VIAGGIO IN PROVINCIA, di Luca Savarese / DA LEGNAGO CON FURORE. SALIERI DOCET: PRIMA LA MUSICA, POI LE PAROLE…

(Luca Savarese) – Legnano è vicino a Milano, Legnago, invece, odierno avversario del Parma, è in provincia di Verona. Colori bianco-azzurri. Turno infrasettimanale, e crociati chiamati a rispondere nella cornice del pubblico amico al mezzo passo falso in quel di Carpi ed a trasformare in nuova energia positiva, la rabbia accumulata domenica contro la Virtus Castelfranco. La musica, insomma, dovrà esse diversa, come diversa e, particolarmente aggraziata è stata quella di Antonio Salieri, che a Legnago, nacque nel 1750. Si avvicinò alla musica suonando il violino con il fratello Francesco. Importanti per la sua formazione furono anche le lezioni di clavicembalo che ebbe da un maestro legnaghese. Quando morirono entrambi i genitori, col fratello approdò a Venezia. Qui attirò l’attenzione di un maestro di cappella austriaco, tal Leopold Gassmann, che rimasto colpito dal talento di Salieri, lo portò con sé nella capitale austriaca. antonio salieriA Vienna Leopold lo mise presso la corte di Giuseppe II d’Asburgo e ne curò gli studi musicali ed umanistici. Alla morte di Leopold, Salieri fu nominato dallo stesso imperatore Giuseppe, successore nella cappella e direttore musicale dell’opera italiana a Vienna. Per l’inaugurazione del Nuovo Regio Ducal Teatro, la Scala di Milano, l’imperatrice Maria Teresa d’Austria, gli commissionò l’opera l’Europa riconosciuta. Il 3 agosto del 1778 la Scala, apriva i battenti con questo pezzo. Musica da camera, sacra, musica di opere liriche all’italiana, Salieri non si fermava davvero più. Verso la fine della sua esistenza divenne cieco. Ebbe una vivida rivalità con Mozart. Secondo alcune interpretazioni quest’ultimo fu condotto alla morte da Salieri, il quale sempre secondo alcuni, al tramonto dei suoi giorni si sarebbe autoaccusato della fine del genio austriaco. Schubert, allievo di Salieri, alla morte del maestro di Legnago, diresse il Requiem in Do minore, scritto dallo stesso Salieri qualche tempo prima. Salieri soleva dire prima delle parole, occorre la musica. Diede alla musica un respiro internazionale, e rese celebre la piccola Legnago. Oggi il Parma, contro il Legnago, non che deve essere un musicista, ma ricordarsi che la sua musica umile e forte, rispettosa e lucida, è una colonna sonora che non può mancare. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI VIAGGIO IN PROVINCIA, di Luca Savarese

1^ puntata: Arzignano (06.09.2015)

2^ puntata: Villafranca (13.09.2015)

3^ puntata: Borgo San Lorenzo (16.09.2015)

4^ puntata: Valdagno (20.09.2015)

5^ puntata: Budrio-Mezzolara (27.09.2015)

6^ puntata: Correggio (04.10.2015)

7^ puntata: Chioggia Sottomarina (11.10.2015)

8^ puntata: Cervia Milano Marittima (15.10.2015)

9^ puntata: Forlì (18.10.2015)

10^ puntata: Brescello (25.10.2015)

11^ puntata: Romagna (01.11.2015)

12^ puntata: Carpi (08.11.2015)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “VIAGGIO IN PROVINCIA, di Luca Savarese / DA LEGNAGO CON FURORE. SALIERI DOCET: PRIMA LA MUSICA, POI LE PAROLE…

  • 11 Novembre 2015 in 13:22
    Permalink

    è proprio il caso di dirlo: suoniamoli!

I commenti sono chiusi.