UN LUOGO INCERTO di Luca Tegoni / PARMA SEMPRE PRIMO: SOLO L’ALTO VICENTINO SEMBRA IN GRADO DI REGGERE IL PASSO IN TERMINI DI VITTORIE E MARCATURE

image(Luca Tegoni) – Al sjor Giberten à salvè la partida. Mo che lavor! – Gibertini è il portiere della Virtus Castelfranco e, ascoltando la radiocronaca di Chiesa, ha parato quei due o tre palloni molto insidiosi che ce l’avrebbero fatta vincere. In realtà un goal l’abbiamo fatto ma l’arbitro l’ha annullato. Ebbene si, non abbiamo vinto. Pareggio è stato. Zero a zero. Botte, ammoniti ed espulsi. Il Barbaro conciato male, speriamo che si riprenda, Sowe mandè fora tant c’me il Borgo (Guazzo) con un bel cartlén ross. Mercoledì sarà fuori anche Cacioli, squalificato per somma di ammonizioni. Apolloni inventerà qualche cosa sicuramente e magari verranno buone quelle prove fatte in Coppa Italia. Magari!

Mi sembra di capire che i giocatori della Virtus abbiano randellato per tutta la partita sperando di approfittare delle reazioni dei nostri giocatori. Per fortuna o per capacità nostra le reazioni ci sono state quando ormai la partita era verso la fine. Aver concluso in nove non ha quindi gravato più di tanto sull’andamento della gara.

Immagino la festa negli spogliatoi di quei “maschiacci” di Castelfranco orgogliosi di aver strappato un punto a quelli di Parma con l’esibizione della forza e, forse, dell’insolenza.

Il Parma gioca sempre per vincere perché ha comprensione di poterlo fare, così se non riesce risulta essere una mezza sconfitta. Oggi credo che si possa parlare di un buon punto. Ancora una partita senza subire goals.

Siamo sempre primi in classifica e solo l’Alto Vicentino, che ha una partita da recuperare, sembra in grado di stare al nostro passo, sia in termini di vittorie sia in termini di marcature. Le altre squadre sono meno costanti, anche se, almeno fino al Delta Rovigo che è settimo con 10 punti di distacco, a circa un terzo del campionato tutto è modificabile. Nel senso che chiunque può ancora ambire al secondo posto finale. Luca Tegoni

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

29 pensieri riguardo “UN LUOGO INCERTO di Luca Tegoni / PARMA SEMPRE PRIMO: SOLO L’ALTO VICENTINO SEMBRA IN GRADO DI REGGERE IL PASSO IN TERMINI DI VITTORIE E MARCATURE

  • 9 Novembre 2015 in 00:36
    Permalink

    Dobbiamo capire che ormai tutte le nostre avversarie giocheranno sempre alla stessa maniera: 11 uomini in difesa per tutta la partita. Servono soluzioni di gioco diverse.

    • 9 Novembre 2015 in 08:04
      Permalink

      Poi se uno, cioè l’allenatore, propone qualcosa di diverso ti viene fuori il manso o il bymanso a dirti che non capisci niente, o che sembra che non capisci niente…
      Lo manderemo in panchina con michi ed edo porcari…

      • 9 Novembre 2015 in 09:26
        Permalink

        majo…ieri gigi ha snagliato il primo tempo..e su quello il manso ha ragione..poi chi non e senza peccato scagli la prima pietra!

        • 9 Novembre 2015 in 10:30
          Permalink

          Al di là delle esternazioni del Satiro, il quale, ai sensi dell’art 21 della Costituzione (a a vanvera tirato a mano da chi confonde la diffamazione con il diritto di critica, che è sacrosanto e quindi bene accetto, specie se costruttiva) è liberissimo di articolare la propria opinione, anche se mi pare eccessivo sostenere, e titolare, che Apolloni non ci stia capendo niente, io non sono così d’accordo nel sostenere che Apolloni abbia sbagliato il primo tempo: penserei, piuttosto, alla squadra, la quale è quella che si esprime sul campo e probabilmente non rende sempre quello che la guida tecnica chiede.
          Infatti, nella ripresa, è l’atteggiamento degli undici, poi dieci, poi nove, in campo che è mutato, magari forse anche grazie ai correttivi o richiami del tecnico.
          A me l’idea di Musetti coadiutore del povero Longobardi (anche se nelle prove tecniche era coadiutore di Guazzo) non era dispiaciuta, anche se non va dimenticato che il buon Riccardo, come lui stesso ha dichiarato nelle interviste, ha 40 giorni di ritardo rispetto agli altri, per cui è davvero ingeneroso il 4,5 che Paolo Grossi gli ha dato.
          Cerchiamo di metterci d’accordo: uno dei luoghi comuni maggiormente frequentato (sdeng!) è quello secondo cui il Parma non è più quello delle prime giornate poiché, per colpa di Sky, siamo ormai troppo conosciuti e quindi prevedibili. Tolto che questo è appunto un luogo comune, ma non è forse doveroso, dunque, che l’allenatore cerchi di trovare, all’interno del folto organico che ha a disposizione, eventuali alternative?
          Il Manso sostiene che Gigi abbia cambiato una squadra funzionante: ebbene, non ci sono forse, al di là delle legittime scelte tecniche di chi è pagato per questo, infortuni e squalifiche che spingono a cambiare lo scacchiere? E non era stato forse accusato di eccessivo conservatorismo, prima, quando puntava sempre sugli stessi? La flessione di Ricci, ad esempio, Apolloni l’ha saputa leggere prima di chiunque altro, al di là del fatto che ora sia fuori per una distorsione. L’invenzione di Ricci ala il buon Apolloni l’aveva inventata (ricordiamoci sempre che questo puzzle va composto con 4 under in campo) per sopperire al rendimento non elevato di Sereni. Insomma, credo che il tecnico, avendo diverse nella sua faretra, sia ben libero di scegliere quelle che ritiene migliori, non solo per la battaglia, ma per vincere la guerra. Ad esempio, puntando sempre sugli stessi all’inizio, correva il rischio di perdere gli altri. Ora che utilizza anche gli altri non capisco perché debba essere criticato, visto che è bene che arrivi a fine stagione con il maggior numero di giocatori intercambiabili e allo stesso livello da utilizzare.
          Uccidere i vari Sereni e Guazzo, come vorrebbero certi tifosi o scrittori poco illuminati, sarebbe un pazzesco autogol, specie quando gli stessi, per via dei capricci di Eupalla, possono diventare le tessere decisive del puzzle.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 9 Novembre 2015 in 10:50
            Permalink

            Caro Majo Sereni le piace?
            Guazzo le piace?
            Le piacciono
            GLI ATTUALI
            Melandri
            Baraye
            Musetti.?
            Le piace il gioco del Parma ?
            Si?
            E allora lei è di BOCCA BUONA.

          • 9 Novembre 2015 in 11:40
            Permalink

            girala come vuoi ma Guazzo ahime’ non ne ha imbroccata una quando e’ stato chiamato in causa,e da uno che a 30 e passa anni scende di due categorie e’ lecito attendersi quantomeno una cifra agonistica adeguata al contesto

      • 9 Novembre 2015 in 09:30
        Permalink

        Alla fine se uno fa catenaccio puoi anche farci poco. Magari devi solo giocare come gli ultimi 20 minuti di ieri dall’inizio.

  • 9 Novembre 2015 in 08:46
    Permalink

    maio sucsi, ma tegoni dove l’ha trato fuori? da un hard discount ….? Puoi risparmiarci questi articoli?

    • 9 Novembre 2015 in 11:22
      Permalink

      da una bancarella
      L.T.

        • 9 Novembre 2015 in 15:11
          Permalink

          si certo quello intendevo 🙂

  • 9 Novembre 2015 in 10:06
    Permalink

    Ma ieri non abbiamo giocato fuori casa, a essere giusti dobbiamo dire che se non abbiamo giocato in casa, ABBIAMO GIOCATO SU CAMPO NEUTRO. Come dicavo in altri post abbiamo PROBLEMI IN ATTACCO.

  • 9 Novembre 2015 in 10:41
    Permalink

    Scusatemi, forse riceverò una bannata da Majo ma certe cose bisogna dirle, bisohna metterci la faccia e se poi BANNATA sarà pazienza
    Ecco il mio sfogo.
    Giocavamo meglio a inizio campionato mentre. l’Altovicentino sta venendo fuori adesso.
    Con il Castelfranco se non erro, prima della sospensione stava vincendo
    Scommettiamo che nel recupero l’Altovicentino pur giocando in trasferta e non come noi che abbiamo giocato su campo neutro vincerà FACILMENTE.?
    Si è vero. Noi eravamo in 9 ma per 86 minuti eravamo in 11 contro 11
    La nostra squadra sembra sempre che in campo SIA DISPOSTA MALE, non c’è assolutamente gioco ma fin quando si giocava male e si vinceva tutto era OK ma se pareggi giocando male a me non sta bene.
    Indubbiamente APOLLONI fa il suo compitino ma niente più, non ha quel qualcosa in più che fa di un allenatore un buon allenatore.
    Non per niente se non veniva da noi, andava al Lentigione, sempre in serie D e quimdi si sente GIUSTAMENTE un allenatore di D.
    Tanti giocatori nel Parma sono inutili e vanno sostituiti.
    Sereni Guazzo, Saporetti e quel Sowe mi hanno deluso
    Anche Melandri sembra si sia imbrocchito e Baraye lo stesso
    Se si vuole vincere il campionato bisogna sfoltire la rosa e prendere attaccanti validi anche se non biologici.
    In attacco ora come ora siamo da quinto posto.
    Caro Majo lo so che dirai che sono un disfattista ma io ho visto una partita giocata dal Piacenza e ho visto schemi, gioco e la MANO dell’allenatore
    IL NOSTRO SEMBRA ABBIA IL……. MONCHERINO

  • 9 Novembre 2015 in 11:22
    Permalink

    Troppe Balle cerkiamo di essere Più Cattivi anke Noi

    Dai ragass Forza e Coraggio Tutti all’ Arembaggio

    Poi ne Riparliamo con Apolloni in Maggio

    FORZA PARMA e mercoledi tutti Incazzati

    Complimenti ai Tifosi ieri Tanti e Colorati

  • 9 Novembre 2015 in 11:44
    Permalink

    Purtroppo tutte le squadre mirano al pareggio quando giocano con noi, sapendo di non poter vincere, e di conseguenza parcheggiano il pullman Mouriniano davanti alla porta.

    Le prime giornate le nostre avversarie erano forse cuoriose di testare la nostra forza, forse si aspettavano un Parma fuoco di paglia come molti, e quindi giocavano in maniera più normale rimediando però risultati tennistici.

    Comunque non è necessario fare tragedie, ieri poteva tranquillamente finire 0-3 e forse più se l’arbitro non avesse annullato un gol pienamente regolare.

    L’unico mia VERA paura al momento è che non abbiamo riserve all’altezza dei titolari ed i titolari stanno iniziando ad accusare la fatica dopo 11 partite con conseguenti cali di forma che diventano determinanti nella categoria.

    Dobbiamo sempre giocare a 100 all’ora per vincerle tutte e non possiamo farlo senza ricambi adeguati.

    Quindi tra un mese bisogna darci dentro col calciomercato. Prendiamo una punta da 20 gol (se la troviamo) una giovane ala forte ed un centrocampista di livello visto che Miglietta non sembra garantire la tenuta fisica necessaria.

  • 9 Novembre 2015 in 12:30
    Permalink

    Direttore mi spiace ma sono totalmente d’accordo con velenoso, il parma del ultimi 45 giorni sembra essere una squadra che deve salvarsi piuttosto che la prima della classe, quando poi dice che ieri il parma nel secondo tempo ha giocato, mi scappa da ridere. Sa quanti tiri in porta su azione abbiamo fatto??? Glielo dico io 1 con Lucarelli che si trovava in area non so per quale motivo…. Se per Lei l’aver giocato bene vuol dire buttare il pallone in mezzo all’aerea sperando che qualcuno lo prenda allora diciamo che abbiamo migliorato. Anche io non sono d’accordo con Grossi per il voto a MUSETTI, infatti gli avrei dato 4. Direttore siamo indecendi ultimamente, le partite ne sono la prova…….non nasondiamoci altrimenti l’altovicentino fa tana libera tutti….

    • 9 Novembre 2015 in 12:55
      Permalink

      Io non ho scritto da nessuna parte che abbiamo giocato bene. Anche perché non ho questa esigenza. Mi basta far dei punti, consapevole del luogo incerto nel quale siamo finiti e che comunque pur essendo il Parma il Parma non è che stiamo giocando con Thuram, Buffon e Cannavaro.

      • 9 Novembre 2015 in 16:12
        Permalink

        D’accordissimo. ..quando all’inizio del campionato tutti dicevano (e vedo che si continua) “Noi siamo il Parma” io puntualizzavo si. . certo siamo il Parma ma di serie D !!!, non siamo qui a giocare col Parma squadra di serie A, e mi sono presa della “poco tifosa..”.
        Basta che usciamo da questa categoria son contenta!!

  • 9 Novembre 2015 in 13:11
    Permalink

    mercoledì c è una altra squadra ostica che mi pare abbia l obbiettivo del pari.
    una vittoria sarebbe non tanto scaccia crisi ma scaccia chi porta solo polemiche.
    forza ragazzi!

  • 9 Novembre 2015 in 13:17
    Permalink

    dai Direttore tranquillo..pubblica il mio ultimo ..nel quale mi son permesso di abbassare i voti ( nemmeno guardati ) della Gazza…
    ..sono per il risultato ..per la politica dei piccoli passi da un punto ..quando non si riesce..x un motivo o per l’altro ..fare passi da tre…
    ..
    ma io dico…e ri ri ri …ripeto…
    chi vorrà vincere il campionato…dovrà venire ad attaccarci o no ?
    dovrà venire a stanare il coniiglio dal buco ..?
    dovrà venire avanti in ..minimo …4/5 uomini ..??
    aspettiamo ..vi aspettiamo…forza…sotto a chi tocca…San Marino..stiamo arrivando…a Rimini..???
    ..poi ..Imolese….vieni avanti che mi scappa da ridere…o vuoi pure tu giocare per il pari ??
    chi manca…l’Altovicentino ???
    ..intanto stai a 4 punti…
    vai a recuperare….a metà settimana…dalla Virtus…
    poi..al 95° ..ne parliamo….sarai ad un punto ??
    aspettaci al ritorno.. il 31 gennaio 2016 ..quarta di ritorno…
    arriviamo ….ci saremo….fatti sotto….sta a te fare la partita…
    noi ti aspettiamo dentro il fortino….( immagino che avremo preso già ..6/7 gol…e saremo belli arrabbiati…ma proprio…inc…i..ma tanto…
    ti assicuro che i vs attaccanti si divertiranno poco…poc bomben…)
    parola di morosky..

  • 9 Novembre 2015 in 13:36
    Permalink

    Che bello……sono tutti tornati a parlare di calcio :))))))

    Comunque non esiste la squadra che gioca sempre bene e nemmeno i

    giocatori sempre perfetti ……così è il calcio …..

  • 9 Novembre 2015 in 13:51
    Permalink

    Il problema è che a Parma si sta verificando quello che temevo,ovvero tutti a giudicare scadente ea lamentarsi della qualità del gioco espresso,proprio perché reduci da più di venti anni di serie a..il pubblico di Parma fa un po’ fatica a calarsi nell attuale realtà a quanto pare. Direttore le chiedo una cosa.. Come mai fino ad ora non siamo riusciti a giocare una partita che è una in serale? Qual è il problema?

    • 9 Novembre 2015 in 14:15
      Permalink

      Il calendario, gli avversari, l’attenzione alle spese…

  • 9 Novembre 2015 in 15:12
    Permalink

    Le spese? Beh ma mercoledi non credo che ci sarà un grandissimo incasso…cavolo,abbiamo il Tardini, ma perchè no lo sfruttiamo a dovere?Le partite infrasettimanali in casa vanno assolutamente fatte in serale, ma stiamo scherzando?Anche per rispetto verso gli abbonati!!!!

    • 9 Novembre 2015 in 15:25
      Permalink

      La squadra avversaria non ha voluto.
      E comunque il primo rispetto per i tifosi, abbonati o meno, è una oculata gestione delle risorse

  • 9 Novembre 2015 in 15:37
    Permalink

    Beh oddio però non riesco a capire una cosa…si parla tanto di progetto ambizioso e potenziale societario enorme e poi stiamo a discutere delle spese da affrontare nel disputare una partita in serale?mah….qualcosa non mi torna

    • 9 Novembre 2015 in 15:51
      Permalink

      C’era chi aveva ambizioni e ci ha portato nel baratro. C’è chi ha ambizioni e proprio x questo cerca di seguire il tracciato

  • 9 Novembre 2015 in 16:09
    Permalink

    Per carità….è giustissimo non sperperare soldi per evitare di fare la fine del gosino lombardo, ma mi sembra eccessivo non giocare una partita la sera per evitare costi aggiuntivi…anche perchè non è che capita così spesso, anzi…poi se ovviamente non hanno voluti quelli del Legnago è un altra storia. Ma se fosse dipeso solo da noi sarei rimasto veramente molto deluso…la cornice di pubblico mercoledi sarà davvero desolante e questo andrà a nuocere anche ai giocatori, sopratutto in un momento delicato come questo…sono cose che bisogna sempre tener presente..è davvero un grande peccato.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI