NOTIZIA DI UN SEQUESTRO… UFFICIALE GIUDIZIARIO A CASA DI TOMMASO GHIRARDI…

image(Michele Angella, dal TG di Teleducato) – Ufficiale giudiziario a casa di Tommaso Ghirardi questa mattina a Carpenedolo per effettuare il sequestro conservativo di beni di proprietà dell’ex presidente del Parma FC, disposto dal tribunale di Brescia lo scorso ottobre per un ammontare complessivo di 4 milioni e 560mila euro. L’imprenditore 40enne, che acquistò il Parma nel gennaio 2007 per poi cederlo nel dicembre 2014 alla Dastraso Holding, qualche mese del fallimento, era presente.
Il tutto è nato a seguito del ricorso effettuato da Energy T.I. Group, la compagnia di servizi energetici che nella primavera del 2014 era entrata nel capitale azionario del Parma FC, rilevando il 10% delle quote e stipulando anche un contratto di sponsorizzazione pluriennale.
Gli addetti incaricati dal Tribunale si sono presentati nella villa dell’ex patron crociato intorno alle 10 di questa mattina. Sul posto tre furgoni su cui caricare gli arredi oggetto del sequestro. In un secondo momento sono giunte sul luogo anche le forze dell’ordine.
Il clima era decisamente teso. L’azione è terminata intorno alle 14.
A quanto si è appreso si è trattato di una operazione riuscita solo parzialmente: nella proprietà visitata erano infatti custoditi solo pochi beni e di valore limitato.
L’ufficiale giudiziario non aveva l’autorizzazione ad accedere ad un’altra abitazione riconducibile a Ghirardi, a fianco di quella visitata stamani dove è ipotizzabile che vi sia la parte più ingente delle proprietà.
E’ possibile che un passaggio in questa dimora possa essere effettuato nei prossimi giorni.
Secondo indiscrezioni l’ufficiale giudiziario si era già presentato due volte ai cancelli di villa Ghirardi due settimane fa, ma senza successo. Nessuno infatti aveva aperto.
I magistrati bresciani ritengono che Tommaso Ghirardi avesse “indotto” i manager di Energy Group ad acquisire le azioni del Parma in base ad un bilancio al 30 giugno 2013 “non veritiero”. Insomma, secondo i giudici Ghirardi avrebbe presentato ai soci di Energy, durante le trattative, un quadro alterato in merito alla situazione finanziaria del Parma.  Quella avviata dal Tribunale di Brescia, nei confronti di Ghirardi a tutela di Energy TI Group, è in sostanza, una misura cautelare e preventiva.
Ghirardi il 4 marzo 2015 era stato iscritto nel registro degli indagati da parte della procura di Parma con l’accusa di bancarotta fraudolenta per un suo comportamento illecito alla base del grave dissesto finanziario del club gialloblu. Michele Angella (dal TG di Teleducato)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

TELEDUCATO: “IL TRIBUNALE DI BRESCIA HA DISPOSTO IL SEQUESTRO CONSERVATIVO DI 4,6 MILIONI DI BENI DI TOMMASO GHIRARDI A FAVORE DELL’EX SOCIO ENERGY T.I.GROUP”

SU BRESCIA OGGI GHIRARDI TRATTEGGIA UN QUADRETTO A TINTE FOSCHE DI ENERGY T.I. E RIMARCA: “IL PROVVEDIMENTO HA FINALITA’ CAUTELARI E NON E’ UNA SENTENZA DI MERITO”

CALCIO & CALCIO PIU’ /  GIULI E GLI STRANI MOVIMENTI NELLE PROPRIETA’ DI GHIRARDI

Stadio Tardini

Stadio Tardini

12 pensieri riguardo “NOTIZIA DI UN SEQUESTRO… UFFICIALE GIUDIZIARIO A CASA DI TOMMASO GHIRARDI…

  • 13 Novembre 2015 in 17:33
    Permalink

    Ovvio la Rudarola e Via Mantova non hanno detto nulla….

  • 13 Novembre 2015 in 17:36
    Permalink

    Se gli portavano via la dispensa gli facevano un favore..forse dimagriva

  • 13 Novembre 2015 in 17:49
    Permalink

    Direttore, ma il processo contro Ghirardi è iniziato o no?

  • 13 Novembre 2015 in 17:56
    Permalink

    si ma alle 16.42 l’hanno detto..5 ore dopo gli altri

    • 13 Novembre 2015 in 17:59
      Permalink

      Anch’io l’ho pubblicata alle 16,30 perché prima sono stato incasinato, pur sapendo da ieri che la cosa sarebbe avvenuta, e, grazie alla concessione di Angella, ho ripubblicato il suo pezzo. Del resto lo stesso giornalista di Teleducato fu il primo a diffondere, in esclusiva con tutti gli altri a traino, la notizia della sentenza del sequestro cautelativo in parte eseguito oggi.

      Insomma: non si può arrivare sempre primi, ma questo non significa niente e soprattutto, nell’occasione, non giustifica il suo commento denigratorio nei confronti del foglio locale

  • 13 Novembre 2015 in 18:08
    Permalink

    Ma lei non fa per mestiere l’informatore locale. Fa anche questo insieme ad altra professione. Il foglio locale dovrebbe invece fare solo questo. E si fanno battere da una piccola azienda in grossa crisi ma ove lavorano fior di professionisti.
    E cmq non mi risulta che la rudarola brilli o abbi brillato sulla questione fallimento Parma. Fra notizie non date, altre date in ritardo e altre date a sproposito (ricordiamo il leggendario Paolo Grossi e il suo pezzo sui rischi per lacquirente fatto uscire il giorno in cui l’acquirente avrebbe dovuto acquistare…)
    Grande Paolone!!!! E il totale silenzio calato post giugno sulla vicenda.

  • 13 Novembre 2015 in 18:41
    Permalink

    Direttore secondo lei Schianchi li avrà visti gli ufficiali Giudiziari?!?!? 😀
    O forse il fatto di essere in testa alla serie A gli da le vertigini e quindi si dimenticherà di dare risalto alla cosa sulla Gazzetta?
    Pardo inviterà a Tiki Taka ancora Tommaso a spiegare il suo punto di vista?!?! B-)

    • 13 Novembre 2015 in 19:26
      Permalink

      Comunque a Tiki Taka non lo aveva certo invitato Schianchi…

  • 13 Novembre 2015 in 21:05
    Permalink

    Spero proprio che per Ghiradi ci siano, nel prossimo futuro, altri “venerdi 13” come quello di oggi!

I commenti sono chiusi.