IL COLUMNIST / CHE NE DITE DEL 6 FAZIONI?

(Luca Russo) – Più che un’idea, è una pazza idea. Che mi è passata per la testa due giorni fa non casualmente. Un’idea nata dalla nostalgia del calcio d’altri tempi – che in verità quest’anno, sia pure se in una sua versione un pelino depotenziata, stiamo assumendo in dosi massicce – e dalla voglia di riassaporarlo, perché Altovicentino, Lentigione e Correggese ti saziano per un po’, ma poi ritorna la fame: di antiche e mai sopite rivalità, che in quarta serie, vuoi per una ragione, vuoi per l’altra, non sono quasi mai all’ordine del giorno. In tal senso, la Lega Pro è un eden per gli amanti del genere. E i derby o gli incroci tra società ‘imparentate’ tra loro fosse anche alla lontana, costituiscono la regola, non l’eccezione. Vediamo di raggiungerla il prima possibile. Dicevo del calcio di una volta. Un calcio in cui facevano notizia pure i match tra campanili, ducati o contrade, mica solo quelli che avevano come sottofondo la musichetta della Champions. In un momento in cui tutti ambiscono al duello contro i colossi del football europeo e mondiale (ambizione che io stesso coltivo, ma al lume di ciò che ci è successo, l’ho messa nel congelatore), a me è venuto il desiderio diametralmente opposto: ritornare prepotentemente alle sfide di vicinato. Che non saranno globali e commerciali come un quarto di Coppa dei Campioni vistodanonsoquantimiliardiditelespettatori, ma che il loro fascino lo hanno sempre avuto e sempre ce lo avranno: non si è nascosto chissà dove, tocca a noi ritornare a intercettarlo ed apprezzarlo. Ed è così che ho pensato al…6 Fazioni. Un torneo su base rigorosamente locale da disputare a cadenza annuale, magari in estate e in preparazione della stagione che verrà. 6, come da definizione, le fazioni…ehm, le formazioni partecipanti: il nostro Parma, la Reggiana, il Modena, la Cremonese, il Piacenza ed il Bologna. Qualcuno mi ha suggerito pure il Mantova, ma personalmente preferisco tenermi i grigiorossi. Questione di gusti, niente di personale. Non una Coppa dell’Emilia in senso stretto, perché Cremona è in Lombardia, ma…appunto…un 6 Fazioni, tanto per fare il verso al 6 Nazioni del rugby. Incroci di sola andata, per un totale di 5 partite che potrebbero sostituire le consuete amichevoli estive che non sempre si giocano contro avversari di livello significativo e raramente riescono a catturare l’attenzione dei tifosi; in palio la gloria e, perché no, pure qualche soldino, ammesso che gli esperti del caso riescano a trovare il modo per avvicinare sponsor e televisioni locali alla manifestazione e non solo quello per coprirne le spese di realizzazione e gestione. Il seguito non dico di spettatori occasionali, ma di tifosi più e meno organizzati sarebbe assicurato, in my opinion. Taluni, proprio per questa ragione, credono che una proposta del genere difficilmente riscuoterà i consensi di chi poi eventualmente dovrebbe prenderla in considerazione e darne attuazione: si temono problemi di ordine pubblico. Timori comprensibili, ma che non condivido: prima o dopo i conti col passato sarebbe il caso di chiuderli; e con un opportuno lavoro diplomatico, una rassegna siffatta può dare ai supporter che ne sarebbero coinvolti la possibilità di dimostrare che sono in grado di confinare certe rivalità entro il recinto dell’arlia e dello sfottò reciproco, senza che travalichino il limite che separa il tifo sano e genuino da quello becero e violento. È solo una questione di volontà: da parte dei potenziali organizzatori, di rendere praticabile un’idea che ora come ora può apparire perlomeno stravagante; dal lato dei tifosi, di fare in modo che il torneo fili via senza particolari intoppi sul piano della pubblica sicurezza. Prima di Parma-Fortis Juventus, in Curva Nord, a corredo della spettacolare scenografia che ha preceduto la gara coi toscani, è stato esposto uno striscione con su scritto: “Sogniamo confini senza cugini”. Il mio sogno, se permettete, è profondamente diverso: auspico che al di qua dei nostri confini sia pieno di cugini. Perché una rivalità calcistica la considero tale ed effettiva solo quando va in onda sul rettangolo verde. Non proverei particolare soddisfazione nel veder fallire il Bologna, la Reggiana, il Modena o il Piacenza. Ne ricaverei invece tanta se riuscissi a sconfiggere le squadre appena elencate due volte a stagione ogni stagione. Sul campo. Perché è lì che i testa a testa sportivi vanno consumati, non a distanza, nelle aule di un tribunale o altrove. A proposito del 6 Fazioni (che ho avuto modo di ‘promuovere’ anche dagli studi di Moontalk, alla cui redazione va il mio ringraziamento per avermi ospitato – CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA), aggiungo: non dovesse andare in porto, mi auguro che almeno vengano gettate le basi per quel Parma-Reggiana benefico che in passato è stato caldeggiato a più e numerose riprese dal nostro Direttore. Ecco, se non riuscissimo a ottenere il massimo, ci accontenteremmo anche del minimo. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

MOONTALK #JurassicParm 23^ puntata / DIECI PICCOLI PUNTI… E POI NON RIMASE PIU’ NESSUNO (Ospite in studio “il Columnist” Luca Russo)

IL DERBY BENEFICO PARMA-REGGIANA INFIAMMA L’ULTIMA PUNTATA LIVE DI CALCIO&CALCIO ESTATE

IL RILANCIO DEL DERBY BENEFICO / MAJO INTERVISTATO DA TELEDUCATO: “SE SI PUO’ GIOCARE IN SICUREZZA GENOA-PARMA, ED E’ LODEVOLE, ALTRETTANTO VALE PER PARMA-REGGIANA, SE A SCOPO BENEFICO PRO TERREMOTATI. IL CALCIO DIMOSTRI DI ESSERE MATURO. SE LO E’…”

LODEVOLE L’IDEA DELL’AMICHEVOLE COL GENOA DEL 14 AGOSTO PER RICORDARE SPAGNOLO, MA A QUESTO PUNTO BISOGNEREBBE AVERE IL CORAGGIO DI PROGRAMMARE UN DERBY BENEFICO PARMA-REGGIANA…

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / ANTONINI: “SONO FIDUCIOSO CHE I BOYS SOSTENGANO QUESTA IDEA”

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / CHE NE PENSANO I GIOVANI?

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / CICLOSI: “INIZIATIVA LODEVOLISSIMA”

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / IL PARADOSSO CRITICO DEGLI OPINIONISTI DI CALCIO & CALCIO

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / L’INTERVISTA DEL PRESIDENTE BARILLI A STADIOTARDINI.COM RIPRESA DALLA GAZZETTA DI REGGIO

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / LA STAMPA REGGIANA ACCOGLIE CON CURIOSITA’ LA PROPOSTA DI STADIOTARDINI.COM

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / IL PRESIDENTE DELLA REGGIANA NE AVEVA GIA’ PARLATO CON GHIRARDI…

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / BALESTRAZZI: “UN’ UTOPIA CHE FA RIFLETTERE”

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / MAJO AL TG DI TV PARMA: “PER I BOYS POTREBBE ESSERE UNO SPOT A SOSTEGNO DELLA RICHIESTA DI ABOLIZIONE DELLA TESSERA DEL TIFOSO”

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / IL SI (CON RISERVA) DEL CCPC

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / TELEDUCATO HA INTERVISTATO MAJO SULLA SUA PROPOSTA INDECENTE

PAZZA IDEA DERBY BENEFICO / CORRADONE: “LA VEDO DURA, MA PUR DI FARE CASSETTO SAREMMO DISPOSTI A FARE ANCHE QUESTO…”

IL DERBY PARMA-REGGIANA O LA COPPA DELL’EMILIA PRO TERREMOTATI: PERCHE’ NO?

C’E’ TANTA, TANTA VOGLIA DI REGGIO… (3) – MA IL SASSUOLO HA SOSPESO, PER MOTIVI DI ORDINE PUBBLICO, LA VENDITA DEI TAGLIANDI DI TRIBUNA LATERALE INFERIORE RISERVATA AGLI OSPITI

C’E’ TANTA, TANTA VOGLIA DI… REGGIO

24 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / CHE NE DITE DEL 6 FAZIONI?

  • 29 Gennaio 2016 in 18:08
    Permalink

    Più che un 6 fazioni direi un 6 piocioni

  • 29 Gennaio 2016 in 18:08
    Permalink

    Una specie di COPPA DEI BAR.
    Il prossimo anno le incontriamo tutte AMDATA & RITORNO escluso il Bologna quondi sarebbe un torneo inutile.
    Manca solo il Bologma ma per quello se proprio vogliamo una MAZZATA si può fare un’ amichevole.
    Meglio pensare a vincere la LEGA PRO che la COPPA BAR.
    Meglio pensare in grande.

  • 29 Gennaio 2016 in 18:36
    Permalink

    E’ una bella idea che condividerei in pieno se non fosse che purtroppo negli ultimi decenni, per non so quali motivi,(probabilmente legati a questioni di calendari internazionali e sponsor) tornei semi ufficiali di questo tipo sono progressivamente spariti dai radar…mi vengono in mente i tornei anglo italiani che hanno regalato piccole pagine di storia anche a squadre come Cremonese o Brescia, la mitropa cup, il torneo interbritannico (che riempiva Wembley più di un mondiale…) e tanti altri (stanno via via sparendo anche i classici tornei estivi): tutto porta a pensare che ormai abbiano preso del tutto il sopravvento logiche che del romanticismo e degli stadi pieni se ne infischiano, quello che conta è solo che ci sia un bel marchio di automobili o di una linea aerea araba in bella vista (dai teleschermi) per poterci lucrare sopra…Un’altra idea di ancor più semplice realizzazione (mutuata dal rugby) sarebbe la creazione di trofei interni a campionati maggiori, un po’ come Italia e Francia nel sei nazioni si contendono il sentitissimo trofeo Garibaldi, Parma e Bologna avrebbero potuto contendersi tante volte una sorta di coppa emilia, dando così un po’ di arlia a certe partite che, derby o mica derby, se cadono nel momento sbagliato della stagione possono risultare soporifere…

    • 30 Gennaio 2016 in 10:23
      Permalink

      Anche io ho una nostalgia grande così di quei tornei. Purtroppo la logica del business ha annientato quella del calcio fatto ad una certa maniera. Loro credono che una Audi Cup sia più attraente di quella che una volta era la Coppa Angloitaliana: il che corrisponderà pure al vero, forse, ma non sarò di certo io a regalargli un ‘contatto’ in più.

      Comunque, anche il derby benefico sarebbe tant roba. E poi, si deve sempre puntare al massimo per cercare di ottenere perlomeno il minimo. Io spero che alla fine qualcuno prenda in considerazione lo spunto e ne ricavi qualcosa. Vediamo.

  • 29 Gennaio 2016 in 18:56
    Permalink

    Il problema è che rischia comunque di non attirare tanta gente causa il clima torrido che in estate si respira in Pianura Padana (di sera c’è il 60% di umidità e zanzare grandi come jet).

    • 29 Gennaio 2016 in 21:04
      Permalink

      Quindi, di sera, d’estate, si sta a casa in pianura Padana? 😊

      • 30 Gennaio 2016 in 05:05
        Permalink

        No, solamente che non credo attiri tanto pubblico, se pur sia un’ottima idea.

        • 30 Gennaio 2016 in 10:17
          Permalink

          Attira pubblico se la collochi bene in termini di date e orari, e se non si riempie l’estate di altre amichevoli magari giocate contro avversarie più in tiro…

      • 1 Febbraio 2016 in 23:28
        Permalink

        Solitamente si va nei nostri appennini a cercare un po’ di fresco…i più fortunati vanno al mare…Confermo che d’estate dalle ns parti c’è un’umidità che ti stende…

  • 29 Gennaio 2016 in 19:35
    Permalink

    Pazza idea ke canzone della Mitica Patty la Veneziana

    NON farei però solo 6 fazioni direi almeno 8 secondo me

    Bisogna ke partecipano i Virgiliani e gli Estensi

    • 30 Gennaio 2016 in 10:19
      Permalink

      Volendo farlo a 8, con Spal e Mantova il quadro sarebbe realmente completo…

      • 30 Gennaio 2016 in 22:51
        Permalink

        E IL FORLì?
        E L’IMOLA
        E IL RIMINI ?
        E IL CESENA?
        E IL SAN MARINO ?
        E IL CARPI ?
        E IL SASSUOLO ?
        Qui si fanno figli e figliocci vero Luca Russo?
        Se si vuole essere onesti si invitino tutte le 19 squadre che fanno parte delle squadre emiliane
        Invece del campionato, facciamo quel torneo.

        • 1 Febbraio 2016 in 23:29
          Permalink

          Chiamali tu Carpi e Sassuolo…vedrai che vengono subito…..

  • 29 Gennaio 2016 in 20:38
    Permalink

    Io la trovo una bella idea. Non so se fattibile, ma mi piace

  • 30 Gennaio 2016 in 10:19
    Permalink

    L’idea è bella ma credo sia improponibile. Purtroppo per queste partite ci sarebbe bisogno di un numero cospicuo di forze dell’ordine e di steward. Ricordo tanti anni fa che in estate si giocava un’amichevole contro la Regia poi la tradizione andó in fumo perchè succedeva sempre qualche scaramuccia tra i tifosi. Poi qualche anno fa vi ricordate l’amichevole estiva contro la Carrarese? (Gemmellati coi reggiani). Bella Luca l’idea ma temo che finchè l’odio e il campanilismo non resti dentro lo stadio, tra cori e insulti, questa bella idea non potrà mai andare in porto.
    E ti diró di più…. Per l’anno prossimo non sarei neanche così sicuro che ci mettano nel girone con la Reggiana…
    L’anno prox se tutto va come deve andare si formerebbe un girone A della lega pro troppo competitivo e un girone b molto meno. Qualche anno fa divisero i gironi A e B in nord ovest o nord est… Quindi Ale ale oh oh non diamolo per scontato. La Regia l’anno scorso era nel girone B

    • 30 Gennaio 2016 in 14:15
      Permalink

      Io comprendo i timori per eventuali disordini, però non li condivido in tutto e per tutto. Noi tifosi ci lamentiamo continuamente del calcio che “resta sempre uguale a sé stesso, incapace di cambiare e darci un taglio con certe porcherie”, e ci sta; ma noi, noi tifosi intendo, quale contributo offriamo il calcio a che il calcio possa iniziare a cambiare in alcuni dei suoi aspetti? Va bene l’arlia, va bene lo sfottò reciproco, ma se poi questi atteggiamenti sconfinano nella violenza, non facciamo altro che comportarci allo stesso modo, ma ricorrendo ad espressioni diverse, di chi il calcio lo ha portato alla rovina.

      Se il cambiamento non viene generato dal vertice, che parta – o almeno provi a partire – dal basso, dalla base. Le tifoserie, in tal senso, se volessero, potrebbero TANTO…

      • 1 Febbraio 2016 in 23:33
        Permalink

        Se pensiamo alle bottiglie lanciate in campo dalla curva a fine partita qualche tempo fa, il cambiamento che parta dai tifosi mi pare lungi dall’essere dietro l’angolo

  • 30 Gennaio 2016 in 19:10
    Permalink

    Reggiana Cremonese Forli Bologna Mantova Piacenza Modema Cesena Rimini Parma.
    Sbaglio o sono 11 squadre
    Faremo un torneo in estate
    Undici squadre con andatata ritorno farebbero 20 PARTITE quindi giocando ogni 3 giorni sarebbe un torneo che durerebbe due mesi… 20 x3. =60
    Appena terminato il campionato a metà giugno inizieremmo il torneo e lo finiremmo a ferragosto.
    La settimana dopo poi inizierebbe il campionato ufficiile
    E la preparazione!
    LA FACCIAMO DI NOTTE
    E le ferie dei giocatori?
    LE FANNO A NATALE
    Complimenti Russo ha vinto la.medaglia d’oro per la CAZZATA DEL SECOLO.

    • 30 Gennaio 2016 in 21:41
      Permalink

      Velenoso, spero per lei che non sia un atleta che pratica sport a livello agonistico, altrimenti corre il rischio di essere beccato da quelli dell’antidoping: io ho scritto di 6 Fazioni, non 11, per un torneo con partite di sola andata, dunque 5. Un mese sarebbe pure tanto. E se ha un po’ di tempo, si rilegga il mio articolo…con calma e maggiore attenzione.

      • 30 Gennaio 2016 in 22:43
        Permalink

        Luca, CIOE’ ‘?
        “Spero per lei che”….. che significa ?
        Non è che mentre scriveva le è veneuto un
        ” BARBAJACUM ” e ha lasciato la frase a metà…..per motivi tecnici?

  • 30 Gennaio 2016 in 22:39
    Permalink

    Ammettiamo caro Russo che il torneo si faccia e lo vinca il Parma sulla reggiana.
    Fino a qui cui siamo? Bene.
    Alla prima di campionato c’è Reggiana Parma e METTA IL CASO PERDIAMO
    MI SA DIRE COSA SIGNIFICA AVER VINTO QUEL TORNEO?
    e poi gare di sola andata?
    Dai, è meglio una bella amichevole secca con la REGGIANA perché il dente batte sempre dove il dente duole per cui è inutile fare le 6 fazioni, giochiamo andata e ritorno con la Reggiana a mo di coppa è quella la preda che vogliamo
    Due amichevoli toste sentite volute altro che COPPA DEI BAR…

    • 30 Gennaio 2016 in 23:40
      Permalink

      E allora cosa significa fare tutte quelle amichevoli estive? E’ chiaro che si tratterebbe di un torneo di preparazione: se lo vinci, lo avrai fatto contro squadre con le quali c’è rivalita; se lo perdi, fa nulla…tanto, appunto, si tratta di un torneo di preparazione. Però sugli spalti si ritornebbe perlomeno a togliersi lo sfizio di sfottersi a vicenda…vuole mettere?

      • 31 Gennaio 2016 in 14:08
        Permalink

        Infatti le amichevoli valgono come il due di picche.
        Se l’amichevole e tosta serve solo a farti stressare e basta.
        Piuttosto pensiamo a come trasmettere il Parma il prossimo anno con SKY.

  • 31 Gennaio 2016 in 02:30
    Permalink

    Ma quelle tipo Reggiana non sarebbero amichevoli, sarebbero GUERR e visto che la regia la dovremo incontrare 2 volte in campionato incontrarla prima del campionato mi sembra sbagliato. Meglio battera quando ci saranno i punti in palio.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI