IL COLUMNIST / SULLA VIA EMILIA LA GIORNATA DELLE RIMONTE MANCATE

(Luca Russo) – Ieri lungo la Via Emilia evidentemente doveva essere la giornata delle rimonte mancate. Se al Dall’Ara il Bologna a momenti stava per farsi riprendere dall’ex capolista, il Napoli di Sarri in grado di rientrare sul 3-2 e far temere ai felsinei di poterli inchiodare sul pari dopo esser stato a lungo sotto per 3-0, al Tardini il Parma, impegnato nel non complicatissimo match contro il Ravenna, non è stato da meno. Identico lo sviluppo delle due partite, sovrapponibili anche in termini di risultato finale: 3-2 a Bologna, 3-2 a Parma. Se del primo dei due incontri ci importa fin lì, dato che al momento la Serie A ci precede di tre categorie, del secondo ovviamente ci interessa eccome. Chi si aspettava un Parma imparentato con quello ammirato domenica scorsa a Rovigo, non è rimasto deluso. Non dopo il primo tempo, che ha visto i Crociati dominare l’avversario, per la verità venuto al Tardini in assetto da terza categoria (copyright del tecnico ravennate Mosconi) e non da guerriglia urbana come certe trasferte vorrebbero, e dimostrarci, una volta ancora, che nel calcio di oggi non è lo spartito consegnato a una squadra a renderla più o meno intraprendente, ma lo spirito col quale l’orchestra, l’undici in campo lo esegue. E nei primi quarantacinque giri di lancette, la formazione allenata da Apolloni è stata un’orchestra che forse nemmeno quelle dirette da Riccardo Muti. Ma attenzione: prima di lanciarsi in affermazioni del tipo “il Parma del primo tempo è stato fin qui il più convincente della stagione”, bisogna un attimino considerare la forza degli avversari che aveva di fronte. Il Ravenna non ci è parso granché organizzato e provvisto delle qualità necessarie per piazzare qua e là qualche nuvola nel pomeriggio senza rovesci del team gialloblù. E del resto i Crociati lì abbiam visti altrettanto pimpanti e frizzanti anche al cospetto di rivali ben più solide
dei romagnoli. Fatta questa doverosa tara, resta la sensazione che metà del Parma che ci siamo goduti ieri, e cioè quello della prima frazione di gioco, sia davvero troppa roba per tutte le altre formazioni del girone D. Squadra compatta e votata all’attendismo più che all’interventismo (sebbene la disposizione tattica fosse la stessa delle domeniche precedenti, nel corso delle quali, tolto il blitz del Gabrielli, i gialloblù han preferito esibirsi con fare propositivo più che conservativo), distanze tra i reparti minime quanto basta per non farsi schiacciare e garantirsi la possibilità di riproiettarsi in avanti come molle, terminali d’attacco attivi pure in fase di filtro, linea mediana efficace sia in copertura che in cabina di regia e retroguardia impeccabile in qualsiasi situazione di gioco. Per la gioia della tifoseria, divertita, direi anzi entusiasmata da tanta grazia: si può esser belli e regalare sorrisi anche giocando di rimessa, mica solo col calcio ricercato. E il Parma messo a punto per le ripartenze e non per il tiki taka di ‘guardiolana’ concezione, sì che ha rallegrato gli infreddoliti ai limiti dell’ipotermia spettatori ieri presenti all’Ennio. Il 3-0 dell’intervallo ci è sembrato addirittura poco generoso coi Crociati, che alla ricreazione avrebbero potuto arrivarci con un vantaggio se possibile molto più marcato. A proposito di reti: prima della vittoriosa trasferta di Rovigo, il popolare Saltimbanco Enrico Boni si è inventato il caso Guazzo, e Guazzo ha castigato il Delta; poi la simpatica macchietta di Sant’Ilario d’Enza ha dato alla luce il caso Baraye, e ieri Baraye ha messo il sigillo sulla nostra vittoria. A ‘sto punto mi auguro che Enrico dia vita anche ad un caso Russo: così, visto e considerato l’andazzo, magari faccio il 6 al Superenalotto (ma onestamente mi accontenterei anche di un onestissimo 5+1). Detto questo, la ripresa, complice tutto quanto accaduto in precedenza, è stata un lungo e a tratti noioso allenamento. Che il Parma, però, vuoi perché convinto di averla fatta franca, vuoi perché forse un pelino affaticato, stava per riconvertire in partita aperta: le due reti del Ravenna, giunte quando i tre punti ormai già pendevano dalla parte di Corapi e compagnia, ci hanno fatto temere il peggio. Non che il calcio sia pieno di Milan-Liverpool da 3-0 a 3-3 nel giro di soli sei minuti, ma insomma lo spavento è stato grosso. Guai a sedersi a partita in corso di svolgimento (e a toccare la coppa ancor prima di averla vinta). Ci serva da lezione, la rimonta quasi riuscita dei giallorossi: parafrasando il buon Boskov, partita finisce quando arbitra fischia tre volte. Non prima. Lo stesso dicasi per il campionato: ci tranquillizza, e non poco, il fatto di disporre di ben 7 punti di vantaggio sulla seconda, ora di nuovo l’Altovicentino che ha ‘controsorpassato’ il Forlì, ma prima di travestirci da reginetta del girone, sarebbe il caso di avere in mano la corona. Luca Russo

35 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / SULLA VIA EMILIA LA GIORNATA DELLE RIMONTE MANCATE

  • 7 Dicembre 2015 in 07:45
    Permalink

    io sta paura non lho avuta..diciamo la verità..i due gol ce li siamo fatti da soli….tra mani ..e liscio di cacioli…oltretutto in pieno recupero…ci sta che dopo 45 minuti si tirino i remi in barca sopratutto quando sai che di gol ne hai presi fino a quel momento 4 di cui 2 rigori….giusti i cambi…nn troviamo la polemica quando non c’e’ motivo….il secondo tempo é stato un buon defatigante…giusti i cambi…avanti cosi..ora vincere a bellaria e in casa con sammaurese…secondo i miei calcoli chiuderemo a + 8 il girone d’andata…direi un ottimo bottino visto dove eravamo il 3/8

    • 7 Dicembre 2015 in 12:32
      Permalink

      Concordo. Anche nel secondo tempo il Ravenna non ha creato quasi niente E il 3-2 è avvenuto a circa un minuto dalla fine.

  • 7 Dicembre 2015 in 09:49
    Permalink

    Questo ci serva d’ esperienza.Sul 3- 0 dopo 20 minuti per poco non ci facevamo rimontare.Sul 3-0 come il Bologna abbiamo subito pure un palo. Poteva essere goleada invece per poco non pareggiavamo una partita STRAVINTA.
    Primo tempo perfetto 3-0
    Secondo tempo svagato 0-2
    Nel primo tempo concentrati e cinici, una vera
    ARMATA INVINCIBILE
    Nel secondo tempo molli e deconcentrati, una vera
    ARMATA BRANCALEONE

  • 7 Dicembre 2015 in 10:17
    Permalink

    Non si può NON essere d’accordo con Velenoso, almeno questa volta

  • 7 Dicembre 2015 in 11:36
    Permalink

    ma voi siete fuori..scusate mi dite quante parate ha fatto zommers…ma andate a vedere il lentigione..sempre critiche solo critiche..e manco andate allo stadio …veramente e lo dice un oche ha fatto 4 abbonamenti (e ne usa si e no due) ed e socio di questo parma…voi fate passare la voglia di investire!

    • 7 Dicembre 2015 in 12:42
      Permalink

      Ecco, caro Lorenzo, avere acquistato 4 abbonamenti e usarne solo 2 non è un motivo di vanto. La società aveva posto in vendita gli abbonamenti a 25 euro non perché qualcuno ne facesse incetta e poi non li utilizzasse, anche perché se tutti avessero fatto come Lei, in Nord dei 6.000 aventi diritto ce ne sarebbero si e no 3.000 ogni partita (cosa, peraltro, che era il mio timore iniziale, fortunatamente smentito dai fatti).

      Non è una elemosina di 100 euro di cui ha bisogno il Parma Calcio 1913: gli abbonamenti a 25 euro, esattamente al contrario, erano uno sforzo immane della società (una vendita, come la definii all’epoca “sottocosto”) per accontentare il maggior numero di tifosi. Ma averne acquistati in un numero superiore al necessario non è stato certo un bene per la società e per i tifosi.

      E magari tra la gente che fa critiche (lasciamo perdere se a sproposito o meno) magari c’è pure qualcuno di quelli che avrebbero voluto abbonarsi e non hanno potuto perché c’è stato chi, come lei (ed è pure socio di PPC) ha fatto incetta di abbonamenti.

      E poi tralascerei il verbo “investire”, eh…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 7 Dicembre 2015 in 16:31
        Permalink

        Majo una risposta a Lorenzo che condivido in pieno.
        Cose giuste e sacrosante.
        Se fosse una donna mi verrebbe voglia di baciarla
        BRAVO
        CHAPEAU.

      • 7 Dicembre 2015 in 22:59
        Permalink

        In effetti, e lo notammo in molti da subito, correva lo slogan “sosteniamo” il Parma nella campagna abbonamenti e lì per me c’è stato un fraintendimento.. moltI hanno creduto, certo a torto, di sostenere il parma comprando gli abbonamenti. Le colpe sono state di tanti, criminalizzare (verbo un po forte, lo ammetto) qualcuno non è Cmq bello.. My opinion

    • 7 Dicembre 2015 in 16:35
      Permalink

      Però a parti invertite, con noi in quelle del Ravenna, senza alcun dubbio avremmo detto o scritto di una reazione da grande squadra. Siamo comunque il grande Parma, ma per crescere, e farlo in fretta, credo sia indispensabile guardare con attenzione il bicchiere mezzo vuoto piuttosto che quello mezzo pieno…

    • 7 Dicembre 2015 in 19:13
      Permalink

      Non te la prendere, te lo dico amichevolmente, fosse per me i 2 che non usi te li farei mangiare. Speriamo che rivedano la formula l’anno prossimo, per riempire davvero la curva

      • 7 Dicembre 2015 in 19:52
        Permalink

        Gabriele, al di là delle ultime gare, la Curva, comunque, si è riempita. La percentuale di non uso era sensibilmente bassa e comunque ben lontana dalle mie aspettative. Io ero convinto che al massimo ci fossero 3.000 spettatori sempre, invece, finora sono sempre stati di più.

        Però, purtroppo anche per qualche limite nostro, l’offerta “sottocosto” non era stata calibrata in modo ottimale prima del successo ottenuto, andato ben oltre le aspettative. Magari anche senza cattiveria c’era stato chi, pensando di agire a fin di bene, per il bene del Parma, aveva sottoscritto un certo numero di abbonamenti per aiutarci. Però non era quello lo spirito dei 25 euro…

        Cordialmente

        Gmajo

        • 7 Dicembre 2015 in 20:20
          Permalink

          Chi ha preso tre o quattro abbonamenti usandone poi solo uno, pensando con poche decine di euro di aiutare il Parma Calcio 1913 ma non pensando invece che il rubare abbonamenti a chi invece sarebbe entrato tutte e le domeniche a tifare, INDEBOLENDO in questo modo IL DODICESIMO UOMO IN CAMPO che è l’arma in più di questo Parma, è senz’ombra di dubbio, certificato dallUSL’ un ” grammi 4,8″

  • 7 Dicembre 2015 in 14:56
    Permalink

    Egr Adetto stampa…ho preso 4 abbonamenti perche a volte andiamo in 3 a volte in 2 e a volte lo regalo a persone che non sempre possono venire….ah per lei aver messo 500 euro non é un investimento…be..comliment..sa cosa faccio con oggi chiudo con sto sito…visto che si da sempre voce a chi critica un progetto serio ed ambizioso..vedi velenoso e boni…che parlano solo per parlare…io mi sono fatto tutte le trasferte…altro che vederle in casa…il sig velenoso come boni non fa altro che criticare il parma..ma il sig velenoso era come me ad agosto a collecchio a vedere gli allenamenti? era a vedere il colore dell’erba di collecchio?..facile crticare..E ORA DI TIFARE..buon lavoro! a lei a boni e autta la gente che non vede l’ora di dire che gli imprenditori di parma (perche come tale sono) hanno il braccino corto….abbiamo tutti il braccino corto…ma 500 euro poi…non e’ un investimento!saluti a.ds.

    • 7 Dicembre 2015 in 20:51
      Permalink

      Mah, guardi, accetto il suo sfogo, ma mi pare davvero fuori luogo. Qui ognuno è libero di esprimere le proprie idee, e il sig. Velenoso è stato bannato alcune volte e non lesino critiche a Boni quando se le merita. Detto questo: se lei ha fatto 4 abbonamenti e ne usa 2 non ha certo aiutato il Parma. E i 500 euro della quota di partecipazione non credo siano da intendersi un investimento. O lei vuol guadagnare dall’essere socio PPC?

      Saluti

      Gmajo

      • 7 Dicembre 2015 in 21:27
        Permalink

        No Majo lei. mi ha bannato solo una volta non altre.
        Sono l’ unico su questo sito ad essere stato bannato.
        Nessuno c’è riuscito prima di me.
        Lei che è persona calma l’ho fatta schiattare.
        Me ne renda merito.
        HO FATTO UN CAPOLAVORO
        In quanto a coloro che si fanno belli con tre o quattro abbomamenti avendoli rubati ai veri tifosi sento solo pena e disprezzo.

        • 7 Dicembre 2015 in 21:32
          Permalink

          No. L’ho bannata già tre volte. L’ultima a lungo, ma altre due volte anche prima

          • 7 Dicembre 2015 in 22:37
            Permalink

            Allora sono il recordmen?
            Ora capisco perché in certi periodi non venivo pubblicato
            Ora capisco ero bannato ma non lo sapevo.

    • 7 Dicembre 2015 in 22:46
      Permalink

      Cmq chi ha messo 500 € non ha messo poco, almeno per me 500 € sono una cifra. E non mi vergogno di dire che non me li posso permettere, per cui massimo rispetto per chi li ha versati. Non so cosa siano se un investimento o no, saranno andati al Parma suppongo…

      • 7 Dicembre 2015 in 23:48
        Permalink

        Sono andati a Parma Partecipazioni Calcistiche. Ma penso che non sia giusto che qualcuno si allarghi tirano a mano ogni due per tre quell’investimento…

        • 7 Dicembre 2015 in 23:57
          Permalink

          Parlavo in generale, poi non l’avevo sentito prima di ora.. chiedo venia

  • 7 Dicembre 2015 in 15:38
    Permalink

    lorenzo se per te investire è sganciare 100 Euro x abbonamenti + 500 Euro per la quota per un totale di 600 Euro…
    lorenzo…piociòn!!!!!

    • 7 Dicembre 2015 in 15:46
      Permalink

      curiosita tu quanto hai cacciato?..quante trasferte hai fatto?..cosi curiosita sai..perche parlare lo fanno tutti ..fare e un altra cosa…

  • 7 Dicembre 2015 in 16:09
    Permalink

    ma io infatti ho mica detto che ho investito…e andare in trasferta non è tecnicamente investire. E’ spendere soldi x stare vicino alla squadra del cuore.
    Ma se vuoi mi do del pioccione da solo non ho problemi. Anche perchè chi non è pioccione in questa città scagli la prima pietra…non saremmo in D se non avessimo un DNA pioccione, anzi pioccion/retorico.

    • 7 Dicembre 2015 in 16:43
      Permalink

      Sul fatto che non saremmo in D se non avessimo un DNA piocione io mi permetto di dissentire.

      Purtroppo ci troviamo in D per la gestione non virtuosa da parte della vecchia proprietà del Parma FC e anche perché c’è stato chi – e non certo per piocioneria – pur avendo promesso mari e monti per cercare di salvare il salvabile alla fine non ce l’ha fatta al di là di tanta prosopopea…

      Basta rileggersi il cammino dell’esercizio provvisorio per capire come certe illusioni avessero contagiato anche degli insospettabili. Io stesso, pur nella mia frigidità, mi ero a lungo illuso che alla fine il calcio professionistico si sarebbe salvato dopo i versi da gatto che erano stati fatti. E invece siamo finiti in D perché chi voleva salvarci in B non ne aveva, evidentemente, le possibilità, specie se commisurate al buco. Anche se non va mai dimenticato che la bacchetta magica dei Curastars aveva di gran lunga abbassato il debito (pur con dei fisiologici rischi di azioni legali successive).

      L’attuale compagine, invece, aveva battezzato da subito l’impossibilità dell’impresa: e non era certo per una questione di “piocioneria”: per quale motivo avrebbero dovuto sputtanare milioni di euro per saldare debiti non loro? Si potrà imputare alla classe imprenditoriale parmigiana di non aver preso in mano il Parma dopo il crac Parmalat, ma stavolta la parte positiva ha saputo fare sistema (grazie all’ideologo e “collante” Marco Ferrari) dando vita a un interessante e innovativo progetto che non a caso viene visto con favore anche dalla stampa nazionale e internazionale come modello, stavolta sì, virtuoso.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Dicembre 2015 in 16:38
    Permalink

    Ho visto Pera contro di noi.
    Per fortuna non l’abbiamo acquistato.
    Per non essere venuto si mangerà ancora le mani
    Il Parma l’aveva scelto e lui ha rifiutato
    Quel treno non passerà più.
    Si deve rassegnare e segnare con il Delta Rovigo per salvare la categoria.
    Noi non lo rimpiangiamo
    Lui sono certo che invece lo farà.
    Ben gli sta.

  • 7 Dicembre 2015 in 16:42
    Permalink

    Alziamo l’asticella DELLA CONCENTRAZIONE
    Poniamoci nuovi obiettivi.
    Ormai non guardo più chi è dietro di noi.
    Nemmeno se ingaggiassero Messi potrebbero riprenderci.
    Tra noi e le altre squadre c’è UN ABISSO.
    Ora l’obiettivo è riprendere il Piacenza che ha un punto più di noi

  • 7 Dicembre 2015 in 17:04
    Permalink

    Majo come ti dissi alla marcia tardini -casa Leonardi ,ci vedremo
    a Bellaria !

  • 7 Dicembre 2015 in 18:16
    Permalink

    bravo Velenoso , ben detto : il divario con le altre è enorme e il primo posto sarebbe a rischio solo se a Parma scoppia un’epidemia e i giocatori vengon messi tutti in quarantena !!

    • 7 Dicembre 2015 in 20:30
      Permalink

      Il divaro tra noi e le altre è semplicrmente PAUROSO.
      È da fantascienza prima della fine del campionato perdere anche solo.una partita ma dobbiamo giocare SEMPRE CON LA MASSIMA CONVENTRAZIONE perché gli avversari con noi giocano la partita della vita con tanto di SKY e VENDEREBBERO l’anima al diavolo pur di battetci per prime.

      OCCHIO QUINDI AI CALI DI TENSIONE
      OCCHIO AGLI OCCHI DI TIGRE DEGLI AVVERSARI
      OCCHIO AL PARMA IL NOSTRO VERO AVVERSARIO.
      SOLO NOI POTREMMO PERDERE UN CAMPIONATO GIÀ STRAVINTISSIMISSIMISSIMO.

  • 7 Dicembre 2015 in 21:18
    Permalink

    Il Piacenza ha 11 punti di vantaggio sulla seconda

    • 7 Dicembre 2015 in 21:29
      Permalink

      Ma ha un solo punto di vantaggoo su di noi.

      PRENDIAMOLO.

  • 7 Dicembre 2015 in 21:34
    Permalink

    Dottor Davide, un avaro di Reggio Emilia è un piocion (a volte anche dimondi) così come uno di Modena, un avaro di Parma centro è invece un piociò, senza n. Quantomeno io quella “n” non la pronuncio affatto nè sento pronunciarla manco di striscio qui dedlá da l’acqua. A sò un capanò (e miga un capanon). Niente fraseggio ondoso ma secco e duro, spesso scettico ma sempre disincantato. Mi perdoni dottore per questa decisa affermazione di identitá. Va bè, andrò dal Barber…. ma miga da col d’Anedda o ed Giuly, a vag da col ed Boni e Ravanet (indiris?)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI