Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

7 pensieri riguardo “PARMA-FORLI’ 0-0, LA TENSIONE AL FISCHIO FINALE E I CROCIATI SOTTO LA CURVA – video

  • 18 Ottobre 2015 in 19:15
    Permalink

    Meritiamo la A non la d
    Grande nord come sempre

  • 18 Ottobre 2015 in 19:17
    Permalink

    Se il portiere del Forlì non riesce a sopportare alcuni sfottò che si sia alla danza classica. Signorina.

  • 18 Ottobre 2015 in 23:46
    Permalink

    Io vedo bene in attacco Longobardi e Guazzo insieme.
    Possono coesistere. SONO DUE ARIETI.
    Melandri e Baraye invece non sono in forma,Baraye da una settimana Melanri da un mese e Sereni da inizio campionato.
    Contro una formazione come il Forlì di categoria superiore hanno mostrato i loro limiti.
    Gran bella squadra queo Forli. Impavidi, organizzati con una difesa mostuosa non ci hanno dato la possibilità di tirare nello specchio della porta.
    Il Forli dovrebbe vincee facilmente il Campionato PURTROPPO Certo che dare un giorno di piu di riposo al Forli la dice lunga in qul particolare frangente sulle nostre incapacità.

    • 19 Ottobre 2015 in 00:11
      Permalink

      Siamo dei poveri c… . Meno male che c’è il santo…

    • 19 Ottobre 2015 in 07:40
      Permalink

      Ti ricordo che il tuo grande Forlì ne ha già perse 2 in questo campionato, al contrario di noi che siamo l’unica squadra imbattuta sinora. Genio della lampada.

  • 19 Ottobre 2015 in 10:18
    Permalink

    Il grande forlí ha passato il secondo tempo a buttarsi per terra e il loro portiere a perdere tempo….grande squadra che non ha giocato a calcio ma ha emulato la Cagnotto

    • 19 Ottobre 2015 in 10:19
      Permalink

      Ognuno utilizza i mezzi che può. Ricordandoci sempre che quel che conta è il risultato. Machiavelli

I commenti sono chiusi.