LE GIRL CROCIATE PER #IoVadoAGiocareALocri – Da Locri foto e video della giornata del CSI in risposta alle minacce ricevute dallo Sporting Femminile

cristina romanini io gioco a locri(Comunicato Stampa del CSI) – Una Befana carica di emozioni, sorrisi, solidarietà e tanto sport. Un’Epifania, quella vissuta a Locri, all’insegna dello sport che educa ai valori e alla legalità. Piazza dei Martiri si è trasformata per una mattinata nel Villaggio del CSI, in cui piccoli e grandi hanno potuto indossare calzoncini e maglietta, portando nel loro zainetto la buona dose di coraggio e altruismo che ogni sportivo serba nel proprio animo. Un “no” alla paura fortemente voluto dal Centro Sportivo Italiano, con a capo il suo presidente nazionale, Massimo Achini, presente alla mattinata assieme ad oltre 500 bambini. Al suo fianco hanno risposto presente anche il Vescovo di Locri – Gerace, mons. Francesco Oliva e il Sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, che simbolicamente hanno dato il calcio di inizio all’iniziativa. A riaffermare il primato dello Sport, anche dinnanzi alle minacce, le calciatrici dello Sporting Locri: proprio dalla notizia del possibile ritiro della squadra di calcio a 5 femminile reggina, vicecampione nazionale Csi, è partito un #IoVadoAGiocareALocri-3naturale tam tam che ha fatto convogliare nella punta dello Stivale sportivi da tutta la Calabria dal Mezzogiorno e anche da altre zone d’Italia. Chiarissimo il segnale che il Csi ha voluto lanciare: lo sport non chiude mai. Non lascia, semmai raddoppia. Di certo la risposta è stata positivissima, dimostrazione evidente di come lo Sport, seppur in un territorio “difficile”, riesca sempre ad essere un sano vettore di crescita sociale. Locri città aperta … ha respinto al mittente tutti i tentativi di influenzare un mondo, quello sportivo, che da sempre riesce a trarre il meglio dai giovani del Sud Italia. Accanto allo Sporting Locri #IoVadoAGiocareALocri-8tante le esperienze di “Sport Sociale” presenti: dalla Scuola Calcio Etica e Libera “Don Milani” di Gioiosa Ionica all’Aspi Padre Monti di Polistena, che due stagioni fa, anch’essa fu ad un passo dal ritiro da un campionato giovanile per via di atti violenti al suo danni. Fino a giungere alla “Reggio a Colori”, formazione sperimentale con 20 ragazzi di 11 nazionalità diverse, profughi da pochi mesi in Italia. Storie e testimonianze di una cultura sportiva che si fondono con la piazza ed il territorio per testimoniare che lo Sport non può essere mai chiuso per violenza o atti di criminalità organizzata.

#IoVadoAGiocareALocri-7Dichiarazioni:

Giovanni Calabrese: «Davvero una grande iniziativa: grazie al CSI perché, senza esitare, ha pensato e realizzato tutto questo. E la risposta di Locri è la testimonianza di come questo territorio ami lo Sport ed attraverso lo Sport vuole dimostrare tutta la sua voglia di riscatto sociale».

Massimo Achini: «Oggi lo sport ha vinto due volte. Vedere in piazza 500 giovani con le ragazze dello Sporting Locri è stato bellissimo. Ma per noi la partita è solo iniziata: vogliamo sostenere le società sportive della Locride nella quotidianità ricordando #IoVadoAGiocareALocri-2che lo sport rappresenta la più grande occasione per educare i giovani alla vita. Per il CSI essere in frontiera è sempre stato normale e per noi essere qui oggi è stato davvero un onore».

Mons. Francesco Oliva: «La Locride è una terra inclusiva che ha bisogno dello Sport: questa manifestazione ristabilisce l’ordine naturale delle cose. C’è tanta gente per bene che scende in piazza, ci mette la faccia e gioca la partita della quotidianità con i valori della lealtà ed il rispetto delle regole».

Hashtag ufficiale: #IoVadoAGiocareALocri

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL PARMA CALCIO 1913 SOSTIENE #IoVadoAGiocareALocri – Dopo le minacce alle ragazze dello Sporting domani, 6 gennaio, l’Epifania della legalità promossa dal CSI

LA SOLIDARIETA’ DEL PARMA CALCIO 1913 AL LOCRI FEMMINILE / PIZZI: “SPERIAMO CHE POSSANO TORNARE AD ESPRIMERE APPIENO LA PROPRIA PASSIONE, TUTELATI DALLE ISTITUZIONI”

TUTTO IL PARMA CALCIO FEMMINILE URLA LA PROPRIA INDIGNAZIONE PER LE INTIMIDAZIONI SUBITE DALLO SPORTING LOCRI COSTRETTO A CHIUDERE PER DIGNITA’

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

10 pensieri riguardo “LE GIRL CROCIATE PER #IoVadoAGiocareALocri – Da Locri foto e video della giornata del CSI in risposta alle minacce ricevute dallo Sporting Femminile

  • 7 Gennaio 2016 in 00:25
    Permalink

    Bravissimi! W lo sport sano che infonde cultura e legalità!

  • 7 Gennaio 2016 in 14:05
    Permalink

    Tutte manifestazioni solidali, positive, encomiabili …..ma…
    fra 15/20 gg…..quando tutti saranno tornati a casa….
    ..
    premetto che non conosco a fondo la vicenda ma …quando trattasi di malavita organizzata…di politiche del terrore..sporche e minacciose…

    ..quando tutti saranno tornati a casa… e laggiu’ rimarranno solo i / le dirette interessate….Solidarietà e manifestazioni non serviranno a molto…
    ci sono dei mezzi ..sporchi e subdoli….per spargere..paura, terrore…

    tutto dipende da cosa c’è realmente sotto…
    ..
    non credo che il calcio a 5 di Locri….sportivamente parlando..disturbi + di tanto questa o quella cosca….questa o quella attività criminale….( di qualsiasi genere essa si tratti ) ..
    ..
    sotto deve esserci qualcosa di + profondo..importante….che probabilmente coinvolge….cose e persone..situazioni….quindi ..quello della squadra femminile è un ..pretesto…..cosa vuoi che c’entrino queste ragazze …
    ..
    chi è la ..gli interessati ..sapranno ..anzi ne sapranno di +…
    ..
    chi vive in quei climi….
    a contatto con delle realtà ramificate da anni sul territorio…frutto di criminalità ed organizzazioni criminali organizzate….
    ..
    ndrangheta – calabria
    mafia – sicilia
    camorra – campania
    ..
    è costretto…a convivere con queste faccende….nel bene o nel male…
    ..
    non scopro certo l’acqua calda…
    ..
    Saviano ne dovrebbe saper qualcosa credo…
    ..se non erro cambia domicilio location ..abbastanza di frequente…
    e gira con scorta armata …garantitagli dallo Stato…
    ..
    brutte faccende…..
    non da sottacere ma…..difficili da debellare….
    ..
    credo che ne sappiano qualcosa pure i magistrati che lavorano in quei Tribunali….e le forze dell’ordine che devono fare rispettare la legge…
    tra vicoli..droga..racket ..prostituzione e ..malaffare…
    ..
    soluzioni non ne ho….ma non mi si voglia far credere che …una bella manifestazione sportiva-politica…con qualche nome dei vertici sportivi e tanti ragazzi colorati con lo zainetto..possa risolvere queste nefandezze…
    ..una soluzione o due ce l’avrei …ma ..se ne sono andati troppo presto…
    e..tra l’altro ..non è legale….
    mentre invece..i sistemi che adottano laggiu’ …lo sono vero ???
    ..
    l’è dura ragass…

    morosky

    • 7 Gennaio 2016 in 17:38
      Permalink

      Tanta solidarietà alle ragazze che vogliono solo fare sport, però io non voglio nemmeno passare da idiota e credere che il presidente di quella squadra non abbia idea di chi lo minaccia. Non li denuncia, abbassa la testa e buonanotte al campionato.

      • 7 Gennaio 2016 in 18:44
        Permalink

        Come parmacalcio1913, avendo una squadra femminile, abbiamo ritenuto doveroso esprimere solidarietà soprattutto alle atlete. La vicenda non è chiarissima, indubbiamente, ciò non toglie che il sostegno a chi ha dovuto smettere di far sport fosse più che doveroso

  • 7 Gennaio 2016 in 14:13
    Permalink

    ..Luca….Bravissimi! W lo sport sano che infonde cultura e legalità!

    …non essere ingenuo…
    ..
    lo sport..nemmeno negli amatori è pulito ….alla luce del sole..
    ..
    pensa te dove ci sono su …2 soldini…

    sai dov ‘ è rimasto pulito e puro.?????
    ….ai ns. campetti ..tra via Zarotto e Via Torelli…
    sui quali giocano…alternativamente insieme…

    giovani..vecchi…parmigiani..iraniani..algerini..senegalesi…assicuratori…bancari..imbianchini..neri..gialli…rossi…tutti vesti ognuno con la propria maglia…o della nazionale o di un club…o del proprio idolo sportivo…
    Totti..Montero..Dante…Paloschi…Nutella…Ghiro…Gelataio…Robby..
    Assan..Ahmed….Vincent…..nigeriani..marocchini..tunisini…capannoni…fighetti..panciuti e magroni…
    ..
    tutti possono giocare…anche i balordi ..
    nel senso di …poco pratici …coi piedi ..intendo..

    ..e gratis…senza oboli o raccomandazioni….
    ..
    questo si che è ..sport..sano e pulito…

    ..co dit ..??? ..sbaglio ???

    • 7 Gennaio 2016 in 20:38
      Permalink

      Mah, personalmente assistendo per caso a una partitella in un campetto d’estate sulle nostre colline, tra Giovanetti, forse sui 10/11 anni ho sentito con le mie orecchie un papà con al seguito l’altra parte della sua famigliola incitare il figlio in campo con un “dai fermalo, buttalo giù, cazzo e colpisci la gamba, no?”. Per la verità era un termine più forte di “colpisci” , ma
      non sono riuscita a scriverlo (mi sono vergognata per lui). Sono intervenuta (come al solito difficile farmi tacere) e per poco mi mena. Questi sono i campetti dello sport vero? Intendo dire che non si può fare di tutta l’erba un fascio, in nessun caso. Bisogna stare attenti e vigili, le parole a volte sono pietre, non illudiamoci, non esistono realtà da libro cuore, purtroppo, almeno io sono disillusa, gli anni passati a vivere la mia vita cominciano ad essere parecchi ed intorno a me vedo troppo spesso ipocrisia e perbenismo di facciata. Non intendo con questo contestare le partite descritte da Moroni, io di quelle non so nulla. Volevo solo ricordare che la cultura sportiva, come qualsiasi altra cultura, la coltiviamo noi, ogni giorno, col nostro esempio ed il nostro vissuto. Nel nostro piccolo.

  • 7 Gennaio 2016 in 22:01
    Permalink

    Sono semplici partite ..ogni giorno festivo ..che vedono affrontarsi ..etnie ed età agli antipodi…x la voglia di correre è giocare ..senza traguardi ..scudetti..premi…solo la goliardia e gli sfottò di fine gara….che si disputa sempre e cmnq …caldo freddo fango pioggia nebbia neve anche alta mezzo metro….questo è quanto

  • 7 Gennaio 2016 in 22:23
    Permalink

    Sì , spero che anche le parole e gli atteggiamenti (falli, rigori contestati, offese) siano a livello di simpatici sfottò, però permittimi di dubitare di tanto calore umano. Quando si gioca a calcio nessuno vuole perdere e spesso in queste partite si gioca anche contro le proprie frustrazioni settimanali , ma se
    è davvero così bello dovrò venire a vedervi 🙂 mi servirebbe per ricaricare di ottimismo questa mia visione grigia, forse.

  • 8 Gennaio 2016 in 11:38
    Permalink

    .Paola….ai campetti ..non c’è campionato…na volta viciamo noi..l’altra volta vincono gli altri…non cambia nulla… non ci sono arbitri..solo il buon senso…la palla va fuori silo in verticale…in orizontale si va da via Emilia est a via Emilia ovest….fino a quando c’è erba…
    ..
    poi è chiaro che ogni tanto..si chiude qualche vena ..e scoppia la buia…ma viene sedata subito..si chiama la polizia..carabinieri…vigili del fuoco…e si porta subito l’omicida in via burla…
    e gli altri continuano a menare…randellate…a volte ..pure al pallone..
    e poi..finisce a vino birra e tarallucci…
    la domenica successiva…l’omicida…uscita dal carcere..ritorna in campo..pronto x un altra sfida…

  • 8 Gennaio 2016 in 11:39
    Permalink

    errata corrige….solo ……. orizzontale…

I commenti sono chiusi.