno stadio moderno senza barriere dobbiamo crescere tutti ancora di più.

        Direttore.. a proposito di barriere, è prevista la rimozione dei pali che sorreggevano le reti protettive ora rimosse?

        poi una curiosità: l’anno scorso sol sole al tramonto, con buona luce, si accendevano i riflettori.. domenica con giornata uggiosa non li hanno accesi, solo quelli rettilinei della tribuna, forse qualcuno deve ricordare ai direttori di gara che abbiamo (e possiamo attivare) un impianto illuminazione di seria A?
        🙂

        Cordialmente
        Sava

        • 20 Ottobre 2015 in 11:11
          Permalink

          Accendere le luci costa e bisogna stare attenti al conto economico…

          • 20 Ottobre 2015 in 11:43
            Permalink

            Quanto costa di energia elettrica illuminare una partita in notturna al tardini?

          • 20 Ottobre 2015 in 13:21
            Permalink

            quasi il doppio che una gara normale, in soldoni.. (non ho adesso i dati precisi sottomano)

          • 20 Ottobre 2015 in 15:45
            Permalink

            Direttore,
            l’ho letta 3 volte, sono completamente d’accordo con lei, e certi episodi fanno davvero rabbrividire.

            penso però non bisogna mollare la presa e proseguire sul progetto, magari predisponendo una campagna ad hoc, per sensibilizzare (e responsabilizzare) tutti a vedere lo stadio come “la casa dei crociati”, così come fanno in inghilterra, e la propria casa la si deve tenere in ordine.

            argomento molto delicato ma di cruciale importanza per il traguardo che si vuole raggiungere, è molto importante disporre di questo suo spazio per poter affrontare l’argomento che meriterebbe un topic a sè.

          • 26 Ottobre 2015 in 13:57
            Permalink

            Ciao Gabriele, è vero che ci si crea delle antipatie, soprattutto quando si dice quello che si pensa (come faccio io, senza guardare in faccia a boys, curva, ecc), ma il problema (non di questo sito ma generalizzato) -antipatie e permalosita’ a parte- è che, chiunque abbia un’idea diversa dalla propria, diventa il nemico da combattere e da attaccare xche prevalga la propria opinione, che deve essere x forza quella giusta. E meno male che tifiamo tutti la stessa squadra!!!
            Personalmente -vedendo il modus operandi di molti- mi viene voglia di tacere, soprattutto quando si avrebbe da dire qualcosa di scomodo…tanto prevale l’interesse di combattere le persone x colpa delle loro idee, piuttosto che la volontà di ascoltare e di dialogare, come dovrebbe essere in una città dalla tifoseria civile come la nostra …E dopo ciò che ho visto dalla curva durante l ultima partita in casa, ho dei seri dubbi su molte cose…di strada ce n’è da fare tanta ma chissà se c’è la volonta…
            Ti ringrazio x la solidarietà, che ricambio, e x le informazioni che mi hai dato.
            buona giornata e buon lavoro. Cibbi

          • 26 Ottobre 2015 in 14:19
            Permalink

            Grazie a Te:

            non mi stancherò mai di ricordare che StadioTardini.it, nello spazio commenti, si propone di essere uno strumento di dialogo propositivo e costruttivo per cercare di essere tutti un po’ migliori…

            un abbraccio

            Gmajo

        • 20 Ottobre 2015 in 14:24
          Permalink

          si può fare saving energetico installando pannelli solari sopra tetto tribuna petitot..
          trovando accordo pubblicitario con azienda istallatrice..

          Direttore lei sà se i pali, di cui le scrivevo prima, verranno rimossi?

          grazie e buon lavoro.

          • 20 Ottobre 2015 in 15:26
            Permalink

            I pali ci sarebbe l’intenzione di rimuoverli. Rimane il fatto che, visto cosa accaduto domenica, non so quanto l’auspicato percorso di “biologicizzazione” in atto abbia già contagiato chi occupa quel settore. Insomma: non vorrei che anziché togliere i pali ci fosse da rimettere le reti…
            Peraltro della cosa si è parlato ieri sera durante Bar Sport a Tv Parma, laddove, il telespettatore che aveva inviato l’SMS aveva “confuso” la funzione delle reti, da lui intese quali protezioni per i tifosi dalle pallonate, anziché, appunto quali protezioni per chi è in campo dal lancio di oggetti.
            A proposito di palloni: ad inizio stagione si era verificato un antipatico episodio in Nord per cui un genitore si era stracciato le vesti poiché uno steward era intervenuto per far sì che un bambino restituisse il pallone arrivato in Curva e da lui abbrancato. Non sarebbe male se i genitori educassero i figli a capire che non ci si appropria delle cose altrui, anziché rivolgersi in modo poco urbano a chi è in servizio. Anche perché così si eviterebbe a quest’ultimo di fare la figura del bruto che strappa il pallone a un bambino… Insomma: il rispetto per gli altri è la prima cosa, e non solo il mettere sé stessi al centro del mondo accampando pretese…
            A proposito: mi hanno raccontato anche un altro poco edificante episodio accaduto in tribuna centrale, laddove un fumatore accanito, che col fumo stava intossicando i retrostanti figlioletti di un altro tifoso, pretendeva di avere ragione e pensava fosse in torto il genitore che porta i propri figli allo stadio. Penso che la “biologia” che vorremmo perseguire vada in altra direzione… Ma serve la buona volontà e il buon senso di tutti.
            Cordialmente
            Gmajo

      • 20 Ottobre 2015 in 18:04
        Permalink

        Lucarelli ha difeso la curva nord o meglio ha difeso i teppisti ” grammi 4,8″ che lanciavano botigliette e ha sbagliato anche perché aveva ragione il portierino.

      • 23 Ottobre 2015 in 00:31
        Permalink

        I miei (stranamente) hanno visto calcio&calcio e mi hanno detto “Boni dice che le bottiglie erano di vetro”…ho risposto subito che di Boni non c’è da fidarsi…
        Poi mi sono venute in mente le sue citazioni di Velenoso e ho pensato anch’io che avesse preso spunto dal dibattito che avevo innescato su stadiotardini…!
        Adesso chiamerò l’avvocato Malvisi perché mi tuteli dato che Boni non ha citato la fonte della sua ultima “notizia” 😉
        (Eravamo arrivati alla conclusione che le bottiglie erano di plastica ma ovviamente questo a Boni non interessa)

      • 23 Ottobre 2015 in 00:37
        Permalink

        A prorposito del fumatore di cui parlavi, magaimri avrà detto che era in spazio aperto e poteva fumare…cascano le braccia a sentire certe cose

      • 23 Ottobre 2015 in 01:23
        Permalink

        Erano alcuni giorni che non riuscivo a intervenire su stadiotardini x mancanza di tempo ma vedo che gli argomenti sono ancora gli stessi di domenica.
        x l’ennesima volta vedo che qualcuno (vedi commenti sotto) è riuscito a tirarmi in mezzo …stavolta la colpa è delle cazzate fatte o dette da Boni…Così si fa esattamente come fa Boni: si sposta il problema dal vergognoso lancio delle bottiglie alla sottoscritta, che è stata la PRIMA che ha avuto il coraggio di esprimersi (condannando il gesto) e che aveva il dubbio/timore che le bottiglie fossero di vetro.
        gradirei direttore che tu confermassi quanto sto dicendo xche di essere abbinata a Boni (non sto parlando di te ma di un commentatore) come disinformatrice mi fa salire non poco il sangue al cervello….avevo detto la mia e poi avevo chiesto a te il parere sul materiale delle bottiglie, quindi avevo semplicemente iniziato un dibattito sull’argomento e in ogni caso ho detto “meno male” quando si è arrivati alla.conclusione che le bottiglie erano di plastica…quindi NESSUNA DISINFORMAZIONE.
        In ogni caso La.prossima volta che la curva farà una cazzata/porcata come quella che ha fatto domenica,manderò giù in silenzio il rospo e magari mettero’ nel cassetto l’abbonamento al.Parma e attiverò quello a Sky…Il grillo parlante lo.lascio fare ad altri…e vediamo chi avrà le palle x farlo (Majo a parte)!
        buonanotte
        cibbi

        • 23 Ottobre 2015 in 11:29
          Permalink

          Gabriele, gradirei che avessi la pazienza di una risposta (come ce l’hai avuta per ribadire a tutti piu volte che è il lancio in sé e x sè da condannare) dato che sono stata nominata su un argomento che mi sta particolarmente a cuore e di essere accomunata a Boni e alla disinformazione non mi va….è una cosa su cui non transigo…

          Poi ho una domanda a cui non sono riuscita a trovare risposta sul sito del Parma: quando inizieranno gli incontri riservati agli acquirenti dell abbonamento tessera crociata? Lo chiedo perché dovevano avvenire ogni due mesi..
          Non ho fretta. ..mi chiedo solo dove potrò leggere degli incontri volta x volta dato che di email non ne ho ricevute ( x la consegna della maglia limited edition l ho letto casualmente sul sito del Parma). Grazie

          • 23 Ottobre 2015 in 16:32
            Permalink

            La colpa per cui tu sei stata accomunata a Boni è mia – e te ne chiedo scusa – per il semplice fatto che avevo postato un commento in cui asserivo che, secondo me, Boni si era lasciato condizionare da te (lui è un nostro attentissimo lettore, sia pure non attivo) circa il materiale delle bottiglie.

            Poi se altri lettori sono andati più in là con le supposte similitudini, ahimé, è un prodotto indesiderato della dialettica sul web, laddove molto fanno le antipatie che ci si crea. Però io continuo a suggerire di tener basso il livello di permalosità perché si sta meglio… Io, ad esempio, non sto raccogliendo nulla di certe farneticazioni che mi vedrebbero come un gerarca al servizio dei nazisti…

            Per quanto concerne gli incontri della “member ship” ancora non sono al corrente di una calendarizzazione degli eventi.

            Per quanto concerne la maglia limited edition abbiamo provveduto domenica scorsa, comunicando prima sia con note stampa rilancoate da sito ufficiale e social che in conferenza.

            Cordialmente

            Gmajo

    • 20 Ottobre 2015 in 16:01
      Permalink

      …Si però tirare gli oggetti in campo è vietato, fumare allo stadio no, non puoi impedire a tutti quelli che sono attorno ai tuoi figli di fumare. P.S. io sono un accanito non fumatore ma non sono integralista, forse anche gli altri hanno dei diritti se li esercitano negli spazi consentiti.

      • 20 Ottobre 2015 in 19:56
        Permalink

        Nessuno voleva impedirlo, ma esistono normali regole di educazione e buon senso, non solo l’egoismo. Ricordandoci sempre che la nostra libertà termina dove inizia quella altrui.
        Cordialmente
        Gmajo

      • 23 Ottobre 2015 in 00:42
        Permalink

        Vabbe ma gli altri hanno diritto a non respirare il fumo passivo altrui!!!! Bambini o adulti che siano…e se fumi in tribuna fai respirare il tuo fumo agli altri…se vuol fumare si alza si sposta e va in un vero spazio aperto dove non danneggia nessunk…

  • 20 Ottobre 2015 in 10:53
    Permalink

    Cordialmente
    Savo

  • 20 Ottobre 2015 in 12:04
    Permalink

    direttore..problema biglietti brescello….se ne possono acquisatre 4 domani?..nel senso che noi andiamo in 4..dovro mica fare due volte la fila?…poi e assurdo che noi soci del parma non abbiamo diritto alla prelazione!!!

  • 20 Ottobre 2015 in 13:04
    Permalink

    l’idea potrebbe essere che i soci del parma (parma partecipazioni calcistiche(hanno diritto a una piccola prelazione se non esercitata non so entro 24 ore…decade e la società vende i biglietti..non so siamo 200 soci..si tiene da parte 200 biglietti e il socio ha diritto entro 24 ore dall’inizio della prevendita ad andarli aprendere nell’ufficio soci..se non si presenta la società il giovedi li mette in libera vendita…esempio entro domani sera ho diritto ad acquistare i biglietti (per me e parenti..ma non piu di 4 o di 2)..e senon la esercito..il parma da giovedi i miei 4 li rivende…e uniziativa (proposta anche a ppc) che servirebbe 1) ad vere piu soci 2)..alzare la qualità dei tifosi in trasferta 3)ad evitare che i soci si prendono le mezze giornate di lavoro per prendere un biglietto…pensateci!

  • 20 Ottobre 2015 in 14:13
    Permalink

    Nei bar della movida, se non sbaglio, birra e bibite da asporto vengono obbligatoriamente servite in bicchiere. Allora perchè non farlo anche allo stadio anzichè servire bottiglie di acqua e birra in recipienti, seppure di plastica, che se pieni poterebbero provocare seri danni alle persone nel caso venissero colpite.

    • 20 Ottobre 2015 in 15:38
      Permalink

      le bottiglie heineken, di prodotto plastico e leggerissime, sono il packaging studiato proprio per eventi di questo tipo, anche se, a mio avviso, il prodotto (la birra) in parte, ne risente in termini di qualità.
      non penso sia la bottiglia di plastica il problema ma ritengo si debba educare la gente, sempre di più, senza mai mollare la presa..
      vietando le bottiglie di plastica, domenica potevano lanciare aste bandiere o ombrelli (anche se non appuntiti) che fanno male ugualmente..
      meglio educare (anche se la mamma dei cretini è sempre incinta) e non smettere mai di farlo, a mio avviso..

        • 23 Ottobre 2015 in 00:47
          Permalink

          C’era anche una cosa sferica che a distanza sembrava una mela…pareva una cosa pesante (anche quando è stata calciata da qualcuno x allontanarla) ed è arrivata piu lontana delle bottiglie…quella se arrivava addosso faceva male un bel po’

    • 23 Ottobre 2015 in 00:44
      Permalink

      La penso esattamente come te

  • 20 Ottobre 2015 in 15:33
    Permalink

    Ok, Direttore, il gesto è brutto per vari motivi a cominciare dal contesto della stagione e per il destinatario dei lanci, un ragazzino…ma il dettaglio del materiale non è da poco: un conto è tirare addosso a qualcuno una bottiglia di plastica, il che fa di te un gran maleducato, e un conto è tirare addosso a qualcuno una bottiglia di vetro, che invece sarebbe un gesto criminale. Quindi d’accordissimo sul principio, ma Boni dovrebbe chiedere scusa per la disinformazione di ieri (con la quale ha anche voluto mettere in discussione il sistema di sicurezza e controllo allo stadio). E altri lettori prima di pontificare magari prima verifichino almeno.

    • 20 Ottobre 2015 in 15:43
      Permalink

      Sarò de coccio (e non di plastica o di vetro…), ma ribadisco che la differenza di materiali non è sostanziale, al di del fatto che anche per via della forza di gravità, se ti becchi in testa una bottiglietta di birra piena ti intontisce lo stesso…

      Cordialmente

      Gmajo

    • 23 Ottobre 2015 in 01:02
      Permalink

      Senti bene…io ho iniziato un dibattito sulla base di una mia impressione (ero in curva nord) e a caldo dopo lo schock del gesto che avevo appena visto, ma ho anche CHIESTO a Majo di che materiale erano le bottiglie pensando che le avesse potute vedere da vicino…non ho parlato alle masse in televisione e tantomeno ho parlato con Boni che peraltro non stimo affatto e lo si vede dai tanti miei commenti….vai a leggere e informati: si era arrivati alla conclusione che erano di plastica e avevo scritto “meglio cosi”…!!!
      Se anche tu ti informi e leggi dove di dovere, eviti di mettere zizzania e fai il bene di questo sito oltre a evitare di farmi venirr il fumo alle orecchie… se adesso devo anche prendermi le colpe di Boni che finora in tanti avete incensato siamo davvero arrivati alla frutta ….. Se Boni strumentalizza un dibattito (fatto in buona fede) x fare casino in tv, rinnovo semplicemente il.mio disgusto.
      la.prossima volta lascio spazio a te linquista che sai sempre tutto e non sbagli mai…beato te…
      Ps: non è che sai x caso chi ha buttato quelle innocue bottiglie leggerissime…?

  • 20 Ottobre 2015 in 16:01
    Permalink

    Diretto c’è gente su fb che ironizza sul nostro Parma. Perché non interviene lei per zittirli. Prima che succeda qualcosa di brutto.

    • 20 Ottobre 2015 in 19:55
      Permalink

      A parte che non sono la Polizia Postale, penso che a certi fenomeni non si debba dare importanza: stracciarsi le vesti è solo fare il loro gioco. Ignorarli la loro morte. Io cerco di predicarlo anche al nostro interno, dal momento che c’è l’abitudine, per me insana, di leggere tutte ‘ste menate in contraddizione. Posto che si tratta di scarse individualità e non di maitre à penser o opinion leader, basta lasciarli nel loro brodo. E lo dico pur essendo uno dei loro bersagli preferiti, ma la loro invidia, il loro livore, mi scivola addosso. E consiglio di fare altrettanto anche agli altri. Tanto non c’è niente da imparare, né si trascurano i tifosi, dal momento che costoro certo non li sono…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 20 Ottobre 2015 in 16:11
    Permalink

    Signori miei non vorrei sbagliarmi ma ho paura che domenica viste le parole dei vari interessati, e degli ex parma il Lentigione ci farà una bella festa….. Credo che questa partita sarà determinante sia che si vinca che la si perda…. Sembrano tutti amici, ma vedrete che non vedranno l’ora di poterci affondare…… Alla faccia del cuore parmigiano…..

  • 20 Ottobre 2015 in 16:15
    Permalink

    direttore..penso sia giunto ilmomento di finirla con sta storia della bottiglia….si e sbagliato ma se uno evita di fare il fenomeno….non sarebbe successo niente…quanti portiere abbiamo visti a parma sotto la nord ? e quanti portieri che lei ricorda hanno subito l’attacco come domenica…bene…rossi ..pagliuca..e il fenomeno di domenica…parma e u npubblico civile..ma se uno fa quel gesto..un po se le cerca…ripeto si e sbagliato ma come disse il buon Gesu..chi e senza peccato scagli la prima pietra….

    • 20 Ottobre 2015 in 19:36
      Permalink

      Forse non Le è chiaro il mio messaggio: io non la sto menando per criminalizzare qualcuno, la sto menando perché, nel rispetto della civiltà che ha spesso contraddistinto il nostro pubblico e dei principi biologici della nuova società, episodi del genere non devono assolutamente accadere, indipendentemente dalla provocazione del portiere. Poi, se vogliamo approfondire il discorso, sarebbe appunto anche civile evitare di tirare a mano madri, mogli e sorelle, salvo poi fare gli offesi se uno reagisce (e questo non significa che stia dicendo che Merelli non ha sbagliato).

      Saluti
      Gmajo

    • 23 Ottobre 2015 in 11:31
      Permalink

      Chi è senza peccato scagli la prima…bottiglia ..m

  • 20 Ottobre 2015 in 16:49
    Permalink

    Per risparmiare luce avrei un’ idea.
    Ora che a fine ottobre con là fine dell’ora legale e le giornate saranno più corte e di conseguenza più buie si potrebbe fare un impianto per illuminare lo stadio con lucerne biologiche a petrolio.

  • 20 Ottobre 2015 in 16:54
    Permalink

    Ho pesato l’intelligenza di coloro che hanno buttato le bottiglie in campo e il rsultato è stato quello che temevo.Il loro cervello è light e pesa UDITE UDITE grammi 4,8

  • 20 Ottobre 2015 in 17:00
    Permalink

    Direttore, sono pienamente d’accordo con Lei, aggiungo una considerazione : potrebbe essere il caso di fare una riunione tra il presidente e gli esponenti del tifo per capire quale linea i tifosi vogliono seguire, perché ho idea che ad aspettare si ottenga poco..

    • 20 Ottobre 2015 in 19:28
      Permalink

      Penso che Nevio incontrerebbe volentieri, in modo propositivo, i componenti il tifo organizzato. A parte che ci sono già stati incontri anche con Ferrari e Carra e il dialogo continuo con lo Slo Giuseppe Squarcia e la filosofia “biologica” alla base del Nuovo Inizio penso sia stata veicolata.
      Il problema, a mio avviso, va però oltre e riguarda la relativa “rappresentatività” del tifo organizzato rispetto all’insieme del tifo, argomento che su stadiotardini.it abbiamo più volte sviscerato: in sostanza, a mio avviso, non so fino a che punto serva responsabilizzare gli organizzati se non c’è un diretto controllo sugli altri.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 20 Ottobre 2015 in 17:04
    Permalink

    Sembra che i carabinieri che stano facendo indagini abbiano raccolto la famigerata bottiglia scagliata contro il portierino Del Forli reo dì avere difeso l’onore di sua madre.
    Queta era una bottiglia molotov che fortunatamente non è esplosa

  • 20 Ottobre 2015 in 21:05
    Permalink

    Il comportamento dei tifosi è stato vergognoso, così come lo è stato il comportamento da bullo di Lucarelli. Queste sono le colpe nostre che io, per la mia formazione filosifica, analizzo per primo. Pretendere che il portierino si scusasse (poi lo ha fatto perchè la pagnotta è pur sempre la pagnotta) significa sospendere i valori umani in nome del calcio affare e dei tifosi che pagano come bambinoni cui tutto è permesso. Vorrei proprio vedere la reazione di uno qualsiasi di questi indignati tifosi se uno gli urlasse che è un figlio di…. Ma nel calcio, dirá qualcuno, tutto è sospeso in un limbo di irresponsabilità. Bannami pure ma sui valori di lealtà non transigo.

    • 20 Ottobre 2015 in 21:17
      Permalink

      E perché dovrei bannarti. Sono gli stessi valori che promulgo…

    • 21 Ottobre 2015 in 13:39
      Permalink

      Ma dai Pencroff, nel calcio è sempre stato così.

      Facevo l’arbirtro in terza categoria e ad ogni fischio che facevo in sfavore della squadra di casa (fosse stata anche una rimessa laterale) mi beccavo del figlio di p…

      Se il portiere in questione ha un animo così delicato gli consiglio di darsi alla danza classica piuttosto che al rettangolo verde.

  • 21 Ottobre 2015 in 20:33
    Permalink

    Ci sono, tra le tante altre, due frasi fatte che contrastano totalmente col mio approccio alla vita ed al lavoro:
    1) perchè cambiare, sono vent’anni che facciamo così ed è sempre andata bene;
    2) è sempre stato così, che ci vuoi fare
    Sono le frasi della passività, dell’inerzia, della rinuncia.
    Ciao ragas

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI