MOONTALK #JurassicParm 12^ puntata / Parma, questo è Art Attack!

cop 4(Ilaria Mazzoni) – Ci si chiede se, dopo l’infortunio al malleolo che ha costretto bomber Longobardi a sottoporsi ad intervento chirurgico che lo terrà lontano dai campi per almeno quattro mesi e con Guazzo che deve ancora scontare due giornate di squalifica dopo l’espulsione, questo Parma abbia bisogno di qualche intervento di mercato. E’ vero, Musetti nelle ultime partite sta fornendo prestazioni in ascesa, ma, di certo, non è un bomber da venti goal a campionato. Come abbiamo detto spesso, alla squadra servirebbe un giocatore che li davanti sappia sbloccare il gioco e che tenga palla nei momenti più critici della partita.

Ieri la formazione crociata era chiamata, dunque, a rispondere a questi interrogativi e a cancellare il nervosismo che aveva caratterizzato il pareggio di domenica. Nel momento più difficile, almeno sino ad ora, la formazione di Apolloni (senza punte e con una squadra decimata), un po’ per esigenza, ma anche, sicuramente, per sua bravura, rivoluziona la tattica di gioco inserendo in attacco due punte leggere ed imprevedibili e due attaccanti esterni. Ne scaturisce non solo ma una partita divertente  ma anche, e soprattutto, un risultato positivo. Melandri, Baraye e Lauria sono decisamente a loro agio in questo schema e si scambiano a turno; una bella notizia riguarda anche Musetti, che ritornando al goal si candida anche a ruolo di prima donna del reparto offensivo anche in caso di ritorno al vecchio classico modello di gioco. Anche Melandri torna a segnare il suo nome nel tabellino dei marcatori; firma una buona prestazione in cui ha dimostrato di stare ritornando in forma. Insomma una prestazione convincente contro un avversario di tutto rispetto, che il Parma è tornato ad affrontare dopo ben 93 anni dall’ultimo incontro (12/11/1922), la cui pecca è stata, probabilmente, quella di non avere una rosa in grado di disputare due gare in sette giorni, i gialloblù confezionano un bel, e convincente, 3-1.
tabella top flopMigliore tra tutti oggi è stato Baraye a cui è mancato solo il goal che, in tutta onestà, si sarebbe meritato; è un vero punto di riferimento nella fase offensiva, attirando costantemente tutto il reparto difensivo su di sé, aiuta notevolmente la squadra ed arricchisce la sua prestazione con alcuni pregevoli spunti individuali. Una bella risposta a chi si preoccupa che non si possa giocare senza una vera punta pesante di ruolo.  Nonostante si percepisca che sia leggermente affaticato dal disputare la seconda gara settimanale, sicuramente tra i migliori inseriamo anche Corapi, riesce ad essere presente e determinante nei momenti che contano. Crea, poi, un fantastico calcio di punizione che ci permette di sbloccare l’incontro.
Ultimo dei top è Lauria: mette a disposizione la sua classe a servizio della squadra, ed i risultati non tardano ad arrivare. Deve solo resistere, ogni tanto, alla tentazione di dribblare rientrare e tirare, oramai tutti conoscono questo suo movimento e rischia di diventare troppo prevedibile. E’, comunque, sicuramente e totalmente recuperato ed in crescita di rendimento.
Occupiamoci, invece, delle note dolenti per i gialloblù: riproposto come esterno di difesa anche stavolta Saporetti non convince. Ci si chiede cosa possa convincere Apolloni che quella non sia la sua posizione visto che il giocatore stesso dimostra di sentirsi fuori luogo; difatti, quando viene spostato verso il centro, notiamo una motivazione da parte sua di far vedere che vuole giocare in quella zona del campo. E la prestazione, tra l’altro, migliora.
Data la giovane età ha sicuramente fatto un discreto lavoro, ma Fall ha ancora molto da imparare, soprattutto nei rinvii. Ad un certo punto Lucarelli ed il mister gli danno una bella strigliata, e fanno bene, un rinvio mal riuscito può essere letale, lo inseriamo, quindi tra i peggiori della giornata.
Ultimo che non raggiunge la sufficienza è Sereni; tornato dopo l’esilio in panchina degli ultimi mesi, si dimostra molto agitato, in preda all‘ansia da prestazione, in più, quando sembra che inizi ad ingranare il gioco, Apolloni, a sorpresa, lo sostituisce. Se si concede una seconda opportunità bisogna lasciargliela sino alla fine.

parma san marinoIn finale di puntata, come di consueto, ci occuperemo della prossima avversaria e, nella fattispecie, della vicenda, quasi comica, legata allo stadio in cui si disputerà. Da lungo tempo, infatti, si sapeva che il campo della nostra avversaria, il San Marino, sarebbe stato occupato da impegni della Nazionale, nonostante ciò si è tirata alla lunga la situazione nel tentativo di costringerci a giocare la sera o, comunque, nella giornata di lunedì, nel loro stadio. Parma ha, invece, a sua volta tentato di volgere la situazione a proprio favore, cercando di spostare il match al Tardini; dopo un parto travagliatissimo si è scelto come stadio il Valentino Mazzola di Santarcangelo di Romagna.

A parte queste diatribe il San Marino è sicuramente un’ottima compagine che, dopo la retrocessione dalla lega pro, sta lavorando duramente per ottenere il ritorno nella categoria dei professionisti. Sarà, pertanto, un incontro tra le prime della classe che i gialloblù dovranno vincere in modo da allontanare sia San Marino che, risultati permettendo, l’Altovicentino che continua a pressarci da dietro. Ilaria Mazzoni

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “MOONTALK” JURASSIC PARM

MOONTALK #Jurassic Parm, 1^ puntata / VIDEO INTERVISTA A GABRIELE MAJO CHE RACCONTA IL SUO RITORNO ALL’UFFICIO STAMPA DEL PARMA CALCIO

MOONTALK #Jurassic Parm, 2^ puntata / Quando il MICIO non c’è i DIFENSORI ballano

MOONTALK #Jurassic Parm, 3^ puntata / CERCASI ATTACCANTE BIOLOGICO (ospite in studio: Simone Occhi)

MOONTALK #Jurassic Parm, 4^ puntata / LA D E’ UN CAMPIONATO DI RIGORE

MOONTALK #Jurassic Parm, 5^ puntata / SERIE D, E’ TUTTO QUI?

MOONTALK #Jurassic Parm, 6^ puntata / OMNIA MUNDA MUNDIS

MOONTALK #JurassicParm, 7^puntata / Baraye e Longobardi come Insigne e Higuain, intervista a Sandro Squeri

MOONTALK #JurassicParm, 8^puntata/ Parma Re D Coppe

MOONTALK #JurassicParm 9^ puntata / Nel piccolo mondo per tornare grandi

MOONTALK #JurassicParm 10^ puntata / Il Parma Biologico è un OGM per la serie D?

MOONTALK #JurassicParm 11^ puntata / Parma merita l’Azzurro

 

26 pensieri riguardo “MOONTALK #JurassicParm 12^ puntata / Parma, questo è Art Attack!

  • 12 Novembre 2015 in 02:34
    Permalink

    Mi piacerebbe vedere più spesso Agrifogli. Nel secondo tempo contro il Romagna Centro mi aveva ben impressionato.

  • 12 Novembre 2015 in 06:33
    Permalink

    Con Giuseppe in manike corte sembrava Ferragosto

    Volevo salutare la Bellissima ILaria x la sua Competenza

    Complimenti x tutto anzi di più…. FORZA PARMA

  • 12 Novembre 2015 in 08:37
    Permalink

    Tutti vogliamo bene a Fall, avrà sicuramente delle potenzialità ma ad oggi bisogna essere franchi e dire che è totalmente inadeguato per la serie D, non ha la coordinazione per fare un passaggio di piede a distanza di 4 metri, siamo in D ma nessuna squadra che ho visto sinora si è presentata con un portiere che non è in grado di fare passaggi elementari, immagino che chi lo allena è certo che si possa lavorare su questo per “limitare questo limite” ma ieri ci ha messo in pericolo più volte in modo comico.

    • 12 Novembre 2015 in 11:42
      Permalink

      Vero però una partita “no” ci sta e cmq di cose “comiche” ne ho viste altre e non fatte da lui…
      Qualcuno di grande esperienza che ben conosciamo -vista la difficoltà di Fall ieri nelle rimesse- poteva cercare di evitare di fare retro passaggi al portierino con gli avversari a un passo…aiutarlo concretamente sto ragazzo invece di metterlo alla prova e poi riprenderlo verbalmente?? Ieri sentiva tutta la pressione su di sé perché era una partita di campionato e dovevamo vincere x conservare il distacco… Zommers cmq è il primo portiere indiscusso e prima torna meglio è

      • 12 Novembre 2015 in 13:19
        Permalink

        Giusto! Tutta colpa di Lucarelli!! Che cattivone! Dovrebbe fare il comico ormai…

        • 12 Novembre 2015 in 18:50
          Permalink

          Non meriti nemmeno risposta

      • 13 Novembre 2015 in 00:06
        Permalink

        ma scusa cibbi che ti ha fatto lucarelli ? non e’ di sinistra e clericale perche’ non ha il buonismo tipico…….lo ha reguardito come un bravo padre di famiglia niente di particolare mamma mia …..sai quante volte succede osvaldo li mandava a fan culo tutti ……e poi scusa micas e colpa di lucarelli se lo fanno giocare senza insegnargli a giocare con i piedi e premetto a chioggia e’ arrivato senza scarpe da calcio questo per dirti il personaggio , come se la maestra perche’ sa che il bimbo nopn studia le tabelline on gli e le insegna o non debba sgridarlo !!!!!! io ho sentito un urlo di apolloni altro che lucarelli !!!!!!!!!! detto questo il ragazzo e’ inadeguato per la serie d e l eccellenza va bene per la 1 categoria o tornei estivi della montagna le uscite che leggo decantono fatte con una mano schiacciando il pallone a terra non dico in serie a ma anche in d normalmente te le mettono dentro ………….mamma mia come si fa a dire che ha prospettive piedi a banana e cosa ci voleva a fare i rinvii a braccio come faceva mirante o ballotta le braccia le possono usare insomma poi non parla italiano questo e’ il problema ha detto anche dei compagni di squadra quando gli parli veloce non capisce per cui se gli dici tua quelo capisce mia ………capirai se un difensore sta tranquillo se poi a rubato il posto a ciotti e cotticeli mamma mia coa saranno quelli

        • 13 Novembre 2015 in 12:26
          Permalink

          È inesperto ma anche molto giovane…non marchiamolo a vita x una partita poco convincente… Apolloni è l allenatore ed è giusto che insegni o riprenda chi sbaglia…Lucarelli era in campo ed era meglio se pensava a sé e allontanava quella cavolo di palla…soprattutto se Fall non lo conviceva nella prestazione…tutto qui..nessuno lo mette in discussione.
          cmq Apolloni se ha scelto Fall avrà i suoi motivi e gli do piena fiducia

  • 12 Novembre 2015 in 11:05
    Permalink

    e vero cm dici tu fall se si impara a calciare cn i piedi stiamo a posto .però nn è scarso credimi nelle uscite e bravo ha solo quel difetto che ha i piedi a banane ……..

    • 12 Novembre 2015 in 14:41
      Permalink

      Secondo me ha reattività nei test e questo fa sperare bene gli allenatori, come uscite lasciamo perdere, in una ha schiacciato la palla davanti ai suoi piedi con un avversario vicino quando poteva bloccarla con due mani, l’unica volta che si è trovato davanti un giocatore palla al piede in solitaria (il gol) si è paralizzato, per non parlare della palla rasoterra che ha preso con le mani tenendo larche le gambe quando fin da bambino un portiere sa che deve mettere a protezione un ginocchio o i piedi uniti, questo portiere manca totalmente della tecnica di base, gli arrivano tre tiri a partita e gli può andare bene per ora, ma ieri ha steccato tutti i passaggi di piede e voglio vedere quando la metterà a 5 metri da lui sui piedi di uno tipo Baraye che ti infila invece che un brocco come ieri e voglio vedere quanta voglia ci rimane di aspettare che la tecnica si affini.

      • 12 Novembre 2015 in 19:05
        Permalink

        Fall ha sbagliato quanto vuoi..anche a me non ha dato sicurezza…ma il gol è arrivato xche a qualcuno è scappata la palla…diciamo così. Non me ne frega niente…figuriamoci…un gol si può prendere ma non buttiamo tutta la croce su chi fa più comodo come al solito

        • 12 Novembre 2015 in 19:09
          Permalink

          Preciso: il gol è arrivato ANCHE xche a qualcuno è scappata la palla… non x niente il calcio è un gioco di squadra e le colpe non sono (quasi) mai di uno solo. X il resto nn ho l’esperienza x dire se un altro portiere quel tiro l avrebbe parato

  • 12 Novembre 2015 in 13:47
    Permalink

    tutto sommato e’ meglio tornare al parma armonico delle prime uscite,auguri a longo ti aspettiamo

  • 12 Novembre 2015 in 14:31
    Permalink

    Cibbi cosa t ha fatto il Capitano?

    • 12 Novembre 2015 in 19:01
      Permalink

      E Fall cosa ha fatto a Lucido come mastrolindo? si tratta solo di osservare le cose e quel che mi è parso di vedere lo dico senza timori di lesa maestà.
      Per me non ha senso mettere in discussione il merito di un ragazzino nel giocare in D( appena arrivato al Parma e cmq riserva), se poi non si ha il coraggio di ammettere che anche i pilastri di una squadra fanno errori… tutto qui

      • 12 Novembre 2015 in 20:14
        Permalink

        Fall non ha fatto proprio niente.. Quell’altro più di 300 partite in A. Ciao

        • 13 Novembre 2015 in 12:17
          Permalink

          Dato che “non ha fatto niente” (ti credo, ha la meta’ degli anni di Lucarelli) distruggiamolo in partenza che tanto fa comodo attaccare chi non ha nessuno a difenderlo… Appunto xche Lucarelli l’anno scorso era in A ci si aspetta molto di più che da Fall.
          Prima di tutto andrebbe considerato il fatto che i giocatori sono persone e nessuno vale più o meno dell’altro in quanto essere umano ma sicuramente, se c’è qualcuno che ha bisogno di incitamento e fiducia, è Fall e non uno con l’esperienza e l’età di Lucarelli che se ne frega di quel che pensano gli altri e non ha bisogno di difensori

  • 12 Novembre 2015 in 19:12
    Permalink

    Cara Ilaria, del tuo pezzo non condivido la parte in cui critichi la prestazione di Fall. Sarà che l’ho vista dalla curva, ma la sua performance non mi è parsa degna della palma di peggiore della giornata. Al contrario, mi pare che il nostro portiere abbia dato tanta sicurezza al reparto arretrato mostrando una certa abilità nelle uscite e tanta reattività tra i pali. E se si considera che è stato spettatore per una grossa parte del match, gli dobbiamo riconoscere pure il merito di essere rimasto comunque concentrato e sul pezzo.

    • 12 Novembre 2015 in 19:15
      Permalink

      Le valutazioni non sono di Ilaria, ma dei Moontalk. Ilaria riporta quanto sostenuto da Andrea e Michele…

      Comunque anch’io non condivido il parere su Fall

      Cordialmente

      Gmajo

      • 12 Novembre 2015 in 20:49
        Permalink

        Vero, il pezzo porta la firma di Ilaria ma riassume quanto detto nel video, il calcio è bello perchè ognuno può esprimere il suo pensiero, Fall è stato inserito nei flop perchè ha fatto dei rinvii che hanno messo in pericolo la squadra, ne è la prova oggettiva il fatto che Apolloni e Lucarelli lo hanno più volte richiamato. Sono situazioni pericolose che possono portare a buttare una partita. Il ruolo del portiere è il più difficile, può capitare di essere inoperosi per tutta la partita e dover dimostrare in un intervento di essere valido salvando il risultato. Se si commette un errore può non esserci più l’occasione (durante la partita) per riscattarsi. E’ un ruolo di grande responsabilità che da sicurezza ai compagni, e un portiere che sbaglia puntualmente i rinvii la sicurezza non la da.
        Detto ciò è giovanissimo e ha un grande potenziale, tra i pali mi è piaciuto. Ha un grande preparatore e delle grandi doti e il futuro è tutto suo 🙂 Ciao da Andrea

  • 12 Novembre 2015 in 20:08
    Permalink

    Fall ha avuto difficoltà, persistenti, solo nei rinvii di piede. In area e tra i pali mi è sembrato più che efficiente.Lo stile, piuttosto elementare, si accovaccia sul pallone per coprirlo, denota una bella volontà di apprendere quello che il talento non concede, ossia la tecnica. Imparerà

  • 12 Novembre 2015 in 20:27
    Permalink

    Mo sti miga buter la crosa ados a coste e cletor vacocá, a semâ prim in clasifiche e iema ciapè tri pont, con vriv ed pù, la pensiò?

  • 12 Novembre 2015 in 20:49
    Permalink

    Ma infatti su Fall ,bisogna irrobustirlo un po e fargli la convergenza ai piedi e poi può diventare un bel portiere. Diciamo che sul gol del Legnago il concorso di colpe è tra Lucarelli e Adorni

  • 12 Novembre 2015 in 21:26
    Permalink

    Ma poi, se è così balordo e lo hanno messo secondo portiere si vede che gli altri due sono ancora peggio….

  • 13 Novembre 2015 in 07:05
    Permalink

    Io mi chiedo ..ma perche bisogna buttare la croce addosso ad un 18 enne…alcuni errati o affrettati rinvii di piede non incidono sulla prestazione e , sul gol , poco o nulla aveva da fare ..
    La tecnica si impara e si migliora ..giorno x giorno…lo hanno valutato ..come un diamante grezzo ..da affinare ..smussare.. Impreziosire..
    P.s. ..nel calcio si dice …MIA
    non si dice mai …TUA

  • 13 Novembre 2015 in 13:22
    Permalink

    Se Lucarelli ha sbagliato lo perdono, se Fall ha sbagliato lo perdono… io voglio bene alla mia squadra, so che non lo fanno apposta e di errori se ne vedono ovunque, anche in Cat,. Superiori., per cui io so che la mia squadra ha bisogno di me come tifosa proprio quando ci sono errori, o difficoltà e io sarò sempre lì qualunque cosa accada.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI