ITALIA UNICA: “TELEDUCATO DEVE SOPRAVVIVERE”. STASERA MAJO ALLE 21 OSPITE DELL’ULTIMA PUNTATA DI CALCIO & CALCIO

(Comunicato Stampa di Italia Unica) – A breve Teleducato, storica emittente parmigiana, chiuderà i battenti.
Il primo pensiero di Italia Unica va ai dipendenti rimasti, reduci da anni tormentati, nei quali
l’azienda ha dato vita a licenziamenti, tagli, ridimensionamenti. Anni nei quali gli stipendi sono stati
pagati a singhiozzo.
Nonostante questa situazione i lavoratori di Teleducato hanno sempre dimostrato grande
professionalità e senso del dovere. Lavoratori costretti a pagare in prima persona gestioni e scelte
imprenditoriali quanto meno discutibili, oltre che oggetto di una indagine per truffa aggravata ai
danni dello Stato, condotta dalla Procura di Parma in relazione all’ottenimento di contributi pubblici
per l’editoria. A loro va la nostra solidarietà.
L’auspicio di Italia Unica è che l’attività televisiva (che l’attuale proprietà, alla fine dello scorso
ottobre, ha reso noto di volere cessare), possa essere rilevata da un nuovo gruppo e che possa
nascere una nuova Teleducato, oppure possa prendere vita un’emittente in grado di raccogliere la
sua eredità, mantenendo l’occupazione di chi è stato licenziato.
Parma e il suo territorio: il mondo istituzionale, politico, economico, l’opinione pubblica tutta, non
possono restare indifferenti di fronte a questa situazione. Parma non può permettersi di perdere
una voce così importante, voce che negli anni ha garantito pluralismo e presenza costante su fatti
di cronaca, politica, sport.
Se chiude un negozio o una qualsiasi azienda è grave, ma la fine di un organo di informazione è,
per certi aspetti, ancora più grave perchè i media svolgono anche una funzione sociale e culturale.
Lo stato di salute di una comunità dipende anche da quello dei suoi media.
Italia Unica

——-

(gmajo) – Stasera alle 21 su Teleducato andrà in onda l’ultima puntata di Calcio & Calcio, il talk show sportivo curato da Michele Angella con il contributo del “Saltimbanco” Enrico Boni: ho accettato volentieri l’invito del conduttore a prendere parte alla trasmissione perché, dopo aver collaborato assieme per tre stagioni, volevo esser concretamente vicino ai miei ex compagni di viaggio in quello che a tutti gli effetti sembra esser l’epilogo. Ringrazio per la sensibilità la dirigenza del Parma Calcio 1913 che mi ha concesso l’autorizzazione.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

10 pensieri riguardo “ITALIA UNICA: “TELEDUCATO DEVE SOPRAVVIVERE”. STASERA MAJO ALLE 21 OSPITE DELL’ULTIMA PUNTATA DI CALCIO & CALCIO

  • 21 Dicembre 2015 in 19:45
    Permalink

    Italia Unica = Corrado Passera ?

    • 21 Dicembre 2015 in 20:05
      Permalink

      Così pare. Ma al di là della sigla politica quel che conta è il condivisibile contenuto, anche se più che la “sopravvivenza”, che tanto mi ricorda le pagine più infauste recentemente vissute col vecchio Parma, sarebbe meglio un qualcosa di più duraturo. Ma il timore è che non ci sarà né sopravvivenza, né futuro.

  • 21 Dicembre 2015 in 20:20
    Permalink

    Non posso che condividere l’appello. Teleducato è la voce che permette a me di fuori Parma di seguire sempre le notizie riguardanti il Parma Calcio.

  • 21 Dicembre 2015 in 21:00
    Permalink

    stessa cosa è successa per le radio di parma ne è rimasta una sola e gurdacaso radio Parma emittente degli industriali di Parma radio tvparma è rimasta l’unica emittente in città,alla faccia del pluralismo infomativo.

  • 21 Dicembre 2015 in 22:23
    Permalink

    e chi si dovrebbe prendere una tv le cui frequenze, cioè l’unico vero asset, sono in predicato e non è certo che siano confermate dal Ministero? Nessuno, ovviamente. Spiace, ma temo sia la cruda realtà.

  • 21 Dicembre 2015 in 23:03
    Permalink

    In questi anni parma ha subito fallimenti di vario genere, dallo sport al comune fino ad arrivare alle aziende che fanno parte di questa comunitá . Penso sia arrivato il momento di invertire la rotta.

  • 22 Dicembre 2015 in 00:00
    Permalink

    scusi direttore basterebbe affittare una stanza e con una cinepresa amatoriale girare un oretta di trasmissione a costi contenuti sarebbe una cosa a livello atigianale magari solo una puntata a settimana e non due poi il suo sito potrebbe far vedere la registrazione via web secondo me l unica soluzione è usare il web in ogni formae tentativo è anche vero che tra il dire e il fare c è di mezzo il mare e poi ci sarebbe un conflitto di interessi datala sua posizione in seno al parma calcio 1913 com ne approfitto per porgerle gli auguri du buon natale e buon anno grazie

    • 22 Dicembre 2015 in 00:30
      Permalink

      Grazie, ricambio di cuore.
      Il discorso del conflitto di interessi non mi tocca per il semplice fatto che calcio e calcio su stadiotardini.it sono tre anni che va “in onda” in replica sicché non vedo dove sarebbe il problema nel continuare a ospitare web registrazioni eventualmente autoprodotte e magari in sinergia con altri siti…

      • 22 Dicembre 2015 in 00:47
        Permalink

        Majo faccia tutto il possibile affinché calcio e calcio continui ancora in altra sede magari in qualche scantinato
        Ci tenga informato su rumors vari a riguardo.

  • 22 Dicembre 2015 in 00:39
    Permalink

    grazie per la celere rispsta

I commenti sono chiusi.