CALCIO & CALCIO PIU’ / PROTAGONISTA IL SETTORE GIOVANILE. SIMONE BARONE: “QUI C’E’ TUTTO PER UN GRANDE FUTURO”. CASO AMAURI: I PUNTI DI VISTA DI BONI, ANGELLA E MAJO

simone barone a calcio e calcio più(Evaristo Cipriani) – MISTER CAMPIONE DEL MONDO – Il Settore Giovanile del Parma Calcio 1913 al centro dell’attenzione della 15esima puntata di Calcio & Calcio Più (clicca qui per vedere la web registrazione a cura di Alex Bocelli) ieri sera su Teleducato. Il conduttore Michele Angella lo aveva promesso a inizio stagione: “Non ci occuperemo solo della prima squadra, ma daremo spazio anche al vivaio gialloblu e alla neonata squadra femminile”. Così è stato in alcune puntate precedenti e anche ieri sera ed è un vero peccato che a breve la storica emittente di via Barilli cessi le trasmissioni perché ci sarebbero potuti essere in calendario altri appuntamenti interessanti di questo tipo. In studio c’era l’allenatore della Juniores Simone Barone coinvolto nel progetto da Fausto Pizzi dopo due anni e mezzo nel settore giovanile del Modena. A dialogare con l’ex centrocampista di Parma, Torino, lorenzo favaPalermo e Nazionale c’erano il Saltimbanco Enrico Boni, Nicolò Fabris di parmafanzine.it e Lorenzo Fava che abbiamo scoperto essere un mister in erba, visto che ha da poco intrapreso l’esperienza di assistente allenatore nella “cantera” dell’Inter Club.  “Non sono affatto pentito di aver declinato offerte per allenare in Lega Pro o nelle giovanili di società professionistiche: sono orgoglioso di essere tornato a casa perchè Parma e il Parma sono casa mia”, ha affermato Barone, aggiungendo di sentirsi partecipe di un grande progetto: “Qui c’è tutto per costruire un grande futuro e la cosa fondamentale è il potersi allenare tutti a Collecchio”. Ancora Barone: “Tra i tecnici c’è una collaborazione molto costruttiva, il clima che si è venuto a creare è molto stimolante”. Il campione del mondo 2006 ha rivelato di non avere un tecnico di riferimento, pur avendo lavorato agli ordini di grandi allenatore, quali ad esempio Prandelli, Guidolin o Lippi. “Non so se sarò per sempre un allenatore da calcio giovanile e o se tenterò prima o poi l’esperienza in una Prima Squadra, per ora penso a lavorare giorno per giorno sul campo, non guardando solo ai risultati e alle classifiche, ma cercando di svolgere anche un ruolo di educatore”.


michele angellaMERCATO TIME –
Non è mancata durante la diretta una finestra sul mercato. Lo studio si è detto pressoché concorde sul fatto che Melandri debba essere trattenuto. Fabris: “Credo che il giocatore non pensi a lasciare Parma, per lui sono arrivate offerte anche dalla Lega pro, è la società ora a stabilire cosa voler fare con lui”. Boni si è concentrato ancora sul nome di Amauri per il prossimo giugno: “Mi sono lasciato crescere i baffi – ha detto il popolare opinionista in apertura di programma – perché a me certe reazioni alla mia enrico bonibomba di Amauri lanciata lunedì sera, fanno un baffo…”. Secondo “la macchietta” di Sant’Ilario d’Enza quella di Amauri è tutt’altro che una bufala e ha spiegato perché: “Il nome di Amauri è stato fatto al vicepresidente Ferrari da un investitore della cosiddetta Newco2: si tratta di un imprenditore molto amico di Amauri e al quale il giocatore ha confidato che verrebbe molto volentieri a chiudere la carriera a Parma, poi che Amauri venga e che chi nel Parma fa mercato possa condurre questa operazione è un altro discorso, però il nome di Amauri è circolato in società”. Un rumor che ha fatto discutere: “La trasmissione può piacere o meno, a qualcuno può piacere o meno che si parli di mercato in un certo modo, ma vi assicuro che non abbiamo bisogno di agitare nessun polverone pur di fare ascolti, soprattutto a pochi giorni dalla chiusura dell’emittente, questa è un’accusa che rispedisco seccamente a chi l’ha formulata”, ha tenuto a precisare questa mattina, da noi contattato, il conduttore Michele Angella. Evaristo Cipriani

(gmajo) – Prendo atto dei chiarimenti di Angella & Boni sull’affaire Amauri e li ringrazio per aver svelato la fonte del loro presunto scoop: resto della mia idea, però, che di bufala si tratta, perché se ognuno dei 500 soci di Parma Partecipazioni Calcistiche proponesse al vice presidente di prendere questo o quel calciatore – e lui li accontentasse – torneremmo a fare la pesca a strascico, della quale, immagino, nessuno abbia nostalgia… Né sono sufficienti i desiderata di un socio di PPC espressi confidenzialmente al Vice Presidente del Parma Calcio 1913 per poter asserire che della ipotesi si è parlato in società.
Ribadisco: il mercato al Parma Calcio 1913 lo fa chi, del management, ha ricevuto questa tipologia di incarico e cioè il responsabile dell’area tecnica Lorenzo Minotti e il direttore sportivo Andrea Galassi, che riferiscono direttamente al presidente Nevio Scala. E non mi risulta affatto che costoro siano orientati a valutare l’acquisto di Amauri, così come il Vice Presidente Marco Ferrari non attua alcun tipo d’ingerenza sulla componente sportiva, libera di fare, nel rispetto del budget concordato, il mercato che crede.
Così come ogni giornalista o assimilato, per carità, è liberissimo di prendersi cura come meglio crede della propria credibilità, della propria immagine o dell’audience del proprio prodotto al di là, purtroppo, della ravvicinata data di scadenza, evitando, però, di creare turbative inventandosi presunti mal di pancia o spifferi mercatali in entrata e in uscita senza né capo né coda di tesserati del Parma Calcio 1913.

CALCIO & CALCIO PIU’ / Il video della 15^ puntata del talk show di Teleducato con guest star Simone Barone – Web registrazione a cura di Alex Bocelli


Edit

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

30 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / PROTAGONISTA IL SETTORE GIOVANILE. SIMONE BARONE: “QUI C’E’ TUTTO PER UN GRANDE FUTURO”. CASO AMAURI: I PUNTI DI VISTA DI BONI, ANGELLA E MAJO

  • 11 Dicembre 2015 in 16:41
    Permalink

    Praticamente Boni ha ammesso che si trattava di una “bonata”. Strano, no?

      • 11 Dicembre 2015 in 18:14
        Permalink

        A me pare aver parzialmente ritrattato dopo la sparata della scorsa volta.

        • 11 Dicembre 2015 in 18:39
          Permalink

          Lui nei fatti, forse inconsapevolmente, ha ritrattato, però se lui sostiene che la sua non sia una bufala penso sia fuori strada avendo lui stesso offerto le prove provate che di bufala si trattava.

          L’unica cosa bella è che con quei barbis sta bene. Secondo me non glieli farebbe tagliare neppure Davide…

  • 11 Dicembre 2015 in 16:54
    Permalink

    Secondo me è una bufala perché sarebbe un’operazione sanguinosa a livello di lega pro e la nuova proprietà segue ben altri principi, dopodiché per vincere in lega pro secondo me potrebbero restare una decina di giocatori a cui aggiungere un portiere di esperienza da affiancare a Zommers e due giocatori per reparto forse tre in difesa, e la squadra è fatta, anche perché i campionati si vincono anche con una società forte e organizzata alle spalle e su questo Parma 1913 in lega pro nn avrebbe rivali
    Ps. Detto questo però un bel colpo in avanti sarebbe comunque gradito XD

    • 11 Dicembre 2015 in 17:06
      Permalink

      Dicesi “bufala” una invenzione giornalistica senza né capo né coda.

      Il fatto che si tratterebbe – come dice lei e io condivido – di una operazione sanguinosa non c’entra col fatto che l’ipotesi Amauri resta una bufala… Ancor di più dopo la spiegazione di ieri sera offerta da Boni: perché se un socio di PPC ha detto a Ferrari che Amauri vorrebbe Parma e che il VP, cortesemente risponda, tagliando corto, che lo avrebbe riferito a chi si occupa di mercato è ben diverso dall’asserire, come Boni aveva fatto lunedì, che il Vice Presidente Ferrari si stava occupando personalmente dell’operazione.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 11 Dicembre 2015 in 18:18
    Permalink

    Fosse un giornalista serio la fonte non la svelerebbe neppure sotto tortura..
    Se poi la trasmissione la fanno su una cosa cosi posso dar materiale per fare tante altre puntate

  • 11 Dicembre 2015 in 18:43
    Permalink

    Eppure io ho lo strano presentimento che il colpo in attacco arriverà da Cesena, un Succi oppure Djuric ad esempio, non so ma la presenza a Parma di Minotti e Galassi mi porta in quella direzione

  • 11 Dicembre 2015 in 19:09
    Permalink

    Al per Hitler con chi barbis li!

    • 12 Dicembre 2015 in 19:57
      Permalink

      L’ho pensato anch’io! !!!!

  • 11 Dicembre 2015 in 19:33
    Permalink

    In questo mercato non bisogna pescare bensì in quello dei professionisti perché noi dobbiamo costruire per il prossimo anno una squadra per vincere il campionato.
    Se sei in D e vuoi vincere devi pescare giocatori bravi di serie D
    Se sei in C e vuoi vincere devi pescare giocatori bravi di serie C
    Se sei in B e vuoi vincere devi pescare giocatori bravi di serie B

  • 11 Dicembre 2015 in 20:06
    Permalink

    ribadisco..e piu facile che arrivi gilardino che amauri..visto che lo stesso questa estate prima di firmare per il palermo e’ stato molto ma molto ma molto vicino al parma

    • 11 Dicembre 2015 in 20:36
      Permalink

      Ribadisco a Lei e a tutta PPC: cercate di fare gioco di squadra tenendovi le cose per voi anziché fare gli esibizionisti o i fenomeni che dicono “io lo so” o “io lo sapevo”. Il Parma Calcio ha bisogno di gente riservata, non di gente che spiattelli le proprie cose ai quattro venti.

      • 12 Dicembre 2015 in 08:33
        Permalink

        Direttore..la cosa di Gilardino non c’entra niente con la mia partecipazione PPC..si ricordi che parma é piccola …

        • 12 Dicembre 2015 in 09:40
          Permalink

          Indubbiamente Parma è piccola, però cerchiamo di non renderla più piccina ancora. E in questo si deve impegnare anche – e soprattutto – ognuno dei soci di PPC, evitando di creare problematiche come quella del recente caso Amauri. Insomma: sarebbe bene che ognuno se ne stesse al proprio posto…

    • 12 Dicembre 2015 in 00:10
      Permalink

      Lorenzo a me è giunta voce che arriva Messi.
      Pensa un po’
      Datti una sciacquata in viso
      Eviterai di dire cazzate
      Eviterai un TSO d’ufficio.

      • 12 Dicembre 2015 in 07:40
        Permalink

        No, non ha detto una cazzata, non è quello il problema. Il problema è il comportamento esibizionista di qualche esponente di newco2 che dovrebbe lasciar lì di blaterare. Far parte di una squadra significa non vantarsi dei presunti segreti e spiattellarli ai quattro venti, ma saper mantenere il riserbo, avendo il buon senso di capire che metter 500 euro in ppc non vuol dire esser soci di Barilla…

        • 12 Dicembre 2015 in 08:37
          Permalink

          Direttore ..mi sa che non ha letto le mie parole HO DETTO CHE E’ PIU FACILE CHE VENGA GILARDINO CHE AMAURI..ed era chiaramente una provocazione…e mi riferivo ad una trattativa fatta questa estate in toscana…non ho mai detto di essere socio uguale a barilla..ci mancherebbe altro anche perché come ben sa noi non facciamo GIUSTAMENTE calcio mercato..io ho messo 500 euro punto..soldi a fondo perduto e spero presto di metterne altri di solti..sa perché PERCHE WEAREPARMA..sono soldi che non mi frutteranno niente ma ho l’onore di essere socio piccolo piccolo della squadra della mia città…e AL CONTRARIO DI ALTRA GENTE io non critico la società..e per me quel che verrà verrà..parma per me e una citta tra serie b e lega pro…perché quello era il parma di ceresini quando io inizia ad andare allo stadio facendo il raccattapalle….

          • 12 Dicembre 2015 in 08:44
            Permalink

            dimenticavo..ho la fortuna di conoscere bene un parente di una famiglia dei soci di maggioranza che ho portato anche con me in trasferta..e siccome rispetto i ruoli a lui non ho mai chiesto niente che riguarda la società sa perché ?perché ognuno di noi deve fare il proprio ruolo…e i giornalisti dovrebbero mettere meno zizzania..cosa che invece sta facendo boni…..prima pera..poi miftah.ora amauri uno che spara tanto per sparare..quando manco viene a vedere gli allenamenti…meno malc che c’e’ monittti e galassi e scala.

          • 12 Dicembre 2015 in 09:54
            Permalink

            Io, nei giorni scorsi, mi sono scagliato verso Angella e Boni perché d’accordo lo spettacolo e la legge dell’audience, però non si può sempre far finta di niente e far passare sotto silenzio corbellerie senza fondamento (dai mal di pancia a certi rumors di mercato). Quindi, una volta tanto, mi sono preso la libertà di esprimere pubblicamente una opinione personale su un certo tipo di giornalismo che reputo stantio e sostanzialmente non corretto. Ma il discorso privatamente lo facevo già l’anno scorso quando prendevo parte attiva alla trasmissione. Io, infatti, che sono molto attento alla mia credibilità – unico patrimonio che mi era rimasto e che avevo tenuto ben stretto nei miei sei anni di esilio dal Parma – trovo che sia controproducente sparare in continuazione “al lupo al lupo”, perché a furia di diffondere rumors è vero che ci si può azzeccare, ma molto più spesso si può sbagliare. E’ vero che il calciomercato è l’oppio dei popoli e la gente, purtroppo “drogata” da anni con questa tipologia di prodotto, si beve tutto, personalmente, però, per anni ho cercato di fare giornalismo diverso, raccogliendo lo stesso un certo successo. Ecco, mi piacerebbe che in questo Nuovo Inizio ci fosse la maturità giornalistica di superare schemi antichi e a mio modo di vedere superati. Poi, come scrivevo ieri, ognuno è libero di far quel che vuole, ma non si offendano, poi, se qualcuno dice che il re è nudo e cioè che Lauria non ha mai avuto il mal di pancia, Guazzo non è mai stato sul mercato; il Bari di Nicola non ha mai chiesto Baraye; Ferrari non ha mai trattato Amauri, etc. etc.
            A proposito di quest’ultima chicca: come vedete, nelle ultime ore, ho spostato l’attenzione dai giornalisti che hanno diffuso la bufala a chi l’ha provocata, cioè il socio di newco2 (o sponsor) che, in modo improvvido, ha spifferato – sì che arrivasse sino ai ghiotti cronisti – la sua pazza idea. Se questi oltre ad evitare sponsorizzazioni, avesse evitato anche di vantarsene, non ci sarebbe stato quest’ultimo tormentone…
            Cordialmente
            Gmajo

          • 12 Dicembre 2015 in 09:43
            Permalink

            E’ proprio questo il punto: ogni singolo socio di PPC dovrebbe astenersi dal fare calciomercato. La “sponsorizzazione” di un Amauri o di un Prestia, solo perché amici, al di là del valore di ognuno, non dovrebbe essere portata avanti proprio per il rispetto dei ruoli.

            Per quanto concerne la collocazione del Parma è vero che ai nostri tempi era tra B e C, ma, dopo 25 anni di serie A l’auspicio è di tornarci, con la differenza, però, rispetto a prima, di una maggiore attenzione alla gestione virtuosa…

  • 12 Dicembre 2015 in 00:14
    Permalink

    Io ho fiducia in questa società.
    Lasciateli fare, sanno quello che fanno.
    Finora hanno fatto benissimo.
    Meritano rispetto
    Son certo non ci deluderanno mai.
    Lasciateli fare e abbiate fiducia
    GARANTISCO PER LORO.

    • 12 Dicembre 2015 in 10:54
      Permalink

      Bravo …esta mas claro que el agua…..y punto

  • 12 Dicembre 2015 in 09:57
    Permalink

    Direttore io non ho sponsorizzato ne Amauri ne Prestia…io ho detto che per assurdo e piu facile che venga gilardino che amauri..per n. motivi che io e lei sappiamo..punto..poi gilardino ha un 3 anni con il palermo..i giocatori li scegli la società…gli azionisti e i piccoli soci al massimo mettono due euro …ognugno al suo posto..il mister fa il mister..il ds fa il ds e ll’a.s. fa l’adetto stampa..e i giornalisti fanno i giornalisti ..criticando analizzando ma non facendo polemiche quando queste nn ci sono (vedi guazzo,,baraye etc etc) per la seire a..guardi io spero di tornarci domani…ma dobbiamo essere realisti il 3/8 questa società non c’era…abbiamo fatto un passo…abbiamo messo un mattoncino..prima di arrivare al tetto ci vuole tempo e pazienza e ..come dice sacchi bus del…la lega pro sara dura ma se la facciamo come penso usando il cervello lo sarà meno..la gente deve guarda a cremona..anni che arvedi mette soldi e sono sempre li…la lega pro per vincerla bisogna arrivare 1..e va usato criterio..dunque per me si fa un anno sabatico e poi il seocndo si spera di…per la a ci vuole programmazione in b..come hanno fatto frosinone carpi e ora crotone…pazienza..ricordandoci sempre da dove siamo partiti..invece di criticare la gente dovrebbe a breve sottoscrivere nuove soci della newco 2..cosi magari ci si da tutti una mano…leggo sempre troppe lamentele..ribadisco ricordi anche lei dove eravamo il 3/8..io all’inizio della stagione c’ero…e so di cosa sto parlando…spero e mi auguro di essere stato chiaro e preciso…tutti uniti..WEAREPARMA…buon viaggio..io la raggiungo domani..

    • 12 Dicembre 2015 in 11:47
      Permalink

      Io ho parlato a nuora (cioè lei) affinché intendesse suocera (cioè chi ha “sponsorizzato” Amauri e Prestia). Cioè, dialogando con Lei – che so essere socio di PPC – ho inteso dire ad altri suoi soci che sarebbe meglio tenessero un atteggiamento differente proprio nell’interesse del bene comune del Parma. Perché se non ci fossero state vanterie o sussurri di chi ha sponsorizzato Amauri, il Saltimbanco o Angella non avrebbero avuto materiale per poter parlare in tv di questa cosa…

      Lei, però, sia pure con mesi di ritardo rispetto ai fatti, è caduto nello stesso errore dello sponsor di Amauri, cioè quello di dire in giro (nel caso specifico scrivendolo qui) che la società ha trattato Gilardino. Bene: se lei lo sa, buon per lei, ma dovrebbe tenerselo per se stesso senza sbandierarlo in giro, se no somiglia a tutti quei fenomeni che san tutto loro, anche perché mettere pubblicamente su piazza operazioni riservate non aiuta di certo la società.

      E le mie critiche in questo senso dovrebbero essere accettate di buon grado da lei e dai suoi soci così come spero che amici e colleghi come Angella e Boni, sia pure da me messi in mezzo (come legittima difesa) non in modo tenero nei giorni scorsi, sappiano accogliere le mie argomentazioni critiche..

      Cordialmente

      Gmajo

      • 12 Dicembre 2015 in 13:51
        Permalink

        ……. y Punto tambien…….

  • 12 Dicembre 2015 in 11:53
    Permalink

    Gentile direttore, bando all’umiltà il Parma sul campo ed in bacheca si è guadagnato i gradi di club di serie A e non da salvezza.
    Poi chi continua con la pantomima della città di provincia che non può vincere perchè non ha tifo audience etc etc… È ora che la finisca perchè il Calcio lo fa chi ha i soldi e li spende bene;la maglia ed i tifosi sono un contorno.
    La mia speranza è che i 7 (e che non sia mai che aumentino di numero lungo la strada….) vedendo la povertà tecnica della A, e la bacheca recentemente riacquisita ci mettano quel qualcosina in più per divertirci tutti assieme

  • 12 Dicembre 2015 in 13:42
    Permalink

    la storia di Amauri pensavo fosse un invenzione di Boni..non che provenisse da PPC….quella di Gilardino in separata sede potrei spiegarla..qua certamente no 🙂

    • 12 Dicembre 2015 in 14:42
      Permalink

      Perché lei pensa che non la conosco? Semplicemente bisognq evitare di mettere in piazza…

I commenti sono chiusi.