CARMINA PARMA / BUM BUM BUM BARAYE! E SE YVES SEGNA COME ARISTOTELES NON C’E’ TRIPPA PER GATTI…

Luca Savarese, foto di Enrico Calzati (Getty Images) – Il Parma è quella magia che davvero non importa la categoria, il Parma è quello stupore che inizia a batterti dentro alla domenica mattina, il Parma è una chiamata del fido Ale Patruno che mi fa sapere di essere libero per il pomeriggio, il Parma è un invito a casa a godersela tutta d’un fiato. Il Parma è un canto che non ha voglia di finire. Cinque volte, come cinque è il numero della sesta giornata crociata, che ha visto i ragazzi di Apolloni travolgere quelli di Campedelli. Non sembra aver funzionato il cambio tecnico avvenuto sulla panchina della Correggese, sembra invece funzionare eccome lo spartito del maestro d’orchestra Apolloni Luigi, che in una settimana, cancella il mezzo passo falso in quel di Mezzolara, prima con la vittoria _MG_0612incoraggiante in Coppa Italia ai danni della Ribelle e poi con il successo altisonante ottenuto nel cuore di un Ennio solatio e tifosissimo, che crocifigge la Correggese e lancia i ducali a padroni del campionato. Bravo Gigi, sente le prime pioggerelle e lui che fa? Si mette il k-way, sia fisicamente indossato nella gara contro i correggesi, sia a livello di gestione delle risorse e delle energie dopo il pari, tra mille mugugni, rimediato a Budrio. Spalle grosse per l’ex difensore ed impermeabile largo, quello che ci vuole per dirigere questo Parma, strano, inedito, _MG_0030ma già bello, già, di fretta, in cima alla classifica. Si registra così la seconda manita del torneo dopo quella rifilata ai borghigiani della Fortis Juventus lo scorso 16 settembre, nel primo infrasettimanale. La prima davanti al pubblico amico. Gigi ha un pacchetto di musicisti più che abili, alcuni da concerti in teatri maggiori e, di volta in volta, sceglie bene a chi dare i compiti da solista. Questa volta è toccato a Yves Baraye, from Senegal, dalle leve lunghe e decise, nato in una terra dove mentre in Europa si pensa, lì si corre. In un pomeriggio, nel esultanza_4°goal_0811pomeriggio di San Francesco, Yves diventa il sancta sanctorum del Tardini e lo fa esplodere di una gioia vivace, sana, liberatoria. Io e Patruno ad ogni suo squillo saltiamo come pazzi dal divano. Come si fa a tastare se uno tifa Parma? C’è forse un test da superare? No, ma se si salta dal divano, se ci si innalza sui seggiolini dello stadio anche dinanzi e dentro le emozioni della serie D, bè è amore. Non ce n’è. Fieri, io ed ale, come gli infiniti altri parmensi della legione straniera, di esserci, di essere ancora, pronti a farci riempire di e dal Parma. esultanza_4°goal_0788Oggi a riempirci ci ha pensato Yves, in una giornata in cui bastava che la palla girasse dalla sua zona e sarebbe stato capace di trasformarla in oro puro. Baraye da solo si è sbarayezzato, pardon sbarazzato dell’intera compagine reggiana con una tecnica da lidi superiori figlia di una sicurezza disarmante con la palla al piede. Se uno è il continuo termine di paragone con mostri sacri che si sono espressi al Tardini, bè è davvero forte. Però Baraye, non è né Asprilla, né nessun altro, è semplicemente Yves, cioè sé stesso, un ragazzo con il calore e le esultanza_4°goal_0798corse del Senegal dentro, baciato dal dio pallone, divinità che non è che sia molto generosa con tutti in fatto di questo tipo di baci. Yves Saint Lauren è stato uno stilista francese, autore di molti profumi. Yves Baraye ha profumato il Tardini di quel profumo buonissimo della tripletta. Per certi tratti sembrava di vedere Aristoteles, il leggendario bomber brasiliano che a suon di gol faceva sognare la Longobarda di Oronzo Canà, nel film l’Allenatore nel pallone. Si, ma quella è finzione, Yves saint Baraye è dolcissima realtà. Bum Bum Bum Baraye! Luca Savarese, foto di Enrico Calzati (Getty Images)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

47 pensieri riguardo “CARMINA PARMA / BUM BUM BUM BARAYE! E SE YVES SEGNA COME ARISTOTELES NON C’E’ TRIPPA PER GATTI…

  • 5 Ottobre 2015 in 07:41
    Permalink

    Siamo passati da mezze pippe contro il Mezzolara al Barcelona della D contro la Correggese. Un po’ più di equilibrio non guasterebbe. Non mi riferisco ovviamente a questo articolo.

  • 5 Ottobre 2015 in 09:02
    Permalink

    Caro Luca a volte la linea di demarcazione tra inferno e paradiso è talmente labile che spesso senza che ce ne accorgiamo s la oltrepassaiamo facilmente

  • 5 Ottobre 2015 in 09:06
    Permalink

    CARPE DIEM.Bisogna afferrare l’attimo fuggente.PERA al PORTO TOLLE per la scelta fatta gli staranno ancora fumando le orecchie.

    • 5 Ottobre 2015 in 12:14
      Permalink

      Ieri di pere ne hanno prese due oltre a quella che hanno in attacco. 😀

  • 5 Ottobre 2015 in 10:42
    Permalink

    il Calcio è strano…la Corregese mi è sembrata la squadra più forte fra quelle che ho visto giocare contro il Parma…eppure è ultima e gliene abbiamo dati 5…
    L’unica cosa certa è che con la squadra attuale molto probabilmnete ci salveremo anche in serie B…
    Quindi speriamo arrivi alla svelta maggio xchè siamo troppo spropositati per la categoria sia come tifo che come squadra…e come dice Boni con la serie D non ci azzecchiamo per niente!!!

  • 5 Ottobre 2015 in 10:43
    Permalink

    il campionato e’ ancora lungo e non sempre dilagheremo e vinceremo facile..la correggese si e dimostrata sopratutto d’avanti un ottima squadra..e dietro abbiamo sofferto sopratutto a sx..e centralmente e’ vero che abbiamo dell’esperienza ma siamo lenti..(ma va bene cosi) in avanti facciamo paura..il problema é la gestione delle trasferte con campi piccoli come Mezzolara dove non puoi cercare di giocare bene ma devi giocare sulle seconde palle..troveremo parecchi campi come Mezzolara…ora abbiamo due settimane di passione..che se per caso dovessero andare bene…potrebbero sancire la prima vera fuga…clodiense (facile)..ribelle (cosi e cosi) poi forli e lentigione…

    • 5 Ottobre 2015 in 12:16
      Permalink

      Vallo a dire al Forlì che la Clodiense è facile!

      • 5 Ottobre 2015 in 15:23
        Permalink

        2 punti in 6 partite…di quelle 4 partite menzionate..mi sembra la piu facile…il forli ha problemi ..molte parite in poco tempo dopo essere stato fermo per quasi 1 mese…

        • 5 Ottobre 2015 in 16:42
          Permalink

          La Clodiense ha gli stessi punti del Villafranca col quale abbiamo vinto con molta fatica.
          Ogni partita va vinta sul campo ed i punti in classifica sono solo dati statistici.

  • 5 Ottobre 2015 in 10:56
    Permalink

    Grosso intenditore di calcio Boni che ha detto che al Parma non serviva Yves Baraye che non segna mai molto meglio tal Gambino ( boh…uno che probabilmente gli ha pagato un pranzo per sponsorizzarlo)…

    • 5 Ottobre 2015 in 13:52
      Permalink

      Se Boni ha detto che tal Gambino è più bravo di BARAYE era in un momento di “basa” e allora con quell’affermazione da alcolizzato, lo mando…..A MORIR AMMAZZATO.
      Fa anche rima.

  • 5 Ottobre 2015 in 11:52
    Permalink

    Come accade sempre per tutte le squadre in tutti i campionati prima o poi ci saranno momenti di difficoltà intanto cominciamo a mettere fieno in cascina perchè quello che conto è essere primi a maggio.

    • 5 Ottobre 2015 in 13:54
      Permalink

      Dobbiamo far scoppiare dal fieno la casina e poi si vedrà….

  • 5 Ottobre 2015 in 12:18
    Permalink

    vi spiego se a gennaio (o prima) il ns gap sarà “elevato” molte squadre che hanno speso ..probabilmente smembreranno e cederanno i pezzi pregiati altrove…magari in società che sono leggermente dietro alle prime…questo avviene sempre perche il regolamento dei dilettanti e diverso dai professionisti…basta svincolari e uno va via….se cio’ (spero) avverrà…la seconda parte della stagione sarà una piacevole passeggiata..ma da qua a gennaio sarà dura..per questo come dicevo prima le prox 4 parite potrebbero essere decisive….spero che ne usciamo indenni

  • 5 Ottobre 2015 in 12:44
    Permalink

    si entro fine ottobre un primo bilancio si può tracciare.
    molto importante la sfida con il Lentigione che mi pare avere un rullino di marcia costante senza grandi acuti ma quindi pericoloso.
    che campo hanno? qualcuno lo sa?
    piccolo , brutto o consono alle caratteristiche del Parma. perché li sarà un tassello fondamentale per già sganciarsi o rimanere in gruppo fino a Natale. qualcuno c è stato?

    • 5 Ottobre 2015 in 16:50
      Permalink

      Non è detto che si giochi a Lentigione, così come non è detto che si giochi sul campo della Ribelle (a proposito: pare che i ravennati, per il turno infrasettimanale, abbiano intenzione di giocare in notturna)…

  • 5 Ottobre 2015 in 12:54
    Permalink

    Ciao Direttore, per la trasferta a Chioggia ci sono info per i biglietti? Grazie

    • 5 Ottobre 2015 in 16:44
      Permalink

      Per l’ufficialità serve un attimo di pazienza ancora: per quanto riguarda il quantitativo credo che saremo attorno al “solito” cinquencentello (poco meno), come prezzo anche lì siamo sostanzialmente come al solito, ma poi lo diremo con precisione attraverso i dispacci ufficiali…

  • 5 Ottobre 2015 in 14:10
    Permalink

    Boni e Angella mi sono simpaticissimi. Sono due buffoni allo stato puro. E’ forse in ambito sportivo e in ambito nazionale è la coppia più importante e più divertente. Angella gli fa da spalla, cerca di controbattere quello che Boni dice ma sono d’accordo anche quando Boni lo offende. Prima della trasmissione preparano gli sketch con insulti pacati che si devono scambiare entrambi durante la trasmissione e poi fanno teatro. Due grandi , due buffoni del piccolo schermo. DUE GENI.

    • 5 Ottobre 2015 in 17:29
      Permalink

      Non so quanto Boni goda a sentirsi dare del buffone: quelle rare volte in cui mi sono permesso io di farlo si inalberava non poco, e io, sapendolo, glielo dicevo quando se lo meritava… Era una sorta di punto debole di un grandissimo incassatore, anche se nelle ultime stagioni mi è parso un po’ meno impermeabile.
      Men che meno credo che goda la definizione Angella, che è un serio professionista, sicché sentendosi dare del buffone allo stato puro potrebbe mettere in moto l’avvocato Malvisi per una querela. E io, come direttore, mi dissocio da quel contenuto.
      Diciamo che, come spesso le accade, caro velenoso, lei esprime male dei concetti qualche volta plausibili. Che quello di Angella sia uno show – il regista è lui – nessuno lo mette in dubbio, tant’è che io spesso gli ho dato del Mangiafuoco per il suo teatrino. Che Angella faccia da spalla a Boni è anche questo vero, come probabilmente è vero che si mettono d’accordo, ma di qui a dargli dei buffoni ce ne passa…
      Saluti
      Gmajo

      • 5 Ottobre 2015 in 17:56
        Permalink

        Magari, intervenisse l’avvocato Malvisi, così potremmo nuovamente godere degli interventi mai banali dell’incommensuarabile ed imprescindibile Anna Fanerani!!

        • 5 Ottobre 2015 in 18:16
          Permalink

          Egregio Signor Chicco,
          mi consenta di esprimerLe tutta la mia più sincera ammirazione e stima.
          A parte che lei ha uno stile originale ed entusiasmante, mai noioso e, nel leggerla, ci si diverte imparando, mi ha proprio colpito per l’attenzione alla mia persona e soprattutto a quella altissima del sommo avvocato grfpt prof Malvisi. Sa, in un marasma mediatico fatto di innumerevoli proposte on line, è facile dire sempre le stesse cose trite e ritrite, usare le stesse espressioni dette e ridette, ed anche le testate più seguite, a ben guardare, sono quello dove il lavoro di approfondimento lascia spesso il tempo che trova, a vantaggio di un cumulo di informazioni trangugiate e mal presentate. Lei va invece con coraggio in un’altra direzione, e questo sentiero alternativo cattura, anche per la delicatezza, con il quale viene tracciato.
          ossequi
          Anna

      • 5 Ottobre 2015 in 19:28
        Permalink

        Ma buffone è inteso come simpaticone, forse mi sono espresso male ma il succo è che entrambi mi sembrano persone di levatura superiore alla media. Volevo dire saltimbanco ma quella era una parola già usata da lei e quindi ho preso buffone ma in senso buono. NON HO MAI OFFESO NESSUNO. Anch’io sul forum mi considero un buffone, UNO SCHOWMAN. Ecco, forse più che buffoni o saltimbanchi, sia Boni e sia Angella sono degli SCHOWMAN. Boni mi piace troppo e BONI è STRATOSFEREICO. Certo che cara la mia gente vi offendete per poco, l’altro giorno per aver detto “ma va a morir ammazzato…” momenti scoppiava il forum. Un pò d’ironia caperi…

        • 5 Ottobre 2015 in 21:34
          Permalink

          Emozionato per il grande rientro della sig.ra Fanerani?

          • 5 Ottobre 2015 in 21:35
            Permalink

            Si, perché non dice mai cose banali o trite e ritrite e mal trangugiate…

  • 5 Ottobre 2015 in 15:03
    Permalink

    Direttore per il 12 Ottobre sapremo solo delle coppe o possiamo aspettarci novità riguardo anche al marchio?grazie mille

      • 6 Ottobre 2015 in 18:13
        Permalink

        potremo dirci più che soddisfatti già con le coppe al momento…

  • 5 Ottobre 2015 in 15:03
    Permalink

    Io non ho tutte le intuizioni e le certezze di Boni e/o degli altri lettori..

    so solo che Baraye, dal 2011 ( prima di arrivare in Padania ) ha segnato 13 gol …
    2 su 19 presenze in serie B …..nel 2013/14
    11 su 98 presenze in serie C …Lumezzane e Torres…
    ..il giocatore ha potenzialità notevoli ( coi piedi ) …
    mercoledì in coppa non ha fatto un mezzo tiro nello specchio ….
    ieri 4 tiri….tre perle di gol, uno + bello dell’altro ed un palo…giornata speciale…
    ..io non so cosa possa fare lui e con quale continuità…
    ricordo nel 2007 un Balotelli 17 enne…esordire in serie A…giocare in coppa…fare gol….ecc ecc …. ma la testa non è come i piedi…
    e la continuità…???visto che ha peggiorato invece di migliorare…
    come la mettiamo ….???
    il ns..ha già 23 anni e si trova…ancora in quarta serie….
    spero x lui che non sia un caso analogo…
    ma si deve sbrigare …altrimenti se continua a perdere treni buoni…
    in alto non c’arriva …..dipende da lui….testa e allenamento…
    meglio un tiro di + e un dribbling di meno..
    come ieri….

    • 5 Ottobre 2015 in 23:30
      Permalink

      Commento giusto giusto x alzare il morale del giocatore in questione. ..mah….

  • 5 Ottobre 2015 in 15:13
    Permalink

    Neanche a me ieri la Correggese è sembrata una squadraccia, fino al 3 a 1 è stata partita vera…strano occupi quella posizione in classifica; oltretutto se non ricordo male a inizio stagione era stata indicata come una di quelle squadre che avrebbero potuto occupare le posizioni di vertice ed infastidire il Parma. Guardando poi la classifica e confrontandola con quella di altri gironi (ad es. quello del Venezia) noto una “pericolosa” peculiarità: la presenza di un gruppetto di tre squadre, alle quali si dovrebbe aggiungere il Forlì che sta scavando un solco sulle altre… noto insomma che ci sono due tre squadrette che di farsi “ammazzare” dal Parma proprio non ne vogliono sapere, perciò, ribadisco, al di là dei successi negli scontri diretti la differenza alla fine la potranno fare i punti non persi con le piccole.
    Mi appoggio infine alla piccola polemica che leggo oggi su Parmafanzine e do loro ragione: la quantità, la qualità e il volume della musica al Tardini è ormai diventata insopportabile… in certi momenti quali la pausa tra i due tempi la gente avrà anche il diritto di fare due chiacchiere senza farsi rimbecillire da quel discotecaro che sta in consolle: Enrique Iglesias e boiate varie se le ascolti a tutto volume a casa sua…

    • 5 Ottobre 2015 in 16:51
      Permalink

      Magari si potrebbe chiedere a Fabris, noto dee jay, di predisporre la scaletta o di mettersi lui in consolle…

      • 5 Ottobre 2015 in 17:10
        Permalink

        fabris almeno avrebbe sicuramente un po’ più di cognizione…ma basterebbe capire che non siamo mica al cohiba…

        • 5 Ottobre 2015 in 17:34
          Permalink

          Adesso vedremo di parlare un po’ col dee jay per chiedergli un po’ di rispetto della sacralità di qualche momento: per esempio la parte finale quando i calciatori vanno sotto la curva, in effetti, sarebbe bene che non ci fosse la musica di disturbo, lasciando all’emozione del momento un audio adeguato. C’è da dire, tuttavia, che anche in stadi di serie A, sovente, la musica assordante alla fine rompeva parecchio l’anima (quando ero “attivo” su stadiotardini.it ero solito effettuare interviste ai colleghi di radio Rai o altri, e tante volte erano disturbate dai decibel della musica sparata dagli altoparlanti…
          Cordialmente
          Gmajo

          • 5 Ottobre 2015 in 17:46
            Permalink

            sì sì certo, è un problema diffuso…però al timone del Parma adesso c’è una dirigenza che vorrebbe distinguersi e quindi starà sicuramente attenta a queste piccole cose nel rispetto delle famiglie e di gente come me che il sabato sera di solito si sbronza e la domenica quindi ha spesso un filo di mal di testa da squasso…grazie, saluti

  • 5 Ottobre 2015 in 16:44
    Permalink

    L’aspetto più positivo che si può trarre anche dalla gara di ieri è che il Parma è in crescita continua di partita in partita. 😀

  • 5 Ottobre 2015 in 17:22
    Permalink

    Il duo comico del momento sono BONI ANGELLA , meglio senza ombra di dubbio dei duo famosi Coki e Renato, Franz e Ale, Rik e Gian.
    Studiano durante le settimana lo spettacolo da farsi, gli insulti che si debbono scambiare e poi lunedì sera debuttano sul piccolo schermo a calcio e calcio, come se fossero a teatro. Grandi showman

      • 5 Ottobre 2015 in 17:59
        Permalink

        Per la prima volta quoto Velenoso!!

        • 5 Ottobre 2015 in 19:53
          Permalink

          C’è sempre una prima vota nella vita.
          A parte questo, ti ringrazio, sei una mosca bianca, tutti mi attaccano ma in trincea si resiste.

  • 6 Ottobre 2015 in 10:47
    Permalink

    Il morale di un giocatore non viene certo scalfito dai commenti del blog…
    primo..si possono anche non leggere..
    secondo, non è detto che siano il vangelo….
    terzo….chi scrive…ha visto tutte le partite, le giocate, le palle perse, i tiri in porta ed i gol…
    ha letto i tabellini delle statistiche e, una volta visto giocare x 3/4 volte si può rendere conto di ciò che, potenzialmente potrebbe dare e fare…
    galassi e minotti hanno pescato, facendo una scommessa, ben sapendo che le doti le ha…e ben sapendo che è lui che deve darsi una mossa..se vuole fare il calciatore professionista…
    lui, di sicuro, ha i piedi e la tecnica… probabilmente gli serve impegno, preparazione, sacrificio, voglia di lottare x emergere e…tanta umiltà..
    ..proprio ieri ho saputo che non ha fatto la preparazione dall’inizio e quindi…quando sarà al 100% …potremo vedere quel potenziale campioncino che viene considerato dagli addetti ai lavori…come giocatore di altre categorie…
    sta a lui dimostrarlo…e glielo auguro…vai Ives…

    • 6 Ottobre 2015 in 18:43
      Permalink

      Bisognerebbe partire dal presupposto che tutto ciò che si scrive può essere letto o riferito al diretto interessato.
      Cmq il mio commento era una semplice provocazione e specificare di avere visto tutte le partite ecc non mi sembra segno di umiltà. Dare l’idea di giudicare il campionato di D e i giocatori con la stessa ferocia con cui si giudicherebbero partite e organico di serie A mi crea una certa irritazione xche purtroppo non siamo in A…se penso a un calcio biologico mi viene da pensare ai valori positivi dello sport e un risultato come quello di domenica andrebbe apprezzato senza se e senza ma, senza recriminazioni ne spauracchi di cui penso nessuno abbia bisogno…

  • 7 Ottobre 2015 in 08:56
    Permalink

    Io sono un realista pragmatico, non sono un giornalista ma un semplice appassionato di calcio che guarda, vede, osserva e, chiaramente, può esprimere la propria opinione ( giusta o sbagliata che sia ) …
    ..
    specificare di aver visto tutte le partite credo che sia semplicemente la realtà…se non le avessi viste tutte avrei un metro di giudizio + limitato …
    ..ribadisco il concetto espresso su Baraye…
    .. sta solo a lui dimostrare capacità, talento e potenziale…
    il fatto che abbia 23 anni lo deve far smuovere….dando concretezza e continuità alle proprie prestazioni e performances….
    ….
    poi ognuno è libero di pensarla e vederla come gli pare…
    ..
    non ho le fette di nulla sugli occhi…
    non devo necessariamente sviolinare nessuno nè accaparrarmi simpatie di sorta…
    .. in uno dei miei primi articoli scrissi che mi stupivo del perchè Corapi non avesse assaggiato la serie A…dissi che Giorgino valeva almeno la serie B ….ed i fatti, seppur di questa categoria, mi stanno confortando..
    ..
    p.s. …. i risultati numerici non sono sempre il frutto finale del vero valore della partita…
    lo 0-5 a Borgo San Lorenzo ..solo per il fatto della tanta pochezza , quel giorno, degli avversari …
    …lo 0-1 di arzignano non è stato un risultato giusto per i padroni di casa…
    così come lo 0-0 di Budrio….e, come già scritto..il 5-1 alla Correggese…
    ..
    ovviamente, al 95° si deve prendere ed accettare quello che il campo ha sancito…nel bene e nel male…ma…bisogna pure essere in grado di valutarne criticità e punti in cui migliorare…( il mister e le persone preposte lo fanno certamente…)
    ..
    se son rose….a maggio….fioriranno …me lo auguro e lo spero…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI