BEGGIO (ALL. ARZIGNANO): “DI PIU’ NON POTEVAMO FARE, MA IL RISULTATO E’ UN PO’ TROPPO LARGO PER QUELLO CHE E’ STATO L’EFFETTIVO ANDAMENTO DELLA PARTITA” (video)

paolo beggio(Ilaria Mazzoni) – Presentarsi al Tardini, soprattutto oggi, per la prima partita del girone di ritorno, è stato molto difficile per la squadra di Mister Paolo Beggio che ha dovuto affrontare anche l’emozione di giocare in uno scenario come quello del Tardini. Per l’allenatore dell’Arzignano, però, il risultato finale è stato troppo largo a favore del Parma, anche se dà merito ai gialloblù di aver condotto una buona gara e di avere meritato la vittoria finale. Certo, questa era una gara molto difficile per loro, che si presentava come una sorta di mission impossible, ed è altrettanto vero che il loro campionato, volto al raggiungimento della salvezza, non si basava certamente sul risultato di questa domenica.

Nonostante partissero con un pronostico poco favorevole hanno cercato di giocarsela fino in fondo, senza barricarsi in difesa, dando il massimo e cercando di fornire una buona prestazione. Chiediamo quindi al Mister che differenze ha trovato in questo Parma rispetto alla partita dell’andata: egli ci risponde affermando che la formazione che ha avuto oggi come avversaria è molto più amalgamata rispetto a quella affrontata mesi fa. Una squadra, quella del Parma, che gli ha fatto una ottima impressione, sia per quanto riguarda l’impostazione e la trama di gioco sia per quanto riguarda le qualità espresse dal gruppo sul campo.

Nonostante il risultato sfavorevole Mister Beggio si porta a casa la bella emozione di aver calcato il palcoscenico del Tardini, e si dimostra rammaricato dal fatto che una società con la storia del Parma si ritrovi a competere in serie D. Una piazza che, dice, merita di calcare terreni più prestigiosi, ai gialloblù, quindi, l’augurio di poter tornare presto a quei massimi livelli. Ilaria Mazzoni

Il video della conferenza stampa del tecnico dell’ArzignanoChiampo Paolo Beggio dopo la sconfitta 3-0 al Tardini con il Parma Calcio 1913

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “BEGGIO (ALL. ARZIGNANO): “DI PIU’ NON POTEVAMO FARE, MA IL RISULTATO E’ UN PO’ TROPPO LARGO PER QUELLO CHE E’ STATO L’EFFETTIVO ANDAMENTO DELLA PARTITA” (video)

  • 6 Gennaio 2016 in 19:01
    Permalink

    Grazie della sportività. Auguro all’Alto di salvarsi. In fin dei conti rimarrà un po’ nella storia, dato che è stata la prima gara in D.

  • 7 Gennaio 2016 in 09:52
    Permalink

    Nel dopopartita son più lucidi i tecnici di serie d che di serie a

  • 7 Gennaio 2016 in 14:22
    Permalink

    Luca……Arzi..gnano
    ..
    non Alto…
    ..
    quelli dell’Alto si salvano senza il ns augurio …credimi ….

    mi pareva di averlo già commentato….magari ho sognato

I commenti sono chiusi.