LONGOBARDI, FRATTURA COMPOSTA DEL MALLEOLO PERONEALE SINISTRO: NECESSARIO UN INTERVENTO CHIRURGICO

(da www.parmacalcio1913.com) – Il Parma Calcio 1913 ha ripreso, questa mattina, al Centro Sportivo di Collecchio, la propria preparazione, con una seduta pubblica, in vista dell’impegno infrasettimanale di campionato in programma mercoledì 11 novembre 2015, alle ore 14.30, allo stadio Ennio Tardini contro il Legnago Salus (13° giornata del girone D di Serie D).

I giocatori che hanno disputato la partita di ieri allo stadio Sandro Cabassi di Carpi contro la Virtus Castelfranco hanno svolto attività defaticante.

Con loro si è allenato anche il portiere Kristaps Zommers, il quale, al termine dell’allenamento, si è diretto all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio per volare in Repubblica d’Irlanda e rispondere alla convocazione della Nazionale Under 19 della Lettonia, impegnata fino al 19 novembre nel gruppo di qualificazione al campionato Europeo di categoria con Irlanda, Scozia e Slovenia.

Il resto dell’organico, dopo aver effettuato un lavoro atletico con il preparatore Christian Freghieri, è stato impegnato in alcune partite a tema sotto la direzione di mister Luigi Apolloni e del suo vice Bruno Redolfi.

Michele Messina, Crocefisso Miglietta e Giacomo Ricci prima si sono sottoposti a terapie e, poi, seguiti dal preparatore Paolo Giordani, sono tornati in campo sostenendo esercitazioni personalizzate.

longobardiA Christian Longobardi, uscito al 18’ della gara di ieri con la Virtus Castelfranco per un duro intervento nei suoi confronti del calciatore avversario Flippo Lauricella, in serata al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Parma è stata diagnosticata una frattura composta al malleolo peroneale sinistro, per cui si è resa necessaria un’immediata ingessatura.

L’attaccante, a cui tutto il Parma Calcio 1913, augura un sentito ‘In bocca al lupo !!!”, dovrà affrontare un intervento chirurgico, che sarà pianificato nei prossimi giorni, nel reparto di Ortopedia e Traumatologia del Maggiore di Parma. L’operazione sarà eseguita dal professor Enrico Vaienti, assistito dal dottor Francesco Pogliacomi dello staff medico crociato.

Domani, martedì 10 novembre, giorno della vigilia dell’incontro di campionato con il Legnago, al Centro di Collecchio, è prevista una sessione di rifinitura a porte chiuse pomeridiana. Alle ore 16.30 circa, nella sala media del Direzionale, è fissata la conferenza stampa di mister Apolloni.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

67 pensieri riguardo “LONGOBARDI, FRATTURA COMPOSTA DEL MALLEOLO PERONEALE SINISTRO: NECESSARIO UN INTERVENTO CHIRURGICO

  • 9 Novembre 2015 in 14:33
    Permalink

    benissimo visto che i tempi di recupero saranno circa 4 mesi, diciamo campionato praticamente finito…. Considerando che era il miglior nostro giocatore offensivo….. siamo nella merda!!!!

    • 9 Novembre 2015 in 16:02
      Permalink

      Che ottimismo…
      I mesi potrebbero anche esser tre e comunque, pur riconoscendo tutto quanto offerto sinora da Longobardi, ritengo che musetti e guazzo, sebbene in modo diverso da lui, possano fare altrettanto bene.

      • 9 Novembre 2015 in 16:41
        Permalink

        Direttore non sono d’accordo. Longobardi non è sostituibile perchè non c’è, all’interno della rosa attuale, una pedina della medesima qualità ed intelligenza tattica. La perdita di Longobardi è una tegola pesantissima caduta sul Parma, che ne penalizza pesantemente la potenzialità offensiva. La sfortuna si è accanita togliendoci per mesi il giocatore di gran lunga più intelligente. E’ un danno enorme!!!!

        • 9 Novembre 2015 in 17:53
          Permalink

          Che sia un danno enorme ce ne rendiamo tutti conto, e poi dispiace soprattutto per la persona splendida che è e al quale formulo il mio in bocca al lupo di cuore; tuttavia bisogna tirare avanti lo stesso senza piangersi troppo addosso, e soprattutto cercando di evitare – come ha fatto lei in altri commenti – di denigrare gli attuali probabili sostituti. Ricordandoci sempre che Longobardi si era certo guadagnato il posto per le indiscusse qualità che ognuno di noi gli riconosce: ma il fatto che il posto fosse suo aveva limitato oltremodo sia Musetti che Guazzo, entrambi attaccanti di categoria superiore rispetto alla serie D nella quale militiamo.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 9 Novembre 2015 in 18:07
            Permalink

            Io non denigro nessuno! A digh etor che Longobardi le pu’ boh!

          • 9 Novembre 2015 in 18:55
            Permalink

            Concordo…in bocca al lupo d pronta guarigione a Longobardi!!!

      • 9 Novembre 2015 in 16:41
        Permalink

        Sono d’accordo ieri si è visto perfettamente…

      • 9 Novembre 2015 in 18:33
        Permalink

        Guazzo e Musetti sono sicuramente all’altezza della serie D ma non hanno le stesse attitudini di Longobardi (tre mesi di stopo se va bene e lo spero di cuore) per cui sarebbe ora che il Mister si dia una svegliatina e provi a cambiare assetto tattico.
        Mi spiace veramente dirlo (e pensarlo) ma in questo momento Apolloni è l’anello debole della catena Parma 1913

    • 9 Novembre 2015 in 18:15
      Permalink

      E’ stato preso Guazzo proprio per questa eventualità, ora vedremo veramente di che pasta è fatto

  • 9 Novembre 2015 in 14:34
    Permalink

    Direttore serve una punta..!! Chissà quanto starà fuori. Longobardi

    • 9 Novembre 2015 in 15:59
      Permalink

      Come avrebbe aggiunto anche lei in un altro commento c’è musetti. E poi c’è Guazzo, elemento in più che venne generosamente aggiunto quando non si sapeva ancora con certezza che Longobardi aveva superato il precedente infortunio. C’è Baraye che potrebbe essere un ottimo centravanti atipico. E poi guazzo e melandri, tutti ottimi elementi che se poi non giocano (del resto più di 11 non si può) dite che ci sono dualismi…
      Insomma: fiducia a chi c’è e quando si . riapre il mercato c’è chi saprà giudicare se bisognerà far spesa ancora o meno.

      • 9 Novembre 2015 in 18:19
        Permalink

        concordo secondo me guazzo i goal li ha sempre fatti e non capisco perché non dovrebbe farli in serie d anche se forse ha più bisogno di cross ………in ogni caso ieri secondo me guazzo qualcosa ha fatto vedere forse e’ meno manovriero di longobardi ma per me e’ più finalizzatore ,con mealndri sarebbe un ottima coppia detto questo in bocca allupo a longobardi certo che ci manchera’

  • 9 Novembre 2015 in 14:44
    Permalink

    brutta notizia bruttissima in bocca al lupo a longobardi non ci voleva proprio !!!!ma guazzo sara’ un degno sostituto sempre che l apolloni lo faccia giocare

  • 9 Novembre 2015 in 15:07
    Permalink

    Musetti…prego ..Guazzo al ciapa 2 giornedi…..

    • 9 Novembre 2015 in 15:28
      Permalink

      Temo tre se, come pare abbia interpretato l’arbitro, dovesse trattarsi di condotta violenta

    • 9 Novembre 2015 in 16:44
      Permalink

      Bravo Moro! Hai fatto bene a far notare che ne mancherà un altro. I due assenti tuttavia si distinguono nettamente per la materia grigia disponibile, elemento che fa di Longobardi non replicabile da alternative come quella “Guazzo”.

    • 9 Novembre 2015 in 18:37
      Permalink

      le giornate saran TRE.
      E’ un momento difficile ma proprio adesso è l’ora di far squadra ricordando però al mister che è anche ora si dia una sturlatina di meningi

  • 9 Novembre 2015 in 15:40
    Permalink

    Ora la situazione inizia a farsi seria e la società, come immagino avrà già fatto, dovrà necessariamente intervenire per chiedere ed ottenere una maggiore tutela per sé stessa e, soprattutto per i propri giocatori (come ha dichiarato l’allenatore nel dopo partita). E’ intollerabile ed inaccettabile che una squadra come la Virtus Castelfranco termini la partita con tutti i propri atleti in campo dopo la macelleria messicana messa in scena durante l’incontro di ieri. Un giocatore all’ospedale che rimarrà fuori per svariati mesi, ed altri due, Corapi e Giorgino, che sono usciti dal campo sulle le loro gambe solo per miracolo (l’intervento a piedi uniti su quest’ultimo nel secondo tempo era da rosso diretto). A questo, come beffa finale, si aggiungono le rigorosissime espulsioni di Guazzo e Sowe che ci priveranno di altri due giocatori per almeno un paio giornate. Non aggiungo l’episodio del gol annullato per non farmi del male. Così, dopo aver perso Saporetti e lo stesso Giorgino una settimana fa, ora affronteremo l’incontro di mercoledì senza cinque titolari. A questo punto sarei curioso di sentire il parere di coloro che si sono strappati le vesti dopo il rigore che ci è stato assegnato alla prima di campionato. Purtroppo la presenza delle telecamere fa sì che arbitri modesti e mediocri possano ergersi a protagonisti fischiando contro il blasonato Parma credendo così di dimostrarsi insensibili a qualsivoglia presunta sudditanza psicologica (allora perché in serie A i direttori di gara non si comportano allo stesso modo con Juve, Milan, Inter ecc. ? Già, forse è proprio per questo che arbitrano nella massima serie).
    E’ probabile che ora, anche i lungimiranti ed illuminati direttori sportivi che non si capacitavano dell’acquisto di Guazzo, avranno un motivo in più per contare fino a cinque (ma anche a dieci o quindici) prima di parlare. Forza ragazzi, vincere contro tutto e contro tutti sarà ancora più bello.
    Un saluto

  • 9 Novembre 2015 in 15:49
    Permalink

    Direttore con Musetti non possiamo andare avanti

    • 9 Novembre 2015 in 15:52
      Permalink

      C’è anche guazzo. Abbiamo altri 27 calciatori, juniores inclusa

      • 9 Novembre 2015 in 16:35
        Permalink

        direttore con tutto il rispetto per la juniores…se pensiamo di sostituire longobardi con contu (che conosco da quando era pulcino) o altri…andiamo in eccellenza..lei è un ottimo direttore..ma veramente prima si informi di dire , come ha fatto ieri apolloni, certe affermazioni..della juniores per la prima squadra non c’e’ pronto ne oggi ne mai nessun giocatore..parola di uno che il calcio dilettantistico (come il manso) lo mastica da anni…senza offesa….speriamo in guazzo che ieri e stato un nadaro..ma ha forti potenzialita

        • 9 Novembre 2015 in 17:59
          Permalink

          Sia Apolloni che io ci siamo ben guardati dall’asserire che sostituiremo Longobardi con un chicchesia della Juniores: il ragionamento del mister (cui ho fatto oggi il verso) verteva sul fatto che per fronteggiare la imminente emergenza quantitativa (tra nazionale, infortuni e squalifiche non basta una rosa di ben 28 elementi) ci sarà da ricorrere alla Juniores dove, a detta di Apolloni, ci sono elementi di qualità, i quali potrebbero sfruttare l’occasione per arricchire il proprio bagaglio.
          Saluti
          Gmajo

      • 9 Novembre 2015 in 18:38
        Permalink

        Juniores??? ok difendere la società ma non blateriamo….

        • 9 Novembre 2015 in 19:18
          Permalink

          Io non difendo la società, né blatero: ma visto l’alto numero di assenze, giocoforza, si dovrà pescare nella Juniores.

  • 9 Novembre 2015 in 16:08
    Permalink

    Direttore campa cavallo……..
    Scusi ma i due bomberoni fino ad ora (dopo 12 partite) quanti goal hanno fatto??
    E pensa che da mercoledì inizino a segnare come cristiano Ronaldo??
    Quindi urge acquisto mirato per una punta che faccia veramente la differenza, perché io di Carpi, brescello. mezzolara e compagnia cantante mi sono già stancato e non vorrei tornarci…..

    • 9 Novembre 2015 in 16:12
      Permalink

      Musetti e guazzo non hanno segnato (molto) anche perché non hanno giocato (molto) ~ Ergo: vediamoli alla prova.

      • 9 Novembre 2015 in 16:50
        Permalink

        Se non han giocato molto ci sarà un motivo ????

        Uno non segna neanche con la matita.

        L’altro è l’intelligenza (non solo tattica) inversa (cioè il contrario di Longobardi). Infatti al se fat ciocher fora c’me un mat.
        Due insieme non valgono un Longobardi.

        • 9 Novembre 2015 in 17:48
          Permalink

          Che non segni neanche con la matita è tutto da vedere, visto che proprio Musetti ha segnato – e non con la matita – il primo gol della storia del Parma Calcio 1913. Lo stesso Longobardi, come dice lei, è di una intelligenza tattica superiore (intendo rispetto alla media, non ai suoi compagni che lo dovranno rimpiazzare al meglio), però non è che avesse già raggiunto la doppia cifra. Per cui è inutile adesso star qui, come al solito, a fasciarsi la testa, tenendo presente che siamo in serie D e non in serie A, e gente come Guazzo e Musetti sono decisamente superiori alla categoria. Senza dimenticare che può giocare centravanti anche Baraye e che comunque alla Fortis Juventus avevamo rifilato cinque pappine senza un “pincaglione” in area di rigore, ma con la banda bassotti…
          Purtroppo avete la generale tendenza ad affibbiare delle patenti: e ciò, comunque, non aiuta. Saranno contenti i vari Musetti, Sereni, Guazzo a sentire questa Vostra considerazione. Ricordo che sono tutti calciatori che indossano la maglia crociata, i quali dovrebbero trovare l’incitamento del pubblico, e non tutta questa prevenzione. Del resto il mercato è chiuso e Longobardi, ahinoi, è stato “killerato”: per cui cerchiamo di farci andare bene chi c’è, magari accorgendoci che poi non è così male.
          Saluti
          Gmajo

          • 9 Novembre 2015 in 18:14
            Permalink

            Direttore grazie per le cortesi ed apprezzatissime repliche. Come avrà capito dalle mie partecipazioni al forum, ho una notevole stima per Longobardi, il quale ho ritenuto fin dall’inizio un pilastro insieme a Lucarelli. Se si rompe un elemento portante della struttura ci possiamo mettere qualche puntello (scusi il gioco di parole per una punta) ma non è detto che il sistema regga. Le alternative a Longobardi ci sono ma non scommetterei che siano altrettanto solide.

          • 9 Novembre 2015 in 18:40
            Permalink

            Non mi parkare di Sereni ca go bele l’orticaria

          • 9 Novembre 2015 in 19:20
            Permalink

            Esatto. Diamo fiducia ai nostri! Forza Parma e tutti allo stadio mercoledi!

          • 9 Novembre 2015 in 21:01
            Permalink

            Ma Majo ha visto gli attaccanto del Piacenza?
            Loro vinceranno il campionato in carrozza, noi non lo vinceremo ma abbiamo una qualità che loro non hanno. SIAMO BIOLOGICI.

      • 9 Novembre 2015 in 18:39
        Permalink

        concordo in pieno e mi sono sempre lagnato dell poco spazio a GUAZZO che dove e’ andato ha sempre segnato mi risulta considerando eventuali trasferimenti in gennaio che sia un bel po ‘di anni che va in doppia cifra in lega pro e in piazze importanti come salerno e taranto se non bastasse a chiavari in 9 parite fece 6 goal determinanti per la promozione in serie B e anche l anno scorso in 16 parite fece 6 goal prima della lite con il presidente (comunque l allenatore diede ragione a guazzo non so i motivi ) insomma proprio balordo secondo me non lo deve essere poi capisco che a parma brucia che si sia fatto la Mosetti per cui lo vedono male dall inizio ( come vedono male majo per la rosy ) ed e’ anche vero che i parmigiani hanno un occhio molto valido sulle punte hanno fischiato valdanito !!! crespo per non parlare di stoickov e per finire con Pelle’ e Okaka che stasera sono entrambi in nazionale forse Conte non vede bene come i parmigiani …….insomma abbiamo fiducia alle volte non tutti i mal vengono per nuocere guazo mi sembra piu’ finalizzatore di longobardi per cui ha un gioco diverso

        • 9 Novembre 2015 in 19:30
          Permalink

          Stoichkov non lo nominerei neanche….ha portato scompiglio nello spogliatoio, rovinando anche gli equilibri in campo ai compagni e soprattutto a Zola (uno che davvero andava in doppia cifra!!!)…

        • 9 Novembre 2015 in 21:03
          Permalink

          Diciamo che sarebbe un ottmo giocatore Guazzo se il campionato di D non lo volessimo vincere ma solo salvarci.

  • 9 Novembre 2015 in 16:26
    Permalink

    questa è una bella batosta nn ci voleva proprio cazzo ,direttore vogliamo rispetto noi siamo il parma tutti dicevano che eravamo l’ANTIJUVE della serie d ma nn è cosi. noi abbiamo una storia queste squadrette nn sapevo nemmeno se esistevano vengano a fare i buffoni a fare la guerra a rompere i nostri giocatori x di più si e messo anche l’ arbitro a rompere i coglioni, che schifo che questo mi viene il voltastomaco a stare in questa serie D di m….A . dobbiamo riscattarci subito nella prossima partita e continuare a vincere cm abbiamo sempre fatto forza parma risaliremo…..

  • 9 Novembre 2015 in 16:52
    Permalink

    Al Parma serviva già un centravanti e non l’ha mai preso… Il nostro problema è proprio lì davanti, Longobardi si muove bene, gioca per gli altri, ma a noi serve un grande BOMBER

    • 9 Novembre 2015 in 17:42
      Permalink

      Guardi, egregio, il lavoro di Longobardi era impagabile, e se ne giovava tutta la squadra, anche se lui stesso ha realizzato personalmente alcuni gol. Nel reparto avanzato c’erano degli evidentementi problemi di abbondanza (avercene…) se a turno stanno fuori elementi di categoria superiore, o comunque che sarebbero titolari dappertutto, come Guazzo, Melandri, Lauria, Musetti, e magari pure Baraye. Per cui io tutta questa esigenza di dover acquistare un bomber non la vedo, così come a suo tempo c’era chi sosteneva – durante l’infortunio a Benassi – che dovevamo prendere un difensore e non Guazzo. Purtroppo c’è questa tendenza a voler parlare senza aver precisa cognizione di causa, e il voler sempre andare al mercato. Ma stiamo cheti, va là…

      • 9 Novembre 2015 in 18:48
        Permalink

        concordo per guazzo su musetti qualche dubbio lo avrei in realta’ non ha mai realizzato molto ecco forse fossi io minotti farei uscire musetti e prenderei una punta un po’ piu’ concreta …….preciso che questo lo avrei fatto anche senza l infortunio di longobardi per cui a maggior ragione su guazzo mi sono gia’ espresso e non vorrei sembrare di essere una delle sue tante ex per cui non mi dilungo

    • 9 Novembre 2015 in 18:44
      Permalink

      Secondo me l’errore non è nel centravanti ma in questa ostinazione assurda del 4-2-3-1.
      Scusate la lungaggine ma vi faccio un esempio illustre: il Napoli lo scorso anno giocava così: 2 medianoni (Gargano, Lopez); 3 dietro la prima punta; le squadre lo aspettavano e lo segavano di rimessa. Quest’anno con un più equilibrato 4-3-3 , il buon Sarri ha recuperato due che sempravano desparecidos (Hamsik e Jorginho) e, udite udite, la STESSA DIFESA dello scorso anno non prende più gol, in compenso è il gioco è decisamente piùrapido e i gol vengono a raffica.
      Bisognerebbe che Apolloni riflettesser un attimino

  • 9 Novembre 2015 in 17:24
    Permalink

    Per fortuna se non sbaglio a dicembre riapre il mercato, grave perdita, gli faccio un grosso in bocca al lupo, Guazzo per me è impresentabile

    • 9 Novembre 2015 in 17:49
      Permalink

      Guazzo giocava due categorie sopra. E ricordo che pur chiamandoci Parma siamo in serie D, non è che Guazzo debba giocare la finale di Champions League…

      • 9 Novembre 2015 in 18:11
        Permalink

        Gli ridevano dietro anche a Taranto in lega pro.. ci vuole anche del culo e un bravo procuratore.. poi per carità, de gustibus 🙂

      • 9 Novembre 2015 in 21:07
        Permalink

        Guazzo. qui ha perso il fiuto del gol.LE PALLE CHE GLI ARRIVANO LE CIABATTA TUTTE. Sarà stato anche bravo ma forse è a fine carriera.

    • 9 Novembre 2015 in 18:43
      Permalink

      caro gabriele guazzo ha sempre segnato gurda bene il suo score poi capirai cazzo in serie D vuoi che non vada in doppia ciffra? a salerno gli hanno fatto anche il fimino dei goal come noi a crespo guardalo e poi capirai

    • 9 Novembre 2015 in 21:05
      Permalink

      Senza Longobardi se non viene sostituito a dicembre con un fenomeno.mi sa tanto che il campionato è perso.

  • 9 Novembre 2015 in 17:34
    Permalink

    ieri sera ho visto Longobardi accompagnato dal Grande Giorgino, al pronto soccorso e a vedere la caviglia non sembrava cosi grave…peccato perchè perdiamo un puntero con grande spirito di sacrificio come pochi ce ne sono in giro…
    è vero Musetti e Guazzo non hanno offerto grandi prestazioni sino ad ora…ma hanno d’ora in poi la possibilità di dimostrare quanto valgono….lasciamo che ci facciano vedere e poi giudicheremo…

      • 9 Novembre 2015 in 18:17
        Permalink

        Purtroppo direttore
        I tifosi del Parma o alcuni di questi sono rimasti sempre gli stessi tutti sul carro quando si vince e scendono molto velocemente quando si pareggia o si perde! A Parma sono tutti allenatori dg ds e qualche d uno fa anche l osservatore!
        Non apprezzano nulla!

        • 9 Novembre 2015 in 21:15
          Permalink

          Diciamo che molti tifosi del Parma non sono pecoroni e hanno una loro idea su tutto. e non si fanno comprare.Dicono quello che pensano e pensano quello che dicono.

    • 9 Novembre 2015 in 18:17
      Permalink

      Fino ad ora è stato capace di farsi buttare fuori! Almeno una cosa l’ha già fatta vedere.

  • 9 Novembre 2015 in 17:55
    Permalink

    Porcaccia miseriaccia! Brutta, brutta tegola sia a livello di campo che a livello psicologico (è uno dei nostri leader). Ora Guazzo e Musetti devono far vedere di che pasta sono fatti.

  • 9 Novembre 2015 in 18:12
    Permalink

    Direttore buonasera. Stasera calcio e calcio vero?? E quando arriverá il comunicato sulle squalifiche di ieri??

    • 9 Novembre 2015 in 19:23
      Permalink

      Come avrà letto è nel frattempo arrivato… 3 “feste” (come le chiama il buon Piovanone) per Guazzo, 1 a testa per Cacioli e Sowe

  • 9 Novembre 2015 in 18:59
    Permalink

    Vorrei fare un grande ….crepi il lupo x …Cris…ATTILA LongoB…un pronto ritorno alla guarigione ed alla miglior forma…
    ti aspetto con stima e simpatia….ho letto che passerai tra le mani del Prof. Vaienti…un grande professionista di ottima reputazione …
    ..cio che conta è il recupero fisico dell’uomo….
    il modo x sostituire temporaneamente il calciatore …verrà trovato…
    ..per ora Musetti…( anche se gli ho affibbiato 4 ..) poi..Guazzo…e pure tutti gli altri superstiti….che dovranno dare il loro contributo….
    ..tutti x uno …uno x tutti…
    tutti per il Parma Calcio 1913….
    ..
    il tempo che servirà x guarire….ti aspetto Cris….febbraio …marzo ..quando sarà…..tornerai una forza della natura…generoso e forte….+ di prima…..ciao

    mauro morosky

  • 9 Novembre 2015 in 19:01
    Permalink

    Ok é arrivato ora…tre giornate cazzo. E olciese del san marino?? Si sa??

  • 9 Novembre 2015 in 19:12
    Permalink

    Ci stringiamo con affetto a Longobardi ed aspettiamo di vedere come si comporterà la squadra in sua assenza.
    Forza Parma sempre…..ma quel gesto un giocatore della sua esperienza poteva risparmiarselo anche se il colpo è solo stato accennato….a cosa serviva?
    Speriamo il Castelfranco riservi uguale trattamento all’Altov.
    Concordo con chi non desidera tornare su questi campi!!

  • 9 Novembre 2015 in 19:13
    Permalink

    Guazzo tre giornate e il longo fuori 4 mesi comprare a dicembre un bomber vero pera arbitro di merda

  • 9 Novembre 2015 in 19:14
    Permalink

    Gabriele,
    Ricordagli l’anno che si fece male Adriano e che esplose Gilardino segnando più di 30 goal…
    Longobardi sarà una gran perdita perché è un ottimo giocatore e un ottima persona però non stiamo parlando di Batistuta…qua di giocatori insostituibili c’è solo il numero 6, che si vede nonostante l’età che ha più di 300 in SERIE A che ne dica Boni.

    Mercoledì ne farà 2 Musetti che è tutt’altro che balordo!!!!

  • 9 Novembre 2015 in 19:19
    Permalink

    Tra terreno in cattive condizioni, avversari che giocavano a calci e non a calcio e arbitro inadeguato…il Parma comunque un goal regolare lo aveva fatto e Zommers poteva anche non fare la doccia, visto che non e’ mai stato impegnato. L’infortunio a Longobardi non ci voleva, ma in attacco le alternative non mancano. Le critiche sono eccessive e fuori luogo, la squadra e’ messa bene in campo…siamo in serie D, gli errori di esecuzione sono piu’ frequenti. Va capito. E comunque, dovesse essere necessario, la societa’ potrebbe ingaggiare qualche giocatore senza contratto…a Gennaio qualche movimento in uscita/entrata ci sara’ di sicuro . Presumo che vista la partita di ieri si possa pensare di dare un po’ piu’ di fisicita’ perche’ di fronte a squadre che picchiano deliberatamente…qualche accorgimento ci vuole.
    Tipo uno alla Marco Pullo, per esempio.

  • 9 Novembre 2015 in 20:30
    Permalink

    Il Longo verrà buono per le ultime 10 partite. Toccherà a Musetti e a Guazzo ramper su par la rameda. In bocca al lupo Longobardi!

  • 9 Novembre 2015 in 22:33
    Permalink

    Buonasera direttore, i tempi tecnici di recupero per una frattura al malleolo peroneale sono quantificabili in almeno 3 mesi + 2 settimane di allenamento per il recupero della condizione (ho scritto 2 settimane perchè penso che Longobardi sia un ragazzo che quando c’è da lavorare duro, non si tiri indietro). Non condivido lo scetticismo di alcuni tifosi su Musetti e Guazzo, anzi penso che, in un certo senso non tutto il mal vien per nuocere, perchè ora Guazzo, soprattutto, avrà campo libero e potrà dimostrare di che pasta è fatto.. insomma, voleva spazio? bene avrà spazio e sono convinto che essendo un giocatore di qualità, farà bene. FORZA PARMA!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI