UN LUOGO INCERTO di Luca Tegoni / DOPO UN QUARTO DELLA RIPRESA LA PARTITA COL TUTTOCUOIO E’ TERMINATA PER L’INVASIONE DI CAMPO DI MINORENNI…

slide un luogo incerto tuttocuoio(Luca Tegoni) – Le quattro torri di luce artificiale restano spente ma la poca luce naturale coadiuvata dagli spot accesi, collocati in cima alla copertura delle due tribune centrali, sono sufficienti per illuminare il campo da gioco. L’amichevole contro il Tuttocuoio si svolge davanti a nemmeno duecento persone (183 paganti, per esser precisi) perlopiù preoccupate di mantenere ogni parte del corpo ben coperto. Freddo bagnato per tutti anche per gli ultras che si sistemano nell’angolo della Petitot più vicino alla Nord e al campo.

Buone manovre del Parma che tiene bene il campo e si presenta pericolosamente nei pressi dell’area avversaria almeno un paio di volte senza però passare in vantaggio. L’occasione più limpida se la trova, inopinatamente tra i piedi, l’architetto Melandri, che però, solo ed incredulo per il regalo della difesa, si rifiuta di spedire la palla in porta e la alza verso i desolati gradoni deserti della Sud. Un’attenta escursione nei ricordi giovanili di gesti simili mi fa esclamare “Egidio Redivivus” il termine di paragone, per quanto riguarda le nefandezze sotto porta, più conosciuto degli ultimi cinquanta anni. I vecchi cronisti ricordano la zona Cesarini per i goals all’ultimo minuto, le autoreti alla Niccolai e i goals mangiati alla Egidio Calloni…

Il Parma si ripropone ancora in area e dopo pochi minuti uno scambio prolungato dei nostri e intermezzato da deviazioni incomplete dei loro, consentono al pallone di raggiungere il piede desideroso di goal di Lauria che rifila il pallone alla destra del portiere, nei pressi del palo, colpendolo da dentro l’area. Parma in vantaggio, palla a centrocampo e, dopo pochi minuti, Baraye, lanciato in area, palla al piede, scarta ripetutamente il suo avversario senza minimamente pensare di calciare agevolmente in porta, cosicché dopo il terzo dribbling inutile, si arrende all’evidenza e, immagino di controvoglia, tira per fare goal, ma il pallone viene ribattuto da quei tre giocatori avversari sdraiati a terra che facevano barriera per proteggere la loro porta. “E’ rigore quando arbitro fischiare” diceva Vujadin Boskov, e così ci arrendiamo all’idea che il pallone sia stato volontariamente fermato con un arto superiore di un difensore affannato. Si impossessa del pallone senza indugio il protagonista dell’azione, Baraye. Temevo rimanesse posseduto dall’idea che fare goal con un tiro troppo facile e comodo oggi lo facesse inorridire, temevo in un tentativo di tacco o in un cucchiaio o come cavolo si chiamava, invece rinsavisce e, per confermare che, anche se facile, vale sempre uno e non di meno, tira rasoterra forte e angolato alla sinistra del portiere. Due a zero, palla al centro e dopo poco negli spogliatoi.

Non vogliamo fare un campionato di Lega Pro per rimanerci, per cui la conferma che il prossimo anno questa stessa squadra è già in grado di competere con le altre non mi dice niente, già lo sapevo. L’obiettivo del Parma è la vittoria e questo è stato un buon allenamento per migliorare il passo della corsa in gara e la rapidità di esecuzione nella manovra e nella scelta delle giocate. A proposito di passo e rapidità d’esecuzione auguriamoci che Corapi sia stato sostituito solo precauzionalmente (rassicurazioni in proposito sono arrivate dallo stesso Apolloni in conferenza stampa, clicca qui per vedere il video), Miglietta non mi da ancora garanzia sufficiente per dirigere il centrocampo, se pur con il sostegno di Giorgino sempre presente e dinamico sia in copertura sia in proposizione.

INVASIONE DI CAMPO DI MINORENNISegnalo l’ingresso in campo, nel secondo tempo, di Musetti, almeno sulla carta. Dopo circa un quarto d’ora, la partita è finita per l’invasione di campo di minorenni. I nostri hanno comunque giocato bene, coprendo senza subire l’avversario e proponendo alcuni contropiede pericolosi. Uno in particolare, terminato senza che il piede incocciasse il pallone, quando il nostro era a pochi metri dalla porta. Vuoi per la mia posizione in tribuna vuoi per il poco pubblico presente, potevo ascoltare anche le disposizioni tattiche che Apolloni impartiva, con severa fermezza, ai nostri, mostrando, con autorevolezza, una bella determinazione per vincere la gara. Archiviati anolini e cotechini, mercoledì si torna a far sul serio. I tre Magi nemmeno passano di qua Tanto già lo sanno che l’anno prossimo… Luca Tegoni

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO CON I DUE LUCARELLI CHE POSANO PER I FOTOGRAFI E L’INGRESSO DELLE SQUADRE IN CAMPO

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO DOPO IL FISCHIO FINALE CON I CROCIATI CHE SALUTANO I TIFOSI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

18 pensieri riguardo “UN LUOGO INCERTO di Luca Tegoni / DOPO UN QUARTO DELLA RIPRESA LA PARTITA COL TUTTOCUOIO E’ TERMINATA PER L’INVASIONE DI CAMPO DI MINORENNI…

  • 3 Gennaio 2016 in 06:25
    Permalink

    Complimenti L.T. x l’ articolo con parole Sagge

    Vedrai ke Miglietta ti farà cambiare idea

    FORZA PARMA

    • 3 Gennaio 2016 in 11:58
      Permalink

      Lo spero !

      saluti

  • 3 Gennaio 2016 in 12:13
    Permalink

    La partita di ieri è la dimostrazione migliore a chi dice che dobbiamo rivoluzionare la squadra in vista della Lega Pro. Basteranno pochi e mirati innesti.

    • 3 Gennaio 2016 in 15:04
      Permalink

      bravo, prendila come riferimento la partita di ieri che sei sulla strada giusta

      • 3 Gennaio 2016 in 18:43
        Permalink

        concordo con Assioma a ‘sto giro. La partita di ieri ha (forse) solo dimostrato che siamo pronti per mercoledì.

        • 3 Gennaio 2016 in 19:08
          Permalink

          Come noto io cerco di esser sempre concreto e terra terra, pensando all’oggi e non al domani, esercizio contrario rispetto a quello di tanti altri che si,masturbano cerebralmente su lega pro o champions league con un girone da finire…
          È chiaro che non è una amichevole a sancire se il parma sia pronto o meno per la prossima serie c, ma trovo che sia confortante sapere se, come dice lei, il Parma è pronto per mercoledì.
          Cmq è una storia che si ripete: prima dell’inizio del campionato c’erano soloni che pontificavano sulla inadeguatezza delle scelte di Minotti e Galassi pensando avessero preso quattro scalzacani. Adesso che il parma è campione d’inverno con bei numeri a proprio appannaggio gli stessi giocatori da qualcuno sono ritenuti inadeguati per la lega pro. Posto che invito a vivere e magari a godere giorno per giorno, io resto dell’idea che questa squadra si sarebbe cavata notevoli soddisfazioni anche fosse stata ripescata e visto che il gruppo è sano (attenzione a non romperlo magari con innesti non adeguati) penso abbia in sé i prodromi per far bene anche l’anno dopo.

          • 3 Gennaio 2016 in 19:19
            Permalink

            Concordo con lei su quasi tutto: la cosa importante è che il Parma sia pronto per mercoledì; sono contento, come testimonia qualche nostro scambio di battute ad inizio anno (nel quale lei mi invitava a volare basso quando sostenevo che questa squadra avrebbe vinto facilmente il proprio girone) di non aver mai fatto parte della tribù dei detrattori per partito preso; rimango sulla mia, come allora, sostenendo che questa squadra non è da lega Pro, ma vengo dalla sua dicendo chi se ne frega, per il momento.

          • 3 Gennaio 2016 in 19:35
            Permalink

            p.s. Direttore, sono ancora piuttosto giovane, mi dia pure del tu ormai…

          • 4 Gennaio 2016 in 08:34
            Permalink

            coii soloni di cui parli tu ,ci ho discusso, per usare un eufemismo ,questa estate,d’ogni tanto glielo vado a ricordare di cambiare hobby a mansanti e soci

  • 3 Gennaio 2016 in 13:31
    Permalink

    please direttore tre letterine magiche … n d r … per rendermi felice, grazie

    LT

  • 3 Gennaio 2016 in 14:05
    Permalink

    Precisazione per la lettura del testo, la nota ( 183 paganti, per essere precisi), pur gradita, è a cura del direttore così come quella che riguardano le rassicurazioni di Apolloni sulle condizioni di Corapi.
    LT

I commenti sono chiusi.