MOONTALK #JurassicParm 23^ puntata / DIECI PICCOLI PUNTI… E POI NON RIMASE PIU’ NESSUNO (Ospite in studio “il Columnist” Luca Russo)

(Ilaria Mazzoni) – Come nel celebre romanzo di Agatha Christie anche il Parma ha “fatto fuori” i suoi piccoli dieci indiani costruendo, come fece nel 1939 la scrittrice anglosassone, un vero e proprio capolavoro, un trionfo giallo, per lei, mentre si tinge di gialloblù quello calcistico della nostra squadra. Ospite, in questa nuova puntata del “Moontalk” una faccia, anzi una penna, a voi ben conosciuta: quella di Luca Russo, alias il Columnist di StadioTardini.it. Con lui parleremo di questa formazione che, in pieno rispetto dei pronostici, e della tabella di marcia, giunti a poco più della metà del campionato, ha saputo raccogliere dieci punti di vantaggio sulla seconda.

1 copParma che ha ucciso definitivamente questo campionato? La nostra opinione, dopo essere stati, giustamente, cauti sino a quando non si sono viste in campo garanzie di gioco, è che sì, oramai il campionato è morto. Nemmeno gli avversari, anche quelli che dichiarano il contrario, ci credono più fino in fondo. E voi? Cosa ne pensate? Siete dello 2ucciso il campstesso parere o covate ancora qualche perplessità? O, più semplicemente, per scaramanzia non volete ancora decretare un verdetto finale? Sicuramente la rosa che abbiamo visto sul rettangolo di gioco si è mostrata superiore alla categoria, così come la società, per non parlare della tifoseria che si è dimostrata essere degna di una squadra da zona scudetto; tutti sospinti da una voglia di rivalsa verso quel sistema che ci aveva affondato pochi mesi prima. Sono queste le armi, e lo spirito, giusto per riconquistarci i palcoscenici che più ci addicono.

Ma entriamo nel vivo dell’argomento parlando di quella che è stata la domenica più importante per i crociati; in una bellissima cornice, animata non solo da un bellissimo paesaggio, ma anche da un’altrettanto bella tifoseria, il Parma ha saputo dominare le sue emozioni mostrando un atteggiamento molto attento. Luca Russo definisce la squadra come “intelligente”, anche se forse troppo attendista e corta, ma, giustamente, ha prevalso l’intelligenza tattica con uno schieramento, aggiungiamo noi, accorto e difensivo senza la presenza di punizione corapiun centravanti puro. Mister Apolloni ritorna ad una modalità di gioco che, eccetto quest’anno in cui ha sistematicamente proposto modelli offensivi, gli è sicuramente più consona: un calcio più attento al non prendere goal e a subire il meno possibile. Il match, in questo modo, è riposto nelle mani dei singoli giocatori e, proprio da uno di loro, Corapi, è arrivato un capolavoro balistico su punizione che ha sbloccato il risultato (clicca qui per rivederla DSC00843nel video di ParmaCalcio1913.com). Il secondo nome sul tabellino, poi, è quello di Baraye, ma il goal è in buona parte frutto dell’estro e dell’attenzione a cogliere gli errori difensivi dell’avversario di “Micio” Melandri. Unica sbavatura che si concede il Parma domenica è quella di Cacioli che porta all’assegnazione del calcio di rigore e al conseguente 2 a 1. Un’indecisione che riapre la partita e resuscita un Altovicentino che, con il morale basso, era, oramai, con la testa già negli spogliatoi. Seconda in DSC00845campionato che, comunque, si è dimostrata essere un’ottima squadra, superiore anch’ella a questa categoria (Russo ci suggerisce da media classifica di Lega Pro); una formazione matura, ben sistemata sul rettangolo, molto attenta e compatta. Ha sicuramente dato il massimo fornendo, anche, una buona intensità agonistica. A nostro vedere questo incontro ha fornito un DSC00848buon banco di prova per saggiare e tastare la maturità della rosa ed avere, soprattutto, indicazioni in vista dell’anno prossimo. E, in quest’ottica, andrà certamente ripensata la struttura difensiva del gruppo con l’innesto di almeno un centrale veloce e di affidabilità e di terzini (ovviamente non Under); a proposito di terzini: qualche dilemma sull’acquisto di Agrifogli, a cui non viene data spesso l’opportunità di scendere in campo, preferendogli Saporetti.

4 TABELLA TOP FLOPMa passiamo a quelli che sono stati i top di Domenica: ovviamente al primo posto non potevamo che nominare Corapi, che si è dimostrato essere nettamente il migliore in campo. A causa dell’arretramento della squadra gioca, si, nella stessa posizione di sempre, ma una decina di metri più indietro, ma, in pratica, per lui non cambia nulla, interpretando al meglio tutte le fasi di gioco. Una grande intensità unita ad un gran goal: man of the match. Funziona, alle volte, un po’ a scossoni, ma quando entra in azione è devastante: DSC00842Melandri. Rischia di segnare in più occasioni ed è sua la cavalcata che posiziona Baraye da solo davanti alla porta con una palla che, alla fine, è solo da appoggiare dentro. Molto attento ed abile nello sfruttare le poche sbavature degli avversari. Prestazione eccellente anche per Lucarelli; solitamente preferiamo non inserire nelle classifiche il capitano, perché è ovvio agli occhi di tutti che non centri nulla con la categoria, ma oggi era impossibile non nominarlo. Diventa, infatti, indispensabile nel momento più difficile per i crociati; sul 2 a 1 dimostra tutta la sua personalità prendendosi sulle spalle DSC00844tutta la squadra. Mantiene il gruppo compatto, evitando che i suoi uomini cadano nel panico, e continua a dispensare importanti interventi difensivi. Sono prestazioni del genere che ci fanno pensare che un giocatore, nonché un uomo, come lui servirebbero anche l’anno prossimo. Flop, nonostante la buona prestazione, è stato Cacioli che è incappato, ancora una volta, nel vizietto di procurare rigori, e dunque gol, agli avversari. Poteva costarci caro. A parte quell’episodio c’è, però, da dire che la sua performance è stata molto buona. Oltre a questi Russo è stato impressionato dalla partita di Mazzocchi, che l’ha colpito con una serpentina “degna di Ronaldo”.
5INDAGATIIn questa puntata non potevamo, poi, non parlare del nuovo scandalo indagati: 64 indagati, tra cui nomi molto noti del pallone, a cui sono imputati reati di carattere tributario legati a presunti illeciti escamotage per evadere il fisco. Sicuramente non è lo scandalo più grave che abbia investito il mondo del calcio, ma è certamente la prova di come questo sport abbia assolutamente bisogno di un drastico e radicale cambiamento ai vertici e di nuove regole imposte, DSC00846magari, da un commissario esterno. Solo così si potrà ridare al calcio ed ai suoi tifosi una dignità. Un sistema che va cambiato, perché non si può sempre far finta di nulla e mettere la testa come gli struzzi sotto la sabbia, anche perché, oramai, quella sabbia è diventata marcia. Ovviamente ricordiamo che un’indagine non è sinonimo di verdetto di colpevolezza, perciò non ci riferiamo ai singoli indagati ma solo a questa serie di indagini e scandali che puntualmente martoriano questo sport anno dopo anno.

Ma occupiamoci del prossimo avversario: domenica prossima arriverà al Tardini la squadra di mister Bazzani: il Mezzolara. Formazione che milita in quindicesima posizione con i suoi 24 punti e che ha come punto di forza la coesione. Uomo chiave per loro è sicuramente la leggenda di questa categoria: Nino Cicerchia, classe ’77, una vita tra i dilettanti tra cui nove anni proprio nel Mezzolara. Sicuramente lotterà sino all’ultimo per raggiungere la salvezza di categoria. Per ammissione proprio del loro allenatore il Mezzolara DSC00849si presenterà a Parma con la testa sull’incontro, ma consapevole che la propria salvezza non dipenderà da questo esito, ma, piuttosto, dal match successivo: quello contro il Romagna Centro. Anche per questo ci aspettiamo una squadra che punterà più sul non subire troppo e a non perdere la testa ed incappare in squalifiche. Ricordiamo, comunque, che, nel girone di andata, ci avevano bloccati sullo zero a zero. Il nostro ospite, poi, avverte che, secondo lui, il Mezzolara potrebbe benificiare di un “post sbornia” dei gialloblù (inseguito alla vittoria con DSC00850l’Altovicentino), rendendo, così, la vita più dura ai crociati rispetto ai pronostici. In chiusura non potevamo che approfittare della presenza del nostro ospite per porgergli qualche domanda; ci spiegherà di come è nato il suo amore per il Parma, durante una partita contro il Milan del 1993 in cui,su punizione, andò in rete il grande Asprilla. Rivivremo, poi, i suoi più bei ricordi in gialloblù. Ritagliamo, anche, uno selfie moontalkspazio per ricordarvi della bella idea di Luca Russo, ossia quella di rilanciare le piccole rivalità di territorio, recuperando quelle sfide di campanile che, nel calcio moderno si stanno un p’ perdendo, organizzando un torneo estivo denominato “Sei Fazioni” (come il Sei Nazioni del mondo del rugby) con: Reggio, Modena, Piacenza, Bologna, Mantova e le più belle realtà locali. Aspettiamo i vostri pareri su questa idea, a noi, sicuramente, piace molto! Ilaria Mazzoni

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “MOONTALK” JURASSIC PARM

MOONTALK #Jurassic Parm, 1^ puntata / VIDEO INTERVISTA A GABRIELE MAJO CHE RACCONTA IL SUO RITORNO ALL’UFFICIO STAMPA DEL PARMA CALCIO

MOONTALK #Jurassic Parm, 2^ puntata / Quando il MICIO non c’è i DIFENSORI ballano

MOONTALK #Jurassic Parm, 3^ puntata / CERCASI ATTACCANTE BIOLOGICO (ospite in studio: Simone Occhi)

MOONTALK #Jurassic Parm, 4^ puntata / LA D E’ UN CAMPIONATO DI RIGORE

MOONTALK #Jurassic Parm, 5^ puntata / SERIE D, E’ TUTTO QUI?

MOONTALK #Jurassic Parm, 6^ puntata / OMNIA MUNDA MUNDIS

MOONTALK #JurassicParm, 7^puntata / Baraye e Longobardi come Insigne e Higuain, intervista a Sandro Squeri

MOONTALK #JurassicParm, 8^puntata/ Parma Re D Coppe

MOONTALK #JurassicParm 9^ puntata / Nel piccolo mondo per tornare grandi

MOONTALK #JurassicParm 10^ puntata / Il Parma Biologico è un OGM per la serie D?

MOONTALK #JurassicParm 11^ puntata / Parma merita l’Azzurro

MOONTALK #JurassicParm 12^ puntata / Parma, questo è Art Attack!

MOONTALK #JurassicParm 13^ puntata / Parma: Mercato dei dilettanti o mercato per diletto?

MOONTALK #JurassicParm 14^ puntata / Guazzo scendi dalla croce e diventa delizia per i tifosi crociati

MOONTALK #JurassicParm 15^ puntata / QUESTA E’ BLASFEMIA, QUESTA E’ PAZZIA… QUESTO E’ GUAZZO!

MOONTALK #JurassicParm 16^ puntata / Caro NEVIO NATALE ecco la mia letterina… (con video interventi dal Temporary Store di Via Garibaldi di Gabriele Majo e Luca Russo)

MOONTALK #JurassicParm 17^ puntata / STAR GOALS

MOONTALK #JurassicParm 18^ puntata / CANTO DI NATALE (con l’esclusivo “dietro le quinte” dell’ultima puntata di Calcio & Calcio)

MOONTALK #JurassicParm 19^ puntata / Il pagellino di metà quadrimestre

MOONTALK #JurassicParm 20^ puntata / La befana esiste e si chiama Alessandro

MOONTALK #JurassicParm 21^ puntata / Più Setti, meno crolli

MOONTALK #JurassicParm 22^ puntata / VENI, VIDI, ALTOVICI! (SPERIAMO…)

10 pensieri riguardo “MOONTALK #JurassicParm 23^ puntata / DIECI PICCOLI PUNTI… E POI NON RIMASE PIU’ NESSUNO (Ospite in studio “il Columnist” Luca Russo)

  • 28 Gennaio 2016 in 01:59
    Permalink

    Agrifogli Ricci Simonetta e forse Rodriguez sono gli under, oltre al portiere, su cui puntare.
    E sino a qui non ci sono dubbi. Mi assale invece un dubbio di cui o del quale non si può parlare.
    Il Parma come società dilettantistica non è proprietaria di nessun cartellino. Però sorge il dubbio che abbia già in tasca gli accordi sul prossimo anno e che tali accordi comprendano giocatori che tenterà di valorizzare da qui a fine campionato.
    Quindi ci è il rischio che le scelte dell’allenatore siano condizionate. Certi suoi insistere su determinati giocatori son di difficile spiegazione se poi nellavpartita più importante giocano altri.
    Spero vivamente che la politica dei giovani abbia la meglio da qui alla fine perché quei giovani possiamo vederli crescere. I famosi giocatori di esperienza servono (o dovrebbero servire) per raccattare punti indispensabili.
    I punti indispensabili son sempre meno e auspicò quindi di vedere in campo il futuro.

    • 28 Gennaio 2016 in 10:32
      Permalink

      Adorni non lo valuti positivo? per me complessivamente ha fatto meglio di Adorni, se non ricordo male il regolamento stabilisce una sorta di “prelazione” che favorisce la permanenza dei giocatori nel club in cui militano nei dilettanti nel passaggio tra serie d e lega pro.

      Sono d’accordo sull’utilizzo dei giovani, e tra quelli che vorrei vedere più spesso aggiungo Mazzocchi e una volta raggiunta la matematica Fall che vorrei veder con più attenzione prima di poterlo giudicare

  • 28 Gennaio 2016 in 09:18
    Permalink

    Ringrazio ancora una volta, e stavolta pubblicamente, i ragazzi di Moontalk per avermi offerto ospitalità. Mi complimento con loro per l’ottimo lavoro che svolgono e per il modo in cui sono organizzati. Per una mezzoretta mi è parso di stare in uno studio radiofonico a tutti gli effetti. Potevano anche portarmici con una benda e dirmi che eravamo a RDS: non mi sarei accorto delle eventuali differenze 🙂

    Spero di replicare prestissimo l’esperienza di due sere fa.

    Un caloroso abbraccio ai Moontalk

    • 28 Gennaio 2016 in 10:28
      Permalink

      Grazie a te Luca! a presto! è stato un piacere! magari la prossima puntata la facciamo con in studio anche il nostro direttore 🙂

  • 28 Gennaio 2016 in 09:41
    Permalink

    Il campionato è vinto quando la matematica lo dice e il mister giustamente vuole portare a casa l’obbiettivo prima di dire : faccio giocare i giovani..

    • 29 Gennaio 2016 in 00:07
      Permalink

      Discorso che non fa una grinza. Però esistono anche le tendenze: se in 23 partite non ne abbiamo persa una, è difficile che se ne perdano 3 nelle restanti 15. Poi, si sa, la palla è rotonda, non dire gatto se non ce l’hai nel sacco e tutta quella serie di luoghi comuni che sono tipici del calcio…ma io, ad occhio e croce, la pratica D la considero già vicina alla sua archiviazione. Molto vicina.

      • 29 Gennaio 2016 in 09:38
        Permalink

        Per carità, la forza di questo gruppo induce all’ottimismo, però ricordo che contro Forlì ed imolese meritavano di perdere e con la sammaurese abbiamo evitato la sconfitta solo grazie alla zampata del micio..

  • 28 Gennaio 2016 in 10:25
    Permalink

    ricordo che di under TUTTE le domeniche ne giocano dai 4 ai 6

    co ghe da valuter ancora po a nin so mighe

  • 28 Gennaio 2016 in 12:23
    Permalink

    L’unica partita in cui avevano la testa altrove è stata quella contro la Sammaurese prima della sosta natalizia. Per il resto la concentrazione e la voglia di fare sono sempre stati i nostri 2 punti di forza.

    • 28 Gennaio 2016 in 17:43
      Permalink

      In generale concordo… secondo me anche l’andata con Mezzolara fu giocata malino come testa…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI