IL PARMA CALCIO 1913 SI AGGIUDICA I TROFEI DEL PARMA F.C. / IL D.G. CARRA: "LE NOSTRE COPPE TORNANO, ANCHE MATERIALMENTE, DOVE E’ GIUSTO CHE STIANO"

IMG-20151012-WA0002_resizedParma Calcio 1913 comunica che oggi, 12 Ottobre 2015, è stata accettata l’offerta alla Curatela del Parma F.C. Spa, per il tramite dell’istituto vendite giudiziarie circa l’acquisto dei trofei di appartenenza alla Società Sportiva Parma F.C., costituiti da Coppa Italia anno 1992, Coppa delle Coppe anno 1993, Supercoppa Europea anno 1994, Coppa Uefa 1995, Coppa Italia 1999, Coppa Uefa 1999, Supercoppa Italiana anno 1999, Coppa Italia anno 2002 e altri 298 trofei legati ai Settori Giovanili e vari campionati.

Luca Carra, direttore generale di Parma Calcio 1913, presente alla procedura d’asta all’Igv, all’uscita, ha così commentato:

IMG-20151012-WA0001_resizedLe nostre coppe tornano, anche materialmente, dove è giusto che stiano. Dal momento dell’affiliazione in Serie D, il Parma Calcio 1913 era già stato, di fatto, riconosciuto dalla Federazione quale legittimo erede della tradizione sportiva di Parma A.C. e Parma F.C.: i trofei nazionali ed europei conquistati dal Parma sul campo – già più che legittimamente patrimonio della nuova società, oltre che del cuore, della memoria e dell’orgoglio di ogni tifoso – sono ora di nuovo, anche concretamente, nella disponibilità della Società che ha acquisito le copie simbolo di una storia che nessun fallimento potrà mai cancellare e che nessuno potrà mai togliere al Parma Calcio e ai suoi tifosi.”

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL PARMA CALCIO 1913 SI AGGIUDICA I TROFEI DEL FALLIMENTO PARMA FC SPA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

47 pensieri riguardo “IL PARMA CALCIO 1913 SI AGGIUDICA I TROFEI DEL PARMA F.C. / IL D.G. CARRA: "LE NOSTRE COPPE TORNANO, ANCHE MATERIALMENTE, DOVE E’ GIUSTO CHE STIANO"

  • 12 Ottobre 2015 in 12:41
    Permalink

    Molto, molto bene! E per il marchio ci sono novità? Lo reputo altrettanto importante.

    • 12 Ottobre 2015 in 12:43
      Permalink

      Ciao arcobaleno, vale la stessa risposta data poc’anzi a Lorenzo…

  • 12 Ottobre 2015 in 13:25
    Permalink

    Felice per il ritorno a casa delle coppe. Ma chi ha aperto il portafoglio noi tifosi grazie all’azionariato o chi è sopra di noi i 7 big? Grazie

    • 12 Ottobre 2015 in 14:17
      Permalink

      che importa???
      dal momento che il parma calcio 1913 è diviso tra imprenditori e tifosi, il borsello poi diventa uno unico…
      penso e spero verrà rendicontato…

      • 12 Ottobre 2015 in 14:39
        Permalink

        Bravo: giusta risposta…

        Aspetto le proposta dei levrieri…

        • 12 Ottobre 2015 in 16:13
          Permalink

          Direttore io ho girato a chi di dovere e sollecito per avere una nuova risposta da girarle..diciamo che anche all’iinterno dell’associazione ho riscontrato un buon successo…ma per alcuni dei soci è un brutto periodo e le cose vanno a rilento…

  • 12 Ottobre 2015 in 13:37
    Permalink

    Faccio i complimenti alla società per aver riportato a casa le coppe…questa era una cosa importantissima!!!
    Purtroppo quest’anno visto la differenza tecnica spropositata nei confronti degli avversari mi risulta superfluo parlare di calcio giocato, ma spero solo arrivi maggio velocemente!!

    Gabriele, sono invece a chiederti, sai se ieri a Modena c’era il Leo in tribuna??? O è rimasto a casa vista la vicinanza con Parma e il rischio di finire in qualche guaio fisico / verbale.

  • 12 Ottobre 2015 in 13:51
    Permalink

    Direttore gli altri lotto?(solo a titolo informativo)

    • 12 Ottobre 2015 in 14:42
      Permalink

      Oggi era il giorno dei trofei: non so se ci sia qualcos’altro di interesse del club nella mercanzia. Io, per esempio, mentre l’altro giorno registravamo uno speciale per la Fifa Tv che sarà trasmesso prossimamente nell’ex ufficio di Ghirardi utilizzato come set, mi sono accomodato sulla sua ex poltrona presidenziale. Simbolicamente non mi dispiacerebbe acquistarla da mettere qui nell’ufficio che occupo a Collecchio…

      • 12 Ottobre 2015 in 16:57
        Permalink

        c’era mica anche la struttura in tubi innocenti dei distinti ?

        pensa te quel budlone come ci ha ridotti

      • 14 Ottobre 2015 in 22:41
        Permalink

        Per esempio tutti i mobili e attrezzature di Collecchio…. e poi , teoricamente, avevano detto che avrebbero presentato un’offerta anche per l’archivio audio-video…
        Si sa qualcosa in tal senso? sono già stati assegnati questi lotti?

  • 12 Ottobre 2015 in 13:51
    Permalink

    Buonissima notizia …c’è giustizia ….i trofei finalmente staranno dove devono stare…
    Spero che la scultura che feci per il Parma, con marmo di Carrara, possa stare insieme ai trofei. Essa esprime il mio amore per Parma ed il sentimento di ognuno dei tifosi gialloblù.

  • 12 Ottobre 2015 in 14:07
    Permalink

    Mi basterà NON vedere i due Faccioni al Museo

    Almeno ci conto e me lo auguro da bò

  • 12 Ottobre 2015 in 14:15
    Permalink

    Che investimentone!Grazie Industriali

    • 12 Ottobre 2015 in 14:38
      Permalink

      Commento del piffero. Mesi fa eri decisamente più simpatico: le provocazioni non intelligenti, ma da gente che brucia, qualificano da soli chi le pronunzia

      • 12 Ottobre 2015 in 15:27
        Permalink

        Da una città con una storia “rossa” come Parma non ci si può aspettare altro caro Gabri.

        I padroni capitalisti industrialisti cattivi che fanno i soldi sulle spalle dei poveri azionisti, già me li immagino i discorsi nei circolini di Rifondazione.

        Quando la capiremo che la politica è morta e gli schieramenti non hanno ragione di esistere e tantomeno le prese di posizione a prescindere in base alla propria ideologia?

        Chiudo anche qui l’off topic, non voglio dibattere… la mia è solo una amara considerazione.

        • 12 Ottobre 2015 in 18:53
          Permalink

          Il problema non credo sia di natura politica o solo di natura politica, quanto di certa gente che professava il proprio amore per il Parma salvo poi andare a tifare altre squadre piacentine o liguri solo perché la società non è finita in mano al pifferaio preferito…

      • 12 Ottobre 2015 in 16:58
        Permalink

        certa gente va in giro con quella faccia anche la domenica (cit)

  • 12 Ottobre 2015 in 15:19
    Permalink

    ottima notizia questa dei trofei, avremo presto un bel museo!

    Direttore, le chiedo da incompetente: perchè si legge di copie dei trofei e non degli originali? che fine fanno quelli che i nostri beniamoni hanno alzato al cielo dopo le finali?

    altra domanda anche se vado off topic: ieri abbiamo visto all’opera (per modo di dire..) il portiere Fall, per moti di noi sconosciuto, quando verrà presentato? inoltre si può avere qualche info al suo riguardo? sembra che abbia colpito Fulgoni per le sue qualità, e del nostro preparatore ci fidiamo ciecamente..
    per questo sono così curioso..

    grazie e buon lavoro.
    Savo

    • 12 Ottobre 2015 in 21:45
      Permalink

      Come ha raccontato Parma Live nei giorni scorsi, quando per primo ha giustamente intuito che Fall avrebbe debuttato “il Parma lo ha “pescato” in Puglia, dove ha uno zio che lo ha ospitato in questi primi mesi stagionali puntando a trovargli una squadra europea, piuttosto che rimandarlo in Senegal a caccia di un ingaggio”.
      In effetti fulgoni è rimasto colpito soprattutto dalla sua esplosivita’ (paragonabile a quella di buffon).

      I trofei originali li detiene l’organismo che organizza la competizione rilasciandone copie ufficiali ai club vincitori.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 12 Ottobre 2015 in 15:40
    Permalink

    Il destino è nelle nostre mani.

  • 12 Ottobre 2015 in 16:02
    Permalink

    CARISSIMO DIRETTORE LA DOMANDA DI CHI HA PAGATO LE COPPE HA LA SUA IMPORTANZA ECCOME!!
    SE POI LEI VUOLE CAMBIARE DISCORSO….
    MA SAPPIAMO BENISSIMO CHE SIAMO STATI NOI CON
    L’AZIONARIATO POPOLARE E NON CHI AVEVA L’OBBLIGO
    MORALE DI FARLO…ALTRA BELLA FIGURACCIA…!!!!
    POVERI NOI…
    p.s. noto con tristezza che riceve sempre meno messaggi,
    da quando è entrato in società!

    • 12 Ottobre 2015 in 21:34
      Permalink

      Alla sua domanda del cavolo ha giustamente risposto un lettore prima. Il parma calcio 1913 è una società composta da grandi industria e azionariato diffuso wd è da stolti e scorretti pensare che i primi abbiano bisogno dei soldi dei secondi.
      Per quanto concerne i commenti su stadiotardini.it sono più preoccupato dall’abbassamento dell’aspetto qualitativo che quantitativo degli stessi.
      Saluti
      Gmajo

    • 13 Ottobre 2015 in 00:02
      Permalink

      Sinceramente non immaginavo potessero esistere dei rosiconi-rosicanti di tal fatta.
      Fatico anche a comprendere il senso dell’affermazione: di grazia, a cosa dovrebbero servire le sottoscrizioni per PPC, a stendere un tappeto rosso per le guardie (vecchie o nuove)? Per fare il contentino per le feste comandate?

      Bah, dice di far parte dell’azionariato popolare ma se ragiona così siamo messi proprio bene.

  • 12 Ottobre 2015 in 16:20
    Permalink

    questa è una bella notizia lo sapevo e ci speravo che andava al parma calcio 1913, grandi immensa società fatti da uomini veri . direttore si sta divertendo cm vedo cn la nuova società sn contento per lei….

  • 12 Ottobre 2015 in 16:35
    Permalink

    Benissimo! Vadano a quel paese tutti quelli che hanno scritto bufale sulla storia delle coppe.

  • 12 Ottobre 2015 in 17:06
    Permalink

    Finalmente. E’ una bellissima notizia. E’ giusto che ritornino dov’erano (anche se nel cuore di noi tifosi non erano MAI sparite). Perdonami se ritorno su una vecchia domanda, Gabriele, ma hai per caso nuove notizie sulle magliette omaggio con alcuni tipi di abbonamenti (quelli blu, per la curva). Sono un pò “insistente” perchè non vedo l’ora di vederla ed indossarla ! Sorry !

  • 12 Ottobre 2015 in 17:47
    Permalink

    Bentornate a casa

  • 12 Ottobre 2015 in 17:48
    Permalink

    Davide idiota gobbo o testa quadra

  • 12 Ottobre 2015 in 19:13
    Permalink

    Ho deciso di cambiare nome (ex Davide della….maglietta che non c’entra niente con quello….precedente) visto che non vorrei essere scambiato nè per un gobbo (piuttosto morto !) nè tantomeno che testa quadra (peggio che andar di notte !) !!!

  • 12 Ottobre 2015 in 21:41
    Permalink

    Caro Assioma, non voglamo i tubi innocenti, stiamo perseguendo (spero) i colpevoli

    • 13 Ottobre 2015 in 14:10
      Permalink

      ma sai che gusto infilarglieli uno per uno 😉

      • 13 Ottobre 2015 in 15:10
        Permalink

        Anche a due a due, finché non diventano dispari.

  • 12 Ottobre 2015 in 21:50
    Permalink

    Scusi direttore, se fossi un verbo mi lamenterei del trattamento che riceviamo, noi verbi, qui in stadiotardinipuntoit. Pär Diana, ma co vani fat ed mel i verbi (verob? Mah) për strafugneria
    a cla manera chì?

  • 12 Ottobre 2015 in 22:18
    Permalink

    Non mi riferivo certo a Te ma in generale a noi utenti, che nella fretta (mettiamola così) non coniughiamo correttamente. Indicare un esempio non sarebbe carino nei confronti del conuigante colpito a caso. Tutti noi ripeto, tranne Te e la dottoressa Farnerani Anna..:

    • 12 Ottobre 2015 in 23:31
      Permalink

      Carissimo Pencrof,
      La ringrazio delle parole al miele che ha voluto dedicarmi, il suo apprezzamento mi lusinga. Lei mi ha colpita, ha uno stile entusiasmante e mai banale, lei sa fare un uso sapiente degli idiomi e leggendola ci si diverte imparando. Non sarà mica imparentato con il prof. Malvisi ? In lei rivedo il magistero sapiente dell’avvocato, un’innata capacità di divulgare. Con lei ci si diverte imparando e,nel mezzo di questo marasma mediatico, é una qualità notevole.
      Ossequi
      Anna

      • 13 Ottobre 2015 in 14:12
        Permalink

        monocorde o pesa come un trono

        bisogna rinnovarsi ,all’inizio mi faceva anche ridere….

        • 13 Ottobre 2015 in 14:40
          Permalink

          Eh sì che era anche diversa dal solito stavolta…

  • 13 Ottobre 2015 in 13:19
    Permalink

    Grazie Prof e mi scuso per la storpiatura del cognome. Non credo di poter insegnare qualcosa a qualcuno: sono relativista

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI