SERIE C FEMMINILE / LA TELECRONACA DI PARMA-FED. SAMMARINESE 2-0 di Ilaria Mazzoni e Cristina Romanini, riprese di GianMatteo Palese per www.parmacalcio1913.com

PARMA-FED. SAMMARINESE 2-0 (1° TEMPO)

Telecronaca di Ilaria Mazzoni e Cristina Romanini, riprese di GianMatteo Palese per www.parmacalcio1913.com

PARMA-FED. SAMMARINESE 2-0 (2° TEMPO)

Telecronaca di Ilaria Mazzoni e Cristina Romanini, riprese di GianMatteo Palese per www.parmacalcio1913.com

PARMA-FED. SAMMARINESE 2-0 – L’ESULTANZA FINALE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

22 pensieri riguardo “SERIE C FEMMINILE / LA TELECRONACA DI PARMA-FED. SAMMARINESE 2-0 di Ilaria Mazzoni e Cristina Romanini, riprese di GianMatteo Palese per www.parmacalcio1913.com

  • 30 Novembre 2015 in 04:46
    Permalink

    Bello! 🙂

  • 30 Novembre 2015 in 07:41
    Permalink

    Caro carissimo Majo volevo puntualizzare l’affluenza per lei scarsa del pubblico per la la sfida femminile.
    Dunque la partita era in contemporanea con Parma calcio 1913 e quindi anche se a Rovigo c’erano 400 persone, a quell’ora chi non era a Rovigo era davanti allla Tv per vedere la partita su SKY
    Lei dice che facendo la partita al sabato forse ci sarebbe stata poca gente in quanto questa lavorava e allora dovevamo farla alla domenica mattina.
    Quindi bisogna inculcare nella testa di qualcuno che se uno deve scegliere tra una partita di campionato del Parma 1913 e una delle ragazze sceglierà il Parma 1913.
    Se i tifosi sono 10.000 e allo stadio per le ragazze c’erano solo 200 persone se la matematica non è un opinione.
    i tifosi per le ragazze erano solo Il 2% ma questo non perché non ci si tiene alle ragazze ma solo per una questione di scelta tra il Parma 1913 e le ragazze.
    Non pensa Majo che nonostante tutto ho ragione?
    Non pensa anche lei Majo che l’orario era una follia?

    • 30 Novembre 2015 in 09:03
      Permalink

      No. Non era una follia. Era solo l’orario canonico

      • 30 Novembre 2015 in 09:48
        Permalink

        Era in contemporamea non solo con il Parma 1913 ma anche per la serie A per cui se togliamo parenti, amici e guardoni, coloro che il calcio femminile lo guardano non certamente per l’agonismo, i veri tifosi erano sotto il centinaio per lo più pensionati che non potevano andare a Rovigo o non avevano SKY.
        A prescindere delk’orario canonico che dice tutto o niente, lei pensa che come orario era il massimo o si poteva fare meglio,
        Per me era un orario folle che più folle non si può se poi a lei andava bene non si lamenti dell’affluenza.

        • 30 Novembre 2015 in 10:09
          Permalink

          Esistono moderni strumenti per registrare le partite. E per favorire l’accesso del pubblico non credo si debba giocare in orari strani o in giorni prefestivi. Al di là dei 9.500 tifosi abbondanti che non erano a Rovigo, di cui un 10% circa avrà visto Sky, l’occasione era per avvicinare al calcio gente che di solito non ha questo interesse, o magari le famiglie. Domenica pomeriggio immagino ci fossero migliaia di persone in giro per la città coi negozi aperti, e, sarebbe stato bello se qualcuno in più avesse passeggiato sino al Tardini o alla vicina Cittadella dove ci sono attrazioni natalizie.
          Le ragazze al sabato pomeriggio lavorano e non è che si potevano spendere 20.000 euro (con ingresso gratuito) per farle al sabato sera, quando manco ci abbiamo mai giocato una gara dei maschietti. Alle 10 della mattina si va a messa e non allo stadio. E alle 12 si mangia. E alle 14.30 (magari sarebbe meglio le 15) si fa la passeggiata domenicale…

        • 30 Novembre 2015 in 19:19
          Permalink

          I “guardoni”…certo,..certo….
          Il tuo becero maschilismo si spinge sempre più in là…
          Il “vero tifoso” saresti tu ?! avresti guardato la partita dell’ultima squadra di A (partita di uomini, quella) piuttosto che il nostro Parma femminile!
          Non c’è scritto da nessuna parte che la loro squadra abbia meno valore o sia inferiore a quella maschile. ..solo uno di cattivo gusto becero come te lo lascerebbe intendere !!!!!

  • 30 Novembre 2015 in 11:55
    Permalink

    Complimenti ILaria x la Telecronaca molto efficace

    Grazie alle Crociate oltre le Gambe c’è di più eccome

    • 30 Novembre 2015 in 18:36
      Permalink

      tutto merito della Cristina in realtà ! e della bella partite delle ragazze in campo!

  • 30 Novembre 2015 in 14:16
    Permalink

    Direttore cambiando argomento, volevo chiederLe questo, sempre che Lei possa rispondere: è vero, come mi è stato riferito da un socio di parma partecipazioni calcistiche, che il programmo della newco1 sarebbe quello una volta arrivati in serie B di fare rimanere un socio unico (che non sarebbe Barilla) al comando?

    La ringrazio saluti

    • 30 Novembre 2015 in 14:55
      Permalink

      Se lo avesse spifferato qualcuno di Newco1 sarebbe stato più attendibile… Al di là di questo, credo che ci sia troppo, in generale, la tendenza a fare castelli in aria. Il futuro è nelle ginocchia di Giove, e, come intonano i Boys, la strada sarà lunga…

      E’ palese che l’attuale compagnia di giro abbia in programma, così come è strutturata, di riportare il Parma almeno in B: poi, per una serie A di un certo tipo, la tipologia di investimento penso sia differente per cui si dovrà cambiar pelle. Non so se rimarrà un solo socio: non credo, però. Proprio perché Newco2, per statuto, continuerà ad esser socia di minoranza. Poi che ci possano esser defezioni tra gli investitori di Newco1 ci potrebbe stare, perché è chiaro che ognuno deve fare i conti con le risorse che ha. Diciamo che se tra i sette big ce ne fosse uno che si innamorasse del Parma al punto da impegnarsi per tenerlo in A ai livelli che gli competono sarebbe molto bello. Per fare innamorare questo qualcuno si tratta, però, di concorrere tutti, evitando certe brutture da scappare a gambe levate.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 30 Novembre 2015 in 16:05
        Permalink

        …se non ho capito male quindi una volta arrivati in serie b..la società può essere messa in vendita?

        • 30 Novembre 2015 in 17:10
          Permalink

          Il futuro è sulle ginocchia di Giove.
          Io ho solo detto che il progetto INIZIALE è quello di arrivare in B. Poi le dimensioni cambiano e quindi chi ci sarà sarà libero di decidere se rilanciare.
          Ma sono argomenti che è prematuro affrontare ora. Da qui a tre anni vedremo come sarà il cammino.

  • 30 Novembre 2015 in 14:39
    Permalink

    Direttore è vero che in caso di lega pro non si faranno più le partite su Sky ?

    • 30 Novembre 2015 in 14:41
      Permalink

      Allo stato attuale direi di sì. Esiste, infatti, un accordo con altra piattaforma, che non credo sarà rimesso in discussione. Però non si sa mai…

      Comunque non credo sia una ragione per arrestare la marcia trionfale… 🙂

      Cordialmente

      Gmajo

  • 30 Novembre 2015 in 16:46
    Permalink

    Quindi se riusciamo ad andare in a il modello tedesco già cadrebbe?

    • 30 Novembre 2015 in 16:56
      Permalink

      No, ma logicamente bisognerà vedere chi vorrà proseguire l’esperienza con parametri differenti da quelli odierni

  • 30 Novembre 2015 in 17:08
    Permalink

    Non c’è stata nessuna richiesta da parte di nuovi imprenditori ad entrare nel parma calcio oppure crede che questo in domani possa accadere ?

  • 30 Novembre 2015 in 22:06
    Permalink

    Questa cosa mi preoccupa direttore non vorrei che nel più bello questo splendido progetto che tanto mi piace non sarebbe più supportato…..

    • 30 Novembre 2015 in 22:08
      Permalink

      Non fasciamoci la testa e cerchiamo di goderci la cavalcata

  • 30 Novembre 2015 in 23:48
    Permalink

    Io pure fra 10 anni ma voglio tornare in a

I commenti sono chiusi.