CAMPEDELLI: “SIAMO STATI BRAVI NELLA RIPRESA A PRENDERE IL POSSESSO DEL CAMPO. IN CAMPIONATO PRENDEMMO CINQUE GOL CON UN BARAYE SUPERSTAR CHE COME CALCIAVA LA METTEVA NEL 7”

correggese-parma-commento-campedelli.jpgCORREGGIO – nostro servizio – (Andrea Belletti) – E’ un Campedelli raggiante quello che si presenta in sala stampa dopo la gagliarda prestazione dei suoi in Coppa Italia, valsa il passaggio al secondo turno ai danni del Parma eliminato sia pure solo dopo i calci di rigore (3-2, 0-0 al fischio finale): “Abbiamo disputato una partita intensa e ce la siamo giocata con attenzione. Alla fine è arrivata una vittoria che è una vera iniezione di fiducia. Oggi siamo stati per alcuni tratti padroni del campo, mettendo in mostra organizzazione di gioco e voglia di vincere. Abbiamo creato tante occasioni da gol, purtroppo non siamo ancora cinici e abbiamo dovuto aspettare i calci di rigore prima di chiudere una gara che avremmo dovuto mettere in cassaforte prima. Comunque sono sicuro che riusciremo a migliorare anche su quest’aspetto. Ripartiamo dalla prestazione di  oggi, che deve essere per noi la base di partenza su cui lavorare. Specie la ripresa, durante la quale siano stati bravi a prendere il possesso del campo. Il 5-1 di Campionato? Beh, allora trovammo un super Baraye che ogni volta che toccava il pallone lo metteva nel 7…”. 

Guarda il video

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

12 pensieri riguardo “CAMPEDELLI: “SIAMO STATI BRAVI NELLA RIPRESA A PRENDERE IL POSSESSO DEL CAMPO. IN CAMPIONATO PRENDEMMO CINQUE GOL CON UN BARAYE SUPERSTAR CHE COME CALCIAVA LA METTEVA NEL 7”

  • 29 Ottobre 2015 in 17:52
    Permalink

    Complimenti alla Correggese, ma noi abbiamo chiaramente altri obiettivi.

  • 29 Ottobre 2015 in 18:26
    Permalink

    Non abbiamo due o tre squadre come dice Boni ma UNA SOLA. I nuovi che hanno giocato oggi non dono degni. Ho paura che APOLLONIO non avendo più la coppa italia,li faccia giocare in campionato precludendo cosi la vincita del girone.

  • 29 Ottobre 2015 in 18:45
    Permalink

    Anche la Coppa era un obiettivo dichiarato dalla società. Forse far giocare atleti praticamente alla prima uscita tutti insieme non è stata una buona idea. Forza Parma andiamo andiamo. Mi sono piaciute le dichiarazioni di Guazzo!

  • 30 Ottobre 2015 in 10:13
    Permalink

    L anello debole del parma rimane l allenatore……..gestisce malissimo il gruppo se voleva giocare con una punta non doveva accettare guazzo come si puo pensare che uno che e da anni che va in doppia ciffra in lega pro scenda in serie d per fare la panchina……stesso discorso musetti…….se non mette le due punte sara difficile vincere il campionato ormai tutti hanno preso le misure allenatori come gadda e campedelli sono molto meglio del gigi se non si da una mossa……alla prima difficolta il gruppo si spacca oggi doveva mrttere 4-5 titolari e portare a casa la qualificazione a messo allo sbando le riserve per poter dire avevo ragione a non farle giocare non si gestisce cosi il gruppo se il lega pro non cambiano allenatore con il cavolo andiamo su l appolloni se mangiano gli altri allenatori in lega pro

    • 30 Ottobre 2015 in 13:05
      Permalink

      Mi risulta, e penso di esser bene informato sui fatti, che sia stato l’allenatore in prima persona a volere Guazzo e non a subirlo.

      Il gruppo non è affatto spaccato: questo è quanto alimentano i soliti che fagocitano i luoghi comuni.

      Saluti

      Gmajo

      • 30 Ottobre 2015 in 21:41
        Permalink

        Caro majo allora se no l ha subito ma lo ha voluto lui guazzo lo faccia giocare !!!!!!! Scusi majo ma ammesso e premesso che esprimo le mie idee e non fagocito un bel nulla,ne a maggior ragione alcun luogo comune (poi se altri la pensano uguale vuol dire che non e’ una brutta idea) la sua risposta dimostra la mediocrita’ dell allenatore. Se voleva giocare con solo una punta con longobardi e musetti era gia’ a posto cosa gli serviva guazzo ha fatto spendere solo soldi d ingaggio alla societa’.
        A parte le battute APOLLONI ha la pacatezza di Donadoni che tanto criticavamo perché non caricava la squadra ma al tempo stesso non ha le capacita’ di Donadoni che almeno invento ‘ 2 registri da due ale .Apolloni non capisce che i sign Lucarelli cacioli miglietta corapi giorgino lomgobardi e guazzo debbono sempre giocare e tocca a lui farli convivere a maggior ragione se ha avvallato lui come dice lei gli acquisti.
        cosa pensa che miglietta e corapi accettino la staffetta ? ma scherziamo !!! Galassi dice che Corapi e’ stato il miglior centrocampista della lega pro l anno scorso e viene a fare la riserva in serie d ? scusi Mglietta ha ottenuto la promozione con il novara dopo la serie b a terni e viene a parma in d ad accettare la panchina ? oppure guazzo controlli e’ 7-8 anni che va in doppia ciffra in lega pro (consideri l anno intero perché spesso va via in gennaio come fara’ quest anno ) e viene a fare la riserva in serie D ? D TOCCA AD APOLLONI FARLI CONVIVERE ………..come tocca a apolloni fare i cambi giusto durante le partire !!! come tocca ad apolloni insegnare vari moduli alla squadra e come ormai fano tutti gli allenatori cambiare modulo durante la partita !!!! invece i suoi cambi sono sempre piatti guazzo per longobardi ….miglietta per corapi …baraye per lauria eccc mai un cambio tattico !!!! ormai le squadre hanno preso le misure ecco che allora se non c e il lampo del singolo la squadra stenta la sua fortuna e’ che ha una rosa tanto al di sopra degli avversari che anche giocando male alla fine una giocata risolve come successo con la ribelle o arzignano e come non e’ riuscito con il forli e mezzolara ….Poi capisco lei deve fare il suo mestiere per la D passi apolloni ma rimango la mia idea che in lega pro con apolloni ce la scordiamo la serie B .
        Ha fallito a gubbio dove e’ retrocesso, a grosseto esonerato a gorica esonerato reggio emilia esonerato solo a modena a fatto un anno buono ….la dice lunga il curriculum e anche moralmente non e’ impecccabile tralasciano la storia con il Lentigione ma di allenatori in seconda nello staff di un allenatore che esonerato il capo ne prenda il suo posto ne ho sentiti pochi infatti e lei neghera’ chieda a ZORATTO cosa ne pensa di Apolloni poi ci metta anche Amadei e vedra’ che non e’ impeccabile.
        Detto questo attenzione all altovicentino quelli sono organizzati giocano bene fin che si vince come dice lei il gruppo e’ unito ma se si inizia a scricchiolare volglio vedere come li tiene apolloni 28 giocatori …..non e’ in grado di gestirne 15 figuriamo 28 !!! Comunque immagino che verranno mandati via almeno una decina ma almeno i 7 che le ho citato impari a gestirli MAJO lei e’ quello che ne capisce piu’ di calcio nel parma 1913 mi affido a lei perché guidi la societa’ al porto della serie c o lega pro ….perche’ con apolloni allenatore , scala che si vede di rado , il direttore sportivo che sentivo a torino a commentare la juve anziché essere a Lentigione se non ci fosse lei a tenere su la baracca ……confido in lei

        • 30 Ottobre 2015 in 23:26
          Permalink

          La ringrazio per la stima, ma ci sono altri in grado più di me di tener su la baracca che meritano maggiore fiducia. Tra cui l’allenatore che va giudicato per quel che sta facendo e non per gli esoneri passati. Non mi pare affatto che ci siano problemi di gestione del gruppo de i risultati sono dalla sua

          • 31 Ottobre 2015 in 01:20
            Permalink

            majo comprendo la sua risposta istituzionale e non voglio metterla in imbarazzo ….ma io l allenatore non lo giudico per i 4 esoneri consecutivi e che dalla serie b anche non venedo a parma quest anno avrebbe allenato in serie D per cui lui stesso comprende che il livello ormai sia questo , ma lo giudico se lei legge bene proprio per quello che sta faciendo ovvero un solo modulo tattico ormai anche nelle giovanili impostano piu’ moduli !!! neppure con il forli in 10 ha cambiato subito modulo !!! queste sono lacune .IO ho visto il forli giocare bene , i risultati gli danno ragione e daje con un organico da serie C ci mancherebbe altro che non avesse i risultati ( a parte che l altovicentino e’ a 1 punto potenziale ) E pero’ non mi dica che la squadra gioca bene ed e’ organizzata a arzigano abbiamo giocato male ( rigore inesistnete goal annulato eccc a parte ) con la ribelle 1 solo tiro e un goal bene….con Villafranca abbiamo penato e di rigore abbiamo vinto ……gioco zero , con forli ci hanno dato lezione di calcio con mezzolra abbiamo steccato in pieno bhe allora con Lentigione abbiamo sofferto 30 minuti poi grazie ad episodi cito espulsione e goal asseganto che molti arbitri di sere a avrebbero annulato ….e’ cambiata la partita ma mica avremo giocato bene ……allora 6 PARTITE SU 9 GIOCATO MALE poi i risultati con quel organico ci mancherebbe !!! eliminati dalla coppa ….Chiedo solo che organizzi meglio la squadra e gli dia piu’ sistemi di gioco come fanno ormai tutti gli allenatori e gestisca meglio i 4 buoni che ha li faccia convivere mi sembrano cose lampanti poi ognuno rimane della sua idea ripeto anche con apolloni saremo promossi ma a fatica all ultima giornata con un altro a marzo si potrebbe gia’ programmare la lega pro e non e’ poca la differenza ….saluti majo e speriamo che minotti ogni tanto vada a girare anche sui campi di lega pro se vuole fare il direttore sportivo i giocatori non si comperano in cassetta o gurdando e commnetando la juve se no e’ meglio che lo faccia Lucarelli almeno lui i giocatori li vede sul campo juve

          • 31 Ottobre 2015 in 02:17
            Permalink

            Le risposte che io fornisco ai lettori di stadiotardini.it non sono istituzionali. E comunque se lei ritiene istituzionali le mie risposte perché mi pone delle domande?
            Comunque i criteri di qualità del gioco sono soggettivi e non oggettivi. Non mi sono mai posto, neppure in serie A, problemi circa la qualità del gioco espresso dal Parma (si figuri che quando tutti da queste parti presero la sbornia collettiva per il presunto calcio propositivo io ero l’unico eretico, anche perché quel tipo di calcio non mi soddisfaceva un cavolo) quanto dei risultati, unica cosa che conta specie in D… Ho sentito, durante la mia lunga carriera dei tifosi delirare sulla bontà o meno di certi calciatori sicché evito di perdermi dietro a inutili chiacchiere, ricordando sempre che di gustibus non disputandum est.
            Io credo che i risultati raccolti con la maggiore fatica siano i più apprezzabili e i più utili e lascerei perdere la presunzione di dover vincere tutte le partite perché siamo il Parma.
            E comunque eviterei di dire panzane sui cambi di modulo…
            Quanto a Minotti non penso possa muovergl i addebiti se, pur andando a sky, assieme a galassi, egli ha costruito quello che lei stesso ritiene uno squadrone…
            Saluti
            Gmajo

  • 31 Ottobre 2015 in 14:44
    Permalink

    Si scusi majo non voglio tediarla ma sono d accordo sulla prima parte della sua risposta ma abbia pazienza i moduli non sono PANZANATE contano soprattutto se si riesce a proporre delle alternative anche durante la partita con cambi incisivi …..guidolin ne era un maestro ma anche sarri tanto per dire ha corretto la sua rotta ed e’ passato dal 4 4 2 al 4 3 3 ha avuto l intelligenza di capire il modulo migliore per i giocatori che ha a disposizione ,quello che chiedo ad apolloni senza fare staffette innutili tra i migliori giocatori che ha a disposizione , il buon manico conta eccome guidolin ne e’ stato un esempio a parma secondo lei con cagni andavo in B’? lei c era sapra’ darsi una risposta .
    Per Minotti bravissimo ragazzo per carita’ il curriulum parla da anni ci prova ma non ha sfondato ha combinato poco a cesena e’ molto criticato , ormai lo aveva capito anche lui e cambiava direzione (che non ha voluto abbandonare)quindi i miei dubbi li aveva anche lui.stesso
    Le chiedo quanti dalla serie A alla D hanno un direttore sportivo che ha un altro lavoro che lo toglie proprio la domenica ? nessuno le rispondo io ,possono lavorare quelli di serie d xche dilettanti ma la domenica sono sui campi di calcio a vedere la propia squadra o i calciatori per futuri acquisti quindi o sono scemi gli altri o noi . Bastava e avvanzava Galassi o un altro bravo di categoria!!! perché dare 2 stipendi !!! . Poi mi dice ha fatto uno squadrone si certo con 10 volte il budjet degli avversari sarei capace anch io e senza l aiuto di galassi e osservatori vari ………..
    Peraltro fatta male molte ali e poche punte complementari e in difesa se prende il raffreddore cacioli e Lucarelli siamo messi malissimo ….. e se ne potrebbe dire tante altre
    Poi se hai padroni i biologici gli sta bene tutto (pagare 2 direttori sportivi più osservatori ecc )va bene anche a me basta che poi spendendo in d il quadruplo degli altri poi non si stanchimo …..
    e in ogni caso in lega pro minotti non puo’ continuare a fare il doppio lavoro e’ il buon senso che lo dice
    e ribadisco per il momento il migliore nel proprio ruolo del parma 1913 e’ lei e forse galassi ( tralasciamo il presidente contadino o carra il direttore generale imprestato o forse spedito dalla errea ….o apolloni di cui abbiamo gia’ parlato che poi non conosce la categoria e none un vincente oppure di minotti il direttore dell area tecnica part time …….)
    saluti

    • 31 Ottobre 2015 in 20:57
      Permalink

      La ringrazio, ma credo che il suo giudizio su apolloni sia esageratamente negativo (peraltro non ho mai detto che o moduli siano una panzana, quanto asserire che gigi non li insegni o non li cambi), così come per Minotti anche se capisco che sentire il proprio direttore commentare la juve possa far venire l’orticaria a un tifoso. Cmq era già stato pattuito all’inizio e ora è inutile menarla: se si voleva il remake degli anni 90 c’era da accettare compromessi per far quadrare tutte le esigenze. Cmq non è che non si venga promossi se minotti fa l’opinionista…

  • 31 Ottobre 2015 in 23:57
    Permalink

    ok concordo non e’ che non si venga promossi se minotti commenta a sky la domenica poi ricordandoci dell ammiraglio forse e’ meglio cosi’……a parte le battute per la serie D grossi problemi non ci sono ma in lega pro cambia parecchio per cui arrivati li certe leggerezze per fare il remake anni 90 non sono piu’ ammesse ……..il remake lasciamo e terminiamolo con la serie d (scala compreso oppure lo si stipendia e allora lui sa lavorare ed e’ un sergente che puo’ venire buono ). ci vorra’ un allenatore vincente che conosca la categoria mi spiace per apolloni ,mentre minotti l ha testa l ha per cui se sceglera’ di fare nuovament il responsabile area tecnica i numeri li ha basta che lo faccia a tempo pieno in lega pro la parola stessa lo dice si passa dai dilettanti ai professionisti non e’ piu’ la serie c che era semiprofessionismo ……ecco magari confermiamo majo e non allunghiamo il remake a MELLI quello lasciamolo a fare il commentatore che dopo un esordio da paura debbo dire inizia a farlo anche benino.
    la saluto e la ringrazio

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI