MINOTTI A BAR SPORT: “SIAMO CONTENTI DI QUELLO CHE ABBIAMO COSTRUITO, QUINDI SUL MERCATO NON FAREMO PRATICAMENTE NULLA” – Fotogallery amatoriale dal backstage

TRASCRIZIONE DELLE DICHIARAZIONI SALIENTI DEL CAPO DELL’AREA TECNICA DEL PARMA CALCIO 1913 LORENZO MINOTTI A BAR SPORT (TV PARMA) – Trascrizione a cura di Vito Aulenti, per Parma Live

“Noi siamo contenti di quello che abbiamo costruito, quindi non faremo praticamente nulla. Continueremo a fare qualche uscita. Questa settimana finisce il mercato tra squadre dilettanti, ma potremmo eventualmente operare coi club professionistici a gennaio. Ferretti messo in preallarme? Assolutamente no. Ci eravamo preoccupati per i possibili lunghi tempi di recupero degli infortunati, ma abbiamo solo fatto delle valutazioni. Cristofoli? Lo avevamo seguito, non lo nego. E’ un giocatore di categoria, ha sempre fatto tanti gol. Siamo andati a vederlo a Piacenza, ma solo per non farci cogliere impreparati. La rosa è ampia e il gruppo unito. Bisogna muovere il meno possibile. Meloni? E’ un altro giocatore di categoria che ci avevano offerto ad agosto, ma ora non c’è niente. In estate avevamo pensato anche a Pera, ma poi la scelta è ricaduta su Longobardi. E’ brutto dirlo, ma a volte sono i procuratori a proporci i giocatori. Mulas? E’ stata una opportunità di mercato, in passato ha impressionato sia me che Galassi. E’ un giocatore importante in prospettiva, potrebbe giocare anche qualche metro più avanti, un po’ come Ricci, per dare equilibrio alla squadra. Offerte per Simonetti? Io telefonate non ne ho ricevute, e comunque lui è uno di quei ragazzi che ci teniamo stretti. Fa specie che una società come il Livorno abbia svincolato lui e Ricci. Sono ragazzi che hanno prospettiva. Melandri in squadre di Lega Pro? Qualche sondaggio è stato fatto da alcuni club, ma non si muoverà assolutamente. Per noi è fondamentale. Ultimamente gli sta pesando un po’ il fatto di non andare in gol, però sta giocando bene”. Trascrizione a cura di Vito Aulenti per Parma Live

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

10 pensieri riguardo “MINOTTI A BAR SPORT: “SIAMO CONTENTI DI QUELLO CHE ABBIAMO COSTRUITO, QUINDI SUL MERCATO NON FAREMO PRATICAMENTE NULLA” – Fotogallery amatoriale dal backstage

  • 15 Dicembre 2015 in 11:36
    Permalink

    Io inizierei a muovermi più che altro per l’anno prossimo…agganciando magari 3 o 4 giocatori di categorie superiori (a questo punto A e B)…magari approfittando della tranquillità per programmare un progetto ad hoc, sfruttando anche da febbraio tutti i fine contratto…non prenderei troppi elementi…gente dalla mentalità vincente, abituata a vincere…pochi ma buoni…sono convinto che con un ottima programmazione e pochi cambiamenti saremmo molto competitivi anche più su…

    d’altronde anche in serie A si vede la differenza tra chi programma e chi tira su a caso…figuriamoci nelle categorie più umili…

    • 15 Dicembre 2015 in 14:55
      Permalink

      Io eviterei i nomi di facciata, le prime donne e in genere tutti quegli elementi che potrebbero stravolgere gli equilibri che han permesso a questo spogliatoio di accamparsi in testa alla classifica del girone fin dalle primissime battute di campionato. Due o tre elementi probabilmente ci serviranno, parlo di un centrale difensivo, di un metronomo e di un ariete dell’area di rigore, ma che non si prenda gente che verrebbe qui a portare scompiglio.

  • 15 Dicembre 2015 in 11:42
    Permalink

    Ottimo Minotti. Squadra che vince non si cambia.

  • 15 Dicembre 2015 in 13:45
    Permalink

    Complimenti Francesca x la tua Eleganza e Stile

    IL tuo Sorriso poi è una cosa Magnifica

  • 15 Dicembre 2015 in 15:37
    Permalink

    L ‘ importante è che prepariate la squadra per vincere il prossimo camppionato di Lega Pro.
    Forza Parma
    Ci fidiamo di voi

  • 15 Dicembre 2015 in 16:13
    Permalink

    Anche secondo me adesso è inutile spender soldi, già son stati buttati quelli di Guazzo.
    Speriamo di continuare cosi in modo che, a differenza dell’anno scorso, ci sarà tutto il tempo per fare la squadra e bisognerà rinforzarsi parecchio

  • 15 Dicembre 2015 in 16:39
    Permalink

    condivido. a marzo si comincerà a pensare a chi.
    spero niente gente bollita tipo Amauri che sportal.it anche ieri indicava prossimo ad arrivare in estate.
    no grazie.
    interessante sarebbe proseguire la linea per ricercare figure tipo zommers che sta facendo benissimo e che secondo me sarebbe pronto fra 18 mesi ad una B tranquillamente.

    • 15 Dicembre 2015 in 16:42
      Permalink

      Quella di Amauri è una roba senza né capo né coda: l’argomento l’ho già ampiamente trattato la scorsa settimana, sicché tirerei giù volentieri la saracinesca sulla cosa. Del resto a Sportal l’ha bofonchiato Boni, che ne è opinionista…

  • 15 Dicembre 2015 in 16:49
    Permalink

    molto bene….
    sarebbe ideale per il bene della squadra e tifosi che non uscissero comunque certe sparate. almeno fino alla fine di un campionato dignitoso di lega pro.
    per me ripeto si deve puntare e ricercare gente come il portierone. senza grandi pretese anche economiche e senza articoloni assurdi. quella li sarà la strada che porterà risultati.

  • 16 Dicembre 2015 in 23:48
    Permalink

    se vogliamo fare una lega pro di vertice bisogna rifare tutta la squadra di quelli attuali solo corapi giorgino e lucarelli possono fare la lega pro da titolari se parliamo di verice se parliamo di centro classifica allora anche altri due o tre ……nella rosa ci potrebbero stare ma non titolari cacioli e baraye e lauria

I commenti sono chiusi.