IL GALLO DI CASTIONE / LA MIA LETTERINA A NEVIO NATALE

image.png

Caro Nevio Natale,
io di letterine non te ne vorrei scrivere perché l’anno scorso il tuo socio lappone non mi ha portato niente di quel che gli ho chiesto per la mia squadra, così mi è venuto il dubbio e quest’anno gli ho scritto su carta vetrata a grana grossa, così se il mio dubbio è vero e se la mia letterina l’ha usata per pulirsi il culo allora quest’anno si ricorderà comunque di me.

Abbiamo passato un anno (sportivo) che tu devi essere il quarto o quinto presidente, che ho perso il conto, ma di quegli altri ho un ricordo sbiadito, non ricordo nemmeno più che faccia hanno, tolto di uno che ha avuto la faccia da culo di affermare anche di recente che ha fatto il bene della squadra, a quello li gli auguro di passare un Natale poco felice, che gli rimorda la coscienza come al suo complice col quale faceva il gatto e la volpe, con Pinocchio che arrossiva da tante bugie che ci han raccontato.

Ma oramai, anche se non vorrei che tornassero a Parma nemmeno in via Burla (che ci sono altri luoghi di residenza lontani), noi abbiamo voltato pagina e siam sicuri che non ci dovremo mica più occupare di leggi sportive e di leggi fallimentari anche se purtroppo gli altri colpevoli son sempre sullo scragnone quello alto e altri tifosi in Italia prenderanno il nostro posto a chiedersi come sia possibile che succedono certe cose e che nessuno se ne accorge prima.

Ma per tornare a noi, caro Nevio, Natale e Capodanno ci porteranno la speranza in un futuro sportivo sereno, che è forse proprio il regalo che ci serve, e ci servirebbe anche per questa nostra disastrata Italia. Che la speranza e l’ottimismo sarebbero importanti ma le delusioni son tante e il futuro è incerto.

Se tu ci regalerai come tutti ci aspettiamo un angolo di ottimismo dal lato sportivo avremo delle domeniche felici, non solo come adesso che vinciamo sempre ma anche nei prossimi anni che sarà più difficile, ma noi speriamo di mantenere questa serenità che, credici, è uno dei nostri ambiziosi traguardi.

image.pngLo spirito che ci anima, caro Nevio Natale, sento che ci accomuna nel bel vivere, nello stare insieme e di cercare di godere ciò che abbiamo, senza consumarci nell’ambizione sfrenata e senza scrupoli che già purtroppo abbiam conosciuto.

La favola di Natale deve andare avanti, i tifosi son come dei bambini quando vanno allo stadio perchè il tifo alla squadra del cuore non conosce malizie e non ammette eccezioni. Per questo, caro Presidente, ci hanno fregato facilmente e per questo, Nevio Scala, hai una grande responsabilità. Non solo a Natale. Il Gallo di Castione

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

MOONTALK #JurassicParm 16^ puntata / Caro NEVIO NATALE ecco la mia letterina…

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “IL GALLO DI CASTIONE / LA MIA LETTERINA A NEVIO NATALE

  • 11 Dicembre 2015 in 20:02
    Permalink

    Non credo che per storia e carattere si rischi con Nevio. Lui è la garanzia massima che nessuno dia fuori di testa come successo negli scorsi anni.

  • 11 Dicembre 2015 in 23:48
    Permalink

    Tutti noi ci fidiamo del Presidente. Non possiamo e non dobbiamo preoccuparci di altro che non sia il divertimento. Prima durante e dopo la partita. Sembra banale ma dopo che uno si è scottato ha paura anche dell’acqua. Ma invece no. Pian pianino spariscono le ombre e torniamo a una serena normalità. Come diceva Cacioli tutti vorrebbero venire a Parma perché si vede un futuro sereno all’orizzonte. Godiamocelo.

  • 11 Dicembre 2015 in 23:59
    Permalink

    Bella letterina.

I commenti sono chiusi.