IL COLUMNIST / DA UN GIANLUIGI ALL’ALTRO: BUFFON & DONNARUMMA

(Luca Russo) – Dal luccicante Milan di Boban, Weah e Roberto Baggio a quello assai meno patinato di Bacca, Niang e Cerci. Dalle paratone in occasione dello spettacolare e inatteso atterraggio in A, consumatosi sul prato del Tardini quando vestiva i nostri colori, alla paratona di ieri sera al tramonto del confronto tra i suoi bianconeri piemontesi e i rossoneri meneghini che ha sancito il sorpasso, meritato, dei primi sui secondi. Il tutto nel breve (si fa per dire) volgere di venti anni. Quasi un’eternità per un giocatore normale. Non per chi si porta addosso, praticamente da sempre, l’etichetta di numero uno dei numeri uno. Ammesso che non lo abbiate compreso, stiamo parlando di Gianluigi Buffon. O, se preferite, di uno dei cinque portieri più forti di tutti i tempi, che nell’olimpo ha saputo starci per venti anni. E chissà per quanti altri anni ancora saprà restarci. Venti anni di professionismo e prestazioni ad altissimo livello. Venti anni conditi da una miriade di scudetti, un mondiale, una Coppa Uefa (vinta col Parma, squadra che lo ha consegnato alla celebrità), tre argenti continentali (uno con la nazionale, due con la Juve), numerosi riconoscimenti individuali e qualche altra gioia sparsa qua e là. Venti anni. Si fa prima a viverli che a ricordarseli. Venti anni che al Superman più amato dagli italiani sono bastati per varcare il confine che separa la normalità dalla leggenda; e che evidentemente non lo hanno provato, né sul fisico né nella testa. Se alla prima apparizione seppe dir imageno nientemeno che a gente del calibro di Eranio, Baggio e Simone, ieri, in uno Stadium stracolmo, dopo aver vissuto novanta e passa minuti nelle vesti di spettatore non pagante, in pieno recupero ha blindato il successo della sua Juventus con un bel colpo di reni sul siluro del fin lì evanescente Cerci. Per la serie: un buon portiere non è quello che in una sola partita fa cinque belle parate e poi incassa tre gol; ma quello che con un solo intervento incide sul risultato finale almeno quanto un centravanti. Decisamente più movimentata è stata la serata dell’altro Gianluigi. A detta di tanti, il DONNARUMMA BUFFONsedicenne di Castellammare, che Mihajlović ha avuto il coraggio di lanciare nella mischia in barba ai soliti ritornelli per cui “rischiamo di bruciarlo” e “non è ancora pronto, deve crescere”, ha tutte le carte in regola per raccogliere l’eredità del collega trentasettenne. E nella serata di gala torinese si è capito perché il ragazzo gode di tanta stima. Detto che sul gol realizzato da Dybala nulla avrebbe potuto nemmeno il suo dirimpettaio bianconero, Donnarumma si è superato in due circostanze: al minuto 40, quando d’istinto ha alzato sopra la traversa una punizione ben calciata da Hernanes e trasformata in velenosissima da una deviazione di Bonaventura; e al minuto 61, quando ha intercettato un missile terra-aria di Pogba con un intervento magari non eccezionale da un punto di vista estetico ma assai efficace. Forse è prematuro affermare che Gianluigi da Castellammare sarà il numero uno dei numeri uno del futuro, però intanto possiamo dire, senza temere smentite, che è il portiere del momento. Se gli incroci con Sassuolo, Chievo, Lazio e Atalanta potevano essere considerati alla stregua di corse prova, il confronto con la Juventus è stato qualcosa di più, e cioè un vero e proprio crash test. Che ‘Gigio’ ha superato a pieni voti e in scioltezza, peraltro in un habitat, quello dello Stadium, che farebbe tremare le gambe a qualunque sedicenne con equipaggiamento di serie. Ma la serata di ieri ci ha regalato anche un’altra certezza: i miti possono invecchiare, non perdere per strada il loro smalto. Buffon ne ha avuto e ne ha da vendere. È presto perché diventi leggenda. C’è un europeo alla porte, e una manifestazione del genere la si vince coi talenti in servizio, non coi campioni in pensione. Però se un giorno decidesse (con nostro sommo dispiacere) di andarci, saprebbe a chi cedere testimone e guanti. Da un Gianluigi all’altro. Sperando che cambi solo la forma e non anche la sostanza. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

SCALA, FULGONI, APOLLONI E MELLI E IL 20° DI BUFFON – Speciale Sky Sport 24 [19.11.2015], clip a cura di Alex Bocelli

C’E’ ANCHE LUCA MONDINI NELLA CELEBRAZIONE DI SPORT WEEK DEL VENTESIMO DI GIGI BUFFON, “NATO” AL TARDINI VENT’ANNI FA…

COTTICELLI: “SUL TRENO VERSO PARMA, SUL LIBRO DI BUFFON, HO LETTO DI FULGONI: DOPO DUE GIORNI E’ STATO BELLO TROVARLO COME PREPARATORE” (video)

6 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / DA UN GIANLUIGI ALL’ALTRO: BUFFON & DONNARUMMA

  • 22 Novembre 2015 in 11:04
    Permalink

    Donnarumma è bravo, molto bravo, però ricordiamoci di Scuffet.

    • 22 Novembre 2015 in 11:50
      Permalink

      Io Scuffet non l’ho mai dimenticato. Non capisco perché sia finito nel Como (se non mi sbaglio) e come mai siano stati quelli che lo incensavano fino a qualche tempo fa a scordarsene. Non so se in prospettiva valga più o meno di Donnarumma, ma quantomeno se la giocano alla pari. Peccato, però, che per adesso sia sparito dal calcio di altissimo livello.

      • 22 Novembre 2015 in 13:26
        Permalink

        Dopo che è saltato il trasferimento all’Atletico Pozzo ha deciso di “punirlo”.

  • 22 Novembre 2015 in 11:07
    Permalink

    Caro Russo, interessante articolo basato su una analisi secondo me quanto meno superficiale di Donnarumma e ti spiego il perchè: premesso che fisicamente sfiora i 2m Ed atleticamente è già pronto per la A, io credo che a livello tecnico,psicologico e tattico sia inadeguato ,giustamente vista l’età per giocare nel Milan.
    Tutti i gol fino ad ora presi non lo vedono esente da colpe anche ieri goal sul suo palo buttandosi all’indietro stile calcetto, a livello di lancio e precisione malino e molte uscite respinte quando erano da tenere…..insomma Pegolo,Marchetti,Sorrentino sono di altro livello per intenderci.
    Indubbiamente ha qualità,ma trovo stucchevole e quasi irreale che ogni tiro o cosa che un portiere deve fare e lui fa venga sottolineata come gesto incredibile quando ha fatto il suo (es tiro di pogba) , e tutta questa attenzione ed incensare il giovane Gigi penso sia veramente pericolosa .
    Il suo campionato di riferimento sarebbero gli Allievi gia la Primavera era uno step importante da fare ma lo salta,senza esperienza senza niente ed inoltre giocare in una squadra fragile come il Milan rischi di bruciarlo come è successo a Fiorillo,Bardi,Silvestri,Cragno (tutti giovani che giocavano in squadre che poi hanno dovuto necessariamente sostituirli) .
    Buffon giocava a 17anni ma la squadra che aveva davanti era un pochino più forte…
    Vanno bene i giovani ma con criterio…

    • 22 Novembre 2015 in 11:54
      Permalink

      Magari Pegolo, Marchetti e Sorrentino alla sua età commettevano gli stessi errori che gli attribuisci tu. E son diventati Pegolo, Marchetti e Sorrentino proprio grazie a quegli errori, che fan parte del comune processo di crescita di un portiere. E il fatto che stia disimpegnandosi bene pur avendo davanti a sé il Milan di questi tempi, che non è esattamente uno squadrone, dovrebbe ulteriormente deporre a favore della bontà che, a mio modo giustamente, gli viene riconosciuta.

  • 22 Novembre 2015 in 22:13
    Permalink

    Troppo giovane e non è Buffon. Si rischia di bruciarlo.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI